Page 1

AsConAuto www.asconauto.it

anno 16 numero 178 - Aprile 2018

ORGANO UFFICIALE DELL’ ASSOCIAZIONE NAZIONALE CONSORZI CONCESSIONARI AUTO - Mensile di informazione e cultura motoristica

Informa

Stregati dalle auto Il Salone di Ginevra edizione 88 celebra l’hypercar, quella in tiratura limitatissima, quasi un esemplare unico. Super potente e all’estremo del kitsch, realizzata ora non solo più dagli specialisti del tuning ma anche dalle Case Contraffatti

Eventi

Carrozzerie

Fake parts

Brescia vi attende

A regola d’arte

I falsi spopolano. E non solo sotto forma di notizie in Rete, ma anche nei cofani delle auto

Quintegia e AsConAuto danno vita alle prime giornate dedicate solo a voi autoriparatori

Una legge indicherà i criteri da seguire per rimettere veramente a nuovo un veicolo sinistrato


Parliamodi...

Sommario

14 19 9 12 4 6 11 Diretta dai consorzi

Service Day

Diffidate delle imitazioni

Lotta ai ricambi contraffatti

Salone di Ginevra

Supercar solo per pochi

Ci vediamo a Brescia

der nel service. AsConAuto opinion leay.it, che illustraIn un articolo su Mone e Case riguardo va la posizione di alcun ri elettrici (più la riparazione dei motoa l’opinione del semplici) è stata citatBoiani, espressa vicepresidente Giorgio 17, che pavenal Forum Automotive 20chio per mezzo tava l’occupazione a ris milione di addetti.

AsConAuto Informa

www.asconauto.it

Aprile 2018

Riparazioni in carrozzeria

La nuova Area Riservata

Tutto ciò che serve

Asconauto Informa Mensile di informazione dell’Associazione Nazionale Consorzi Concessionari Auto Aut. Trib. di Rimini N. 1 2003

Appuntamenti

A regola d’arte

Volvo XC40, crossover compatto, è ‘Car of the Year 2018’. Ad eleggerla, come da tradizione a pochi giorni dall’apertura del Salone di Ginevra, sono stati 60 giornalisti di 23 Paesi europei. Seconda classificata Seat Ibiza, seguita da Bmw Serie 5. Il marchio svedese entra così per la prima volta nell’albo d’oro delle vincitrici.

Anno 16 - N. 178 - aprile

Apposta per voi

Direttore Responsabile: Giuseppe Guzzardi In redazione: Tiziana Altieri, Roberta Carati, Matthieu Colombo, Enrico Della Negra, Stefano Mecheri, Gianluca Ventura

C’è ancora molta diffidenza nei confronti della guida autonoma, tanto che il 69 per cenei spera che le to dei conducenti europo comunque la ran vetture del futuro off personalmente possibilità di assumerena’. Lo rivela un il controllo ‘alla bisog ato da Mazda a sondaggio commission11mila automoIpsos che ha coinvolto io Continente. bilisti di 11 Paesi del Vecch ancora in cima Un sondaggio che vedeo benzina. Poco alle preferenze diesel amate le elettriche...

Redazione: via Crimea, 7 - 47900 Rimini Tel. 0541 743085 Fax 0541 743640 info@asconauto.it www.asconauto.it

Impaginazione: Studio Grafico Page Novate Milanese (MI) Stampa: Tecnostampa via Casalecchio, 27 47900 - Rimini

AsConAuto INFORMA 3


Fakeparts

Non abbassate la guardia Aumenta il numero di ricambi contraffatti in circolazione, con una ricaduta sulla sicurezza di tutti gli utenti della strada (e non solo). Ecco le regole da seguire per non correre rischi

L

a piaga della contraffazione dei ricambi continua ad affliggere il settore. Nonostante l’impegno della Guardia di Finanza e le pesanti sanzioni previste per chi li immette sul mercato (da 10 a 50mila euro di multa e fino a un anno di reclusione), si stima che solo in Italia il giro di affari valga qualcosa come 120 milioni di euro. Secondo l’Ocsa i contraffatti nel mondo alimenterebbero un business da 16 miliardi di dollari, con una crescita annua intorno al 10 per cento. Ricambi questi che, oltre ad ali-

Utilizzare solo canali ufficiali e riconosciuti per gli acquisti. I consorzi sono una garanzia.

mentare la criminalità e sottrarre soldi alle casse dello Stato, pregiudicano la sicurezza sulle strade mettendo a rischio l’integrità del veicolo, e danneggiano l’ambiente non rispettando alcuna norma anche al momento della loro fabbricazione. Riconoscerli non è facile perché, spesso, anche gli imballaggi sono riprodotti in maniera estremamente fedele, ma ci sono delle ‘buone regole’, indicata da Anfia, da adottare al momento dell’acquisto che possono sicuramente mettere al riparo da ogni rischio. Eccole.

Diffidare delle offerte che trovate su Internet o in televisione. Chi ci sarà dietro? Ricordate che nel caso il ricambio non venga mai recapitato non potrete intentare una causa per ottenere un rimborso, essendo l’oggetto della transazione illegale.

Le diverse forme della contraffazione secondo Anfia • contraffazione totale: il prodotto utilizza lo stesso marchio ed è visivamente simile al prodotto imitato; • contraffazione di marchio: il prodotto può essere del tutto dissimile da quello commercializzato col marchio legale che viene invece riprodotto fedelmente; • contraffazione di omologazione/certificazione: il prodotto riporta certificazioni di qualità e/o omologazioni europee senza che queste siano state realmente ottenute; • contraffazioni di qualità: dichiarazioni di qualità e/o caratteristiche non veritiere; • contraffazione di brevetti: uso dei brevetti; • contraffazione diciture: utilizzo di diciture false (il classico esempio è il ‘Made in Italy’).

