Issuu on Google+


RESIDENZA..........V.LE LOMBARDIA, 90 (MI) CELL........................................+39 3282819269 MAIL................... giammaria.farina@gmail.com


TITOLO DI STUDI: ISTITUTO:

DIPLOMA DI GEOMETRA

LAUREA TRIENNALE

LAUREA MAGISTRALE

Istituto superiore L.G.Faravelli

Politecnico di Milano

Politecnico di Milano

Scienze dell’Architettura

Architettura e Società

23 Settembre 2008

03 Ottobre 2011

Olimpiadi: occasione di nuova architettura?

Città eventuale Spazio urbano in allestimento

98/110

103/110

FACOLTA’: 27 Luglio 2005

DATA: TITOLO:

98/100

VALUTAZIONE:

2013

2011

2008

2005

1986

WINDOWS8

OS X MAVERICKS

AUTOCAD 2D & 3D

SKETCHUP

OFFICE

INDESIGN

PREMIERE

ILLUSTRATOR

PHOTOSHOP

STRUMENTI QUESTI SONO I MIEI STRUMENTI DI LAVORO, I PROGRAMMI CON CUI HO REALIZZATO I MIEI PROGETTI, L’INFOGRAFICA RIPORTATA A LATO ILLUSTRA LE PRINCIPALI COMPETENZE PROFESSIONALI CHE HO ACQUISITO DURANTE I CINQUE ANNI DI UNIVERSITA’ PRESSO IL POLITECNICO DI MILANO E NEI DUE ANNI DI LAVORO POST-LAUREA


INTERESSI PERSONALI

ARCHITETTURA La mia più grande passione, mi affascina che un solo particolare sia in grado di conferire ad uno spazio un carattere particolare tanto da renderlo unico. “dal cucchiaio alla città”

GRAFICA VIDEO La passione per la Come possono delle grafica nasce per immagini susseguirsi per rispondere alle esigenze dare vita a qualcosa di di comunicazione che totalmente diverso? chiede risposte e Da questa domanda soluzioni innovative, nasce la mia passione progettualità originali per per il montaggio e la trovare soluzioni semplici post-produzione video. a problemi complessi.

TECNOLOGIA Data la mia professione la tecnologia non può mancare. Questa passione è cresciuta in me quando per motivi di studio ho lavorato in maniera sempre più approfondità su varie piattaforme tecnologiche.

VIAGGI Ho effettuato vari viaggi in Europa per partecipare a eventi e festival di design e architettura ma anche per conoscere culture e ampliare i miei orizzonti e i miei interessi.

FACEBOOK

QR CODE - TESI MAGISTRALE issuu.com/arch.farina_giammaria/docs/finale_tesi

QR CODE - VIDEO TESI MAGISTRALE youtube.com/watch?v=GeAo3FmtOqc

TWITTER

QR CODE - TESI TRIENNALE issuu.com/arch.farina_giammaria/docs/tesitriennalefarina SKYPE

LINKEDIN


CITTA’ EVENTUALE:

SPAZIO URBANO IN ALLESTIMENTO

Prof. Salvadeo

Nella tesi di laurea specialistica abbiamo considerato l’evento che interessa lo spazio pubblico come una possibilità di cambiare lo spazio ma soprattutto la sua percezione. Abbiamo prima studiato tutta la città di Milano, per poi spostarci in una area che avevamo identificato come di “super-uso”: quella dei navigli. Siamo partiti da un evento caratteristico della zona, che si presenta con una ricorrenza temporale molto intensa: la movida. Abbiamo poi realizzato delle mappature sensoriali che ci permettessero di studiare questo spazio e i suoi vari usi. A partire da queste mappature abbiamo individuato 6 aree interessanti dove poter intervenire: Navigli, Piazza XXIV Maggio, Corso di Porta Ticinese, il sagrato della chiesa di Sant’Eustorgio, via Vetere e Colonne di San Lorenzo. Abbiamo quindi cercato di dare forma alle mappature pensando ad elementi con usi mutevoli che possano funzionare sia per l’evento specifico della movida sia per tutti gli eventi che già interessano la zona o anche per eventi che ancora non esistono ma che ci siamo immaginati come possibili.

POSITION: Milano, Italy

SIZE: 2 18.000 mr

FUNCTION: Event


B

B

A A

A

A

A

A

B

B

PIANTA PORTALE LASER scala 1:100


PASSAGGIO SEDUTA

PASSAGGIO

PASSAGGIO SEDUTA

PASSAGGIO GIOCO

ESTRUSIONE LOCALI


BIRDWATCHING

POSITION: Salton Sea, USA

Prof. Vogliazzo - Prof. Poli

Il progetto è localizzato sulle sponde del Salton Sea in California. Il lago salato, tra i più inquinati del mondo, era un tempo una rinomata località turistica, ora in declino a causa dell’inquinamento che ha reso le acque non più balneabili. Il lago si trova sulla tratta migratoria “Pacific Flyway”, che risulta essere un luogo particolarmente adatto alla nidificazione e riproduzione di particolari specie aviarie. Partendo da qui si è sviluppato un progetto di bioingegneria per rendere le sponde e le zone limitrofe un luogo sano dove poter far nidificare le specie avicole che attraversano la zona, si è poi progettata una serie di stazione per il Birdwatching. Si sono individuate sei zone di intevento che per la loro conformazione risultavano particolarmente adatte dal punto di vista faunistico e si è deciso di intervenirecon interventi studiati in relazione alla modalità di nidificazione e riproduzione delle specie aviarie per renderne possibile l’osservazione nei loro ambienti naturali, senza però intervenire in modo troppo invasivo o con una modalità che risultasse disturbante per le stesse.

