__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 14

12

FUGA SENZA FINE

White is the most wonderful color, within it you can see all the colors of the rainbow. Richard Meier

Il nuovo i.lab per Italcementi, monumento antiretorico all’etica del progetto e dell’industria, porta evidenti le tracce della ricerca estetica che da sempre persegue il suo autore Richard Meier.

Est/etica del progetto Può l’architettura essere arte? Quale parte ha la tecnica nel suo divenire, da semplice costruzione, oggetto d’interesse artistico, in cui la coscienza che l’opera è destinata a stress d’uso e di funzionalità spesso estremi non può essere giustificazione per forme e composizioni banali? Richard Meier si è allenato per lunghi anni su questa problematica, arrivando a realizzare un corpus di opere eccezionali per coerenza a un’estetica mai compromessa dall’uso delle diverse tecnologie, di progetto o di costruzione, anche le più aggiornate. Cresciuto intellettualmente nella scia di un modernismo forse troppo ortodosso e intransigente, ha saputo uscirne mescolando nella materia viva dei suoi edifici il rigore con la fantasia, un linguaggio ben riconoscibile con momenti quasi eccentrici, in cui mettere quella parte di sé che rende un architetto degno di questo nome. Tutto questo senza mai allontanarsi da un professionismo impeccabile: dove qualsiasi committenza, fosse quella più modesta di una casa d’abitazione, o quella per definizione grandiosa di importanti istituzioni (dallo spettacolare Getty Museum di Los Angeles alla raffinata e molto sostenibile United States Courthouse di Phoenix) viene affrontata con la stessa concentrazione, con l’obiettivo ambizioso di riuscire a trovare l’eccezione tecnica e formale nella regola di un’etica progettuale senza compromessi. Fedele all’idea di costruzione come totale artificio, che guarda alla natura ma mai cerca o s’illude di imitarla, Meier — ebreo di origine tedesca — ha portato nella storia dell’architettura americana una dimensione prima sconosciuta, con la sintesi tra la magica visione del mondo (come regno del possibile) nella cultura della diaspora e la lucida coscienza filosofica dell’avanguardia europea: un patrimonio di speranze e uto-

L'imponente AGgetto che sbalza dalla copertura a coprire la piazza d'accoglienza dell'i.lab.

Profile for arcVision

i.lab Italcementi. Il cuore dell'Innovazione.  

Un green building che coniuga i concetti di sostenibilita ambientale e innovazione tecnologica. Un luogo della conoscenza e del sapere scien...

i.lab Italcementi. Il cuore dell'Innovazione.  

Un green building che coniuga i concetti di sostenibilita ambientale e innovazione tecnologica. Un luogo della conoscenza e del sapere scien...

Profile for arcvision
Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded