Page 1

12613_Nazionale_20 02/08/13 10.47 Pagina 20

AsConAuto

anno 11 numero 126 - settembre 2013

www.asconauto.it

LASCIATI EMOZIONARE DALL’ARTE: RICAMBI ORIGINALI SEAT®

INFORMA

Mensile di informazione e cultura motoristica ORGANO UFFICIALE DELL’ ASSOCIAZIONE NAZIONALE CONSORZI CONCESSIONARI AUTO

Integra si espande

Intervista

Autoriparerò Marc Aguettaz di GiPa ci spiega come sono cambiate le abitudini italiane in tema di manutenzione

Ricambi

Carte false Cresce il pericoloso fenomeno dei ricambi contraffatti. Ecco tutto quanto c’è da sapere in merito

Quiz

Chissà chi lo sa SEAT SERVICE

®

SEAT raccomanda

ENJOYNEERING SEAT-ITALIA.IT

I quesiti elaborati dalla redazione per provare la vostra abilità anche a fine estate

Tutto sull’ultima versione di Infinity, il Dealer Management System sviluppato dalla Visual Software e perfettamente a proprio agio nel microcosmo della galassia AsConAuto


12613_Nazionale_20 02/08/13 10.47 Pagina 2


12613_Nazionale_20 02/08/13 10.47 Pagina 18

Le date da ricordare... 16 settembre 2013 IVA - Liquidazione e versamento dell’Iva relativa al mese precedente (agosto) da parte dei contribuenti Iva mensili; - Liquidazione e versamento dell'Iva relativa al secondo mese precedente da parte dei contribuenti Iva mensili che hanno affidato a terzi la tenuta della contabilità optando per il regime previsto dall’art. 1, comma 3, del D.P.R. n. 100/1998;

RITENUTE D’ACCONTO - Versamento delle ritenute d’acconto relativamente ai redditi corrisposti nel mese di agosto (lavoro autonomo, dipendente, di capitale, provvigioni) da parte dei sostituti d’imposta; 16 settembre 2012;

IMU - Versamento dell’eventuale secondo acconto Imu 2013, tramite il mod. F24;

30 settembre 2013 DICHIARAZIONI - Trasmissione in forma telematica della dichiarazione dei redditi delle persone fisiche, società di persone, società di capitali e enti non commerciali direttamente o tramite intermediario abilitato con allegati gli studi di settore e la dichiarazione Iva, qualora quest’ultima non sia già stata inviata in forma autonoma. L’invio dei dati incompleti, infedeli o omessi riguardanti gli studi di settore legittimano l'accertamento sintetico e dal 06/07/2011 entrata in vigore del D.L. 98/2011 aumentano le sanzioni;

RAVVEDIMENT0 - Ultimo giorno utile per la presentazione di Unico 2013 persone fisiche in scadenza il 30 giugno 2013. La dichiarazione presentata con un ritardo non superiore a 90 giorni è sanabile con il pagamento di una sanzione di 25 euro.

n Se avete accordi con le società di noleggio nella vostra officina transiteranno parecchie auto del Gruppo Fiat. Nei primi quattro posti della top ten delle vetture più acquistate da società ed enti nell’ultimo decennio troviamo, infatti, Fiat Punto (239.401 unità), Fiat Panda (226.744), Lancia Ypsilon (79.166) e Alfa Romeo 147 (73.138). Per vedere una

‘straniera’ dobbiamo andare alla quinta posizione dove compare Bmw Serie 3 (con 61.976 unità), inseguita da Smart ForTwo (61.262) e dall’evergreen di Casa Volkswagen, Golf (58.474). In ottava e nona posizione ancora due Fiat, Stilo (57.010) e Seicento (55.313). Chiude la classifica Renault Clio a 52.283 unità.

n Un’occasione unica per i tecnici della rete Mercedes-Benz di mettere alla prova le proprie competenze. È TechMasters Truck, il concorso della Stella che mira a valorizzare il ruolo di meccanici & co. al fine della massima soddisfazione del cliente professionista. La finale nazionale ha avuto luogo nel centro di formazione di Vittuone. Saranno Marco Bianchi, Tecnico di Diagnosi Certificato della Max Service, Alan Tempini, Consulente Tecnico Certificato dell’Agricar Diesel, Guido Pighi, Tecnico di Sistema Catena Cinematica della Gino, Alessandro Dorigoni, Tecnico di Sistema Autotelaio della Interservice, Arancio Matteo, Tecnico di Manutenzione della Novauto, e Andrea Zambon, Venditore Ricambi e Accessori della Trivellato, a rappresentare l’Italia a Stoccarda dal 12 al 14 novembre. I sei membri del team italiano, uno per ciascuna figura professionale delle officine MercedesBenz Trucks, si sono distinti tra i 30 finalisti che avevano superato con successo la fase di preselezione, nelle prove teoriche e pratiche, differenziate in funzione della job profile, e nell’esercitazione finale in cui veniva ‘misurata’ la capacità degli uomini di fare squadra. . Per il terzo anno consecutivo, Bridgestone Italia e Würth Italia sono stati partner della fase nazionale del TechMasters Truck 2013. A Stoccarda l’Italia, medaglia d’oro all’edizione 2011, dovrà vedersela con le squadre di Belgio, Brasile, Germania, Portogallo, Sud Africa, Spagna, Svizzera e Turchia.

L’AUTOAGENDA

Parliamodi...

Sommario 4

Intervista a Marc Aguettaz di GIPA

Il cliente vuole qualità 6

Allarme contraffatti

Un giro di affari da paura

n Ad Ancona l’11,5 per cento delle autovetture circolanti è alimentato a metano. Un dato che fa del capoluogo marchigiano la città con la maggior

9 12

Linea diretta con i consorzi Il gestionale Visual Software

INTEGRAto al massimo 14

mo anno Diminuisce nell’ultii interventi gl r il gettito Iva pe riparazione di manutenzione e uisto di ricambi cq dell’auto e per l’a ardi di euro e accessori. 9,3 mili un meno 10,1 hanno fatto segnare 2011 quando per cento rispetto al,35 miliardi. si erano toccati i 10

Il nostro quiz

Ma quante ne sai? 16

Equipe Auto 2013

Ci vediamo a Parigi quota di auto a gas naturale compresso in Italia. Seguono Ravenna, Parma, Bologna e Ferrara. Numeri che emergono da un’elaborazione dall’Osservatorio Federmetano. I primi dieci posti della classifica sono occupati da città dell’Italia centro-settentrionale, e ben otto di queste sono in Emilia-Romagna. Se la vostra officina si trova da queste parti dovrete saperci fare con i motori a metano.

SUL WEB

18

Notizie flash

18

Appuntamenti

18

Le scadenze del mese

Ai tassisti piace Toyota vetture immatricolate . Su 2.650 nell’ultimo anno per il servizio taxi pari al 12 per cento de ben 319, del costruttore giappo l totale, sono Renault e Volkswagen nese. Seguono 243 vetture detengonoche con 246 e uno share del 9 per cento.

www.asconauto.it AsConAuto INFORMA

www.asconauto.it

Anno 11 - N. 126 - settembre

26-27 settembre TORINO SMART MOBILITY WORLD

11-13 ottobre MONZA TRUCK EMOTION

6-20 ottobre PARIGI (F) EQUIP AUTO

24-27 ottobre PADOVA AUTO D’EPOCA

www.itnexpo.com

www.truckemotion.it

www.equipauto.com

www.autoemotodepoca.com

18 AsConAuto INFORMA

Settembre 2013

Asconauto Informa - Mensile di informazione dell’Associazione Nazionale Consorzi Concessionari Auto Aut. Trib. di Rimini N. 1 2003

Redazione: via Crimea, 7 - 47900 Rimini Tel. 0541 743085 Fax 0541 743640 info@asconauto.it www.asconauto.it

Direttore Responsabile: Giuseppe Guzzardi In redazione: Tiziana Altieri, Roberta Carati, Matthieu Colombo, Enrico Della Negra, Stefano Mecheri, Gianluca Ventura

Impaginazione: Studio Grafico Page - Novate Milanese (MI) Stampa: Tecnostampa - via Casalecchio, 27 47900 Rimini

Settembre 2013

oli ci sono più veic ta os A d’ e ll Va i, In contano, infatt che persone. Si i 1.000 abitanti contro 1.121 auto ogn na di 610. una media italiaone in classifica per La seconda regi automobilistica elevata densità4), seguita dal Lazio è l’Umbria (67 (672).

AsConAuto INFORMA 3


12613_Nazionale_20 02/08/13 10.47 Pagina 4

Intervista

Pubbliredazionale

Qualità pri Perché per un lavoro ben fatto l’automobilista è ancora disposto a spendere. Come cambiano le abitudini degli italiani e come si evolvono le reti di riparazione nelle indagini di GiPA per noi commentate da Marc Aguettaz

C

ome cambiano le abitudini degli italiani in fatto di auto e come si evolvono di conseguenza le reti di autoriparazione. C’è questo e molto altro nelle indagini GiPA che Marc Aguettaz, Amministratore Delegato della Filiale italiana del Gruppo, ha commentato per AsConAuto Informa.

alla cura dell’auto. Solo un 6 per cento l’ha aumentata e un 10, invece, l’ha ridotta.

Veniamo dunque al rapporto tra automobilisti e reti di riparazione...

Dopo un lungo periodo di stabilità negli ultimi 24 mesi si osserva una riduzione del numero di ingressi in offiPartiamo dagli automobilisti. Quali sono gli ele- cina. Attenzione però perché diminuisce pure il numero Amministratore menti più rilevanti emersi nel 2013? Delegato di GiPA Italia. di circuiti frequentati (vedi Grafico). Se la curva degli Il primo è che il parco circolante è caingressi segue quella dei circuiti ai quali ci Le buone notizie lato ma solo di uno 0,14 per cento, che si rivolge vuol dire che l’automobilista non non mancano. Negli cambia più canale in funzione del tipo di equivale a 46.000 vetture in meno. Il ultimi anni sono secondo è che la percorrenza annua è rimalavorazione ma preferisce avere un unico cresciute sta immutata. Nel 1992 eravamo intorno ai le auto per singolo interlocutore per tutte le sue necessità. autoriparatore: 15.000 chilometri, nel 2002 eravamo scesi Sembrano finiti insomma i tempi in cui dalle 496 del 2007 Come evidenzia sotto i 14.000 e da 5 anni a questa parte si sceglieva il gommista per i pneumasi è arrivati alle il grafico in basso siamo stabili intorno ai 13.000. Questo vuol tici, l’elettrauto per la lampadina, etc. attuali 568. l’automobilista italiano dire che gli italiani a car sharing, car pooInsomma è vero che non ce n’è più per tende sempre più ling, biciclette e mezzi pubblici continuano a preferire tutti ma non per mancanza di soldi. a concentrare la loro automobile. E poi solo il 20 per cento della pola domanda su meno polazione della Penisola potrebbe optare per queste al- Manutenzione sempre più curativa? tipologie ternative. Se vivi a nord di Treviso, per esempio, non ti Assolutamente sì, complice anche la crisi. La manutendi autoriparatori. zione di tipo curativo è cresciuta di 15 punti percentuali resta che la tua quattro ruote. in 5 anni, passando dal 30 al 45 per cento. Questo non Evoluzione n° medio ingressi in officina e n° medio Perché si utilizza l’auto? vuol dire che gli automobilisti rinunciano agli interventi canali frequentati L’indagine 2013 rileva che non sono manutentivi ma li fanno in occasione di quelli curativi. cambiati i motivi per i quali si sale a bordo. Al primo posto troviamo gli Come cambia la rete di autoriparazione? acquisti, poi ci sono gli spostamenti Oggi sono 55.600 le officine di autoriparazione in Italia, per lavoro o per accompagnare i figli il 10 per cento in meno rispetto al 2007, l’anno pre crisi. a scuola. Percorrenza e uso, dunque, I dati ci dicono che le reti OES e IAM sono diminuite alla sono rimasti immutati e nell’84 per stessa velocità e che il rapporto rimane di tre a uno. Il cento dei casi non ha subito varia- numero medio di vetture per officina sta crescendo: nel zioni nemmeno la spesa dedicata 2007 ogni autoriparatore poteva contare su 496 auto, Marc Aguettaz,

4 AsConAuto INFORMA

Settembre 2013

I Ricambi Reman Mercedes-Benz sono l’alternativa economica ed ecologica al nuovo. Qualità elevata e sicurezza testata a un prezzo fino al 50 per cento inferiore

Quando l’Originale è eco

M

ercedes-Benz offre una linea di ricambi Originali in alternativa a quella dei nuovi. Si chiama Ricambi Reman Originali Mercedes-Benz ed è formata da componenti rigenerati e testati per garantire standard qualitativi uguali a quelli nuovi. I Ricambi Reman Originali si distinguono per l’eccellente rapporto qualità-prezzo. Il risparmio può infatti arrivare sino al 50 per cento in meno sul prezzo del ricambio Originale nuovo. Oltre al risparmio economico, i Ricambi Reman Originali Mercedes-Benz sono realizzati con processi produttivi che richiedono una quantità inferiore di materie prime ed energia, a tutto vantaggio dell'ambiente. L’offerta dei ricambi della Stella conta oltre 12.000 Ricambi Reman Originali Mercedes-Benz divisi in 70 gruppi e disponibili in ogni momento. Tra questi, ad esempio, motori interi, turbocompressori, testate, pompe d’iniezione, alternatori, compressori del climatizzatore, motorini di avviamento e cilindri freno.

Rigenerati uno ad uno I componenti sono sottoposti a un completo processo di rigenerazione. Il ricambio viene prima smontato e disassemblato, per poi essere pulito con attenzione e professionalità. Gli esperti Mercedes-Benz sottopongono i

gruppi principali a severi controlli funzionali e visivi e sostituiscono tutte le parti soggette a usura con altre nuove. Solo dopo aver eliminato le criticità, i componenti riutilizzabili vengono sottoposti a ricondizionamento in modo da garantire nuovamente il rispetto delle specifiche del Costruttore.

Ulteriori informazioni su www.mercedes-benz.it/reman-vetture o presso il Service Partner Mercedes-Benz di fiducia.

Garantiti come nuovi La garanzia fornita per i Ricambi Reman è la stessa dei componenti nuovi. Per acquistarli è necessario consegnare al Service Mercedes-Benz di riferimento il componente da sostituire. Ordinare i Ricambi Reman è facile, soprattutto con WebParts, la piattaforma digitale per la vendita online dei ricambi della Stella.

L’ambiente ci guadagna Tra i molti vantaggi offerti dai Ricambi Reman Originali, uno sta particolarmente a cuore a Mercedes-Benz: proteggere il clima e l'ambiente. L'impiego di Ricambi Reman Originali, in luogo dei nuovi, permette di proteggere attivamente il pianeta dato che la loro produzione richiede meno energia, meno materie prime, permettendo di contenere le emissioni. l

Il processo di rigenerazione di un motore Originale Mercedes-Benz in 6 fasi 1. Smontaggio Nella prima fase, il motore viene disassemblato.

Settembre 2013

2. Pulizia Nell'ambito di un processo complesso, le tracce di sporco e olio vengono eliminate da tutti i componenti. Parti particolarmente imbrattate o corrose vengono sottoposte ad ulteriore pulizia utilizzando vari metodi di sabbiatura.

3. Controllo e sostituzione Ogni componente, anche il più piccolo, viene sottoposto a un controllo visivo o a un test funzionale durante il quale un eventuale danno viene tempestivamente riconosciuto.

4. Rigenerazione Tutti i componenti riutilizzabili sono rigenerati in modo professionale soddisfacendo quindi le specifiche del Costruttore.

5. Montaggio Tutti i componenti testati sono montati in conformità ai requisiti della produzione di serie per formare un motore Reman Originale Mercedes-Benz completo e pienamente funzionante. Le modifiche rilevanti per la qualità sono integrate in automatico in questo processo.

6. Controllo qualità I motori Reman sono sottoposti esattamente agli stessi controlli funzionali di quelli nuovi volti a garantirne la conformità a standard identici a quelli della produzione di serie.

AsConAuto INFORMA 17


12613_Nazionale_20 02/08/13 10.47 Pagina 16

Intervista

ma di tutto

SI VA A PARIGI

oggi su 568, il 13 per cento i più. Se guardiamo invece alle auto di meno di tre anni per concessionario vediamo che sono passate da 2.066 a 1.744 a causa della flessione delle immatricolazioni.

Sarà Equip Auto la prossima fiera dedicata agli autoriparatori. Mario Fiems ci spiega perché andarci

P

oche settimane e sarà ancora Equip Auto, la fiera dell’autoriparazione che va in onda ogni due anni alle porte di Parigi. Un appuntamento classico degli anni dispari, utile anche a tastare il polso del post vendita transalpino, ma non solo. Per saperne di più, AsConAuto Informa ha incontrato Mario Fiems, che della kermesse francese arrivata alla sua ventunesima edizione e organizzata da Comexposium è direttore del polo trasporti & industria.

Mario Fiems, direttore del polo Trasporti e Industria di Comexposium, è l’anima di Equip Auto. E non solo di questa manifestazione.

Perché un’azienda dovrebbe esporre a Equip Auto? Perché la Francia è uno dei più grandi mercati del post vendita. È al secondo posto e si mantiene a un buon livello grazie anche al fatto che l’industria nazionale dell’auto è abbastanza forte. Perciò, nonostante la crisi, il post vendita in Francia resta buono. Equip Auto è anche una piattaforma che dà accesso ad altri mercati, come ad esempio l’Africa, ed è una porta verso i mercati europei dell’est. Resta una fiera più globale di altre expo conconcorrenti, come ad esempio l’Automechanika di Francoforte, che è soprattutto una vetrina della tecnologia. Mentre a Parigi, così come all’Autopromotec di Bologna, abbiamo la rappresentazione più globale di tutta la filiera automotive: dal costruttore all’autoriparatore. Per questo la manifestazione rimane aperta pure il sabato e la domenica. Perché anche il piccolo meccanico, che ha un’estrema

Tutti a Equip Auto Quando: dal 16 al 20 ottobre 2013 Dove: Parco Esposizioni Villepinte, alle porte di Parigi.

16 AsConAuto INFORMA

Orario: dalle 10 alle 19. Venerdì e sabato fino alle 21, domenica alle 17. Settori rappresentati: Attrezzature per autoriparatori e carrozzieri. Ricambi.

necessità di migliorare le proprie competenze tecniche, è il benvenuto. Quindi il meccanico puro, in quanto visitatore, è molto importante per Equip Auto? Estremamente importante. Abbiamo notato che, nell’edizione che si terrà questo ottobre, le grosse aziende hanno scelto di posizionare i propri stand all’interno del padiglione 5, insieme a tutti i fabbricanti di attrezzature per il garage. Il loro obiettivo è quindi non solo trovare distributori o importatori, ma portare un messaggio sulle nuove tecnologie che l’autoriparatore dovrà per forza conoscere in futuro. Ma, in definitiva, il meccanico influenza la scelta del consumatore finale? Assolutamente sì. È lui l’ultima connessione tra chi produce auto o tecnologie per l’auto e il consumatore. I dealer sono quelli che soffrono di più al momento. Infatti. A tal scopo, coi costruttori abbiamo ideato un forum incentrato sulle attività utili a incrementare il business del post-vendita nelle concessionarie. I concessionari hanno oggi dei cali notevoli non solo nella vendita delle automobili, bensì anche nella loro riparazione. Gli autoriparatori indipendenti hanno invece attuato strategie più aggressive a discapito delle officine interne alle concessionarie. Cosa c’è in questa edizione che non c’era due anni fa? Più marketing e comunicazione. Più servizi insomma. Non sarebbe utile spostare l’evento a Porte de Versailles, nel cuore della Ville Lumière? Sicuramente darebbe un altro glamour all’evento. l

Settembre 2013

cento di chi ha più di 60 anni utilizza internet più o meno regolarmente ma è anche vero che difficilmente lo fa per la manutenzione dell’auto. Anche perché Internet ben si adatta ai prodotti standard e la riparazione, tagliandi esclusi, non è fra questi.

Quali tendenze nel mondo degli indipendenti? Abbiamo notato che le officine indipendenti riducono l’organico a causa della diminuzione della domanda. Ci si sposta sempre più verso officine di piccole dimensioni. Nel 2007 il 23 per cento delle indipendenti contava un addetto, oggi sono ben il 37 per cento. Strutture che investono comunque in formazione perché sanno che è indispensabile per andare avanti, non in informatica. Solo un 22 per cento possiede un sito. Più ‘virtuali’ carrozzieri e gommisti, il 36 per cento dei quali dichiara di avere un sito internet. Credo che si debba riflettere sul fatto che è vero che oggi anche il 40 per

Come garantirsi un futuro? Lavorando bene. Qualità e affidabilità della riparazione sono il primo criterio di scelta per gli automobilisti. Poi c’è la velocità nell’esecuzione del lavoro e qui bisogna sapersi organizzare per avere i ricambi necessari pronti al bisogno. Al terzo posto troviamo la vicinanza al domicilio o al posto di lavoro: visto che non possiamo spostare l’officina bisogna cercare soluzioni per avvicinare il cliente. C’è poi la trasparenza dell’offerta. Di fronte a un preventivo chiaro e ben fatto nessuno potrà accusare il meccanico di essere troppo caro. l


12613_Nazionale_20 02/08/13 10.47 Pagina 6

EQUIP AUTO

Ricambicontraffatti

È solo la punta dell’iceberg?

$!,¬¬!,¬¬/44/"2% 15!24)%2%¬%30/3)4)6/¬s¬0!2)3¬./2$¬6),,%0).4%

Il fenomeno della contraffazione aumenta anche nel settore dei ricambi per auto. Ma i dati noti sono relativi alla sola merce sequestrata...

N Loredana Gulino Direttore Generale della Direzione per la Lotta alla Contraffazione, Ufficio Italiano Brevetti e Marchi del Ministero dello Sviluppo Economico.

el 2012, il Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione - ha realizzato con il Censis un rapporto su dimensioni e caratteristiche della contraffazione in Italia. Un documento che fornisce una stima del presunto fatturato ricavabile da tale attività in termini di consumi di prodotti contraffatti e di impatto macroeconomico. Emerge che, nel 2010, il fatturato del mercato degli autoricambi contraffatti in Italia è stato di circa 107 milioni di euro. Per comprendere questo preoccupante fenomeno abbiamo intervistato l’avvocato Loredana Gulino, Direttore Generale del ramo del Ministero dello Sviluppo Economico impegnato nella lotta alla contraffazione. La produzione e l’importazione di ricambi auto contraffatti in Italia è in aumento? Una stima del trend dei ricambi auto e moto contraffatti in circolazione in Italia può essere ricavata dall’analisi dei dati sui sequestri di parti di auto e motoveicoli e accessori a opera di Agenzia delle Dogane, Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Carabinieri e Polizie locali, per violazioni alle norme sulla contraffazione, sul Made in Italy e sulla sicurezza dei prodotti. La stima si basa sull’elaborazione dei dati contenuti nel database IPERICO (www.uibm.gov.it/iperico). Limitando l’analisi ai dati nazionali aggregati di Guardia di Finanza e Agenzia delle Dogane, in termini di numero di sequestri si evidenziano variazioni marcate da un anno all’altro, con picchi notevoli nel 2009 e nel 2010 e comunque con una crescita dal 2008 al 2012 del 40 per cento delle violazioni citate. A livello complessivo, i sequestri 2012 sono sostanzialmente in linea con quelli registrati nel 2011, i quali tut-

"53).%33 ¬)../6!:)/.% ¬3#!-") ),¬3!,/.%¬#/-0,%4/¬%¬#/.6)6)!,% 0%2¬)¬$)342)"54/2)¬%¬)¬"59%2¬$%,¬0/34 6%.$)4! tavia evidenziano una decisa flessione rispetto al 2010 (meno 70 per cento circa). Nel 2012 rispetto al 2011 si registra un incremento del numero di sequestri per sicurezza prodotti (più 80 per cento) e una riduzione (meno 20 circa) di quelli per contraffazione. Quali sono i principali Paesi di origine extracomunitaria dei ricambi contraffatti? I dati delle Dogane Europee relativi alla contraffazione dei ricambi auto evidenziano una costante e significativa crescita dal 2009 al 2011 sia in termini di numero di sequestri che di prodotti sequestrati. Per quel che riguarda il Paese di origine, nel 2011 oltre il 60 per cento del numero di prodotti sequestrati dalle Dogane Ue della categoria ‘vehicles including accessories and parts’ era di provenienza cinese, quasi il 25 per cento arrivava dagli Emirati Arabi e il 7 da Hong Kong. Quale pericolo comporta la diffusione dei prodotti contraffatti? Un ricambio contraffatto mette a rischio l’integrità del veicolo ma soprattutto la salute e la sicurezza di chi lo occupa o lo utilizza e di coloro che sfortunatamente si trovano sul suo tragitto in caso d’incidente causato da un pezzo contraffatto. A tali pericoli si sommano i danni socio-economici: si è detto che il fatturato della contraffazione in Italia per il settore ‘Pezzi di ricambio auto’ nel 2010 è stato stimato in oltre 107 milioni di euro, pari all’1,5 per cento del fatturato complessivo della contraffazione nel nostro Paese. Il mancato gettito generato dalla contraffazione per la categoria dei pezzi di ricambio è stimato, per il 2010, in quasi 22 milioni di euro di imposte dirette non versate

NUOVO NEL 2013

Settembre 2013

Richiedete il vostro pass d’ingresso www.equipauto.com Codice: APCAI

¬¬Percorsi di visita adattati ai vostri centri d’interesse ¬¬Appuntamenti d’affari ¬¬Forum internazionali e spazi di dimostrazioni ¬¬1XPHURVHRIIHUWHSHUIDFLOLWDUHODYRVWUDYLVLWDHIDUYLDSSUR¿WWDUH al meglio di Parigi

Da mercoledì a domenica dalle ore 10 :00 alle ore 19 :00 con due aperture notturne - venerdì e sabato no alle ore 21:00 Per ulteriori informazioni:

6 AsConAuto INFORMA

2013

www.equipauto.com

Saloni Internazionali Francesi - Tel.: 02/43 43 531 Fax: 02/46 99 745 - e-mail: info@salonifrancesi.it

an event by


12613_Nazionale_20 02/08/13 10.48 Pagina 14

Quiz

e 51 milioni di imposte indirette, considerando anche l’indotto. Un danno, quindi, non solo per la salute ma anche economico per il sistema Paese.

