__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 129

8-106-119_ARCVISION_Millenium_ABRAHAM:Project 12 ok 30/08/12 11:04 Pagina 119

Raimund Abraham

Johann Raimund Abraham (Lienz 1933-Los Angeles 2010). Nel 1954 si iscrive alla Facoltà di architettura dell’Università Tecnica di Graz, dove si laurea nel 1960. Fonda a Vienna il proprio studio di architettura nel 1959, e presto si afferma tra i principali esponenti del movimento Radical in Austria, di cui fanno parte, tra gli altri Hans Hollein, Walter Pichler, Friedrich St. Florian, Max Peintner. Nel 1963 redige il suo primo testo-manifesto: Elementare Architektur. Un anno dopo si trasferisce negli Stati Uniti per insegnare alla Rhode Island School of Design, raggiungendo l’amico St. Florian. Nel 1971 inizia a insegnare alla Cooper Union di New York, dove rimarrà fino al 2002. Nel corso degli anni terrà corsi di progettazione al Pratt Institute, ad Harvard e a Yale; e sarà visiting professor a Graz, Houston, Londra e Strasburgo. Tiene la sua ultima cattedra al Southern California Institute of Architecture di Los Angeles (SCI-Arc), dal 2003. L’attività di insegnamento è sempre interconnessa con il lavoro di ricerca, nel quale Abraham riserva un ruolo centrale al rapporto tra la rappresentazione dell’architettura e la sua forma costruita. Negli anni Sessanta produce numerosi modelli di città immaginarie (Compact cities, 1962; Mega bridges, 1965; Air ocean city e Universal city, 1966; Radar cities e Moon crater cities, 1967), molti dei quali poi accolti nella collezione del Museum of Modern Art di New York. In questa fase la sua energia è rivolta a diverse forme artistiche ed espressive: dalle performance concettuali alla body-art. Molte le collaborazioni con gli esponenti della neo-avanguardia americana, tra cui Frederick Kiesler e Alan Wexler con cui realizza la “mise-en-scène” Chair (1971). Dopo un decennio di quasi totale allontanamento dalla pratica di cantiere, nel 1973 vince con Giuliano Fiorenzoli il concorso per la Rainbow Plaza a Niagara Falls, NY, che realizzerà nei quattro anni successivi. È il

ritorno alla pratica professionale che vede come passaggio significativo la vittoria, nel 1980, nel concorso IBA Berlin per un complesso di residenze, uffici e negozi nella Friedrichstraße; terminato nel 1985. Nello stesso anno gli è assegnato il “Leone di pietra” alla III Biennale di Architettura di Venezia. All’inizio degli anni Novanta prende il via la vicenda che condurrà all’opera secondo molti critici più importante di Abraham: il Forum Culturale Austriaco a New York (1993-2001). Il progetto segue la vittoria al concorso al quale partecipano 226 progettisti di origine austriaca; nella giuria, tra gli altri, figurano Kenneth Frampton, Richard Meier e Charles Gwathmey. Mentre con questo progetto rende omaggio alla sua città di adozione, in parallelo realizza nella città natale di Lienz (“la perla delle Dolomiti”), l’edificio della sede della banca Tiroler Landeshypothekenbank (1993-98). Nel 1996 progetta la Haus für Musiker nella città tedesca di Missile Site, vicino Düsseldorf, non terminata. Ai lavori costruiti, o costruiti in parte, se ne affiancano altri solo rappresentati, ma non meno importanti. Tra essi anche numerosi progetti che ricevono il secondo premio in alcuni tra i più importanti concorsi della stagione contemporanea: per il Centro Pompidou (1971) e l’Opéra Bastille (1983), entrambi a Parigi, per il Museo Ebraico di Berlino (1988), per il Nuovo Museo dell’Acropoli di Atene (1991). L’inaugurazione del Forum Culturale Austriaco nel 2001 aumenta considerevolmente la sua notorietà internazionale. Alla fine dello stesso anno si inaugura la mostra monografica “Raimund Abraham Edifici/Immagini 1990/2000” alla galleria AAM di Milano. Abraham muore in un incidente d’auto la mattina del 4 marzo 2010, di ritorno da una conferenza tenuta alla SCI-Arc dal titolo “The Profanation of Solitude”.

Raimund Abraham Loci Ultimi 2000 Venezia, Palazzo Badoer

Invito all’incontro Millennium organizzato da Italcementi a Venezia il 24 ottobre 2001 con Raimund Abraham.

Biografia

Profile for arcVision

Millennium - Incontri con l'architettura  

Il libro MILLENNIUM INCONTRI CON L’ARCHITETTURA, a cura di Stefano Casciani e pubblicato dalle edizioni arcVision, vuole essere il racconto...

Millennium - Incontri con l'architettura  

Il libro MILLENNIUM INCONTRI CON L’ARCHITETTURA, a cura di Stefano Casciani e pubblicato dalle edizioni arcVision, vuole essere il racconto...

Profile for arcvision
Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded