Page 1

INCONTRO INTERNAZIONALE DI

studenti di arte CON

rifugiati e rifugiate saharawi 1-15 Ottobre 2011 Campi Profughi Saharawi Tindouf (Argelia)


Il conflitto del SAHARA OCCIDENTALE ha origine nel fallito processo di decolonizzazione di questo territorio. Nel 1975 la Spagna, la potenza coloniale fino a quel momento, cedette agli interessi espansionistici dei paesi vicini al Sahara Occidentale consegnando il territorio al Marocco e alla Mauritania, nonostante che ripetute risoluzioni delle Nazioni Unite riconoscevano il diritto alla autodeterminazione della popolazione di questo paese africano. Ciò provocò lo scoppio di un conflitto armato tra il Fronte Popolare per la liberazione di Saguia el Hamra e il Rio de Oro (Fronte POLISARIO) e gli stati del Marocco e della Mauritania, paese, quest’ultimo, che si ritirò dal conflitto nel 1979.

chilometri di lunghezza, fiancheggiato dal campo minato continuo più grande al mondo. Il muro minato, invisibile per il mondo allo stesso modo di questo conflitto, attraversa tutto il territorio saharawi dal nord alla Costa Atlantica, obbligando famiglie e persone alla separazione forzata. Verso la costa, la popolazione saharawi che vive nel proprio territorio sotto occupazione e che subisce continue violazioni dei suoi Diritti Umani (repressione, violazioni, torture, detenzioni arbitrarie, sparizioni forzate, processi sommari…), emarginazione e sfruttamento delle sue risorse naturali. Dall’altro lato, nei Campi Profughi a Tindouf, nella disumana Hammada algerina, circa 200.000 saharawi sopravvivono con gli aiuti internazionali.

Dal 1991 un cessate il fuoco ha ceduto il passo a successivi piani di pace auspicati dall’ONU e dalla Unione Africana, che hanno fallito nel momento di mettere in pratica gli accordi e che hanno prolungato per più di 35 anni la sofferenza del Popolo Saharawi che vive diviso da una parte e dall’altra del muro marocchino di oltre 2.000

ARTIFARITI EN LOS CAMPAMENTOS è un programma formativo in Arte e Comunicazione che ha luogo ogni mese di ottobre nei campi di Tindouf e che ha la pretesa di portare un soffio di libertà e speranza alla gioventù saharawi rifugiata a cui hanno rubato il presente e cercano di togliere

anche il futuro. Arte Tessile, Serigrafia, Scultura in Ferro, Pittura, Reti Sociali, Radio, Giornalismo Cittadino, Videocreazione. Utilizzando attrezzature contemporanee e materiali legati alla cultura e alla identità saharawi, la gioventù saharawi si esprime, fugge dall’isolamento e cerca opportunità per il suo sviluppo personale e collettivo. Cerca anche lavoro. In questo processo, in uno scambio di esperienze, li accompagnano artisti e studenti di arte di altri paesi del mondo. ARTifariti è un contesto di lavoro dove le pratiche artistiche giocano un ruolo provocatorio, riflessivo, trasformatore. L’asse è il conflitto saharawi, ma da lì si pone in discussione qualsiasi situazione nella quale si violano i Diritti Umani, individuali e collettivi.


PROGRAMMA Giorno 1 Ritrovo all’aeroporto di Fiumicino. Volo RomaAlgeri-Tindouf. Arrivo ai Campi Profughi. INCONTRO INTERNAZIONALE DI STUDENTI DI ARTE CON RIFUGIATI E RIFUGIATE SAHARAWI Campi Profughi Saharawi Tindouf (Algeria) Dall’1 al 15 ottobre 2011

Giorno 2 Mattina: presa di contatto con la famiglia saharawi di accoglienza e il contesto. Pomeriggio: Incontro di Benvenuto (ricevimento da parte di autorità culturali, conferenza su ARTifariti: Incontri Internazionali di Arte e Diritti Umani del Sahara, proiezioni e concerto di musica saharawi). Giorni dal 3 all’11 ottobre – Laboratori documentaristici

