Issuu on Google+

Periodico a cura della Cassa Rurale Centrofiemme-Cavalese BCC SC


il saluto Il saluto del presidente Marco Misconel 4

focus fiemme Fiemme: cento ragazzi alla scoperta della cooperazione 7

grazie a voi Lotteria di Natale 2016 a favore del banco alimentare 12

Cassa Rurale Centrofiemme-Cavalese incontra i nuovi soci 20 what’s up Report mercati 32 Internet ad alta velocità senza il vincolo del canone 34 Donald Trump: Banche e mercati europei 38 In arrivo nuovi bonus per le imprese che assumono giovani 40 Incentivi fiscali per i mobili di casa 42

sommario

Neve perenne: l’idea è di tre professionisti fiemmesi 16

ma lo sapevi che? Pagamenti digitali: trend, sicurezza e abitudini 24

friend, event & co. La Magnifica Comunità di Fiemme fra cultura e accoglienza 45 Centro Arte Contemporanea Cavalese presenta: Marco Nones, le anime della materia 51

lo spunto Giacomo Leopardi 55

clicca sull’argomento che ti interessa


Staff

www.cr-centrofiemme.net

Dirigenti Editore Cassa Rurale Centrofiemme-Cavalese BCC SC N. iscrizione ROC: 24474 Anno 2, numero 5 dicembre 2016

Direttore generale Marco Boschetto Vicedirettore generale Massimo Antoniolli

Referenti Amministrazione e contabilitĂ  Mauro Trettel

Finanza Barbara Celva

Bancassicurazione Katia Bonelli

Gestione del personale Mauro Trettel

Crediti Flavio Monsorno

Marketing Roberto Ceol

Servizi IT Massimo Sieff

Relazioni esterne Massimo Antoniolli

Compliance Diego Delvai

Soci e segreteria Katia Bonelli

Controllo rischi Denise Sieff

Direttore Responsabile Denise Rocca Coordinamento editoriale Roberto Ceol Redazione Tiziano Berlanda Katia Bonelli Roberto Ceol Angelo Lamacchia Peter Lanziner Giovanni Martinelli Contenuti multimediali Tiziano Berlanda Roberto Ceol Angelo Lamacchia Peter Lanziner Daniel Pernter Traduzioni Daniel Pernter Carmen Zanlucchi

Referenti filiali Carano (TN) Daniel Pernter

Nova Ponente (BZ) Peter Lanziner

Daiano (TN) Mauro Betta

Trodena (BZ) Inge Ebner

Fontanefredde (BZ) Reinhold Bonell

Varena (TN) Fabrizio Goss

Masi di Cavalese (TN) Mauro Betta

Progetto grafico Rosanna Cori Area Grafica - Cavalese www.areagrafica.tn.it


il saluto del Presidente Marco Misconel

“La vita è come andare in bicicletta: se vuoi stare in equilibrio devi muoverti” affermava Albert Einstein

4

“La vita è come andare in bicicletta: se vuoi stare in equilibrio devi muoverti” affermava Albert Einstein. Oggi il futuro rimane incerto ed ancora si intravedono molte ombre. Una crisi interminabile continua a contagiare tutta l’economia ed è proprio in questo clima di incertezza che ci siamo trovati ad operare nel corso dell’anno che sta per chiudersi. Tutti: banche, famiglie e imprese. Ognuno dovrà fare la propria parte per trovare soluzioni e vie alternative. Il nostro punto di vista è però ora orientato verso un concreto ottimismo. L’evoluzione normativa e organizzativa del mondo delle nostre Casse Rurali porterà anche la nostra Banca nel perimetro di un nuovo gruppo bancario cooperativo nazionale che però ruoterà attorno allo storico partner Cassa Centrale Banca. Il motore trentino del progetto permetterà alle Casse Rurali di continuare a svolgere un ruolo attivo sul territorio e di mantenere uno torna al sommario


il saluto stretto rapporto con i soci. Il nuovo Gruppo andrà a costituire uno dei principali protagonisti bancari a livello nazionale con patrimonio e garanzie a tutela di soci e clienti. Certamente un impulso di ottimismo potrà arrivare anche dalle nuove generazioni. La storia insegna che quando viene data l’occasione ai giovani di dimostrare il loro valore rispondono senza risparmiare le loro energie. In bicicletta non si può restare fermi senza cadere. Servono energie giovani per guardare con fiducia ciò che sta attorno a noi, verso un futuro che non sarà identico al passato. è con questi strumenti e con il capitale più grande, quello davvero insostituibile che è la Fiducia, che potremo affrontare il cambiamento. Buone feste

Buon Natale e Felice Anno Nuovo 5

torna al sommario


il saluto

6


focus fiemme

Fiemme, cento ragazzi alla scoperta della cooperazione Al via il percorso formativo frutto della collaborazione tra scuola, Federazione e Casse Rurali della vallata. I principi e l’economia cooperativa diventano materie di studio il percorso si propone di far riflettere i ragazzi sul significato di alcuni termini dell’economia (crisi, risparmio, ricchezza, debito, bisogno, ecc.)

7

I ragazzi e le ragazze che frequentano la seconda media a Cavalese avranno l’occasione di conoscere, approfondire e sperimentare in classe i valori, i principi, la storia, l’organizzazione, il ruolo sociale ed economico della cooperazione e di confrontarsi su alcune tematiche inerenti l’etica economica e il

consumo consapevole. è partito, infatti, il ciclo formativo “Alla scoperta della cooperazione: territorio e sostenibilità” proposto dall’Ufficio Educazione e Cultura cooperativa della Federazione trentina con il sostegno delle Casse Rurali della Valle di Fiemme e della Famiglia Cooperativa Cavalese. Il progetto propone un programma torna al sommario


focus fiemme

annuale ricorrente che consentirà agli alunni di conoscere anche la rete delle cooperative che operano nel loro territorio, nonché il ruolo di primo piano da esse ricoperto in termini di sviluppo locale. Per questo le cooperative hanno accettato con entusiasmo questo nuovo compito di traghettatrici di esperienze e di valori. Non solo: il corso si propone di far riflettere i ragazzi sul significato di alcuni termini 8

dell’economia (crisi, risparmio, ricchezza, debito, bisogno, ecc.), sul concetto di risparmio in tutte le sue accezioni (risparmio di denaro, di risorse naturali, di tempo, di cibo, energetico), sulla connessione ciclica di questi aspetti, sull’importanza di modificare abitudini e stili di vita in un’ottica di rispetto delle risorse ambientali e intergenerazionali. Tutti i moduli proposti alle classi

verranno gestiti con metodi attivi basati sulla collaborazione, il confronto e la condivisione. Grazie a questa particolare metodologia didattica partecipativa, gli studenti acquisiranno abilità anche nell’esprimere, sostenere e discutere il proprio punto di vista, nell’assumere incarichi comportandosi secondo le regole condivise e nel comportarsi in modo collaborativo all’interno del gruppo. Un laboratorio progressivo di capacità che l’Unione Europea ha definito nelle sue Linee Guida “competenze chiave di cittadinanza”. Gli insegnanti dei ragazzi hanno fornito preziosi consigli per la buona riuscita dell’iniziativa che, se confermata al termine, potrebbe coinvolgere altre scuole secondarie della valle e prevedere una programmazione similare anche per le primarie. di Roberto Ceol torna al sommario


focus fiemme

Fleimstal, hundert Schüler entdecken die Zusammenarbeit Startschuss für den Ausbildungsgang in fünf zweiten Klassen der Mittelschule Cavalese als Resultat der Zusammenarbeit zwischen der Schule, dem Verband und den Raiffeisenkassen im Tal. Die genossenschaftlichen Grundsätze und die dazugehörige Wirtschaft werden zum Schulfach.

Den Schülerinnen und Schülern, die die zweite Klasse der Mittelschule in Cavalese besuchen, wird die Gelegenheit geboten, in der Klasse die Werte, die Grundsätze, die Geschichte, die Organisation, die soziale und wirtschaftliche Rolle der Zusammenarbeit kennenzulernen, zu vertiefen und zu erfahren und sich über einige Themen bezüglich wirtschaftlicher Ethik und 9

bewusstem Konsum auszutauschen. Der vom Amt für genossenschaftliche Erziehung und Kultur {Ufficio Educazione e Cultura cooperativa} der Federazione trentina vorgeschlagene Ausbildungsgang “Entdeckung der Zusammenarbeit: Territorium und Nachhaltigkeit” hat nämlich begonnen und wird von den Raiffeisenkassen des Fleimstals und der Famiglia Cooperatitorna al sommario


focus fiemme va Cavalese unterstützt. Das Projekt bietet ein regelmäßiges Jahresprogramm, das es den Schülern ermöglicht, auch das Netz der Genossenschaften, die in ihrem Gebiet tätig sind, sowie die wesentliche Rolle, die diese im Bereich der lokalen Entwicklung innehaben, kennenzulernen. Aus diesem Grund haben die Genossenschaften diese neue Aufgabe als Übermittler von Erfahrungen und Werten begeistert übernommen. Aber nicht nur das: der Kurs möchte die Schüler dazu anregen, über die Bedeutung einiger wirtschaftlicher Begriffe (Krise, Sparen, Vermögen,