Chissà chi lo sa Stop alla pausa estiva, è ora di tornare al lavoro e misurare le proprie conoscenze. Per esempio, come si chiama l’Euro 6 di Iveco, cos’era il Totem Fiat e cosa significa quel cartello sulle strade Usa? 1 Chi è il nuovo presidente di AsConAuto? a) Paolo Strabello b) Fabrizio Guidi c) Dario Soncina

2 2 Quale sigla identifica il sistema di abbattimento degli inquinanti utilizzato da Iveco sui propri camion Euro 6? a) Egr Plus b) Hi-eScr c) Oxi-Scr 3 L’ultima new entry tra i consorzi AsConAuto è... a) Sincro Cagliari - CarboniaIglesias - Medio Campidano b) Sincro Bari c) Sincro Catania - Ragusa 3

8

6 In che mese del 2013 è cambiato il formato di AsConAuto Informa? a) Aprile b) Maggio c) Marzo

4

4 Come si chiama il servizio di assistenza tecnica telefonica proposto da AsConAuto ai propri associati? a) Call Plus b) Tech Plus c) Phone Tech Plus 5 Il Fiat Totem era... a) Un generatore compatto b) Il prototipo di un camion concepito negli Anni ‘70 e mai messo in produzione c) Un veicolo commerciale destinato ai mercati sudamericani

b) Cecoslovacchia c) Polonia 7

7 Negli Stati Uniti d’America, il cartello ‘tow-away zone’ raffigurato nella foto identifica... a) Una zona a traffico limitato b) Una zona con disco orario c) Una zona a rimozione forzata

9 Com’è altresì definibile il motore ciclo Diesel? a) Ad accensione indotta b) Esotermico c) Ad accensione spontanea 9

8 Di che nazione erano originarie le automobili Tata? a) Ungheria

Spedire via fax in redazione al numero: 0541 743640 Nome ..............................................................................................Cognome........................................................................ Officina ............................................................................................................................................................................... Via .....................................................................................................................................................n.civico ..................... Comune .........................................................................................Cap. ...............................................Prov. ......................... Telefono ........................................................................................Fax .................................................................................

Domanda 1 Domanda 2 Domanda 3

14 AsConAuto INFORMA

❑ A. ❑ B. ❑ C. ❑ A. ❑ B. ❑ C. ❑ A. ❑ B. ❑ C.

Domanda 4 Domanda 5 Domanda 6

❑ A. ❑ B. ❑ C. ❑ A. ❑ B. ❑ C. ❑ A. ❑ B. ❑ C.

Domanda 7 Domanda 8 Domanda 9

❑ A. ❑ B. ❑ C. ❑ A. ❑ B. ❑ C. ❑ A. ❑ B. ❑ C.

Settembre 2013

Quali sono i rischi per chi produce pezzi contraffatti e per chi li vende e li installa? In caso di incidenti causati da ricambi non originali e difettosi si è chiamati ovviamente a rispondere in termini di responsabilità civile e penale. Per la semplice distribuzione di prodotti falsi sono previste forti pene pecuniarie: l’acquisto effettuato da un operatore commerciale o importatore o da qualunque altro soggetto diverso dall'acquirente finale è punito con una sanzione amministrativa pecuniaria che va da un minimo di 20.000 euro fino a 1 milione di euro (art.1, c. 7, del D.L. 35/2005, convertito con modifiche in L. 80/2005, e successivamente modificato dalla L. 99/2009). Ma la contraffazione può comportare anche sanzioni di carattere penale per il contraffattore, che possono arrivare, oltre alla multa, a quattro anni di reclusione (artt. 473 e 474 del Codice Penale). In quale modo il Ministero dello Sviluppo Economico contrasta questo fenomeno? Alla Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione – UIBM, del Ministero dello Sviluppo Economico -, sono affidate le funzioni istituzionali di lotta alla contraffazione, nonché di riconoscimento e valorizzazione dei diritti di proprietà industriale, al duplice scopo di sostenere la competitività e l’innovazione delle imprese italiane e, conseguentemente, di tutelare la sicurezza e la salute dei cittadini. Pertanto, sono due i filoni d’intervento principali: • supporto alle imprese per l’attuazione di strategie preventive di difesa dalla contraffazione, attraverso la tutela del loro patrimonio intangibile che si realizza con il ricorso ai diritti di proprietà industriale; tale supporto si concretizza sia attraverso iniziative di formazione e informazione (seminari, convegni...), sia più concretamente attraverso misure agevolative a favore delle micro, piccole e medie imprese per l’utilizzo e la valorizzazione di brevetti, marchi e disegni/modelli; • sensibilizzazione dei cittadini circa le conseguenze della contraffazione, attraverso il coinvolgimento di una molteplicità di interlocutori: dalle scuole primarie e secondarie alle università, fino alle associazioni dei consumatori. A questi due principali filoni d’intervento si affiancano

Settembre 2013

l’Osservatorio Nazionale sulla contraffazione, attraverso le attività di studio, raccolta ed analisi dei dati sulla contraffazione su cui fondare strategie di contrasto basate su un metodo scientifico, e le iniziative sviluppate in collaborazione con altre istituzioni. Come possono gli autoriparatori indipendenti e i carrozzieri tutelarsi da questo fenomeno? La prima azione da svolgere è informare i consumatori circa i rischi che si corrono acquistando i prodotti contraffatti: spesso gli acquirenti sono vittime inconsapevoli e non complici soddisfatti e compiacenti. Possono inoltre segnalare i casi di contraffazione alla linea diretta anticontraffazione della DGLC-UIBM, inviando una mail all’indirizzo anticontraffazione@mise.gov.it (fax al numero +39 06 4705 5750). E come possono i consumatori evitare l’acquisto di ricambi contraffatti? È importante seguire alcune semplici regole di base: • evitare di comprare prodotti troppo economici. Un prezzo troppo basso può essere invitante ma è indice di scarsa qualità;

Il numero di ricambi contraffatti sequestrati dalle Autorità italiane è in aumento. Oltre il 60 per cento dei componenti arriva dalla Cina. Tra i ricambi più contraffatti segnaliamo i dischi freno, le pastiglie, la tiranteria sterzo, i componenti motore (turbine, kit distribuzione) e la fanaleria.

• rivolgersi sempre a venditori autorizzati, che offrono evidenti garanzie sull’origine della merce; • controllare sempre le etichette dei prodotti acquistati (l’etichetta è la loro ‘carta d’identità’) e diffidare di quelli con scritte minuscole o poco chiare o privi delle indicazioni d'origine e del ‘marchio CE’; • acquistare solo prodotti in confezioni e con imballaggi integri, con il nome del produttore; • porre particolare attenzione all’acquisto di prodotti proposti su internet o da altri canali informali, soprattutto se non è prevista la possibilità di prendere visione della merce o di restituirla una volta ricevuta. l

AsConAuto INFORMA 7


12613_Nazionale_20 02/08/13 10.48 Pagina 8

Aiuta a mantenere la massima efficienza del tuo motore diesel

Mobil 1™ può allungare la vita del turbocompressore e aiuta a mantenere stabile il consumo di carburante Generalmente si sceglie un motore diesel perché è af fidabile ed ef ficiente e Mobil 1™ ESP Formula 5W-30 è stato progettato per aiutare a mantenere il motore in ottime condizioni più a lungo. Alcuni test hanno dimostrato la massima ef ficienza di un motore diesel anche dopo 225.000 chilometri*. La straordinaria protezione ad elevate temperature fornita da Mobil 1™ ESP Formula 5W-30 può allungare la vita del turbocompressore e aiutare anche a mantenere costante il consumo di carburante tra un cambio d'olio e l'altro. Per scoprire come Mobil 1™ può aiutare il tuo motore diesel a funzionare meglio, visita il sito mobil1.it *Risultati basati sulla guida di prova di una V W Jetta dotata di motore diesel 1.9L che simula 225.000 chilometri con intervalli di cambio dell'olio ogni 16.000 chilometri. ©2013 Exxon Mobil Corporation MobilTM, Mobil 1TM e l’icona con l’1 sono marchi registrati della Exxon Mobil Corporation o di una delle società da questa direttamente o indirettamente possedute o controllate. Ogni altro nome di prodotto, logo e marchio è di proprietà dei rispettivi proprietari. Nulla di quanto riportato nel presente documento intende sovvertire il principio di indipendenza dei soggetti giuridici.


12613_Nazionale_20 02/08/13 10.48 Pagina 12

Software

www.chic’èinrete?

INTEGRAti al massimo Pure il Dms Infinity ora dialoga con l’interfaccia creata da AsConAuto per mettere in comunicazione dealer e officine. Qui vi spieghiamo le sue caratteristiche

N

ell’era di Internet dialogare attraverso l’utilizzo dei pc è diventato un imperativo. Consente infatti di ottimizzare i processi, ridurre i tempi e liberare risorse. Ecco perché AsConAuto si è impegnata nel progetto Integra, l’interfaccia che collega in rete i Garage Management System, ossia i software studiati per la gestione delle aziende di autoriparazione, con i Dealer Management Solutions delle concessionarie. Sono sempre di più i programmi ‘integrati’. Tra questi c’è anche Infinity, il Dms di Visual Software, l’azienda con sede a Ragusa - e Filiali a Bologna e Milano - specializzata in soluzioni informatiche a misura degli operatori del settore automotive, dalle reti di vendita alle officine.

Infinite soluzioni

Sotto due schermate del Modulo Magazzino all’interno di Infinity, il Dms di Visual Software: una scheda articolo e l’analisi dell’andamento di acquisti e vendite ricambi mensile e annuale.

“Infinity - ci spiega Domenico Giudice dell’area commerciale - è il software gestionale e amministrativo progettato e realizzato specificatamente per il settore automotive. È una soluzione modulare che consente la gestione totale e il controllo logistico e amministrativo dell'azienda.” Infinity è già stato scelto da numerose concessionarie, di dimensioni differenti: dalle piccole realtà ai grandi gruppi con più sedi sul territorio. Tra queste ci sono anche molte affiliate AsConAuto come la Centrauto di Viterbo. “Proponiamo – continua Domenico Giudice – una soluzione completa per i nostri clienti, che si compone di di-

12 AsConAuto INFORMA

versi moduli e funzionalità . Il sistema è parametrizzabile e si adatta alle diverse esigenze, per il raggiungimento degli obiettivi aziendali.” Si va dal Modulo Contabilità per la gestione di tutta la contabilità aziendale ordinaria e non, al Modulo Magazzino con una struttura aperta e solida completo di tariffari, lista cliente, lista al banco, griglia sconti, fatturazione, analisi in tempo reale. Dal Modulo Officine con planning prenotazioni, storico interventi, controllo operativo dei tempari, delle garanzie e degli operai, al Modulo Veicoli per chi tratta mezzi di nuovi e usati con la possibilità di gestire l’intero iter, dal preventivo al contratto, fino alla stampa della modulistica necessaria. Ci sono poi anche un Modulo B2b per la consultazione on-line e in tempo reale delle effettive disponibilità del magazzino, l'inserimento di nuovi ordini e lo stato di avanzamento degli ordini e delle spedizioni e un Modulo Mobile che consente di avere tutte le info relative alla propria attività sempre aggiornate grazie alla sincronizzazione automatica dei dati. “C’è più di un motivo per scegliere il nostro Dms che dialoga con Integra, - conclude Domenico Giudice - Infinity infatti è anche un Crm (Customer Relationship Manager) che permette di gestire, pianificare e controllare le attività di marketing della forza vendita, rilavare le informazioni sui clienti già acquisiti e potenziali e avere un controllo su tutte le trattative. Inoltre siamo in grado di fornire un supporto immediato ai nostri clienti, in remoto o sul luogo.” Una soluzione adatta anche a chi non ha grande dimestichezza con la tecnologia: l’interfaccia è semplice e poi gli utenti hanno la possibilità di ricevere consulenza e formazione in sede. l

Settembre 2013

La risposta è già nel titolo: Sincro. Annunciata sul numero scorso, è ormai una realtà www.sincro.eu, portale che ingloba le sette società cooperative attive in nove regioni: Piemonte, Val d’Aosta, Liguria, Marche, Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria e Lazio (dove dal primo ottobre sarà operativa anche Sincro Roma). Il format è quello collaudato degli altri consorzi AsConAuto già online - Miro, Cdrt, Doc Lecco, Doc Mantova, Doc Brescia e, a breve, Doc Toscana-Liguria - che spazia dalle news all’Area Riservata ai soli concessionari e autoriparatori clienti. Buona navigazione!