4 AsConAuto INFORMA

Aprile 2018


Cautelarsi dal ‘porta a porta’. Quella persona da chi è stata mandata? In caso di problemi come potrete rintracciarla?

Se il ricambio è particolarmente costoso richiedere l’assistenza di un consulente. Aziende e persone serie non avranno difficoltà a fornirvi tutte le informazioni delle quali avete bisogno. L’interlocutore conta!

Tenere sempre conto del rapporto tra il prezzo di mercato e quello offerto. L’eccessivo divario può essere sintomo di contraffazione. Come dicono le nonne, nessuno regala niente…

Non acquistare ricambi costituiti da e/o contenenti componenti elettrici e/o elettronici, se sprovvisti del Marchio CE. Attenzione: molto spesso i prodotti contraffatti provenienti dalla Cina riportano il marchio CE nel significato, però, di ‘China Export’. La sola apposizione di tale marchio, quindi, non può essere garanzia di conformità alle relative norme tecniche.

I più imitati

Tenere ben presente che l’acquisto non consapevole di un prodotto contraffatto equivale a quello di un prodotto non conforme. Sono, quindi, applicabili le norme del Codice del Consumo, che prevedono l’annullamento del contratto con il rimborso del prezzo pagato.

Aprile 2018

Non tutte le linee di ricambio vengono contraffatte allo stesso modo per due principali motivi. Innanzitutto la criminalità si concentra sui prodotti a elevata usura, quelli a maggiore tasso di rotazione all’interno dei magazzini, perché il business è più importante. Ci sono poi prodotti più facili da riprodurre - solo apparentemente - rispetto ad altri, quelli con il minore contenuto tecnologico. Ecco quelli più contraffatti secondo il Gruppo Componenti di Anfia: • sistemi frenanti a disco per auto e motoveicoli e relativi componenti (pastiglie e dischi freno); • cinghie, tenditori, pompe acqua; • fanali, luci targa, segnalatori rimorchio, fari lavoro; • pistoni, cuscinetti motore, pompe acqua; • proiettori, fanali, fari, fendinebbia, motorini d’avviamento, alternatori, ecc.; • candele, candelette, componenti di sistemi d’iniezione benzina e diesel, filtri, spazzole tergicristallo; • cuscinetti, pompa acqua, galoppini tendi cinghia, punterie idrauliche, cuscinetti a rullini; • testine sterzo; • spazzole, frizioni; • copriruota, sportelli carburante, mostrine comando riscaldamento, sigle.

AsConAuto INFORMA 5


SaloneGinevra

Voglia di hypercar L’88esima edizione della kermesse elvetica celebra le auto super esclusive dalle potenze ‘aeronautiche’ FERRARI La più estrema fra le stradali del Cavallino. Si tratta della 488 Pista, spinta da un 3,9 litri V8 biturbo che sprigiona ben 720 Cv a 8.000 giri e fornisce 770 Nm di coppia a 3.000. Il che la fa viaggiare a oltre 340 orari e passare da 0 a 100 in soli 2,85 secondi. Portando il selettore del cambio su ‘race’, salta i rapporti in 30 msec.

ROLLS ROYCE Arriva una versione personalizzata della cabrio Dawn, la Aero Cowling. Che, grazie a una copertura di tonneau asportabile estesa sulla zona dei sedili posteriori, si trasforma in una due posti in stile roadster. La copertura della capote è realizzata in fibra di carbonio e alluminio, mentre sotto il cofano resta il 6,6 litri V12 da 570 Cv.

6 AsConAuto INFORMA

MCLAREN Tributo al mitico Ayrton, la serie limitata (a 500 esemplari) Senna con motore centrale. Nel caso, un 4 litri V8 biturbo da 800 Cv e altrettanti Nm di coppia, abbracciato da una carrozzeria in fibra di carbonio. Costa intorno al milione.

MANSORY propone questa Bugatti Vivere Diamond Edition dalla livrea in carbonio marmorizzato, realizzata per mezzo d’un bagno chimico e zeppa di rifiniture in cristalli Swarovski. La base è una Veyron 16.4, rifatta anche all’interno nel medesimo stile sobrio. Aprile 2018


STARTECH Bentayga, il nuovo Suv di Bentley, passa subito sotto le mani del customizzatore tedesco. Che lo trasforma in un HyperSuv, il 710 widebody da altrettanti Cv erogati dal 6 litri W12 biturbo con 1.070 Nm di coppia. Viaggia fino a 300 orari su cerchi da 23 pollici e passa da zero a 100 in 3,9 secondi. BRABUS La rinnovata Classe G di Mercedes-Benz è la base di questa 550 Adventure 4x42, che promette di arrivare ovunque. Rialzata, ha delle ruote 18 pollici quasi camionistiche (37x12.50) e un V8 da appunto 550 cavalli, imbrigliati a 210 orari.

MANIFATTURA AUTOMOBILI TORINO firma questa riedizione della Lancia Stratos, realizzata però su base della Ferrari 430 opportunamente accorciata. Un ‘body kit’ da 550mila euro più tasse e vettura da elaborare che vuole rinverdire i fasti della Lancia di Munari.

ITALDESIGN Si chiama Pop.Up Next questo veicolo elettrico su base Audi biposto, con modulo quadricottero di Airbus che interviene agganciando l’auto quando è intrappolata nel traffico. Riuscirebbe a volare per 50 chilometri circa prima d’essere ricaricata.

TOURING SUPERLEGGERA Base Maserati Gran Turismo per questa elegantissima coupé retrò battezzata Sciàdipersia. Prodotta in una decina d’esemplari, avrà 405 o 460 Cv, a seconda di quale serie della Gt V8 aspirata si utilizzi. Tutti i pannelli sono però originali made in Milano, dove ha sede l’azienda.

LAMBORGHINI La novità del marchio di Sant’Agata si chiama Huracán Performante Spyder, ed è appunto la versione aperta dell’omonima coupé col V10 da 5,2 litri, pompato di 30 Cv a quota 640 per digerire i 125 chili di sovrappeso. Sfiora i 325 all’ora e ha una capote elettrica in tela. Aprile 2018

SIN CARS porta al debutto la R1 550, un’ibrida plug-in che combina un V8 termico da 6,2 litri e 450 Cv di potenza a un motore elettrico sull’asse anteriore che ne eroga altri 120. Fatta in Uk.

PORSCHE Un classico la 911, qui nella nuova versione Gt3 Rs, bolide da 520 Cv e 470 Nm erogati dal sei cilindri boxer 4 litri aspirato abbinabile solo al cambio automatizzato con doppia frizione. L’asse posteriore, il solo trattivo, è sterzante.

HENNESSEY Venom F5 arriva in Europa a tutta velocità, grazie ai suoi 1.622 Cv di potenza e 1.763 Nm di coppia. Il motore è un derivato Chevy 7,4 litri V8 biturbo, che serve a toccare i 484 orari. 24 i pezzi.


PAL V Spicca il volo quando serve la Liberty, disegnata in Italia e prodotta in Olanda. Ha un motore da 100 Cv per la trazione e uno per le 4,3 ore di volo massime. Sono entrambi alimentabili a benzina classica o con mix d’etanolo.

ASTON MARTIN riedita la mitica Lagonda, qui sotto forma di Vision Concept che dovrebbe diventare realtà nel 2021. Sarà elettrica e avrà le batterie piazzate nel sottoscocca, oltre che un sistema di guida autonoma di livello 4.

BUGATTI Debutta la Chiron Sport, versione alleggerita della già nota hypercar. Monta un 8 litri W16 con un turbo per ciascuna delle quattro bancate. Grazie ai 1.500 Cv di potenza e i 1.600 Nm di coppia, passa da 0 a 100 in 2 secondi e mezzo.

CORBELLATI Il nome, Missile, dice già tutto. Coi suoi 1.800 Cv e 2.350 Nm erogati da un Mercury 9 litri V8 biturbo, si candida a essere l’auto più potente di oggi. Fabbricata da italiani alle Canarie, ha un cambio manuale Graziano.

EADON GREEN prosegue con le linee retrò rivisitate anche per la nuova Zeclat, britannica carrozzata sulla Chevrolet Corvette C7 Grand Sport. Quindi con motore aspirato Lt1 6,2 litri V8 da 460 Cv, abbinato a un manuale 7 rapporti o 8 automatico.

DAVID BROWN Roba da film di 007 d’antan questa Speedback Silverstone Edition. Derivato dal Jaguar 5 litri V8 Supercharged il motore, accreditato di 510 Cv e abbinato a un automatico esarapporto. Dieci gli esemplari previsti.


ServiceDay Dove: Brixia Forum Brescia Quando:: 17-18 novembre 2018 Partner dell’iniziativa: Quintegia e AsConAuto A chi si rivolge: Dealer/riparatori autorizzati, Case auto, officine indipendenti, carrozzerie, aziende della filiera

DEDICATO A VOI Da un’idea di AsConAuto e Quintegia nasce l’evento focalizzato sugli autoriparatori. Un ampio spazio espositivo e tanti workshop per essere sulla ‘palla’

U

na kermesse a misura di autoriparatori: quello che mancava nel panorama italiano oggi c’è. Si chiama Service Day e nasce da un’idea di Quintegia, società che si occupa di eventi, ricerca, formazione, e AsConAuto, la vostra associazione che attraverso 21 consorzi riunisce ben 913 concessionarie e oltre 19.500 officine. La prima edizione si appresta ad andare in scena il prossimo novembre, sabato 17 e domenica 18, al Brixia Forum di Brescia, uno spazio fieristico facilmente raggiungibile, vista l’immediata vicinanza all’uscita Brescia Ovest dell’autostrada A4, e con una buona capacità ricettiva. La formula è quella già ampiamente collaudata (con grande e crescente successo) con Dealer Day: uno spazio espositivo, ossia l’Area Business, e una zona meeting ed eventi per tutti gli approfondimenti.

Quante ne sappiamo A Brescia sarà possibile visionare tutti i servizi e i prodotti più innovativi per la propria officina e approfondire le tematiche più attuali. Cinque quelle trattate: mercato post vendita con trend e scenari al 2025, gestione officina (dalle best practice all’ottimizzazione del conto economico), gestione clienti (come raggiungerli e come fidelizzarli), marketing digitale (come sfruttare i social e tutto ciò che deve avere un sito internet per funzionare al meglio) e aspetti legali e amministrativi con un focus sull’importanza di utilizzare ricambi

Aprile 2018

originali. E come Dealer Day i Service Day offriranno la possibilità ai presenti di fare networking, di scambiare opinioni ed esperienze. Il target dell’evento è composto da tutti coloro che hanno fatto dell’aftermarket il proprio business: operatori indipendenti e autorizzati, dealer e naturalmente aziende della filiera e Case auto. Obiettivo della prima edizione: raggiungere quota 3.000 partecipanti. Sui prossimi numeri di AsConAuto Informa troverete tutti i dettagli. Intanto, cominciate a segnare i Service Day in agenda. l FORMAT WEEKEND • Durata complessiva: 2 giornate • Inizio sabato alle 10 e fine domenica alle 16 • Possibilità di sfruttare il venerdì pomeriggio per incontri interni

PROGRAMMA CONTENUTI • Trend di mercato • Aumentare la managerialità nella gestione del service e dei ricambi • Gestire meglio il cliente • Sfruttare il canale digitale

Il Brixia Forum di Brescia, la location che Quintegia e AsConAuto hanno scelto per i Service Day, l’evento a misura di autoriparatori.

MEETING ED EVENTI • Incontri promossi da Case auto e aziende partner dell’evento • Networking con gli operatori • Spazio di incontro per operatori della filiera

AREA BUSINESS • Vetrina esclusiva per promuovere prodotti e servizi • Presenza di aziende leader del settore • Soluzioni innovative per gli operatori

AsConAuto INFORMA 9


FOLLOW US ON

motul.com

CONTATTI


Areariservata

LIVE CHAT L’ultima versione dell’Area Riservata offre un utilissimo strumento di messaggistica istantanea per comunicare ‘al volo’ coi magazzinieri delle concessionarie

S

empre in aumento le funzioni innovative di A.Ri.A, l’avveniristica Area Riservata del network AsConAuto, dedicata a clienti e concessionarie. Tra gli strumenti meno noti, ma non per questo meno comodi, c’è quello della messaggistica istantanea. Un posto di conversazione diretta e in tempo reale tra l’autoriparatore o il carrozziere e i propri magazzinieri di riferimento presso i dealer, grazie alla quale chiedere chiarimenti sui ricambi, sulla fatturazione e perfino dritte per il montaggio d’un pezzo. E se avete degli ulteriori dubbi, potrete allegare al messaggio una foto di ciò che vi serve ma che non riuscite a trovare nel database. l

1. Il primo passo è sempre quello di accedere ad A.Ri.A., l’innovativa Area Riservata del sito AsConAuto dove trovate tutto lo storico dei vostri ordini e quelli ancora in fase di lavorazione.

3. Scelti i ricambi che volete preventivare oppure ordinare, nella schermata di conferma apparirà un circolino arancione con l’icona di un fumetto: cliccateci sopra per avviare la chat col magazziniere del dealer selezionato.

2. Per potere accedere alla ‘live chat’ è indispensabile aprire un nuovo ordine oppure semplicemente richiedere un preventivo. Potete farlo dal menù ‘ricambi originali’ in testa alla schermata oppure dal quadro ‘operazioni veloci’.

4. A supporto del servizio di messaggistica

anche un tasto battezzato ‘allegati’, localizzato sotto il fumetto della chat e grazie al quale potete inviare al magazziniere di riferimento le foto del pezzo che vi serve.

Aprile 2018

5. Qui è evidenziato un esempio di chat tra cliente (conversazione con fondo grigio) e magazziniere (col fondino verdino). Potete chiedere info sui ricambi, sui pagamenti o delucidazioni di montaggio: qualsiasi cosa inerente il lavoro.

AsConAuto INFORMA 11


Carrozzeria

Riparazione a regola d’arte

In carrozzeria non basterà più un lavoro fatto bene. Sarà la legge a indicare i criteri e le procedure di riparazione. Una delle poche certezze è che i chirurghi dell’auto giocano un ruolo importante per la sicurezza stradale

L

a Legge annuale per il mercato e la concorrenza (n.124/2017), conseguenza del DDL Concorrenza, sta facendo il suo corso. Il testo approvato indica come diritto dell’automobilista assicurato quello di ottenere l’integrale risarcimento per la “riparazione a regola d’arte” del mezzo danneggiato, avvalendosi di ditte di autoriparazione di propria fiducia: in questo caso l’azienda deve fornire la documentazione fiscale e una idonea garanzia sulle riparazioni effettuate, di validità non inferiore a due anni, per tutte le parti non soggette a usura ordinaria. In sostanza vuol dire che per riparare un’auto non basta più metterla sul banco, tagliare, ricucire il ricambio e verniciare. Oggi, per eseguire riparazioni e avere la coscienza a posto sono necessari professionisti formati, che lavorino seguendo le direttive dei manuali tecnici rilasciati dai costruttori di

Aprile 2018


auto per sapere con precisione millimetrica dove tagliare e con quale tecnica e metodo eseguire saldature, quali attrezzature utilizzare (saldatrice a pressione fissa da 6400A o una da 10000A con inverter con pressione d’esercizio variabile?) e quali ricambi montare. La legge vuole andare oltre e mettere questi principi nero su bianco, ma la definizione a regola d’arte non è giuridicamente sufficiente. Per questo l’art. 1 comma 10 della legge 124/2017 ha previsto un tavolo di confronto che in questi giorni sta iniziando a individuare le “linee guida finalizzate a determinare gli strumenti, le procedure, le soluzioni realizzative e gli ulteriori parametri tecnici necessari per definire cosa significhi eseguire riparazioni di veicoli a regola d’arte”. A sei mesi dall’entrata in vigore della norma, lo scorso 2 marzo, presso il ministero dello Sviluppo economico sono cominciati i lavori del tavolo per iniziativa delle associazioni a tutela dei consumatori Adoc, Adusbef, Assoconsum, Assoutenti, Codici, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, con l’adesione di Cittadinanzattiva, Confconsumatori, Codacons e Udicon. Al tavolo erano anche presenti la dirigenza del ministero dello Sviluppo economico, una delegazione di Federcarrozzieri e, in qualità di testimone e osservatore, l’Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni Ivass. Durante il primo incontro (un secondo è in calendario il 23 marzo) è stata sottolineata la necessità di coinvolgere i protagonisti della filiera delle riparazioni per delineare i metodi corretti a garantire la tracciabilità delle stesse, con particolare attenzione alle procedure che interessano i componenti strutturali dei veicoli.

Nuove tecnologie, nuove riparazioni Proprio in riferimento ai componenti strutturali delle auto, negli ultimi dieci anni le tecniche costruttive sono evolute rapidamente, introducendo molteplici materiali come acciai altoresistenziali di qualità diverse, alluminio, fibre composite e fibre rinforzate, magnesio, polimeri termoplastici e materiali plastici diversi. L’introduzione di nuovi materiali ha imposto la necessità di un aggiornamento tecnico professionale praticamente costante, sia in termini di competenze assolute, sia per il corretto utilizzo di strumentazioni di nuova generazione. Una riparazione che quindici anni fa poteva essere corretta, oggi mette potenzialmente a rischio l’incolumità degli occupanti in caso di incidente. Per compromettere seriamente la qualità di un lavoro (che per legge va garantito) sono sufficienti una sequenza di assemblaggio non corretta, la scelta di parti di ricambio non idonee, l’errato collegamento di sistemi di sicurezza elettronici e soprattutto il ripristino di parti che secondo il costruttore devono essere sostituite.

Aprile 2018

Carrozzieri anche meccatronici A inizio anno Mazda North America Operation ha dichiarato “raccomandabile” eseguire una diagnosi di ogni suo modello prima e dopo una riparazione in carrozzeria. E se anche per Subaru è raccomandabile, per Honda, Nissan e GM il collegamento Obd è richiesto. Per Mercedes e Toyota (Lexus), una analisi diagnostica è fortemente raccomandata prima della riparazione, ma necessaria dopo. Tra le Case che hanno preso una posizione il Gruppo FCA è il più severo, perché indica come necessaria la scansione diagnostica prima e dopo opere di carrozzeria. Se il tema vi incuriosisce, restate aggiornati consultando i seguenti siti web: www.oempositions.com - www.oem1stop.com

Riparate e reincidentate Per dare risposta concreta alla domanda “un’auto coinvolta in un incidente grave può tornare sicura come quando uscita di fabbrica?” quattro anni fa l’ente indipendente di tecnica motoristica tedesco KTI (www.k-t-i.de) ha eseguito prove pratiche, analizzate scientificamente, su un’auto riparata a seguito di un impatto laterale a 50 km/h secondo il protocollo Euro NCAP. Utilizzando due esemplari di auto identici, KTI ha dimostrato come un’auto riparata correttamente può tornare sicura come nuova ma, se riparata con metodologie di oltre dieci anni fa, senza seguire nel dettaglio le specifiche del costruttore, la stessa vettura non rispetta più gli standard di sicurezza garantiti dal costruttore per gli occupanti, nemmeno sostituendo in modo corretto dispositivi di sicurezza elettronici e airbag. Inoltre, può anche non rispettare i nuovi parametri di sicurezza a tutela degli utenti della strada più deboli come ciclisti e pedoni. La differenza evidenziata dalla prova KTI è tale che, al ripetere dello stesso impatto laterale a 50 km/h sull’auto riparata all’antica, il disallineamento delle parti strutturali dell’auto verso l’interno dell’abitacolo (misurato in millimetri) è anche superiore del 38 per cento. Questa differenza è definita visibile a occhio nudo a causa della maggiore deformazione complessiva del corpo auto. L’ente tedesco KTI ha concluso lo studio dichiarando che “se un’auto riparata non a regola d’arte ha un nuovo incidente, i passeggeri sono esposti a un rischio maggiore per la sicurezza e i danni alla carrozzeria sono molto più elevati e costosi da riparare”. l

Da molti anni i costruttori lavorano per garantire ai passeggeri delle proprie auto standard di sicurezza sempre maggiori. Più recente è l’attenzione rivolta a tutelare anche gli utenti deboli della strada, come pedoni e ciclisti, con sistemi come i cofani motore ammortizzati (foto sotto).

AsConAuto INFORMA 13


TopScania sono tornato a casa, li ho visti e mi sono complimentato con ognuno di loro. Adesso ci stiamo allenando in vista della semifinale. Saranno ancora cinque prove e naturalmente l’asticella si alza, i competitor sono i migliori di ogni nazione. Stavolta non prenderò impegni.

L’esultanza di Simona, Marco, Omar, Angelo e Luca alla proclamazione del Top Team.

Dream Team È quello di Affini Service, la migliore tra le cento officine autorizzate Scania d’Italia. Con il titolare abbiamo ripercorso la gara. Guardando al futuro

Nell’attesa, tutti al lavoro in officina. Affini Service sta bene? È stato un 2017 con ottimi incrementi di fatturato. Siamo presenti a Mantova e Verona e anche a Brescia, quindi lavoriamo con entrambi i consorzi Doc. Come truck siamo stati i primi e come Scania

S

Mantova, Vicenza, Verona

Brescia, Bergamo

A bordo campo, i titolari di ‘Affini Service’ insieme ai capiofficina assistono alle prove teoriche e pratiche del quintetto. Ora lo aspetta, in Italscania il 14 aprile, la semifinale europea.

Quando avete capito che era fatta? imona Sandrini (accettatore), Marco Baiguini, Omar Bernini, Non l’abbiamo capito, era tutto ‘segreto’. Angelo Regna (tecnici di officina), C’erano quattro prove pratiche e una teoLuca Migliori (magazziniere). Sono loro rica, di 20 minuti ciascuna e ciascuna con il Top Team Scania 2017-2018 della com- un punteggio. I cinque team finalisti esepetizione tra tutte e cento le officine au- guivano diagnosi e riparazioni rispettando torizzate Scania d’Italia; sono loro che il tempi e procedure e rispondendo alle domande degli esaminatori. 14 aprile scenderanno in Erano presenti i miei tre fracampo a Trento, spalleggiati Stefano Affini: telli - Giuliano, Natalino e dai titolari e dai colleghi di “Ho saputo via Paolo - e i nostri capiofficina, Affini Service, per tentare di Sms e mi sono ma non potevano suggerire, agguantare la semifinale eucommosso”. rischiavano di far squalificare ropea e quindi il titolo monla squadra. Quando hanno diale. Corriamo troppo? Lo capiremo con Stefano Affini, socio titolare proclamato Affini Service vincitore sono della premiata ditta, un misto di entu- scoppiati, si sono messi a saltare... Sono quelle prove che... la tensione, la gente siasmo e piedi per terra. che ti guarda, il tempo cronometrato...

14 AsConAuto INFORMA

A lei com’è arrivata la notizia? Via Sms. Ero sul pullman, a Firenze con Volkswagen, e... mi sono commosso. Ho subito rimandato un messaggio di congratulazioni e il giorno dopo, quando

La testa ‘dentro’ il motore per due dei meccanici in forza presso le sedi di Verona (sopra) e di Mantova. ‘Affini Service’ è anche a Brescia.

continuiamo a essere anche gli unici. Entrare nella rete AsConAuto si è rivelata una scelta giusta. L’assistenza sui truck è più impegnativa rispetto a quella sulle auto. Come vede le officine indipendenti Doc? Alcune sono consolidate, chi più chi meno riescono a tenere il passo con una tecnologia che non corre, galoppa. Noi offriamo consulenza e siamo aperti, perché la nostra è la storia di un’officina generica che è diventata officina autorizzata.

Aprile 2018


ViaggiDoc

Il brutto tempo accompagna, ma non spegne, i viaggiatori Doc. Eccoli mentre gustano pane e salame in autogrill sulla strada verso Aosta, dove li attendono la guida e la cena. Il giorno dopo, destinazione 88° Salone di Ginevra, per riempirsi gli occhi di auto da sogno.

H

a pensato a tutto lui, Alessandro Leo, da 17 anni alle dipendenze di Doc. Su suggerimento di Dario Costa, uno degli autoriparatori clienti

Destinazione Ginevra dell’area di sua competenza - Franciacorta e Brescia sud-ovest -, il promoter si è calato nel ruolo di agente di viaggi e ha organizzato la visita al Salone dell’Auto di Ginevra. “Sono andato da Davide (Zago, responsabile del consorzio, NdA)”, racconta, “e gli ho chiesto se potevamo utilizzare il marchio Doc. Ho ottenuto non solo il via libera ma un contributo che ha coperto la metà dei costi del pullman!”. Il resto lo hanno messo i 48 partecipanti, “tutti accompagnati, chi dalla moglie, chi da un amico”. Scelta azzeccata, quella di “aprire alle signore, e infatti soprattutto dalle coppie sono arrivati via WhatsApp i complimenti e l’invito a ripetersi”. Ecco gli appunti di viaggio di Alessandro.

Tutto nasce da un idea di Da rio della Silver che Vuole orga car (carrozzie nizzare un pu re mio cliente) llman per il S , Detto fatto. Co alone dell'Aut mincio a muo o di Ginevra. vermi, arrivano telefonate per i primi preven reclutare partec tivi, partono le ipanti. In poco Si decide di fa te mpo arriviam r pagare per in o al ‘Sold out’. tero la quota pe della partenza r evitare una , scelta azzecc dé bâcle il giorno ata perché ness mogli di ripara uno marcherà tori tra i partec vi si ta. Diverse ipanti, bisogn Partenza saba a rendere la gi to 10 marzo or ta pi ù piacevole. e 11, pranzo co Piove a dirotto, n salame nost ma la tettoia di ra no e buon vino. un distributo di Novara, ge re carburante ntilmente conc pr es so Autogrill essa, diventa Arrivo in hote un ottimo ripa l ad Aosta alle ro . 15, velocissim i documenti vi o check in (ave a mail), e poi vo inviato in centro stor una piacevolis ico, dove ci as sima visita gu pe tt a Roberta per idata della citt con prodotti tip à. Rientro in ici locali, torta ho tel, cena di ga a sorpresa per la quattro chiacc il compleanno hiere tra un di di Roberto, gestivo e l'altr Sveglia di prim o, quindi a le o mattino, cola tto. zione e parten passato il sugg za per Ginevra estivo e inquie . Dopo aver tante tratto ve coperto da una rso il traforo de spessa coltre di l Monte Bianco, neve e nebbia, frontiera e su dopo qualche lle strade dovu pr ob lemino in to al traffico, fina La vista di qu lmente arriviam elle meraviglio o in fiera. se vetture, fa brill La delusione are gli occhi di per la mancanz no n pochi. a di ragazze Ve le nuove dispos trina, forse in izioni della Fo lin ea co rm n ula 1, lascia un Il cestino pran po' di amaro in zo fornito dall' bocca. albergo, invece Ritrovo alle 17 , si rivela più , e via verso ca che buono. sa. Il viaggio a Brescia alle di ritorno è lu 23, ma l'entus ng o, arriveremo ia smo è alto, il e già si proget gruppo è affiat ta la prossima ato gita.

Brescia, Bergamo

Aprile 2018

AsConAuto INFORMA 15


CSIAfterSales nuova sede e all’aumento esponenziale dei passaggi, ma in principio abbiamo gestito più la quantità della qualità. L’anno scorso è arrivato il giusto premio per l’impegno profuso da tutti e 21. Io sono un trascinatore, ma loro mi seguono a occhi chiusi. Peso le parole, so dire dove si sbaglia e come recuperare. I magnifici ventuno alla cena con cui il direttore post vendita R.Star ha voluto ringraziarli “per l’impegno profuso”.

Premio di squadra Complimenti a Paolo, Antonino, Michele, Marco, Alessandro, Salvo, Benedetto, Girolamo, Saverio, Filippo, Giuseppe, Giovanni, Nunzio, Domenico, Giuseppe, Livio, Sandro, Salvatore, Sacha, Luca, Daniele

La lettera in cui il presidente Mercedes-Benz Italia e il direttore after sales MBC si congratulano per il primo posto nazionale ottenuto nel CSI After Sales 2017. Per i ventuno del team post vendita R.Star, una cena, una pendrive, un portachiavi, una penna MB, e un bonus in busta paga.

P

rendete sei tra acAfter Sales 2017 Mercedes cettatori e cassieri, -Benz Passenger Cars e unitevi tre uomini di smart di R.Star. magazzino e dodici tecnici Un attestato di stima che di officina e affidateli a un Domenico Grigoli ha ricapace direttore post venbaltato sui suoi uomini. dita. Nello specifico a Domenico Grigoli, che in Come l’ha saputo? ‘Nicolò Riolo’ di Palermo laIl 19 febbraio c’è stata vora, anzi vive, da 42 anni l’ufficialità, ma per tutto (da quando era “un gioval’anno abbiamo seguito le nottino del magazzino rigraduatorie Unicab. Sono Domenico Grigoli è Referente di Distretto di cambi” e la R.Star non era i clienti che votano il serSincro Palermo-Trapani. ancora nata) e sul petto ha vizio - dalla cortesia del appuntate due stelle: da personale alla qualità delsempre quella la riparazione, ai servizi offerti - e noi siadi Mercedes e, mo arrivati primi tra tutti i circa 250 punti dal 2016, an- assistenza Mercedes-Benz e smart d’Italia. che quella di Maestro del Bravi i suoi uomini ma bravo lei... Lavoro. Il service per me è tutto. L’attenzione ai Il risultato lo particolari, da quando il cliente entra in leggete nel- officina a quando esce, porta a questi rila lettera a sultati. Nel 2010 e nel 2011 eravamo arfianco: pri- rivati terzi. In quemo posto sti sette anni siamo nazionale esplosi, grazie al Palermo nel CSI trasferimento nella

Che caratteristiche devono avere le figure del service? Il bravo accettatore sa ascoltare. Il tecnico di officina - che fa continuamente la spola da Palermo a Roma per la formazione sui nuovi modelli Mercedes - mette massimo impegno e attenzione nell’applicare quello che impara, per poi risolvere la problematica del cliente. Il magazziniere è sempre propositivo nell’argomentare la qualità del ricambio originale. Anche con l’autoriparatore Sincro? Grazie a Sincro, che è un orologio perfetto, cresceremo sempre di più. Mercedes ha detto bene: in Italia potremmo fare un certo tipo di fatturato ricambi e ne facciamo molto meno. Dallo scorso giugno, però, abbiamo un venditore esterno, una persona formata e dedicata alle officine indipendenti. È un’attività che misuriamo settimanalmente: il fatturato è cresciuto, il numero dei clienti è cresciuto, e abbiamo anche messo in atto sistemi di risposta veloce al banco come la comunicazione diretta via WhatsApp.

Aprile 2018


MiroNews

Piacere di conoscervi Professionalità e organizzazione impeccabile: sono le note caratteristiche dei consorzi AsConAuto agli occhi del direttore aftersales AutoVanti. Che è sicuro di trovarle anche in Miro

