Issuu on Google+

Facebook: ASD CALCIO COSTE ITALIA

lunedì 22 ottobre 2012 2,00 €

Anno 1 - numero 2

La Fanzetta dello Sport Tutto il giallo-blu

della passione

Voi metteteci il CARAT ERE, all’inchiostro ci penso io!

Cartucce, Toner e Carta fotografica Via Roma, 20 Montebelluna

GIRONE A

GIRONE C

Solo un pari per il Bigolino con il Cison

Piccola crisi per il Caerano: solo 0 a 0

Il Cornuda a valanga sul Contea

Tra Casacorba e Riese festa dei gol

Moris, 20 anni, braccato a tutto campo

COSTE: Ahi Ahi Ahi INCREDIBILE: IL COSTE SEGNA TRE GOL MA NE PORTA A CASA SOLO UNO. CHE REGALI!!! Una “papera” e una uscita “senza permesso” di Diego mettono il Venegazzù sul 2-0 dopo solo trenta minuti di gioco, poi un terzo gol arriva su corner. Secondo tempo con il Coste all’arrembaggio, ma arriva solo una rete su rigore con Mirko; a fermare il risultato ci pensa la “LUNA NERA” ARTICOLO A PAGINA 2

Diego Silvestri ha chiesto di poter saltare l’allenamento del lunedì: il Mister Gnoe e la società accettano la proposta, ma a patto che Diego si alleni a Coste quando il Coste gioca in trasferta e che aiuti i vecchietti ad attraversare la strada quando il Coste gioca in casa.

IL ROMPIGLIONE DI LORIS VISINTIN

Girone B /4a GIORNATA del 21/10/2012

IL CASO PERCHE’ BOITO NON GIOCA

Ennesima panchina per Guido Boito senza essere utilizzato: <<Sto valutando altre proposte… più in alto>>

Prima sconfitta anche per il Cà Rainati Il Loria spara sulla Croce Rossa Castelcucco PARTITE

CLASSIFICA

G.S. CASELLE - AMATORI PIAVE T.

2-0

C.A. CROCETTA

13

AMATORI PIAVE T.

6

ARTICOLO A PAGINA 2

A.S.D.C. COSTE - A.S.D. VENEGAZZU’ SMV

1-3

A.S.D.C. LORIA

12

A.C. CIANO

4

A.C. CIANO - C.A. FONTE

3-4

C.A. FONTE

12

A.S.D. MONFUMO

3

IL CAMPO NON SEGNA NEMMENO LEO

A.S.D. CA’ RAINATI - C.A. CROCETTA

3-6

A.S.D. CA’ RAINATI

12

A.S.D. E. POSSAGNO

1

A.S.D. MONFUMO - PEDEROBBA F. LOVERS

4-2

A.S.D.C. COSTE

10

PEDEROBBA F.L.

0

A.C. CASTELCUCCO - A.S.D.C. LORIA

0-5

G.S. CASELLE

9

A.C. CASTELCUCCO

0

A.S.D. VENEGAZZU’

6

Riposa: A.S.D. EAGLES PEDEM. POSSAGNO

Il dirigente Leo, preposto alla segnatura del campo non lo fa. Il vice-presidente lo chiama, ma è troppo tardi ARTICOLO A PAGINA 4


2

LA FANZETTA DELLO SPORT

GIRONE B

LUNEDI’ 22 OTTOBRE 2012

4a GIORNATA

Silvestri shock: dopo 30’ il Venegazzù e avanti 2-0 gratis Serata no per Diego che rende la vita difficile ai compagni. Nel secondo tempo non basta buttare cuore e anima oltre l’ostacolo LORENZO VISENTINI COSTE

FEDELISSIMI Già al quarto d’ora i Fede-

La serata che non ti aspetti. No, il Mister Gnoe se l’aspettava invece, e la temeva di brutto: troppo vecchio del mestiere, troppo esperto di calcio, troppo intelligente per non pensarci. La bella prestazione della squadra a Loria portava con sé un effetto collaterale molto pericoloso, ovvero, quello di abbassare la concentrazione e di conseguenza, affrontare la prossima gara con una mentalità sbagliata, anche a fronte del fatto che la squadra da affrontare si chiama Venegazzù (3 punti in classifica; 3 gol fatti; 2 gol subìti n.d.r.). In spogliatoio, il Mister Gnoe esordisce raccomandando attenzione e concentrazione: <<Pretendo un gol entro il primo quarto d’ora>>; netto tentativo questo, di dare pepe alla gara, oltre alla speranza di caricare “a pompa” le energie mentali dei ragazzi.

