Page 86

84

LE PARATIE E Le fondazioni

Il terreno interessato dalla realizzazione delle fondazioni si localizza nel secondo livello, anche se, per le parti più profonde, si avvicina al terzo. Ha caratteristiche geotecniche, e quindi di capacità portante, molto eterogenee: nei calcoli si è fatto riferimento alla tipologia di minor qualità, che rimane comunque quella di un terreno di fondazione apprezzabile. è stata verificata la soluzione che prevede fondazioni dirette e superficiali (logicamente a fondo scavo) a travi continue, tali da compensare la disomogeneità dei terreni investigati, di larghezza minima pari a 2 m con rinterro sulla stessa non inferiore a 1 m. La capacità portante delle fondazioni è stata valutata con le relazioni di Terzaghi, Meyerhof e Brinch-Hansen, compensando il fatto che le prove sono state effettuate a almeno 5,3 m sopra l’effettivo piano di posa delle stesse con il rinterro di 1 m, che comporta un contenuto effetto stabilizzante. I cedimenti totali teorici sono stati calcolati facendo interagire le condizioni stratigrafiche locali con le opere di fondazione uniformemente sollecitate dai carichi unitari ammissibili individuati nell’indagine precedente. Ci si è avvalsi delle relazioni suggerite da Poulos e Davis (1974) e da Timoshenko e Goodies (1951) che consentono di calcolare i valori dei cedimenti a brevissimo termine in terreni granulari e sono stati di seguito verificati e confermati con altri metodi (Burland e Burbidge, Bussinesq e Lancellotta). Le ipotesi perseguibili in base a quanto sopra esposto sono risultate le seguenti:

• 13,65 m dal p.c. (corpi A e B): carico ammissibile 2,3 Kg/cmq; cedimenti contenuti nei 10 mm;

• 10,00 m dal p.c. (corpo c): carico ammissibile 2,0 Kg/cmq, cedimenti contenuti nei 10 mm;

• 6,20 m dal p.c. (cortile a livello autorimesse): carico ammissibile 1,5 Kg/cmq Nel modello di calcolo l’interazione suolo-struttura è stata schematizzata con fondazioni dei vari tipi (plinti, travi rovesce e platee), tutte supposte su suolo elastico alla Winkler con costate di sottofondo K = 2,76 Kg/cmc a quota –13,65 m, K = 2,40 Kg/cmc a quota –10,00 m, K =1,80 Kg/cmc a quota –6,20m. A completamento degli scavi, dopo la posa in opera delle sonde geotermiche, sono state effettuate determinazioni sperimentali delle caratteristiche dei terreni mediante prove su

Profile for arcVision

i.lab Italcementi. Il cuore dell'Innovazione.  

Un green building che coniuga i concetti di sostenibilita ambientale e innovazione tecnologica. Un luogo della conoscenza e del sapere scien...

i.lab Italcementi. Il cuore dell'Innovazione.  

Un green building che coniuga i concetti di sostenibilita ambientale e innovazione tecnologica. Un luogo della conoscenza e del sapere scien...

Profile for arcvision
Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded