Page 84

DIDATTICA Tesi di laurea

ARCHITETTURA ALPINA MODERNA IN ABBANDONO

Alternativa progettuale all’intervento di ricostruzione dell’ex Hotel des Alpes, Courmayeur Eleonora Gabbarini, Silvia Stéphanie Testa Situato nei pressi di Courmayeur, ai piedi del massiccio del Monte Bianco, l’ex Hotel des Alpes, icona dimenticata della prima architettura alpina moderna a uso alberghiero del secondo dopoguerra, dopo oltre venticinque anni di assoluto silenzio è recentemente tornato a far parlare di sé. Visto il grave stato di degrado dovuto all’abbandono prolungato della struttura, la scelta è stata quella di intervenire con un’operazione di tabula rasa della preesistenza al fine di realizzare un nuovo complesso ricettivo caratterizzato da un linguaggio architettonico contemporaneo e altamente prestante da un punto di vista energetico. Sin dalle prime bozze progettuali si è deciso di utilizzare quanto più possibile il legno massiccio come materiale da costruzione; esso infatti, purché non trattato con prodotti chimici, è un materiale ideale per una progettazione architettonica attenta agli aspetti della sostenibilità ambientale e al benessere abitativo degli utenti.
In particolare, il sistema costruttivo scelto per il progetto dell’Hotel K3H è quello brevettato ed utilizzato dalla ditta Holzius, che consiste in blocchi multistrato autoportanti, interessante per la qualità delle specie arboree selezionate e per il funzionamento che, grazie alle giunzioni a pettine e ad incastro, non prevede alcun impiego di colle e parti in metallo. “Architettura Alpina Moderna in Abbandono. 84

Alternativa progettuale all’intervento di ricostruzione dell’ex Hotel des Alpes, Courmayeur” Relatore: Antonio De Rossi; correlatore: Davide Maria Giachino; Anno Accademico 2016-17, Corso di Laurea in Architettura costruzione città del Politecnico di Torino.

14

ArchAlp 14  

Architetture del welfare alpino

ArchAlp 14  

Architetture del welfare alpino

Advertisement