Page 6

ARTINTIME

BYEALEX Avete mai pensato all’ungherese come a una lingua dolce e melodiosa? Ebbene, evidentemente c’era bisogno di lui per convincerci tutti. Marta Alex, in arte ByeAlex, è infatti un personaggio fuori dalle righe; ventottenne, laureato in filosofia, giornalista e direttore del magazine “Tattoo”, tutto si sarebbe aspettato tranne di diventare una delle più celebri star del suo paese. Fin da bambino si avvicina alla musica e con il passare degli anni compone un’infinità di canzoni che tiene rigorosamente tutte per sé. Nel 2012, però, tenta la sorte con l’aiuto dell’etichetta discografica CLS Music e fa uscire il suo primo singolo “Csókolom”; il brano entra subito nella top ten ungherese restando per settimane al terzo posto. Incoraggiato dai risultati, nello stesso anno fa uscire anche “Láttamoztam” e “Messziről”. Partecipa poi al contest “A Dal”, per accedere alle selezioni dell’Eurosong Contest di Malmo in Svezia. Inaspettatamente supera i più celebri big della scena musicale un-

6 | ArtInTime

gherese e si ritrova a un passo dal biglietto di sola andata per il festival Europeo più conosciuto; solo il voto del pubblico gli permetterà di rappresentare la sua nazione al contest in Svezia. Il suo brano, rigorosamente non in inglese è “Kedveshem” ed è una ballata leggera, lieve e infinitamente tenera. Il brano raccoglie molti consensi tanto che ne viene registrata una versione remix “Kedvesem (Zoohacker Remix)”. Il 2013 vede l’uscita del suo primo singolo in inglese, forse a sfruttare la sua nuova fama europea, “One For Me” e subito dopo un ritorno alla lingua madre, evidentemente più apprezzata anche dal pubblico straniero con “Nekemte”, dove esplora anche il mondo dell’elettronica. Schivo, riservato e defilato da tutto quel set di stelle e stelline del panorama pop, ByeAlex sembra davvero la risposta più intimista e per certi versi tradizionale della musica ungherese. Senza mai lasciarsi travolgere troppo dalle sonorità più americane o pop riesce a tenere sospeso l’ascoltatore in un vortice di leggerez-

za. Personaggio di certo strano, lui stesso ammette di aver superato un momento buio costruendosi un personaggio ideale, che vive in un mondo perfetto, un po’ fuori dalla realtà. Al di là delle più bizzarre teorie il nostro artista si rivela comunque come l’espressione di un bisogno del panorama musicale locale (e non solo): “forse adesso stiamo tornando indietro perché il pubblico non ha votato per le canzoni pop convenzionali a Eurovision, ma per una canzone che significa qualcosa per loro” rivela. Tendenza o meno, resta il fatto che ByeAlex, finora, ci ha regalato dei pezzi davvero notevoli; non resta, ora, che aspettare l’album o, magari, un bel tour. Staremo a vedere: enjoy!

Angelica Magliocchetti

Artintime N.9 - Settembre  

Rivista dedicata al mondo dell'arte in tutte le sue forme

Artintime N.9 - Settembre  

Rivista dedicata al mondo dell'arte in tutte le sue forme

Advertisement