lissimi CURVA NORD sono chiamati al proprio “dovere”: partono quindi gli incitamenti e i cori che non finiranno se non alla fine della gara, anche a risultato negativo acquisito. C’è pero da recuperare una rete, bisogna quindi pedalare: ci provano Simone con un tiro in diagonale e Capitan Daniele con una punizione filtrante. Ma quando la serata è “no”… è “no” per qualcosa… Al minuto 33, uno spiovente senza pretese scende verso Albe De Zen, che opportunamente appoggia di testa all’indietro verso il portiere Diego, il quale però, era già in abbondante uscita, a fari spenti e con l’apparato audio staccato! L’inevitabile rincorsa verso il pallone che si insacca in rete lascia di stucco perfino quelli del Venegazzù, che si ritrovano sul 2-0 senza alcuna fatica. Tre minuti dopo, arriva anche il terzo gol del n.10 Guizzo C. su calcio d’angolo radente, ben battuto dalla destra.

SILVESTRI REGALO Anche stasera nu-

UBRIACATURA Il Venegazzù, arriva a

merose assenze tra le file del Coste, ma annotiamo il rientro di Paolo Marotta e Simone Zandonà, i quali partono titolari con Paolo esterno destro e Simone punta centrale; lo schema è il solito 3-4-3. La serata è perfetta per giocare a pallone e la temperatura si aggira sui 19°; arbitra un certo Faggian: mai visto prima. Si parte con il Coste a “manetta” e subito ci prova con una punizione di poco alta sulla traversa e un tiro piuttosto insidioso. Ma al 12’ succede l’imprevisto: il n.9 del Venegazzù Campagnola mette in area un pallone apparentemente innocuo, sul quale Diego va in uscita per anticipare il n.7 Guizzo E., ma nel piegarsi a raccogliere il pallone, si accorge di non indossare la “panciera” del dottor GIBAUD e si blocca un attimo per ricordare dove l’ha lasciata l’ultima volta. Nel frattempo, il pallone prosegue la sua corsa, carambola sui piedi di Diego e continua a rotolare verso la porta vuota: a togliere la paternità del gol a Diego ci pensa il n.7 Guizzo E., che da centimetri 6 dalla linea di porta, tocca la palla e insacca.

questa gara con 3 reti segnate e 2 subìte; appare evidente che il loro gioco sia prodotto principalmente a centrocampo. Il loro n.9 Campagnola, è piccolo ma veloce sulla fascia sinistra e spesso si accentra per andare al tiro. A fermarlo dovrebbe pensarci Andrea Vettoruzzo, ma anche lui non appare della partita: non riesce

IlCaso Boito: <<Se non servo, ditemelo; ho altre proposte da valutare>>

Per Guido Boito sembra non esserci spazio per il calcio giocato, tanto che venerdì scorso, a cinque minuti dalla fine (più sei di recupero), ha lasciato in anticipo la panchina avviandosi verso la doccia, sotto la quale è stato sentito cantare: <<E lasciami gridareeeee, ...lasciami sfogareeee,… io senza calcio non so stare! ...Non posso restare, seduto in disparte, né arte né parte, non sono capace, di stare a guardare, gli altri che giocano, e corrersi incontro e gridare:

nemmeno a prenderli il numero della targa. Le tre punte del Coste sempre alte, anche quando attacca l’avversario, sembrano creare una spaccatura tra la linea mediana e la difesa, mentre Paolo Marotta sulla fascia destra non pare dare un contributo significativo: non spinge e non si accentra come ci si aspettava. Il primo tempo è nettamente del Venegazzù. CHE SFIGA Nel

