__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 143

9-120_133_ARCVISION_Millenium_Grimshow:Project 12 ok 30/08/12 11:11 Pagina 133

Nicholas Grimshaw

Nicholas Grimshaw (Hove, 1939). Nativo dell’East Sussex, Grimshaw studia prima al Wellington College, quindi, dal 1959 al 1962, all’Edinburgh College of Art. Successivamente vince una borsa di studio per la Architectural Association School of Architecture (AA) di Londra, e in seguito altre due borse per approfondire gli studi in Svezia (1963) e negli Stati Uniti (1964). Nel 1965 si laurea con lode alla AA, e due anni più tardi nel 1967 entra a far parte del Royal Institute of British Architects. Subito dopo la laurea avvia una collaborazione con l’architetto inglese Terry Farrell, suo coetaneo, che dura ben 15 anni: dal 1965 al 1980, anno in cui fonderà la Nicholas Grimshaw & Partners. Alla fine degli anni Settanta (1968-70) realizza insieme a Farrell un blocco di appartamenti di 11 piani a 125 Park Road. Tra i primi finanziati attraverso un processo di co-ownership, l’edificio è realizzato grazie alla formazione di una Housing Corporation, la Mercury Society, tra i cui membri si annoverano gli stessi Grimshaw e Farrell, che saranno anche tra i primi inquilini del complesso residenziale. Negli anni Ottanta il volume di lavoro dello studio Grimshaw & Partners cresce enormemente. Tra i principali lavori del decennio la Sede della BMW UK a Bracknell (1980) e il Financial Times Printworks a Blackwall, Londra (1988); quest’ultimo vincitore nel 1989 del premio nazionale RIBA. Nel 1993, dopo la progettazione dell’incerto padiglione della Gran Bretagna per l’Expo di Siviglia ‘92, Grimshaw è nominato CBE (Commander of the Order of the British Empire): il più importante ordine di cavalleria britannico. Due anni dopo il suo progetto per il terminal ferroviario internazionale della Waterloo Station di Londra, appena terminato, è insignito

del Mies van der Rohe Award for European Architecture. Sempre nel 1994, già Sir, Nicholas Grimshaw è eletto vice presidente dell’Architectural Association, membro dell’American Institute of Architects e membro della Royal Academy, di cui diverrà presidente alla fine del 2004. Negli anni Novanta continua l’espansione di Nicholas Grimshaw & Partner, anche se prevalentemente in Gran Bretagna. Tra le realizzazioni principali dello studio in questo periodo si segnalano diverse infrastrutture, tra le quali i Terminal 5, 2B, 3 e 1-Pier 4A dell’aeroporto londinese di Heathrow. L’inizio del decennio successivo viene inaugurato (dopo soli due anni e mezzo di costruzione, e altrettanti di progettazione) il fantascientifico complesso bio turistico Eden Project (1996-2001). Anche grazie alla visibilità dell’Eden Project, il raggio di azione dei Grimshaw & Partners negli anni successivi si estende nuovamente in ambito internazionale. Nell’ultimo decennio si moltiplicano importanti realizzazioni in Europa, Australia, Giappone e Stati Uniti; tra queste numerosi nodi infrastrutturali, come l’espansione dell’Aeroporto Internazionale di Zurigo (2004) e la Southern Cross Station a Melbourne (2005). In Italia nel 2006 Grimshaw progetta lo Spazio Espositivo Grimshaw a Milano, destinato a ospitare esposizioni di moda, e idealmente legato al MODAM, in costruzione a poca distanza. La costruzione, che doveva terminare nel 2013 è attualmente in stand-by, il progetto è soggetto a una variazione di destinazione d’uso. Grimshaw Architects ha attualmente uffici a Londra, New York, Melbourne e, ultima arrivata, Sydney, dove ha inaugurato uno studio nel dicembre 2010.

Nicholas Grimshaw Architecture, Environment and Eden Roma, Prima Facoltà di Architettura Università La Sapienza

Invito all’incontro Millennium organizzato a Roma da Italcementi il 21 maggio 2002 con Nicholas Grimshaw.

Biografia

Profile for arcVision

Millennium - Incontri con l'architettura  

Il libro MILLENNIUM INCONTRI CON L’ARCHITETTURA, a cura di Stefano Casciani e pubblicato dalle edizioni arcVision, vuole essere il racconto...

Millennium - Incontri con l'architettura  

Il libro MILLENNIUM INCONTRI CON L’ARCHITETTURA, a cura di Stefano Casciani e pubblicato dalle edizioni arcVision, vuole essere il racconto...

Profile for arcvision
Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded