a product message image
{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade

Page 1

RESTA RTE A CASA A cura di Leonardo Marchi


RESTA R TE A CASA

Testo e curatela progetto

In collaborazione con


RESTA RTE A CASA L’arte non si ferma Per la prima volta, in questi giorni di Marzo 2020, stiamo provando un incredibile senso di smarrimento. È una sensazione nuova, che allontana quella serenità e quella libertà alle quale il nostro mondo occidentale ci ha abituati. Di un tratto ci ritroviamo persi a casa nostra, in quello che per noi era il “nido sicuro”, e non c’è sensazione peggiore del perdere i punti di riferimento. In questo periodo abbiamo, però, la fortuna di poterci soffermare un pò su noi stessi, sulle classiche domande esistenziali e riflettere, provando a trovare dentro di noi la forza per superare le difficoltà o più semplicemente questo momento di solitudine e distanziamento sociale. Proprio grazie a questo surplus di tempo a disposizione, mi sono accorto, leggendo sui vari siti specialistici ma anche su quelli generalisti, che c’è una cosa, oltre ai servizi essenziali, che non vuole smettere di accompagnare le nostre vite: L’ARTE. Stiamo assistendo ad un processo esponenziale di condivisione virtuale di ogni tipo di arte. Tutti noi siamo stati catturati dalle immagini dei notiziari sulla straordinaria condivisione di musica dai vari balconi dei nostri palazzi o dei concerti online tramite piattaforme social. Ancora più profondamente si sono mosse le varie istituzioni dell’arte, come i musei, con mostre itineranti 3D oppure le maggiori fiere d’arte come ArtBasel che ha messo a disposizione delle gallerie partecipanti le “viewing rooms”, una sorta di stands online dove poter pubblicare le opere per sopperire almeno in parte alla cancellazione della fiera. ArteFiera, d’altro canto, non è da meno, con la condivisione, sui canali Instagram e sul sito ufficiale, di opere d’arte delle gallerie


che lo scorso gennaio hanno partecipato all’evento fieristico d’arte più conosciuto del nostro paese. Le case d’asta che sicuramente hanno dovuto cancellare importanti appuntamenti in calendario, hanno allo stesso tempo ampliato l’assortimento di aste online, in alcuni casi con ottimi risultati, visto anche il momento. Anche le gallerie d’arte si stanno attivando, in questo momento di assoluta difficoltà del mondo della cultura, per rimanere al fianco dei propri collezionisti, cercando di tenere vivo l’interesse con mostre online sui propri siti internet, dirette social con i vari professionisti di settore, facendo approfondimenti su mostre già in atto nelle proprie sedi, in collegamento con i vari critici d’arte e curatori e continuando a veicolare le vendite da remoto, tramite corrieri. Per i tanti collezionisti e appassionati delle arti visive, sta inoltre nascendo o comunque implementandosi un mondo digitale di fruizione dell’arte che porta i grandi eventi e i grandi capolavori direttamente nelle nostre abitazioni; ed è proprio per questo, che, insieme ad alcuni degli artisti della galleria, abbiamo pensato all’opportunità di continuare a condividere arte, perché l’arte non si ferma di fronte a niente, non può fermarsi, non DEVE fermarsi, ha il difficile compito di alleviare l’anima e provare a dare conforto quando questa si sente persa. In questa primo e-book diamo spazio al colore, in ogni sua espressione, sviluppato con le varie tecniche degli artisti presenti (Massimo Barzagli, Marco Biscardi, Mimmo Iacopino, Marco Lodola e Clara Woods) una sorta di cromoterapia in un momento in cui ne abbiamo davvero bisogno. Perciò RESTArTE A CASA e fruite di più arte possibile perché L’ARTE NON SI FERMA...

Leonardo Marchi


A R TISTI

Massimo Barzagli Marco Biscardi Mimmo Iacopino Marco Lodola Clara Woods


MASSIMO BARZAGLI Nato nel 1960 a Marradi, Firenze, Italia PRINCIPALI MOSTRE PERSONALI 2017 CIAO, Galleria Alessandro Bagnai, Foiano della Chiana, Arezzo, Italia 2016 Save Our Flowers, Palazzo Madama, Torino, Italia - Noi, Piazza della Repubblica, Firenze, Italia 2015 Save Our Flowers, Design Miami/Basel, Galleria Antonella Villanova, Firenze,  Italia 2014 FATE PRESTO, Festival Internazionale Fabbrica Europa, Alcatraz, Stazione la  Leopolda Firenze, Italia - Save Our Flowers Seoul, Seoul Institute Of The Arts, Seoul, Corea del Sud Mousing, Seoul Art Center, Seoul, Corea del Sud 2012  Grandezza Naturale, Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prato, Italia 2011 Barzagli e Toxic, Four Hand, The Human Functions, Galleria d’arte Frediano Farsetti, Firenze, Italia 2010 Photograms, Galleria Alessandro Bagnai, Firenze, Italia Action Figures Monumental Sculptures, Festival internazionale Fabbrica - Europa, Stazione Leopolda, Firenze, Italia 2007 Save Our Flowers, Festival internazionale Fabbrica Europa, Stazione Leopolda, Firenze, Italia 2002 The History of the He/art, Palazzo Strozzi, Florence, Italy 2001 The Diary of Sunnyday, Art Miami, Convention Center, Miami, Florida, USA 2000 Massimo Barzagli, Associazione Culturale L’Attico, Roma, Italia 1999 Figure senza posa, Galleria Alessandro Bagnai, Siena, Italia


