Page 73

4-50_63_ARCVISION_Millenium_MIRALLES:Project 12 ok 30/08/12 10:56 Pagina 63

Enric Miralles

Enric Miralles Moya (Barcelona 1955-Sant Feliu de Codines 2000). Laureatosi alla Escuela Tecnica Superior de Arquitectura di Barcellona (ETSAB) nel 1978, inizia nello stesso anno a lavorare nello studio di Albert Viaplana e Helio Piñón, dove rimarrà fino al 1985: con Viaplana & Piñón vince nel 1981 il concorso per il ridisegno dello spazio prospiciente la Stazione Sants di Barcellona, Plaça dels Països Catalans. Nello stesso anno è Fullbright Visiting Scholar alla Columbia University di New York. Nel 1984 fonda il proprio studio a Barcellona con la prima moglie, Carme Pinós. Lo studio è fra i più attivi e dinamici nella scena vitale della nuova Spagna post-franchista e attira l’attenzione della critica e delle committenze internazionali. La maggior parte dei lavori realizzati da Miralles-Pinós al loro esordio sono conseguenza della vittoria di concorsi. Tra questi il nuovo cimitero di Igualada, Barcellona (1985-96), considerato tra i lavori più importanti dell’intera carriera di Miralles e premiato nel 1992 con il Premio FAD. Tra gli altri lavori di questo periodo si segnalano la sistemazione della Piazza Major di Paret del Valleés (1985-86), il Centro civico a Hostalets de Balenyá (1986-92) e il progetto di trasformazione di un edificio industriale nel centro “La Llauna” a Badalona (1984-96): quest’ultimo premiato con il Premio FAD nel 1985. Nel corso di quasi un decennio di attività lo studio cresce progressivamente, avviando la realizzazione di lavori di più ampia scala, tra cui il Palazzo dello Sport di Huesca (1988-94) e l’impianto di tiro con l’arco per le Olimpiadi di Barcellona (1989-92). Quest’ultimo, gratificato nel 1992 del premio Città di Barcellona, sarà anche tra gli ultimi lavori realizzati dallo studio Miralles-Pinós: nel 1989 la coppia si divide, professionalmente e nella vita privata. Nel corso degli anni le attività di ricerca e di insegnamento universitario di Enric Miralles si alternano costantemente alla pratica professionale. Nel 1985 consegue il titolo di professore di ruolo alla facoltà

di Architettura di Barcellona, dove, due anni più tardi, consegue il dottorato di ricerca con la tesi intitolata Cose viste a destra e a sinistra (senza occhiali), in cui indaga il rapporto fra progetto e rappresentazione. Nel 1990 è nominato direttore di un corso di master presso la Städelschule di Francoforte e tra il 1992 e il 1993 è professore alla Harvard University. Nel 1993 fonda lo studio EMBT insieme alla seconda moglie, l’architetto italiano Benedetta Tagliabue. EMBT non si discosta dalla personale poetica progettuale del “primo” Miralles, ma ne dirotta il campo d’azione prevalentemente in ambito internazionale, e spesso alla scala allargata dei grandi interventi urbani: tra questi il recupero urbanistico del porto di Brema (1993), il Parco Diagonal Mar a Barcellona (1997-2002) e la Scuola di Musica ad Amburgo (2000). Tra i primi lavori anche il centro scolastico e residenza studentesca di Morella (1986-94), insignito nel 1996 del Premio Nazionale dell’Architettura Spagnola. Nel 1996 EMBT vince il Leone d’oro alla Biennale di Venezia, e nel 1999 il concorso per la nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia che però non verrà realizzata - per la cronica mancanza di fondi pubblici per l’architettura contemporanea in Italia, ma anche per l’opposizione dell’allora sottosegretario al Ministero dei Beni Culturali, Vittorio Sgarbi. In parallelo Miralles progetta e realizza il Campus Universitario di Vigo (1999-2003), premiato nel 2004 con il Premio FAD. Tra gli ultimi progetti più importanti: la sede della Gas Natural (1999-2006) e il Mercat de Santa Caterina (1997-2005), entrambi a Barcellona, e il Palazzo del Parlamento scozzese a Edimburgo (1998-2004), vincitore del X° Stirling Prize del RIBA nel 2005, tutti completati dopo la sua morte. Miralles scompare il 3 luglio del 2000, a soli 45 anni, dopo una brevissima e implacabile malattia. Lascia due bambini in tenera età e la moglie Benedetta, che prosegue con i suoi collaboratori l’attività dello studio, sempre con la sigla EMBT.

Enric Miralles Ricostruire il bello nella città del prossimo millennio. Enric Miralles: le idee sono nelle cose Venezia, Facoltà di Architettura Tolentini

Invito all’incontro Millennium organizzato da Italcementi a Venezia il 22 ottobre 1999 con Enric Miralles.

Biografia

Profile for arcVision

Millennium - Incontri con l'architettura  

Il libro MILLENNIUM INCONTRI CON L’ARCHITETTURA, a cura di Stefano Casciani e pubblicato dalle edizioni arcVision, vuole essere il racconto...

Millennium - Incontri con l'architettura  

Il libro MILLENNIUM INCONTRI CON L’ARCHITETTURA, a cura di Stefano Casciani e pubblicato dalle edizioni arcVision, vuole essere il racconto...

Profile for arcvision
Advertisement