SIZE: 2 974.000.000 mr

FUNCTION: Naturalistic & Birdwatching


40

39

38

37

36

35

34

33

32

Salton Lake - California - U.S.A. 32° 15’ 12.72” N - 115° 42’ 36,64” O

31

30

MIGLIA 29

0

25

50

75

SCALA di RIFERIMENTO

100


+405

+390

+375 +3

60

+4

20 +4 05

+390 +375

+360

+345

+330

+3

15

+3

00

+2 8 +2

5

70

+2

+450

+465

55

+2 4 +2

0

25

+2

+435

10

20

+4

+405

+1

95

+1

80

+390

+1

+375

+360

65 50

+1

+345

+1 35

-45 -30

20

+1

-60 30

+3

-15

15

+3

+1

05

+0

+7

5

5

0

+31

5

+3

0

MIGLIA 1

2

3

4

SCALA di RIFERIMENTO

5

0

+4

+6

5

+1

+9

0


Opere di rafforzamento al piede della parete con muri rigidi paramassi e stesura di rete paramassi sulla parete rocciosa

Opere di piantagione di alberi e arbusti (a rafice nuda, in zolla, in contenitore, in fitocella)

Dopo l’assestamento il colletto si deve trovare a livello del piano di campagna definitivo

Tessuto non tessuto 400 g/mq Scogliera in blocchi di pietra di dimensioni > 1000 kg ammorsati nel betoncino

Terreno di scavo non idoneo, va allontanato Telo a protezione del prato

2.50 m

2.00 m

1.50 m 1.50 m Scogliera in blocchi di pietra di dimensioni > 500 kg ammorsati nel betoncino

Scelta del miglore orientamento

Riempimento della buca con terra di coltivo, fine e asciutto Concimazione localizzata con concimi termari (N-P-K) azoto a lenta cessione Riempimento parziale della buca con terra-torba ben assestata

Terreno di scavo idoneo,utilizzabile per riempire la buca

Profondità della buca, almeno 1,5 volte l’altezza della zolla Larghezza della buca, almeno 1,5 volta il diametro della zolla


Opere di difesa di sponda con posa di rulli fondali con zolle (pani) di canne

Opere di piantagione di una fascia a canneto in zona paludosa Fascina viva di salice

Salici a gradonata

Rullo spondale con zolle di canne

Piote erbose Pani di terra

Fascina morta

Inerte sabbioso locale Rullo cilindrico in rete e tessuto filtrante

Graticciata Pali di robinia diametro 15/20 cm

Paletti in legno o picchetti in acciaio 2.0 m

Terra di riporto

0.5 m

l.m.

Pietrame

Palo in legno

l. m.


Opere di realizzazione di zone umide paludose artificiali Opera#1 Linea di battaglia prima dell’intervento

+ 1.0 m

90.0 m

15.0 m

l. m. 2,5 %

Filo di spiaggia esistente

Opere di realizzazione di zone umide paludose artificiali Opera#2 Sabbia

0.00

Rinterro selezionato Pietrame

1

3

- 1.5 m 5

1


HANGING STAGE

POSITION: Milano, Italy

Prof. Salvadeo

SIZE: 2 1.000 mr Il progetto nasce da un concorso svolto all’interno del corso di scenografia del professor Pierluigi Salvadeo e consisteva nella progettazione in collaborazione con la regista di uno spazio scenografico per lo spettacolo del Teatro Arsenale. Il nostro progetto prevedeva un piano inclinato sorretto da robuste corde nautiche dove si sarebbe svolto lo spettacolo. Il piano scenico era posto in modo da rompere la rigida geometria dello spazio Patio. Innanzitutto si poneva trasversalmente rispetto alla posizione ortogonale dei pilastri, l’inclinazione del piano riprendeva un ideale collegamento tra i 2 livelli di cui lo spazio Patio si compone. Il terzo elemento di interazione con lo spazio era rappresentato dal fatto che il piano si relazionava fisicamente con un pilastro e dalle ringhiere. Il piano inclinato andava a scomparire in un taglio creato in una parete verticale nera, retroilluminata, che lasciava uscire un filo di luce non facendo più percepire la fine del piano scenico che sembrava così infinito.

FUNCTION: Stage (Theatre)


IL DRAMMA DI UNA GRANDE SCONFITTA

DISEQUILIBRIO E SOSPENSIONE SENSO DEL DESTINO PRESAGIO DI UNA TRAGEDIA INCOMBENTE RICHIAMO DI LUOGHI LONTANI TENSIONE ALL’ INFINITO


PUBBLICO

SCENA


1_ TAVOLATO VERTICALE SAGOMATO 2_ PANNELLO di RIVESTIMENTO TRASVERSALE 3_ TRAVETTO ORIZZONTALE 10x15 cm 4_ PANNELLO di RIVESTIMENTO 5_ MURO

4

3

2 1

5


MUSIC CITY

POSITION: Milano, Italy

Prof. Cecchi

Nel corso del laboratorio siamo intervenuti sullo scalo Farini, partendo dall’idea di realizzare la nuova “città della musica”. Da li siamo allora partiti nella analisi del sito. Abbiamo cercato di analizzare l’area con uno sguardo particolare, andando a leggerne i ritmi e i suoni, creando una serie di sezioni sonore. Abbiamo poi realizzato una maquette di studio, come primo passo abbiamo ricreato l’area e abbiamo collocato le sezioni sono e come secondo passo abbiamo provato a riccollegarle tra loro con una serie di pezzi di legno che rappresentavano i picchi del rumore e del ritmo. Era poi però necessario dare forma a questa lettura e abbiamo deciso di reinterpretare i nostri picchi come un indice di densità costrittiva. Sovrapponendo una maglia abbiamo individuato zone più e meno dense, che sono poi diventati i nostri punti di intervento a scala architettonica. L’ultimo passaggio è stato quello di dare forma partendo da queste intensità a tutta l’area e poi a realizzare un masterplan compreto dello scalo.

SIZE: 2 500.000 mr

FUNCTION: Music, Culture & Design


3

6

2 5

4 1


POSITION: Arona (NO), Italy

Y.HOUSE Prof.ssa Talamo

In questo laboratorio abbiamo operato nel comune di Arona, in un’area situata sul lungo lago. Le richiesta era di una residenza per una famiglia composta da padre, madre, 2 figli e il nonno. Un elemento fondamentale dell’area in cui siamo stati chiamati ad intervenire è il panorama, soprattutto con la presenza della rocca. Partendo da questo si è articolato il progetto, caratterizzato dalla forma ad Y, dove le due braccia si vanno a protendere verso il lago, una in direzione della rocca e l’altra in direzione del lago. In corrispondenza delle braccia sono stati sistemate le camere da letto e le stanze che meglio avrebbero potuto godere del panorama. I locali che si affacciano sul lago sono vetrati. Oltre alla fase progettuale era richiesta una fase di studio dei materiali e delle tecniche di realizzazione.

SIZE: 3 800 mr

FUNCTION: Residenzial


Y.HOUSE


MINIMAL HOUSE Prof. De Giorgi

In questo corso abbiamo operato una rivisitazione della “Casa minima” di Pino Pizzigoni. All’ingresso la soletta del soppalco è arretrata per far percepire l'altezza complessiva dell'ambiente. I diversi ambienti della casa sono distinti o con elementi di arredo fisso o, semplicemente, con l'utilizzo di diversi tipi di pavimentazioni, in modo che anche l'incontro di due materiali o due piani diversi possa essere occasione di progetto. L'elemento del camino viene staccato dalle pareti perimetrali per creare sottospazi differenti. Nonostante la camera e lo studio siano ambienti più privati, non sono tuttavia separati dal resto della casa. La soletta del soppalco risvoltando crea elementi di arredo fisso. POSITION: Bergamo, Italy

+57

+39

SIZE: 2 70 mr

+24

+21

FUNCTION: Residenzial

+0 c


INFRASTRUCTURE Prof. Boatti

Il laboratorio era strutturato in due fasi. Nella prima fase abbiamo studiato l’intera città di Milano per metterne in evidenza le problematicità e ipotizzando alcune modalità di intervento, nel nostro caso abbiamo colto come problematicità quella delle infrastrutture e abbiamo pensato ad una nuova rete fatta a partire da due linee circolari metropolitane che si interfacciavano con le line esistenti tramite otto punti di interscambio. Nella seconda fase abbiamo studiato la zona SudOvest di Milano individuandone le caratteristiche ambientali e studiandone criticità e punti di sviluppo.

POSITION: Milano, Italy

SIZE: 2 181.800.000 mr

FUNCTION: Infrastructure


DESIGN HOUSE Prof.ssa Lima

In questo laboratorio siamo intervenuti nell’area dello scalo ferroviario di Porta Genova, a Milano. L’area comprendeva la fascia dove attualmente passano i binari della linea ferroviaria, il fabbricato della stazione e la piazza antistante. Il tema del progetto era la realizzazione di un “edificio del design”. Il nostro progetto si sviluppa in un corpo di fabbrica sollevato da terra tramite una serie di pilastri, e una serie di volumi aggettanti che vanno ad invadere i vuoti della stazione. L’elemento caratterizzante è il percorso ascensionale che parte dalla piazza, attraversa la stazione fino a raggiungere la piazza coperta e sale fino in copertura. Durante questo percorso si può assistere allo sviluppo dell’oggetto di design. -4,50

POSITION: Milano, Italy

SIZE: 2 800 mr

FUNCTION: Design



Portfolio progetti universitari