__MAIN_TEXT__

Page 1


Direzione Generale APT Gianpiero Perri Responsabile Editoriale Maria Teresa Lotito Elaborazione e revisione testi Angela Pino Layout ed impaginazione BrucoMela Design Gli eventi riportati all’interno del CALENDIARIO 2015 sono indicati in successione cronologica. Foto archivio APT Basilicata e su gentile concessione dei titolari delle iniziative e dei referenti citati in foto. Le foto dei Musei Archeologici di Potenza, Matera, Metaponto -Bernalda, Policoro, Muro Lucano, Melfi, Venosa, dell’alta Val D’Agri – Grumento Nova e quelle per la sede espositiva di Tricarico e il Centro Operativa Misto di Maratea sono state pubblicate su concessione del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo - Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Basilicata Soprintendenza per i Beni Archeologici della Basilicata.

Chiuso in stampa il 4/2/2015


CALENDIARIO

2015

Il viaggio che non ti aspetti, le tradizioni che non immagini, le emozioni che non hai mai provato. Questo e altro ancora è la Basilicata, terra d’arte e musica, storia e musei, chiese rupestri e antiche città, come Matera che con i suoi Sassi e il Parco delle chiese rupestri, dal 1993 Patrimonio Mondiale dell’Umanità -, il 17 ottobre 2014 è stata proclamata Capitale Europea della Cultura 2019. Ma la Basilicata è anche luogo di riti antichissimi in cui il sacro si fonde al profano, dove atmosfere magiche e misteriose catturano la curiosità del visitatore oltre ogni attesa, e pellegrinaggi e sacre rappresentazioni emozionano e suggestionano. Il CalenDiario 2015 aiuta a scoprire e vivere queste ed altre esperienze attraverso un percorso di date e luoghi, conducendo fino al cuore della regione, alle sue peculiarità, vocazioni e ispirazioni. In queste pagine si può trovare lo spunto per un viaggio in contesti innovativi e dai paesaggi unici, dove ogni anno si rinnovano festival del cinema, del teatro e della letteratura, cortei e rievocazioni storiche, percorsi del gusto e, ancora, iniziative culturali ambientate nelle incontaminate aree verdi della Basilicata, in cui arte e natura diventano una voce sola. E nella natura si ritrova il tema che rappresenterà la Basilicata a Milano in occasione di Expo 2015: l’acqua, quella delle sue grandi dighe, dei suoi fiumi, laghi, torrenti e cascate naturali, simboli di una tra le più preziose risorse del territorio lucano. Il Calendiario 2015 è dunque un “diario” e… un “calendario”, che custodisce e svela le ricchezze di una regione che non vuole né si lascia dimenticare.

Basilicata, bella scoperta!


MATERA MERAVIGLIA DEL MONDO La Capitale Europea della Cultura 2019 Il Parco delle Chiese Rupestri La Cripta del Peccato Originale Il Complesso rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci La Casa di Ortega a Matera Casa Noha Women’s Fiction Festival Internazionale di Narrativa Femminile Fondazione SoutHeritage per l’arte contemporanea e Casa Cava

POTENZA CAPOLUOGO Una città dalla dimensione verticale Il Teatro Francesco Stabile GRANDI ATTRATTORI IN SCENA Il Volo dell’Aquila sul Pollino Il Mondo di Federico II Il Volo dell’Angelo sulle Dolomiti Lucane Il percorso delle Sette Pietre Il Parco della Grancia e il Cinespettacolo “La Storia Bandita” La città dell’Utopia Orsoleo Museo Scenografico 22 RITI E MITI DI BASILICATA Il Carnevale della tradizione lucana Il “Matrimonio” tra gli alberi San Valentino di Abriola Il Tradizionale volo dell’Angelo di Pescopagano La notte dei Cucibocca

4

6 8 9 10 11 12 13 14 15 17 18 19 20 21 22 23 24 25 28 31 31 32

CITTÀ D’ARTE E DI CULTURA Venosa Acerenza Melfi Irsina Forenza Ripacandida L’Abbazia di San Michele Arcangelo a Montescaglioso Il Castello del Malconsiglio e il Percorso Multimediale di Miglionico

40

I MUSEI Il Museo Archeologico Nazionale “Dinu Adamesteanu” di Potenza Galleria Civica e Cappella dei Celestini Il Museo Provinciale e la Pinacoteca di Potenza

41 42 43

33 34 35 36 37 38 39

Il Museo Archeologico Nazionale “Domenico Ridola” di Matera Il Museo Nazionale d’arte Medievale e Moderna della Basilicata Il Museo della Scultura Contemporanea (Musma) Il Museo Archeologico Nazionale di Metaponto-Bernalda Il Museo Archeologico Nazionale della Siritide – Policoro Il Museo Archeologico Nazionale di Muro Lucano Il Museo Archeologico Nazionale del Melfese “Massimo Pallottino” Il Museo Archeologico Nazionale di Venosa Il Museo Archeologico Nazionale dell’Alta Val d’Agri – Grumento Nova Il Centro Operativo Misto di Maratea La Sede Espositiva di Tricarico La Pinacoteca D’Errico di Palazzo San Gervasio VIAGGIO NELLA MEMORIA Il Parco Letterario “Carlo Levi” di Aliano Il Parco Letterario “Isabella Morra” di Valsinni Il Parco Letterario “Albino Pierro” di Tursi La Casa delle Muse di Sinisgalli di Montemurro

44 45 46 47 48 49 49 50 51 51 52 52 53 54 55 56

SULLE TRACCE DEL SACRO Le sacre rappresentazioni della Settimana Santa nel Vulture-Melfese La Processione dei Misteri di Montescaglioso La devozione lucana: La Regina e il Santo Patrono della Basilicata I riti mariani La Parata dei Turchi di Potenza La Madonna della Bruna di Matera Il culto di San Rocco di Tolve I cinquant’anni della Statua del Redentore di Maratea I Presepi Lucani I Mercatini di Natale a Potenza “In viaggio tra i Presepi” a Potenza e Matera I Musei Diocesani

64 65 71 71 72

FESTIVAL Musica e... Gezziamoci a Matera BASILICAnTA Il Festival Città delle 100 Scale Potenza International Jazz Festival XXVIII Stagione Concertistica 2015 a Potenza Blues in Town Festival Rassegna dell’Arpa Viggianese Grande Musica nel Parco del Pollino Pollino Estate Lucaniaetnofolk a Satriano di Lucania Pomarico Vivaldi Festival

73 74 74 75 75 76 76 77 78 78 79

57 59 60 61 62 63 64


Vulcanica Live Festival Metaponto Beach Festival Materadio – La Festa di Radio 3 La Rassegna della Zampogna e della Ciaramella del Sud Italia – Viggiano Celebrazioni per Gesualdo di Venosa 2013-2016 Teatro e Cine-Festival La Stagione Teatrale Lucana Teatro d’estate nei Grandi Parchi Archeologici CinemadaMare Rassegna del Cinema a Maratea Lucania Film Festival Bella Film Festival I luoghi del cinema NATURA E ARTE Artepollino un altro Sud Naturarte Il Parco Murgia Festival Le Cascate di San Fele Le Pitture Rupestri di Filiano Il sito paleolitico di Atella Il Festival dei due Parchi di Castelsaraceno La Festa della Montagna di Castelsaraceno VIAGGI NELLA STORIA L’Epoca dei Cavalieri Medievali Acerenza: “Dai Longobardi ai Normanni, storia di una cattedrale” Forenza: “La leggenda dei Templari, Ugo dei Pagani e la sfida del mito a.D. 1118” Banzi: “La cavalcata dei Normanni” Banzi: “Un giorno di Agosto, la venuta di Papa Urbano II” Rievocazioni e Sfilate Storiche Melfi: “La Festa dello Spirito Santo” e il “Convegno nazionale di Falconeria” Muro Lucano: “Il Corteo storico sulla vita di Giovanna I D’Angiò” Maschito: “La Retnes” Montescaglioso: “La cavalcata del Borbone“ Pietrapertosa: “Sulle tracce degli Arabi“ Lagopesole: “Alla Corte di Federico” e “Il Palio dei Tre Feudi” Miglionico: “La Congiura dei Baroni“ Brindisi di Montagna: “Le Giornate Medievali” MAGICHE ATMOSFERE Meraviglie di sabbia sulla Costa Ionica I Quadri Plastici di Avigliano Sogno di una notte a “Quel Paese” Il Palio di Sasso Fuochi sul Basento Le parole sono pietre

79 80 80 81 81 82 83 84 84 85 85 86 87 88 89 89 90 90 91 91

92 93 93 93 94 95 95 96 96 97 98 98 99 99 100 100 101 101

EVENTI DEL GUSTO Momenti da bere In vino veritas a Montescaglioso 102 Il percorso enogastronomico e storico-culturale di Vaglio Basilicata 102 Le Cantine aperte di Sant’Angelo Le Fratte 103 Cantinando Wine&Art Parco urbano delle cantine di Barile 103 Aglianica nel Vulture Melfese 104 Momenti da assaporare La Sagra della Podolica di Pescopagano 104 Tumact me Tulez a Barile 105 Porklandia a Picerno 105 La Sagra della Soppressata e del Caciocavallo a Rapone 106 La Sagra del Canestrato di Moliterno 106 Le Giornate del Peperone di Senise 107 Il Bianco e la Rossa di Rotonda DOP 107 La Sagra del Fagiolo di Sarconi 108 La Sagra del Baccalà e dei Prodotti Tipici di Avigliano 108 La Mostra Mercato del Miele lucano a Ripacandida 109 La Sagra del Pecorino di Filiano 109 Salsiccia Festival di Cancellara 110 Parco Urbano delle Cantine. Sagra della Castagna e Cantine Aperte di Rapolla 110 La Sagra della Varola di Melfi 111 Sapori d’autunno a Pietrapertosa 111 MUSEI DI STORIA E TRADIZIONI L’Archeoparco del Basileus di Baragiano 112 Il Museo multimediale “Il Palco dei colori de Il Pietrafesa” di Satriano di Lucania 113 Il Museo della Memoria di Savoia di Lucania 113 Il Museo delle antiche genti di Lucania di Vaglio Basilicata 114 Il Museo Archeologico Janora di Irsina 114 Il Museo Internazionale della Grafica “Alessandro Appella” di Castronuovo di Sant’Andrea 115 Il Museo della Cultura Arbëreshë di San Paolo Albanese 115 L’Etnomuseo di San Costantino Albanese 116 Il Museo del Brigantaggio di Rionero in Vulture 116 Il Museo Scenografico del Costume e della Civiltà Rurale di Pignola 117 Il Museo di Storia Naturale del Vulture di Monticchio (Rionero in Vulture) 117 Il Museo delle tradizioni locali di Viggiano 118 Il Museo del Lupo di Viggiano 118 UNA REGIONE TRA DUE MARI Maratea: la perla del tirreno Costa Jonica: l’oro della Magna Grecia Porti di Basilicata La Basilicata ad Expo 2015 146

119 120 121 123

5


LA CAPITALE DELLA CULTURA 2019 Proclamata Capitale della Cultura Europea 2019 il 17 ottobre 2014, Matera, il cui quartiere Sassi e il Parco Archeologico delle Chiese Rupestri sono Patrimonio Mondiale dell’Umanità, è un paesaggio culturale unico e di straordinaria suggestione. Questa bellezza ha attratto grandi maestri della scultura, come è documentato nel Museo della Scultura Contemporanea (Musma), della fotografia, quali Henry Cartier-Bresson, Mario Cresci, Franco Pinna, e del cinema come Pier Paolo Pasolini, Mel Gibson e Timur Bekmambetov, regista che ha scelto di girare proprio a Matera alcune scene del remake del film “Ben Hur”. Negli anni la città è stata caratterizzata da una particolare vivacità e produzione culturale, che ha dato e dà vita a numerose iniziative ed eventi nel corso dell’anno. Una straordinaria congiunzione tra antico e moderno, essendo una delle città più antiche del mondo, Matera è sede, peraltro, di una eccellente realtà scientifica italiana come il Centro di Geodesia Spaziale.

6


T. +39 0835 241349 F. +39 0835 241369 www.comune.matera.it uffcultura@comune.mt.it www.matera-basilicata2019.it

7


IL PARCO DELLE CHIESE RUPESTRI Una roccia tenera segnata da profondi solchi che disegnano rupi, forre, grotte e gravine, contraddistinguono il Parco regionale archeologico storico naturale delle Chiese Rupestri del Materano che, come i Sassi di Matera, dal 1993 è Patrimonio Unesco. Da sempre il Parco si presenta come uno più spettacolari paesaggi rupestri del mondo, al punto da essere assimilato a quelli della Cappadocia. Esso racchiude oltre 150 chiese rupestri che raccontano e delineano la nascita e lo sviluppo della spiritualità monastica.

T. +39 0835 336166 F. +39 0835 337771 www.parcomurgia.it info@parcomurgia.it

T.- F. +39 0835 201016 MOB. +39 334 8360098 www.montescaglioso.net ceamonte@katamail.com

T. +39 0835 332262 F. +39 0835 1970751 MOB. +39 388 8925407 +39 320 2636528 info@ceamatera.it

Ex Convento Santa Lucia Porta Pistola – Sasso Caveoso T. +39 0835 336166 F. +39 0835 337771

8

MOB. +39 327 9803776 www.oltrelartematera.it info@oltrelartematera.it


LA CRIPTA DEL PECCATO ORIGINALE

MOB. +39 320 5350910 www.artezeta.it - info@artezeta.it www.criptadelpeccatoriginale.it www.distrettohabitatrupestre.it

Chiunque la ammiri ne resta affascinato. Unica nel suo genere a raffigurare un intero ciclo di affreschi, quello della Creazione e del Peccato Originale, la Cripta si trova in località Pietrapenta, in agro di Matera, ed è la più antica testimonianza dell’arte rupestre del Mezzogiorno d’Italia. Un antro naturale, nel IX secolo, adattato a chiesa grotta proprio dai monaci benedettini e oggi, per il valore teologico e artistico del compendio pittorico, definita la “Cappella Sistina” della pittura parietale rupestre. Grazie al supporto audio in lingua italiana, inglese, francese e tedesca, e, insieme al light design, in quarantadue metri quadri si offre al visitatore un racconto che fornisce una originale chiave culturale, teologica, storica e artistica di questa mirabile espressione della civiltà cristiana. Questo sito è un progetto culturale della Fondazione Zétema di Matera.

9


IL COMPLESSO RUPESTRE DI MADONNA DELLE VIRTÙ E SAN NICOLA DEI GRECI Il complesso rupestre Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci, a Matera, è uno degli esempi più evidenti di “architettura in negativo”, che consiste nel ricavare ambienti cultuali con pazienti operazioni di scavo in modo da riprodurre tutti gli elementi dell’architettura costruita. Esteso per ben 1300 metri quadri e articolato su più livelli, il complesso comprende due chiese rupestri affrescate, l’una sovrapposta all’altra, di riti e periodi differenti, un monastero e vecchie abitazioni con cisterne e mangiatoie. Visitabile ogni giorno, tutto l’anno, il complesso ospita ogni estate mostre d’arte dedicate ai più importanti rappresentanti della scultura contemporanea, note come “Le Grandi Mostre nei Sassi” organizzate dal Circolo “La Scaletta”.

F. +39 0835 336726 www.lascaletta.net info@lascaletta.net Per visitare il complesso rupestre:

MOB. +39 377 4448885 www.caveheritage.it info@caveheritage.it Fb: Cave Heritage 10


MOB. +39 366 9357768

LA CASA DI ORTEGA A MATERA

Orari: Martedì-domenica 10-14 (Ottobre - marzo) 10-14; 16-20 (Aprile – settembre) Chiusura: lunedì (escluso i giorni festivi).

Fototeca della Fondazione Zétema

La Casa di Ortega è la testimonianza della presenza del grande artista spagnolo Josè Ortega a Matera, luogo che favorisce la riscoperta della tradizione artigiana materana. L’edificio, un tempo fortilizio longobardo, posto in una posizione dominante e di grande suggestione ambientale, ospita venti bassorilievi policromi che il pittore iberico realizzò nel 1975 nella Città dei Sassi utilizzando la tecnica artigianale locale più popolare e più emblematica: la cartapesta. Gli ambienti sono impreziositi dalle ceramiche di Giuseppe Mitarotonda e da produzioni artigianali capaci di esprimere il reciproco arricchimento tra arte e antichi mestieri. La Casa di Ortega è un progetto della Fondazione Zétema di Matera.

11


CASA NOHA I Sassi Invisibili. Viaggio straordinario nella storia di Matera.

Arenaimmagini.it © FAI-Fondo Ambientale Italiano

Immersa nei vicoli della Civita, a due passi dal Duomo, l’antica dimora ospita il racconto emozionante della storia di Matera coinvolgendo il visitatore in un suggestivo viaggio multimediale alla scoperta della città e della sua anima. Le pareti di Casa Noha non raccontano solo la vita di un’antica dimora, ma si tramutano nel teatro di una storia narrata di Matera, dalla Preistoria al giorno d’oggi, offrendo, attraverso il racconto filmato “I Sassi Invisibili. Viaggio straordinario nella storia di Matera”, la prima ricostruzione completa della storia della città.

T. +39 0835 335452 fainoha@fondoambiente.it www.visitfai.it www.fondoambiente.it Orari: 9-18 (Aprile - ottobre) 10-16.30 (Novembre - marzo) Dal mercoledì alla domenica dal 1 Marzo al 6 gennaio. Chiusura: lunedì e martedì (tranne i festivi). Il martedì apertura su prenotazione per gruppi e scolaresche. Ultimo ingresso mezz’ora prima della chiusura. Biglietti: Ingresso a contributo libero.

12

Servizi per il pubblico: Bookshop


(24-27 Settembre 2015)

WOMEN’S FICTION FESTIVAL FESTIVAL INTERNAZIONALE DI NARRATIVA FEMMINILE Open Book, Open Future. Il futuro è un libro aperto.

T. +39 0835 312044 MOB. +39 333-5857933 www.womensfictionfestival.com contact@womensfictionfestival.com

“Pochi libri cambiano una vita. Quando la cambiano è per sempre, si aprono porte che non si immaginavano, si entra e non si torna più indietro”. Dal 24 al 27 settembre, alla dodicesima edizione, torna il WFF, andando incontro al “futuro aperto” e alle nuove sfide culturali per la città di Matera, Capitale Europea della Cultura nel 2019. L’evento punta i riflettori sul tema della scrittura e della lettura come esperienza di crescita culturale, individuale e collettiva. Divertimento, istruzione, esperienze di vita, con i libri il futuro è aperto e accessibile. Unico in Europa per formula della writers’ conference, il WFF torna nella Città dei Sassi e ospita scrittrici, editor, agenti letterari, giornalisti culturali e consulenti editoriali. Quattro giorni in cui si esplorano possibilità, si approfondiscono storie, si condividono momenti di creatività e si creano ponti tra chi scrive e chi pubblica. Il Congresso internazionale è un appuntamento utile e necessario per conoscere le possibilità di pubblicazione in un ambiente globale e per chi vuole fare dello scrivere una professione. In programma approfondimenti sul genere giallo, con la “Thriller University”, master class condotte da scrittici best seller, incontri a tu per tu con editor e agenti letterari, presentazioni di libri, reading collettivi, concerti e premiazioni letterarie.

13


FONDAZIONE SOUTHERITAGE PER L’ARTE CONTEMPORANEA Durante tutto il corso dell’anno la Fondazione SoutHeritage per l’arte contemporanea offre un ricca agenda di iniziative ed eventi: mostre dedicate ad artisti internazionali o riservate alla scena artistica regionale, progetti di laboratori e pubblicazioni.

CASA CAVA Nel cuore dei Sassi, il recupero del centro culturale Casa Cava riassume la traiettoria della città di Matera e delle storiche case grotte, da borgo dimenticato a città culturale e tecnologica. La visita guidata all’auditorium ipogeo è un’esperienza che racconta con nuovi linguaggi il patrimonio culturale di Matera e della Basilicata. In questi spazi il visitatore può verificare direttamente con mano, mediante un’installazione multimediale, le prospettive offerte dalla nuova tecnologia applicata alla musica. L’intervento architettonico e il progetto culturale sono stati oggetto di premi internazionali e sono descritti in riviste di architettura.

T. - F. +39 0835 240348 www.southeritage.it info@southeritage.it FB: southeritage found Twitter:@southeritage

MOB. +39 345 6158722 www.casacava.it info@casacava.it Skype: casacava Biglietto di ingresso: 3 euro Chiusura il mercoledì 14


UNA CITTÀ DALLA DIMENSIONE VERTICALE Una volta arrivati a Potenza, da oltre duecento anni capoluogo di regione, ci si può perdere tra antichi vicoli, suggestive piazze e storiche scale storiche che circondano il borgo antico, fino a ritrovarsi in Via Pretoria, punto di ritrovo per i potentini e principale corso della città. Potenza è sede di importanti istituzioni culturali, come l’antico teatro “Francesco Stabile”, in Piazza Mario Pagano, cuore del centro storico, e l’auditorium del conservatorio di musica “Carlo Gesualdo di Venosa”. Il Museo Archeologico Nazionale

15


“Dinu Adamesteanu”, insieme al Museo archeologico provinciale e alla Pinacoteca, custodiscono le antiche vestigia storiche e artistiche della Basilicata. Uno dei simboli di architettura contemporanea presenti in città è poi rappresentato dal Ponte Musmeci che, poggiando su onde di cemento, si caratterizza per una rara plasticità. Si concentrano nel borgo antico le principali chiese, che costituiscono uno straordinario patrimonio artistico, come la Cattedrale di San Gerardo e le chiese di San Francesco e San Michele. Più linee di scale mobili collegano il centro storico alla periferia, un aspetto che conferisce a Potenza la dimensione di “città verticale”.

T. +39 0971 415874 - 415009 www.comune.potenza.it turismo@comune.potenza.it 16


IL TEATRO FRANCESCO STABILE Proclamato nel 2014 “Teatro storico lucano”, il Teatro Stabile è annoverato tra le eccellenze artistiche regionali. La sua costruzione risale al 1856, mentre è stato inaugurato il 26 gennaio 1881, in occasione della venuta del Re Umberto I e della Sovrana Margherita di Savoia a Potenza. Il teatro, che domina Piazza Mario Pagano, è intitolato al musicista lucano Francesco Stabile. Nella struttura e nell’apparato decorativo la sua progettazione presenta caratteristiche molto simili a quelle del teatro San Carlo di Napoli. Il popolo potentino ha potuto riappropriarsi del suo teatro solo nel 1990, dopo le diverse fasi di restauro, successive ai danni del sisma dell’80, che ne hanno migliorato l’acustica, l’illuminazione e gli spazi. La platea, tre ordini di palchi e il loggione racchiudono l’orchestra e il palcoscenico, le cui dimensioni contenute lo rendono un piccolo gioiello nel suo genere. Il Teatro “Francesco Stabile” nel corso dell’anno ospita eventi culturali di grande prestigio.

T. +39 0971 415874 T. +39 0971 415875 www.comune.potenza.it ufficiocultura@comune.potenza.it 17


IL VOLO DELL’AQUILA SUL POLLINO A partire dalla primavera, in Basilicata si vola. Da marzo a dicembre il volo dell’Aquila consente di ammirare le bellezze del Parco Nazionale del Pollino, sorvolando i tetti del grazioso comune di San Costantino Albanese. L’emozione del volo da condividere anche in quattro, con un deltaplano fissato ad un cavo d’acciaio, si può concretizzare nei luoghi presidiati da aquile e falchi, nella caratteristica cornice del paesaggio culturale della piccola comunità arbëreshë. Un’esperienza mozzafiato da non perdere!