Milano, Varese E-mail: segreteria@ucavricambi.eu Sito internet: http://www.ucavricambi.eu Tel. 0331 990251 Fax: 0331 997367

Party Ucav, allegro networking Ricarica e motivazione: sono le parole chiave della serata che il presidente Campagna ha organizzato per “far sentire tutti parte di un’impresa di successo, capace di guardare al futuro”

“G

razie alla forza delle 43 concessionarie associate, riforniamo oltre 400 officine e 200 carrozzerie; garantiamo puntualità e ampia copertura del territorio. Grazie alla squadra, chi ci ha scelto sa di poter contare su di noi ogni giorno alla stessa ora. Oltre dieci anni di esperienza al tuo servizio”. Provate a cronometrare il tempo di lettura di queste poche righe: ci vorrà una manciata di secondi. Aggiungete una colonna sonora, intervallate i periodi con immagini che raccontano senza didascalie e otterrete il video che in 79 secondi ha sintetizzato una storia lunga più di un decennio: quella di Ucav Ricambi. L’occasione l’ha fornita il ‘Party Ucav’ del 28 giugno, serata che nelle intenzioni del presidente Dario Campagna “voleva essere ed è stata un momento di aggregazione tra soci, clienti e partner. Mi aspettavo un migliaio di ospiti, ne sono arrivati molti di più. Qualcuno - entra nei dettagli Campagna - ha dovuto parcheggiare

Settembre 2013

Buona musica, cibo e birra alla festa per i mille e più di Ucav Ricambi. Come ha detto Dario Campagna, “oggi, per il mondo dell’auto, ciò che conta è fare squadra”. Party Ucav insegna.

a un chilometro di distanza (il Party si è svolto presso la sede del consorzio in Via Tarabara ad Albizzate - VA, NdA); altri sono rimasti a bocca asciutta nonostante 800 salamelle, 2 porchette e 200 bistecche, ma nessuno si è lamentato. Vorrà dire che, l’anno prossimo, metterò tre spinatrici e due piastre in più”.

Appuntamento fisso Le intenzioni sono chiare: Party Ucav diventerà un appuntamento fisso. “In questo periodo storico, per il mondo automotive la parola chiave è fare squadra. Oggi - ribadisce il presidente Ucav

Ricambi - fa la differenza chi riesce a ottimizzare le proprie relazioni, perché il vero arricchimento arriva dal contatto. Grazie quindi a tutti i partner che ci hanno permesso di realizzare questa serata: Gestione Consorzi, Colourgroup, GNS Piemonte, Blackberry, Mapfre Warranty, Fly Travel Net, Continental, Poster Graph, NOBIS, FÖRCH, Gexpo, GEN-ART, GMAItalia, Mondolfo Ferro, Nelsa-Mobil1, UNOGAS e Venanzieffe”. Chi, invece, dice ‘grazie’ a Ucav è l’Associazione no profit C.A.O.S. (di cui Dario Campagna è socio fondatore e Vicepresidente), madrina di Party Ucav: con la sua lotteria, ha raccolto 1.770 euro.

AsConAuto INFORMA 9


12613_Nazionale_20 02/08/13 10.48 Pagina 10

indirettaconiconsorzi

Dragon Boat sull’Arno Lecco, Sondrio, Como, Monza e Brianza, Milano E-mail: doclc@asconauto.it Sito internet: http://doclc.asconauto.it Tel. 0362 998375 Fax: 0362 928944

Golfisti per passione Appuntamento allo Stelvio per il ‘First European Golf Day - The Legend’. Un evento unico che ha richiamato 400 estimatori

U

n’auto leggendaria, Volkswagen Golf, e un luogo d’incontro incantevole, il Passo dello Stelvio, sono stati i presupposti vincenti del ‘1st European Golf Day - The Legend’. Prima edizione del raduno europeo organizzato lo scorso 28 luglio dalla concessionaria Volkswagen ‘Pirola Francesco & Figli’ di Desio e Monza (MB), in collaborazione con Pirovano Stelvio e Golf Club Italia, ha registrato l’adesione di 200 equipaggi.

I 2.757 metri del valico più alto del Bel Paese sono stati la meta dei golfisti partiti dai tre possibili luoghi di ritrovo: Bormio (SO), Trafoi (BZ) e Passo Umbrail (CH). Uno dopo l’altro, qualcuno fin dalle prime luci dell’alba, hanno affrontato il tracciato a tornanti che ben si presta all’impronta sportiva che dal 1974 contraddistingue il mitico modello della Casa di Wolfsburg. Sul piazzale antistante l'Hotel Pirovano erano presenti vetture di tutte e sette le serie di Golf, con qualche esemplare unico in termini di allestimento, motore, personalizzazione... Una tavolozza variopinta che

10 AsConAuto INFORMA

ha calamitato lo sguardo pieno di ammirazione dei molti turisti di passaggio. A tutti gli equipaggi è stato consegnato un attestato di partecipazione, una t-shirt e un adesivo: testimonianza della presenza a questo primo, importante raduno, che concederà il bis nel 2014, quando si attendono anche i Golf Club di Svizzera e Austria.

Della serie: io c’ero La vettura più datata, il proprietario che arrivava da più lontano, il golfista più anziano sono stati gli special guest, auto compresa, premiati tra i premiati. “1st European Golf La premiazione dei 400 golfisti Day - The Legend”, ha risulla terrazza levato il Volkswagen madel ‘Pirovano’. nager Adalberto Gatti, “sarà archiviato come un evento unico, che ha raccolto il gradimento di tutti i golfisti che per un giorno si sono radunati sul Tetto d’Europa”. In un momento in cui i dealer tendono a chiudersi nelle loro concessionarie, l’iniziativa di Pirola Francesco & Figli è stata un antidoto al diffuso pessimismo. Il momento è difficile anche nella ricca Brianza, ma in Pirola confidano nei “risvolti anche positivi della crisi, che obbliga al cambiamento e dà la possibilità di sfruttare nuove opportunità”. L’ultima in ordine di tempo l’ingresso, il primo aprile, in Doc Ricambi Originali Lecco-Sondrio-Como-Monza e Brianza.

È il titolo dell’Open Day in programma il 28 settembre alla Carrozzeria Fagioletti. Venite anche voi?

Terni, Viterbo E-mail viterbo@sincro.eu Sito internet: http://www.sincro.eu Tel. 0761 250456 Fax 0761 274539

Firenze, Arezzo, Prato, Pisa E-mail: cdrt@asconauto.it Sito internet: http://cdrt.asconauto.it Tel. 055 882346 Fax 055 8810875

“Metti una cena in riva all'Arno, sotto la Galleria degli Uffizi, davanti a Ponte Vecchio”. Potrebbe essere un titolo alla Wertmüller, invece è... un altro film: un People firmato Cdrt

L’automobile e Noi

S

correvo la galleria fotografica su internet e, senza accorgermene, gli occhi si sono abbassati sul pavimento del mio ufficio. “Ma può essere, mi sono chiesta, che una carrozzeria sia davvero così pulita?”. Ecco la prima immagine che mi restituisce ‘Fagioletti Srl’ di Terni: di grande pulizia. Poi, per annunciare l’Open Day di sabato 28 nella sede di Via della Val di Serra, ho l’occasione di parlare con Massimiliano Fagioletti, insieme al fratello Cristian titolare dell’azienda fondata dal padre nel 1957, e mi convinco che non si tratta ‘solo’ degli ambienti.

P

er la cronaca: ha vinto l’equipaggio azzurro, che ha battuto al fotofinish gli avversari in maglia rossa. Ma è quasi un dettaglio. Il 7 luglio, sull’Arno, ha vinto il Consorzio Distribuzione Ricambi Originali Toscana. People tra i più suggestivi tra quelli organizzati dal Cdrt, la giornata presso lo storico Circolo dei Canottieri di Firenze, sotto alla Galleria degli Uffizi e davanti a Ponte Vecchio, ha unito sport e lavoro. Soprattutto, ha unito un centinaio tra clienti e soci, quaranta dei quali hanno anche preso parte alla ‘Dragon Boat’.

Settembre 2013

Tra loro Francesco Cantini, a capo insieme alla sorella Annarosa e alla madre Franca dell’omonima carrozzeria di Scandicci intitolata al padre Elio. “Non sapevo nemmeno io cosa aspettarmi”, racconta, “ed è stato veramente bello, sia per la giornata sia per l’accoglienza. Non che con le pagaie ci sapessimo molto fare, ma è stato divertente”.

L’arma vincente Cliente con la C maiuscola del Cdrt, attraverso il quale acquista “ricambi originali per 70-80mila euro l’anno”, Cantini apprezza “il servizio di con-

segna a domicilio, che è sempre stata l’arma vincente del consorzio; la qualità del ricambio originale, che è perfetto; la possibilità di cambiarlo se c’è stato un errore nell’ordine; e gli sconti, più alti di quelli praticati dal ricambista”. Ma, c’è una ma, Cantini ha mal digerito “la presentazione, alla riunione durante la giornata sull’Arno, di un carrozziere che fa tuning come se fosse il solo. Allora, a cena, ne ho parlato con il presidente Leone che, da persona intelligente qual è, ci ha subito messo una pezza, un segno di grande maturità del consorzio”. Ed è un altro segno di maturità che proprio il Cdrt abbia suggerito di parlare con il ‘critico’ carrozziere...

Il valore del consorzio Dalla distribuzione alla vendita attiva dei ricambi della Casa. È la ‘nuova’ funzione Doc secondo il dealer Nissan

Un carrozziere per AMICO Tutto il lavoro della Carrozzeria Fagioletti, dalla presa in carico dell’auto alla riconsegna (a domicilio, se richiesto), è improntato sulla “fiducia che il cliente ripone in noi. Tanto è vero - spiega l’imprenditore - che il nostro slogan è Un carrozziere per AMICO”. Una fiducia ripagata dalla qualità dell’intervento, “che risponde sempre ai nostri quattro must: ecologia, rapidità, trasparenza e sicurezza”, e che passa anche dall’utilizzo “quasi esclusivo di ricambi originali. Siamo affiliati Sincro da quando è nato il consorzio: funziona tutto, il servizio di consegna a domicilio è celere, e il ricambio della Casa non dà problemi di montaggio e garantisce il cliente nel modo migliore”. E scusate se è poco.

I due equipaggi. A lato la foto di gruppo e, sotto, la cena davanti a Ponte Vecchio.

Lucca, Massa Carrara, Pistoia, La Spezia E-mail doctoli@asconauto.it Tel. 0583 1900341 Fax 0583 1900347

“H

o il dovere di portare avanti una linea su cui papà ha sputato sangue”. In questa frase di Gianluca Finali Quirini, dal 2007 responsabile post vendita nella concessionaria Nissan ‘CFL’ fondata dal padre, c’è la filosofia che la sorregge: “Ogni settore - spiega - deve bastare a se stesso: il nuovo, che resta l’epicentro di un’azienda che dà lavoro a 17 persone, l’usato, l’officina, il magazzino ricambi”.

Gianluca Finali Quirini, 37 anni, responsabile post vendita in CFL - Lucca.

E a proposito di questi ultimi, in due parole il post vendita, “CFL è tra i soci fondatori di Doc Lucca (oggi Doc ToscanaLiguria, NdA); siamo stati tra i primi a crederci e ad apprezzare le regole di salvaguardia del business che impediscono ai dealer di farsi concorrenza tra loro, soprattutto su una piazza difficile come Lucca, dove il magazzino aspetta che il cliente si presenti al banco. È importante - insiste Finali Quirini - che il consorzio spinga sulla vendita e non ‘solo’ sulla distribuzione dei ricambi. Il cliente che percepisca il valore qualitativo di Doc, difficilmente lo lascerà”.