secondo tempo, il Mister si aspetta una prova d’orgoglio (richiesta con veemenza in spogliatoio n.d.r.): fuori Moris per Diego Toscan e Andrea Vettoruzzo per Claudio Vettoretto. Il baricentro si sposta subito più alto e il gioco si fa pressante in area ospite. Simone centra la traversa all’11°s.t. e poco dopo l’arbitro fischia un rigore per il Coste per fallo di mano in area: segna Mirko Zandonà. La squadra sembra crederci per davvero, e infatti, fioccano le occasioni ma l’avversario è ormai troppo arroccato in difesa. Anche Albe De Zen si proietta più volte in area alla ricerca di “inzuccare” un qualche pallone crossato, ma gliene arrivasse mezzo… Il Venegazzù sembra alle corde, ma quando, anche una punizione magistrale calciata da Mirko finisce sulla traversa, sembra confermare che stasera la Dea bendata è salita sull’altro carro. Il Venegazzù parte solo un paio di volte in contropiede e Diego, prima devia alto un pericoloso tiro, e poi si esibisce in una bella parata sulla sua destra, ma ormai non c’è più tempo. Sul finire, gli animi sono caldi, anzi roventi: ammonito Giosuè Ganeo per una entrata “alla Jepp” e ammonito anche Mirko, quando va a lamentarsi a muso duro contro l’arbitro. Poteva andare peggio? Sì, negli spogliatoi, l’acqua per la doccia era fredda,… fredda come la prima sconfitta del campionato. Buon lavoro Mister Tiziano Andreazza, … buon lavoro Gnoe. Gnoe vafan…>> Aspettiamo fuori Boito per saperne di più. <<E’ inutile rimanere qui per tutta la stagione, qui non gioco e soprattutto non nevica mai>> Chiederà un incontro con i vertici della società? <<Forse, comunque valuterò altre proposte. C’è il Sion di Gattuso che mi offre una tavola da surf per la neve (tavola snowbaord n.d.r.) e un appartamento in alta montagna… tutto a mie spese! Mica male, vero?>> Non crede possa essere arrivato il suo momento, ora che Diego in porta sembra avere qualche difficoltà? Di portieri il Coste ne è pieno: hanno “il vecchio”, “il brutto” e “il matto” (Loris, Diego e Lello n.d.r.), e io qui non ci sto più per solo un pugno di doll.., euro!>>


LUNEDI’ 22 OTTOBRE 2012

LA FANZETTA DELLO SPORT

3

4a GIORNATA

GIRONE B Le Pagelle

DI LIORISS

a.s.d.c. COSTE INCREDIBILE SERATA, MA IN NEGATIVO

5,5

5,0 6,5

Un primo tempo da 4,5: squadra irriconoscibile! Nel secondo tempo, la squadra tenta l’improbabile ma non impossibile rimonta, mettendo cuore e anima in campo… e se non ci fosse stata la sfortuna...

Al Mister Gnoe non riesce l’ardua impresa di trasmettere ai giocatori l’importanza della concentrazione da mantenere nell’approccio alla gara. Dopo la bella partita a Loria, c’era il concreto pericolo che i ragazzi avvisassero inconsciamente un calo di tensione. ...Fatto!

L’allenatore

6,5 Il migliore Mirko Zandonà

Tiziano A.

Assieme al cap. Lele, regge bene lo scontro nell’affollato centrocampo. Calcia punizioni e tira da fuori, ma avversari e traverse gli dicono di no. Gioca con più “cattiveria” rispetto a Loria e segna il rigore della “sperata rimonta”. Sul finire, rischia molto quando va a muso contro muso con l’arbitro, ma per fortuna viene solo ammonito. (5,00 euro alla Cassa, grazie.)

4,5

6,0

5,5

6,0

5,5

5,0

5,5

Diego Silvestri

Giosuè Ganeo

Alberto De Zen

Andrea Longon

Daniele Gallina

Andrea Vettoruzzo

Paolo Marotta

Che dire… Mette praticamente la firma sui due primi gol subìti e poi rimane praticamente spettatore. La messa in angolo di un tiro alto e insidioso e una bella parata sul finire non possono salvarlo da una netta insufficienza. Il ragazzo comunque, non è tranquillo.

Non deve faticare come ha fatto a Loria, anche perché il grosso delle azioni si sviluppano sull’altro fronte difensivo, ovvero dalle parti di Jepp. Svolge il suo compitino ma non si propone quasi mai in fase offensiva, anche per non intralciare Paolo.

Le continue punizioni calciate dal Coste lo vedono sovente proporsi in area avversaria (anche troppo), per cui poi deve frettolosamente recuperare la posizione e questo lo sfianca un po’. In fase di attacco subisce però troppo passivamente il disturbo avversario.