Verschuldung, Bedarf etc.), über das Konzept des Sparens in all seinen Facetten (Einsparen von Geldmitteln, von natürlichen Ressourcen, von Zeit, von Lebensmitteln, von Energie), über die wiederkehrende Verbindung dieser Aspekte, über die Wichtigkeit der Veränderung von Gewohnheiten und Lebensstilen mit Augenmerk auf die Berücksichtigung von Umwelt- und Intergenerational-Ressourcen nachzudenken. Alle den Klassen angebotenen Module werden mit aktiven Methoden, basierend auf Zusammenarbeit, Austausch und Gemeinsamkeit, gehandhabt. Dank dieser besonderen Didaktikmethode der Teilnahme werden die Schüler auch im Ausdrücken, Vertreten und Diskutieren ihres Standpunktes sowie im Übernehmen von Aufträgen geschult, wobei sie sich gemäß den allgemein akzeptierten Regeln und innerhalb der Gruppe kooperativ verhalten. Dies ist ein fortlaufender Übungsablauf für Fähigkeiten, die die Europäische Union in ihren Richtlinien ‘Schlüsselkompetenzen der Bürgerinnen und Bürger’ definiert hat. Die Lehrer der Schüler haben wertvolle Ratschläge für das gute Gelingen der Initiative vorgebracht. Falls diese bei Abschluss bestätigt wird, könnte sie auf weitere Mittelschulen im Tal ausgeweitet werden, wobei auch ein ähnliches Programm für Grundschulen vorgesehen werden könnte. von Roberto Ceol

10

torna al sommario


www.cr-centrofiemme.net


grazie a voi

Lotteria di Natale 2016 a favore del Banco Alimentare

Il 2016 è all’insegna di Strada Növa di Castello di Fiemme che collabora con il Banco Alimentare

12

Sono ventiseimilaquattrocento euro, 26.400! Questa la ragguardevole cifra raccolta a partire dal 2011 con le lotterie benefiche promosse dall’Associazione New Generation Centrofiemme. Grazie alla vostra generosità abbiamo potuto finanziare un progetto in favore di una popolazione del Ciad e l’attività di quattro associazioni locali: Bambi, che si occupa

dell’assistenza economica e morale delle famiglie con bambini malati; Oltre, prima cooperativa sociale della nostra valle; la sezione assistenziale della Croce Rossa con sede territoriale a Cavalese; Rencureme, che fornisce assistenza e supporto alle famiglie con componenti affetti da Alzheimer. Il 2016 è all’insegna di Strada Növa di Castello di Fiemme che collabora con il Banco Alimentare. I volontari torna al sommario


grazie a voi

L’elenco dei vincitori sarà esposto in Cassa Rurale e su www.newgenerationfiemme.com

dell’associazione si recano ogni mese alla sede provinciale per recuperare e poi distribuire i prodotti alimentari che sono stati raccolti durante le giornate di colletta alimentare e donati da aziende del settore agroalimentare per 13

eccedenze di produzione o scadenza a breve termine. Con questi prodotti ogni settimana l’associazione Strada Növa aiuta circa una sessantina di famiglie da Predazzo alla Valfloriana. I biglietti della lotteria sono in vendita a 1 euro presso tutte le filiali della Cassa Rurale Centrofiemme, i negozi della Famiglia Cooperativa di Cavalese, il Bar Stazione di Cavalese e la Barbieria Boschetto di Cavalese. Tra i vari premi sono in palio: smartbox viaggio per due, cena per due al ristorante El Molin di Cavalese, pacchetto wellness per due alle terme di Merano, gioielli artigianali di Guglielmo Weber, scarpe tecniche La Sportiva, 2 mc di legna da ardere. L’estrazione sarà il 17 dicembre 2016. Un ringraziamento agli sponsor principali: Cassa Rurale CentrofiemmeCavalese, Misconel Srl, Rizzoli Srl, La Sportiva. Aiutateci ad aiutare! di Tiziano Berlanda torna al sommario


grazie a voi

Weihnachtslotterie 2016 zu Gunsten der Nahrungsmittelbank Es sind Sechsundzwanzigtausendvierhundert Euro, 26.400! Dies ist die Summe welche seid 2011 durch die Lotterie der New Generation Centrofiemme zusammen gekommen ist. Dank Ihrer Groszügigkeit konnten wir ein Projekt für die Bevölkerung des Ciad finanzieren und vier lokale Vereinigungen: Bambi, welches sich um die ökonomische und molìralische Unterstützung der Familien mit kranken Kindern kümmert; Oltre, die erste soziale Vereinigung unseres Tales; die Wohfahrtseinrichtung des Roten Kreuzes mit Sitz in Cavalese; Rencureme, welche die Familien mit Alzheimerfällen unterstützt. 2016 zu Gunsten von Strada Növa aus Castello di Fiemme, welche mit der Nahrungsmittelbank zusammenarbeitet. Die freiwilligen Mitarbeiter dieser Vereinigung fahren jedes Monat in den Hauptsitz der Provinz um dort Lebensmittel, welche von Lebensmittelhändlern und –herstellern wegen überproduktion oder baldigem Ablaufdatum gespendet werden, einzusammeln und dann zu verteilen. Mit diesen Produkten hilft die Vereinigung jede Woche circa sechszig Familien von Predazzo bis Valfloriana. Die Lose, zum Preis von 1 Euro sind in allen Filialen der Cassa Rurale Centro14

fiemme, in den Geschäften der Famiglia Cooperativa Cavalese, in der Bar Stazione von Cavalese und beim Friseur Boschetto in Cavalese erhältlich. Die Hauptpreise sind: Smartbox Reise für 2 Personen, Abendessen für 2 Personen im Restaurant “El Molin” in Cavalese, Wellnesspaket für 2 in der Therme Meran, Handgemachter Schmuck von Giuglielmo Weber, Technische Schuhe der Firma La Sportiva, 2 mc Brennholz. Die Verlosung findet am 17. Dezember 2016 statt. Die Liste der Gewinnerlose wird in allen Filialen der Cassa Rurale Centrofiemme, sowie auf der Homepage www.newgenerationfiemme.com, veröffentlicht. Wir bedanken uns bei den Hauptsponsoren: Cassa Rurale CentrofiemmeCavalese, Misconel Srl, Rizzoli Srl, La Sportiva. Helfen Sie uns Helfen! Von Tiziano Berlanda

torna al sommario


www.cr-centrofiemme.net


idee

Neve perenne: l’idea è di tre professionisti fiemmesi Produrre neve a una temperatura di 15 gradi centigradi è possibile il prototipo brevettato di un rivoluzionario generatore per la produzione di neve a temperature sopra gli zero gradi Celsius

16

NeveXN, neve perenne nel gioco grafico, è il nome della startup che ha inventato la produzione di neve ad alte temperature. Tutto nasce da tre under 40: Francesco Besana (presidente), 38 anni, PhD in Tecnologie per l’energia e l’ambiente, ingegnere meccanico, ricercatore presso Accademia Europea di Bolzano, esperienza

maturata in aziende multinazionali; Fabiano Maturi (consigliere di amministrazione), 34 anni, perito elettrotecnico, laurea in Ingegneria Civile, specializzato in tecnica impiantistica funiviaria e dipendente delle funivie di Pinzolo; Anna Vanzo (consigliere di amministrazione), 37 anni, laurea in Economia e Commercio, torna al sommario


idee

ufficio marketing e comunicazione dell’Azienda per il Turismo della Val di Fiemme. Due anni fa, era l’ottobre del 2014, NeveXN presentava allo stadio iridato del fondo di Lago di Tesero, in Val di Fiemme, il prototipo brevettato di un rivoluzionario generatore per la produzione di neve a temperature sopra gli 17

zero gradi Celsius, fino a 15 gradi garantivano i titolari. Il macchinario è una piattaforma multiprodotto che permette applicazioni in ambiti diversi: oltre alla produzione di neve di qualità, crea liquido frigorifero (Ice Slurry), ma può anche desalinizzare e depurare le acque. Il tutto senza l’utilizzo di additivi chimici.

La neve così prodotta può venire utilizzata per l’innevamento outdoor (piste da sci, eventi sportivi, manifestazioni cittadine) e indoor, ma può trovare applicazioni anche in campo alimentare, sanitario e nel settore delle costruzioni. Il gruppo altoatesino Leitner, fra i leader mondiali nel campo dei trasporti a fune, con 726 milioni torna al sommario


idee

PLAY

horizon 2020 Finanzia progetti di ricerca o azioni volte all’innovazione scientifica e tecnologica che portino un significativo impatto sulla vita dei cittadini

18

di fatturato nel 2015 e oltre 3.000 dipendenti, ha rilevato tramite la propria controllata Demaclenko delle quote della startup, entrando a far parte della compagine sociale. L’impegno di Leitner prevede un investimento di due milioni di euro nei prossimi due anni per far crescere la startup: il piano industriale prevede di industrializzare, produrre e commercializzare tre “taglie” di macchine con capacità rispettivamente pari a 1,4 e 8 metri cubi di neve l’ora. Questa è la parte più

recente della storia, ma le belle storie hanno anche un inizio dove tutto è imprevedibile, un sogno su un pezzetto di carta nelle conversazioni di tre amici, su un areo per Berkley dove l’ideatore, Francesco Basana che ha vissuto a Cavalese per un decennio, si è preso un anno sabbatico dal suo lavoro sul raffrescamento solare per un percorso di studi avanzato che lo ha aiutato a perfezionare l’idea di NeveXN. Poi il concorso per startup indetto da Trentino Sviluppo, torna al sommario


idee il coinvolgimento dell’amica di sempre Anna Vanzo e di un altro ingegnere, Maturi, per formare una squadra completa che donasse gambe solide ad un’idea che la matematica e gli algoritmi dicevano di successo. Il trio prosegue veloce verso il futuro, l’ultimo riconoscimento in ordine di tempo la vittoria ad Horizon 2020: si tratta dello strumento di finanziamento alla ricerca scientifica e all’innovazione della Commissione europea che ha un budget stanziato fra i più ricchi

