Page 32

soffi a\e e contorte del pion iere americano del vetro Martin

Lipofs ky.

Le purissime fann e ovoidali, qui allestite con grande impatto visivo, sono decorate a sofi stica to reticello e non eccedon o, non trasgrediscono, ma costrui scono un a nuvola di ricami e colori delicati e l'occhio vi si perde con vero pi acere", Sempre in questa linea di espressione artistica si deve includere il maestro Alfredo Barbini, grande qualità e conoscenza, le opere "Rifrazioni" sono leggeri veli quasi gra fie all'in terno di classici piatti. Q uesti pezzi sono tutti datati 1996, è Wl piacere vedere che l'anziano maestro ha la mano ancora giovane e il cuore così ricco di cultura muranese. Pittore e designer appassionato del vetro, Luciano Gaspari è presente con i suoi classici oggetti dal sapore anni '60 dai forti toni e col ori di gusto pittorico. Carlo M oretti, noto come qualificato designer di oggetti d'uso, disegnati per la sua stessa azienda, si presenta con blocchi massicci finemente decorati con limpidi colori galleggianti o sommersi in riquadri all'interno della massa. Anche in questo caso l'oggetto si ricollega ad un guSto astratt% ptical tipico dell'arte anni '60. Dopo questi esempi sia di fo rza scultorea che di sensibilità e cultura della materia, viene spontaneo domandarsi dove sia poss ibile collocare gli altri ospiti di Palazzo Ducale: non nell'arte

36

con l'A maiuscola, né nel buon design, piuttosto nel vasto mondo del cattivo gusto e del decorativismo inutile. Lo stesso si di ca per la grande maggioranza degli oggetti esposti al Correr. Le sale sovraffollate si presentano agli occh i del visitatore come una maniacale ossessione monomaterica. L'occhio attento certo ritroverà i pezzi di qualità maldestramente annegati in un mare superfluo. Per sua fortun a isolato al piano terra, si nota l'elegante fuso in piastre di cristallo al nitrato d'argento di Alessandro di Santillana. Una svo lta più decisa e interessan te nel mondo della scultura del giovane artista veneziano. N ella prima sala, si notano le classiche murrine sempre eleganti di Laura de Santillana, vicin e all e semplici forme soffiate del nordico Sarpaneva . Sembra per un attim o di tornare ai tempi della Venini, ma si viene subito travolti da vasi di diversa foggia~ pupazzi vari, persino un robot in piastre di vetro pacchianamente colorate con TV incorporata! forse i curatori e selezionatori troppo immersi nel vetro non si sono ricordati dei videorobot dell'artista Nam J une Paik! Più avanti si fann o notare tre bellissimi pezzi di Toots Zinsky e alcune purissime form e degli artisti svizzeri Ph ilip Baldwin e Monica Guggisberg oltre a quelle

Aperto Vetro si articola anche in una terza sezione a Murano dedi cata ai giovani allievi di scuol e di tutto illllondo. A rappresentare l'Italia vi è un gruppo di giovani di ottima qua lità, form ati alla scuola del "lavoro" spesso in fo rnaci di fami glia di antica tradizione. Certo non sfigura no come abilità e m anualità, ma si potrebbe fare di più per loro con scuole formativ e che purtroppo sono una nostra lacuna . Fino ad ora ha supplito la grande forza di tradizione, la cultura trama ndata di padre in fi glio, ma è ora di all inearsi all'Europa p romuovendo la forma zione di nuovi artigiani qualificati stimolati da idee anche nuove ad arricchimento della tradizione. Facciamo però attenzione a non imitare anche un certo cattivo gusto d'importazione. A cosa è servita, insomma , questa invasione di "vetro a tutti i costi"? Non certo alle aziende tradizionali, non ai grandi maestri muranesi ben poco rappresentati, non ai designers, che avrebbero potuto costituire un settore importante, a veri fica di quanto è stato fatto in questi anni per la cultura del progetto nel campo del vetro muranese. L'Arte poi , intesa come sculrura in vetro, è rappresentata da alcuni rari personaggi solamente st1'flllit1'i ! Gli artisti veneziani più rappresentativi e noti a li vello mondiale, si sono sottratti a una mostra così fatta, lasciando spazio al "trionfo" made in U.S.A. Bisogna però auspicare che la mani festazione, "Aperto Vetro", nelle buone intenzioni d'origine, com e mostra Biennale si ripeta, ma questa volta nel modo migliore, eliminando il grave malinteso che emargina da tempo il "Vetro" rispetto alle altre Arti.

Profile for Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte

Artigianato 24  

Italian magazine about crafts and arts

Artigianato 24  

Italian magazine about crafts and arts

Advertisement