Page 49

TecnoMedia “Avendo appena costruito un nuovo impianto di produzione, conosco benissimo le difficoltà presentate dai formati di rotativa più tradizionali. Lʼaltezza ridotta e il minore ingombro sono vantaggiosi non solo da un punto di vista strutturale, ma anche per quanto riguarda il controllo ambientale.” Tony Smithson, direttore di produzione di The Courier-Journal, Louisville, Kentucky, USA

Articolo riprodotto con il permesso di Ifra, 2005 Cosa dicono della Goss FPS (commenti da Newspaper Techniques). “Girando la torre di 90 gradi e sfruttando le possibilità che ne risultano, si ottiene una molteplicità di soluzioni eleganti. In Scandinavia, tendiamo verso il tabloid e altri formati ridotti, per cui una rotativa come questa sarebbe unʼottima scelta…” Gunnar Nergaard, direttore tecnico di Faedrelandsvennen, Kristiansand, Norvegia

Chuck Blevins, presidente di Chuck Blevins & Associates, Naples, Florida, USA

FILO DIRETTO

80mila copie lʼora. La nuova rotativa incorporava numerose caratteristiche supplementari derivanti dallʼaffermato modello Goss Colorliner®, tra cui il Goss Digital Inking System, il sistema di preimpostazione e automazione delle rotative Goss per la riduzione degli scarti di avviamento, nonché nuovi comandi per le barre di spruzzatura ad autoapprendimento. La rotativa Goss FPS™ soddisfa le esigenze degli editori che richiedono modelli più compatti, da installare in normali locali industriali, e flessibilità di produzione. Per sopravvivere in un mercato sempre più difficile, gli editori hanno bisogno di ridurre i costi, generare nuove entrate e ottenere di più dagli investimenti. A parte queste caratteristiche supplementari, con il modello FPS a profilo ribassato Goss dimostrerà che è possibile adottare una tipologia di rotative per giornali diversa da quella abituale. Se questo fosse anche lʼunico vantaggio, sarebbe già una ragione sufficiente per seguire con attenzione lo sviluppo della tecnologia Goss FPS.

“Lʼindustria è pronta a cambiare drammaticamente, allontanandosi dalle rotative di dimensioni massicce. Gli editori sono sempre più interessati a posizionare le unità di giuntaggio della bobina perpendicolarmente alle unità di stampa, invece di metterle nel seminterrato per limitare lʼaltezza dellʼedificio, per cui la soluzione Goss arriva proprio al momento giusto.”

49 © Asig Service Srl 2005

TecnoMedia 45  

Rivista dell'ASIG, Associazione Stampatori Italiana Giornali

TecnoMedia 45  

Rivista dell'ASIG, Associazione Stampatori Italiana Giornali

Advertisement