19

del mondo: quasi 80 miliardi di euro, per 7 anni (2014 - 2020). Finanzia progetti di ricerca o azioni volte all’innovazione scientifica e tecnologica che portino un significativo impatto sulla vita dei cittadini europei in termini occupazionali, di benessere, di sostenibilità e inclusione. La competizione per ottenere fondi è elevatissima e le probabilità di successo scarse: per la “Fase 1” di Horizon si parla del 7-8% di probabilità di

successo, per la Fase 2 si scende al 4-5% e NeveXN ha appena superato la Fase 2. “Quando ci hanno comunicato l’esito positivo - commentano i tre soci di NeveXN siamo rimasti senza parole. Siamo i primi in Trentino Alto Adige ad aver superato la Fase 2”. Quali gli ingredienti di questo nuovo successo? “Pensiamo di aver raggiunto questo traguardo perché abbiamo dalla nostra un’idea che possiamo definire vincente, un brevetto e un ottimo partner commerciale come il Gruppo Leitner”.

torna al sommario


soci, ritratti

Cassa Rurale Centrofiemme-Cavalese BCC incontra i nuovi soci

profitto come strumento per perpetuare il sostegno al territorio, alle imprese e alla stabilità economica della banca, non fine esclusivo dell’attività d’impresa

20

Venerdì 2 dicembre abbiamo incontrato, presso la Sala del Consesso della Magnifica Comunità, coloro che recentemente sono entrati a far parte della compagine sociale della Banca. La serata è iniziata alle 19 con l’introduzione da parte del presidente Marco Misconel e del direttore generale Marco Boschetto. La presentazione è proseguita con la

proiezione di alcune slide: storia, filiali, fondazioni e impegno sociale. Sopratutto, è stata messa in evidenza la centralità del socio “una testa un voto” a sottolineare l’importanza dell’equità, del valore legale di ciascun partecipante alla compagine sociale; elezione diretta di amministratori, organi di controllo e presidente, il profitto come strumento per perpetuare il torna al sommario


soci, ritratti sostegno al territorio, alle imprese e alla stabilità economica della banca, non fine esclusivo dell’attività d’impresa. Questi in estrema sintesi

sede a Cavalese ha visto crescere il suo patrimonio di oltre 1,5 milioni di euro. La trattazione è proseguita tramite

i temi e i messaggi lanciati dall’esecutivo. I relatori si sono susseguiti e hanno illustrato come le Banche di Credito Cooperativo destinino tutti gli anni almeno il 70% dell’utile a patrimonio, il 3% a fondi mutualistici e la rimanente parte a scopi di beneficienza e solidarietà. Nel solo ultimo quinquennio, nonostante le avverse congiunture economiche, la Cassa Rurale con

l’analisi del bilancio sociale 2015: i numeri hanno dimostrato come anche in questo esercizio le risorse investite in territorio, cultura, sport e sociale si siano attestate a 280.000 euro. A seguire, altre slide hanno portato i partecipanti a misurare le dimensioni della banca in termini di attività creditizia e finanziaria. Ecco, al 2015, una fotografia in numeri della banca: 168 milioni

21

di prestiti alla clientela, 188 milioni di raccolta, patrimonio che sfiora i 29 milioni di euro e una compagine sociale do più di 2000 soci. L’attività svolta con i soci è pari al 69% dei crediti erogati mentre la concentrazione sul territorio è pari al 98% del totale della attività. Tutto questo viene realizzato grazie alla fiducia di amministratori, sindaci, dipendenti, famiglie e imprese che quotidianamente operano con la Banca. Oltre a dati e numeri i partecipanti sono stati coinvolti in una visita alle magnifiche sale del Palazzo Storico della Magnifica Comunità. Il direttore generale Marco Boschetto ha chiuso la serata con un ringraziamento a coloro che hanno accordato fiducia alla Cassa Rurale divenendone soci, elementi essenziali per permettere di mantenere vivo e attivo il forte modello del credito cooperativo. di Roberto Ceol torna al sommario


soci, ritratti

Die Raiffeisenkasse CentrofiemmeCavalese BCC SC trifft die neuen Genossenschafter

Am Freitag, dem 2. Dezember, haben wir im Versammlungssaal der Talgemeinde Fleims die kürzlich in das Genossenschaftsgefüge der Bank eingetretenen Personen getroffen. Der Abend hat um 19 Uhr mit einer Einführung von Seiten des Vorsitzenden Marco Misconel und des Generaldirektors Marco Boschetto begonnen. Die Präsentation wurde mit der Vorführung einiger Folien fortgesetzt: Geschichte, Filialen, Stiftungen und soziales Engagement. Insbesondere wurde die zentrale Figur des Genossenschafters - “eine Stimme pro Kopf” - hervorgehoben, um die Wichtigkeit der Angemessenheit und des rechtlichen Wertes eines jeden Mitglieds des Genossenschaftsgefüges zu unterstrei22

chen; direkte Wahl der Vorstände, der Kontrollorgane und des Vorsitzenden, der Gewinn als Instrument zur Fortführung der Unterstützung gegenüber dem Territorium, den Gesellschaften und der wirtschaftlichen Stabilität der Bank, dessen ausschließlicher Zweck nicht nur die unternehmerische Tätigkeit darstellt. Dies waren extrem kurzgefasst die Themen und Aussagen des ausführenden Organs. Die aufeinanderfolgenden Vorträge haben aufgezeigt, wie die Genossenschaftsbanken jedes Jahr mindestens 70% der Gewinne dem Vermögen, 3% Fonds auf Gegenseitigkeit sowie den übrigen Teil Wohltätigkeits- und Solidaritätszwecken zuweisen. Trotz der ungünstigen torna al sommario


soci, ritratti Wirtschaftslage hat die Raiffeisenkasse mit Sitz in Cavalese allein in den letzten fünf Jahren ihr Vermögen um über 1,5 Millionen Euro anwachsen sehen. Der Vortrag wurde mit der Analyse der Genossenschaftsbilanz 2015 fortgeführt: die Zahlen haben bewiesen, dass die für Territorium, Kultur, Sport und Soziales investierten Ressourcen auch in diesem Geschäftsjahr 280.000 Euro betragen haben. Danach haben weitere Folien die Teilnehmer dazu angeregt, die Größe der Bank aufgrund der Kredit- und Finanzaktivität zu bemessen. Und für das Jahr 2015 gab es eine Abbildung mit den Zahlen zur Bank: 168 Millionen Kundenkredite, 188 Millionen Sparaktivität, ein bei knapp 29 Millionen Euro liegendes Vermögen und ein Genossenschaftsgefüge mit über 2.000 Genossenschaftern. Die mit den Genossenschaftern durchgeführte Tätigkeit beläuft sich auf 69% der ausgegebenen

23

Kredite, während die territoriale Konzentration 98% der Gesamtaktivität beträgt. Dies alles wurde dank des Vertrauens von Geschäftsführern, Bürgermeistern, Angestellten, Familien und Unternehmen erreicht, die täglich mit der Bank interagieren. Neben all den Zahlen und Fakten wurden die Teilnehmer in eine Führung durch die herrlichen Räume des historischen Gebäudes der Talgemeinde Fleims eingebunden. Der Generaldirektor Marco Boschetto hat den Abend mit einer Dankesrede für jene abgeschlossen, die der Raiffeisenkasse ihr Vertrauen entgegengebracht haben, indem sie zu deren Genossenschaftern geworden sind. Denn diese stellen grundlegende Elemente dar, die es ermöglichen, das starke Modell der Genossenschaftsbank lebendig und aktiv zu erhalten. von Roberto Ceol

torna al sommario


ma lo sapevi che?

Pagamenti digitali: trend, sicurezza e abitudini la Banca si è attivata già da tempo mettendo a disposizione dei clienti un completo servizio di modalità di pagamento innovativo come carte contactless, Wallet, Jiffy

24

La crescita del commercio digitale e delle nuove tecnologie porta inevitabilmente con sé un mutamento generale delle necessità e delle abitudini con le quali le persone si approcciano a tali servizi, vien da sé che anche il rapporto cliente/banca necessiti di nuovi strumenti. Direzioni in cui la Banca si è mossa già da tempo mettendo a

disposizione dei clienti un completo servizio di modalità di pagamento innovativo come carte contactless, Wallet, Jiffy e la possibilità di pagare online con le proprie credenziali Inbank attaverso il servizio MyBank. Nel campo dei pagamenti digitali sono stati sviluppati numerosi sistemi e diverse tecnologie utili a soddisfare le torna al sommario


ma lo sapevi che?

PLAY

nuove esigenze dei digital-addict. Oggi tali tecnologie sembrano però prendere il passo non solo nella cultura delle nuove generazioni ma anche nelle reti di professionisti e imprese. Per quanto concerne la tecnologia contactless, ad esempio, sono in forte accelerazione sia l’emissione di nuove carte come anche la rete di accettazione: nell’ultimo anno i POS c-less sono aumentati del 225% e di conseguenza il transito complessivo che, nel 25

primo semestre 2016 ha registrato un aumento del 360% rispetto allo stesso periodo del 2015. Le categorie di esercenti che guidano la diffusione del contactless in Italia sono il settore della grande distribuzione e della grande ristorazione, dove, secondo i dati Mastercard, il 35% delle transazioni con carte Mastercard è avvenuto in modalità contactless. Al secondo posto, il settore dell’abbigliamento (19%), seguito da piccoli ristoranti e bar (12%). Nel campo dei

wallet invece sono i giovanissimi a svolgere il ruolo di smaliziati pionieri. Il report realizzato da CCG Catalyst Consulting Group www.ccg-catalyst.com evidenzia in sintesi che «I mobile wallets stanno progressivamente diventando parte della quotidianità dei consumatori digitali perché, oltre alle funzioni mirate al pagamento, questi strumenti assolvono anche a un altro sempre più ampio torna al sommario


I Millenials controllano regolarmente le proprie spese e amano i loyalty program 64,7% 64.7%

53,7%

50,4%

Verifica regolarmente i propri conti correnti

Preferisce usare carte di pagamento per gli acquisti

Controllano il saldo tutti i giorni

45,1%

39,7%

Usano coupon e loyalty point

Preferiscono usare conti online per i propri acquisti

spettro di funzioni legate alle piccole incombenze di tutti i giorni: organizzazione di coupon e carte fedeltà, carte d’imbarco e biglietti, alert e notifiche di eventi e appuntamenti. Non c’è da meravigliarsi che i Millenials, cresciuti nella logica di ridurre in un solo strumento - il telefonino - tutta una serie di strumenti che servono per vivere, siano coloro che trainano 26

il mercato dei mobile wallets». La domanda che il report pone, e cui con dovizia di dati prova a dare risposta, è: ma di fronte a questo ampio spettro di funzioni che un mobile wallet propone, quanto e come i giovani sono interessati alla funzione specifica di strumento di pagamento? E quando devono gestire il proprio denaro, quali strumenti scelgono? Le risposte

Source: CCG Catalyst © August 2016 The Financial Brand

ma lo sapevi che?

rivelano che i Millenials sono molto interessati a strumenti che gli consentano di tenere sotto stretto controllo le proprie spese e transazioni (dichiara questa attenzione il 64,7% degli intervistati) e il 50,4% di loro verifica quotidianamente il proprio andamento. In secondo luogo è messa in evidenza la sicurezza: i 2/3 dei rispondenti mette al primo posto delle paure nell’utilizzo torna al sommario


ma lo sapevi che? dei sistemi di pagamento via app la protezione della propria identità digitale. In sintesi “Il dato evidente è questo: i Millenials guidano e guideranno per i prossimi vent’anni il mercato dei mobile wallets, e quello che chiedono al proprio portafoglio virtuale sono tre cose; semplicità di utilizzo, pulizia nel design, capacità di integrare diverse funzioni”.

E la sicurezza? Da una ricerca IPSOS, tra le barriere che frenano gli esercenti nell’utilizzo dei pagamenti elettronici c’è il rischio truffa. Ma le esperienze reali ci dicono che, in 3 casi su 4, chi dichiara di aver subito truffe le ha subite in contanti. E solo 1 caso su 4 ha subito truffe con strumenti diversi dai contanti. Le barriere che inibiscono gli esercenti sono molteplici, e su

tutte la preoccupazione che costi e commissioni siano eccessivi; rispetto a tale indicazione però emerge che la conoscenza precisa di tali costi è molto bassa, solitamente sovrastimata se paragonato al rischio assunto dalla gestione dei contanti. La terza barriera riguarda la percezione dei tempi di realizzazione delle transazioni di pagamento. In generale, è diffusa l’idea che il

Le inibizioni all’utilizzo 0 5 10 15 20 25 30 35 40 45 Troppe commissioni Non mi fido, temo truffe Il pagamento è più lento Non mi piace sentirmi controllato Sono meno comodi Ho poca dimestichezza con la tecnologia Non sempre i clienti sono propensi ad usarli Non indica

27

torna al sommario


ma lo sapevi che? Ha subito truffe, furti 80 70 60 50 40 30 20 10 0

in contanti

rapine

pagamento con carta richieda più tempo di quello effettuato con denaro contante poiché, mentre nel primo caso si parla di veri e propri “tempi di attesa”, nel secondo caso i

28

assegni

pagamenti elettronici

pagatori hanno un ruolo più attivo in quanto impegnati a dare i soldi o controllare il resto. In aggiunta, il pagamento con carta viene spesso ritenuto scomodo, caratteristica che può

mai subito nulla

essere ricondotta alla ridotta propensione a cambiare i terminali in modo programmato: 2 esercenti su 3 li cambia solo quando si rompono. di Roberto Ceol

torna al sommario


soci, ritratti

29


ma lo sapevi che?

Digitale Zahlungen: Trends, Sicherheit und Gewohnheiten Der Anstieg des digitalen Handels und der neuen Technologien bringt unvermeidlich eine allgemeine Veränderung der Bedürfnisse und der Gewohnheiten mit sich, mit denen die Menschen auf diese Dienste zugehen und somit ist es selbstverständlich, dass auch in der Beziehung zwischen Kunden und Bank neue Instrumente notwendig werden. Die Bank hat sich schon seit Längerem in diese Richtung bewegt und den Kunden umfangreiche Dienste für innovative Zahlungsmodalitäten zur Verfügung gestellt, beispielsweise Contactless-Karten, Wallet, Jiffy sowie die Möglichkeit der Online-Zahlung mittels der jeweiligen Inbank-Zugangsdaten über den Service MyBank. Im Bereich der digitalen Zahlungen wurden zahlreiche Systeme und verschiedene Technologien entwickelt, die erforderlich sind, um die „Digital-Addicts“ mit ihren neuen Bedürfnissen zufriedenzustellen. Heute erscheint es jedoch, als ob diese Technologien nicht nur bei den neuen Generationen, sondern auch bei Freiberuflern und Unternehmen Fuß fassen. Im Hinblick auf die Contactless-Technologie zum Beispiel steigen sowohl die Ausstellungen neuer Karten als auch das Verwendungsnetz stark an: im letzten Jahr sind die c-less-Verkaufsorte um 225% angestiegen und folglich auch die Gesamtzahlungen, welche im ersten Se30

mester 2016 eine Erhöhung von 360% im Vergleich zum selben Zeitraum des Jahres 2015 erfahren haben. Die Kategorien der Gewerbetreibenden, die die Verbreitung des Contactless in Italien anführen, sind die Sektoren des Großhandels und der Großverpflegung, wo laut Mastercard-Daten 35% der Zahlungen mit Mastercard-Karten anhand der Contactless-Modalität erfolgt sind. Auf dem zweiten Platz befindet sich der Bekleidungssektor (19%) gefolgt von kleinen Restaurants und Kaffeebars (12%). Im Bereich der Wallets hingegen sind es die sehr jungen Menschen, die die Rolle als schlaue Pioniere einnehmen. Der von CCG Catalyst Consulting Group erstellte Bericht zeigt kurzgefasst Folgendes auf: «Die Mobile Wallets werden immer mehr Teil des Alltags der digitalen Verbraucher, da diese Instrumente neben ihren gezielten Zahlfunktionen auch ein anderes, immer breitgefächertes Spektrum an Aufgaben im Bereich der kleinen, alltäglichen Erledigungen erfüllen: Organisation von Coupons und Kundenkarten, Check-In- und Fahrkarten, Newsletter und Zusendung von Events und Terminen. Es ist nicht verwunderlich, dass es die Millennials sind, die den Markt der Mobile Wallets voranbringen, da diese mit der Logik aufgewachsen sind, eine ganze Reihe von für das Leben erforderlichen Instrumenten torna al sommario


ma lo sapevi che? in einem einzigen Instrument – dem Handy – zusammenzufassen». Die Frage, die der Bericht aufwirft und auf die dieser mit einer Fülle an Daten zu antworten versucht, ist folgende: wie sehr und inwiefern sind die jungen Menschen angesichts dieses breitgefächerten Spektrums an Funktionen, das ein Mobile Wallet bietet, an der spezifischen Funktion als Zahlungsinstrument interessiert? Und welche Instrumente wählen sie, wenn es um die Verwaltung ihres Geldes geht? Die Antworten zeigen auf, dass die Millennials sehr an Instrumenten interessiert sind, die es ihnen ermöglichen, ihre Ausgaben und Zahlungen engmaschig zu kontrollieren (64,7% der Befragten gibt an, darauf Wert zu legen) und 50,4% von ihnen überprüft die entsprechende Entwicklung täglich. An zweiter Stelle wird die Sicherheit hervorgehoben: zwei Drittel der Befragten stellen bei den Ängsten in Bezug auf die Nutzung der Zahlungssysteme über Apps den Schutz der eigenen digitalen Identität an die erste Stelle. Kurzgefasst: “Der offensichtliche Fakt ist folgender: in den nächsten zwanzig Jahren werden die Millennials den Markt der Mobile Wallets anführen, und von ihrem virtuellen Portfolio verlangen sie drei Dinge: einfache Nutzung, sauberes Design, Möglichkeit zur Integration mehrerer Funktionen”. Und was ist mit der Sicherheit? Aus einer IPSOS-Analyse geht hervor, dass zu den Barrieren, die die Gewerbetreibenden bei der Nutzung von elektronischen Zahlungen bremsen, die Gefahr 31

des Betrugs gehört. Jedoch besagen die tatsächlichen Erfahrungen, dass die Personen, die angeben, Opfer eines Betrugs geworden zu sein, diesen in 3 von 4 Fällen bei Barzahlungen erlitten haben. Und nur in 1 von 4 Fällen hat der Betrug mit von Barzahlungen abweichenden Instrumenten stattgefunden. Die Barrieren, die Gewerbetreibende abhalten, sind verschiedener Art und vor allem handelt es sich um die Besorgnis, dass die Kosten und Gebühren zu hoch ausfallen; in Bezug auf diese Angabe geht jedoch hervor, dass die genaue Kenntnis dieser Kosten sehr gering ist und diese für gewöhnlich im Vergleich zu den Risiken der Abwicklung in Bargeld überschätzt wird. Die dritte Barriere betrifft die Wahrnehmung der Umsetzungsdauer für die Zahlungen. Im Allgemeinen ist die Meinung verbreitet, dass die Zahlung mittels Karte mehr Zeit in Anspruch nimmt als eine Barzahlung, da man im ersten Fall richtiggehend von “Wartezeiten” spricht, während der Zahlende im zweiten Fall eine aktivere Rolle einnimmt, da dieser damit beschäftigt ist, das Geld zu übergeben oder den Wechselbetrag zu überprüfen. Hinzu kommt, dass die Kartenzahlung oft als unkomfortabel angesehen wird, wobei diese Tatsache auf die verminderte Bereitschaft zurückgeführt werden kann, die Terminals planvoll umzugestalten: 2 Gewerbetreibende von 3 tauschen diese nur aus, wenn sie kaputt gehen. von Roberto Ceol torna al sommario


what’s up

Report mercati DATI MACROECONOMICI La fiducia dei consumatori della Zona Euro ha riportato in novembre un miglioramento superiore alle aspettative degli analisti e anche i sondaggi tra i direttori di acquisto delle aziende private (gli indici PMI) hanno confermato una maggiore fiducia generale, nonostante un calo avuto nel settore manifatturiero tedesco. I dati tedeschi relativi al terzo trimestre del 2016 hanno poi evidenziato una crescita pari al +0,2% trimestrale ed al +1,7% annuale, in linea con le attese, nonostante un calo dell’export. Fra gli altri dati di crescita, i dati spagnoli si confermano molto forti con un rialzo del Pil pari al +3,2% annuale. Dagli Stati Uniti dati molto positivi si sono visti sull’andamento degli ordinativi di fabbrica di ottobre ed anche dagli indici di fiducia dei cittadini. Anche i dati settimanali sul mercato del lavoro hanno confermato l’andamento recente molto positivo.