AsConAuto INFORMA 11


12613_Nazionale_20 02/08/13 10.48 Pagina 10

indirettaconiconsorzi

Dragon Boat sull’Arno Lecco, Sondrio, Como, Monza e Brianza, Milano E-mail: doclc@asconauto.it Sito internet: http://doclc.asconauto.it Tel. 0362 998375 Fax: 0362 928944

Golfisti per passione Appuntamento allo Stelvio per il ‘First European Golf Day - The Legend’. Un evento unico che ha richiamato 400 estimatori

U

n’auto leggendaria, Volkswagen Golf, e un luogo d’incontro incantevole, il Passo dello Stelvio, sono stati i presupposti vincenti del ‘1st European Golf Day - The Legend’. Prima edizione del raduno europeo organizzato lo scorso 28 luglio dalla concessionaria Volkswagen ‘Pirola Francesco & Figli’ di Desio e Monza (MB), in collaborazione con Pirovano Stelvio e Golf Club Italia, ha registrato l’adesione di 200 equipaggi.

I 2.757 metri del valico più alto del Bel Paese sono stati la meta dei golfisti partiti dai tre possibili luoghi di ritrovo: Bormio (SO), Trafoi (BZ) e Passo Umbrail (CH). Uno dopo l’altro, qualcuno fin dalle prime luci dell’alba, hanno affrontato il tracciato a tornanti che ben si presta all’impronta sportiva che dal 1974 contraddistingue il mitico modello della Casa di Wolfsburg. Sul piazzale antistante l'Hotel Pirovano erano presenti vetture di tutte e sette le serie di Golf, con qualche esemplare unico in termini di allestimento, motore, personalizzazione... Una tavolozza variopinta che

10 AsConAuto INFORMA

ha calamitato lo sguardo pieno di ammirazione dei molti turisti di passaggio. A tutti gli equipaggi è stato consegnato un attestato di partecipazione, una t-shirt e un adesivo: testimonianza della presenza a questo primo, importante raduno, che concederà il bis nel 2014, quando si attendono anche i Golf Club di Svizzera e Austria.

Della serie: io c’ero La vettura più datata, il proprietario che arrivava da più lontano, il golfista più anziano sono stati gli special guest, auto compresa, premiati tra i premiati. “1st European Golf La premiazione dei 400 golfisti Day - The Legend”, ha risulla terrazza levato il Volkswagen madel ‘Pirovano’. nager Adalberto Gatti, “sarà archiviato come un evento unico, che ha raccolto il gradimento di tutti i golfisti che per un giorno si sono radunati sul Tetto d’Europa”. In un momento in cui i dealer tendono a chiudersi nelle loro concessionarie, l’iniziativa di Pirola Francesco & Figli è stata un antidoto al diffuso pessimismo. Il momento è difficile anche nella ricca Brianza, ma in Pirola confidano nei “risvolti anche positivi della crisi, che obbliga al cambiamento e dà la possibilità di sfruttare nuove opportunità”. L’ultima in ordine di tempo l’ingresso, il primo aprile, in Doc Ricambi Originali Lecco-Sondrio-Como-Monza e Brianza.

È il titolo dell’Open Day in programma il 28 settembre alla Carrozzeria Fagioletti. Venite anche voi?

Terni, Viterbo E-mail viterbo@sincro.eu Sito internet: http://www.sincro.eu Tel. 0761 250456 Fax 0761 274539

Firenze, Arezzo, Prato, Pisa E-mail: cdrt@asconauto.it Sito internet: http://cdrt.asconauto.it Tel. 055 882346 Fax 055 8810875

“Metti una cena in riva all'Arno, sotto la Galleria degli Uffizi, davanti a Ponte Vecchio”. Potrebbe essere un titolo alla Wertmüller, invece è... un altro film: un People firmato Cdrt

L’automobile e Noi

S

correvo la galleria fotografica su internet e, senza accorgermene, gli occhi si sono abbassati sul pavimento del mio ufficio. “Ma può essere, mi sono chiesta, che una carrozzeria sia davvero così pulita?”. Ecco la prima immagine che mi restituisce ‘Fagioletti Srl’ di Terni: di grande pulizia. Poi, per annunciare l’Open Day di sabato 28 nella sede di Via della Val di Serra, ho l’occasione di parlare con Massimiliano Fagioletti, insieme al fratello Cristian titolare dell’azienda fondata dal padre nel 1957, e mi convinco che non si tratta ‘solo’ degli ambienti.

P

er la cronaca: ha vinto l’equipaggio azzurro, che ha battuto al fotofinish gli avversari in maglia rossa. Ma è quasi un dettaglio. Il 7 luglio, sull’Arno, ha vinto il Consorzio Distribuzione Ricambi Originali Toscana. People tra i più suggestivi tra quelli organizzati dal Cdrt, la giornata presso lo storico Circolo dei Canottieri di Firenze, sotto alla Galleria degli Uffizi e davanti a Ponte Vecchio, ha unito sport e lavoro. Soprattutto, ha unito un centinaio tra clienti e soci, quaranta dei quali hanno anche preso parte alla ‘Dragon Boat’.

Settembre 2013

Tra loro Francesco Cantini, a capo insieme alla sorella Annarosa e alla madre Franca dell’omonima carrozzeria di Scandicci intitolata al padre Elio. “Non sapevo nemmeno io cosa aspettarmi”, racconta, “ed è stato veramente bello, sia per la giornata sia per l’accoglienza. Non che con le pagaie ci sapessimo molto fare, ma è stato divertente”.

L’arma vincente Cliente con la C maiuscola del Cdrt, attraverso il quale acquista “ricambi originali per 70-80mila euro l’anno”, Cantini apprezza “il servizio di con-

segna a domicilio, che è sempre stata l’arma vincente del consorzio; la qualità del ricambio originale, che è perfetto; la possibilità di cambiarlo se c’è stato un errore nell’ordine; e gli sconti, più alti di quelli praticati dal ricambista”. Ma, c’è una ma, Cantini ha mal digerito “la presentazione, alla riunione durante la giornata sull’Arno, di un carrozziere che fa tuning come se fosse il solo. Allora, a cena, ne ho parlato con il presidente Leone che, da persona intelligente qual è, ci ha subito messo una pezza, un segno di grande maturità del consorzio”. Ed è un altro segno di maturità che proprio il Cdrt abbia suggerito di parlare con il ‘critico’ carrozziere...

Il valore del consorzio Dalla distribuzione alla vendita attiva dei ricambi della Casa. È la ‘nuova’ funzione Doc secondo il dealer Nissan

Un carrozziere per AMICO Tutto il lavoro della Carrozzeria Fagioletti, dalla presa in carico dell’auto alla riconsegna (a domicilio, se richiesto), è improntato sulla “fiducia che il cliente ripone in noi. Tanto è vero - spiega l’imprenditore - che il nostro slogan è Un carrozziere per AMICO”. Una fiducia ripagata dalla qualità dell’intervento, “che risponde sempre ai nostri quattro must: ecologia, rapidità, trasparenza e sicurezza”, e che passa anche dall’utilizzo “quasi esclusivo di ricambi originali. Siamo affiliati Sincro da quando è nato il consorzio: funziona tutto, il servizio di consegna a domicilio è celere, e il ricambio della Casa non dà problemi di montaggio e garantisce il cliente nel modo migliore”. E scusate se è poco.

I due equipaggi. A lato la foto di gruppo e, sotto, la cena davanti a Ponte Vecchio.

Lucca, Massa Carrara, Pistoia, La Spezia E-mail doctoli@asconauto.it Tel. 0583 1900341 Fax 0583 1900347

“H

o il dovere di portare avanti una linea su cui papà ha sputato sangue”. In questa frase di Gianluca Finali Quirini, dal 2007 responsabile post vendita nella concessionaria Nissan ‘CFL’ fondata dal padre, c’è la filosofia che la sorregge: “Ogni settore - spiega - deve bastare a se stesso: il nuovo, che resta l’epicentro di un’azienda che dà lavoro a 17 persone, l’usato, l’officina, il magazzino ricambi”.

Gianluca Finali Quirini, 37 anni, responsabile post vendita in CFL - Lucca.

E a proposito di questi ultimi, in due parole il post vendita, “CFL è tra i soci fondatori di Doc Lucca (oggi Doc ToscanaLiguria, NdA); siamo stati tra i primi a crederci e ad apprezzare le regole di salvaguardia del business che impediscono ai dealer di farsi concorrenza tra loro, soprattutto su una piazza difficile come Lucca, dove il magazzino aspetta che il cliente si presenti al banco. È importante - insiste Finali Quirini - che il consorzio spinga sulla vendita e non ‘solo’ sulla distribuzione dei ricambi. Il cliente che percepisca il valore qualitativo di Doc, difficilmente lo lascerà”.

AsConAuto INFORMA 11


12613_Nazionale_20 02/08/13 10.48 Pagina 12

Software

www.chic’èinrete?

INTEGRAti al massimo Pure il Dms Infinity ora dialoga con l’interfaccia creata da AsConAuto per mettere in comunicazione dealer e officine. Qui vi spieghiamo le sue caratteristiche

N

ell’era di Internet dialogare attraverso l’utilizzo dei pc è diventato un imperativo. Consente infatti di ottimizzare i processi, ridurre i tempi e liberare risorse. Ecco perché AsConAuto si è impegnata nel progetto Integra, l’interfaccia che collega in rete i Garage Management System, ossia i software studiati per la gestione delle aziende di autoriparazione, con i Dealer Management Solutions delle concessionarie. Sono sempre di più i programmi ‘integrati’. Tra questi c’è anche Infinity, il Dms di Visual Software, l’azienda con sede a Ragusa - e Filiali a Bologna e Milano - specializzata in soluzioni informatiche a misura degli operatori del settore automotive, dalle reti di vendita alle officine.

Infinite soluzioni

Sotto due schermate del Modulo Magazzino all’interno di Infinity, il Dms di Visual Software: una scheda articolo e l’analisi dell’andamento di acquisti e vendite ricambi mensile e annuale.

“Infinity - ci spiega Domenico Giudice dell’area commerciale - è il software gestionale e amministrativo progettato e realizzato specificatamente per il settore automotive. È una soluzione modulare che consente la gestione totale e il controllo logistico e amministrativo dell'azienda.” Infinity è già stato scelto da numerose concessionarie, di dimensioni differenti: dalle piccole realtà ai grandi gruppi con più sedi sul territorio. Tra queste ci sono anche molte affiliate AsConAuto come la Centrauto di Viterbo. “Proponiamo – continua Domenico Giudice – una soluzione completa per i nostri clienti, che si compone di di-

12 AsConAuto INFORMA

versi moduli e funzionalità . Il sistema è parametrizzabile e si adatta alle diverse esigenze, per il raggiungimento degli obiettivi aziendali.” Si va dal Modulo Contabilità per la gestione di tutta la contabilità aziendale ordinaria e non, al Modulo Magazzino con una struttura aperta e solida completo di tariffari, lista cliente, lista al banco, griglia sconti, fatturazione, analisi in tempo reale. Dal Modulo Officine con planning prenotazioni, storico interventi, controllo operativo dei tempari, delle garanzie e degli operai, al Modulo Veicoli per chi tratta mezzi di nuovi e usati con la possibilità di gestire l’intero iter, dal preventivo al contratto, fino alla stampa della modulistica necessaria. Ci sono poi anche un Modulo B2b per la consultazione on-line e in tempo reale delle effettive disponibilità del magazzino, l'inserimento di nuovi ordini e lo stato di avanzamento degli ordini e delle spedizioni e un Modulo Mobile che consente di avere tutte le info relative alla propria attività sempre aggiornate grazie alla sincronizzazione automatica dei dati. “C’è più di un motivo per scegliere il nostro Dms che dialoga con Integra, - conclude Domenico Giudice - Infinity infatti è anche un Crm (Customer Relationship Manager) che permette di gestire, pianificare e controllare le attività di marketing della forza vendita, rilavare le informazioni sui clienti già acquisiti e potenziali e avere un controllo su tutte le trattative. Inoltre siamo in grado di fornire un supporto immediato ai nostri clienti, in remoto o sul luogo.” Una soluzione adatta anche a chi non ha grande dimestichezza con la tecnologia: l’interfaccia è semplice e poi gli utenti hanno la possibilità di ricevere consulenza e formazione in sede. l

Settembre 2013

La risposta è già nel titolo: Sincro. Annunciata sul numero scorso, è ormai una realtà www.sincro.eu, portale che ingloba le sette società cooperative attive in nove regioni: Piemonte, Val d’Aosta, Liguria, Marche, Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria e Lazio (dove dal primo ottobre sarà operativa anche Sincro Roma). Il format è quello collaudato degli altri consorzi AsConAuto già online - Miro, Cdrt, Doc Lecco, Doc Mantova, Doc Brescia e, a breve, Doc Toscana-Liguria - che spazia dalle news all’Area Riservata ai soli concessionari e autoriparatori clienti. Buona navigazione!

Milano, Varese E-mail: segreteria@ucavricambi.eu Sito internet: http://www.ucavricambi.eu Tel. 0331 990251 Fax: 0331 997367

Party Ucav, allegro networking Ricarica e motivazione: sono le parole chiave della serata che il presidente Campagna ha organizzato per “far sentire tutti parte di un’impresa di successo, capace di guardare al futuro”

“G

razie alla forza delle 43 concessionarie associate, riforniamo oltre 400 officine e 200 carrozzerie; garantiamo puntualità e ampia copertura del territorio. Grazie alla squadra, chi ci ha scelto sa di poter contare su di noi ogni giorno alla stessa ora. Oltre dieci anni di esperienza al tuo servizio”. Provate a cronometrare il tempo di lettura di queste poche righe: ci vorrà una manciata di secondi. Aggiungete una colonna sonora, intervallate i periodi con immagini che raccontano senza didascalie e otterrete il video che in 79 secondi ha sintetizzato una storia lunga più di un decennio: quella di Ucav Ricambi. L’occasione l’ha fornita il ‘Party Ucav’ del 28 giugno, serata che nelle intenzioni del presidente Dario Campagna “voleva essere ed è stata un momento di aggregazione tra soci, clienti e partner. Mi aspettavo un migliaio di ospiti, ne sono arrivati molti di più. Qualcuno - entra nei dettagli Campagna - ha dovuto parcheggiare

Settembre 2013

Buona musica, cibo e birra alla festa per i mille e più di Ucav Ricambi. Come ha detto Dario Campagna, “oggi, per il mondo dell’auto, ciò che conta è fare squadra”. Party Ucav insegna.

a un chilometro di distanza (il Party si è svolto presso la sede del consorzio in Via Tarabara ad Albizzate - VA, NdA); altri sono rimasti a bocca asciutta nonostante 800 salamelle, 2 porchette e 200 bistecche, ma nessuno si è lamentato. Vorrà dire che, l’anno prossimo, metterò tre spinatrici e due piastre in più”.

Appuntamento fisso Le intenzioni sono chiare: Party Ucav diventerà un appuntamento fisso. “In questo periodo storico, per il mondo automotive la parola chiave è fare squadra. Oggi - ribadisce il presidente Ucav

Ricambi - fa la differenza chi riesce a ottimizzare le proprie relazioni, perché il vero arricchimento arriva dal contatto. Grazie quindi a tutti i partner che ci hanno permesso di realizzare questa serata: Gestione Consorzi, Colourgroup, GNS Piemonte, Blackberry, Mapfre Warranty, Fly Travel Net, Continental, Poster Graph, NOBIS, FÖRCH, Gexpo, GEN-ART, GMAItalia, Mondolfo Ferro, Nelsa-Mobil1, UNOGAS e Venanzieffe”. Chi, invece, dice ‘grazie’ a Ucav è l’Associazione no profit C.A.O.S. (di cui Dario Campagna è socio fondatore e Vicepresidente), madrina di Party Ucav: con la sua lotteria, ha raccolto 1.770 euro.

AsConAuto INFORMA 9


12613_Nazionale_20 02/08/13 10.48 Pagina 8

Aiuta a mantenere la massima efficienza del tuo motore diesel

Mobil 1™ può allungare la vita del turbocompressore e aiuta a mantenere stabile il consumo di carburante Generalmente si sceglie un motore diesel perché è af fidabile ed ef ficiente e Mobil 1™ ESP Formula 5W-30 è stato progettato per aiutare a mantenere il motore in ottime condizioni più a lungo. Alcuni test hanno dimostrato la massima ef ficienza di un motore diesel anche dopo 225.000 chilometri*. La straordinaria protezione ad elevate temperature fornita da Mobil 1™ ESP Formula 5W-30 può allungare la vita del turbocompressore e aiutare anche a mantenere costante il consumo di carburante tra un cambio d'olio e l'altro. Per scoprire come Mobil 1™ può aiutare il tuo motore diesel a funzionare meglio, visita il sito mobil1.it *Risultati basati sulla guida di prova di una V W Jetta dotata di motore diesel 1.9L che simula 225.000 chilometri con intervalli di cambio dell'olio ogni 16.000 chilometri. ©2013 Exxon Mobil Corporation MobilTM, Mobil 1TM e l’icona con l’1 sono marchi registrati della Exxon Mobil Corporation o di una delle società da questa direttamente o indirettamente possedute o controllate. Ogni altro nome di prodotto, logo e marchio è di proprietà dei rispettivi proprietari. Nulla di quanto riportato nel presente documento intende sovvertire il principio di indipendenza dei soggetti giuridici.


12613_Nazionale_20 02/08/13 10.48 Pagina 14

Quiz

e 51 milioni di imposte indirette, considerando anche l’indotto. Un danno, quindi, non solo per la salute ma anche economico per il sistema Paese.

Chissà chi lo sa Stop alla pausa estiva, è ora di tornare al lavoro e misurare le proprie conoscenze. Per esempio, come si chiama l’Euro 6 di Iveco, cos’era il Totem Fiat e cosa significa quel cartello sulle strade Usa? 1 Chi è il nuovo presidente di AsConAuto? a) Paolo Strabello b) Fabrizio Guidi c) Dario Soncina

2 2 Quale sigla identifica il sistema di abbattimento degli inquinanti utilizzato da Iveco sui propri camion Euro 6? a) Egr Plus b) Hi-eScr c) Oxi-Scr 3 L’ultima new entry tra i consorzi AsConAuto è... a) Sincro Cagliari - CarboniaIglesias - Medio Campidano b) Sincro Bari c) Sincro Catania - Ragusa 3

8

6 In che mese del 2013 è cambiato il formato di AsConAuto Informa? a) Aprile b) Maggio c) Marzo

4

4 Come si chiama il servizio di assistenza tecnica telefonica proposto da AsConAuto ai propri associati? a) Call Plus b) Tech Plus c) Phone Tech Plus 5 Il Fiat Totem era... a) Un generatore compatto b) Il prototipo di un camion concepito negli Anni ‘70 e mai messo in produzione c) Un veicolo commerciale destinato ai mercati sudamericani

b) Cecoslovacchia c) Polonia 7

7 Negli Stati Uniti d’America, il cartello ‘tow-away zone’ raffigurato nella foto identifica... a) Una zona a traffico limitato b) Una zona con disco orario c) Una zona a rimozione forzata

9 Com’è altresì definibile il motore ciclo Diesel? a) Ad accensione indotta b) Esotermico c) Ad accensione spontanea 9

8 Di che nazione erano originarie le automobili Tata? a) Ungheria

Spedire via fax in redazione al numero: 0541 743640 Nome ..............................................................................................Cognome........................................................................ Officina ............................................................................................................................................................................... Via .....................................................................................................................................................n.civico ..................... Comune .........................................................................................Cap. ...............................................Prov. ......................... Telefono ........................................................................................Fax .................................................................................

Domanda 1 Domanda 2 Domanda 3

14 AsConAuto INFORMA

❑ A. ❑ B. ❑ C. ❑ A. ❑ B. ❑ C. ❑ A. ❑ B. ❑ C.

Domanda 4 Domanda 5 Domanda 6

❑ A. ❑ B. ❑ C. ❑ A. ❑ B. ❑ C. ❑ A. ❑ B. ❑ C.

Domanda 7 Domanda 8 Domanda 9

❑ A. ❑ B. ❑ C. ❑ A. ❑ B. ❑ C. ❑ A. ❑ B. ❑ C.

Settembre 2013

Quali sono i rischi per chi produce pezzi contraffatti e per chi li vende e li installa? In caso di incidenti causati da ricambi non originali e difettosi si è chiamati ovviamente a rispondere in termini di responsabilità civile e penale. Per la semplice distribuzione di prodotti falsi sono previste forti pene pecuniarie: l’acquisto effettuato da un operatore commerciale o importatore o da qualunque altro soggetto diverso dall'acquirente finale è punito con una sanzione amministrativa pecuniaria che va da un minimo di 20.000 euro fino a 1 milione di euro (art.1, c. 7, del D.L. 35/2005, convertito con modifiche in L. 80/2005, e successivamente modificato dalla L. 99/2009). Ma la contraffazione può comportare anche sanzioni di carattere penale per il contraffattore, che possono arrivare, oltre alla multa, a quattro anni di reclusione (artt. 473 e 474 del Codice Penale). In quale modo il Ministero dello Sviluppo Economico contrasta questo fenomeno? Alla Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione – UIBM, del Ministero dello Sviluppo Economico -, sono affidate le funzioni istituzionali di lotta alla contraffazione, nonché di riconoscimento e valorizzazione dei diritti di proprietà industriale, al duplice scopo di sostenere la competitività e l’innovazione delle imprese italiane e, conseguentemente, di tutelare la sicurezza e la salute dei cittadini. Pertanto, sono due i filoni d’intervento principali: • supporto alle imprese per l’attuazione di strategie preventive di difesa dalla contraffazione, attraverso la tutela del loro patrimonio intangibile che si realizza con il ricorso ai diritti di proprietà industriale; tale supporto si concretizza sia attraverso iniziative di formazione e informazione (seminari, convegni...), sia più concretamente attraverso misure agevolative a favore delle micro, piccole e medie imprese per l’utilizzo e la valorizzazione di brevetti, marchi e disegni/modelli; • sensibilizzazione dei cittadini circa le conseguenze della contraffazione, attraverso il coinvolgimento di una molteplicità di interlocutori: dalle scuole primarie e secondarie alle università, fino alle associazioni dei consumatori. A questi due principali filoni d’intervento si affiancano

Settembre 2013

l’Osservatorio Nazionale sulla contraffazione, attraverso le attività di studio, raccolta ed analisi dei dati sulla contraffazione su cui fondare strategie di contrasto basate su un metodo scientifico, e le iniziative sviluppate in collaborazione con altre istituzioni. Come possono gli autoriparatori indipendenti e i carrozzieri tutelarsi da questo fenomeno? La prima azione da svolgere è informare i consumatori circa i rischi che si corrono acquistando i prodotti contraffatti: spesso gli acquirenti sono vittime inconsapevoli e non complici soddisfatti e compiacenti. Possono inoltre segnalare i casi di contraffazione alla linea diretta anticontraffazione della DGLC-UIBM, inviando una mail all’indirizzo anticontraffazione@mise.gov.it (fax al numero +39 06 4705 5750). E come possono i consumatori evitare l’acquisto di ricambi contraffatti? È importante seguire alcune semplici regole di base: • evitare di comprare prodotti troppo economici. Un prezzo troppo basso può essere invitante ma è indice di scarsa qualità;

Il numero di ricambi contraffatti sequestrati dalle Autorità italiane è in aumento. Oltre il 60 per cento dei componenti arriva dalla Cina. Tra i ricambi più contraffatti segnaliamo i dischi freno, le pastiglie, la tiranteria sterzo, i componenti motore (turbine, kit distribuzione) e la fanaleria.

• rivolgersi sempre a venditori autorizzati, che offrono evidenti garanzie sull’origine della merce; • controllare sempre le etichette dei prodotti acquistati (l’etichetta è la loro ‘carta d’identità’) e diffidare di quelli con scritte minuscole o poco chiare o privi delle indicazioni d'origine e del ‘marchio CE’; • acquistare solo prodotti in confezioni e con imballaggi integri, con il nome del produttore; • porre particolare attenzione all’acquisto di prodotti proposti su internet o da altri canali informali, soprattutto se non è prevista la possibilità di prendere visione della merce o di restituirla una volta ricevuta. l

AsConAuto INFORMA 7


12613_Nazionale_20 02/08/13 10.47 Pagina 6

EQUIP AUTO

Ricambicontraffatti

È solo la punta dell’iceberg?

$!,¬¬!,¬¬/44/"2% 15!24)%2%¬%30/3)4)6/¬s¬0!2)3¬./2$¬6),,%0).4%

Il fenomeno della contraffazione aumenta anche nel settore dei ricambi per auto. Ma i dati noti sono relativi alla sola merce sequestrata...

N Loredana Gulino Direttore Generale della Direzione per la Lotta alla Contraffazione, Ufficio Italiano Brevetti e Marchi del Ministero dello Sviluppo Economico.

el 2012, il Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione - ha realizzato con il Censis un rapporto su dimensioni e caratteristiche della contraffazione in Italia. Un documento che fornisce una stima del presunto fatturato ricavabile da tale attività in termini di consumi di prodotti contraffatti e di impatto macroeconomico. Emerge che, nel 2010, il fatturato del mercato degli autoricambi contraffatti in Italia è stato di circa 107 milioni di euro. Per comprendere questo preoccupante fenomeno abbiamo intervistato l’avvocato Loredana Gulino, Direttore Generale del ramo del Ministero dello Sviluppo Economico impegnato nella lotta alla contraffazione. La produzione e l’importazione di ricambi auto contraffatti in Italia è in aumento? Una stima del trend dei ricambi auto e moto contraffatti in circolazione in Italia può essere ricavata dall’analisi dei dati sui sequestri di parti di auto e motoveicoli e accessori a opera di Agenzia delle Dogane, Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Carabinieri e Polizie locali, per violazioni alle norme sulla contraffazione, sul Made in Italy e sulla sicurezza dei prodotti. La stima si basa sull’elaborazione dei dati contenuti nel database IPERICO (www.uibm.gov.it/iperico). Limitando l’analisi ai dati nazionali aggregati di Guardia di Finanza e Agenzia delle Dogane, in termini di numero di sequestri si evidenziano variazioni marcate da un anno all’altro, con picchi notevoli nel 2009 e nel 2010 e comunque con una crescita dal 2008 al 2012 del 40 per cento delle violazioni citate. A livello complessivo, i sequestri 2012 sono sostanzialmente in linea con quelli registrati nel 2011, i quali tut-

"53).%33 ¬)../6!:)/.% ¬3#!-") ),¬3!,/.%¬#/-0,%4/¬%¬#/.6)6)!,% 0%2¬)¬$)342)"54/2)¬%¬)¬"59%2¬$%,¬0/34 6%.$)4! tavia evidenziano una decisa flessione rispetto al 2010 (meno 70 per cento circa). Nel 2012 rispetto al 2011 si registra un incremento del numero di sequestri per sicurezza prodotti (più 80 per cento) e una riduzione (meno 20 circa) di quelli per contraffazione. Quali sono i principali Paesi di origine extracomunitaria dei ricambi contraffatti? I dati delle Dogane Europee relativi alla contraffazione dei ricambi auto evidenziano una costante e significativa crescita dal 2009 al 2011 sia in termini di numero di sequestri che di prodotti sequestrati. Per quel che riguarda il Paese di origine, nel 2011 oltre il 60 per cento del numero di prodotti sequestrati dalle Dogane Ue della categoria ‘vehicles including accessories and parts’ era di provenienza cinese, quasi il 25 per cento arrivava dagli Emirati Arabi e il 7 da Hong Kong. Quale pericolo comporta la diffusione dei prodotti contraffatti? Un ricambio contraffatto mette a rischio l’integrità del veicolo ma soprattutto la salute e la sicurezza di chi lo occupa o lo utilizza e di coloro che sfortunatamente si trovano sul suo tragitto in caso d’incidente causato da un pezzo contraffatto. A tali pericoli si sommano i danni socio-economici: si è detto che il fatturato della contraffazione in Italia per il settore ‘Pezzi di ricambio auto’ nel 2010 è stato stimato in oltre 107 milioni di euro, pari all’1,5 per cento del fatturato complessivo della contraffazione nel nostro Paese. Il mancato gettito generato dalla contraffazione per la categoria dei pezzi di ricambio è stimato, per il 2010, in quasi 22 milioni di euro di imposte dirette non versate

NUOVO NEL 2013

Settembre 2013

Richiedete il vostro pass d’ingresso www.equipauto.com Codice: APCAI

¬¬Percorsi di visita adattati ai vostri centri d’interesse ¬¬Appuntamenti d’affari ¬¬Forum internazionali e spazi di dimostrazioni ¬¬1XPHURVHRIIHUWHSHUIDFLOLWDUHODYRVWUDYLVLWDHIDUYLDSSUR¿WWDUH al meglio di Parigi

Da mercoledì a domenica dalle ore 10 :00 alle ore 19 :00 con due aperture notturne - venerdì e sabato no alle ore 21:00 Per ulteriori informazioni:

6 AsConAuto INFORMA

2013

www.equipauto.com

Saloni Internazionali Francesi - Tel.: 02/43 43 531 Fax: 02/46 99 745 - e-mail: info@salonifrancesi.it

an event by


12613_Nazionale_20 02/08/13 10.47 Pagina 16

Intervista

ma di tutto

SI VA A PARIGI

oggi su 568, il 13 per cento i più. Se guardiamo invece alle auto di meno di tre anni per concessionario vediamo che sono passate da 2.066 a 1.744 a causa della flessione delle immatricolazioni.

Sarà Equip Auto la prossima fiera dedicata agli autoriparatori. Mario Fiems ci spiega perché andarci

P

oche settimane e sarà ancora Equip Auto, la fiera dell’autoriparazione che va in onda ogni due anni alle porte di Parigi. Un appuntamento classico degli anni dispari, utile anche a tastare il polso del post vendita transalpino, ma non solo. Per saperne di più, AsConAuto Informa ha incontrato Mario Fiems, che della kermesse francese arrivata alla sua ventunesima edizione e organizzata da Comexposium è direttore del polo trasporti & industria.

Mario Fiems, direttore del polo Trasporti e Industria di Comexposium, è l’anima di Equip Auto. E non solo di questa manifestazione.

Perché un’azienda dovrebbe esporre a Equip Auto? Perché la Francia è uno dei più grandi mercati del post vendita. È al secondo posto e si mantiene a un buon livello grazie anche al fatto che l’industria nazionale dell’auto è abbastanza forte. Perciò, nonostante la crisi, il post vendita in Francia resta buono. Equip Auto è anche una piattaforma che dà accesso ad altri mercati, come ad esempio l’Africa, ed è una porta verso i mercati europei dell’est. Resta una fiera più globale di altre expo conconcorrenti, come ad esempio l’Automechanika di Francoforte, che è soprattutto una vetrina della tecnologia. Mentre a Parigi, così come all’Autopromotec di Bologna, abbiamo la rappresentazione più globale di tutta la filiera automotive: dal costruttore all’autoriparatore. Per questo la manifestazione rimane aperta pure il sabato e la domenica. Perché anche il piccolo meccanico, che ha un’estrema

Tutti a Equip Auto Quando: dal 16 al 20 ottobre 2013 Dove: Parco Esposizioni Villepinte, alle porte di Parigi.

16 AsConAuto INFORMA

Orario: dalle 10 alle 19. Venerdì e sabato fino alle 21, domenica alle 17. Settori rappresentati: Attrezzature per autoriparatori e carrozzieri. Ricambi.

necessità di migliorare le proprie competenze tecniche, è il benvenuto. Quindi il meccanico puro, in quanto visitatore, è molto importante per Equip Auto? Estremamente importante. Abbiamo notato che, nell’edizione che si terrà questo ottobre, le grosse aziende hanno scelto di posizionare i propri stand all’interno del padiglione 5, insieme a tutti i fabbricanti di attrezzature per il garage. Il loro obiettivo è quindi non solo trovare distributori o importatori, ma portare un messaggio sulle nuove tecnologie che l’autoriparatore dovrà per forza conoscere in futuro. Ma, in definitiva, il meccanico influenza la scelta del consumatore finale? Assolutamente sì. È lui l’ultima connessione tra chi produce auto o tecnologie per l’auto e il consumatore. I dealer sono quelli che soffrono di più al momento. Infatti. A tal scopo, coi costruttori abbiamo ideato un forum incentrato sulle attività utili a incrementare il business del post-vendita nelle concessionarie. I concessionari hanno oggi dei cali notevoli non solo nella vendita delle automobili, bensì anche nella loro riparazione. Gli autoriparatori indipendenti hanno invece attuato strategie più aggressive a discapito delle officine interne alle concessionarie. Cosa c’è in questa edizione che non c’era due anni fa? Più marketing e comunicazione. Più servizi insomma. Non sarebbe utile spostare l’evento a Porte de Versailles, nel cuore della Ville Lumière? Sicuramente darebbe un altro glamour all’evento. l

Settembre 2013

cento di chi ha più di 60 anni utilizza internet più o meno regolarmente ma è anche vero che difficilmente lo fa per la manutenzione dell’auto. Anche perché Internet ben si adatta ai prodotti standard e la riparazione, tagliandi esclusi, non è fra questi.

Quali tendenze nel mondo degli indipendenti? Abbiamo notato che le officine indipendenti riducono l’organico a causa della diminuzione della domanda. Ci si sposta sempre più verso officine di piccole dimensioni. Nel 2007 il 23 per cento delle indipendenti contava un addetto, oggi sono ben il 37 per cento. Strutture che investono comunque in formazione perché sanno che è indispensabile per andare avanti, non in informatica. Solo un 22 per cento possiede un sito. Più ‘virtuali’ carrozzieri e gommisti, il 36 per cento dei quali dichiara di avere un sito internet. Credo che si debba riflettere sul fatto che è vero che oggi anche il 40 per

Come garantirsi un futuro? Lavorando bene. Qualità e affidabilità della riparazione sono il primo criterio di scelta per gli automobilisti. Poi c’è la velocità nell’esecuzione del lavoro e qui bisogna sapersi organizzare per avere i ricambi necessari pronti al bisogno. Al terzo posto troviamo la vicinanza al domicilio o al posto di lavoro: visto che non possiamo spostare l’officina bisogna cercare soluzioni per avvicinare il cliente. C’è poi la trasparenza dell’offerta. Di fronte a un preventivo chiaro e ben fatto nessuno potrà accusare il meccanico di essere troppo caro. l


12613_Nazionale_20 02/08/13 10.47 Pagina 4

Intervista

Pubbliredazionale

Qualità pri Perché per un lavoro ben fatto l’automobilista è ancora disposto a spendere. Come cambiano le abitudini degli italiani e come si evolvono le reti di riparazione nelle indagini di GiPA per noi commentate da Marc Aguettaz

C

ome cambiano le abitudini degli italiani in fatto di auto e come si evolvono di conseguenza le reti di autoriparazione. C’è questo e molto altro nelle indagini GiPA che Marc Aguettaz, Amministratore Delegato della Filiale italiana del Gruppo, ha commentato per AsConAuto Informa.

alla cura dell’auto. Solo un 6 per cento l’ha aumentata e un 10, invece, l’ha ridotta.

Veniamo dunque al rapporto tra automobilisti e reti di riparazione...

Dopo un lungo periodo di stabilità negli ultimi 24 mesi si osserva una riduzione del numero di ingressi in offiPartiamo dagli automobilisti. Quali sono gli ele- cina. Attenzione però perché diminuisce pure il numero Amministratore menti più rilevanti emersi nel 2013? Delegato di GiPA Italia. di circuiti frequentati (vedi Grafico). Se la curva degli Il primo è che il parco circolante è caingressi segue quella dei circuiti ai quali ci Le buone notizie lato ma solo di uno 0,14 per cento, che si rivolge vuol dire che l’automobilista non non mancano. Negli cambia più canale in funzione del tipo di equivale a 46.000 vetture in meno. Il ultimi anni sono secondo è che la percorrenza annua è rimalavorazione ma preferisce avere un unico cresciute sta immutata. Nel 1992 eravamo intorno ai le auto per singolo interlocutore per tutte le sue necessità. autoriparatore: 15.000 chilometri, nel 2002 eravamo scesi Sembrano finiti insomma i tempi in cui dalle 496 del 2007 Come evidenzia sotto i 14.000 e da 5 anni a questa parte si sceglieva il gommista per i pneumasi è arrivati alle il grafico in basso siamo stabili intorno ai 13.000. Questo vuol tici, l’elettrauto per la lampadina, etc. attuali 568. l’automobilista italiano dire che gli italiani a car sharing, car pooInsomma è vero che non ce n’è più per tende sempre più ling, biciclette e mezzi pubblici continuano a preferire tutti ma non per mancanza di soldi. a concentrare la loro automobile. E poi solo il 20 per cento della pola domanda su meno polazione della Penisola potrebbe optare per queste al- Manutenzione sempre più curativa? tipologie ternative. Se vivi a nord di Treviso, per esempio, non ti Assolutamente sì, complice anche la crisi. La manutendi autoriparatori. zione di tipo curativo è cresciuta di 15 punti percentuali resta che la tua quattro ruote. in 5 anni, passando dal 30 al 45 per cento. Questo non Evoluzione n° medio ingressi in officina e n° medio Perché si utilizza l’auto? vuol dire che gli automobilisti rinunciano agli interventi canali frequentati L’indagine 2013 rileva che non sono manutentivi ma li fanno in occasione di quelli curativi. cambiati i motivi per i quali si sale a bordo. Al primo posto troviamo gli Come cambia la rete di autoriparazione? acquisti, poi ci sono gli spostamenti Oggi sono 55.600 le officine di autoriparazione in Italia, per lavoro o per accompagnare i figli il 10 per cento in meno rispetto al 2007, l’anno pre crisi. a scuola. Percorrenza e uso, dunque, I dati ci dicono che le reti OES e IAM sono diminuite alla sono rimasti immutati e nell’84 per stessa velocità e che il rapporto rimane di tre a uno. Il cento dei casi non ha subito varia- numero medio di vetture per officina sta crescendo: nel zioni nemmeno la spesa dedicata 2007 ogni autoriparatore poteva contare su 496 auto, Marc Aguettaz,

4 AsConAuto INFORMA

Settembre 2013

I Ricambi Reman Mercedes-Benz sono l’alternativa economica ed ecologica al nuovo. Qualità elevata e sicurezza testata a un prezzo fino al 50 per cento inferiore

Quando l’Originale è eco

M

ercedes-Benz offre una linea di ricambi Originali in alternativa a quella dei nuovi. Si chiama Ricambi Reman Originali Mercedes-Benz ed è formata da componenti rigenerati e testati per garantire standard qualitativi uguali a quelli nuovi. I Ricambi Reman Originali si distinguono per l’eccellente rapporto qualità-prezzo. Il risparmio può infatti arrivare sino al 50 per cento in meno sul prezzo del ricambio Originale nuovo. Oltre al risparmio economico, i Ricambi Reman Originali Mercedes-Benz sono realizzati con processi produttivi che richiedono una quantità inferiore di materie prime ed energia, a tutto vantaggio dell'ambiente. L’offerta dei ricambi della Stella conta oltre 12.000 Ricambi Reman Originali Mercedes-Benz divisi in 70 gruppi e disponibili in ogni momento. Tra questi, ad esempio, motori interi, turbocompressori, testate, pompe d’iniezione, alternatori, compressori del climatizzatore, motorini di avviamento e cilindri freno.

Rigenerati uno ad uno I componenti sono sottoposti a un completo processo di rigenerazione. Il ricambio viene prima smontato e disassemblato, per poi essere pulito con attenzione e professionalità. Gli esperti Mercedes-Benz sottopongono i

gruppi principali a severi controlli funzionali e visivi e sostituiscono tutte le parti soggette a usura con altre nuove. Solo dopo aver eliminato le criticità, i componenti riutilizzabili vengono sottoposti a ricondizionamento in modo da garantire nuovamente il rispetto delle specifiche del Costruttore.

Ulteriori informazioni su www.mercedes-benz.it/reman-vetture o presso il Service Partner Mercedes-Benz di fiducia.

Garantiti come nuovi La garanzia fornita per i Ricambi Reman è la stessa dei componenti nuovi. Per acquistarli è necessario consegnare al Service Mercedes-Benz di riferimento il componente da sostituire. Ordinare i Ricambi Reman è facile, soprattutto con WebParts, la piattaforma digitale per la vendita online dei ricambi della Stella.

L’ambiente ci guadagna Tra i molti vantaggi offerti dai Ricambi Reman Originali, uno sta particolarmente a cuore a Mercedes-Benz: proteggere il clima e l'ambiente. L'impiego di Ricambi Reman Originali, in luogo dei nuovi, permette di proteggere attivamente il pianeta dato che la loro produzione richiede meno energia, meno materie prime, permettendo di contenere le emissioni. l

Il processo di rigenerazione di un motore Originale Mercedes-Benz in 6 fasi 1. Smontaggio Nella prima fase, il motore viene disassemblato.

Settembre 2013

2. Pulizia Nell'ambito di un processo complesso, le tracce di sporco e olio vengono eliminate da tutti i componenti. Parti particolarmente imbrattate o corrose vengono sottoposte ad ulteriore pulizia utilizzando vari metodi di sabbiatura.

3. Controllo e sostituzione Ogni componente, anche il più piccolo, viene sottoposto a un controllo visivo o a un test funzionale durante il quale un eventuale danno viene tempestivamente riconosciuto.

4. Rigenerazione Tutti i componenti riutilizzabili sono rigenerati in modo professionale soddisfacendo quindi le specifiche del Costruttore.

5. Montaggio Tutti i componenti testati sono montati in conformità ai requisiti della produzione di serie per formare un motore Reman Originale Mercedes-Benz completo e pienamente funzionante. Le modifiche rilevanti per la qualità sono integrate in automatico in questo processo.

6. Controllo qualità I motori Reman sono sottoposti esattamente agli stessi controlli funzionali di quelli nuovi volti a garantirne la conformità a standard identici a quelli della produzione di serie.

AsConAuto INFORMA 17


12613_Nazionale_20 02/08/13 10.47 Pagina 18

Le date da ricordare... 16 settembre 2013 IVA - Liquidazione e versamento dell’Iva relativa al mese precedente (agosto) da parte dei contribuenti Iva mensili; - Liquidazione e versamento dell'Iva relativa al secondo mese precedente da parte dei contribuenti Iva mensili che hanno affidato a terzi la tenuta della contabilità optando per il regime previsto dall’art. 1, comma 3, del D.P.R. n. 100/1998;

RITENUTE D’ACCONTO - Versamento delle ritenute d’acconto relativamente ai redditi corrisposti nel mese di agosto (lavoro autonomo, dipendente, di capitale, provvigioni) da parte dei sostituti d’imposta; 16 settembre 2012;

IMU - Versamento dell’eventuale secondo acconto Imu 2013, tramite il mod. F24;

30 settembre 2013 DICHIARAZIONI - Trasmissione in forma telematica della dichiarazione dei redditi delle persone fisiche, società di persone, società di capitali e enti non commerciali direttamente o tramite intermediario abilitato con allegati gli studi di settore e la dichiarazione Iva, qualora quest’ultima non sia già stata inviata in forma autonoma. L’invio dei dati incompleti, infedeli o omessi riguardanti gli studi di settore legittimano l'accertamento sintetico e dal 06/07/2011 entrata in vigore del D.L. 98/2011 aumentano le sanzioni;

RAVVEDIMENT0 - Ultimo giorno utile per la presentazione di Unico 2013 persone fisiche in scadenza il 30 giugno 2013. La dichiarazione presentata con un ritardo non superiore a 90 giorni è sanabile con il pagamento di una sanzione di 25 euro.

n Se avete accordi con le società di noleggio nella vostra officina transiteranno parecchie auto del Gruppo Fiat. Nei primi quattro posti della top ten delle vetture più acquistate da società ed enti nell’ultimo decennio troviamo, infatti, Fiat Punto (239.401 unità), Fiat Panda (226.744), Lancia Ypsilon (79.166) e Alfa Romeo 147 (73.138). Per vedere una

‘straniera’ dobbiamo andare alla quinta posizione dove compare Bmw Serie 3 (con 61.976 unità), inseguita da Smart ForTwo (61.262) e dall’evergreen di Casa Volkswagen, Golf (58.474). In ottava e nona posizione ancora due Fiat, Stilo (57.010) e Seicento (55.313). Chiude la classifica Renault Clio a 52.283 unità.

n Un’occasione unica per i tecnici della rete Mercedes-Benz di mettere alla prova le proprie competenze. È TechMasters Truck, il concorso della Stella che mira a valorizzare il ruolo di meccanici & co. al fine della massima soddisfazione del cliente professionista. La finale nazionale ha avuto luogo nel centro di formazione di Vittuone. Saranno Marco Bianchi, Tecnico di Diagnosi Certificato della Max Service, Alan Tempini, Consulente Tecnico Certificato dell’Agricar Diesel, Guido Pighi, Tecnico di Sistema Catena Cinematica della Gino, Alessandro Dorigoni, Tecnico di Sistema Autotelaio della Interservice, Arancio Matteo, Tecnico di Manutenzione della Novauto, e Andrea Zambon, Venditore Ricambi e Accessori della Trivellato, a rappresentare l’Italia a Stoccarda dal 12 al 14 novembre. I sei membri del team italiano, uno per ciascuna figura professionale delle officine MercedesBenz Trucks, si sono distinti tra i 30 finalisti che avevano superato con successo la fase di preselezione, nelle prove teoriche e pratiche, differenziate in funzione della job profile, e nell’esercitazione finale in cui veniva ‘misurata’ la capacità degli uomini di fare squadra. . Per il terzo anno consecutivo, Bridgestone Italia e Würth Italia sono stati partner della fase nazionale del TechMasters Truck 2013. A Stoccarda l’Italia, medaglia d’oro all’edizione 2011, dovrà vedersela con le squadre di Belgio, Brasile, Germania, Portogallo, Sud Africa, Spagna, Svizzera e Turchia.

L’AUTOAGENDA

Parliamodi...

Sommario 4

Intervista a Marc Aguettaz di GIPA

Il cliente vuole qualità 6

Allarme contraffatti

Un giro di affari da paura

n Ad Ancona l’11,5 per cento delle autovetture circolanti è alimentato a metano. Un dato che fa del capoluogo marchigiano la città con la maggior

9 12

Linea diretta con i consorzi Il gestionale Visual Software

INTEGRAto al massimo 14

mo anno Diminuisce nell’ultii interventi gl r il gettito Iva pe riparazione di manutenzione e uisto di ricambi cq dell’auto e per l’a ardi di euro e accessori. 9,3 mili un meno 10,1 hanno fatto segnare 2011 quando per cento rispetto al,35 miliardi. si erano toccati i 10

Il nostro quiz

Ma quante ne sai? 16

Equipe Auto 2013

Ci vediamo a Parigi quota di auto a gas naturale compresso in Italia. Seguono Ravenna, Parma, Bologna e Ferrara. Numeri che emergono da un’elaborazione dall’Osservatorio Federmetano. I primi dieci posti della classifica sono occupati da città dell’Italia centro-settentrionale, e ben otto di queste sono in Emilia-Romagna. Se la vostra officina si trova da queste parti dovrete saperci fare con i motori a metano.

SUL WEB

18

Notizie flash

18

Appuntamenti

18

Le scadenze del mese

Ai tassisti piace Toyota vetture immatricolate . Su 2.650 nell’ultimo anno per il servizio taxi pari al 12 per cento de ben 319, del costruttore giappo l totale, sono Renault e Volkswagen nese. Seguono 243 vetture detengonoche con 246 e uno share del 9 per cento.

www.asconauto.it AsConAuto INFORMA

www.asconauto.it

Anno 11 - N. 126 - settembre

26-27 settembre TORINO SMART MOBILITY WORLD

11-13 ottobre MONZA TRUCK EMOTION

6-20 ottobre PARIGI (F) EQUIP AUTO

24-27 ottobre PADOVA AUTO D’EPOCA

www.itnexpo.com

www.truckemotion.it

www.equipauto.com

www.autoemotodepoca.com

18 AsConAuto INFORMA

Settembre 2013

Asconauto Informa - Mensile di informazione dell’Associazione Nazionale Consorzi Concessionari Auto Aut. Trib. di Rimini N. 1 2003

Redazione: via Crimea, 7 - 47900 Rimini Tel. 0541 743085 Fax 0541 743640 info@asconauto.it www.asconauto.it

Direttore Responsabile: Giuseppe Guzzardi In redazione: Tiziana Altieri, Roberta Carati, Matthieu Colombo, Enrico Della Negra, Stefano Mecheri, Gianluca Ventura

Impaginazione: Studio Grafico Page - Novate Milanese (MI) Stampa: Tecnostampa - via Casalecchio, 27 47900 Rimini

Settembre 2013

oli ci sono più veic ta os A d’ e ll Va i, In contano, infatt che persone. Si i 1.000 abitanti contro 1.121 auto ogn na di 610. una media italiaone in classifica per La seconda regi automobilistica elevata densità4), seguita dal Lazio è l’Umbria (67 (672).

AsConAuto INFORMA 3


12613_Nazionale_20 02/08/13 10.47 Pagina 2


12613_Nazionale_20 02/08/13 10.47 Pagina 20

AsConAuto

anno 11 numero 126 - settembre 2013

www.asconauto.it

LASCIATI EMOZIONARE DALL’ARTE: RICAMBI ORIGINALI SEAT®

INFORMA

Mensile di informazione e cultura motoristica ORGANO UFFICIALE DELL’ ASSOCIAZIONE NAZIONALE CONSORZI CONCESSIONARI AUTO

Integra si espande

Intervista

Autoriparerò Marc Aguettaz di GiPa ci spiega come sono cambiate le abitudini italiane in tema di manutenzione

Ricambi

Carte false Cresce il pericoloso fenomeno dei ricambi contraffatti. Ecco tutto quanto c’è da sapere in merito

Quiz

Chissà chi lo sa SEAT SERVICE

®

SEAT raccomanda

ENJOYNEERING SEAT-ITALIA.IT

I quesiti elaborati dalla redazione per provare la vostra abilità anche a fine estate

Tutto sull’ultima versione di Infinity, il Dealer Management System sviluppato dalla Visual Software e perfettamente a proprio agio nel microcosmo della galassia AsConAuto

AsConAuto Informa  

settembre 2013

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you