D

manager Paolo Forlini. ario Arcidiacono e Un’organizzazione di quepoi Paolo Forlini, sto tipo è già pronta a elaMaurizio Mancini, borare tutte le richieste, di Ivano Bonomi... Fa nomi approvvigionamento dei e cognomi Luigi Salerno, ricambi e di servizi di offidirettore aftersales della Luigi Salerno è direttore cina, che mi auguro arriconcessionaria Bmw-Mini aftersales di AutoVanti. veranno numerose”. Trait AutoVanti. Perché nella d’union fra i clienti Miro e freschissima new entry Miro sono “abituati a mettere la faccia”. AutoVanti Milano è “Dario Arcidiacono, E ad “aprire le porte, per consentire ai ri- la nostra punta di diamante, in qualità paratori indipendenti che ci scelgono di 4th Level specialist sul territorio”. l’accesso a tutto il nostro patrimonio di conoscenza e informazioni. In questo Sorpresa in vista senso”, aggiunge Salerno, “il nostro co- A proposito di 4th Level... Gli eventi per ordinatore di officina, Ivano Bonomi, e gli specialisti del marchio sono un classico tutta la sua squadra di tecnici certificati Bmw e un’occasione per incontrare di perBmw saranno in grado di evadere ogni sona meccanici e carrozzieri. I clienti Miro richiesta di consulenza e assistenza”. devono aspettarsi un invito a breve? “Non L’ingresso nel consorzio milanese con la voglio rovinare la sorpresa, ma come acfiliale di Via Silva ha prodotto un’esten- cade tra i buoni vicini di quartiere posso sione dell’orario di apertura del magazzino dire che ci presenteremo presto”. Il primo al pubblico dalle 7 alle 19 no stop. “La impatto con il consorzio promette bene: responsabilità del magazzino”, entra nei “Far parte della rete AsConAuto è già una dettagli il direttore aftersales, “è affidata garanzia di professionalità e organizzaa Maurizio Mancini, che con Danilo e zione impeccabile. In Miro ho visto granAndrea formano il team dell’area logistica. de dinamicità”, dice ancora Salerno, “voLa sede in realtà è composta da 26 col- glia ed energie mirate a continuare un laboratori coordinati dal nostro aftersales percorso di crescita fin qui importante”.

Il team tecnico guidato da Paolo Forlini (il secondo in piedi da destra) e uno scorcio dell’officina.

Aprile 2018

Quadra, tutto stile e sostanza

“I

n una casa”, esordisce Nicola Marchetto, “non è detto serva un arredamento completo ma, magari, il tavolo per la sala da pranzo oggi e domani la cucina o lo studio...”. Lo spiega con una metafora il direttore generale di Quadra, azienda di Reggio Emilia specializzata nel settore del mobilio e dell’impiantistica per autoriparazione, consapevole che ai concessionari e agli affiliati Miro è arrivato un messaggio da correggere. In quattro parole: “Non solo allestimenti completi”. Oltre al mobilio, Quadra fornisce impianti fissi e scorrevoli per l’aspirazione dei gas di scarico, dei fumi di saldatura, delle polveri di carteggiatura, impianti per la distribuzione di fluidi tecnici e di aria compressa, impianti per la gestione dell’olio esausto. “Il nostro obiettivo è contribuire a realizzare un ambiente migliorato in termini di immagine, salubrità, sicurezza per il personale; un ambiente più performante in considerazione dei tempi di lavoro; un ambiente più organizzato che vada ad aumentare la produttività dell’azienda stessa e quindi il fatturato”.

Milano e provincia

Per vedere dal vivo i prodotti e lo stile Quadra, l’autoriparatore Miro verrà accompagnato presso le aziende clienti del milanese.

AsConAuto INFORMA 17


Appostapervoi Wiki Obd App Un localizzatore di prese Obd che evita di trasformarsi in segugi vaganti per il veicolo. Inserite marca e modello e il gioco è fatto.

L’AUTOAGENDA

GrinPark Segnala parcheggi liberatisi da meno di dieci minuti. Lo fa intercettando autonomamente il momento in cui lo stallo si libera.

Gratis

10-12 aprile MONTE CARLO (MCO) EVER www.ever-monaco.com

Octo U Tiene traccia degli spostamenti in auto valutandone lo stile di guida. Il viaggio s’attiva in automatico.

Gratis

Gratis

Obd auto doctor Un diagnostico Obd2 tascabile per vedere e cancellare i guasti. Serve però un adattatore wi-fi Elm327 da collegare alla presa dell’auto.

Uno sguardo alle App, i programmini per tablet, smartphone e smartwatch con sistema iOs, buone per quanti bazzicano il mondo automotive.

Gratis

2,29€

19-22 aprile SALSOMAGGIORE TERME (PR) GRAN PREMIO TERRE DI CANOSSA www.gpcanossa.it

Max il meccanico Un videogioco per piccini, che premia il miglior carrozziere e meccanico in erba. Ci si può cimentare in quattro officine diverse.

Mercatino CHI VENDE E CHI COMPRA Avete appena sostituito le attrezzature con altre nuove o alcune in vostro possesso non vi servono più? Perché non pensare di rivenderle a qualche collega? Inviate un annuncio compilando il modulo qui sotto e speditelo via fax allo 0541 743640 oppure inviate una mail a segreteria@asconauto.it.

15-17 maggio VERONA AUTOMOTIVE DEALER DAY www.dealerday.com

Nome................................. Cognome................................. Officina ............................................................... Via e n° civico........................................... Città........................................... Prov............... Cap ................... Tel........................................................Fax .................................................Mail ......................................... Annuncio..................................................................................................................................................... ..................................................................................................................................................................

16-19 maggio BRESCIA 1.000 MIGLIA www.1000miglia.it

...................................................................................................................................................................

Accedi subito all’Area Riservata del sito AsConAuto per scoprire le promozioni commerciali delle concessionarie e le convenzioni dei Partner riservate a tutti gli associati! Che aspetti?!? Aprile 2018

AsConAuto INFORMA 19


AsConAuto Informa Aprile 2018  
AsConAuto Informa Aprile 2018  
Advertisement