Issuu on Google+

MANUALE COMPRESSORI

Il presente manuale è rivolto a chi opera nel campo della refrigerazione ed è già a conoscenza delle tecniche di base della refrigerazione domestica, commerciale e del condizionamento dell’aria ed ha lo scopo di servire da guida alla conoscenza, scelta e applicazione del compressore Embraco Europe.

INDICE GENERALE 1

DOCUMENTAZIONE TECNICA

11

1.1

CATALOGO GENERALE

11

1.2

PROSPETTO GENERALE COMPRESSORI

11

1.3

BOLLETTINO TECNICO

11

1.4

CATALOGO COMPONENTI ELETTRICI

12

1.5

MANUALE COMPRESSORI

12

1.6

CATALOGO ELETTRONICO

12

2

INFORMAZIONI GENERALI

13

2.1 Tabella 1

GAMMA COMPRESSORI 13 Serie Compressori - Applicazioni - Refrigeranti ................................................................................ 13

Tabella 2

13 APPLICAZIONI Applicazioni .............................................................................................................................................. 13

Tabella 3

14 CLASSIFICAZIONE COPPIE DI AVVIAMENTO Classificazione Coppie di Avviamento Motori Elettrici.................................................................... 14

Tabella 4

14 TIPOLOGIA MOTORI ELETTRICI Tipologia motori elettrici ....................................................................................................................... 14

Tabella 5

ALIMENTAZIONE 15 Tensioni e frequenze ................................................................................................................................ 15

Tabella 6

COMPONENTI ELETTRICI FORNITI A CORREDO DEL COMPRESSORE 16 Componenti elettrici ................................................................................................................................ 16

Tabella 7

TIPI DI RAFFREDDAMENTO DEL COMPRESSORE 16 Tipi di raffreddamento ............................................................................................................................ 16

2.2 2.3 2.4 2.5 2.6 2.7 2.8 Figura 1 Figura 2 Figura 3 Figura 4 Figura 5a Figura 5b Figura 6 Figura 7

Codice Doc. MP01IC

17 TARGHETTE COMPRESSORI - DATI DI IDENTIFICAZIONE Targhette metalliche (utilizzate fino al 2001) .................................................................................... 17 Targhette adesive .................................................................................................................................... 17 Targhette adesive compressori Serie NB - NE .................................................................................. 18 Targhette adesive compressori Serie BP ............................................................................................ 18 Codice Tipo compressore ...................................................................................................................... 19 Codice Tipo compressore Serie EM .................................................................................................... 20 Codice distinta base compressore ....................................................................................................... 21 Codice data di fabbricazione ................................................................................................................ 21

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 1 - 98


MANUALE COMPRESSORI

2.9 Tabella 8

2.9.1 Figura 8

2.9.2 Figura 9

2.9.3 Figura 10

2.9.4 Figura 11

2.9.5 Figura 12

2.9.6 Figura 13

2.9.7 Figura 14

2.9.8 Figura 15

2.9.9 Figura 16

2.9.10 Figura 17

2.9.11 Figura 18

2.9.12 Figura 19

22 SCHEMI ELETTRICI Schemi elettrici ......................................................................................................................................... 23 Schemi elettrici compressori Serie EM – RSIR ................................................................................ 24 Versione RSIR morsettiera faston con avviatore PTC ..................................................................... 24 Schemi elettrici compressori serie BP-NB-BPE-BPM-BPK-NBM-NBK-NBT-NBV – RSIR-RSCR ............................................................................................................................................. 24 Versioni standard RSIR e RSCR ........................................................................................................... 24 Schemi elettrici compressori serie BP-T-NB-NE (comp. elettrici senza morsettiera) – RSIR-CSIR .............................................................................................................................................. 25 Versioni standard RSIR e CSIR ............................................................................................................ 25 Schemi elettrici compressori serie T (comp. elettrici con morsettiera) – RSIR-CSIR .............................................................................................................................................. 25 Versioni morsettiera RSIR e CSIR ....................................................................................................... 25 Schemi elettrici compressori serie NB-NE (comp. elettrici con morsettiera) – RSIR-CSIR .............................................................................................................................................. 26 Versioni morsettiera RSIR e CSIR ....................................................................................................... 26 Schemi elettrici compressori serie NB (comp. elettrici con morsettiera) – RSIR-RSCR ............................................................................................................................................. 26 Versioni morsettiera RSIR e RSCR con avviatore PTC ................................................................... 26 Schemi elettrici compressori serie NE-T-J – PSC-CSR ................................................................... 27 Versioni PSC e CSR ............................................................................................................................... 27 Schemi elettrici compressori serie NE-T-J – CSR BOX .................................................................. 27 Versioni CSR BOX con protettori interno e esterno ......................................................................... 27 Schemi elettrici compressori serie T-J – CSIR .................................................................................. 28 Standard CSIR (con relè T.I. 3CR o G.E. 3ARR2) ............................................................................ 28 Schemi elettrici compressori serie T-J – CSIR BOX ....................................................................... 28 CSIR BOX (con relè T.I. 3CR o G.E. 3ARR2) ................................................................................... 28 Schemi elettrici compressori serie J – CSIR BOX ............................................................................ 29 CSIR BOX (con relè G.E. 3ARR3 o AMF RVA) ................................................................................ 29 TRIFASE .................................................................................................................................................. 29 TRIFASE ................................................................................................................................................... 29

3

CONDIZIONI DI FORNITURA COMPRESSORI

30

3.1

ISOLAMENTO ELETTRICO

30

3.2 Tabella 9

GRADO DI PROTEZIONE “IP” 30 Gradi IP ..................................................................................................................................................... 30

3.3

RESISTENZA ALLO SCOPPIO INVOLUCRO COMPRESSORE

3.4

31 DISIDRATAZIONE Valori massimi di umidità residua ........................................................................................................ 31

Tabella 10

30

3.5

VERNICIATURA

31

3.6

PRESSURIZZAZIONE COMPRESSORE

31

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 2 - 98


MANUALE COMPRESSORI

3.7 Tabella 11

31 CARICA DI OLIO LUBRIFICANTE Olii Lubrificanti Impiegati nei Compressori....................................................................................... 32

Tabella 12

32 MINIMA QUANTITÀ DI OLIO AMMESSA Minima Quantità Olio ............................................................................................................................. 32

Tabella 13

33 VERSIONI SPECIALI Esempi di Versioni Speciali ................................................................................................................... 33

3.8 3.9

4

IMBALLAGGIO COMPRESSORI

4.1

IMBALLO A PERDERE MULTIPLO IN CARTONE 34 Caratteristiche Imballi Multipli in Cartone ........................................................................................ 34 1 Scatola + Pedana ................................................................................................................................ 34 2 Scatole + Pedana ................................................................................................................................ 34 Stampigliatura dati di identificazione compressore .......................................................................... 35 Stampigliatura ......................................................................................................................................... 35 Codice Data Imballaggio ...................................................................................................................... 35

Tabella 14 Figura 20 Figura 21

4.1.1 Figura 22 Figura 23

4.2 Tabella 15 Figura 24 Figura 25 Figura 26

4.2.1 4.3

34

IMBALLO RIUTILIZZABILE MULTIPLO IN LEGNO 36 Composizione strati imballo riutilizzabile multiplo legno ................................................................ 36 “BP” – “EM” (120 pezzi) ..................................................................................................................... 36 “BP” – “EM” (100 pezzi) ..................................................................................................................... 37 “NB” (80 pezzi) ...................................................................................................................................... 37 Stampigliatura dati di identificazione compressore .......................................................................... 37

Figura 27

IMBALLO COMPONENTI ELETTRICI E ACCESSORI 38 Esempio di Buono di Prelievo .............................................................................................................. 38

Figura 28

IMBALLO SINGOLO 39 Imballo compressore singolo ................................................................................................................ 39

4.4

MOVIMENTAZIONE, TRASPORTO E STOCCAGGIO COMPRESSORI

40

5.1

MOVIMENTAZIONE

40

5.2 5.2.1

Tabella 17

TRASPORTO 40 Spedizioni per container ........................................................................................................................ 40 Caratteristiche Carico per Container da 20" ..................................................................................... 41 Spedizioni per autocarro ........................................................................................................................ 41 Caratteristiche Carico per Autocarro .................................................................................................. 41

Tabella 18

POSIZIONI AMMESSE COMPRESSORI DURANTE IL TRASPORTO 42 Posizioni di trasporto ammesse............................................................................................................. 42

5

Tabella 16

5.2.2

5.3 5.4 Tabella 19 Tabella 20

Codice Doc. MP01IC

STOCCAGGIO 43 Massima sovrapposizione imballi multipli a perdere in cartone .................................................... 43 Massima sovrapposizione imballi multipli riutilizzabili ................................................................... 44

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 3 - 98


MANUALE COMPRESSORI

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE

6

45

6.1 6.1.1 6.1.2 6.1.3 6.1.4 6.1.5 6.1.6 6.1.7 6.1.8 6.1.9

SCELTA DEL COMPRESSORE IDONEO 45 Temperatura di evaporazione minima ................................................................................................. 45 Potenza frigorifera .................................................................................................................................. 45 Tipo di refrigerante ................................................................................................................................. 45 Temperatura ambiente ............................................................................................................................ 45 Tensioni e frequenze di funzionamento .............................................................................................. 46 Coppia di avviamento motore elettrico ............................................................................................... 46 Tipo di raffreddamento del compressore ............................................................................................ 46 Livello di rumorosità .............................................................................................................................. 46 Corrente assorbita ................................................................................................................................... 46

6.2

DISIMBALLAGGIO DEL COMPRESSORE

46

6.3

PREPARAZIONE DEI COMPONENTI DEL SISTEMA FRIGORIFERO

47

6.4 6.4.1

INFORMAZIONI GUIDA ALL’UTILIZZO DEI GAS REFRIGERANTI 48 Guida all’impiego del gas refrigerante R 134a .................................................................................. 49 Caratteristiche fisiche del gas R 134a: ................................................................................................ 49 Caratteristiche ecologiche del gas R 134a: ........................................................................................ 49 Guida all’impiego del gas refrigerante R 600a .................................................................................. 52 Caratteristiche fisiche del gas R 600a: ................................................................................................ 52 Caratteristiche ecologiche del gas R 600a: ........................................................................................ 52 Guida all’impiego del gas refrigerante R 404A ................................................................................. 54 Caratteristiche fisiche del gas R 404A: ............................................................................................... 54 Caratteristiche ecologiche del gas R 404A: ........................................................................................ 54 Guida all’impiego del gas refrigerante R 407C ................................................................................. 57 Caratteristiche fisiche del gas R 407C: ............................................................................................... 57 Caratteristiche ecologiche del gas R 407C:........................................................................................ 57 Guida all’impiego del gas refrigerante PROPANO R290 ............................................................... 60 Caratteristiche fisiche del gas R290: ................................................................................................... 60 Caratteristiche ecologiche del gas R290: ............................................................................................ 60