1997 Massimo Barzagli. One Man Show, ACP Galerie, Peter Schuengel, Salisburgo, Austria 1996 Martiri e Santi, Associazione Culturale L’Attico, Roma, Italia 1994 Il salto, Musei Civici, Reggio Emilia, Italia 1992 Prima che il giallo canti, Galleria Alessandro Bagnai, Siena, Italia - Fishwatching, Galleria Bagnai, Siena, Italia Galleria Gentili, Firenze, Italia 1991 Carta bianca 1, Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prato, Italia 1990 Massimo Barzagli, Associazione Culturale L’Attico, Roma, Italia - Impressionen von Wasser, Baum und Pflanze, Museum Bochum, Bochum, Germania 1987 One Man Show, Asselijn Gallery, Amsterdam, Olanda 1985 A Campana questo ciclo pittorico dedico, Ken’s Art Gallery, Firenze, Italia.

Strong end week end nella città che sale, a cura di Pier Luigi Tazzi, Prato 2007 - Dryphoto


Save our flowers, 2016, Housing Giulia, Torino Courtesy Opera Barolo.


Fiorile, olio su rose su dibond 30x40 cm


Fiorile, olio e smalti su tela, 160x130 cm


Fiorile, liquitex su flash su cartone arches, 100x70 cm


Fiorile, liquitex su flash su cartone arches, 100x70 cm


MARCO BISCARDI Marco Biscardi ha cambiato dall'East Side della Puglia, dov'è nato nel 1986, all’East Side americana (New York), dove ha vissuto e lavorato dopo essersi laureato in Cinematografia a Roma. Nella sua arte convergono elementi di critica alla contemporaneità, cogliendone le premesse – si potrebbe dire: i sintomi – nelle grandi catastrofi del passato e nelle contraddizioni odierne. Ha all'attivo oltre quaranta mostre tra Italia, Cina, Spagna, Stati Uniti, Caraibi. Alle sue mostre sono intervenuti, tra gli altri, critici d’arte come Vittorio Sgarbi, Daniele Radini Tedeschi, Giovanni Faccenda. Il suo nome è stato inserito nel Catalogo Mondadori d'arte moderna vol. 52, che racchiude i più grandi Maestri dell'arte italiana dal 1900 in poi. Nel dicembre 2016 è stato premiato a Roma con la targa riservata ai migliori artisti italiani dell'anno. Trattasi del Premio Nazionale d'arte contemporanea “The best artist 2016", organizzato da ArteMuseiRoma. Nell’ottobre 2017 in occasione della mostra “Grazie Italia” espone all’interno di Palazzo Albrizzi Capello, sede del Padiglione Guatemala, durante la Biennale di Venezia. Nel 2018 è stato selezionato, con altri nove artisti provenienti da tutto il mondo, per partecipare all’Art Valley Program a Shanghai, organizzato da ICCI, TIAC, Jiao Tong University. Durante il mese di residenza, l’artista ha esposto i suoi lavori in tre mostre, ha tenuto speech e conferenze, ed è stato intervistato dalle principali reti televisive cinesi. Attualmente vive e lavora a Firenze.


If you gotta do it, do it like this C-print Duratrans Display, Led Lighting - 100x70 cm


Fashion lies Print on aluminum - 140x70 cm


Elvis x-factor Inkjet FineArt print under plexiglass with silicone 120x90cm


Marilyn Inkjet FineArt print under plexiglass with silicone 95x125cm


Libretti 2.0 C-print Duratrans Display, Led Lighting - 100x70 cm


Tech Society C-print Duratrans Display, Led Lighting - 100x100 cm


MIMMO IACOPINO Nato a Milano nel 1962, dove vive e lavora, Mimmo Iacopino si forma nell’ambito della fotografia di Still Life (allievo di Studio Azzurro dal 1978 al 1985). Dal 1986 inizia a sperimentare il linguaggio pittorico, dapprima in stile tradizionale poi utilizzando diversi materiali. Seguendo il principio Dadaista, i suoi lavori accolgono elementi compositivi insoliti, fili in cotone, nastri in raso o velluto, metri da sarto, bindelle, ritagli di testi e spartiti muscicali. Materiali decontestualizzati dal loro utilizzo quotidiano, assunti a elementi artistici e composti in trame geometriche o ispirati a modulazionI aritmetiche, seguendo regole matematiche di ordinata follia, come attentamente seppe leggere Maurizio Sciaccaluga in occasione di una personale tenutasi nel 2004. Altro elemento nella sua ricerca è stato l’uso del colore oggetto di diverse letture critiche, insieme al principio compositivo. Molti sono stati i riconoscimenti ed i premi della carriera artistica di Iacopino fra cui: premio al concorso PROMOCARD in occasione di MiArt 2007; il diploma alla Biennial VII International Festival of experimental art di San Pietroburgo nel 2008; finalista al PREMIO COMBAT PRIZE di Livorno nel 2010. È costantemente presente nelle fiere d’arte nazionali più importanti come ArteFiera, Miart, Artissima, ArtVerona ed ha esposto in diverse sedi museali, come Roma, San Pietroburgo, Minsk, Mosca. Alcune sue opere sono inserite nella collezione Panza di Biumo.