32

MERCATI AZIONARI Listini azionari tutti positivi nel bilancio dell’ultima settimane del mese di novembre. A Milano il Ftse Mib ha riportato il +1,5%, il Dax tedesco il +0,3%, Parigi il +1,0% e Madrid il +0,6%. La performance del Ftse Mib è stata positiva nonostante un andamento ancora debole del comparto bancario, che in cinque giorni ha perso il -1,5%. Crescita anche per i listini americani, con l’indice S&P 500 che ha toccato nuovi massimi storici superando i 2200 punti. Anche i mercati emergenti hanno riportato una settimana in aumento dopo ben quattro settimane consecutive di perdita (novembre). L’indice MSCI Emerging Market ha riportato un aumento pari al +1,3%.

torna al sommario


what’s up

MERCATI OBBLIGAZIONARI La tendenza recente di aumento dei rendimenti obbligazionari governativi globali si è in parte interrotta la scorsa settimana, dopo i forti movimenti e accelerati dalle elezioni americane. I movimenti sui titoli di stato americani e tedeschi sono stati contenuti in entrambi i casi, mantenendo una differenza di rendimento sulla scadenza a dieci anni superiore al 2,10%, una differenza che generalmente rispecchia le differenti aspettative di inflazione e monetarie ed economiche e si trova ora ai massimi ultradecennali. Il rendimento del decennale italiano ha chiuso la settimana al 2,09%, con uno spread rispetto all’omologo Bund tedesco in allargamento per la sesta settimana consecutiva (4° del mese di novembre), penalizzato in questo caso dall’attenzione del mercato all’esito del referendum del 4 dicembre.

33

MERCATI VALUTARI Il cambio euro/dollaro ha chiuso l’ultima settimana del mese di novembre poco mosso vicino a 1,06 eur/usd, consolidando il significativo rafforzamento del biglietto verde seguito all’elezione di Trump alla Casa Bianca. La moneta unica a metà novembre ha perso terreno rispetto a quasi tutte le divise principali, seppure in maniera contenuta. Fa eccezione solo il confronto con lo yen giapponese che per la terza settimana consecutiva si è indebolito andando a perdere oltre il 2% contro il dollaro. Lo yen, divisa che viene sempre favorita nelle fasi di forte avversione al rischio e che ha avuto un notevole apprezzamento nel 2016, è tornato a scambiare quasi in area 120 eur/yen, su livelli precedenti al referendum inglese.

torna al sommario


what’s up

Internet ad alta velocità senza il vincolo del canone Cassa Rurale Centrofiemme e Famiglia Cooperativa Cavalese hanno siglato un accordo con la società Tecnodata Trentina per la fornitura del servizio di internet ad alta velocità, senza il vincolo della linea fissa, a tariffe scontate dedicate ai propri soci.

Internet è ormai parte integrante delle nostre abitudini quotidiane, per studio, professione o svago, i vantaggi offerti dalle rete sono molteplici e quasi irrinunciabili. In questo contesto però l’Italia si posiziona al 54mo posto nella classifica mondiale relativa alla velocità media di connessione e solo al quart’ultimo posto nella classifica europea davanti a Grecia, Croazia e Cipro. Consapevoli di questo scenario abbiamo lavorato per fornire ai nostri soci una connessione ad alta velocità a tariffe inferiori alla media delle attuali condizioni offerte dal mercato dalla compagnie 34

nazionali. Tecnodata Trentina, azienda con sede a Trento, lavora nell’ambito informatico da oltre vent’anni. Cresciuta prevalentemente erogando servizi ad istituti di credito. Negli ultimi 10 anni si è specializzata nella vendita di ponti radio, tramite i quali porta connettività internet in tutta la Provincia di Trento. A novembre 2015 la società ha investito sulle infrastrutturazioni in Val di Fiemme con la conseguente distribuzione di internet alle strutture alberghiere, alle aziende e ai privati con abbonamenti dai 7 ai 100 megabit. La

conssessione copre già i paesi della Val di Fiemme (Dosso Veronza, Daiano, Carano, Cavalese, Tesero, Val Stava, Predazzo e Ziano) e una prima parte della Val di Fassa. è in progettazione la copertura di Canazei e Campitello, per poi proseguire verso Pozza al fine di completare anche la vallata fassana. Per l’attivazione del servizio potete recarvi, a partire dal 1° gennaio 2017, direttamente presso la sede o le filiali della Banca o gli uffici della Famiglia Cooperativa Cavalese. L’installazione sarà effettuata da un tecnico di zona. di Roberto Ceol torna al sommario


what’s up Abbonamento

Attivazione

Accesso internet EASY: 7 mega Up 1 mega (MCR 64kb) Servizio Flat senza limiti di traffico/orario, trasmesso su banda radio 5,4GHz

Accesso internet MEDIUM: 10 mega Up 1 mega (MCR 64kb) Servizio Flat senza limiti di traffico/orario, trasmesso su banda radio 5,4GHz

Accesso internet PRO: 20 mega Up 1 mega (MCR 64kb) Servizio Flat senza limiti di traffico/orario, trasmesso su banda radio 5,4GHz)

Accesso internet POWER1: 30 mega Up 1 mega (MCR 64kb) Servizio Flat senza limiti di traffico/orario, trasmesso su banda radio 5,4GHz)

Accesso internet POWER2: 30 mega Up 3 mega (MCR 1mb) Servizio Flat senza limiti di traffico/orario, trasmesso su banda radio 5,4GHz)

Canone mensile

€ 40,00 + IVA € 48,80 IVATI

€ 15,00 + Iva al mese € 18,30 Ivati al mese

€ 40,00 + IVA € 48,80 IVATI

€ 16,39 + Iva al mese anziché € 20,00 + Iva al mese

€ 40,00 + IVA € 48,80 IVATI

€ 22,13 + Iva al mese anziché € 25,00 + Iva al mese

€ 40,00 + IVA € 48,80 IVATI

€ 29,50 + Iva al mese anziché € 32,50 + Iva al mese

€ 100,00 + IVA € 122,00 IVATI

€ 49,00 + Iva al mese € 59,78 Ivati al mese

Servizi e prodotti aggiuntivi (barrare i servizi scelti) Router WiFi con 4 porte LAN

PROMOZIONE SOCI

Cavo di collegamento tra antenna e alimentatore

€ 1,00 + IVA al metro € 1,22 IVATI al metro

Connettori RJ45

€ 1,00 + IVA cad. € 1,22 IVATI cadauno

IP statico - 1 indirizzo.

€ 2,00 + IVA al mese € 2,44 IVATI al mese

Installazione, configurazione e puntamento antenna

PROMOZIONE SOCI Costo d’installazione e router € 6,00/mese Iva compresa per 24 mesi. Risparmio per il socio € 60,00

Per più indirizzi accordarsi con il reparto commerciale

35

torna al sommario


what’s up

Hochgeschwindigkeitsinternet ohne Bindung an den Tarif Die Raiffeisenkasse Centrofiemme und Famiglia Cooperativa Cavalese haben mit der Gesellschaft Tecnodata Trentina eine Vereinbarung über die Bereitstellung von Hochgeschwindigkeitsinternet, ohne Bindung an das Festnetz und mit herabgesetzten Tarifen für die eigenen Genossenschafter, geschlossen. Inzwischen ist das Internet zum wesentlichen Bestandteil unserer täglichen Gewohnheiten geworden, ob zum Lernen, für den Beruf oder in der Freizeit – die vom Netz gebotenen Vorteile sind vielseitig und nahezu unverzichtbar. In diesem Kontext jedoch liegt Italien in der Weltrangliste bezüglich der durchschnittlichen Verbindungsgeschwindigkeit auf dem 54. Platz und in der Europarangliste nur auf dem viertletzten Platz vor Griechenland, Kroatien und Zypern. Wir sind uns dieser Situation bewusst und haben daran gearbeitet, um unseren Genossenschaftern eine Hochgeschwindigkeitsverbindung zu Tarifen zu bieten, die niedriger als der Durchschnitt der aktuellen Konditionen sind, die der Markt der nationalen Gesellschaften anbietet. Tecnodata Trentina ist eine Gesellschaft mit Sitz in Trient, die seit über zwanzig Jahren im Bereich der Informatik tätig ist. Ihr Wachstum verdankt sie hauptsächlich der Bereitstellung von Dienstleistungen für Kreditinstitute. In den letzten 10 Jahren hat sie sich auf den Verkauf von Funkbrücken speziali36

siert, über die sie Internetverbindungen in die gesamte Provinz Trient bringt. Im November 2015 hat die Gesellschaft in die Fleimstaler Infrastruktur investiert und folglich das Internet in Hotels, Unternehmen und Privathaushalte mit Abonnements von 7 bis 100 Megabits gebracht. Die Verbindung deckt bereits die Ortschaften im Fleimstal (Dosso Veronza, Daiano, Carano, Cavalese, Tesero, Val Stava), Predazzo und Ziano sowie einen ersten Teile des Fassatals ab. Die Abdeckung von Canazei und Campitello ist bereits in Planung und danach soll eine Fortführung in Richtung Pozza erfolgen, mit dem Zweck, auch das komplette Fassatal abzudecken. Zur Aktivierung der Dienste können Sie sich ab 1. Januar 2017 direkt in den Sitz oder die Filialen der Bank oder in die Büros der Famiglia Cooperativa Cavalese begeben. Die Einrichtung wird von einem Gebietstechniker vorgenommen. (Die für die Genossenschafter vorgesehenen Tarife sind rot gekennzeichnet). von Roberto Ceol torna al sommario


what’s up Abonnement

Aktivierung

Internetzugang EASY: 7 mega Up 1 mega (MCR 64kb) Flatrate ohne Einschränkungen bei Nutzung/ Uhrzeit, Übertragung über Frequenzband 5,4GHz

Internetzugang MEDIUM: 10 mega Up 1 mega (MCR 64kb) Flatrate ohne Einschränkungen bei Nutzung/ Uhrzeit, Übertragung über Frequenzband 5,4GHz

Internetzugang PRO: 20 mega Up 1 mega (MCR 64kb) Flatrate ohne Einschränkungen bei Nutzung/ Uhrzeit, Übertragung über Frequenzband 5,4GHz

Internetzugangt POWER1: 30 mega Up 1 mega (MCR 64kb) Flatrate ohne Einschränkungen bei Nutzung/ Uhrzeit, Übertragung über Frequenzband 5,4GHz)

Internetzugang POWER2: 30 mega Up 3 mega (MCR 1mb)

Flatrate ohne Einschränkungen bei Nutzung/ Uhrzeit, Übertragung über Frequenzband 5,4GHz)

Monatliche Gebühr

€ 40,00 + MwSt. € 15,00 + MwSt. pro Monat € 48,80 inkl. MwSt. € 18,30 inkl. MwSt. pro Monat

€ 40,00 + MwSt. € 16,39 + MwSt. pro Monat € 48,80 inkl. MwSt. € 20,00 + MwSt. pro Monat

€ 40,00 + MwSt. € 22,13 + MwSt. pro Monat € 48,80 inkl. MwSt. € 25,00 + MwSt. pro Monat

€ 40,00 + MwSt. € 29,50 + MwSt. pro Monat € 48,80 inkl. MwSt. € 32,50 + MwSt. pro Monat

€ 100,00 + IVA € 49,00 + MwSt. pro Monat € 122,00 inkl. MwSt. € 59,78 inkl. MwSt. pro Monat

Zusätzliche Dienste und Produkte Router WiFi mit 4 LAN-Zugängen

ANGEBOT FÜR GENOSSENSCHAFTER

Verbindungskabel zwischen Antenne und Gerät

€ 1,00 + MwSt. pro Meter € 1,22 inkl. MwSt. pro Meter

Verbindungsstück RJ45

€ 1,00 + MwSt. pro Stück € 1,22 inkl. MwSt. pro Stück

IP statisch - 1 Adresse

€ 2,00 + MwSt. pro Monat € 2,44 inkl. MwSt. pro Monat

Einrichtung, Konfiguration und Einstellung der Antenne

ANGEBOT FÜR GENOSSENSCHAFTER Die Kosten für die Einrichtung und den Router betragen monatlich € 6,00 inkl. MwSt. für 24 Monate. Ersparnis von über € 60,00

Für mehr Adressen bitte mit der Verkaufsabteilung Kontakt aufnehmen

37

torna al sommario


what’s up

Donald Trump: Banche e mercati europei

l’Europa di Juncker e della Bce resta dirigista, l’America potrebbe almeno in parte ritrovare lo spirito liberale di quell’ottimismo che l’aveva caratterizzata negli anni Ottanta

38

Donald Trump è ufficialmente il 45mo presidente degli Stati Uniti d’America e prende il testimone di Barack Obama, primo leader afroamericano nella storia degli USA rimasto in carica per ben 8 anni. La sua elezione alla presidenza degli Stati Uniti è destinata a mutare in maniera significativa non solo lo scenario politico globale, ma anche quello finanziario. E sebbene il miliardario si sia imposto puntando

più su Main Street (la gente comune) che su Wall Street (l’élite finanziaria), è pur vero che ora potrebbe aprirsi una fase di liberalizzazione dei mercati con conseguenze rilevanti su banche e speculazione. E così mentre l’Europa di Juncker e della Bce resta dirigista, l’America potrebbe almeno in parte ritrovare lo spirito liberale di quell’ottimismo che l’aveva caratterizzata negli anni Ottanta. torna al sommario


what’s up Per dare maggiore spazio di manovra agli istituti di credito Trump intende mettere in discussione la Dodd Frank (intervento voluto dall’amministrazione di Obama per promuovere una più stretta e completa regolazione della finanza statunitense incentivando al tempo stesso una tutela dei consumatori e del sistema economico), con quella «Volcker rule» che vieta alle banche ordinarie di assumere posizioni speculative e che egli ha definito un pesantissimo fardello per le aziende del settore. Molto dipenderà ovviamente dal rapporto che si verrà a instaurare tra Trump e il Congresso, ma anche tra il nuovo presidente e altre istituzioni cruciali: basti pensare alla Fed, la banca centrale americana. Da questo punto di vista già prima delle elezioni sembrava abbastanza chiaro che l’America si stesse orientando pure qui in contrasto con quanto 39

avviene in Europa verso un rialzo dei tassi. Seppure in maniera non del tutto lineare, allora, Trump e la maggioranza parlamentare repubblicana paiono orientati a prefigurare un futuro di liberalizzazioni per banche e finanza, entro un quadro in cui le imposte dovranno calare e le regole dovranno essere sfoltite. Dall’Europa arriva però un avvertimento da parte del presidente della Bce Mario Draghi che, intervenendo in un convegno a Francoforte, ha sostenuto che la ripresa va supportata da un forte e «ben regolato» settore bancario, perché «una delle principali cause della crisi finanziaria globale è stata l’eccessiva deregolamentazione nel settore finanziario nei precedenti due decenni». Per questo, spiega Draghi, la «riregolazione del settore finanziario è di fatto parte dell’agenda per la crescita», e «maggiori

progressi vano realizzati nel reindirizzare gli errori dell’era pre-crisi».  Non ci resta quindi, che attendere l’insediamento ufficiale alla Casa Bianca del neo eletto presidente, eccentrico miliardario, Donald Trump per vedere come andrà a finire la cosa. Nel frattempo, per attenuare i toni, non ci resta altro che citare il tormentone che sta spopolando su tutte le reti social del mondo, ovvero: “Orange is the New Black“. In questo caso, l’Orange (l’arancione) fa riferimento al bizzarro colorito del viso di Donald Trump, da sempre appassionato di trucco/abbronzatura artificiale piuttosto pesante, quasi ai limiti del cerone; il Black (il nero) si riferisce invece al presidente uscente Obama, diventato in questi ultimi anni un importantissimo punto di riferimento per la comunità afroamericana e non solo. di Peter Lanziner torna al sommario


what’s up

In arrivo nuovi bonus per le imprese che assumono giovani L’Unione Europea ed il governo italiano stanno pensando a nuovi bonus contributivi a favore delle imprese che assumeranno nel corso del 2017 i ragazzi iscritti a “Garanzia Giovani”, il piano europeo partito

40

nel 2014 con cui Stato e Regioni s’impegnano a offrire ai giovani di 15-29 anni che non studiano e non lavorano (NEET) un percorso personalizzato di formazione o un’opportunità

lavorativa. Le imprese che assumono questa categoria di giovani hanno diritto già oggi ad un bonus in funzione della tipologia di contratto, come da tabella:

Tipo contratto

Importo bonus statale per l’azienda

Tempo determinato da 6 a 11,9 mesi

Da 1.500 € a 2.000 €

Tempo determinato di 12 mesi e oltre

Da 3.000 € a 4.000 €

Tempo indeterminato

Da 1.500 € a 6.000 €

Tirocinio

Da 200 € a 500 € (Provincia Autonoma di Trento) + bonus di cui sopra in caso di trasformazione in contratto a tempo determinato o indeterminato

torna al sommario


what’s up

I dati parlano chiaro: in Italia la disoccupazione totale è dell’11,7% ma a livello giovanile (NEET tra 15 e 29 anni) è del 26%. Peggio di noi in Europa c’è solo la Grecia

41

what’s up Il nuovo bonus 2017, cumulabile ai precedenti, prevede lo sgravio al 50% (massimo 4.030 euro annui per lavoratore) o al 100% (massimo 8.060 euro annui per lavoratore) dei contributi previdenziali in base al contratto di ingresso. La durata del bonus è di un anno. Nonostante queste novità siano ancora in fase di definizione, e quindi ufficiose, è evidente la spinta del governo e dell’Unione Europea verso la maggiore occupazione della categoria dei NEET, i più colpiti dall’attuale situazione di stagnazione mondiale. I dati parlano chiaro: in Italia la disoccupazione totale è dell’11,7% ma a livello giovanile (NEET tra 15 e 29 anni) è del 26%. Peggio di noi in Europa c’è solo la Grecia, con un tasso di disoccupazione giovanile del 28,9%. A livello locale abbiamo dati migliori: i NEET sono 15,9% in Trentino Alto Adige e 10,2% in Alto Adige.