Altra buona prestazione, nonostante la serata negativa della intera truppa. Dobbiamo fare presente il fatto che il ragazzo è migliorato sotto il profilo mentale: attacca l’avversario senza più rompergli le caviglie. Pregevole un suo intervento in scivolata: Adulto.

“Capitano, mio Capitano”: le squadre oggigiorno sono molto agguerrite a centrocampo e la lotta sarà sempre più dura. E’ tempo di rispolverare tecnica e grinta; è tempo di affilare unghie, coltelli e tacchetti; è tempo di rivedere il capitano “di un tempo”, almeno uno.

Il soldatino Di Livio stasera risulta non presente all’appello. Dalle sue parti si trova a contrastare (poche volte) e rincorrere (molte volte) un certo n.9 del Venegazzù, tipo piccoletto ma veloce. Non ne viene quasi mai a capo della situazione; finisce sostituito.

Relegato sulla fascia sinistra, doveva rafforzare la linea centrale del campo e supportare le punte in fase offensiva. Ci ha dato l’impressione però che fosse fuori ruolo e quindi ha faticato a rendersi utile. E’ anche vero che è rientrato in gruppo da poco. Coraggio.

?

?

5,5

5,0

5,0

6,0

5,0

s.v.

Allessandro Vettoretto

Simone Zandonà

Moris Zandonà

Claudio Vettoretto

Diego Toscan

Alberto Perali

Harry Potter si è preso una giornata di ferie e la magia della casacca prestata a Loris in panchina, nelle ultime quattro partite (dove Ale aveva fatto un gol a partita n.d.r.) si interrompe. Ok baby, ora vediamo cosa sai fare senza magia: fammi dei gol reali!

Zompetta con eleganza in più parti del campo, ma non “spizza” un pallone per le punte, non “spezza” le ossa agli avversari nella loro area, ed è da “pazzi” il gol mancato con pallone, che schiacciato a terra finisce sulla traversa. Che la fortuna sia con te, Simon-Wan Kenobi.

Tanto affanno e tanta voglia di fare gol, ma gli avversari stasera sono troppi, troppo veloci e troppo fortunati. Il Mister lo tiene sempre alto sulla mediana, anche se lui tenta in più occasioni un timido rientro per poter “rubare” palla e ripartire. Non digerisce il cambio.

Sostituisce Andrea Vetto nella ripresa ma si posiziona in difesa, mandando sulla fascia Jepp. La sua stazza e la sua esperienza fanno “quantità” e praticamente in quella zona non si vedono più nemici, manco fosse “Raid Mosche e Zanzare”. Avversaricida.

“Sò Dieco e ti spieco”…a giocare al calcio? Sì, magari n’altra volta! Entra al posto di Moris e si accorge ben presto cosa ha provato Baumgartner quando si è buttato nel vuoto, con la differenza che lui non ha il paracadute… Le ossa sul campo le hanno raccolte poi.

Entra tardi e si gioca gli ultimi dieci-tredici minuti prendendo il posto di Paolo. Si posiziona dietro mentre Albe viene spostato in attacco in un disperato tentativo di “attirare” palloni alti su di lui. Il povero Pera non sporca neanche la maglietta, ma sa che ci riproverà.

In panchina A disposiz.: - Loris Visintin - Nicola Vetto.zo - Guido Boito Dirigenti: - Giusto - Luigi Zandonà Indisponib.: - Maurizio C. - Edi Mazzoccato - Daniele Favretto - Luca Piccolo - Rech Mauro - Lucio Zandonà - Zilio Roberto

a.s.d. VENEGAZZU’ 6,5 SEGNA UN GOL MA NE CONTA 3 L’ARBITRO: FAGGIAN 7,0 A vederlo sembra sprovveduto, invece sfoggia autorità e fermezza nei momenti topici della gara.

CARNIEL 5,0


LUNEDI’ 22 OTTOBRE 2012

LA FANZETTA DELLO SPORT

4

LA DIRIGENZA DEL a.s.d.c. COSTE

La Fanzetta dello Sport: CHE GAFFE! Sig. Vice-presidente, ci scusi Per errore, il sig. Livio Frattin è stato assegnato quale segretario, ma in realtà è il vice-presidente LORISSE DE VISE COSTE La settimana scosa, nell’inviare una copia omaggio de “La Fanzetta dello Sport” al sig. Livio Frattin, credevamo di fare cosa buona e giusta. Però, ci è subito pervenuta una segnalazione da parte dello stesso Frattin, dove ci faceva presente, con modi molto pacati peraltro, che si riteneva offeso per via del fatto che, nell’articolo a pagina 4, era stato menzionato quale “segretario” del a.s.d.c. COSTE, quando in realtà, la sua carica, ricoperta nell’assetto societario, è quella ben più prestigiosa di “vice-presidente”. Ci siamo prontamente scusati con il medesimo e abbiamo subito provveduto all’aggiornamento dei nostri archivi, ef-

fet t ivament e errati; facciamo ammenda e ci scusiamo nuovamente con il sig. Frattin. Dal momento però, che la Fanzetta è stata letta da più persone, ci sembra un po’ strano il fatto che nessun altro ci abbia fatto presente di questo errore. La cosa ci ha fatto pensare, e le conclusioni che ne traiamo sono le seguenti: crediamo che non sia ben chiaro a tutti i tesserati del a.s.d.c. Coste, come sia formato il Direttivo societario. Approfondiamolo con una analisi qui a fianco.

IlCampo

LaVignetta

Semplice equivoco o grave negligenza

Di LORIS VISINTIN

Leo Carniel doveva segnare il campo, ma non lo ha fatto. Frattin si incavola di brutto! Come prevede la regolamentazione dell’UEFA, “Il campo da gioco deve avere il campo con le linee ben visibili”. Doveva persarci il dirigente Leo Carniel, ma venerdì sera non si è visto fino all’ora della partita. Verso le 18, Frattin lo ha chiamato a casa per vedere cosa era successo. Abbiamo uno stralcio della intercettazione telefonica registrata. Livio: <<Pronto, Leo, sei tu?>>. Moglie Leo: <<No, sono la moglie, Leo è fuori in giardino da mezz’ora ed è tutto sudato>>. Arriva Leo: <<Pronto? Ciao Livio…>> Livio: <<Leo, devi andare a segnare il campo>>. Leo: <<No, non posso! E’ troppo tardi, e ormai mi sono messo a preparare un pollo alla griglia…>>. Livio: <<Ok, ma non stare troppo vicino alla grigia che poi sudi.>> Leo: <<No,… sono sudato perché sto ancora rincorrendo il pollo in giardino…>>.

Il portiere del Coste SILVESTRI

TwitTwit DIEGO ABBATANTUONO Sponsor VODAFONE Diego, ma non ti occupavi delle braciole e delle costicine in cucina… e perché hai smesso?... @OrsoDiego La redazione

Per commenti, suggerimenti, lamentele, congratulazioni, ecc. Scrivi a loris.visintin@virgilio.it

L’Analisi del Direttivo Fonte BACHECA SPOGLIATOI

DIRETTIVO ESECUTIVO PRESIDENTE Baldin Livio Presidente stampo Padre-Padrone, catalizza tutto e tutti; è dipendente presso una azienda di elettronica; è fanatico del vecchio contattore ENEL in quanto, si poteva vedere i consumi a seconda di quanto girava; vive con Michela e ha una graziosa bambina. VICE-PRESIDENTE Frattin Livio Braccio destro del Presidente, esecutore fact-totum; è dipendente presso una ditta di costruzioni caminetti; ama raccogliere qualunque tappo di plastica per bottiglie che poi racchiude in enormi contenitori di vetro: se lo vai a trovare, non te ne andrai se prima non indovini quanti tappi ha racchiuso in una delle sue mille damigiane; sposato con Roberta, ha un bimbo tenerissimo e un secondo è in dirittura di arrivo. SEGRETARIO Marotta Nicola Al campo si vede solo quando serve qualcuno per gestire cibarie; gestisce il Bar Centrale a Coste e prima di servire una birra, ne assaggia sempre un po’ per assicurarsi che sia buona; sposato con Gianna, ha una bella bambina piccola, la quale però, non può tirare i capelli a papà. TESORIERE Zandonà Luigi Chiamato “Attila”, dove passa lui (col trattorino) non cresce più l’erba per un po’. Lavora per una ditta di smaltimento rifiuti speciali, ed è specializzato a smaltire anche elementi tipo “suocere invadenti”; è sposato con Rossella e ha un figlio già grandicello; è il tesoriere della società, ma i conti li fa la moglie, la quale al contrario di lui, ha conseguito l’abilitazione all’uso della calcolatrice.


La Fanzetta dello Sport - 22 ottobre 2012