Made in Italy, fili di cotone moulinè, nastrini e metri per sartoria su tela su legno cm 8x8x8


Cubo moulinè n°1, fili di cotone moulinè su tela su legno cm10x10x10


Misure morbide, Nastrini di velluto, raso e metri bindella su tela, cm120x100


Misure a colori, nastrini di velluto, raso e metri bindella su tela su legno cm 40x30


Sottoriflessi, nastrini di velluto e raso su specchio sintetico su legno, cm 25x135


< “Dettaglio”


MARCO LODOLA Marco Lodola nasce nell’aprile del 1955 a Dorno, Pavia. È tra i fondatori del gruppo “Nuovo Futurismo”. Promosso dalle teorie del critico Renato Barilli, il movimento vuole riproporre l’esaltazione della modernità ispirandosi all’avanguardia storica. Gli incarichi che Lodola riceve provengono da settori estremamente eterogenei: dalle industrie alle istituzioni pubbliche, dal mondo culturale a quello pubblicitario collaborando tra gli altri con Carlsberg, Coca Cola, Coveri, Dash, Ducati, Fabbri, Illy, Swatch e Seat. In ambito teatrale collabora con l’Opera Lirica Tosca di Puccini e con il teatro massimo di Palermo, realizzando opere in perpex e neon dal vivace cromatismo. Realizza diversi loghi e immagini per importanti istituzioni, come le Olimpiadi invernali di Torino 2006, il Giro d’Italia, ARCI, il Roxy Bar di Red Ronnie, la Fiat Avio, la Juventus e Air One. Coloratissimi e suggestivi sono gli allestimenti di facciate, in cui Lodola si cimenta con successo, come per esempio gli interventi sulla facciata del Teatro Ariston in occasione del Festival di Sanremo, la Reggia di Caserta, e le 3 edizioni della Biennale (2009, 2011, 2019).


Leonardo, scultura in Perspex e neon


Il volto degli altri, scultura in Perspex e neon


Cubo, scultura in Perspex e neon


Pin-up, scultura in Perspex e neon


500, scultura in Perspex e neon


Vespa bacio, scultura in Perspex e neon


CLARA WOODS Mi chiamo Clara! Non posso parlare perché ho avuto un'ictus pre-natale. Ho difficoltà a scrivere e leggere. Capisco inglese, italiano e portoghese. Adoro vivere, adoro viaggiare, adoro nuotare, amo il gelato e amo dipingere. Attraverso la pittura posso comunicare, posso rilasciare la pressione, posso esprimere i miei sentimenti e posso essere 100% me stessa! Benvenuto nel mio mondo! Fai un giro e divertiti! Clara Woods è nata il 10 marzo 2006 a Firenze. I dottori scoprono che ha avuto un ictus prenatale e la condannano ad una vita da vegetale. Dopo aver iniziato un programma di riabilitazione, sorprende tutti con i suoi progressi, ma ha difficoltà con l'uscita  di informazioni e non può parlare, leggere o scrivere anche se capisce tre lingue (italiano, inglese e portoghese). Clara trovò nella pittura un modo di comunicare con gli altri ma principalmente con se stessa. A marzo 2018, a 12 anni, ha presentato la sua prima mostra personale a Firenze, che ha riscosso un grande successo di critica e pubblico e non si è mai fermata. Ha esposto i suoi dipinti nelle principali città italiane, aggiungendo più di 18 mostre personali al suo curriculum e ha anche presentato i suoi dipinti in Giappone, Londra e Stati Uniti. Attraverso la sua arte e la sua vita, Clara vuole promuovere l'inclusione e rompere le barriere. Attualmente Clara vive, lavora e studia a Firenze.


â&#x20AC;©


Psico Ice Cream, Tecnica mista su tavola, cm 100x70cm


Never too big, acrilico su tela, cm 150x100cm


Neptune, acrilico su tela, 100x70cm


Yellow Rose, acrilico su tela, cm 60x40cm


My future, acrilico su tela, 80x80cm


Florenceâ&#x20AC;&#x2122;s sunshine, acrilico su cartone, 70x100cm


Profile for armandagoriarte

RESTArTE A CASA - L’arte non si ferma  

Ebook di approfondimento su 5 artisti che si sono riuniti in una iniziativa coordinata dalla galleria ArmandaGoriArte, che analizza il parti...

RESTArTE A CASA - L’arte non si ferma  

Ebook di approfondimento su 5 artisti che si sono riuniti in una iniziativa coordinata dalla galleria ArmandaGoriArte, che analizza il parti...

Advertisement