La migliore situazione economica delle nostre due Province Autonome si ripercuote sul numero di giovani registrati a “Garanzia Giovani”. A fronte di 177.478 iscritti della regione Sicilia, ci sono 6.634 iscritti della Provincia Autonoma di Trento e 178 della Provincia Autonoma di Bolzano. di Tiziano Berlanda

QUI trovi il sito di Garanzia Giovani QUI la sezione dedicata della Provincia Autonoma di Trento QUI la sezione dedicata della Provincia Autonoma di Bolzano torna al sommario


what’s up

Incentivi fiscali per i mobili di casa Ultimi giorni per approfittare del maxi incentivo dedicato agli under 35 la legge di stabilità 2016 consente di detrarre dalle imposte il 50% delle spese in arredi acquistati per la propria abitazione principale in occasione di ristrutturazione edilizia

42

Il bonus mobili, introdotto per mezzo della legge 208/2015 (legge di stabilità 2016), consente di detrarre dalle imposte il 50% delle spese in arredi acquistati per la propria abitazione principale in occasione di ristrutturazione edilizia. A tale sgravio, confermato anche per il

2017, è affiancato anche un maxi-bonus dedicato alle coppie under 35 slegato dalle operazioni di ristrutturazione e con un tetto massimo elevato a 16.000,00 euro anziché 10.000,00. Quest’ultimo invece, ad oggi, sembra non trovare proroga per il 2017. Al fine di beneficiare del bonus le giovani coppie torna al sommario


what’s up

Per mobili la normativa intende: cucine, letti, armadi, tavoli, sedie, divani, poltrone, credenze, materassi, apparecchi di illuminazione, elettrodomestici

43

devono soddisfare, nel corso del 2016 quindi, i seguenti requisiti: • essere una coppia coniugata o una coppia convivente more uxorio da almeno tre anni; • non aver superato, almeno da parte di uno dei componenti la giovane coppia, i 35 anni di età; • essere acquirenti nel 2015 o nel 2016, a titolo oneroso o gratuito, di un’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale della giovane coppia da parte di entrambi o da uno solo di essi. In quest’ultimo caso l’acquisto deve essere effettuato dal componente che non abbia superato il 35° anno di età nel 2016 (per quanto riguarda l’immobile acquisito questo deve essere adibito ad abitazione principale della giovane coppia entro la fine del 2016 per gli acquisti effettuati nel 2015 ovvero entro il 2 ottobre 2017, termine

per la presentazione del modello unico PF 2017, per gli acquisti effettuati nel 2016). Per quanto riguarda invece il 2017 il bonus mobili prevede la detraibilità dalle imposte nel caso in cui l’acquisto di mobili ed elettrodomestici avvenga in concomitanza con i lavori di manutenzione straordinaria come l’installazione di ascensori e scale di sicurezza, la realizzazione dei servizi igienici o la sostituzione di infissi esterni con modifica di materiale o tipologia di infisso, di ristrutturazione edilizia come la modifica della facciata o la realizzazione di una mansarda o di un balcone e lavori di restauro e risanamento conservativo come l’adeguamento delle altezze dei solai nel rispetto delle volumetrie esistenti. Il bonus mobili sarà ancora fruibile anche se i lavori vengono eseguiti su parti comuni di edifici residenziali (per esempio, guardiole, torna al sommario


what’s up appartamento del portiere, lavatoi): in tal caso i condomini hanno diritto alla detrazione, ciascuno per la propria quota, solo per i beni acquistati e destinati ad arredare queste parti. Il bonus non è concesso, invece, se acquistano beni per arredare il proprio immobile. Per mobili la normativa intende: cucine, letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi e apparecchi di illuminazione, elettrodomestici nuovi di classe energetica non inferiore alla A+ (A per i forni),

44

come, ad esempio, frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura, stufe elettriche, forni a microonde, piastre riscaldanti elettriche, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento. Purtroppo, rimangono esclusi l’acquisto di porte, pavimentazioni (parquet), tende

e tendaggi, altri complementi di arredo. Tra le spese da portare in detrazione invece si potranno ancora includere quelle di trasporto e di montaggio dei beni acquistati. Va evidenziato però che per le sopracitate categorie la detrazione del 50% va calcolata su un importo massimo di 10.000,00 euro complessivi. di Roberto Ceol

Maggiori info agenzia delle entrate www.agenziaentrate.gov.it

torna al sommario


friend, event & co.

La Magnifica Comunità di Fiemme fra cultura e accoglienza

Un’estate passata alla scoperta del patrimonio documentale e artistico. Un inverno ricco di appuntamenti Alcune considerazioni sulla stagione estiva con uno sguardo all’inverno ormai alle porte. Oltre seimila ingressi hanno caratterizzato l’estate 2016 del Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme, a Cavalese. Sono questi i numeri della brillante stagione conclusasi l’11 settembre 45

in concomitanza con la “Desmontegada de le Caore” l’evento che segna la fine dell’estate. Gli appuntamenti proposti dal Palazzo sono stati molto partecipati, per via della varietà ma anche della qualità che li ha contraddistinti, ne sono convinti il dott. Roberto Daprà e la dott.ssa Francesca

Dagostin, coordinatori dei numerosi progetti del Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme. Tra le iniziative più importanti ricordiamo la mostra “Bepi Zanon: il pittore della natura”, curata in collaborazione con l’Associazione Bepi Zanon e gli amici di Lunghe Focali, e la torna al sommario


friend, event & co.

Grande riscontro di pubblico hanno avuto anche le iniziative rivolte ai più piccoli. Grazie ai costi contenuti, e all’adozione della Trentino Guest Card, tali eventi hanno visto la partecipazione di numerose famiglie

46

mostra “Un patrimonio di carta. I documenti di Fiemme tra storia e tutela” che hanno avuto il merito di avvicinare il pubblico dei vicini, ma anche numerosi turisti, al patrimonio locale costituito non solo da importanti documenti e opere d’arte, ma anche dalla bellezza della natura espressa nelle opere del compianto artista autore di quadri diffusi, oggi, in tutto il mondo. Molto significativi si sono rivelati gli appuntamenti legati alle due mostre che hanno visto la partecipazione di numerosi esperti impegnati in conferenze tematiche e visite sul territorio. In quest’ultimo campo, oltre alle consuete visite ai siti della Pieve di Cavalese e del Doss Zelor rientrano gli appuntamenti presso il museo Casa Natale Antonio Longo, a Varena, e le visite alla Biblioteca Muratori curate, con eccezionale bravura e competenza, dalla dott.ssa Giovanna Siviero

che si è resa disponibile ad accompagnare gruppi, numericamente limitati, anche al di fuori della stagione conclusa. Grande riscontro di pubblico hanno avuto anche le iniziative rivolte ai più piccoli. Grazie ai costi contenuti, e all’adozione della Trentino Guest Card, tali eventi hanno visto la partecipazione di numerose famiglie che hanno iscritto i loro bambini all’attività “Due musei da scoprire... in una settimana”, curata in collaborazione con il Centro Arte Contemporanea di Cavalese, e all’attività “A Palazzo con mamma e papà” del venerdì le cui prenotazioni sono state prese da Sentieri in compagnia. Ma non è finita qua, infatti sono da ricordare i numerosi concerti serali che hanno caratterizzato la stagione estiva, gli appuntamenti musicali del pomeriggio curati da Stefano Dell’Antonio, alla ghironda, e da Diego Cavada, al pianoforte, e torna al sommario


friend, event & co.

l’appuntamento è dunque per la prossima stagione invernale. speriamo di vedervi numerosi

47

gli incontri dedicati al “Circolo d’Arte & Gusto” che hanno riguardato una serie variegata di tematiche culturali ed hanno visto la gradita partecipazione dell’Apt valle di Fiemme e di alcuni esercenti locali che hanno messo a disposizione i loro eccezionali prodotti locali. In vista dell’inverno, ormai alle porte, la programmazione che vi attende a partire da venerdì 2 dicembre, si può definire altrettanto ricca! Gli orari di apertura rimangono invariati mentre, tra le mostre temporanee, fa la sua comparsa l’esposizione “Mostri in mostra” che sarà dedicata alla mitologica, quanto terrificante, figura del Krampus. Le maschere dello scultore Luca Pojer resteranno esposte fino al termine della stagione invernale, che si concluderà il 17 aprile 2017 e faranno da contorno alle numerose attività natalizie che cominceranno in concomitanza con il

“Magnifico Mercatino” allestito, nuovamente, nei due cortili palatini e nel giardinetto antistante. Grande rilievo avranno, inoltre, gli appuntamenti riguardanti il Museo Casa Natale Antonio Longo per il quale è stato previsto un ampio programma di valorizzazione basato su visite tematiche ed appuntamenti culturali diversificati. Per rendervi partecipi di tutti gli eventi abbiamo pensato di inserire, in questo numero del notiziario, l’elenco completo delle attività che verranno divulgate tramite i maggiori canali d’informazione. L’appuntamento è quindi per la stagione invernale e nella speranza di vedervi numerosi vi invitiamo, qualora non l’abbiate già fatto, a visitare il sito internet del Palazzo www. palazzomagnifica.eu e ad iscrivervi alla nostra news-letter per rimanere aggiornati su tutte le novità che vi attendono. torna al sommario


friend, event & co.

Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme stagione invernale 2017 Esposizioni temporanee Mostri in Mostra 4 dicembre 2016 - 17 aprile 2017 Inaugurazione 3 dicembre, ore 17.30 Esposizione temporanea dedicata alla mitologica figura del Krampus, opere dell’autore Luca Pojer

Un patrimonio di carta I documenti di Fiemme tra storia e tutela 24 luglio 2016 - 17 aprile 2017 Esposizione temporanea dedicata alla valorizzazione del patrimonio archivistico locale. In collaborazione con la Provincia Autonoma di Trento Museo Casa Natale don Antonio Longo Visite guidate al museo ogni mercoledì, ore 15.00 48

7 dicembre 2016 - 12 aprile 2017 Visita guidata alla casa-museo del pittore originario di Varena (TN), recentemente restaurata e aperta al pubblico. Un’esperienza unica per conoscere la storia e le opere di questo personaggio straordinario della storia e dell’arte di Fiemme. Solo per i possessori di FiemmE-motion Winter Card. Prenotazione obbligatoria a “Sentieri in Compagnia” tel. 331 9241567 Epifania a Casa Longo venerdì 6 gennaio 2017, ore 16.00 Visita guidata tematica alla pinacoteca incentrata sul tema della Natività Ingresso e 5,00. Prenotazione obbligatoria ArteAperitivo a Casa Longo domenica 18 dicembre 2016, ore 11.00 Una visita guidata tematica si concluderà con un piacevole aperitivo Ingresso e 5,00. Prenotazione obbligatoria tel. 0462.340812 palazzo@mcfiemme.eu Musica al Museo giovedì 29 dicembre 2016, ore 21.00 domenica 8 gennaio 2017, ore 11.00 Una visita guidata alla scoperta delle vicende artistiche del pittore Antonio Longo immersi nel repertorio musicale del Settecento… con la partecipazione di Stefano Dell’Antonio. Ingresso e 5,00. Prenotazione obbligatoria tel. 0462.340812 palazzo@mcfiemme.eu torna al sommario


friend, event & co.

Un inverno… Magnifico! Circolo d’Arte e Gusto Magnifiche pergamene martedì 8 dicembre 2016, ore 17.00 Prenotazione obbligatoria tel. 0462.340812 palazzo@mcfiemme.eu Un patrimonio di carta… mercoledì 29 dicembre 2016, ore 17.00 Arte e Gusto s’incontrano al Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme in un’occasione intima ed esclusiva. Opere sconosciute e curiose si mostrano al visitatore che, guidato dall’esperto, potrà lasciarsi affascinare dall’incanto dell’arte. Il Gusto coronerà l’iniziativa con la degustazione di raffinati prodotti locali d’eccellenza. Ingresso e 6,00. Prenotazione obbligatoria, tel. 0462.340812 palazzo@mcfiemme.eu 49

Il Palazzo in Musica con Stefano Dell’Antonio sabato 10 e 17 dicembre 2016, giovedì 5 gennaio 2017, ore 17.30 Un viaggio entusiasmante tra la storia del Palazzo della Magnifica Comunità e quella della valle di Fiemme accompagnati dalla musica d’epoca di Stefano Dell’Antonio. Ingresso e 6,00. Prenotazione obbligatoria, tel. 0462.340812 palazzo@mcfiemme.eu Concerto del gruppo ”Fuori Tempo” martedì 27 dicembre 2016, ore 17.30 L’ensamble del gruppo “Fuori Tempo”, della Scuola musicale il Pentagramma, intratterrà il pubblico con un avvincente repertorio che spazia dalla musica classica a quella leggera contemporanea. Ingresso a pagamento. Prenotazione obbligatoria, tel. 0462.340812 palazzo@mcfiemme.eu torna al sommario


friend, event & co.

…e per i più piccoli

A Palazzo con mamma e papà VISITA E LABORATORIO CREATIVO Un patrimonio da conoscere e conservare… ogni venerdì dal 2 dicembre 2016 al 14 aprile 2017, ore 17.00 Seguite le orme di Topotto che vi accompagnerà in un entusiasmante viaggio alla scoperta di luoghi speciali, chiamati archivi e biblioteche, per conoscere i beni archivistici e librari della valle di Fiemme! A seguire… Aperture Dal 2 dicembre 2016 al 17 aprile 2017 venerdì, sabato e domenica Dal 27 dicembre 2016 all’8 gennaio 2017 tutti i giorni Aperture straordinarie 7 e 8 dicembre 2016 - 17 aprile 2017 Chiusura 25, 26 e 31 dicembre 2016 1, 21 e 22 gennaio 2017 Orari mattina: 10.00-12.00 pomeriggio: 15.00-18.30

Info e prenotazioni Tel. 0462 340812 palazzo@mcfiemme.eu Piazza Cesare Battisti, 2 - Cavalese 50

La dura vita del miniatore Un laboratorio artistico per imparare il duro lavoro del miniatore medievale che illustrava documenti e codici giocando con le lettere… Ingresso e 7,00 a nucleo famigliare, adatto ai bambini dai 5 ai 12 anni. Prenotazione obbligatoria, tel. 0462.340812 palazzo@mcfiemme.eu Storie incantate martedì 27 e mercoledì 28 dicembre 2016, martedì 3 e mercoledì 4 gennaio 2017, ore 17.00 Affascinanti racconti per bambini allegramente narrati da Veronica Delmarco. Ingresso e 2,00 Ingressi • Intero: e 5,00 • Vicini della Magnifica Comunità di Fiemme, over 65, iscritti FAI, disabili e loro accompagnatori: e 2,00 • Under 15, possessori Trentino Guest Card: gratuito • Visita guidata: e 3,00 oltre all’ingresso • Gruppi con visita riservata: e 7,00 La visita guidata per i gruppi organizzati, anche in inglese e tedesco, va prenotata almeno 24 ore prima, durante gli orari di apertura. Visite guidate a orario fisso mattina: 10.30 pomeriggio: 15.30-17.00 n.b. le visite partono con un minimo di 6 persone

torna al sommario


friend, event & co.

Il Centro Arte Contemporanea e il Comune di Cavalese presentano la mostra

MARCO NONES: LE ANIME DELLA MATERIA 24 dicembre 2016 26 febbraio 2017 A cura di Elio Vanzo

51

torna al sommario


friend, event & co.

Il progetto intende rafforzare il senso percettivo dell’identità alpina nelle sue peculiarità

52

Il Centro Arte Contemporanea, istituzione del Comune di Cavalese, nasce nel 2001. Le sale del museo, site nello storico Palazzo Rizzoli, ospitano importanti mostre ed eventi culturali che indagano le nuove valenze artistico-percettive del territorio alpino: un’area fortemente caratterizzata dalla ricerca di una sintesi tra l’esigenza di mantenere le sue tradizioni e la necessità di

procedere nel cammino dell’innovazione. Il progetto espositivo 2016 intitolato “L’anima della materia”, è dedicato all’indagine sull’uso dei medium, intesi come materia o materiali, che agli artisti contemporanei che operano in un territorio di montagna fanno propri. Scelte che possono essere declinate verso il mantenimento di una forma legata alla tradizione o che al contrario la escludono, avviandosi verso un prodotto più in linea con la contemporaneità, o ancora, più spesso, tentando il più valido possibile compendio transitivo tra le due opzioni. Il progetto intende rafforzare il senso percettivo dell’identità alpina nelle sue peculiarità e valori attraverso il confronto di punti di vista diversi, dialettici ma complementari, facenti parte della ricerca e della fruizione artistica contemporanea da cui trarre una maggiore torna al sommario


friend, event & co.

EVENTI COLLATERALI Incontro con Marco Nones venerdì 6 gennaio 2017, ore 21.00 Incontro con Marco Nones, il gallerista Riccardo Crespi e la curatrice Gabi Scardi sabato 18 febbraio 2017, ore 21.00

53

consapevolezza culturale e sociale. La mostra, che conclude il programma espositivo, presenta una scelta di opere tra sculture e installazioni dello scultore fiemmese Marco Nones. Opere che rappresentano altrettante interpretazioni d’uso dei medium da parte dell’artista che lavora principalmente con i materiali reperiti in natura quali terre, radici, cortecce, legni e cere, lana fino ad un materiale fragile ed effimero come il ghiaccio. L’esposizione sviluppa un rapporto

dialettico tra due categorie proprie dei materiali artistici: quello della leggerezza e della pesantezza, declinate sia in senso concretamente fisico, ma anche in senso figurato, sulla base dell’attenta osservazione dei materiali naturali da parte di Nones che riesce ed ad estrapolarne l’essenza profonda, l’anima, ed a esaltarne il mistero. La mostra mette in evidenza anche l’originale interpretazione artistica dell’artista che riesce a fissare l’origine dei materiali reperiti in natura e il loro intrinseco disegno torna al sommario


friend, event & co. creativo: il lento crearsi della radice nelle nodosità e nei calli che superano nel

tempo ogni ostacolo, i sottili movimenti di un materiale solido ed effimero come il ghiaccio

Direttore: Elio Vanzo Consiglio di amministrazione Presidente: Lionello Vanzo Vicepresidente: Ugo Libener Consiglieri: Alice Bellante Annalisa Cavada Federico Corradini Didattica: Alice Zottele Responsabile amministrativo: Dott. Elisabetta Zadra

fissati con pigmenti impressi sulla tela nel momento del suo scioglimento, le terre multicolori di origini locali o molto lontane mescolate con la cere d’api e impresse sulla tela, o la stessa arte creativa delle api con le loro strutture cellulari, bozzoli di lana come costruiti da giganteschi bachi, l’ambiguità di materiali morbidi e duttili ricoperti delle aggressive spine di rosa.

Aperture Dal 24 dicembre 2016 all’8 gennaio 2017 tutti i giorni Dal 14 gennaio al 26 febbraio 2017 sabato e domenica Chiusure straordinarie sabato 24, domenica 25 dicembre e domenica 1° gennaio Orario pomeriggio: 15.30-19.30

ISTITUZIONE CENTRO ARTE CONTEMPORANEA CAVALESE Piazzetta Rizzoli 1 - 38033 Cavalese (Tn) Tel. +39.0462.235416 - Fax +39.0462.248043 info@artecavalese.it - www.artecavalese.it

54

torna al sommario


lo spunto

Quella vita ch’è una cosa bella, non è la vita che si conosce, ma quella che non si conosce; non la vita passata, ma la futura. Coll’anno nuovo, il caso incomincerà a trattar bene voi e me e tutti gli altri, e si principierà la vita felice. Giacomo Leopardi

torna al sommario



Passa Parola