Tabella 21 Tabella 22

6.4.2 Tabella 23 Tabella 24

6.4.3 Tabella 25 Tabella 26

6.4.4 Tabella 27 Tabella 28

6.4.5 Tabella 29 Tabella 30

6.5 Tabella 32

SCELTA DEL FILTRO ESSICCATORE 62 Filtri Essiccatori Consigliati ................................................................................................................. 62 Inconvenienti Causati da Umidità nel Sistema ................................................................................... 62

Tabella 33

SCELTA DEL CAPILLARE 63 Scelta Capillari ........................................................................................................................................ 63

Tabella 31

6.6 6.7 Figura 29 Tabella 34 Figura 30

Codice Doc. MP01IC

APPLICAZIONE AMMORTIZZATORI IN GOMMA 70 Montaggio ammortizzatori in gomma ................................................................................................. 70 Ammortizzatori in gomma ...................................................................................................................... 71 Ammortizzatori in gomma ..................................................................................................................... 71

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 4 - 98


MANUALE COMPRESSORI

6.8

SALDATURA DEI TUBI DI CONNESSIONE

6.9

73

Figura 32

VALVOLE ROTALOCK 73 Coppie di Serraggio Raccomandate ..................................................................................................... 74 Valvole Rotalock ..................................................................................................................................... 74 Posizione valvole .................................................................................................................................... 75

Tabella 36

RAFFREDDAMENTO COMPRESSORE 75 Caratteristiche Motoventilatori............................................................................................................. 75

Tabella 35 Figura 31

6.10 6.11

OPERAZIONE DI VUOTO

6.12 Tabella 37

76

OPERAZIONE DI CARICA DEL GAS REFRIGERANTE 76 Carica Massima Refrigerante ............................................................................................................... 76

6.13

CONTROLLO PERDITE DI GAS REFRIGERANTE

77

6.14

ALIMENTAZIONE ELETTRICA

77

7

DATI DI FUNZIONAMENTO

78

7.1 7.1.1 7.1.2 7.1.3

7.1.7 7.1.8 7.1.9

LIMITI DI FUNZIONAMENTO DEI COMPRESSORI 78 Temperatura massima avvolgimenti motore elettrico ...................................................................... 78 Temperatura massima gas di scarico ................................................................................................... 78 Pressioni massime gas di scarico ......................................................................................................... 79 Pressione Massima Gas di Scarico ...................................................................................................... 79 Surriscaldamento gas di aspirazione ................................................................................................... 79 Campi di Lavoro Compressori .............................................................................................................. 80 Condizioni di partenza ........................................................................................................................... 82 Valori limite di pressione ....................................................................................................................... 82 Temperature del raffreddatore olio (oil cooler) ................................................................................. 82 Tempi di funzionamento ....................................................................................................................... 83 Ciclatura ................................................................................................................................................... 83

7.2

PROCEDURE DI CONTROLLO COMPRESSORI

7.3

LISTA DEI DIFETTI, CAUSE E RIMEDI 83 Difetti, cause e rimedi ............................................................................................................................. 84

Tabella 38

7.1.4 7.1.5 7.1.6 Tabella 39

Tabella 40

7.4 7.4.1 7.4.2 7.4.3 7.4.4 7.4.5 7.4.6 7.4.7 7.4.8 7.4.9

Codice Doc. MP01IC

83

CONTROLLO DEI CIRCUITI ELETTRICI 87 Versioni standard RSIR-RSCR serie EM con avviatore PTC ........................................................ 87 Versioni standard RSIR e RSCR serie BP con avviatore PTC ....................................................... 88 Versione standard RSIR serie NB-NE-T con relè a corrente elettromagnetico ........................... 88 Versione standard CSIR serie NB-NE-T con relè a corrente elettromagnetico ........................... 89 Versione morsettiera RSIR serie NB-NE-T con relè a corrente elettromagnetico ...................... 90 Versione morsettiera CSIR serie NB-NE-T con relè a corrente elettromagnetico ...................... 90 Versione morsettiera RSIR e RSCR serie NB con avviatore PTC ................................................. 91 Versione standard PSC serie NE-T-J .................................................................................................. 92 Versioni standard CSR e CSR BOX serie NE-T-J con relè a tensione elettromagnetico .......... 92

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 5 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

7.4.10 7.4.11 7.4.12

Versioni standard CSIR e CSIR BOX serie T-J con relè a corrente elettromagnetico ............... 93 Versione standard CSIR serie J con relè a tensione elettromagnetico ........................................... 94 Versione TRIFASE J .............................................................................................................................. 95

7.5 7.5.1 7.5.2 7.5.3

PROCEDURE DI CONTROLLO 96 Controllo avvolgimenti statorici del motore elettrico ....................................................................... 96 Controllo della resistenza ohmica degli avvolgimenti statorici ...................................................... 96 Controllo dei condensatori di avviamento e di marcia ..................................................................... 96

8

RITORNO ALL’EMBRACO EUROPE DEL MATERIALE FORNITO

97

8.1

CONDIZIONI PER IL RITORNO

97

8.2

PROVE SULLE APPLICAZIONI DEL CLIENTE

98

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 6 - 98


MANUALE COMPRESSORI

INDICE DELLE FIGURE Figura 1

Targhette metalliche

17

Figura 2

Targhette adesive

17

Figura 3

Targhette adesive compressori Serie NB - NE

18

Figura 4

Targhette adesive compressori Serie BP

18

Figura 5a

Codice Tipo compressore

19

Figura 5b

Codice Tipo compressore Serie EM

20

Figura 6

Codice distinta base compressore

21

Figura 7

Codice data di fabbricazione

21

Figura 8

Versione RSIR morsettiera faston con avviatore PTC

24

Figura 9

Versioni standard RSIR e RSCR

24

Figura 10

Versioni standard RSIR e CSIR

25

Figura 11

Versioni morsettiera RSIR e CSIR

25

Figura 12

Versioni morsettiera RSIR e CSIR

26

Figura 13

Versioni morsettiera RSIR e RSCR con avviatore PTC

26

Figura 14

Versioni PSC e CSR

27

Figura 15

Versioni CSR BOX con protettori interno e esterno

27

Figura 16

Standard CSIR (con relè T.I. 3CR o G.E. 3ARR2)

28

Figura 17

CSIR BOX (con relè T.I. 3CR o G.E. 3ARR2)

28

Figura 18

CSIR BOX (con relè G.E. 3ARR3 o AMF RVA)

29

Figura 19

TRIFASE

29

Figura 20

1 Scatola + Pedana

34

Figura 21

2 Scatole + Pedana

34

Figura 22

Stampigliatura

35

Figura 23

Codice Data Imballaggio

35

Figura 24

“BP” – “EM” (120 pezzi)

36

Figura 25

“BP” – “EM” (100 pezzi)

37

Figura 26

“NB” (80 pezzi)

37

Figura 27

Esempio di Buono di Prelievo

38

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 7 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

Figura 28

Imballo compressore singolo

39

Figura 29

Montaggio ammortizzatori in gomma

70

Figura 30

Ammortizzatori in gomma

71

Figura 31

Valvole Rotalock

74

Figura 32

Posizione valvole

75

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 8 - 98


MANUALE COMPRESSORI

INDICE DELLE TABELLE Tabella 1

Serie Compressori - Applicazioni - Refrigeranti

13

Tabella 2

Applicazioni

13

Tabella 3

Classificazione Coppie di Avviamento Motori Elettrici

14

Tabella 4

Tipologia motori elettrici

14

Tabella 5

Tensioni e frequenze

15

Tabella 6

Componenti elettrici

16

Tabella 7

Tipi di raffreddamento

16

Tabella 8

Schemi elettrici

23

Tabella 9

Gradi IP

30

Tabella 10

Valori massimi di umiditĂ  residua

31

Tabella 11

Olii Lubrificanti Impiegati nei Compressori

32

Tabella 12

Minima QuantitĂ  Olio

32

Tabella 13

Esempi di Versioni Speciali

33

Tabella 14

Caratteristiche Imballi Multipli in Cartone

34

Tabella 15

Composizione strati imballo riutilizzabile multiplo legno

36

Tabella 16

Caratteristiche Carico per Container da 20"

41

Tabella 17

Caratteristiche Carico per Autocarro

41

Tabella 18

Posizioni di trasporto ammesse

42

Tabella 19

Massima sovrapposizione imballi multipli a perdere in cartone

43

Tabella 20

Massima sovrapposizione imballi multipli riutilizzabili

44

Tabella 21

Caratteristiche fisiche del gas R 134a:

49

Tabella 22

Caratteristiche ecologiche del gas R 134a:

49

Tabella 23

Caratteristiche fisiche del gas R 600a:

52

Tabella 24

Caratteristiche ecologiche del gas R 600a:

52

Tabella 25

Caratteristiche fisiche del gas R 404A:

54

Tabella 26

Caratteristiche ecologiche del gas R 404A:

54

Tabella 27

Caratteristiche fisiche del gas R 407C:

57

Tabella 28

Caratteristiche ecologiche del gas R 407C:

57

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 9 - 98


MANUALE COMPRESSORI

Tabella 29

Caratteristiche fisiche del gas R290:

60

Tabella 30

Caratteristiche ecologiche del gas R290:

60

Tabella 31

Filtri Essiccatori Consigliati

62

Tabella 32

Inconvenienti Causati da UmiditĂ  nel Sistema

62

Tabella 33

Scelta Capillari

63

Tabella 34

Ammortizzatori in gomma

71

Tabella 35

Coppie di Serraggio Raccomandate

74

Tabella 36

Caratteristiche Motoventilatori

75

Tabella 37

Carica Massima Refrigerante

76

Tabella 38

Pressione Massima Gas di Scarico

79

Tabella 39

Valori limite di pressione

82

Tabella 40

Difetti, cause e rimedi

84

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 10 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