Calendario 2015 Marzo 21, 22, 28, 29 (ore 10-17) Aprile 3, 4, 5, 6, 11, 12, 18, 19, 24, 25, 26 (ore 10-19) Maggio 1, 2, 3, 9,10, 16, 17, 23, 24, 30, 31 (ore 10-19) Giugno/Luglio/Agosto Tutti i giorni (ore 9.30-20) Settembre Dall’1 al 13 (tutti i giorni), 19, 20, 26, 27 (ore 9.30-19) Ottobre 3, 4, 10, 11, 17 18, 24, 25, 31 (ore 10-17) Novembre 1, 7, 8, 14, 15, 28, 29 (ore 10-16) Dicembre 5, 6, 7, 8, 12, 13, 19, 20, 26, 27 (ore 10-16)

MOB. +39 328 7338268 (informazioni) +39 331 7014214 (biglietteria) info@nuovaatlantide.com FB: Volo dell’Aquila 18


IL MONDO DI FEDERICO II Tutto l’anno il castello di Lagopesole apre le sue porte ai visitatori per far rivivere, attraverso un Museo Narrante l’emozione della vita di corte, gli eventi storici, politici e i personaggi del mondo di Federico II. Si tratta di un allestimento polimediale incentrato sulla figura e sull’opera di dell’Imperatore anche noto come Stupor Mundi dotato di un sofisticato sistema di audioguide in lingua inglese e tedesca a supporto anche dei visitatori stranieri. Da luglio a settembre, il percorso alla scoperta dell’Imperatore svevo prosegue sotto le stelle con una proiezione in multivisione dagli effetti speciali che modificano le mura del maniero, alterandole e scomponendole, mentre Gotfred un emissario del Papa, inviato in incognito a spiare la corte, racconta le vicende d’amore e di vita di Federico, cui presta volto e voce l’attore Remo Girone. Il Mondo di Federico II è aperto anche alle scuole attraverso le proposte didattiche “Il Mondo di Federico II per le scuole” che propongono, oltre alla visita del Museo Narrante, laboratori didattici suddivisi per fasce d’età che spaziano dalla lavorazione della creta, al teatro, alla pittura.

(Luglio-settembre 2015)

T. +39 0971 701881

T. +39 0971 86251 Mob. +39 3338663901 www.ilmondodifederico.it www.prolocolagopesole.it info@prolocolagopesole.it FB: Il Mondo di Federico II Twitter: IlMondodiFedericoII (@MondoFederico) Programmazione: Museo Narrante: tutto l’anno negli orari di apertura del castello; Proiezione in Multivisione: ore 21.00 da luglio a settembre 2015 19


IL VOLO DELL’ANGELO SULLE DOLOMITI LUCANE Un chilometro e mezzo in poco più di un minuto, da Castelmezzano a Pietrapertosa, e viceversa. Torna l’esperienza della discesa in due, o in solitudine, tra le vette e gli incantevoli paesaggi di due dei “Borghi più belli d’Italia” della Basilicata. Il Volo dell’Angelo consente di sorvolare le Dolomiti Lucane regalando sensazioni straordinarie e amplificate, sospesi a quattrocento metri dal suolo e perfettamente allineati su un cavo di acciaio. Un tuffo tra cielo e terra con la percezione di accarezzare uno dei paesaggi più suggestivi della Basilicata.

Calendario 2015 Maggio Aperto la domenica 1, 2, 3, 10, 17, 24, 31 Le attività nel mese di Maggio 2015 sono subordinate alle indicazioni derivanti dal monitoraggio ornitologico da parte del comitato scientifico del Parco Regionale di Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane.

Giugno Aperto tutti i sabato e domenica 1, 2, 6, 7, 13, 14, 20, 21, 27, 28 Luglio Aperto sabato 4 e domenica 5; dall’11 al 31 aperto tutti i giorni Chiusura impianto tutti i lunedì Agosto Aperto dall’1 al 31 tutti i giorni Settembre Aperto dall’1 al 13 tutti i giorni Chiusura impianto tutti i lunedì Dopo il 13 settembre aperto tutti i sabato e domenica Ottobre Aperto ogni domenica e sabato 31 Novembre Aperto l’1 novembre T.- F. +39 0971 986166 T.- F. +39 0971 983052 MOB. +39 334 7880084 È consigliata la prenotazione on-line: www.volodellangelo.com info@volodellangelo.com

20


IL PERCORSO DELLE SETTE PIETRE Un antico sentiero contadino che congiunge i comuni di Petrapertosa e Castelmezzano da percorrere in circa novanta minuti. Il Percorso delle Sette Pietre è un viaggio nella fantasia e nella tradizione, che si snoda in sette tappe recuperando una storia tratta dal testo “Vito ballava con le streghe” del giornalista lucano Mimmo Sammartino e traducendo in forme visive, sonore ed evocative i temi e le immagini della narrazione. Ogni tappa prevede uno spazio allestito e propone una parola chiave che restituisce il senso del racconto: destini, incanto, sortilegio, streghe, volo, ballo, delirio. Nella tappa centrale, quella delle “streghe”, il visitatore apprende l’intera storia, attraverso elementi di suggestione scenografica e sonora.

(Giugno-ottobre 2015)

T. +39 0971 986166

T. +39 0971 983052

MOB. +39 320 8337801 www.volodellangelo.com info@volodellangelo.it 21


IL PARCO DELLA GRANCIA E IL CINESPETTACOLO “LA STORIA BANDITA” Nel suggestivo scenario della Foresta Grancia, a Brindisi di Montagna, sorge il primo Parco storico rurale e ambientale d’Italia. Dodici ettari tra natura e cultura, a pochi chilometri da Potenza, dove da luglio a settembre prende vita l’evento principale del Parco: il Cinespettacolo “La Storia Bandita”. Uno straordinario esempio di teatro popolare, unico nel suo genere, animato dalle popolazioni locali in un contesto artistico di livello internazionale. Un “film dal vivo” sulla storia delle insorgenze antinapoleoniche e del brigantaggio meridionale nel periodo risorgimentale. Durante lo spettacolo grandioso è l’utilizzo di tecnologie ed effetti speciali che immergono il pubblico in un clima di particolare suggestione ed emozione.

(Luglio-settembre 2015)

MOB. +39 347 0082086 +39 329 5811844 +39 334 8769772 info@parcograncia.it www.parcograncia.it www.prolocobrindisimontagna.it info@prolocobrindisimontagna.it 22


LA CITTÀ DELL’UTOPIA

Foto di Antonio Di Gilio

Tra giochi di movimenti e splendidi costumi, danza aerea e recitazione di attori di fama nazionale, a Campomaggiore Vecchio, tutti i fine settimana di agosto, con repliche speciali il 14 e il 15, si accendono i riflettori sullo spettacolo La Città dell’Utopia. In una città fantasma, tutto ruota attorno alla storia di un soldato che, tornato da una guerra, non trova più niente del suo paese. Ogni cosa è stata distrutta dalla frana del 1885. In una notte magica, però, l’uomo incontra personaggi reali e fantastici, i quali, lentamente, riescono a trasformare i suoi incubi di guerra nel sogno della ricostruzione della Città dell’Utopia.

(Tutti i fine settimana di agosto, inclusi 14, 15 agosto 2015)

T. +39 0971 982261 www.comune.campomaggiore.pz.it comunecampomaggiore@rete. basilicata.it MOB. +39 3479354611 www.cittadellutopia.it 23


ORSOLEO MUSEO SCENOGRAFICO. IL CONVENTO DINASTICO E L’AVVENTURA DEL MONACHESIMO IN OCCIDENTE Testimone possente di un’antichissima tradizione spirituale, il Convento di Santa Maria di Orsoleo si trova nel cuore della Basilicata, su uno dei crinali dominanti la media Valle dell’Agri, a soli quattro chilometri da Sant’Arcangelo. Il percorso museale allestito all’interno del complesso monumentale offre al visitatore un’esperienza culturale unica, un viaggio spirituale nella Basilicata del passato e del presente. Grandi immagini, narrazioni sonore, video istallazioni, effetti scenografici e filmati in 3D narrano ed evocano le origini, la vita quotidiana, la memoria viva del convento dinastico, nonché il contesto ambientale, nella sua accezione geomorfologica e paesaggistico culturale, tra esigenze del sacro e pratiche religiose.

T. +39 344 2723307 FB: Orsoleo Museo Scenografico Twitter: @OrsoleoMuseo Orari: 10-13; 16-19 Sabato, domenica e festivi Ultimo ingresso mattina: ore 12 Ultimo ingresso pomeriggio: ore 18 24


IL CARNEVALE DELLA TRADIZIONE LUCANA Colori, suoni e danze avvolgono i borghi lucani in cui ogni anno si festeggia il Carnevale. Dalle prime luci del giorno a tarda sera antichi riti si ripetono con “La Sagra del Campanaccio” di San Mauro Forte, “L’màsh-k-r” di Tricarico - manifestazione inclusa nella FECC (Federazione Europea Città del Carnevale) - “Il Carnevale di Satriano di Lucania”, “Le Maschere Cornute” di Aliano, “Le quattro stagioni e i dodici mesi dell’anno” di Cirigliano, “L’Orso e il Carnevale” di Teana, “Il Carnevalone Tradizionale” e “Il Carnevale Montese” di Montescaglioso, “Il Domino” di Lavello, “Il Carnevale di Paglia” di Viggianello e “Il Pagliaccio e i carri allegorici” di Stigliano. Il suono cupo dei campanacci, maschere dalle forme singolari e rievocazioni della transumanza sono IL CARNEVALE DI alcuni dei tratti distintivi di questi eventi SATRIANO DI LUCANIA antropologici e antropomorfi che animano numerosi borghi della Basilicata durante Un uomo albero rivestito di edera, la il periodo carnevalesco, in cui il mondo pianta che ricopre i boschi di Satriano di naturale e quello animale popolavano, e Lucania, il “Rumit”, è il protagonista del popolano ancora, i miti delle origini e di Carnevale, ma anche rito arboreo, del Parco antiche leggende. Nazionale dell’Appennino Lucano che si festeggia nel comune lucano, rito che inneggia alla natura e al suo forte legame con l’uomo. Il 14 febbraio una foresta che cammina, composta da 131 Rumit, quanti sono i comuni della Basilicata, lancia un messaggio ecologista colorando di verde una piazza del paese. A dare lo spunto è la cineistallazione “Alberi” di Michelangelo Frammartino già presentata al MO.MA di New York. La mattina del 15 febbraio, come da tradizione secolare, i Rumit spontanei vagheranno per le strade del paese bussando alle porte e lasciando un buon auspicio in cambio di un dono. Nel pomeriggio si terrà la sfilata delle altre maschere tipiche: l’Orso, la Quaresima e la messa in scena del Matrimonio con lo scambio dei ruoli. L’evento è organizzato dalla rivista “Al Parco”. 25


• SAN MAURO FORTE La sagra del Campanaccio (15-18 gennaio; 15 febbraio 2015) T. +39 0835 674015 F. +39 0835 674288 www.comune.sanmauroforte.mt.it comunesanmauroforte@rete.basilicata.it • TRICARICO L’Màsh-k-r (17 gennaio, 15 febbraio; Luglio/agosto 2015: Raduno Internazionale delle Maschere Antropologiche) T. +39 0835 526111-00 www.comune.tricarico.mt.it urp.comunetricarico@tiscali.it

26

MOB. +39 3333360230; +39 3281523714; +39 3394846644 www.prolocolavello.com prolocofricciuti@libero.it • ALIANO Le Maschere Cornute (8, 15, 17 febbraio 2015) T. +39 0835 568529 MOB. +39 349 7576705 parcolevi@tiscali.it T. +39 0835 568038 www.aliano.it T. +39 0835 568074

MOB. +39 393 1090808 FB: Il Carnevale e Le Maschere di Tricarico FB: Pro Loco di Tricarico www.lemaschereditricarico.it info@lemaschereditricarico.it prolocotricarico@libero.it

• TEANA L’Orso e il Carnevale (14 febbraio 2015)

• LAVELLO Il Domino (17 gennaio-22 febbraio 2015)

• SATRIANO DI LUCANIA Il Carnevale di Satriano di Lucania (14-15 febbraio 2015)

T. +39 0972 80111 F. +39 0972 88643 www.comune.lavello.pz.it info@comune.lavello.pz.it

T. +39 0975 383121 Interno 3 www.comune.satriano.pz.it comunesatriano@rete.basilicata.it

MOB. +39 338 3447261 lovagliovincenzo@libero.it


T. +39 329 5320026; +39 328 6991733; +39 366 8938796 www.alparcolucano.it carnavaledisatriano@gmail.com Fb: Carnevale di Satriano • STIGLIANO Il Pagliaccio e i carri allegorici (14-17 febbraio 2015) T. +39 0835 567241 F. +39 0835 562025 www.comune.stigliano.mt.it comunestigliano@rete.basilicata.it serviziculturali@comune.stigliano.mt.it

T. +39 0835 563081 F. +39 0835 563209 www.comunecirigliano.it info@comunecirigliano.it

• VIGGIANELLO Il Carnevale di Paglia 15 febbraio 2015 (Contrada Gallizzi: Sfilata carri allegorici e Processo a Carnevale di Paglia) 17 febbraio 2015 (Centro storico: Sfilata carri allegorici)

T. +39 0835 1853639 MOB.+39 360 438069 www.prolocociricliano.it prolococirigliano@tiscali.it

T. +39 0973 664311 www.comune.viggianello.pz.it comuneviggianello@libero.it

• MONTESCAGLIOSO Il Carnevale Montese (17 febbraio 2015) T. +39 0835 209201 F. +39 0835 209239 www.comune.montescaglioso.mt.it

T. - F. +39 0973 666004 MOB. +39 347 9929389 www.prolocoviggianello.jimdo.com www.viggianellovacanze.it prolocoviggianello@gmail.com

MOB. +39 393 9873850; +39 339 2492031; +39 338 3150445 prolocomontescaglios@tiscali.it

• CIRIGLIANO Le quattro Stagioni e I dodici Mesi dell’anno (15-17 febbraio 2015)

Il Carnevalone Tradizionale (15 e 17 febbraio 2015) T. +39 0835 209201 F. +39 0835 209239 www.comune.montescaglioso.mt.it T. +39 0835 200630 MOB. +39 334 8600258 . 27


IL “MATRIMONIO” TRA GLI ALBERI

Foto di Serena Rizzo

Un singolare “matrimonio” si rinnova ogni anno in Basilicata, quello tra un tronco (lo sposo) e una cima (la sposa). È la tradizionale unione tra due alberi: un arcaico inno alla fertilità della terra e alla vita che si rinnova. Dal Parco di Gallipoli Cognato (Area del Maggio) al Parco Nazionale del Pollino (Area dell’Abete) il matrimonio dell’albero si dispiega tra sacro e profano esprimendo il rapporto strettissimo della popolazione con l’ambiente che lo circonda, in una regione, la Basilicata, terra di folti boschi, che conserva la maggior concentrazione e il magico fascino degli antichi cerimoniali della vegetazione.

28


Foto di Serena Rizzo

AREA DEL MAGGIO • ACCETTURA Il Maggio di Accettura (12 aprile 2015 - scelta del Maggio) (19 aprile 2015 - scelta della Cima) (14 maggio 2015 - taglio del Maggio) (24 maggio 2015 - trasporto di Cima e Maggio) (25 maggio 2015 - lavori preparatori all’innesto) (26 maggio 2015 - innesto della Cima sul Maggio, innalzamento, processione del Santo,scalata) (7 giugno 2015 - abbattimento del Maggio)

T. +39 0835 675030 www.ilmaggiodiaccettura.it info@ilmaggiodiaccettura.it dipieffe@tiscali.it

T. +39 0835 675292 prolocoaccettura@tiscali.it

• PIETRAPERTOSA U’ Masc’ (13 giugno 2015 - taglio del Maggio; 20 e 21 giugno 2015) MOB. +39 320 8337801 www.prolocopietrapertosa.it prolocopietrapertosa@tiscali.it • OLIVETO LUCANO Il Maggio Olivetese (10-12 agosto 2014) T. +39 0835 677013 MOB. +39 349 6681706 +39 340 3993442 www.prolocolivetolucano.it olea_prolocoliveto@tiscali.it • CASTELMEZZANO La sagra du’ Masc’ (6 settembre 2015 - taglio del Maggio) (12 settembre 2015 - taglio della Cima, trasporto degli alberi, innesto e innalzamento) (13 settembre 2015 - festa di Sant’Antonio) www.castelmezzano.net castelmezzano@castelmezzano.net 29


AREA DELL’ABETE • VIGGIANELLO L’a’ Pitu e la Rocca (10, 11, 12 aprile 2015 - Frazione Pedali) (28, 29, 30, agosto 2015 - centro storico) (11, 12, 13, settembre 2015 - Località Zarafa)

T. +39 0973 664311 F. +39 0973 664313 comune@comune.viggianello.pz.it comuneviggianello@libero.it

• CASTELSARACENO La ‘Ndenna e la Cunocchia (7 giugno 2015 - taglio e trasporto della “ndenna”) (14 giugno 2015 - taglio e trasporto della “cunocchia”) (21 giugno 2015 - matrimonio arboreo e innalzamento)

T. e F. +39 0973 666004 MOB. +39 347 9929389 www.viggianellovacanze.it prolocoviggianello@gmail.com www.prolocoviggianello.jimdo.com

T. - F. +39 0973 832351 MOB. +39 3407725164 www.prolococastelsaraceno.it prolococastelsaraceno@gmail.com

• TERRANOVA DI POLLINO A Pit’ (30 maggio 2015– taglio e trasporto dell’abete13 giugno 2015 innalzamento e scalata dell’abete)

• ROTONDA L’a’ Pitu e la Rocca (8-13 giugno 2015)

T. +39 0973 93009 F. +39 0973 93247 www.comune.terranovadipollino.pz.it comuneterranova@rete.basilicata.it 30

MOB. +39 393 5793294 www.prolocoterranovadipollino.it

T. +39 0973 661005 www.comune.rotonda.pz.it comune@comune.rotonda.pz.it www.basilicataturistica.com eventi@aptbasilicata.it


(7, 8; 13-15 febbraio 2015)

SAN VALENTINO DI ABRIOLA Eventi religiosi e culturali animano il comune di Abriola che, da secoli, venera San Valentino, Patrono degli innamorati. Quest’anno i festeggiamenti si svolgeranno nei giorni 7, 8, 13, 14 e 15 febbraio. Il 14 febbraio, interamente dedicato a San Valentino, prevede la festa religiosa, in mattinata caratterizzata dalla processione lungo le vie del paese con l’immagine del Santo, in serata dedicata alla santa messa nel corso della quale sono protagoniste anche le coppie che nell’arco dell’anno hanno festeggiato il 25° e il 50° anniversario di matrimonio. I festeggiamenti proseguono con l’accensione dei fucanoj allestiti nei vari quartieri di Abriola e la degustazione di piatti tipici. Musica e balli folcloristici arricchiscono la serata insieme a serenate in omaggio alle coppie che convoleranno a nozze nel 2015.

T. +39 0971 923230 F. + 0971 923001 www.comune.abriola.pz.it comune.abriola@cert.ruparbasilicata.it Il 14 febbraio sono previste navette con partenza da Potenza – Piazzale della Regione: ore 19 - 20 con ritorno da Abriola: ore 24 - 1

IL TRADIZIONALE VOLO DELL’ANGELO DI PESCOPAGANO Pescopagano festeggia il suo Patrono, San Francesco di Paola e per l’occasione il 30 giugno e il 2 luglio nel comune lucano si assiste al Tradizionale Volo dell’Angelo. Al termine delle più classiche celebrazioni religiose, come la suggestiva processione che percorre il paese, in Piazza della Vittoria si assiste anche ad uno spettacolo emozionante: sospeso su una carrucola appesa a funi di acciaio, l’Angelo, un bambino, si slancia prima verso la statua del Santo, poi verso quella della Madonna delle Grazie. (30 giugno; 2 luglio 2015)

T. +39 0976 500211

MOB. +39 338 8773606 www.pescopaganoeventi.org

31


LA NOTTE DEI CUCIBOCCA Portano una lunga barba di canapa, indossano un mantello scuro, in testa un cappellaccio, ai piedi una catena spezzata e con un grosso ago minacciano i bambini di cucir loro la bocca. Sono i Cucibocca, strane e figure che la notte del 5 gennaio si aggirano, irriconoscibili, tra i vicoli del centro storico di Montescaglioso. Sbucano dal buio dei chiostri dell’Abbazia di San Michele, dopo una lunga e accurata fase di vestizione, per poi sfilare per i vicoli e nelle piazze del paese. In realtà, il misterioso rito che ogni anno si ripete alla vigilia dell’Epifania è una sorta di iniziazione dei bambini a vincere la paura.

(5 gennaio 2016)

T. +39 0835 201016 MOB. +39 334 8360098 www.cea.montescaglioso.net ceamonte@katamail.com 32


VENOSA Venosa è uno dei “Borghi più belli d’Italia”, patria di Quinto Orazio Flacco, uno dei maggiori poeti dell’epoca romana, e di Carlo Gesualdo di Venosa, compositore rinascimentale di madrigali e di musica sacra. Gioielli artistici di inestimabile bellezza si possono ammirare sin dall’ingresso della città: dall’Abbazia della Santissima Trinità, con annessa chiesa dell’Incompiuta – luoghi sacri fortemente legati all’origine della dinastia Normanna – al vicino Parco archeologico, fino al Castello di Pirro del Balzo, sede del Museo archeologico nazionale. Da non perdere, poi, la Cattedrale di Sant’Andrea Apostolo, il Sito preistorico paleolitico di Notarchirico, tra i più antichi d’Europa, la cosiddetta Casa di Orazio e diverse fontane. Venosa custodisce, inoltre, una testimonianza di notevole interesse storico e archeologico del culto dei morti nell’antichità: le Catacombe ebraiche in prossimità di quelle cristiane – dimostrazione della presenza di una consistente comunità ebraica tra il IV e il IX secolo –. Scavate nel tufo e articolate in diversi cunicoli con loculi parietali e nicchie, presentano numerosi graffiti ed epigrafi funerarie con iscrizioni in ebraico, greco, latino, incisioni in Menorah e affreschi.

T. +39 0972 308611 www.comune.venosa.pz.it T. +39 0972 36095 sba-bas.venosamuseo@beniculturali.it www.archeobasilicata.beniculturali.it Orari: (Parco archeologico) 9-13.30 mercoledì-lunedì; il pomeriggio su prenotazione (Museo archeologico nazionale) 9-20 mercoledì-lunedì Chiusura il martedì mattina (Museo e Parco archeologico) Le Catacombe ebraiche e il Sito preistorico sono visitabili solo su prenotazione. 33


ACERENZA A guardarla Acerenza, dalle origini antichissime, è adagiata su di una rupe, a oltre ottocento metri sul livello del mare. Proprio rimandando alla sua posizione, il poeta venosino Quinto Orazio Flacco la definisce “Acherontia”, facendo riferimento al suo vero significato: “luogo alto”. Città romana, normanna e rinascimentale, la sua storia è scritta nei segni delle architetture che si incrociano percorrendo i vicoletti del centro storico, costeggiando le antiche mura, fino a raggiungere, imponente e splendida, la Cattedrale (XI - XIII sec.) dedicata a Santa Maria Assunta e a San Canio Vescovo. In stile romanico cluniacense, la caratterizzano il suo portale decorato da singolari allegorie raffiguranti uomini e animali e, all’interno, la sua cripta abbellita dagli incantevoli affreschi di Giovanni Todisco da Abriola.

T. +39 0971 741129 www.comune.acerenza.pz.it 34


MELFI Città federiciana per eccellenza, Melfi è nota per essere stata capitale del regno normanno e per il ruolo politico conferitole, appunto, dalla presenza di Federico II, l’Imperatore svevo che proprio all’interno dell’imponente castello promulgò il “Liber Augustalis”, le Costituzioni che avrebbero rivoluzionato l’impianto giuridico del tempo fino all’epoca moderna. Straordinari esempi di chiese rupestri, simboli della religiosità del borgo, sono quelle di Santa Margherita e Santa Lucia (XIII sec.) scavate nel tufo. La prima custodisce pregevoli affreschi di santi raffigurati negli stili bizantino e catalano, la vita e il martirio di Santa Margherita e il noto “Monito dei morti” che sembra ritrarre lo Stupor Mundi con la sua famiglia. Nella chiesa di Santa Lucia si può ammirare un affresco raffigurante la vita e il martirio della Santa e una Madonna con Bambino in trono. Di particolare interesse, poi, è la Cattedrale di Santa Maria Assunta in stile svevo bizantino gotico, con soffitto a cassettoni decorato in oro zecchino.

T. +39 0972 251272 www.comune.melfi.pz.it www.distrettohabitatrupestre.it I siti di Santa Margherita e Santa Lucia di Melfi sono progetti culturali della Fondazione Zétema di Matera.

35


IRSINA Chi entra nella Cattedrale dell’Assunta, a Irsina, viene “accolto” da una figura che ha nello sguardo una fierezza e una dolcezza tali da far credere che quasi si muova e prenda vita. Questa è la sensazione che si vive osservando la splendida statua di Santa Eufemia, in pietra di Nanto, il capolavoro del Cinquecento attribuito alla scuola del Mantegna. A tutto tondo e dipinta, essa è un patrimonio di inestimabile valore. I numerosi reperti archeologici risalenti al periodo greco-romano svelano le antiche origini di Irsina che preserva anche palazzi gentilizi, portali e un importante nucleo rupestre scavato all’ingresso del paese.

T. +39 0835 628711 www.comune.irsina.mt.it comune.irsina@comune.irsina.mt.it

MOB. +39 335 8147689 montepeloso@hotmail.com 36


FORENZA Nelle chiese di San Nicola, dell’Annunziata e del Crocifisso, con l’annesso convento francescano, per tutto l’anno è possibile visitare su prenotazione una mostra itinerante che attesta la splendida stagione artistica che ha interessato Forenza tra XVII e XVIII sec. Sculture in legno e oreficerie di primissimo piano nel panorama artistico meridionale, tesori ancora inesplorati ma di grande fascino, espressione di un patrimonio artistico di epoca barocca. Proprio grazie agli ultimi studi è stato possibile appurare che a Forenza fu attivo Guglielmo Borremans, il pittore di Anversa noto soprattutto per la sua lunga attività in Sicilia.

T. +39 0971 772212 MOB. +39 329 6314753 www.comune.forenza.pz.it sindaco.forenza@email.it

T. +39 333 5325773 37


RIPACANDIDA Piccolo borgo del Vulture Melfese, Ripacandida è definita la “piccola Assisi” della Basilicata per i pregevoli affreschi di scuola giottesca che decorano le pareti del santuario di impianto francescano dedicato a San Donato Vescovo. Ammirandoli, si ha la sensazione di sfogliare una vera e propria “Bibbia illustrata”. Il Santuario di San Donato, insieme alla Pro Loco di Ripacandida, è gemellato con la Basilicata Papale di San Francesco e la Pro Loco di Assisi in “Fede e Arte”. Proprio in onore del Santo Patrono ogni anno devoti raggiungono il piccolo borgo e si incamminano lungo un percorso di fede tra lacrime e devozione per ringraziare l’aver esaudito le preghiere a lui rivolte o per chiedere altre grazie.

T. +39 0972 644132 www.comune.ripacandida.pz.it

T. +39 0972 644145 www.sandonatoripacandida.net prolocoripacandida@libero.it 38


L’ABBAZIA DI SAN MICHELE ARCANGELO A MONTESCAGLIOSO Costruita sui resti della città indigena e greca la splendida Abbazia di Montescaglioso risale all’XI secolo ed è uno dei più significativi monumenti della Basilicata. Costituita da tre piani, tra cui gli interrati formati da cantine scavate nella roccia, nei chiostri e al piano superiore preserva numerosi affreschi datati ai secoli XVI-XVII, tra cui il ciclo di dipinti che decorano la biblioteca, raffiguranti santi, filosofi e figure allegoriche, attribuibili a Girolamo Todisco. Parte del corredo scultoreo dei chiostri e della chiesa sono invece attribuiti ad Altobello e Aurelio Persio, ciascun lato del campanile medievale conserva bifore. La chiesa, decorata da stucchi dell’inizio del XVIII secolo, è formata da un’unica grande aula con quattro cappelle per lato che conservano affreschi e una cupola con lo stemma della Congregazione monastica Cassinese.

T. +39 0835 201016 MOB. +39 334 8360098 www.cea.montescaglioso.net ceamonte@katamail.com Orari: 10-13; 15-19 tutti i giorni (estate) 10-13; 15-17 tutti i giorni con chiusura il lunedì (inverno) 39


IL CASTELLO DEL MALCONSIGLIO E IL PERCORSO MULTIMEDIALE “ALLA SCOPERTA DELLA CONGIURA DEI BARONI” A MIGLIONICO Sulla sommità di una collina domina l’intera valle del Bradano, fiancheggiato da sei torrioni. Il nome del castello del Malconsiglio di Miglionico (VIII-IX sec d.C) è legato alla sanguinosa vicenda della Congiura dei Baroni del Regno di Napoli contro il re Ferdinando I D’Aragona (1485). Le voci dei protagonisti di quell’evento storico – i Sanseverino, i Guevara, i Del Balzo, i Caracciolo e gli Acquaviva, lo stesso Re Ferdinando I D’Aragona e suo figlio Alfonso – riecheggiano ancora nella sala “del Malconsiglio” grazie al percorso multimediale “Alla Scoperta della Congiura dei Baroni”. Il visitatore è guidato nel racconto della vicenda che si sarebbe consumata all’interno del maniero di Miglionico. Da visitare a Miglionico è la Chiesa di Santa Maria Maggiore che custodisce preziose opere come il Polittico del maestro veneto Cima da Conegliano, composto da diciotto pannelli disposti in quattro ordini, il Crocifisso di Padre Umile Da Petralia Soprana e il cinquecentesco organo barocco.

Il Percorso Multimediale è visitabile tutti i giorni solo su prenotazione (minimo 10 pax)

40

T. +39 0835-559005 F. +39 0835 559316 www.miglionico.gov.it


IL MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DELLA BASILICATA “DINU ADAMESTEANU” Istituito nel maggio del 2005, quest’anno ricorre il decennale. Il museo ha sede nel prestigioso Palazzo Loffredo, l’edificio storico più importante di Potenza. È dedicato a Dinu Adamesteanu, studioso di assoluto rilievo internazionale e “fondatore” dell’archeologia lucana. Il museo rappresenta un’importante vetrina della rete museale regionale, costituita da otto musei archeologici nazionali, ai quali è dedicata l’esposizione del primo piano. Il secondo piano costituisce la sede espositiva definitiva dei contesti e dei materiali della Basilicata centrosettentrionale. All’ingresso si possono ammirare le mostre: “Dinu Adamesteanu, l’uomo e l’archeologo. Dalla Dobrugia sul Mar Nero alla Siritide sullo Jonio” e “Invito a casa del principe. Archeologia a Tito, Torre di Satriano”. In occasione di Expo 2015 sarà inaugurata la mostra “Il lusso celato. La necropoli lucana di Albano” (20 maggio - 31 ottobre 2015).

T. +39 0971 21719 - 323111 F. +39 0971 323261 www.archeobasilicata.beniculturali.it sba-bas@beniculturali.it Orari: 14-20 lunedì; 9-20 martedì-domenica, Chiusura: 1 gennaio, 1 maggio, 25 dicembre Biglietto di ingresso: intero 2,50 euro; ridotto 1,25 euro; gratuito la prima domenica del mese; agevolazioni secondo le disposizioni vigenti nei musei statali In occasione di Expo 2015: ingresso dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 ai possessori del biglietto o di una delle card Expo. Servizi al pubblico: Book-shop: aperto solo in occasione di mostre di particolare rilievo.

41


GALLERIA CIVICA E CAPPELLA DEI CELESTINI DI POTENZA Al suo interno Palazzo Loffredo - una delle rare testimonianze di edilizia nobiliare a Potenza ospita gli spazi espositivi della Galleria Civica comunale, cui sono annessi i locali della Cappella dei Celestini. Entrambe costituiscono, per valenza architettonica e storica, i due piĂš importanti spazi espositivi nella cittĂ di Potenza. Galleria Civica e Cappella dei Celestini hanno ospitato, e ospitano, mostre di arte figurativa e collettive di autori italiani ed europei.

T. +39 0971 415874 T. +39 0971 415875 www.comune.potenza.it ufficiocultura@comune.potenza.it 42


IL MUSEO PROVINCIALE E LA PINACOTECA DI POTENZA Il Museo archeologico provinciale di Potenza espone reperti archeologici rinvenuti negli scavi condotti in Basilicata e riferibili al periodo compreso tra preistoria e tarda età romana, con un’estensione fino all’età medievale. Ai piedi della gradinata (Via Ciccotti) è proposta la ricostruzione dell’acquedotto di Potenza di epoca aragonese, mentre al piano terra è collocata parte di una stele funeraria a edicola con iscrizione osca in caratteri greci proveniente da Anxia (Anzi). Al piano terra si trova anche la mostra archeologica “L’eterno rinnovarsi della vita; i segni e i simboli” con reperti del periodo compreso tra Neolitico e Bronzo Medio, provenienti dalle Grotte di Latronico. Nel giardino interno, significativa è l’esposizione del Lapidarium, con iscrizioni onorarie e funerarie in lingua latina relative alla Potentia romana nel periodo compreso tra età repubblicana e tardo-antica. Al primo piano è visitabile l’esposizione archeologica permanente che illustra il percorso crono-culturale delle principali forme di popolamento della Lucania antica con servizio di audio guide. Nei pressi del Museo, la Pinacoteca provinciale ospita la permanente di pittura e scultura intitolata a Concetto Valente, che comprende parte della collezione pittorica e scultorea della Provincia con opere dell’’800. Tra gli autori si distinguono Di Chirico, Brando, Tedesco, Mona e La Creta. L’esposizione propone anche opere di autori più recenti, come Guerricchio, Claps e Squitieri. Nella sala dedicata al ‘900 ci sono opere di Carlo Levi, Fausto Pirandello e Renato Guttuso. Recentemente è stata allestita, al piano terra, una mostra permanente dedicata all’artista potentino Rocco Falciano, la cui famiglia ha donato le sue opere più significative.

T. +39 0971 444833 F. +39 0971 444820 museo.provinciale@provinciapotenza.it Orari: 9-19 martedì-sabato Chiusura: domenica e lunedì T. +39 0971 469477 pinacoteca.provinciale@provinciapotenza.it

Orari: 9-13.30; 15.30-19 martedì-sabato 43


IL MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE “DOMENICO RIDOLA” DI MATERA Dal Paleolitico all’età medievale. La storia dell’uomo nel territorio materano è racchiusa nel Museo più antico della Basilicata (1911) in seguito alla donazione allo Stato delle ricche collezioni del senatore Ridola. Nella sezione preistorica sono esposti reperti litici realizzati dall’uomo del paleolitico inferiore, l’homo erectus; il paleolitico medio e superiore è rappresentato da oggetti in pietra sempre più specializzati. Significativi reperti provenienti dai villaggi neolitici della Murgia testimoniano, a partire dal VI millennio a.C., l’introduzione dell’agricoltura e lo strutturarsi di insediamenti stabili. Di recente sono stati aperti al pubblico due nuovi spazi espositivi: il primo riproduce una cavità carsica le cui pareti mostrano esempi di arte parietale, l’altro Mostre in corso: propone una capanna neolitica in scala reale “Trasanello…quattro passi nelle Murgia con strutture annesse. Nella sezione Magna Grecia pregevoli corredi funerari e oggetti preistorica”, “Domenico Ridola e la votivi narrano la vicenda umana sviluppatasi ricerca archeologica a Timmari. Forme in epoche successive nei santuari e nei centri e Immagini”, “La cura dei defunti abitati indigeni, poi ellenizzati, dislocati sulle nel materano tra età tardo antica e alture dominanti le vallate fluviali, tra cui altomedievale”. Timmari e Montescaglioso. Una collezione di eccezionali vasi proto lucani e apuli a figure rosse (V e IV sec. a.C.) testimonia l’evoluzione della ceramografia magno greca. La sala dedicata al fondatore del museo, Domenico T.-F. +39 0835 310058 Ridola, conserva documenti delle sue attività www.archeobasilicata.beniculturali.it di medico, parlamentare e archeologo. In occasione di Expo 2015 sarà inaugurata la sba-bas.materamuseo@beniculturali.it mostra “Il fossile della diga di San Giuliano. Primi restauri” (1 luglio-31 ottobre 2015).

Orari: 14-20 Lunedì 9-20 Martedì-domenica Chiusura: 1 gennaio, 1 maggio, 25 dicembre Biglietto ingresso: intero 2,50 euro; ridotto 1,25 euro; gratuito la prima domenica del mese; agevolazioni secondo le disposizioni vigenti nei musei statali

44


IL MUSEO NAZIONALE D’ARTE MEDIEVALE E MODERNA DELLA BASILICATA Il Museo ha sede in Palazzo Lanfranchi, imponente edificio seicentesco costruito come seminario per volontà dell’arcivescovo Vincenzo Lanfranchi. Il percorso espositivo si articola nelle sezioni di Arte Sacra, Collezionismo e Arte Contemporanea, e occupa dodici sale al primo piano dell’edificio. Al piano terra la sala Levi accoglie il grande dipinto “Lucania ‘61” realizzato da Carlo Levi, in occasione del Centenario dell’Unità d’Italia. La sezione di Arte Sacra espone dipinti murali provenienti dalle chiese rupestri di Matera e del circostante altopiano murgico, sculture lignee e lapidee, tele e preziosi manufatti in scagliola e in cartapesta, che documentano il percorso culturale e artistico della Basilicata, dal Medioevo al Settecento. Le sale del Collezionismo accolgono un’ampia selezione di dipinti su tela appartenenti ad uno dei più consistenti esempi di collezionismo privato ottocentesco in Italia meridionale: la raccolta di opere messa insieme da Camillo d’Errico di Palazzo San Gervasio. Le tele esposte, raffiguranti scene sacre e mitologiche, vedute e paesaggi, nature morte e ritratti, offrono una sintesi della cultura figurativa napoletana di Sei e Settecento. La sezione di Arte Contemporanea espone una ricca selezione di dipinti di Carlo Levi (1902-1975), alcune opere dell’artista materano Luigi Guerricchio (1932-1996) e le fotografiche di Mario Cresci, artista e designer tra i più importanti interpreti della ricerca fotografica in Italia degli ultimi quattro decenni del XX secolo.

T. +39 0835 2562540 F. +39 0835 2562515 www.artibasilicata.it sbsae-bas@beniculturali.it Orari: 9-20 tutti i giorni Chiusura il mercoledì Biglietto ingresso: intero 2 euro; ridotto 1 euro; gratuito fino a 18 anni e aventi diritto secondo la normativa vigente; gratuito la prima domenica di ogni mese. 45


IL MUSEO DELLA SCULTURA CONTEMPORANEA (MUSMA)

Foto di Luca Centola

Foto Fototeca Zètema

Unico museo in grotta al mondo e principale museo italiano interamente dedicato alla scultura, il MUSMA (Museo della Scultura Contemporanea. Matera) racconta la storia della scultura, italiana e internazionale, dalla fine del 1800 a oggi. La collezione unisce donazioni alla Fondazione Zétema di Matera - ente promotore del Museo - da parte di artisti, collezionisti, gallerie, critici d’arte. È ospitato all’interno di Palazzo Pomarici o Palazzo delle Cento stanze (XVII sec) che domina il Sasso Caveoso. Al piano inferiore dell’edificio le opere sono disposte in tre cortili, in sette grotte scavate nel tufo e nelle Sale della Caccia, quattro ambienti con pitture murali seicentesche. Al piano superiore il percorso si snoda in dieci sale. Il visitatore può così sperimentare una straordinaria integrazione tra gli ambienti secolari “cavati” dall’uomo e la scultura contemporanea. Questo sito è un progetto culturale della Fondazione Zétema di Matera.

46

MOB. + 39 366 9357768 (10-14; 16-20 martedì-domenica) T. + 39 0835 330582 (9.30-14 lunedìsabato) www.musma.it info@musma.it Orari: 10-14; 16-20 martedì-domenica 9.30-14 lunedì-sabato FB: MUSMA Museo della Scultura Contemporanea Matera Twitter: MUSMAMuseo Instagram: musmamuseo Canale youtube: MUSMA Museo della Scultura Contemporanea Matera Orari: Ottobre-marzo: 10-14 (Apertura pomeridiana per gruppi e su prenotazione) Aprile-settembre 10-14; 16-20 Chiusura: Lunedì; 25 dicembre, 1 gennaio, 2 luglio


IL MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI METAPONTO BERNALDA Attraverso una selezione di reperti di recente acquisizione il museo propone un quadro completo del territorio metapontino, dalle prime manifestazioni preistoriche al periodo tardoantico. All’ingresso sono esposte le mostre “Tetti metapontini e Recenti restauri” e “Hera e il mondo femminile nell’antichità”, mentre in occasione di Expo 2015 sarà inaugurata la mostra dedicata a “Metaponto. Il disegno della città” (18 luglio-30 ottobre 2015). È possibile visitare anche il Parco archeologico e le Aree archeologiche delle Tavole Palatine e della necropoli di Crucinia.

T. +39 0835 745327 F. +39 0835 745295 www.archeobasilicata.beniculturali.it sba-bas.metapontomuseo@beniculturali.it

Orari: (Museo Archeologico) 14-20 Lunedì | 9-20 Martedì-domenica (Parco Archeologico) 9 fino a 30 minuti prima del tramonto lunedì-domenica (si consiglia di chiedere conferma telefonando al Museo) Chiusura: 1 gennaio, 1 maggio, 25 dicembre Biglietto ingresso: (Museo e Parco archeologico): intero 2,50 euro; ridotto 1,25 euro; gratuito la prima domenica del mese; agevolazioni secondo le disposizioni vigenti nei musei statali

47


IL MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DELLA SIRITIDE POLICORO Il museo ospita i materiali e le ricostruzioni di contesti riconducibili alla fase di Siris – con statuette votive e corredi funerari (VII-VI sec. a.C.) e con ceramiche figurate di produzione locale –, e alla fase di Herakleia – con matrici per statuette, oggetti votivi e corredi funerari (IV-III sec. a.C) consistenti in ceramiche a figure rosse e monili in oro filigranato, nonché gli importanti ritrovamenti archeologici provenienti dall’entroterra con corredi funerari e vasi indigeni a decorazione geometrica, ceramiche greche figurate e vasi etruschi in bucchero rinvenuti nei centri enotri (IX-V sec. a.C.) e lucani (IV sec. a.C.). Il museo è contiguo all’area archeologica. In occasione di Expo 2015 sarà inaugurata la mostra “Il lusso esibito. Archeologia di una comunità arcaica” (date previste: 26 giugno-31 ottobre 2015).

48

T.-F. +39 0835 972154 www.archeobasilicata.beniculturali.it sba-bas.policoromuseo@beniculturali.it Orari: (Museo archeologico): 9-20 Lunedì 14-20 Martedì 9-20 Mercoledì-domenica (Parco archeologico) 9 fino a trenta minuti prima del tramonto Lunedì-domenica Chiusura: 1 gennaio, 1 maggio, 25 dicembre Biglietto ingresso: (Museo e Parco archeologico) intero 2,50 euro; ridotto 1,25 euro; gratuito la prima domenica del mese; agevolazioni secondo le disposizioni vigenti nei musei statali


IL MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI MURO LUCANO Dal 2003, data della sua istituzione, ha sede presso l’ex seminario vescovile in cui ospita le attestazioni del territorio della Basilicata nord-occidentale. Il percorso di visita si articola su tre piani in senso cronologico con diverse sezioni: la prima illustra i risultati degli scavi condotti nell’insediamento di Baragiano, attraverso la ricostruzione di un settore della necropoli arcaica in cui sono stati ricollocati i più importanti corredi funerari; la seconda è dedicata alla fase lucana; la terza documenta il processo di romanizzazione dell’area, attraverso testimonianze provenienti dalle necropoli e dalle numerose ville individuate nel territorio. Una sezione, infine, è dedicata al mestiere dell’archeologo e alle diverse fasi dello scavo.

T. +39 0976 71778 F. +39 0976 72828 www.archeobasilicata.beniculturali.it

sba-bas.murolucanomuseo@beniculturali.it

Orari: 16 marzo-1° novembre: 9-13; 15-17.30 lunedì e martedì; 9-13 mercoledì-venerdì; 17.30-20 sabato;

10.30-12.30/17.30-20 domenica e festivi

2 novembre -15 marzo: 9-13;15-17.30 lunedì e martedì; 9-13 mercoledì-venerdì Chiusura: sabato e domenica (eccetto aperture straordinarie)

MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DEL MELFESE “MASSIMO PALLOTTINO” - MELFI L’importante documentazione archeologica rinvenuta nel comprensorio del Vulture-Melfese è custodita all’interno del Museo Archeologico Nazionale di Melfi che ha sede su due piani delle restaurate sale del Castello normanno-svevo. Raffinate ceramiche daunie a decorazione geometrica compongono corredi funerari di VII-III sec. a.C. con armature in bronzo, ornamenti in argento, oro, ambra e vasi in bronzo di produzione greca ed etrusca. Rinvenuti nel territorio di Lavello e appartenenti alla fase di IV-III sec. a.C. sono le ceramiche magno greche a figure rosse e i monumentali vasi a decorazione policroma con figure applicate di produzione canosina. In una sala a piano terra è conservato lo straordinario T.-F. +39 0972 238726 sarcofago di Rapolla (II sec. d.C.) in marmo con www.archeobasilicata.beniculturali.it decorazione a rilievo, riferibile a botteghe dell’Asia sba-bas.melfimuseo@beniculturali.it minore. Lungo il percorso sono visitabili le Sale Orari: Doria, con alcuni arredi originali del XVIII sec. e 14-20 lunedì; tele seicentesche. 9-20 martedì-domenica

Chiusura: 1 gennaio, 1 maggio, 25 dicembre Biglietto ingresso: intero 2,50 euro; ridotto 1,25 euro; gratuito la prima domenica del mese; agevolazioni secondo le disposizioni vigenti nei musei statali

49


IL MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI VENOSA Dal 1991, anno della sua istituzione, il museo si trova all’interno del castello Pirro del Balzo e raccoglie la documentazione di età romana, tardo antica e altomedievale della città e del suo territorio, con un percorso articolato in cinque sezioni corrispondenti a cinque fasi cronologiche distinte. Un importante aspetto nella storia della città è legato alla presenza di una fiorente colonia ebraica, documentata tra il IV ed il IX sec. d.C. da numerose epigrafi funerarie provenienti soprattutto dalle Catacombe e dall’area dell’Anfiteatro. Dal 1996 il museo ospita una sezione dedicata alla preistoria, dal Paleolitico inferiore all’Età dei metalli. Da non perdere anche la visita al Parco archeologico e alle Catacombe Ebraiche (IVIX sec.) dimostrazione della presenza di una consistente comunità ebraica in prossimità di quelle cristiane.

50

T.-F. +39 0972 306095 www.archeobasilicata.beniculturali.it sba-bas.venosamuseo@beniculturali.it Orari: (Museo archeologico) 9-20 lunedì; 14-20 martedì; 9-20 mercoledì-domenica (Parco archeologico) 9-13.30 lunedì, mercoledì-domenica; il pomeriggio su prenotazione Chiusura: 1 gennaio, 1 maggio, 25 dicembre Biglietto ingresso: (Museo e Parco archeologico): intero 2,50 euro; ridotto 1,25 ridotto; gratuito la prima domenica del mese; agevolazioni secondo le disposizioni vigenti nei musei statali. Le Catacombe ebraiche e il Sito preistorico sono visitabili solo su prenotazione


IL MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DELL’ALTA VAL D’AGRI – GRUMENTO NOVA Illustra la storia della città romana e dell’Alta Val d’Agri. Negli ultimi anni l’offerta culturale si è arricchita con l’esposizione dei nuovi materiali provenienti dalle campagne di scavo legate ai lavori di estrazione petrolifera e da quelle relative alle concessioni di scavo nell’area urbana di Grumentum (Terme Imperiali e Foro). All’ingresso si può ammirare una mostra temporanea che espone i risultati delle campagne di scavo condotte dal 2006 nel sito di Barricelle di Marsicovetere, che ha restituito i resti della villa romana appartenuta all’importante famiglia dei Bruttii Praesentes.

T.-F- +39 0975 65074 www.archeobasilicata.beniculturali.it sba-bas.grumentonovamuseo@beniculturali.it

Orari: (Museo archeologico): 14-20 Lunedì 9-20 Martedì-domenica (Parco archeologico): 9 fino a un’ora prima del tramonto lunedìdomenica, Chiusura: 1 gennaio, 1 maggio, 25 dicembre Biglietto ingresso: (Museo e Parco archeologico): intero 2,50 euro; ridotto 1,25 euro; gratuito la prima domenica del mese; agevolazioni secondo le disposizioni vigenti nei musei statali.

IL CENTRO OPERATIVO MISTO DI MARATEA Il Centro organizza mostre nel Palazzo De Lieto in occasione delle manifestazioni promosse dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, nonché durante la stagione estiva. Svolge inoltre attività didattica presso le scuole interessate. Il Palazzo De Lieto espone inoltre la mostra permanente “Dal mare alla terra” che consta di una parte generale composta da pannelli che illustrano le origini della navigazione e dei commerci via mare e da una parte strettamente archeologica costituita dall’esposizione di ancore di navi romane ritrovate nel mare prospiciente Maratea (uno dei ritrovamenti più cospicui del Mediterraneo), anfore e oggetti simili. T.-F. +39 0973 877676 www.archeobasilicata.beniculturali.it sba-bas.segreteriamaratea@beniculturali.it

Orari mostra: Luglio-agosto 16-21 Lunedì-domenica; negli altri periodi dell’anno tutte le mostre sono sempre visitabili su prenotazione Giorno di chiusura: nessuno Biglietto ingresso: gratuito 51


LA SEDE ESPOSITIVA DI TRICARICO Dal marzo del 2001 le sale del Palazzo Ducale di Tricarico, messo a disposizione dalla Provincia di Matera, ospitano una pregevole raccolta di reperti archeologici, a testimonianza dell’importanza che l’area del Medio Basento assunse sin dall’età arcaica come punto strategico di comunicazione viaria.

T. +39 0835 726268 F. +39 0835 724914 www.archeobasilicata.beniculturali.it sba-bas.tricaricomostra@beniculturali.it Orari: 9-13 Lunedì-venerdì Chiusura: 1 gennaio, 1 maggio, 25 dicembre Biglietto ingresso: gratuito

LA PINACOTECA D’ERRICO DI PALAZZO SAN GERVASIO Nel luglio scorso è stato celebrato il suo centenario. La Pinacoteca è allestita nelle sale che lo stesso Camillo d’Errico, raffinato mecenate lucano e collezionista appassionato, aveva predisposto a Palazzo San Gervasio per ospitare la propria raccolta. La Pinacoteca è organizzata in tre sezioni strettamente correlate tra loro: la prima contiene alcune delle opere più celebrate della sua collezione, veri capolavori della pittura napoletana del ‘600 e del ‘700; la seconda raccoglie un gruppo rappresentativo di incisioni a stampa in gran parte del XIX secolo, riunite negli anni da d’Errico; la terza espone 31 preziosi libri antichi, veri tesori di uno straordinario patrimonio culturale. Ad impreziosire ulteriormente questo scrigno d’arte, che la Pinacoteca rappresenta, è la mostra archeologica “I guerrieri di Palazzo”, che espone reperti provenienti da recenti indagini, con ritrovamenti eccezionali.

T. +39 0972 44479 MOB. +39 338 7672338 www.pinacotecaderrico.it Orari: 10-13; 17-20 Tutti i giorni (anche domenica e festivi)

52


IL PARCO LETTERARIO “CARLO LEVI” DI ALIANO Un suggestivo itinerario nei luoghi leviani, dalla Casa di Confino, alla Pinacoteca, ma anche al Museo della civiltà contadina e al presepe artistico del maestro Francesco Artese. Ispirato dal libro “Cristo si è fermato ad Eboli”, scritto da Carlo Levi per raccontare la drammatica esperienza del confino vissuta in terra lucana nel 1935, il Parco Letterario, allestito all’interno del borgo circondato dai calanchi, propone al visitatore un percorso che rimanda alla permanenza del poeta e pittore piemontese in Basilicata.

T. +39 0835 568529 MOB. +39 349 7576705 parcolevi@tiscali.it

T. +39 0835 568074 Orari: Aperto tutti i giorni escluso lunedì 10.30-12.30; 16.30-19.30 (Giugno-settembre): 10.30-12.30;15.30-18.30 (orario invernale) 53


IL PARCO LETTERARIO “ISABELLA MORRA” DI VALSINNI Tutte le sere, dal 18 luglio al 9 agosto e dal 10 al 30 agosto, torna a Valsinni, “L’Estate di Isabella. Un viaggio “sentimentale” a ritroso nel tempo coinvolge l’intero borgo medievale di Valsinni, paese che si affaccia sulla riva del fiume Sinni, da cui prende il nome. Questo è il luogo in cui, nel Cinquecento, visse la poetessa Isabella Morra, uccisa a soli 25 anni per una relazione con un nobile spagnolo osteggiata dalla famiglia. A lei, alla sua breve esistenza e produzione poetica riscoperta da Benedetto Croce, è dedicato il Parco Letterario in cui la vita della giovane viene ripercorsa in versi e musica da menestrelli che accompagnano i visitatori per le vie del paese, in un suggestivo itinerario poetico che fa rivivere antiche atmosfere e riscoprire sapori autentici.

54

T.-F. +39 0835 817051 www.parcomorra.it parcomorra@tiscali.it FB: Pro Loco Valsinni opp. Parco Letterario Isabella Morra Orari: Aperto tutto l’anno Centro Visite: 10:30-12:30; 17:30-19:30; Castello: 10:00-13:00; 16:30-19:30 Su prenotazione pacchetti per scolaresche e gruppi organizzati “L’estate di Isabella” Dal 18 luglio al 9 agosto (venerdì, sabato e domenica) e dal 10 al 30 agosto (tutte le sere)


IL PARCO LETTERARIO “ALBINO PIERRO” DI TURSI Ambientato nella casa natale di Albino Pierro, il Parco è dedicato al poeta più volte candidato al Premio Nobel per la letteratura. Dal Parco Letterario, gestito dal Centro Studi Albino Pierro, si gode una suggestiva vista sui calanchi verso il santuario Santa Maria di Anglona, mentre in alto domina il rione della Rabatana, l’antico borgo di Tursi circondato da burroni, le “Jaramme” cantate dal poeta, le quali, insieme alle case costruite con pietre e laterizi, eredità dei Saraceni, fanno della città un incredibile esempio di architettura spontanea. All’interno del Parco, il Museo della Poesia Pierriana comprende una mostra permanente di dipinti di artisti come Nino Tricarico e Antonio Masini, che si sono ispirati alle poesie di Pierro.

T. - F. +39 0835 500000 MOB. +39 333 6401629 www.parchiletterari.com/parchi/albinopierro/index.php

centrostudi.apierro@gmail.com 55


LA CASA DELLE MUSE DI SINISGALLI La Casa delle Muse di Sinisgalli, con i suoi 180 metri quadrati, offre al visitatore la possibilità di avvicinarsi ad una delle personalità più complesse e originali del Novecento. Oltre alla biblioteca di Sinisgalli, ricostruita in una delle sale e che accoglie 3.000 volumi, la sua scrivania e il celebre ritratto a olio realizzato dalla pittrice Maria Padula, sono attualmente visitabili le mostre: “La soffitta di Sinisgalli”, sul materiale (documenti, oggetti volumi ecc.) ritrovato in cantina e in soffitta; “Intimo Sinisgalli”, sul fondo acquisito dalla Fondazione da Agnese De Donato (30 disegni, fotografie, manoscritti e poesie inedite) ed “Elogio dell’Entropia” sul ritrovamento di 42 carte assorbenti, di notevole interesse artistico.

T- +39 0971 753660 MOB. +39 346 8636480 www.fondazionesinisgalli.eu info@fondazionesinisgalli.eu Orari: 17.00-19.30 Lunedì, mercoledì e venerdì 56


LE SACRE RAPPRESENTAZIONI DELLA SETTIMANA SANTA NEL VULTURE-MELFESE La domenica delle Palme è Ripacandida ad aprire il ciclo dei riti lucani dedicati alla Passione di Cristo. Il Mercoledì Santo è la volta di Rapolla, il Giovedì seguita dall’evento di Atella. La più antica manifestazione con personaggi viventi che celebra la Pasqua Cristiana in Basilicata si svolge a Barile, il Venerdì Santo, insieme a quelle di Venosa e Maschito, mentre il Sabato è il giorno della Via Crucis di Rionero in Vulture. Le processioni organizzate nei comuni lucani riproducono fedelmente i testi delle sacre scritture e sono ambientate nella naturale scenografia e in alcuni dei monumenti caratteristici dei paesi del Vulture.

57


• RIPACANDIDA (29 marzo 2015 ore 15.30)

• VENOSA (3 aprile 2015 ore 16.30)

MOB. +39 349 3630602 F. +39 0972 644306 edem2@tiscali.it

T. +39 338 9670458

MOB. +39 329 3179676 • ATELLA (2 aprile 2015 ore 16.00) T. +39 0972 715730 MOB. +39 338 8864665 mrcoviello@gmail.com • BARILE (3 aprile 2015 ore 15.00) MOB. +39 338 7423442 www.europassioneitalia.com viacrucisbarile@libero.it

58

MOB. +39 388 3563925 prolocomaschito@libero.it • RIONERO IN VULTURE (4 aprile 2015 ore 10)

MOB. +39 338 4258602; +39 327 9759307; +39 349 7556430 www.basilicataturistica.com/basilicatasacra/ Foto di G. Marino

• RAPOLLA (1 aprile 2015 ore 16.30)

• MASCHITO (3 aprile 2015 ore 15.30)


LA PROCESSIONE DEI MISTERI DI MONTESCAGLIOSO Ogni sera del Venerdì Santo le statue dei Misteri ripercorrono le stazioni della Via Crucis, attraversando le strade della città a passo lentissimo e dondolante. Tra le statue più suggestive rapiscono l’attenzione di chi le osserva quella della Madonna Addolorata seguita dalle altre raffiguranti Cristo alla colonna, Gesù Crocifisso, Cristo Morto e la Pietà. Un’atmosfera suggestiva pervade la Chiesa Madre mentre il coro intona le “Cantilene”. È notte fonda quando la processione rientra e le statue sono condotte nuovamente nelle rispettive chiese. L’evento, al quale partecipano le quattro confraternite di Montescaglioso, si rifà ai riti della Passione di Cristo della Spagna meridionale. (3 aprile 2015) T. +39 0835 201016 MOB. +39 334 8360098 www.montescaglioso.net cea@montescaglioso.net www.basilicataturistica.com/basilicatasacra/

59


LA DEVOZIONE LUCANA: LA REGINA E IL SANTO PATRONO DELLA BASILICATA Proclamata Regina e Patrona della Basilicata da Papa Giovanni Paolo II, la Madonna Nera di Viggiano è protagonista indiscussa del culto più sentito e importante in terra lucana. Una suggestiva processione si ripete in suo onore in due distinti momenti dell’anno. Al ritmo di preghiere e canti popolari, la prima domenica di maggio, la Vergine Maria è condotta a spalla dai fedeli che, dal paese, portano la statua fino al santuario del Sacro Monte di Viggiano. Un viaggio a ritroso si ripete la prima domenica di settembre, quando la regale statua della Madonna Nera fa ritorno nel centro abitato. Il 2 settembre la devozione lucana raggiunge il suo culmine a Muro Lucano, in occasione dei festeggiamenti dedicati a San Gerardo Maiella, Patrono della Basilicata. Una processione lungo le antiche vie del borgo, con partenza dalla Chiesa Madre, rappresenta il momento più intenso del pellegrinaggio. La statua del Santo è condotta a spalla per fare poi ritorno nella piazza del paese dove si tiene una partecipata Celebrazione Eucaristica. “Il Festival Musicale Nazionale delle mamme e dei bambini” conclude le celebrazioni interamente dedicate alla figura di San Gerardo Maiella. Uno straordinario evento volto a dimostrare come la figura del Santo richiami i più alti valori, come il legame tra una madre e un figlio.

(3 maggio; 6 settembre 2015)

(2 Settembre 2015)

60

T. +39 0976 2255


I RITI MARIANI Basilicata, terra di Maria. Nel corso dell’anno momenti ricchi di spiritualità e suggestione caratterizzano numerosi pellegrinaggi dedicati alla Vergine. La prima domenica di giugno, la Madonna del Pollino è condotta a spalla da San Severino Lucano fino al santuario, sul monte, dove si può ammirare anche la splendida statua bronzea raffigurante la Madonna del Pollino realizzata dalla scultrice olandese Daphnè Du Barry. La Vergine del Pollino viene poi venerata durante una festa il primo sabato di luglio, per fare ritorno in paese la seconda domenica di settembre. La terza domenica di giugno è la volta della Madonna del Sirino, trasportata da Lagonegro fino al santuario sul monte Sirino, per poi rientrare la terza domenica di settembre. Il 16 luglio anche la comunità di Avigliano è in festa attorno alla Madonna del Carmine che, trasportata sul monte tra solenni festeggiamenti, rientra in paese la seconda domenica di settembre. La terza domenica di agosto, nella frazione Pedali, si celebra la Madonna del Carmine di Viggianello. I festeggiamenti in suo onore hanno inizio giorni prima, quando i devoti si riuniscono per ornare i cirii e le cinte, che durante la festa saranno al centro di tipiche danze popolari sospesi sul capo delle donne del paese. La prima domenica dopo Pasqua, trasportata a spalla dai pellegrini, dal Santuario di Maria Santissima D’Anglona, la statua della Vergine è condotta fino alla Cattedrale di Maria Santissima dell’Annunziata di Tursi. Qui resta per due settimane, per fare poi (12 aprile; 1 maggio 2015) ritorno, in genere il 1 maggio, ancora sorretta dai fedeli, in cima alla collina di Anglona. Ogni anno, a partire dal 1 maggio, e poi ogni sabato (1, 9, 16, 23, 30 maggio 2015) del mese, uomini e donne, giovani e anziani si incamminano nel cuore della notte, da tutti i paesi della Basilicata, per raggiungere, a piedi, (7 giugno; 4 luglio; il Santuario della Madonna di Fonti, a circa 12 13 settembre 2015) chilometri da Tricarico. (21 giugno; 20 settembre 2015) (16 luglio; 13 settembre 2015) (16 agosto 2015) www.basilicataturistica.com/basilicatasacra/

61


PARATA DEI TURCHI E RIEVOCAZIONI STORICHE IN ONORE DI SAN GERARDO VESCOVO A POTENZA

Foto di Giacomo Silvano

Devozione e folklore contraddistinguono le celebrazioni in onore di San Gerardo Vescovo, Patrono di Potenza. Il 29 maggio la popolazione si assiepa ad ogni angolo della città per assistere alla Parata dei Turchi che parte dal Campo Sportivo “Viviani” e si conclude in largo Duomo, dopo aver attraversato il centro storico. L’evento si dispiega proponendo tre quadri che disegnano la città in tre momenti storici: il XIX secolo con una rievocazione storica in piazza Sedile, che prevede l’accensione della Iaccara; il XVI secolo, a Porta Salza, dove il Conte Alfonso de Guevara riceve le chiavi d’argento della città; il XII secolo, in largo Duomo, con la devozione popolare nel Medioevo e un momento di preghiera dedicato al Patrono. E il 30 Maggio è proprio il giorno dedicato a San Gerardo, la cui effige e la reliquia, sono portate in processione lungo le vie principali del centro storico seguite dalla popolazione di fedeli.

62

(29 e 30 maggio 2015)

T. +39 0971 415874 - 415009 www.comune.potenza.it ufficiocultura@comune.potenza.it


LA FESTA DELLA MADONNA DELLA BRUNA DI MATERA Dalle prime luci dell’alba Matera, Città dei Sassi e Capitale Europea della Cultura 2019, il 2 luglio onora la sua Patrona, Maria Santissima della Bruna. Tra le fasi più suggestive che caratterizzano la festa si distingue la “Processione dei pastori” che apre l’evento mentre la città si sveglia per salutare la Vergine. Indiscusso protagonista della manifestazione è il “carro trionfale”, in cartapesta, su cui è posta la Madonna. Frutto del lavoro certosino di cartapestai materani, il Carro della Bruna, scortato da cavalieri in costume, incede tra la folla per fare il suo ingresso in Piazza Vittorio Veneto dove, secondo tradizione, il manufatto viene “stracciato”. Assaltato e distrutto, dunque, sarà ricostruito l’anno successivo.

(2 luglio 2015) MOB. +39 340 0751171; 347 5458009 www.festadellabruna.it T. +39 0835 241271 F. +39 0835 241369 www.comune.matera.it comune@comune.mt.it 63


IL CULTO DI SAN ROCCO DI TOLVE Il 16 agosto e il 16 settembre la comunità di Tolve acclama San Rocco accogliendo pellegrini provenienti da ogni punto della Basilicata, ma anche da Campania e Puglia. Il Santuario diocesano custodisce la statua del pellegrino e taumaturgo che la devozione popolare configura come il Protettore dal flagello della peste, venerato anche lungo i “Percorsi Rocchiani”, rete degli itinerari che tra natura e spiritualità portano al santuario da vari punti del territorio lucano e delle regioni limitrofe. L’intensità della devozione al Santo trova conferma poi nel cospicuo patrimonio di ex voto custodito nella Casa del Pellegrino, ai piedi del santuario. La raccolta di ex voto - tavolette dipinte, immagini, parole e oggetti - testimonia i tratti della particolare devozione. In occasione dei festeggiamenti di Tolve la statua di San Rocco viene ricoperta di oro dai fedeli, a dimostrazione del valore riconosciuto all’intercessione che questi può avere presso il Signore nel concedere le grazie richieste.

(16 agosto; 16 settembre 2015) T. +39 0971 737033; 0971 738086; MOB. +39 340 5916328 www.amicidelpellegrino.it info@amicidelpellegrino.it www.basilicataturistica.com/basilicatasacra

I CINQUANT’ANNI DELLA STATUA DEL REDENTORE DI MARATEA Il 2015 è l’anno delle celebrazioni in occasione del cinquantenario della statua del Cristo Redentore di Maratea che, dall’alto del monte San Biagio, domina lo splendido paesaggio della Perla del Tirreno. Una serie di iniziative farà da sfondo all’evento dall’istituzione della Festa del Redentore alla Benedizione del mare, oltre alla Premiazione del “Personaggio” del Redentore e alle attività sportive, dal trekking al parapendio, proprio in prossimità della imponente statua realizzata dall’artista fiorentino Bruno Innocenti.

T. +39 0973 877543 MOB. +39 347 4804210 www.cristomaratea.it salvatore.cirigliano@alice.it FB: Comitato del Redentore per il 2015 64


I PRESEPI LUCANI Da dicembre a gennaio, in alcuni casi per tutto l’anno, i presepi artigianali lucani scaldano il cuore di chi li ammira o sceglie di assistere alle rappresentazioni viventi che animano numerosi comuni della Basilicata. Vere e proprie opere d’arte ripropongono l’immagine della Grotta di Betlemme, calata nei diversi paesaggi lucani che rimandano a borghi agricoli, tradizioni e spiritualità delle comunità locali.

TURSI: LA SACRA FAMIGLIA IMMAGINATA DA ALTOBELLO PERSIO NEL 1500 Il presepe in pietra di Altobello Persio di Montescaglioso restituisce un’immagine intensa della Sacra Famiglia, grazie anche all’ambientazione nella suggestiva cripta della Collegiata di Santa Maria Maggiore di Tursi, nel cuore della Rabatana, in cui sono custodite anche altre importanti espressioni di arte sacra come un crocifisso ligneo del XV sec., un sarcofago con uno stemma raffigurante San Giorgio e un’acquasantiera del 1518.

65


GRASSANO: IL PRESEPE DEL MAESTRO ARTESE Grassano è il comune di origine del maestro presepista Francesco Artese, autore di numerose opere esposte in Italia e nel mondo. E proprio nel comune del materano, nel Palazzo Materi, in corso Umberto, è ospitato uno dei capolavori dell’artista, che in quaranta metri quadri racconta la vita reale della sua terra negli anni ’50 e, nelle statuine in terracotta, riproduce le fattezze fisiche della sua gente.

TRICARICO: IL MISTERO DIVINO RIVIVE NELLA CITTÀ ARABO-NORMANNA Nel presepe esposto all’interno del complesso dell’antico Convento delle Suore Carmelitane di Santa Chiara, a Tricarico, Francesco Artese riproduce i quartieri della città arabo-normanna, in cui cala scene di vita rurale e l’autenticità impressa nei volti dei personaggi raffigurati segnati dal lavoro e dalla dignità. Davanti a quest’opera unica si rivive il mistero divino.

66


ALIANO: SCORCI DELLA BASILICATA NEL PRESEPE ESPOSTO ANCHE A LORETO L’opera che oggi si può ammirare nella sede comunale del Parco Letterario “Carlo Levi” è la stessa esposta nel 2011 a Loreto. In questo presepe Francesco Artese propone scorci del paesaggio lucano e volti dei personaggi tipici della civiltà contadina, oltre ad espressioni artistiche presenti sul territorio lucano. La Vergine infatti rimanda alla scultura bronzea della Madonna del Pollino realizzata dall’artista olandese Daphné du Barry, mentre la figura di San Giuseppe si rifà a quella del presepe di Altobello Persio esposto a Tursi. A fare da sfondo sono i Sassi di Matera, la Santissima Trinità di Venosa, la “casa con gli occhi” di Aliano e le cantine di Barile.

ANZI: IL PRESEPE POLISCENICO QUARTO IN EUROPA PER GRANDEZZA Nella casa canonica di Anzi è esposto il Presepe Poliscenico di Antonio Vitulli. L’opera, costruita con estrema accuratezza e con l’impiego di gesso e materiali di recupero, riproduce gli scorci più belli dei paesaggi della Basilicata, puntando su una rappresentazione unica e genuina che nel periodo natalizio assume una valenza più profonda. www.basilicataturistica.com/basilicatasacra

67


IL PRESEPE VIVENTE DI CONTRADA CAVALIERI A POTENZA Il 20 dicembre nella Contrada Cavalieri - Piani del Mattino, a Potenza, torna il suggestivo presepe vivente animato da oltre 150 figuranti. Lo scenario riproposto rimanda all’ambientazione esistente all’epoca della nascita di Gesù, con in primo piano la Sacra Famiglia, i Re Magi e i legionari romani. Lungo il percorso si possono visitare le capanne degli antichi mestieri e delle botteghe artigiane con gli strumenti tipici della civiltà contadina. Un viaggio in un tempo lontano, che non ha rotto il legame con il presente.

(20 dicembre 2015) MOB. +39 335 7096478

IL PRESEPE VIVENTE DI MURO LUCANO Una voce narrante, insieme a oltre cento figuranti, anima il presepe vivente di Muro Lucano che si tiene il 26, 27 e 28 dicembre, dalle 18 alle 21, lungo il centro storico del paese. Il presepe è ambientato tra Via Castello e Piazza Monsignor Capone, fino a Via Seminario, presso il Museo Archeologico di Muro Lucano. Momenti di forte suggestione pervadono il paese considerato tra i più graziosi della Basilicata. (26, 27, 28 dicembre 2015) MOB. +39 338 8649955; +39 333 3831356

68


IL PRESEPE VIVENTE DI TURSI Dal 26 al 28 dicembre, nel suggestivo rione arabo della Rabatana, a Tursi, si rinnova la rappresentazione della Natività giunta alla sua XV edizione. Il presepe può essere visitato dalle ore 17,30 alle ore 21,30 avendo la sensazione di rivivere l’incanto della Betlemme di oltre duemila anni fa. Attraverso questo evento rivivono i personaggi del presepe in pietra di Altobello Persio custodito nella cripta della chiesa di Santa Maria Maggiore in Rabatana. (26, 27, 28 dicembre 2015) T. - F. +39 0835 500000 MOB. +39 333 6401629 www.presepeviventetursi.it f.ottomano@tiscali.it

IL PRESEPE VIVENTE DI RIONERO IN VULTURE Il 26 dicembre e il 6 gennaio si rinnova il Presepe Vivente di Rionero in Vulture. Il giorno di Santo Stefano, nello storico Palazzo Fortunato, si assiste alla drammatizzazione delle scene dell’Annunciazione, della Visitazione e della Natività di Gesù. Scenario diverso è quello riproposto nel giorno dell’Epifania, durante la “Cavalcata dei Magi”. Accompagnati da zampognari e personaggi tipici dell’arte presepiale napoletana, tutti in costumi del Settecento napoletano, i tre Magi ripercorrono le vie del centro fino alla “grotta”, nell’antico Rione Costa.

(26 dicembre 2015; 6 gennaio 2016) T. - F. +39 0972 080394 MOB. +39 338 5775961 www.prolocorionero.org prolocorionero@tiscali.it

69


IL PRESEPE VIVENTE NEI SASSI DI MATERA Giunto alla VI edizione, con il titolo “La Famiglia”, si rinnova lo spettacolare evento del presepe vivente più grande del mondo ambientato nella splendida cornice dei Sassi di Matera, che si conferma location ideale per rievocare i luoghi in cui nacque e visse Gesù Cristo. Oltre quattrocento figuranti ravvivano le stradine, i vicoli e le piazzette del sito Patrimonio dell’Unesco dal 1993. Percorrendo questi magici luoghi ci si ritrova in una dimensione surreale che ripropone i tratti dell’epoca: dagli antichi mestieri, ai soldati romani, ai venditori di varie merci. Particolarmente suggestiva la scena della Natività in cui la Vergine Maria, su un asinello e accompagnata da Giuseppe, raggiunge una grotta naturale all’interno del Sasso Caveoso.

(1, 2, 3 gennaio 2016) T. +39 0835 339401 MOB. +39 388 1935238 www.presepematera.it info@presepematera.it

70

T. +39 0835 2411 F. +39 0835 241369 www.comune.matera.it comune@comune.mt.it


I MERCATINI DI NATALE A POTENZA I profumi e i colori del Natale pervadono il centro storico di Potenza dall’8 dicembre 2015 al 6 gennaio 2016. Aggirandosi tra i Mercatini di Natale la magia della festa è ancor più sentita potendo acquistare regali speciali tra manufatti artigianali, accessori per presepi, addobbi per l’albero di Natale, articoli da regalo natalizi e prodotti enogastronomici di eccellenza della Basilicata disponibili nelle diverse e caratteristiche casette in legno.

8 dicembre 2015 - 6 gennaio 2016)

T. +39 0971 415003 www.comune.potenza.it turismo@comune.potenza.it

IN VIAGGIO TRA I PRESEPI A POTENZA E MATERA Alla nona edizione, dall’8 dicembre 2015 all’8 gennaio 2016, la mostra concorso mette in esposizione presepi artistici e creativi realizzati da privati o associazioni tra Potenza, presso la scala mobile “Prima”, percorso di Viale Dante, e Matera, presso il Palazzo dell’Annunziata in Piazza Vittorio Veneto. Vere e proprie opere realizzate da artisti provenienti da diverse regioni con tecnica libera che spaziano da quelle più tradizionali a quelle più innovative. I fondi raccolti saranno interamente devoluti in beneficenza.

(8 dicembre 2015-8 gennaio 2016)

MOB. +39 377 1021902 www.inviaggiotraipresepi.it info@inviaggiotraipresepi.it

71


I MUSEI DIOCESANI ACERENZA Nell’antico edificio che in passato ha ospitato il seminario di Acerenza oggi ha sede il Museo Diocesano in cui sono conservati oggetti provenienti dal tesoro della Cattedrale di Santa Maria Assunta. Si possono ammirare oreficeria, argenteria, statuaria lignea, dipinti e un’importante collezione di paramenti liturgici. Convivono, inoltre, molti reperti archeologici anteriori alla nascita del Cristianesimo, emersi dal sottosuolo acheruntino e dalla regione apulo-lucana.

T. +39 0971 741299 biblioarci.acerenza@libero.it FB: Museo Diocesano Acerenza Orari: 9.30-12.30/16-18.30 (nel pomeriggio è consigliabile la prenotazione). Aperto tutto l’anno. Chiusura: il lunedì. Ingresso libero

POTENZA Nei locali dell’ex seminario, alle spalle della Cattedrale di San Gerardo, è allestito il Museo Diocesano di Potenza, che offre ai visitatori una delle raccolte di oggetti sacri più interessanti della regione. Attraverso un percorso d’arte e di fede, il museo presenta una ricca selezione di oggetti di argenteria sacra e dipinti.

T. +39 0971 26426 Orari: 10-13; 17-20 Aperto tutti i giorni infomuseodiocesanopz@gmail.com Aperto tutto l’anno. Chiusura: il lunedì Ingresso libero

MELFI Nel Palazzo Vescovile di Melfi, in piazza Duomo, su più livelli si trova il Museo Diocesano della città federiciana, il cui patrimonio consiste in oggetti della diocesi. Il percorso conduce in una sala espositiva con argenti di scuola napoletana, fino a quella in cui sono conservati dipinti, reliquiari e affreschi vari. Pezzo raro e di straordinaria bellezza è una Pietà in pietra del 1400 e colorata attribuita ad un artista meridionale. Foto di Mario De Luca

72

T +39 0972 238604 MOB. +39 339 5341436 curiavescovilemelfi@virgilio.it Orari: 10-12.30; 16-18 (1 novembre - 1 marzo) 10-12.30; 7-20 (1 aprile - 1 ottobre) Aperto tutto l’anno. Chiusura il martedì


MUSICA E... GEZZIAMOCI A MATERA IL JAZZ FESTIVAL DI BASILICATA Unico nel suo genere in Italia, per lo stretto legame tra la musica e i luoghi, anche in questa XXVIII edizione il festival punta sul consolidato binomio territorio-cultura, proponendo interessanti Master Class e concerti itineranti nelle vie dei centri storici di Matera e altri comuni della Basilicata. Promossa dall’Onyx Jazz Club, la manifestazione sceglie come palcoscenici naturali per i suoi numerosi eventi chiostri, balconi, piazzette, vicoli, chiese rupestri. Protagonisti delle esibizioni sono bande da strada, musicisti di fama internazionale e produzioni originali, oltre al tradizionale concerto all’alba nel Parco della Murgia Materana. Anche il Gezziamoci estate 2015 avrà come caratteristica i “concerti dai balconi”, un percorso sonoro itinerante dove i balconi dei palazzi nobiliari dei Sassi di Matera ospiteranno musicisti provenienti da ogni parte d’Italia.

Foto di Gigi Esposito

Le tappe del Gezziamoci 2015: - 30 aprile: Giornata Mondiale UNESCO del Jazz (Matera) - Luglio-agosto: Il Gezziamoci Itinerante nei comuni della Basilicata tra musica e arte - 14, 15, 16 agosto: “Concerti dai Balconi” (Matera)

MOB. +39 331 4711589 www.onyxjazzclub.it info@onyxjazzclub.it FB: Onyx Jazz Club

73


BASILICAnTA Musica e cultura si coniugano in questo evento, una competizione canora che coinvolge i comuni della Basilicata offrendo ai partecipanti l’opportunità di partecipare a visite guidate nel centro del paese lucano in cui fa tappa la manifestazione. In occasione del tour estivo, ai cantanti in gara si alternando sul palco artisti emergenti lucani. Durante la finalissima il festival fa tappa in uno dei tanti teatri presenti sul territorio lucano. (Maggio-Novembre 2015)

T. +39 347 7481810 dannylogi@hotmail.it basilicanta@hotmail.com officinadellacreativita@hotmail.com

IL FESTIVAL CITTÀ DELLE 100 SCALE. RASSEGNA INTERNAZIONALE DI DANZA URBANA E ARTI PERFORMATIVE NEI PAESAGGI URBANI

Foto di Salvatore Laurenzana

È uno dei festival più innovativi e originali del Mezzogiorno d’Italia, una rassegna della danza contemporanea e urbana e delle arti performative in ambito europeo, che rende protagonista la città di Potenza e il territorio della Basilicata, valorizzando luoghi e realtà di produzione artistica locale. Giunto alla VI edizione, si svolge a cavallo tra la primavera e l’autunno, spingendosi alle soglie dell’inverno. L’evento sintetizza il proprio concept in parole chiave intese come punto di raccordo tra i vari linguaggi artistici in campo. Ad oggi tra gli ospiti si sono distinti Virgilio Sieni, Chiara Frigo, Santasangre, Retouramont, Collettivo Cinetico, Les Passagers, Alessandro Sciarroni, Roger Bernat, Toni Servillo, Antonio Latella, Motus, La Veronal, Ricci/Forte e Vinicio Capossela.

74

www.cittacentoscale.it info@cittacentoscale.it FB: Festival Città delle Cento Scale


IL POTENZA INTERNAZIONAL JAZZ FESTIVAL Durante l’ultima settimana di giugno la città di Potenza ospita la seconda edizione del Potenza International Jazz Festival. Con la doppia direzione artistica del noto jazzista lucano Emanuele Basentini e del sassofonista newyorchese Alex Hoffman, il festival ha una portata internazionale. Potenza infatti ospita per una settimana l’eccellenza del jazz mondiale, con cui amatori e musicisti hanno la possibilità di confrontarsi durante i workshop intensivi pomeridiani. Sul suggestivo palco del Teatro Stabile si succedono concerti, mentre i locali della città aprono a jam session per vivere l’atmosfera di un vero jazz club di New York. In occasione del festival si sono già esibiti, tra gli altri, Grant Stewart, Dmitry Baevsky, Ehud Asherie, Osian Robert, Giovanni Amato e Dario Deidda.

www.potenzajazz.com info@potenzajazz.com Facebook: Potenza International Jazz Festival

XXVIII STAGIONE CONCERTISTICA 2015 A POTENZA La musica in tutte le sue declinazioni, dal genere classico ai suoni mediterranei, al tango, ma anche una piccola rassegna di concerti dedicati al pubblico dei bambini e delle loro famiglie, dal significativo titolo “Crescendo”, e poi concerti di alto livello, nell’ambito del progetto scuola per coinvolgere sempre più giovani, accompagnati dai docenti nell’ascolto e nella comprensione della musica. È quanto propone il cartellone della XXVIII Stagione concertistica 2015 presso l’Auditorium del Conservatorio “Carlo Gesualdo di Venosa” a Potenza.

Foto di Nino Lioi

www.ateneomusicabasilicata.it

75


BLUES IN TOWN FESTIVAL

Foto di Giuseppe Di Matteo

Dodicesima edizione per la rassegna blues più importante del sud Italia considerata la kermesse musicale principale dell’estate metapontina. Anche quest’anno, oltre all’appuntamento principale sul lungomare di Policoro, dal 5 al 9 agosto, il Blues in Town si fa itinerante, nei mesi di luglio e agosto, con diverse tappe nei comuni della costa ionica lucana. Oltre agli spettacoli musicali, l’evento propone una serie di attività collaterali come seminari didattici, proiezioni cinematografiche tematiche, jam session, workshop e clinic con grandi artisti, incontri con istituzioni e imprenditori su “eventi e turismo”, solidarietà e molto altro ancora. In questi anni il festival ha offerto oltre 60 artisti internazionali e 75 band italiane, per un totale di 132 straordinari concerti gratuiti seguiti da oltre 300.000 spettatori. Un vero e proprio “Villaggio Musicale” sulle spiagge dello Ionio che si apre ogni pomeriggio, a partire dalle 17,00, con i seminari musicali per professionisti e principianti, per proseguire, fino a tarda notte, con concerti, workshop fotografici e mostre pittoriche dedicate al blues. (5-9 agosto 2015; luglio-agosto 2015)

www.bluesintown.it produzione@bluesintown.it

RASSEGNA DELL’ARPA VIGGIANESE Momenti di incontro tra appassionati dello strumento a corde, workshop e performance artistiche caratterizzano la Rassegna dell’Arpa viggianese che ogni anno raduna un gran numero di suonatori nazionali e internazionali di massimo livello. Negli ultimi anni musicisti suonatori di arpa sono arrivati anche da India e Africa soddisfacendo le aspettative degli amanti del genere.

www.comuneviggiano.it 76


GRANDE MUSICA NEL PARCO DEL POLLINO Ad agosto si rinnova l’appuntamento con il Pollino Music Festival, alla sua ventesima edizione. Ambientato a San Severino Lucano, il festival ospita formazioni musicali italiane e internazionali di elevato profilo artistico, proponendo diverse attività parallele: itinerari gastronomici, escursioni, mostre, iniziative di educazione ambientale, visite guidate alle opere di arte contemporanea presenti nel versante lucano del Parco. Nell’ultimo fine settimana di luglio la nona edizione del Pollino Fusion Festival tra eventi dedicati a arte, cultura, sport e musica torna ad animare l’anfiteatro naturale del Bosco Difesa, situato nei comuni di Castelluccio Inferiore e Castelluccio Superiore. Nella prima settimana di agosto, si rinnova, a Viggianello, l’appuntamento con il RadiciFestival, una delle rassegne più quotate del sud Italia, vetrina delle nuove tendenze giovanili nella riscoperta e nello studio delle tradizioni musicali. Stesso luogo, stesso periodo per il Festival Radici Etno Contest, il primo concorso di musica etnica online che permette alle band emergenti di esibirsi e incidere un cd audio con etichette del settore a distribuzione nazionale. Tante poi le attività collaterali: presentazioni di libri, trekking, rafting, free-climbing, degustazioni enogastronomiche.

www.pollinomusicfestival.it www.pollinofusionfestival.it www.radicifestival.com www.radicietnocontest.com 77


POLLINO ESTATE Dal 7 al 20 agosto il Parco Nazionale del Pollino ospita due momenti di intrattenimento di cabaret, musica, spettacolo e cultura: il Merkurion Music Festival e il Ridipollino. Il Merkurion Music Live è la rassegna della canzone d’autore e di arte in generale che ha portato sul palco artisti del calibro di De Gregori, Mannoia, Vecchioni, Gazzè, Carboni e altri. Il Ridipollino è il festival della risata e del cabaret, che da anni porta a Viggianello grandi comici.

T.-F. +39 0973 666004 MOB. +39 347 9929389 www.prolocoviggianello.jimdo.com www.viggianellovacanze.it prolocoviggianello@gmail.com

LUCANIA ETNOFOLK A SATRIANO DI LUCANIA La prima settimana di agosto il Lucania Etnofolk interpreta il genere musicale lucano valorizzandolo attraverso la contaminazione di altre etnie a livello nazionale e internazionale. Nelle precedenti edizioni, oltre a Eugenio Bennato, direttore artistico della manifestazione si sono avvicendati anche Enzo Avitabile, Simone Cristicchi e gruppi etnofolk lucani e pugliesi. 78

(Prima settimana di agosto 2015) T. +39 0975 383121 www.lucaniaetnofolk.it www.rullospettacoli.it


POMARICO VIVALDI FESTIVAL Il festival, alla settima edizione, prende il nome dal grande compositore Antonio Vivaldi di origini lucane: il nonno materno emigrò da Pomarico a Venezia nel 1650. L’evento, che si svolge nei giorni 7, 8 e 9 agosto, ha lo scopo di divulgare l’opera strumentale dell’illustre violinista e far conoscere i luoghi che riconducono alla sua famiglia. Concerti, conferenze, mostre e convegni letterari animano le giornate del festival, alla sua sesta edizione, cui sono legati anche il “Premio POMARICVM Antonio Vivaldi”, la “Rievocazione Storica delle Origini Lucane di A. Vivaldi” e il suggestivo spettacolo delle “Fontane Danzanti”. Zampilli d’acqua, lingue di fuoco e giochi di luci multicolori seguono il ritmo delle musiche di Antonio Vivaldi, dando vita a suggestive scenografie.

(7-9 agosto 2015)

T.-F. +39 0835 552668 www.pomaricovivaldifestival.com pomarico.vivaldifestival@gmail.com www.comune.pomarico.mt.it

VULCANICA LIVE FESTIVAL

Foto di G. Marino/Vulcanica

Rassegna di musica, letteratura, teatro e cinema indipendente, il festival si tiene nel mese di agosto a Rionero in Vulture, presso lo storico Palazzo “G.Fortunato”. Anche in questa XVII edizione il Vulcanica Live Festival coniuga i diversi aspetti dell’arte contemporanea ed è crocevia di molteplici stili musicali: dal rock al jazz internazionale. Sul palco si sono avvicendati Stefano Bollani, Enrico Rava, Nicola Piovani, Vinicio Capossela, Ludovico Einaudi, Giovanni Allevi, John Scofield, Paolo Fresu, Musica Nuda, Andrea Scanzi e Giulio Casale, Diaframma, Afterhours, Marta sui Tubi.

(Agosto 2015)

MOB. +39 348 5655627 www.associazionevulcanica.it info@associazionevulcanica.it

79


METAPONTO BEACH FESTIVAL Subito dopo ferragosto l’estate lucana sulla costa ionica prosegue nella storica location del Castello Torre tra mare, musica, sole, sport, cultura e divertimento. Diretto da Rocco Papaleo e Roy Paci, il MBF è attento alle nuove espressioni che caratterizzano la scena musicale dell’ultima generazione, la musica d’autore e il teatro-canzone. L’evento comprende anche i “LaboArt” che prevedono attività ludico artistiche dedicate ai bambini e il “Meridional Reggae Reunion” con la partecipazione di cantanti provenienti da tutte le regioni del sud Italia. (Dopo Ferragosto 2015)

www.metapontobeach.it FB: Metaponto Beach Festival

MATERADIO LA FESTA DI RADIO 3 Nella suggestiva cornice dei Sassi, dal 4 al 6 settembre 2015, torna Materadio - La Festa di Radio3. Concerti con i più grandi artisti internazionali, spettacoli teatrali con laboratori di ricerca, coproduzioni europee, conferenze con alcuni fra i più autorevoli intellettuali del Paese. Tutto rigorosamente in diretta sulle onde di Rai Radio3 che, anche quest’anno, per la quinta volta consecutiva, porterà a Matera alcuni dei suoi principali programmi. Ancora una volta si alterneranno tantissimi ospiti per continuare a leggere i cambiamenti del Mezzogiorno e dell’Europa attraverso la lente della creatività da una piccola città del sud che il 17 ottobre del 2014 è stata proclamata Capitale Europea della Cultura per il 2019. 80

(18-20 settembre 2015) ufficiostampa@matera-basilicata2019.it


LA RASSEGNA DELLA ZAMPOGNA E DELLA CIARAMELLA DEL SUD ITALIA DI VIGGIANO Il 27 dicembre per le strade di Viggiano zampognari provenienti da tutto il sud Italia impugnano e suonano i loro strumenti protagonisti di un evento di tradizione e folklore che rende ancor più magica l’atmosfera natalizia nel comune lucano.

CELEBRAZIONI PER GESUALDO DI VENOSA 2013-2016

(27 dicembre 2015)

T. +39 0975 61647 MOB. +39 347 7208082 www.prolocoviggiano.it info@prolocoviggiano.it visionisonore.basilicataturistica.com

In occasione dei quattrocento anni dalla scomparsa di Carlo Gesualdo di Venosa, celebrati nel 2013, l’intero territorio lucano ha predisposto un ricco cartellone di manifestazioni che si svilupperà fino al 2016, quando ricorrerà il 450° anniversario dalla nascita del grande madrigalista venosino. Gli eventi ruotano attorno alla memoria e all’eredità del genio del Rinascimento musicale e della sua città natale, Venosa. Le iniziative in programma prevedono concerti, corsi e laboratori musicali affidati ai più grandi esecutori della musica rinascimentale e barocca, convegni e approfondimenti con esperti provenienti da tutto il mondo. Celebreranno il “Principe dei musici” anche mostre e allestimenti museali che trasportano il visitatore nella vita quotidiana e artistica di Gesualdo, oltre a rievocazioni storiche e fastosi banchetti.

Foto di Palmarosa Fuccella

www.celebrazionigesualdiane.it

81


TEATRO E CINEFESTIVAL LA STAGIONE TEATRALE LUCANA La stagione teatrale è di scena in Basilicata tra Potenza e Matera con una ricca programmazione per adulti e ragazzi, proponendo grandi classici, teatro sociale e per bambini, spettacoli teatrali, laboratori, oltre a stage, seminari, master class, laboratori di formazione per spettatori e maestranze teatrali, eventi, convegni. In prossimità della Pasqua sono in programma anche i “Teatri del Sacro” mentre a fino a maggio con il progetto “LASCENALUCANA” sei compagnie teatrali professioniste della Basilicata presentano i propri spettacoli in altrettanti comuni della regione.

T. +39 0835 337220 www.incompagnia.com info@incompagnia.com ufficiostampa@incompagnia.com

T. +39 0971 410358 F. +39 0971 26794 www.cosediteatroemusica.com info@cosediteatroemusica.com

82


TEATRO D’ESTATE NEI GRANDI PARCHI ARCHEOLOGICI Nei grandi parchi archeologici di Grumento, Metaponto, Venosa e Vaglio, in estate, riecheggiano i versi di commedie e tragedie della tradizione classica, e non solo, e i racconti di grandi scrittori. In queste suggestive cornici, dove la luce e il cielo stellato fanno da riflettori, vengono ospitate performance teatrali di grande livello molto apprezzate dal pubblico chiamato a vivere un’atmosfera altamente coinvolgente.

T. +39 0975 65074 sba-bas.grumentonovamuseo@beniculturali.it

T. +39 0835 745327 F. +39 0835 745295 sba-bas.metapontomuseo@beniculturali.it

T. +39 0972 36095 sba-bas.venosamuseo@beniculturali.it

T. +39 0971 487871 (Museo delle Antiche Genti di Lucania)

83


CINEMAdaMARE Giunto alla tredicesima edizione, dal 27 luglio al 29 agosto torna CINEMAdaMARE, il più grande raduno di giovani registi del mondo. La manifestazione attraversa 10 regioni italiane per circa 4000 km e raduna oltre 100 film maker da ogni parte del mondo per girare i film nelle più belle location del Paese. In Basilicata quest’anno l’evento partirà da Guardia Perticara (27 luglio-1 agosto), facendo tappa anche a Muro Lucano (3-8 agosto), Matera (10-15 agosto) e Nova Siri (17-22 agosto), per concludersi a Maratea (24-29 agosto). Un unicum al mondo CINEMAdaMARE dura 73 giorni.

(27 luglio-29 agosto 2015)

www.cinemadamare.com info@cinemadamare.com

RASSEGNA DEL CINEMA A MARATEA Dal 30 luglio al 2 agosto nella graziosa piazzetta di Fiumicello, a Maratea, il binomio cinema cultura torna con la rassegna interamente dedicata a proiezioni e incontri con protagonisti del cinema internazionale. 84

(30 luglio-2 agosto 2015)

T +39 0971 665034 www.lucanafilmcommission.it lucanafilmcommission@gmail.com


LUCANIA FILM FESTIVAL A PISTICCI Dal 10 al 13 agosto, nel centro storico di Pisticci, località Terravecchia, va in scena la XVI edizione del primo festival internazionale di Cinema nato in Basilicata, un progetto di promozione, diffusione e formazione cinematografica teso a favorire la conoscenza e la fruizione dell’audiovisivo. Definito festival “delle persone e dei luoghi”, per l’atmosfera familiare che riesce a creare tra il pubblico e gli addetti ai lavori provenienti da tutto il mondo, ospita ogni anno grandi nomi del cinema italiano e internazionale. Il suo “fratello Europeo” il format LFFamily gira nelle case di registi, giornalisti, scrittori di Parigi, Amsterdam, San Pietroburgo e Mosca portando il cinema esperienziale nei loft d’Europa.

(10-13 agosto 2015)

BELLA FILM FESTIVAL

MOB. +39 377 1967227 www.lucaniafilmfestival.it info@lucaniafilmfestival.it

Dal 24 al 31 Ottobre 2015, nella sede del Cine Teatro Periz di Bella e presso i comuni in rete, Picerno e Avigliano, torna il Bella Basilicata Film Festival, alla sua dodicesima edizione. Con il tema La Questione Meridionale nel cinema italiano, “Il Doppio sguardo sulla Sicilia”, il festival aprirà una finestra sul sud del mondo dedicata al Cinema del Sud America ( Argentina, Brasile e Cuba ). Si succederanno convegni, mostre, concerti e dibattiti sul cinema, mentre una sezione dell’evento sarà dedicata anche alle scuole della Basilicata e di una regione d’Italia per riflessioni sul tema “Scuola Cinema è: Cinema e Storia, dal Risorgimento alla Grande Guerra”.

T. +39 0976 803215 MOB. +39 339 4755294 www.comune.bella.pz.it

85


I LUOGHI DEL CINEMA

Foto di Giancarlo Fontana

Basilicata, terra di “ciak”. Nuovi film sono stati girati negli ultimi mesi del 2014 tra diversi comuni lucani, riscoperti da registi di fama nazionale e internazionale come location ideali per le loro produzioni cinematografiche. Si tratta del film sull’infanzia di Gesù, “Christ the Lord: Out of Egypt”, diretto da Cyrus Nowrasteh, e poi il remake di “Ben-Hur” e, ancora, “Noi e la Giulia” con l’attore Luca Argentero e “La grande seduzione” con Silvio Orlando e Fabio Volo. Negli anni, quasi cinquanta film sono stati girati da grandi maestri del cinema italiano e straniero: da Rocco Papaleo (“Basilicata coast to coast”) a Mel Gibson (“The Passion”), da Pier Paolo Pasolini (“Il Vangelo Secondo Matteo”) a Francesco Rosi (“Cristo si è fermato ad Eboli”) e Gabriele Salvatores (“Io non ho paura”), fino a Catherine Hardwicke (“The Nativity Story”). Location privilegiate delle pellicole girate ad oggi in Basilicata sono state, e sono: la splendida Maratea, i brulli calanchi di Craco e le architetture rupestri di Matera, e poi Aliano, luogo di confino di Carlo Levi, la città bianca di Pisticci, l’imponente Abbazia di Montescaglioso, fino alle campagne assolate del Vulture Melfese e alle rocce arenarie di Castelmezzano e Pietrapertosa, tra le Piccole Dolomiti Lucane. Scarica la guida “Ciak si Viaggia!” su www.basilicataturistica.com www.lucanafilmcommission.it

86


ARTEPOLLINO UN ALTRO SUD: LE NUOVE FORME D’ARTE Prosegue il progetto “ArtePollino un altro Sud” con artisti di fama mondiale, quali Carsten Höller, Anish Kapoor e Giuseppe Penone, i quali hanno realizzato grandi opere permanenti in ambiti paesaggistici molto diversi. A circa quaranta minuti l’una dall’altra e facilmente raggiungibili in automobile, le opere sono: RB-RIDE, la “Giostra rallentata” di Carsten Höller a Timpa della Guardia, a San Severino Lucano; il “Teatro Vegetale”, di Giuseppe Penone, un work in progress in mezzo al verde nel territorio del comune di Noepoli, tra la collina, la fiumara del Sarmento e la strada; “Earth Cinema” di Anish Kapoor a Latronico, nel parco termale, per portare idealmente gli sguardi dalle antiche acque fino al monte Alpi. Per le comunità locali del parco l’artista piacentina Claudia Losi ha realizzato “Qui e non altrove. Qui”, un progetto di arte partecipata e collettiva che ha dato vita a un’installazione di cuscini in tessuto su cui sono ricamate immagini appartenenti ai ricordi e alla memoria degli abitanti del Pollino. A San Paolo Albanese è possibile visitare, poi, l’opera “Skycleaner” dell’artista Anni Rapinoja, un’istallazione di scope giganti fatte di ginestra. Grazie al lavoro dell’associazione ArtePollino il territorio del parco continua a farsi teatro di importanti iniziative artistiche e culturali. In occasione del FAC (Festival dell’Arte Contemporanea) il duo artistico Bianco-Valente ha realizzato il progetto di arte relazionale “Qui lontano. Geografia emozionale nel Parco Nazionale del Pollino”, che ha coinvolto i comuni del versante lucano del Parco. Il Premio ArtePollino, che ha portato sul versante lucano del parco sei Accademie di Belle Arti Italiane e l’Oper-Azione Terzo Paradiso, evento dedicato al mondo della scuola e legato all’opera del grande artista Michelangelo Pistoletto, sono stati i due grandi progetti del 2014, insieme a “Mercurio libera Giuliana”, il lavoro realizzato per sostenere la candidatura di Matera 2019.

www.artepollinobasilicata.it www.artepollino.it comunicazione@artepollino.it eventi@artepollino.it Twitter: @ArtePollino Facebook.com/artepollino www.flickr.com/ArtePollino 87


NATURARTE: SUI SENTIERI DEI PARCHI DELLA BASILICATA Dal 18 aprile al 17 maggio 2015 si può scegliere di trascorrere un week end alla scoperta dei Parchi della Basilicata: il Parco Nazionale del Pollino, il Parco dell’Appennino Lucano, il Parco della Murgia Materana e il Parco di Gallipoli Cognato. In ciascuna area verde sono in programma visite guidate, attività di trekking, cui seguono concerti, workshop e grandi eventi.

Programma 2015 Parco Nazionale Del Pollino 18 aprile 2015 Castelluccio Superiore 19 aprile 2015 Terranova di Pollino 20 aprile 2015 Rotonda 9 maggio 2015 Valsinni 10 maggio 2015 Senise 11 maggio 2015 Valsarmento Parco Appennino Lucano 25 aprile Lagonegro 26 aprile Monte Sirino Parco Della Murgia Materana 1 maggio 2015 Montescaglioso 2 maggio 2015 Matera 3 maggio 2015 Matera Parco Gallipoli Cognato 17 Maggio 2015 Pietrapertosa

T. +39 0973 669341

Tel. +39 0975 344222

88

Foto di Giuseppe Losito

T. +39 0835 675015

T. +39 0835 336166 www.naturartebasilicata.it


IL PARCO MURGIA FESTIVAL

Foto di Gigi Esposito

Convegni, concerti, escursioni, visite, cinema all’aperto e la nota “Festa degli aquiloni” sono gli eventi che dalla primavera all’Epifania, caratterizzano il Parco Murgia Festival, l’Ente Parco della Murgia Materana, che ogni anno propone una ricca serie di manifestazioni con l’intento di diffondere e accrescere l’amore e il rispetto per l’ambiente e per le risorse offerte dal territorio del Parco, nonché la conoscenza di flora, fauna, beni culturali e gastronomici presenti sul territorio. Alla XIV edizione, il festival offre, inoltre, ospitalità presso strutture agro-pastorali all’interno del parco stesso.

T. +39 0835 336166 F. +39 0835 337771 www.parcomurgia.it info@parcomurgia.it

LE CASCATE DI SAN FELE Dal magico gioco del torrente Bradano, il quale, attraversando il territorio del comune di San Fele, è costretto a bizzarri salti di quota nascono le naturali e suggestive cascate, note anche come “U Uattënnièrë”, trasposizione dialettale di “gualchiera”, macchina che, utilizzata in antichi opifici costruiti a ridosso delle cascate, serviva a lavorare la lana, sfruttando la forza motrice dell’acqua. La Gualchiera di San Fele, di cui si possono ammirare i resti, è rimasta in uso fino agli anni quaranta del secolo scorso. I percorsi già praticabili delle cascate sono adatti a tutti i visitatori per i differenti gradi di difficoltà: brevi e semplici, lunghi e impegnativi, comunque tutti studiati per apprezzare la straordinaria unicità e bellezza del paesaggio in cui le Cascate di San Fele sorgono.

T. +39 347 5187398 www.cascatedisanfele.it cascate.sanfele@gmail.com FB: Cascate di Sanfele Twitter: @u_uattenniere 89


LE PITTURE RUPESTRI DI FILIANO

Foto di Rocco Lucia

Tutti a figure rosse e stese sulla roccia arenaria calcarea con le dita, suggestivi dipinti murali caratterizzano una parete del sito preistorico denominato “Riparo Ranaldi”, in località Tuppo dei Sassi, a Filiano. Queste piccole immagini rappresentano gruppi di quadrupedi, probabilmente cervi, simboli arborei e figure antropomorfe ed evidenziano la capacità degli insediamenti umani di quest’area di riprodurre in forme artistiche alcuni aspetti della vita quotidiana e del rapporto con la natura. Questo sito è un progetto culturale della Fondazione Zétema di Matera.

T. +39 0971 1895337 www.prolocofiliano.it info@prolocofiliano.it

IL SITO PALEOLITICO DI ATELLA Sorge in uno scenario affascinante dai colori intensi, che contraddistinguono l’area del Vulture Melfese. Qui, nella vicinanze del cimitero di Atella, si può ammirare la zanna di un elefante antico (Elephas antiquus) risalente a 600.000 mila anni fa ritrovata durante uno scavo portato avanti dal Proessor Eduardo Borzatti von Lowestern della Università di Firenze. Il sito è visitabile tutti i giorni, anche i festivi. MOB. +39 338 8864665 90


IL FESTIVAL DEI DUE PARCHI DI CASTELSARACENO Nel territorio che comprende il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano e il Parco Nazionale del Pollino, nel suggestivo contesto di Castelsaraceno, torna, alla sua quinta edizione, il Festival dei due Parchi. Dall’8 al 10 agosto, tre giorni di musica da vivere intensamente nel Campo Sportivo Comunale dove, negli scorsi anni, si sono alternate band e cantautori di successo come Krikka Reggae e Modena City Ramblers, Orchestra di via Padova, Enzo Avitabile e Caparezza.

LA FESTA DELLA MONTAGNA DI CASTELSARACENO Dal 24 al 25 ottobre nuove emozioni e appassionanti performance per gli amanti di trekking, mountain bike, arrampicata sportiva, parapendio e discipline simili praticabili nell’ambito della settima edizione della Festa della Montagna, a Castelsaraceno. In programma anche escursioni guidate sul Monte Alpi, con visita alla parete del pino loricato. Ogni anno la manifestazione ospita raduni non agonistici di MTB e trekking a cavallo, torrentismo e nordik walking, prevedendo inoltre passeggiate con raccolta libera di castagne, spettacoli di falconeria e degustazione di prodotti tipici in occasione della Sagra della Montagna.

(8-10 agosto; 24-25 ottobre 2015)

T. +39 0973 832351 F. +39 0973 832351 MOB. +39 3407725164 www.prolococastelsaraceno.it info@prolococastelsaraceno.it

91


L’EPOCA DEI CAVALIERI MEDIEVALI Vicende medievali ambientate nel cosiddetto “Tempus Normannorum” - periodo storico compreso tra la seconda metà dell’anno mille e il 1118 - animano le giornate estive del Vulture Melfese. In occasione di grandi rievocazioni storiche, figuranti indossano splendidi abiti d’epoca, garantendo un salto in tempi lontani.

ACERENZA: “DAI LONGOBARDI AI NORMANNI, STORIA DI UNA CATTEDRALE”

Foto di Canio Scattone

L’11 e il 12 agosto rivive l’incontro (1061) tra l’arcivescovo Godano e Roberto il Guiscardo, che sancisce l’inizio della costruzione del magnifico tempio. Un corteo si snoda lungo le vie e le piazze del centro storico di Acerenza - uno dei “Borghi più belli d’Italia”- fino a raggiungere la splendida cattedrale.

T. +39 0971 741129 www.comune.acerenza.pz.it 92


FORENZA: “LA LEGGENDA DEI TEMPLARI, UGO DEI PAGANI E LA SFIDA DEL MITO A.D. 1118” Il 16 agosto si ripropongono fatti e personaggi della vicenda dei Cavalieri Templari in un corteo storico che attraversa le stradine del borgo antico di Forenza. Ciò che unisce il comune lucano all’ordine monastico è l’appartenenza del “Castrum Florentiae” alla famiglia dell’iniziatore e primo Gran Maestro dei Templari: Ugo Dei Pagani.

T. +39 0971 772212 MOB. +39 329 6314753 www.comune.forenza.pz.it sindaco.forenza@email.it

T. +39 333 5325773

BANZI: “LA CAVALCATA DEI NORMANNI” Il 17 agosto cavalieri con indosso costumi del tempo, in sella ai loro cavalli, evocano l’ingresso dei Normanni in una suggestiva atmosfera medievale. Lo spettacolo si conclude in Largo Urbano II.

BANZI: “UN GIORNO DI AGOSTO, LA VENUTA DI PAPA URBANO II” Il 18 agosto prende vita la venuta (1089) di Papa Urbano II, il Papa della Prima Crociata e del Terzo Concilio di Melfi. Il corteo storico, che ripropone la presenza del Papa nella cittadina lucana e gli eventi storici legati alla sua figura, precede momenti di spettacolo e degustazioni di piatti tipici dell’epoca.

MOB. +39 392 5868486 93


RIEVOCAZIONI E SFILATE STORICHE MELFI: “LA FESTA DELLO SPIRITO SANTO” E “IL CONVEGNO NAZIONALE DI FALCONERIA” Il ritorno dei superstiti a Melfi, liberata dall’esercito spagnolo, dopo il sacco francese del 1528, si celebra a Melfi il 23 e 24 maggio, in concomitanza con il giorno della Pentecoste. La Festa dello Spirito Santo rievoca lo sfondamento e la presa della Porta Venosina, i cruenti combattimenti all’interno delle mura della città, il pellegrinaggio alla Selva dello Spirito Santo (rifugio dei popolani), fino ad assedio, sacco e incendio del castello federiciano. A chiudere la manifestazione sono il corteo storico e lo spettacolo degli sbandieratori. Il 24 e il 25 ottobre la fastosa corte di Federico II di Svevia fa da sfondo al Convegno Nazionale di Falconeria e al raduno dei falconieri, i quali sfilano per le vie cittadine accompagnati da tamburrini, giullari, nobili dell’epoca federiciana, trampolieri, menestrelli, cantastorie e mangiafuoco, in un suggestivo convivio popolare.

(23-24 maggio; 24-25 ottobre 2015)

T. - F. +39 0972 239751 MOB. +39 339 7332309; +39 335 6393675 www.prolocomelfi.it prolocofederico2@tiscali.it 94

Foto di Gianmarco Tirico


MURO LUCANO: “IL CORTEO STORICO SULLA VITA DI GIOVANNA I D’ANGIÒ” Il 25 e 26 luglio l’epoca angioina ispira il consolidato corteo storico ormai alla sua X edizione. In costume storico medievale, oltre seicento figuranti, tra nobili, cortigiani, dame e armigeri, musici e sbandieratori, sfilano intorno alla figura della Regina Giovanna. L’evento, come per tradizione ormai, è affiancato dalla “Giostra degli Anelli”.

(25-26 luglio 2015) MOB. +39 338 8200834 www.giovannaregina.com giovanna1dangio@hotmail.it

MASCHITO: “LA RETNES” Ogni anno l’1 e il 2 agosto si ripete la rievocazione storica in costume arbëreshë con ottanta figuranti suddivisi in due schieramenti che ripropongono gli scontri tra le principali etnie fondatrici di Maschito: i Greci Coronei (Majsor) e gli Albanesi-Scuterini (Cndrgnan). In armi e abiti del Cinquecento realizzati da artigiani del posto, tra i personaggi salienti della rievocazione spiccano Lazzaro Mathes, fondatore di Maschito e nobile capitano di ventura, e i suoi militi “stradioti”. L’evento evoca, dunque, i legami tra la storia e l’identità della comunità maschitana.

(1-2 agosto 2015)

T. +39 0972 33464 MOB. +39 328 7537523 www.corteostorico.net elenapianoforte@libero.it 95


MONTESCAGLIOSO: “LA CAVALCATA DEL BORBONE” Si rinnova ogni anno il 9 agosto il racconto del soggiorno a Montescaglioso di Carlo di Borbone, Re di Napoli e di Sicilia, nell’anno 1735. Un corteo storico composto da nobili, monaci benedettini e dal popolo di Montescaglioso accoglie il Re e la corte seguiti dai reparti dell’esercito spagnolo. L’evento ripropone figure e accadimenti raccontati nei documenti riemersi dall’archivio dell’Abbazia benedettina di San Michele Arcangelo. (9 agosto 2015)

T. +39 0835 201016 MOB. +39 334 8360098 www.cea.montescaglioso.net ceamonte@katamail.com

PIETRAPERTOSA: “SULLE TRACCE DEGLI ARABI” Il 10 agosto, il profumo degli incensi, la morbidezza delle sete che addobbano i vicoli dell’Arabata, quartiere più antico di Pietrapertosa, i ritmi travolgenti delle danze arabe e i profumi delle pietanze esotiche guidano i visitatori Sulle tracce degli Arabi. Ricordandone il lungo periodo di dominazione del comune lucano, di cui resta traccia nell’architettura e nel dialetto, l’evento propone una passeggiata indimenticabile tra angoli suggestivi dove odalische si esibiscono in ammalianti danze mentre fachiri e incantatori di serpenti offrono momenti di straordinario spettacolo.

MOB. +39 320 8337801 www.prolocopietrapertosa.it prolocopietrapertosa@tiscali.it 96


LAGOPESOLE: “ALLA CORTE DI FEDERICO” E “IL PALIO DEI TRE FEUDI” Alla quindicesima edizione, il 12 e il 13 agosto Alla Corte di Federico la magica atmosfera della corte federiciana avvolge il castello normanno svevo e il borgo di Lagopesole. Il 12 agosto un corteo di cento figuranti rievoca la prima visita documentata (1242) dello Stupor Mundi a Lagopesole, accompagnato da Ermanno di Salsa suo consigliere militare, l’eminenza grigia Pier delle Vigne, il matematico Leonardo Fibonacci, il filosofo,astrologo, astronomo e alchimista Michele Scoto e il poeta Jacopo da Lentini, oltre a medici, astrologi e negromanti. Il corteo sfila anche attraverso le vie del borgo dove i visitatori sono guidati lungo un percorso gastronomico che coinvolge le locande di Lagopesole che per l’occasione offrono piatti dell’epoca e prodotti tipici locali. Alle 20.30 l’Imperatore si ritira nelle proprie stanze seguito dalla sua corte mentre un bus-navetta dalla piazza del borgo condurrà i presenti al castello. Qui si tiene (ore 21) lo spettacolo in multivisione “Il Mondo di Federico” seguito dall’animazione di mangiafuoco, giocolieri acrobatici, fachiri e danzatrici del ventre. Il 13 agosto il borgo assume le sembianze di un tipico mercato medievale con all’interno antichi mestieri e un accampamento con gli armati di Federico. Evento centrale della giornata è la spettacolare dimostrazione di caccia con il falco in uno spazio appositamente allestito nei dintorni ALLA CORTE DI FEDERICO del castello. A settembre Il Palio dei tre Feudi (12-13 agosto 2015) ripropone la prova dell’anello e il combattimento con le armi. Cavalli e cavalieri si sfidano per conquistare l’ambito palio bandito, come si MOB. +39 328 8040345 vuole immaginare, dallo stesso Imperatore, per www.allacortedifederico.com festeggiare i lavori di ampliamento della sua domus. Federico II, trovandosi a Lagopesole, unla@allacortedifederico.com avrebbe poi invitato alla contesa gli antichi tre unlaccplagopesole@infinito.it feudi che costituivano il territorio circostante il FB : Unla Lagopesole castello.

T. +39 0971 86083 www.castellodilagopesole.com info@castellodilagopesole.com FB: Castello Di Lagopesole PALIO DEI TRE FEUDI (Settembre 2015) T. - F. +39 0971 86251 MOB. +39 333 8663901; www.prolocolagopesole.it info@prolocolagopesole.it Foto di Pio Sabia

97


MIGLIONICO: “LA CONGIURA DEI BARONI” Il 14 agosto, tra il centro antico di Miglionico e la corte del maniero, si rievoca un importante spaccato di storia del Meridione d’Italia, il dramma della Congiura dei Baroni del 1485 contro il Re Ferrante D’Aragona. Proprio nel castello, per questo detto del “Malconsiglio”, i Baroni, per iniziativa di Girolamo Sanseverino, feudatario di Miglionico, si riunirono per tentare la via della pace con il re dopo anni di scontri, arrivando però al tragico esito. La rievocazione storica comprende anche momenti di musica, prove d’armi, falconeria, giostre dei cavalli e poi l’allestimento di accampamenti, mercati medievali, animazione a tema, fino alla rappresentazione della Congiura. (14 agosto 2015)

T. +39 0835 559005 F. +39 0835 559316 www.comune.miglionico.gov.it

BRINDISI DI MONTAGNA: “LE GIORNATE MEDIEVALI” Il 24 e il 25 ottobre l’atmosfera di un tempo antico avvolge anche il borgo di Brindisi di Montagna durante Le Giornate Medievali, giunte alla XVII edizione. All’ombra del suggestivo castello, la manifestazione consiste nella sfilata di armigeri, dame, cavalieri, musici, giullari, giostre, giochi, mentre l’odore di cibi dal sapore antico invadono le vie del paese. (24-25 ottobre 2015)

T. +39 0971 985002 MOB. +39 347 0082086

MOB. +39 329 5811844; 347 1519963 www.prolocobrindisimontagna.it info@prolocobrindisimontagna.it 98


MERAVIGLIE DI SABBIA SULLA COSTA IONICA Si tratta di una vera e propria competizione tra artisti che realizzano sculture di sabbia alte fino a tre metri. Alla nona edizione, il festival internazionale anima le spiagge della Costa Ionica lucana dove la sabbia prende la forma di opere d’arte, create con materiale prelevato sul posto. Nel periodo natalizio, inoltre, va in scena “Meraviglie di Sabbia Christmas Edition” con la realizzazione di un presepe di sabbia nel territorio di Pisticci.

(Prima settimana di agosto; dicembre 2015)

T. +39 0835 411928 MOB. +39 389 0513739 +39 320 9175727; www.lykeios.org associazionelykeios@gmail.com

I QUADRI PLASTICI DI AVIGLIANO Il 2 agosto ad Avigliano si ripete una originale forma d’arte. Circa settanta persone, del tutto immobili, riproducono con la posizione del corpo e l’espressione del volto una scena storica, sacra, mitologica, immaginaria o un capolavoro dell’arte figurativa. Mentre i figuranti ripropongono scene tratte da opere selezionate su testi di storia dell’arte o su cataloghi di mostre, un suggestivo commento musicale aggiunge fascino all’evento artistico. Una giuria premia i “quadri viventi” valutandone l’aderenza al soggetto originale, la scenografia, le luci e la rigidità dei personaggi per tutto il tempo di esposizione.

(2 agosto 2015)

MOB. +39 331 6280344 www.prolocoavigliano.it info@prolocoavigliano.it 99


SOGNO DI UNA NOTTE A “QUEL PAESE” Una rappresentazione teatrale itinerante ironizza sulla “nomea” di Colobraro, piccolo comune della provincia materana, da tempo nell’immaginario collettivo degli abitanti della Basilicata considerato come il paese della “jella”. Per esorcizzare, ma soprattutto, per giocare su questo concetto, ogni martedì e venerdì di agosto, con cinque repliche a serata, torna Sogno di una notte a “quel paese”, alla sua quinta edizione. Tra divertimento e superstizione, si attraversano le strade del centro storico di Colobraro, ammirando le bellezze di un borgo assolutamente autoironico, godendo di bei paesaggi e degustando vini e prodotti locali. Il percorso è accessibile solo a chi si sia munito di un amuleto fornito dagli stessi organizzatori, perché… non si sa mai! (4, 7, 11, 14, 15, 18, 21, 25, 28 agosto 2015)

MOB. +39 349 1151394 www.comune.colobraro.mt.it www.facebook.com/ComuneDiColobraro www.colobraro.eu www.facebook.com/colobraro sognandoilmagicopaese@gmail.com

IL PALIO DI SASSO A Sasso di Castalda le tradizioni rivivono nel divertimento attraverso il primo gioco dell’oca a dimensioni d’uomo. La manifestazione si tiene l’8 e il 9 agosto, con il Palio del Faggio. L’appuntamento prevede due momenti: il primo giorno si svolge il palio vero e proprio; il giorno successivo è dedicato ai bambini delle scuole primarie di tutta la Basilicata, raggruppati in quattro squadre per aggiudicarsi Il Palio di Sassolino. 100

(8-9 agosto 2015) T. +39 0975 385016 F. +39 0975 385052 MOB. +39 339 4260693 www.comunesassodicastalda.org www.ilpaliodisasso.it


FUOCHI SUL BASENTO Il 5 settembre torna il Festival Nazionale di Arte Pirotecnica “Fuochi sul Basento”. Alla XXVII edizione lo spettacolo di fuochi di artificio, a partire dalle ore 20.30, anima la Contrada San Luca Branca, a Potenza, in coincidenza con le celebrazioni in onore della sua Patrona, la Madonna delle Grazie, il 6 settembre. Esperti di fuochi di artificio, provenienti da tutta Italia, si contendono il trofeo destinato al vincitore, offrendo alla città uno straordinario gioco di scenografie e colori. Nel pomeriggio del 5 settembre sono garantite visite guidate alle postazioni pirotecniche. (5 settembre 2015)

MOB. +39 348 7380898; +39 349 2984023; +39 328 1290366 www.fuochisulbasento.com info@fuochisulbasento.com

LE PAROLE SONO PIETRE La singolare iniziativa del Centro Culturale Franco-Italiano si svolge ogni anno nel borgo antico di Muro Lucano (scalinata di via Seminario). Artisti italiani e stranieri interpretano la grande poesia di tutti i tempi e di tutti i luoghi con bozzetti che costituiscono la base per la realizzazione di acciottolati policromi. L’edizione 2015 dell’evento, che prevede l’interpretazione artistica di tre poesie, si svolgerà nella seconda decade di settembre e sarà collegata a giornate dedicate all’arte e alla letteratura.

(Seconda decade di settembre 2015) T. +39 380 7315000 ccfranco.italiano@gmail.com

101


MOMENTI DA BERE IN VINO VERITAS A MONTESCAGLIOSO Il 2 agosto, nel circuito delle cantine rupestri di Montescaglioso, la manifestazione In Vino Veritas offre un percorso storico degustativo che favorisce anche la conoscenza del suggestivo patrimonio storico-ambientale della città e del Parco della Murgia Materana. Per l’occasione è possibile visitare gli ipogei di Porta Sant’Angelo, profondi fino a sessanta metri, ancora utilizzati per le funzioni originali: lavorazione dell’uva e conservazione del vino.

(2 agosto 2015)

T. +39 0835 201016 MOB. +39 334 8360098 www.montescaglioso.net ceamonte@katamail.com

IL PERCORSO ENOGASTRONOMICO E STORICO-CULTURALE DI VAGLIO BASILICATA Dal 7 al 9 agosto, per il nono anno consecutivo, lungo le vie di Vaglio Basilicata si snoda il percorso enogastronomico e storico-culturale. Una passeggiata lungo il centro storico del borgo per degustare eccellenze e tipicità lucane all’interno di locande e cantine rimaste inalterate nel tempo. Il percorso interessa l’intero impianto urbano in cui si può assistere anche a concerti, mostre, artigianato artistico, spettacoli di falconeria e arte di strada, e visitare chiese e musei aperti per l’occasione.

(7-9 agosto 2015) T. - F. +39 0971 59051 MOB. +39 340 4757480; +39 346 5156117 www.prolocovagliobasilicata.it vagliobasilicataproloco@gmail.com

102


LE CANTINE APERTE DI SANT’ANGELO LE FRATTE Dal 12 al 15 agosto un appuntamento tradizionale e imperdibile si rinnova nelle cantine di Sant’Angelo Le Fratte ricavate tra grotte e strapiombi e circondate da rocce maestose. La manifestazione propone la degustazione di vino locale associato ad una stuzzicante carrellata di formaggi, salumi e altri prodotti tipici. È l’occasione per addentrarsi in un percorso del gusto allietato da musica, balli e spettacoli. (12-15 agosto 2015)

www.prolocosantangelolefratte.it

Foto di Gerardo Sicuro

CANTINANDO WINE&ART PARCO URBANO DELLE CANTINE DI BARILE Nella settimana di Ferragosto lo straordinario scenario del Parco Urbano delle Cantine – location scelta dal maestro Pier Paolo Pasolini per girare il film “Il Vangelo secondo Matteo” torna Cantinando Wine&Art. Alla decima edizione, la manifestazione organizzata dall’Associazione culturale Sisma ha come protagonista il rosso porpora dell’Aglianico del Vulture, filo conduttore di iniziative culturali ad ampio raggio: concerti, mostre, workshop, workcamp, street art & parade e convegni, degustazione di vini locali.

(Nella settimana di Ferragosto 2015)

MOB. +39 347 1112612 www.associazionesisma.it associazionesisma@libero.it www.cantinando.it www.myspace.com/associazionesisma www.facebook.it/associazione-culturale-sisma

103


AGLIANICA NEL VULTURE MELFESE Da sedici anni settembre è il mese in cui l’area del Vulture-Melfese celebra il rosso, aromatico, intenso e corposo Aglianico. L’evento raduna nei palazzi o nei castelli dell’area stand di esposizione e degustazione, eventi collaterali, convegni e concerti che declinano il binomio vino-territorio, cultura della tavola e dell’accoglienza.

(Settembre 2015)

T. +39 0972 720166 F. +39 0972 6931181 MOB. +39 333 2187907 www.aglianica.it - info@aglianica.it

MOMENTI DA ASSAPORARE LA SAGRA DELLA PODOLICA DI PESCOPAGANO Il 31 luglio e l’1 agosto nel rione Pascone ha luogo la prima sagra di carne e formaggi di razza bovina podolica a Km 0. La sesta edizione offre nuovamente l’occasione per degustare carni e formaggi ricavati dalla rinomata razza bovina. Ai visitatori è consentito inoltre assistere alla mungitura delle mucche podoliche, da parte di casari locali, e alla lavorazione della pasta filata da cui si ricava poi il formaggio. Il falò di “Sant’Antuon” e la trebbiatura del grano completano l’evento tra canti e balli della cultura popolare.

(31 luglio-1 agosto 2015)

104

T. +39 338 8773606 www.pescopaganoeventi.org


TUMACT ME TULEZ A BARILE Il piatto tipico della cultura arbëreshë, a base di tagliatelle caserecce servite calde, croccante mollica di pane e sugo alle noci, è il protagonista dell’evento che si tiene l’1 e il 2 agosto, nel centro storico di Barile, costruendo un percorso enogastronomico culturale. L’itinerario del gusto prosegue con una vetrina dei prodotti tipici e di qualità del territorio del Vulture e una serie di appuntamenti tra cui presentazioni di libri, installazioni artistiche, esposizioni fotografiche e mostre d’artigianato locale. Come lo scorso anno verrà predisposta la “Fontana del Vino”.

Foto di Gianmarco Tirico

(1-2 agosto 2015)

T. - F. +39 0972 770771 www.prolocobarile.it info@prolocobarile.it Facebook/Istagram/Twitter Pro Loco Barile

PORKLANDIA A PICERNO Il 7 e l’8 agosto il visitatore compie un viaggio singolare e divertente nel mondo del maiale alla scoperta di sensi e significati, immagini e icone, metafore linguistiche e letterarie. Un tuffo nel simbolico universo dell’animale attraverso un percorso allestitivo polimediale incentrato sulla sua figura nell’arte, dagli affreschi pompeiani alle argenterie di Boscoreale fino alle opere contemporanee di maestri come Chagall, Mirò e Andy Warhol. L’iniziativa comprende anche un “Presidio della Convivialità Enogastronomica” e un Centro di Documentazione e Informazione sull’Alimentazione e sulla Sicurezza Alimentare, insieme con l’allestimento tematico, all’interno di Palazzo Scarilli, annesso alla torre normanna. (7-8 agosto 2015) T. +39 0971 990211 MOB. +39 348 8024542 T. +39 0971 990205 MOB. +39 339 8682346 T. +39 0971 991661 MOB. +39 331 9414109

105


LA SAGRA DELLA SOPPRESSATA E DEL CACIOCAVALLO A RAPONE Il 9 agosto torna, per il quarantesimo anno consecutivo, l’evento che valorizza e promuove la soppressata e il caciocavallo di Rapone, comune della provincia di Potenza. Per le particolari caratteristiche organolettiche e nutrizionali, entrambi rappresentano un’eccellenza della produzione agro-alimentare di Rapone. Tra musica e divertimento, eventi collaterali allietano vari momenti della manifestazione. (9 agosto 2015)

T. +39 0976 96035 prolocorapone@libero.it

LA SAGRA DEL CANESTRATO DI MOLITERNO Dal 9 al 10 agosto, la trentatreesima Sagra del Canestrato celebra il formaggio (Igp). Ottenuto da latte ovino e caprino, dal sapore piccante e aromatico, il pecorino tipico di questo paese lucano è riposto in canestri di giunco da cui prende il nome. Nel corso della manifestazione si può assistere alla “cagliata” – preparazione di formaggi freschi – oltre che degustare e acquistare il rinomato pecorino presso gli stand allestiti lungo percorsi caratteristici del centro storico. 106

(9-10 agosto 2015) T. +39 0975 668529 www.comune.moliterno.pz.it MOB. +39 339 5258688 prolococampusmoliterno@alice.it


LE GIORNATE DEL PEPERONE DI SENISE “U STRITTUL RU ZAFARAN” Dal 9 all’11 agosto lunghe collane purpuree colorano i vicoli del centro storico di Senise in occasione delle Giornate del Peperone, manifestazione nota anche come “U Strittul ru Zafaran”. I peperoni “cruschi” (Igp) hanno un inconfondibile sapore dolciastro e si possono degustare in vari modi anche durante l’evento, nel corso del quale si organizzano mostre, visite guidate e giochi popolari. (9-11 agosto 2015)

T. +39 0973 686200 www.comune.senise.pz.it

IL BIANCO E LA ROSSA DI ROTONDA DOP

www.assa-onlus.it assa.onlus@libero.it

Dal 12 al 14 agosto il Bianco e la Rossa di Rotonda sono i protagonisti di una gustosa sagra. Dall’atipico colore arancio, impreziosito da sfumature verdi, con una polpa bianchissima e il sapore dal retrogusto piccante, la Melanzana Rossa di Rotonda è utilizzata cruda o cotta per arricchire, con una nota esotica, ricette dolci e salate. Due ecotipi diversi, il Fagiolo Bianco e il Tondino Bianco o “poverello bianco”, entrambi Dop, sono il frutto di una tecnica di coltivazione tradizionale a basso (12-14 agosto 2015) impatto ambientale, che rende il prodotto versatile e ricco di proteine vegetali. C.da Piano Incoronata (ex edificio scolastico) MOB. +39 3429665885 www.biancoerossadop.it info@biancoerossadop.it

C.da Piano Incoronata (ex edificio scolastico) MOB. +39 3429665885 www.biancoerossadop.it info@biancoerossadop.it

107


LA SAGRA DEL FAGIOLO DI SARCONI Il 18 e il 19 agosto torna la Sagra del Fagiolo di Sarconi, alla trentaquattresima edizione. Diciassette le varietà di questo prodotto d’eccellenza della gastronomia lucana e italiana a marchio Igp (Indicazione geografica protetta), decantato per la sua polpa morbida e di immediata cottura. Seguendo il percorso tracciato lungo le vie del centro storico, è possibile degustare il Fagiolo di Sarconi in numerose ricette una diversa dall’altra: dagli antipasti ai primi piatti fino a marmellate e gelato.

(18-19 agosto 2015)

T. +39 0975 66016 www.comune.sarconi.pz.it www.prolocosarconi.org www.sarconiweb.it www.sagradelfagiolo.it info@sarconiweb.it

LA SAGRA DEL BACCALÀ E DEI PRODOTTI TIPICI DI AVIGLIANO Nei giorni 21, 22 e 23 agosto tornano nel centro storico di Avigliano i sapori e gli odori caratteristici della Sagra del Baccalà. Nei mesi che precedono l’evento si organizzano mini corsi di cucina, nell’ambito dell’iniziativa “Baccalando”, che culminano proprio nei diversi momenti che contraddistinguono la sagra. La collaborazione con giovani chef designati dall’Associazione Cuochi Potenza arricchisce infatti l’evento consentendo al visitatore di degustare piatti ottenuti dall’accostamento tra sapori della tradizione e ricette innovative. Presso stand allestiti lungo il corso, inoltre, si possono degustare e acquistare altri prodotti tipici aviglianesi e lucani. Durante la tre giorni è possibile anche visitare mostre di artigianato locale e assistere a concerti di musica popolare. (21-23 agosto 2015)

108

T. +39 0971 701881 www.comune.avigliano.pz.it comune.avigliano@cert.ruparbasilicata.it


LA MOSTRA MERCATO DEL MIELE LUCANO DI RIPACANDIDA Il 29 e il 30 agosto il dolce sapore del miele è protagonista del gusto in ricette antiche e moderne nella Mostra mercato del miele lucano, in scena a Ripacandida. Durante la manifestazione, oltre alla presentazione delle diverse tipologie di prodotto, si procede alla degustazione del cristallino e delicato nettare esaltata dal suo accostamento a sapori diversi, come quelli dei formaggi rigorosamente lucani. (29-30 agosto 2015)

MOB. +39 328 6484432 www.mielerondinella.it apicoltori@tiscali.it

LA SAGRA DEL PECORINO DI FILIANO

Foto di Rocco Lucia

Il 5 e il 6 settembre Filiano dà appuntamento alla quarantatreesima edizione della Sagra del Pecorino, il gustoso formaggio Dop ottenuto dalla lavorazione di latte di animali allevati al pascolo e fatto stagionare in caratteristiche grotte naturali che ne esaltano le proprietà organolettiche.

(5-6 settembre 2015) www.comune.filiano.pz.it www.pecorinofiliano.it

109


SALSICCIA FESTIVAL DI CANCELLARA Il 12 e iI 13 settembre torna la kermesse dedicata al tradizionale salume a catena, prodotto tipico di questo borgo della Basilicata. La sua preparazione, secondo un’antichissima ricetta, è una vera e propria arte che attraversa fasi delicate: selezione delle carni, scelta degli ingredienti giusti e, infine, la stagionatura. Il festival, organizzato dal comune e dall’associazione Identità Lucana, anche quest’anno è ricco di appuntamenti, tra degustazioni, spettacoli, momenti del sapere, visite guidate al centro storico, mostre e laboratori, tutto rigorosamente dedicato al prelibato insaccato di Cancellara, che fa parte del paniere ufficiale dei prodotti tipici della Basilicata.

(12-13 settembre 2015)

T. +39 0971 942014 www.salsicciafestival.it info@identitalucana.it

PARCO URBANO DELLE CANTINE. SAGRA DELLA CASTAGNA E CANTINE APERTE DI RAPOLLA Il 10 e l’11 ottobre, i sapori e il profumo dell’autunno, con i suoi prodotti stagionali, il gusto delle caldarroste deliziano il palato dei visitatori che si aggirano all’interno del suggestivo circuito del Parco Urbano delle Cantine, suggestive cantine grotta scavate nel tufo.

(10-11 ottobre 2015)

110

Foto di Gianmarco Tirico

T. +39 0972647218 info@comune.rapolla.pz.it


LA SAGRA DELLA VAROLA DI MELFI Il 17 e il 18 ottobre profumi e sapori pervadono il borgo federiciano creando un’atmosfera intima e speciale in occasione della cinquattasettesima Sagra della Varola in cui è assoluto protagonista il frutto autunnale insieme ad altri prodotti tipici e di stagione. L’evento esalta il gusto del “Marroncino” prodotto alle pendici del monte Vulture.

(17-18 ottobre 2015)

T. - F. +39 0972 239751 MOB. +39 335 6393675 +39 339 7332309 www.prolocomelfi.it prolocofederico2@tiscali.it

SAPORI D’AUTUNNO A PIETRAPERTOSA Il 31 ottobre e l’1 novembre torna la mostramercato di prodotti tipici che offre al visitatore la possibilità di fare una passeggiata enogastronomica nel centro storico del paese, percorrendo le caratteristiche stradine di uno dei “Borghi più Belli d’Italia”. Durante la manifestazione si possono degustare i piatti della tradizione arricchiti con i frutti del nostro territorio tipici della stagione autunnale. Un’occasione per scoprire anche abilità e creatività degli artigiani locali.

(31 ottobre-1 novembre 2015) MOB. +39 320 8337801 www.prolocopietrapertosa.it prolocopietrapertosa@tiscali.it

111


Piccoli musei e allestimenti innovativi arricchiscono il patrimonio culturale della Basilicata raccontandola attraverso le tracce storiche delle civiltà antiche, gli angoli di paesaggi naturali e fauna locale, opere di lucani che hanno dato lustro alla propria terra.

L’ARCHEOPARCO DEL BASILEUS Un parco archeologico che si estende su un’area sede di numerosi ritrovamenti, tra cui la tomba del Basileus, un re dei Peuketiantes che proprio qui, 2.500 anni fa, visse e fu sepolto con le armi e i simboli del potere. Il Parco è una “porta d’ingresso” per un viaggio nella storia e nel mito dell’archeologia lucana e si svolge in estate lungo postazioni scenografiche, in un percorso emozionale e trasversale nel tempo. Con l’obiettivo di divertire e semplificare le capacità di apprendimento soprattutto dei più giovani, attraverso oggetti, contesti e giochi fornisce uno spaccato della Basilicata compreso tra il VI e il IV secolo a.C. All’interno dell’Archeoparco è stato creato anche l’ArcheoLab, il centro di interpretazione archeologica, suddiviso in tre sale multimediali, in cui i ragazzi possono approfondire la conoscenza dell’archeologia lucana e di Baragiano, per mettersi poi alla prova con un gioco-quiz finale di verifica. Di grande interesse sono anche Archeotour e Archeogame. Il primo è l’innovativo sistema di guida turistica virtuale che, grazie alla rete Wi-Fi del comune, utilizza i QR Code per offrire, attraverso video, audio, immagini e testi, le informazioni su monumenti e luoghi di interesse storico e artistico che possano attirare i turisti. Archeogame, invece, consiste in una caccia al tesoro attraverso i luoghi del centro storico di Baragiano alla scoperta della cultura, della storia e delle tradizioni locali.

T. +39 0971 997071/74 www.archeoparco.it

112


IL MUSEO MULTIMEDIALE “IL PALCO DEI COLORI DE IL PIETRAFESA” DI SATRIANO DI LUCANIA Il visitatore viene accolto dallo stesso Giovanni De Gregorio, detto “Il Pietrafesa”, cui è dedicato il Museo multimediale allestito nella residenza signorile della Rocca di Poggiardo, a Satriano di Lucania, città natale dell’artista. La figura del più celebre tra i pittori lucani del Seicento si manifesta all’ingresso attraverso uno specchio che introduce e accompagna gli ospiti lungo un percorso che conduce nella sala del video-ambiente. Qui lo spettatore è proiettato in una dimensione onirica, in cui immagini, giochi di luci e musica si rincorrono in un flusso incessante. Oltre quaranta opere digitalizzate costituiscono un tragitto multisensoriale. In altissima definizione e custodite in tavole touch-screen, le immagini, molte inedite, rimandano ai capolavori dell’artista lucano disseminati tra Basilicata, Campania e Calabria. In un’altra sala del Museo, sfogliando un libro digitale sospeso a mezz’aria, si ripercorre il contributo culturale di artisti, poeti, musici, giuristi ed ecclesiastici del Seicento lucano.

T. +39 0975 383121 F. +39 0975 383122 www.comune.satriano.pz.it comunesatriano@rete.basilicata.it Orari: Tutti i giorni solo su prenotazione

IL MUSEO DELLA MEMORIA, STORIA DI UN ANARCHICO: PASSANNANTE, CIMELI E DOCUMENTI DEL FASCISMO DI SAVOIA DI LUCANIA Una sezione è dedicata al movimento anarchico, un’altra alla storia del Fascismo. In questi spazi viene presentata la controversa figura di Passannante, colui che attentò alla vita di Re Umberto I di Savoia, nel 1878, oltre alla proiezione del cortometraggio che ripercorre le fasi del processo cui fu sottoposto lo stesso Passannante. Il Museo espone anche la collezione Vernotico, tra quelle italiane una della più fornite di cimeli e documenti del periodo del regime fascista.

T. +39 0971 711000 MOB. +39 328 7546275 www.comune.savoia.pz.it

113


IL MUSEO DELLE ANTICHE GENTI DI LUCANIA DI VAGLIO BASILICATA Valorizzando le risorse locali, nell’ottica della più innovativa idea di museo territoriale, il Museo delle Antiche Genti di Lucania espone, a scopo didattico, suggestive ricostruzioni virtuali e a grandezza naturale dei principali contesti archeologici, con fedeli riproduzioni dei materiali, favorendo così una migliore conoscenza del patrimonio culturale. Secondo la concezione di “museo diffuso”, quello di Vaglio integra il percorso nei siti archeologici di Serra e Rossano.

T. +39 0971 48 78 71 www.comune.vagliobasilicata.pz.it museogentilucania@gmail.com

IL MUSEO ARCHEOLOGICO CIVICO JANORA DI IRSINA Alcune sale del cinquecentesco convento di San Francesco, nel cuore del centro storico di Irsina, ospitano il Museo archeologico civico “Michele Janora” e una collezione di circa trecento reperti (per lo più pezzi in ceramica) appartenenti a diverse epoche storiche, dalla preistoria all’età ellenistica, e disposti in ordine cronologico.

114

T. +39 0835 518330 MOB. +39 339 4589526 www.irsina-arte.com arenacea@tiscali.it


IL MUSEO INTERNAZIONALE DELLA GRAFICA BIBLIOTECA COMUNALE “ALESSANDRO APPELLA” ATELIER CALCOGRAFICO “GUIDO STRAZZA” Trenta mila volumi e 1350 fogli dei più importanti artisti contemporanei costituiscono il patrimonio del museo che rappresenta un vero e proprio punto di riferimento per i paesi del Parco Nazionale del Pollino, di cui Castronuovo fa parte, e per i comuni limitrofi. Il Museo-Biblioteca svolge una multiforme attività attenta a rileggere il passato (Degas, Renoir, Matisse, Bonnard, Picasso, Mirò) per comprendere il presente (Maccari, Melotti, Marino, Accardi), anche attraverso una puntuale attività didattica.

T. +39 0973 835014 MOB. +39 347 4017613 www.mig-biblioteca.it mig-biblioteca@libero.it

IL MUSEO DELLA CULTURA ARBËRESHË DI SAN PAOLO ALBANESE Usi, costumi e tradizioni sono protagonisti nel caratteristico Museo della cultura arbëreshë di San Paolo Albanese contenitore di numerose testimonianze del ceppo etnico albanese. Aggirandosi all’interno delle case contadine, sapientemente ricostruite, si possono osservare oggetti di vita quotidiana, l’antica tradizione della lavorazione della ginestra – un tempo utilizzata per la produzione di tessuti – e costumi tipici.

T. +39 0973 94367 T. - F. +39 0973 94368 mcarbereshe@tiscali.it Orari: 9-13; 15-18 Tutti i giorni compresi sabato e domenica (inverno) 16-19 Tutti i giorni compresi sabato e domenica (estate)

115


L’ETNOMUSEO DELLA CIVILTÀ ARBËRESHE DI SAN CONSTANTINO ALBANESE L’edificio che ospita il museo è situato nel centro storico di San Costantino Albanese ed è disposto su due livelli. Al piano terra è allestita la biblioteca di cultura albanese, la mostra iconografica del maestro Josif Droboniku, autore delle icone che ornano la Chiesa Madre del comune, e il Presepe Arbëreshe. Al primo piano si può visitare la collezione di oggetti della cultura materiale contadina, i preziosi costumi tradizionali arbëreshe, il telaio relativo alla lavorazione e tessitura della ginestra.

MOB. +39 347 1253349; 320.74.32.299 ufftur.sancostantino@libero.it FB: uffturistico san costantino albanese

IL MUSEO DEL BRIGANTAGGIO DI RIONERO IN VULTURE Nell’ex Grancia di Santa Maria degli Angeli, a Rionero in Vulture, il Museo del Brigantaggio espone le fasi e i personaggi salienti dell’intenso periodo storico. In quello che un tempo era l’antico carcere borbonico è allestita anche una Sala Cinema in cui sono trasmessi spezzoni dei film incentrati sul tema del brigantaggio, oltre ad una sezione dedicata ai relativi aspetti economici e sociali, e due spazi che ospitano, rispettivamente, immagini e oggetti di “Briganti” e di “Brigantesse”. Tutto è supportato da moderne tecnologie che consentono al visitatore di interagire direttamente con i contenuti offerti. 116

T. +39 0972 724284 (Pro Loco) T. +39 0972 729 510 (Comune) T. +39 0972 724469 (Gal Sviluppo Vulture alto Bradano)


IL MUSEO SCENOGRAFICO DEL COSTUME E DELLA CIVILTÀ RURALE DI PIGNOLA Nel Museo scenografico del costume e della civiltà rurale di Pignola è forte la suggestione evocativa di simboli dell’universo rurale resa dalla mostra permanente di costumi popolari e tradizionali femminili. Il museo è visitabile solo su prenotazione.

MOB. +39 349 2764971 Orari: Aperto tutti i giorni su prenotazione

IL MUSEO DI STORIA NATURALE DEL VULTURE DI MONTICCHIO (RIONERO IN VULTURE) Allestito ai primi due piani dell’Abbazia di San Michele a Monticchio (Rionero in Vulture), il museo espone le bellezze naturali di un ecosistema ancora intatto come quello del Vulture. Il Museo propone sette tappe (il cammino dell’uomo del Vulture; la via di fauna; la via di flora; la via di gea; laboratori e mostre temporanee; gli habitat e le collezioni; la culla della rara falena “Bramea”) di un percorso che va dall’Homo Erectus di Atella fino ai giorni nostri, alla conoscenza degli insediamenti urbani dell’area e all’esplorazione del mondo vegetale e animale.

T. - F. +39 0972 731028 www.provincia.potenza.it museodelvulture@provinciapotenza.it

117


IL MUSEO DELLE TRADIZIONI LOCALI DI VIGGIANO Non un comune museo, ma uno spazio che guarda al passato avvalendosi delle innovative tecnologie del presente. Al piano terra del quattrocentesco convento di Santa Maria del Gesù, il MuVIG apre le sue porte a curiosi, nostalgici o amanti della cultura popolare. Oltre alla classica visita guidata, le sette sale espositive (bottega del falegname; bottega del calzolaio; bottega del fabbro; camera da letto; cucina; deposito degli attrezzi agricoli; locale per la caseificazione) si prestano alla cosiddetta “realtà aumentata”. Basta inquadrare con uno smartphone o un tablet uno dei tanti segnali grafici sparsi in ogni sala e, improvvisamente, video o immagini forniranno maggiori informazioni in merito all’utilizzo o al significato degli oltre trecento oggetti esposti.

MOB. +39 349 3650470 www.aceaviggiano.it ceaviggiano@aceaviggiano.it Orari: 15-19 Sabato e domenica su prenotazione

IL MUSEO DEL LUPO DI VIGGIANO È il primo museo dedicato a questo mammifero in Basilicata. Immersi in una splendida faggeta, è possibile ammirare esemplari imbalsamati di Lupo e di altre specie come l’Aquila reale, il Tasso e altri Mustelidi, e da lì partire per suggestive escursioni. 118

MOB. +39 347 0812882 - (Silvia Sgrosso) www.aceaviggiano.it ceaviggiano@aceaviggiano.it Consultare il sito per giorni e orari di apertura


MARATEA: LA PERLA DEL TIRRENO “Perla” blu incastonata al centro del golfo di Policastro, Maratea è l’unica località balneare lucana affacciata sul Tirreno. La sua costa si estende per trentadue chilometri rivelando straordinarie vedute che guidano alle sue numerose località di mare: un alternarsi di grotte marine e spiagge che, ora si nascondono dietro rocce massicce, ora si presentano come distese di sabbia scura o, ancora, come sottili strisce di arenile alternate a ciottoli. Non solo ambita meta balneare, Maratea è anche luogo di culto, con le sue quarantaquattro chiese, di relax e shopping da vivere nel borgo antico, nella sua intima piazzetta, nei locali notturni o alla scoperta della città vecchia. Sulla cima del monte San Biagio, con le spalle al mare, svetta l’imponente statua del Cristo Redentore.

119


COSTA JONICA: L’ORO DELLA MAGNA GRECIA Distese di spiagge dalla sabbia lucente si uniscono ad un mare cristallino e compongono il tratto di costa ionica lucana che, per trentacinque chilometri, si estende da Metaponto a Nova Siri. Metaponto è anche il cuore della Magna Grecia, come raccontano i principali reperti esposti nel suo Museo archeologico nazionale o le rovine di abitazioni e templi conservati nell’area archeologica, dove si elevano affascinanti le “Tavole Palatine”, quindici colonne doriche, resti del tempio di Hera. L’aurea atmosfera della Magna Grecia pervade anche Policoro, l’antica Heraclea, con l’acropoli della città all’interno del sito archeologico, gli spazi sacri che rimandano ai culti di Dioniso e Demetra, i reperti custoditi all’interno del Museo archeologico nazionale della Siritide.

120


PORTI DI BASILICATA Tra il versante tirrenico e quello ionico della Basilicata, tre porti turistici consentono di raggiungere la regione via mare, con un buon numero di posti barca e altrettanti servizi a disposizione dei naviganti. Il porto di Maratea (www.portoturisticodimaratea.weebly.com), nel cuore del Tirreno, si trova a pochi chilometri da meravigliose spiagge e dagli incantevoli centri storici di Trecchina e Rivello. Garantisce servizi e accoglienza ai natanti che vi approdano di giorno, mentre le sere d’estate, puntellato di suggestive luci, diventa una delle attrazioni della “Perla” del Tirreno. Il Porto di Maratea ha una capacità di 1000 posti barca, su pontili fissi e galleggianti, ed è dotato di ormeggio su corpo morto, assistenza ormeggio e sorveglianza 24 ore su 24 da personale specializzato. In banchina: acqua potabile e non, elettricità, illuminazione, docce e servizi, box, rifornimento carburanti 24 ore su 24, lubrificanti e S.I.F. Coordinate: 39°59’16” N - 15°42’59”.

121


Il porto degli Argonauti (www.portodegliargonauti.it), in località Marina di Pisticci, circonda l’omonimo borgo che si affaccia sulla costa ionica. Occupa la posizione ideale per scoprire i tesori della Basilicata ma anche quelli delle regioni limitrofe. È infatti uno strategico punto di partenza per intraprendere escursioni in barca, giornaliere o di più lungo periodo, con imbarcazioni attrezzate e complete di skipper. Il Porto degli Argonauti è inoltre un approdo per barche di piccolo-medio cabotaggio, anche di lunghezza superiore ai 30 metri, ed è in grado di ospitare fino a 450 natanti. Offre tutta una serie di servizi che vanno dalla videosorveglianza all’assistenza agli ormeggi, dai pontili fissi alle infrastrutture nautiche, dal varo delle imbarcazioni alla manutenzione dei natanti. Coordinate: 40°.20’.00 N - 16°.49’.00 E. Il porto turistico di Marina di Policoro (www.marinadipolicoro.it) rientra nel complesso Marinagri, una moderna città ecologica di grande fascino, che fa tutt’uno con il mare. Considerato il più grande e attrezzato del Mar Ionio, il porto mette a disposizione dei natanti circa 750 posti barca e offre servizi e assistenza alle imbarcazioni che vi approdano. Il Marina di Policoro ha una disponibilità di 750 posti barca da 6 a 40 metri con assistenza all’ormeggio, sorveglianza 24 ore su 24, cantiere nautico, servizi in banchina con rifornimento carburanti, yacht club, noleggio e charter, scuola nautica, shopping way con ristoranti, bar e boutique, area sport e collegamento Wi-Fi. Coordinate: 40°12’16”N -16°44’08”E.

122


CALENDARIO

2015

GENNAIO • 1, 2, 3 (2016) Presepe vivente nei Sassi di Matera • 5 (2016) La notte dei Cucibocca Montescaglioso • 8/12-6/01 (2016) Mercatini di Natale a Potenza • 8/12-8/01 (2016) Mostra concorso “In Viaggio tra i Presepi” a Potenza e Matera • 15-18 Carnevale La Sagra del Campanaccio di San Mauro Forte • 17 Carnevale L’màsh-k-r di Tricarico • 17/01-22/02 Carnevale Il Domino di Lavello • (2016) Parco Murgia Festival

• 21-22; 28-29 Volo dell’Aquila sul Pollino - San Costantino Albanese 18 • 29 Sacra rappresentazione di Ripacandida 57 • Parco Murgia Festival 89

70

APRILE

32

• 1 Sacra rappresentazione di Rapolla • 2 Sacra rappresentazione di Atella • 3 Sacra rappresentazione di Barile, Venosa e Maschito • 3 Processione dei Misteri di Montescaglioso • 4 Sacra rappresentazione di Rionero in Vulture • 3-6; 11-12; 18-19; 24-26 Volo dell’Aquila sul Pollino - San Costantino Albanese • 10-12 Rito arboreo L’a’ Pitu e la Rocca di Viggianello (Frazione Pedali) • 12 Pellegrinaggio alla Madonna di Anglona di Tursi • 12, 19 Rito arboreo Il Maggio di Accettura • 18-20 Naturarte (Parco del Pollino) • 25-26 Naturarte (Parco Appennino Lucano) • Parco Murgia Festival • 30 Gezziamoci Festival: Giornata Mondiale UNESCO del Jazz (Matera)

71 71 25 25 25 89

FEBBRAIO • 7, 8; 13-15 Festeggiamenti in onore di San Valentino di Abriola 31 • 8, 15, 17 Carnevale Le Maschere Cornute di Aliano 25 • 14 Carnevale L’Orso e il Carnevale di Teana 25 • 14-15 Carnevale di Satriano di Lucania 25 • 14-17 Carnevale Il Pagliaccio e i carri allegorici di Stigliano . 25 • 15 Carnevale L’màsh-k-r di Tricarico 25 • 15 Carnevale La Sagra del Campanaccio di San Mauro Forte 25 • 15 Carnevale di Paglia di Viggianello (Contrada Gallizzi) 25 • 15, 17 Carnevalone Tradizionale di Montescaglioso 25 • 15-17 Carnevale Le quattro stagioni e i dodici mesi dell’anno di Cirigliano 25 • 17 Carnevale Montese di Montescaglioso 25 • 17 Carnevale di Paglia di Viggianello (Centro storico) 25 • 17/01-22/02 Carnevale Il Domino di Lavello 25

124

MARZO

57 57 57 59 57 18 28 61 28 88 88 89 73

MAGGIO • 1 Pellegrinaggio alla Madonna di Anglona di Tursi • 1-3 Naturarte (Parco Murgia Materana) • 1-3; 9-10; 16-17; 23-24; 30-31 Volo dell’Aquila sul Pollino - San Costantino Albanese • 1, 9, 16, 23, 30 Pellegrinaggio alla Madonna di Fonti - Tricarico • 1-3; 10, 17, 24, 31 Volo dell’Angelo sulle Dolomiti Lucane Castelmezzano/Pietrapertosa • 3 Pellegrinaggio alla Madonna Nera di Viggiano • 9-11 Naturarte (Parco del Pollino) • 14, 24-26 Rito arboreo Il Maggio di Accettura • 17 Naturarte (Parco Gallipoli Cognato) • Parco Murgia Festival • 20/5-31/10 Mostra: Il lusso celato.

61 88 18 61 20 61 88 28 88 89


28

• 4- 5; 11-31 Volo dell’Angelo sulle Dolomiti Lucane e il Percorso delle Sette Pietre Pietrapertosa/Castelmezzano 20 • Proiezione in multivisione Il Mondo di Federico II - Castello di Lagopesole 19 • Parco della Grancia e Cinespettacolo La Storia Bandita – Brindisi di Montagna 22 • 16 Pellegrinaggio alla Madonna del Carmine di Avigliano 61 • 18/07-30/10 Mostra: Metaponto. Il disegno della città - Museo Archeologico di Metaponto-Bernalda 47 • 25-26 Muro Lucano: Il corteo storico sulla vita di Giovanna I D’Angiò 95 • 27/07-1/08 CinemadaMare (Guardia Perticara) 84 • 30/07-2/08 Rassegna del cinema a Maratea 84 • 31/07-1/08 Sagra della Podolica di Pescopagano 104 • Gezziamoci, festival itinerante nei comuni della Basilicata tra musica e arte 73 • Blues in Town Festival 76 • Pollino Fusion Festival 77 • Parco Murgia Festival 89

28

AGOSTO

28 61

• 27/07-1/08 CinemadaMare (Guardia Perticara) 84 • 30/07-2/08 Rassegna del cinema a Maratea 84 • 31/07-1/08 Sagra della Podolica di Pescopagano 104 • 1-2 Corteo storico La Retnes - Maschito 95 • 1-2 Sagra Tumact me tulez – Barile 105 • 1-2; 8-9; 14-15; 16, 22, 29-30 La città dell’Utopia - Campomaggiore Vecchio 23 • 1-31 Volo dell’Angelo sulle Dolomiti Lucane e Il Percorso delle Sette Pietre Castelmezzano/Pietrapertosa 20 • 1-31 Volo dell’Aquila sul Pollino - San Costantino Albanese 18 • Proiezione in multivisione Il Mondo di Federico II - Castello di Lagopesole 19 • Parco della Grancia e Cinespettacolo La Storia Bandita - Brindisi di Montagna 22 • 2 I Quadri plastici di Avigliano 99 • 2 Percorso enogastronomico In Vino Veritas - Montescaglioso 102

La necropoli lucana di Albano Museo Archeologico di Potenza 41 • 23-24 Rievocazione storica La Festa dello Spirito Santo - Melfi 94 • 29-30 Parata dei Turchi e Processione in onore di San Gerardo vescovo Patrono di Potenza 62 • 30 Rito arboreo A Pit’ di Terranova di Pollino 28 GIUGNO • 1-2; 6-7; 13-14; 20-21; 27-28 Volo dell’Angelo sulle Dolomiti Lucane e il Percorso delle Sette Pietre Pietrapertosa/Castelmezzano • 1-30 Volo dell’Aquila sul Pollino - San Costantino Albanese • Parco della Grancia e Cinespettacolo La Storia Bandita - Brindisi di Montagna • 7 Pellegrinaggio alla Madonna del Pollino • 7 Rito arboreo Il Maggio di Accettura • 7, 14, 21 Rito arboreo La ‘Ndenna e la Cunocchia di Castelsaraceno • 8-13 Rito arboreo L’a Pitu e la Rocca di Rotonda • 13 Rito arboreo A’ Pit di Terranova del Pollino • 13, 20, 21 Rito arboreo U’ Masc’ di Pietrapertosa • 21 Pellegrinaggio alla Madonna del Sirino • 26/06-31/10 Mostra: Il lusso esibito. Archeologia di una comunità arcaica Museo Archeologico Policoro • 30 Il tradizionale Volo dell’Angelo di Pescopagano • Potenza International Jazz Festival • Parco Murgia Festival

20 18 22 61 28 28

48 31 75 89

LUGLIO • 1/7-31/10 Mostra: Il fossile della diga di San Giuliano. Primi restauri – Museo Archeologico Nazionale di Matera • 1-31 Volo dell’Aquila sul Pollino San Costantino Albanese • 2 La Festa della Madonna della Bruna Patrona di Matera • 2 Il tradizionale volo dell’Angelo di Pescopagano • 4 Pellegrinaggio alla Madonna del Pollino

44 18 63 31 61

125


• 3-8 CinemadaMare (Muro Lucano) 84 • 4-6 Percorso enogastronomico e storico-culturale di Vaglio Basilicata 102 • 4, 7, 11, 14, 15, 18, 21, 25, 28 Sogno di una notte a “quel paese” 100 • 5-9 Blues in Town Festival 76 • 7-8 Porklandia - Picerno 105 • 7-9 Percorso enogastronomico di Vaglio Basilicata 102 • 7-9 Pomarico Vivaldi Festival 79 • 7-20 Pollino Estate 78 • 8-9 Il Palio di Sasso 100 • 8-10 Il Festival dei due Parchi Castelsaraceno 91 • Parco Murgia Festival 89 • 9 Sagra della soppressata e del caciocavallo a Rapone 106 • 9 Corteo storico La Cavalcata del Borbone - Montescaglioso 96 • 9-10 Sagra del Canestrato di Moliterno 106 • 9-11 Sagra Le giornate del Peperone di Senise 107 • 10 Rievocazione storica Sulle Tracce degli arabi - Pietrapertosa 96 • 10-12 Rito arboreo Il Maggio di Oliveto Lucano 28 • 10-13 Lucania Film Festival - Pisticci 85 • 10-15 CinemadaMare (Matera) 84 • 11-12 Corteo storico Acerenza: “Dai Longobardi ai Normanni, storia di una cattedrale” 92 • 12-13 Corteo storico Lagopesole: Alla Corte di Federico II 97 • 12-14 Sagra Il Bianco e la Rossa di Rotonda Dop 107 • 12-15 Percorso enogastronomico Le Cantine aperte di Sant’Angelo Le Fratte 103 • Percorso enogastronomico Cantinando Wine&Art - Barile 103 • 14 Corteo storico La Congiura dei Baroni - Miglionico 98 • 14-16 Gezziamoci Festival: “Concerti dai Balconi” (Matera) 73 • 16 Corteo storico Forenza: “La leggenda dei Templari, Ugo dei Pagani e la sfida del mito A.D 1118” 93 • 16 Il culto di San Rocco di Tolve 64 • 16 Pellegrinaggio alla Madonna del Carmine di Viggianello 61 • 17 Corteo storico Banzi “La cavalcata dei Normanni” 93 126

• 17-22 CinemadaMare (Nova Siri) 84 • 18 Corteo storico Banzi: “Un giorno di agosto, la venuta di Papa Urbano II” 93 • 18-19 Sagra del Fagiolo di Sarconi 108 • 21-23 Sagra del Baccalà e dei prodotti tipici – Avigliano 108 • 24-29 CinemadaMare (Maratea) 84 • 28-30 Rito arboreo L’a’ Pitu e la Rocca di Viggianello (Centro storico) 28 • 29-30 La mostra Mercato del Miele lucano - Ripacandida 109 • Gezziamoci, festival itinerante nei comuni della Basilicata tra musica e arte 73 • Pollino Music Festival 77 • Radici Festival e Festival Radici Etno Contest 77 • Blues in Town Festival 76 • Metaponto Beach Festival 80 • Lucania Etnofolk - Satriano 78 • Vulcanica - Rionero in Vulture 79 • Parco Murgia Festival 89 • Competizione artistica Meraviglie di Sabbia - Costa Ionica 99 SETTEMBRE • 1-13; 19-20; 26-27 Volo dell’Angelo sulle Dolomiti Lucane e Il Percorso delle Sette Pietre - Pietrapertosa/Castelmezzano 20 • 1-13; 19-20; 26- 27 Volo dell’Aquila sul Pollino - San Costantino Albanese 18 • Proiezione in multivisione Il Mondo di Federico II - Castello di Lagopesole 19 • Parco della Grancia e Cinespettacolo La Storia Bandita - Brindisi di Montagna 22 • 2 Pellegrinaggio in onore di San Gerardo Maiella 60 • 2 Il Festival Nazionale Musicale delle Mamme e dei Bambini 60 • 5 Spettacolo pirotecnico Fuochi sul Basento - Potenza 101 • 5-6 Sagra del Pecorino di Filiano 109 • 6 Pellegrinaggio alla Madonna Nera di Viggiano 61 • 6, 12, 13 Rito arboreo La Sagra du’ Masc’ di Castelmezzano 28 • 11, 12, 13 Rito arboreo L’a’ Pitu e la Rocca di Viggianello (Località Zarafa) 28 • 12-13 Sagra Salsiccia Festival - Cancellara 110 • 13 Pellegrinaggio alla Madonna del Pollino 61 • 13 Pellegrinaggio alla Madonna del Carmine di Avigliano 61


• 16 Il culto di San Rocco di Tolve 64 • 18-20 Materadio - La festa di Radio 3 Matera 80 • 20 Pellegrinaggio alla Madonna del Sirino 61 • 24-27 Women’s Fiction Festival 13 • Le parole sono pietre - Muro Lucano 101 • Percorso enogastronomico: Aglianica - Vulture Melfese 104 • Rievocazione storica Il Palio dei Tre Feudi - Castello di Lagopesole 97 • Parco Murgia Festival 89 OTTOBRE • 3-4; 10-11; 17-18; 24-25, 31 Volo dell’Aquila sul Pollino - San Costantino Albanese 18 • 4, 11, 18, 25, 31 Volo dell’Angelo sulle Dolomiti Lucane e Il Percorso delle Sette Pietre - Castelmezzano/Pietrapertosa 20 • 10-11 Parco Urbano delle cantine - Sagra della Castagna e Cantine aperte - Rapolla 110 • 17-18 Sagra della Varola di Melfi 111 • 24-25 Convegno Nazionale di Falconeria - Melfi 94 • 24-25 La Festa della montagna di Castelsaraceno 91 • 24-25 Rievocazione storica Le Giornate Medievali - Brindisi di Montagna 98 • 24-31 Bella Film Festival 85 • 26/06-31/10 Mostra: Il lusso esibito. Archeologia di una comunità arcaica Museo Archeologico Policoro 48 • 20/5-31/10 Mostra: Il lusso celato. La necropoli lucana di Albano Museo Archeologico di Potenza 41 • 18/07-30/10 Mostra: Metaponto. Il disegno della città - Museo Archeologico di Metaponto-Bernalda 47 • 1/7-31/10 Mostra: Il fossile della diga di San Giuliano. Primi restauri – Museo Archeologico Nazionale di Matera 44 • 31/10-1/11 Percorso enogastronomico Sapori d’Autunno - Pietrapertosa 111 • Parco Murgia Festival 89 NOVEMBRE • 31/10-1/11 Percorso enogastronomico Sapori d’Autunno - Pietrapertosa 111 • 1 Volo dell’Angelo sulle Dolomiti Lucane Castelmezzano/Pietrapertosa 20

• 1, 7-8; 14-15; 28-29 Volo dell’Aquila sul Pollino - San Costantino Albanese 18 • Parco Murgia Festival 89 DICEMBRE • 5-8; 12-13; 19-20; 26-27 Volo dell’Aquila sul Pollino - San Costantino Albanese • 8/12-6/01 (2016) Mercatini di Natale a Potenza • 8/12-8/01 (2016) Mostra concorso In Viaggio tra i Presepi a Potenza e Matera • 26/12; 6/01 Presepe vivente di Rionero in Vulture • 20 Presepe vivente di Contrada Cavalieri a Potenza • 26-28 Presepe vivente di Tursi • 26-28 Presepe vivente di Muro Lucano • I presepi lucani: Aliano, Anzi, Grassano, Tricarico, Tursi • 27 Rassegna della Zampogna e della Ciaramella del sud Italia - Viggiano • Competizione artistica Meraviglie di Sabbia Christmas Edition • Parco Murgia Festival

Matera meraviglia del mondo Potenza capoluogo Grandi attrattori in scena Riti e miti di Basilicata Città d’arte e di cultura I musei Viaggio nella memoria Sulle tracce del sacro Festival Natura e arte Viaggi nella storia Magiche atmosfere Eventi del gusto Musei di storia e tradizioni Una regione tra due mari

18 71 71 69 68 69 68 65 81 99 89


Profile for Basilicata Turistica

Calendiario 2015 (Archivio)  

luoghi eventi suggestioni in Basilicata

Calendiario 2015 (Archivio)  

luoghi eventi suggestioni in Basilicata

Advertisement