I campi di rifugiati e rifugiate saharawi situati nella località algerina di Tindouf funzioneranno come laboratorio di conoscenza e esperienza su Pratiche Artistiche e Diritti Umani per studenti di Arte di tutto il mondo. L’obiettivo di questo incontro internazionale è riflettere nel ruolo dell’Arte come strumento di trasformazione sociale, conoscendo il caso concreto del conflitto saharawi: l’esilio forzato e l’occupazione. Gli studenti presenteranno le proprie conclusioni attraverso una proposta artistica libera individuale. Questo seminario si sviluppa in forma parallela al programma di Laboratori di Arte e Comunicazione “ARTifariti en los Campamentos”.

Contatto con la realtà che vive il Popolo Saharawi, sia nei campi che nei territori occupati, attraverso diversi laboratori pratici. Ogni laboratorio occuperà una mattina o un pomeriggio. Nel resto della giornata gli studenti dovranno riflettere e lavorare nella esecuzione di una proposta in formato e linguaggio libero che sarà presentata nella giornata di chiusura del programma (ogni studente dovrà portare nella sua valigia, dal proprio paese di origine, i materiali e gli strumenti che consideri necessari per realizzare il suo lavoro). Laboratori e azioni programmati: - Partecipazione alla Carovana di Artisti che percorre diversi Campi realizzando attività culturali con la popolazione rifugiata - Laboratorio di riflessione su Pratiche Artistiche e Diritti Umani - Laboratorio sulla Donna Saharawi (visita alla Scuola delle Donne e alla Unione Nazionale Donne Saharawi-UNMS. Lavoro con un gruppo di donne). - Laboratorio sulla Infanzia Saharawi (lavoro nelle scuole con bambini e bambine saharawi) - Laboratorio Arte Terapia nel contesto del conflitto

- Laboratorio sul progetto “Gli Sconosciuti: Ritratti di Scomparsi Saharawi” e conferenza sulla violazione dei Diritti Umani nelle zone occupate (lavoro con la Associazione di Familiari di Prigionieri e Scomparsi Saharawi – AFAPREDESA) - Laboratorio Mine/Muro: Armi di Occupazione (lavoro col Centro di Vittime delle Mine “Martir El Sherif” con esperti in disattivazione di mine di Landmine Action, esperti in logistica militare e gruppi di giovani che lavorano contro il Muro) - Laboratorio Mezza Luna Rossa Saharawi – MLRS sulla situazione della popolazione rifugiata saharawi - Interazione con i Laboratori di “ARTifariti en los Campamentos” Giorno 7 Giorno libero per condividere con la famiglia di accoglienza o con la popolazione dei campi Giorno 12 Lavoro personale in ogni proposta artistica Giorno 13 Mattina: montaggio dell’esposizione dei lavori degli studenti Pomeriggio: presentazione dei lavori e Festa di Chiusura Giorno 14 Giorno libero e partenza per Roma (arrivo a Roma nel primo pomeriggio del 15) COSTO DI PARTECIPAZIONE 980 euro Comprende il volo da Roma, assicurazione e visto, vitto e alloggio. TERMINE DI ISCRIZIONE 31 luglio INFORMAZIONI info@ixnous.org info@artifariti.org movilizacion@saharasevilla.org


informazioni IXNOUS - Associazione Culturale Itinerante info@ixnous.org ixnousassociazione. wordpress.com www.ixnous.org

ulteriori informazioni

ARTIFARITI movilizacion@saharasevilla.org info@artifariti.org artifaritienloscampamentos. blogspot.com artifariti.blogspot.com

ARTIFARITI INCONTRO STUDENTI D'ARTE  

Incontro internazionale di studenti d'arte nei campi rifugiati saharawi

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you