DOCUMENTAZIONE TECNICA

1

DOCUMENTAZIONE TECNICA La documentazione di carattere tecnico e tecnico-commerciale dei compressori Aspera prodotti dall’Embraco Europe è disponibile nelle seguenti tipologie:

1.1

CATALOGO GENERALE Questo catalogo di carattere tecnico-commerciale, è stato realizzato per ciascun tipo di gas refrigerante omologato dall’Embraco Europe e raggruppa tutti i compressori esistenti nelle varie serie e idonei alle differenti applicazioni LBP, MBP, HBP e Aria condizionata, divisi per frequenza a 50 Hz o 60 Hz. Le informazioni contenute nel catalogo generale sono le seguenti:

1.2

Informazioni generali sui prodotti

Guida all’impiego dei gas refrigeranti

Dati tecnici generali

Prestazioni e assorbimenti nominali secondo i metodi “Liquido Sottoraffreddato” e CECOMAF (solo per modelli con refrigerante R134a e R600a, frequenza 50 Hz)

Tabelle di riferimento per l’identificazione dei disegni e schemi relativi ad ogni modello di compressore

Viste esterne compressori con indicate le dimensioni principali

Targhette di identificazione

Ammortizzatori e boccole in dotazione

Schemi di montaggio

Schemi elettrici

Collegamenti elettrici

PROSPETTO GENERALE COMPRESSORI Questo prospetto, di carattere tecnico-commerciale, rappresenta una guida veloce per la scelta dei compressori. Esso è stato realizzato per ciascun tipo di gas refrigerante omologato dall’Embraco Europe e raggruppa tutti i compressori esistenti nelle varie serie e idonei alle differenti applicazioni LBP, MBP, HBP e Aria condizionata, suddivisi per frequenza a 50 Hz o 60 Hz. Le informazioni contenute nel prospetto generale sono le seguenti:

1.3

Tabella per l’identificazione dei modelli disponibili nei codici di tensione e frequenza Aspera

Dati tecnici essenziali e prestazioni al punto nominale secondo i metodi “Liquido Sottoraffreddato” e CECOMAF

BOLLETTINO TECNICO Questo documento contiene esclusivamente tutti i dati tecnici caratteristici del compressore:

Codice Doc. MP01IC

Vista esterna compressore con indicate le dimensioni principali

Caratteristiche meccaniche

Caratteristiche elettriche motore e componenti elettrici

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 11 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

DOCUMENTAZIONE TECNICA

1.4

Schema dei collegamenti elettrici

Grafici di “Quantità di gas pompato”, “Corrente assorbita”, “Potenza assorbita”, “Potenza frigorifera”, in funzione delle temperature di evaporazione (entro il campo caratteristico) e di due o più temperature di condensazione.

CATALOGO COMPONENTI ELETTRICI Il catalogo è stato realizzato principalmente per permettere l’identificazione dei componenti elettrici da corredare al Modello di compressore e alla sua Distinta base. Le informazioni contenute nel catalogo sono:

1.5

Riferimento del Modello compressore e Distinta base.

Dati caratteristici elettrici del compressore (Tipo del motore, Ampere di corto circuito LRA, Resistenze ohmiche del motore elettrico).

Codici Fornitori, Codici Aspera e dati caratteristici di relè e protettori.

Codici Aspera e dati caratteristici degli eventuali condensatori di marcia e avviamento.

Codici Aspera degli eventuali Gruppi morsettiera o dei Gruppi box.

MANUALE COMPRESSORI Il manuale è stato realizzato per fornire al cliente tutte quelle informazioni utili per approfondire la conoscenza del compressore e dei suoi componenti e per indirizzare sulla corretta applicazione dei compressori con i vari gas refrigeranti.

1.6

CATALOGO ELETTRONICO Il catalogo elettronico è disponibile sul nostro sito web “www.embraco.com”.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 12 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI GENERALI

2

INFORMAZIONI GENERALI

2.1

GAMMA COMPRESSORI Nella Tabella 1 sono indicati i tipi di refrigeranti impiegati nei compressori disponibili a catalogo, per ciascuna serie ed in funzione delle differenti applicazioni. Tabella 1

Serie Compressori - Applicazioni - Refrigeranti SERIE

EM BP NB NE T J

TIPO DI APPLICAZIONE LBP

R134a - R600a R134a - R600a R134a - R600a - R404A R507 R22 - R134a - R404A - R507 R290 R22 - R134a - R404A - R507 R290 R22 - R134a - R404A - R507

MBP

HBP

AC

– –

– R134a

– –

R404A - R507 R22 - R134a R22 - R134a R290 R22 - R134a R404A - R507 R290 R404A - R507 R22 - R134a R404A - R507

– R22 - R407C R22 - R407C R22 - R407C

I modelli disponibili nelle varie esecuzioni, le prestazioni termodinamiche ed elettriche, le dimensioni esterne ed i componenti elettrici omologati sono riportati nei Cataloghi Generali, nei Bollettini Tecnici, nel Catalogo Elettronico e nel Catalogo Componenti Elettrici, che sono a complemento del presente Manuale.

APPLICAZIONI

2.2 Tabella 2

Applicazioni SIGLA

LBP

MBP

MBP/ HBP HBP

AC

Codice Doc. MP01IC

DESCRIZIONE

Bassa temperatura di evaporazione (Low Back Pressure) Adatti ad applicazioni con temperature di evaporazione di lavoro inferiori a –20 °C. Frigoriferi - Freezers - Conservatori - Banchi per surgelati - Vetrine - ecc. Media temperatura di evaporazione (Medium Back Pressure) Adatti ad applicazioni con temperature di evaporazione di lavoro superiori a –20 °C. Conservatori per alimenti freschi - Raffreddatori di bevande - Fabbricatori di ghiaccio - ecc. Alta temperatura di evaporazione (High Back Pressure) Adatti ad applicazioni con temperature di evaporazione di lavoro superiori a –15 °C. Conservatori per alimenti freschi - Raffreddatori di bevande - Fabbricatori di ghiaccio - Deumidificatori - ecc. Aria condizionata (Air Conditioning) Adatti ad applicazioni con temperature di evaporazione di lavoro positive. Condizionatori d’aria - Pompe di calore - Deumidificatori. Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 13 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI GENERALI

CLASSIFICAZIONE COPPIE DI AVVIAMENTO

2.3

La Tabella 3 descrive le tipologie riguardanti la coppia caratteristica di avviamento dei motori elettrici dei compressori Aspera e Embraco prodotti dall’Embraco Europe. Tabella 3

Classificazione Coppie di Avviamento Motori Elettrici SIGLA

LST

HST

DESCRIZIONE

Bassa coppia di avviamento (Low Starting Torque) Applicazioni Motori elettrici LBP, MBP, HBP, AC RSIR, RSCR, PSC Per sistemi a capillare con pressioni equilibrate all’avviamento. Alta coppia di avviamento (High Starting Torque) Applicazioni Motori elettrici LBP, MBP, HBP CSIR, CSR Per sistemi con espansione valvola/capillare, con pressioni squilibrate all’avviamento.

TIPOLOGIA MOTORI ELETTRICI

2.4

La Tabella 4 descrive la tipologia dei motori elettrici impiegati nei compressori Aspera. Tabella 4

Tipologia motori elettrici SIGLA

RSIR

CSIR

RSCR

PSC

Codice Doc. MP01IC

DESCRIZIONE

Avviamento resistivo e marcia induttiva (Resistive Start - Inductive Run) Questo tipo di motore, impiegato sui compressori di piccola potenza, ha bassa coppia di avviamento (LST) e deve essere utilizzato solo su sistemi a capillare dove le pressioni si autoequalizzano. Il motore è caratterizzato da un avvolgimento di avviamento con elevata resistenza ohmica e deve essere scollegato quando raggiunge il numero di giri regime. A seconda dei motori, lo scollegamento avviene mediante un relè elettromagnetico, tarato per la corrente caratteristica del motore, o mediante un Avviatore PTC allo stato solido. Avviamento capacitivo e marcia induttiva (Capacitive Start - Inductive Run) Simile al motore RSIR ma con differente avvolgimento di avviamento in serie ad un condensatore di avviamento di capacità appropriata, per ottenere un’elevata coppia di spunto. Avviamento resistivo e marcia capacitiva (Resistive Start - Capacitive Run) Simile al motore RSIR nella versione con avviatore PTC allo stato solido, con un condensatore di marcia permanentemente inserito per migliorare l’efficienza. Marcia Capacitiva (Permanent Split Capacitor) Questo motore, usato comunemente nei compressori AC, ha l’avvolgimento di avviamento in serie con un condensatore (condensatore di marcia); gli avvolgimenti di marcia e di avviamento restano entrambi inseriti durante il funzionamento del motore. La coppia di avviamento è sufficiente a garantire le partenze solo con pressioni equilibrate, per sistemi a capillare o con equalizzatore delle pressioni. Con l’aggiunta di un opportuno condensatore di avviamento e relè di avviamento a tensione il motore diventa un CSR: per il limitato aumento di coppia si consiglia comunque di utilizzare anche la connessione CSR su applicazioni con pressioni equilibrate all’avviamento. Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 14 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI GENERALI SIGLA

CSR

DESCRIZIONE

Avviamento e marcia capacitivi (Capacitive Start & Run) Motore con un condensatore di marcia e un condensatore di avviamento in parallelo tra loro ed entrambi in serie con l’avvolgimento di avviamento. Un relè di avviamento a tensione, tarato per ciascun motore, sconnette il condensatore di avviamento al termine della fase di partenza. Motore caratterizzato da elevata coppia di spunto (HST) e alta efficienza. Avvolgimenti trifase con connessioni a stella

ALIMENTAZIONE

2.5

Nella seguente Tabella 5 sono indicate le varie tensioni e frequenze nominali, i corrispondenti campi di funzionamento e le minime tensioni di avviamento dei compressori. Per le pressioni di avviamento vedere par. 7.1.6 - Condizioni di partenza a pagina 82. ATTENZIONE: Non tutte le versioni sono disponibili su tutti i compressori. Per le differenti tensioni e frequenze previste per ciascun modello e ciascun tipo di refrigerante consultare i Cataloghi Compressori Aspera. Per la disponibilità delle varie versioni chiedere sempre conferma alla Direzione Vendite-Marketing dell’Embraco Europe.

Tabella 5

Tensioni e frequenze

CODICE CAMPO TENSIONE DI ASPERA TENSIONE - CORRENTE FREQUENZA - FASE(1) FUNZIONAMENTO @ 50 HZ @ 60 HZ

MINIMA TENSIONE DI AVVIAMENTO @ 50 HZ @ 60 HZ

A C D G J K M N Q T U V W

187 V 187 V 170 V 85 V 170 V 170 V 323 V 170 V 85 V 187 V

220-240 V 50 Hz 1~ 220 V 50 Hz 1~ 208-230 V 60 Hz 1~ / (200 V 50 Hz 1~) 115 V 60 Hz 1~ / (100 V 50 Hz 1~) 230 V 60 Hz 1~ / (200 V 50 Hz 1~) 200-220 V 50 Hz 1~ / (230 V 60 Hz 1~) 380-420 V 50 Hz 3~ / (440-480 V 60 Hz 3~) 200-240 V 50 Hz 1~ / (230 V 60 Hz 1~) 100 V 50/60 Hz 1~ 220-230 V 50 Hz 1~ 220 V 60 Hz 1~ 230 V 50 Hz 1~ 220 V 50/60 Hz ~

198 V ÷ 254 V 200 V ÷ 244 V 180 V ÷ 220 V 90 V ÷ 110 V 180 V ÷ 220 V 180 V ÷ 234 V 332 V ÷ 445 V 180 V ÷ 254 V 90 V ÷ 110 V 198 V ÷ 244 V

187 V ÷ 244 V 103 V ÷ 127 V 207 V ÷ 253 V 207 V ÷ 253 V 396 V ÷ 509 V 207 V ÷ 253 V 90 V ÷ 110 V

200 V ÷ 242 V 207 V ÷ 253 V 195 V 200 V ÷ 242 V 200 V ÷ 242 V 187 V

(1) I campi tensione/frequenza indicati tra parentesi potrebbero non essere inclusi tra quelli approvati dalle Agenzie.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 15 - 98

177 V 98 V 195 V 195 V 374 V 195 V 85 V 187 V 187 V


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI GENERALI

COMPONENTI ELETTRICI FORNITI A CORREDO DEL COMPRESSORE

2.6

I componenti elettrici previsti per ciascun tipo di motore elettrico sono indicati nella seguente Tabella 6 e sono normalmente forniti a corredo del compressore. Eccezionalmente e solo per alcune esecuzioni speciali concordate con il cliente, alcuni componenti elettrici non vengono forniti a corredo del compressore. Tabella 6

Componenti elettrici TIPO MOTORE

PROTETTORE

RELÈ A CORRENTE

RSIR CSIR RSCR PSC CSR 3Ø

SI SI SI SI SI SI

SI(1) SI

AVVIATORE RELÈ A TENSIONE

CONDENSATORI PTC

AVVIAMENTO

MARCIA

SI(1) SI SI SI

SI

SI SI SI

(1) Per alcuni modelli di compressori della serie NB RSIR l’avviatore può essere in alternativa dei tipi a corrente elettromagnetico oppure PTC. Per i compressori della serie BP e EM RSIR l'avviatore standard è del tipo PTC. Solo alcuni modelli speciali BP HBP prevedono il relè a corrente elettromagnetico

Vedere il “Catalogo Componenti Elettrici” per l’esatta definizione dei componenti forniti.

TIPI DI RAFFREDDAMENTO DEL COMPRESSORE

2.7

La Tabella 7 elenca i vari tipi di raffreddamento previsti per ciascun modello di compressore, come indicato sui Cataloghi Compressori e sui Bollettini Tecnici. Per informazioni sulla corretta installazione e raffreddamento del compressore consultare il paragrafo 6.10 - Raffreddamento Compressore. Tabella 7

Tipi di raffreddamento SIGLA

S

F

OC

Codice Doc. MP01IC

DESCRIZIONE

Ventilazione statica (Static Cooling) Il compressore non necessita di ventilazione forzata, ma deve essere installato in modo da permettere all’aria ambiente di esercitare un’azione di raffreddamento sufficiente ad evitare surriscaldamenti. Ventilazione forzata (Fan Cooling) Il compressore necessita di ventilazione forzata tramite l’impiego di un motoventilatore, dimensionato come indicato nel capitolo 6.10 - Raffreddamento Compressore. Con raffreddatore olio (Oil Cooling) Serpentina posizionata nella parte inferiore interna della scatola, immersa nell’olio di lubrificazione, nella quale viene fatto circolare il gas proveniente dalla prima parte del circuito del condensatore.

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 16 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI GENERALI

TARGHETTE COMPRESSORI - DATI DI IDENTIFICAZIONE

2.8 Legenda 1

Dati di identificazione riportati in targhetta: 1 2 3 4 5 6 7

Figura 1

Tipo compressore (vedi Figura 5a) Distinta base (vedi Figura 6) Tensione, frequenza, fasi Corrente assorbita (quando prevista) Corrente a rotore bloccato (quando prevista) Numero progressivo Codice data di fabbricazione (vedi Figura 7)

8 9 10 11 12 13

Refrigerante Marchi di Approvazione Digit di controllo Tipo e quantità dell’olio Data fabbricazione (gma) o Codice Data Paese di fabbricazione (Italy, Slovakia)

Targhette metalliche (utilizzate fino al 2001) aT001

1

MADE IN THERMALLY PROTECTED

13

6

Figura 2

7

2

3

4

3

5

3

8

9

Targhette adesive aT003

1 THERMALLY PROTECTED

5

9

3

8 13

2

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

3

R 134a

NO START WITHOUT STARTING DEVICE

12

6

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 17 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI GENERALI

Targhette adesive compressori Serie NB - NE

Figura 3

Aspirazione destra

aT005

Aspirazione sinistra

aT006

SUCTION MADE IN ITALY THERMALLY PROTECTED 3 4

2

10

4

2123

11

5

2

10

11

R 134a

R 134a 9

9

6

Figura 4

1

3 5

2123

SUCTION MADE IN ITALY THERMALLY PROTECTED

1

6

Targhette adesive compressori Serie BP aT009

MADE IN ITALY

1

THERMALLY PROTECTED

SUC

TION

2 3 4

2120

10 6

5

11 8 9

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 18 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI GENERALI

Figura 5a

Codice Tipo compressore aCC001

BP E 1058 Y TIPO REFRIGERANTE ED EVENTUALI VARIANTI DI PROGETTO

SERIE BP-NB-NE-T-J

A-B-C-D E-F-G

LIVELLO EFFICIENZA M

Prima generazione

K

Seconda generazione

T

Terza generazione

U

Quarta generazione

E

Nuovo livello standard di efficienza migliorato (sostituisce i livelli Standard e Prima generazione)

K-J-L M-N P R S-T U V Y Z - ZH - H ZX GE - GF - GG GJ - GK

APPLICAZIONE 1. LBP - LST 2. LBP - HST 3. LBP - LST - Oil Cooler 4. LBP - HST - Oil Cooler 5. HBP - LST o MBP - LST 6. HBP - HST o MBP - HST 7. AC 9. MBP/HBP - HST

GS GP

R12 monofase R22 monofase R502 monofase R12 trifase R22 trifase Recupero di refrigerante R502 trifase R290 monofase R290/R600a monofase R600a monofase R134a monofase R134a trifase R407C monofase R404A monofase R404A trifase R407C trifase

RESA FRIGORIFERA La prima cifra indica il numero degli zeri da aggiungere ai due numeri successivi per ottenere la resa nominale in kcal/h a 50 Hz. (nell esempio indicato la resa 58 kcal/h).

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 19 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI GENERALI

Figura 5b

Codice Tipo compressore Serie EM aCC002

EM S 36 H L P SERIE

COMPONENTI ELETTRICI

EM

R P

Relè PTC + Condensatore Marcia

C X

fornito solo a richiesta PTC + Condensatore Marcia Relè + Condensatore Avviamento

LIVELLO EFFICIENZA S Standard T U Y Z

Prima Generazione Seconda Generazione Terza Generazione Quarta Generazione

APPLICAZIONE L H

LBP HBP

RESA FRIGORIFERA Capacit in Btu/h diviso 10, riferita al punto nominale (ASHRAE) e riferita alla frequenza indicata in targhetta (50 Hz o 60 Hz).

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

TIPO REFRIGERANTE Blank H C

Revisione 02

R12 R134a R600a

Data 2004-09

Pagine 20 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI GENERALI

Figura 6

Codice distinta base compressore aCC003

DISTINTA BASE COMPLETA (Riportata su documenti di spedizione e fatture) DISTINTA BASE SU TARGHETTA COMPRESSORE

284B A5012AB TIPO-SERIE-CLASSE MODELLO ALIMENTAZIONE VARIANTE ESTERNA COMPONENTI ELETTRICI ACCESSORI IMBALLO

Figura 7

Codice data di fabbricazione

AB MESE

ANNO DA SETTEMBRE A AGOSTO DELL’ANNO SUCCESSIVO

A= B= C= D= E= F=

Codice Doc. MP01IC

SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE GENNAIO FEBBRAIO

Emissione 1999-10

G= H= J = K= L= M=

MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO

W= X= Y= Z= A= B= C= D= E= F= G= H=

Revisione 02

1985 / 86 1986 / 87 1987 / 88 1988 / 89 1989 / 90 1990 / 91 1991 / 92 1992 / 93 1993 / 94 1994 / 95 1995 / 96 1996 / 97

Data 2004-09

J = K= L= M= N= P= R= S = T= U= V=

1997 / 98 1998 / 99 1999 / 2000 2000 / 2001 2001 / 2002 2002 / 2003 2003 / 2004 2004 / 2005 2005 / 2006 2006 / 2007 2007 / 2008

Pagine 21 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI GENERALI

SCHEMI ELETTRICI

2.9

Nelle pagine seguenti sono rappresentati gli schemi elettrici di tutte le esecuzioni componenti elettrici fornite con i compressori. Negli schemi elettrici, tutte le linee continue rappresentano i collegamenti già facenti parte dei componenti elettrici e dei cablaggi (come forniti al cliente), mentre le linee tratteggiate sono i collegamenti al termostato, alla linea di alimentazione, all’eventuale motoventilatore, ecc. che devono essere eseguiti dal Cliente. Le viti di connessione su protettore, relè, morsettiera e prese di terra sono fornite avvitate ad una coppia di 0,1 ÷ 0,3 Nm (1 ÷ 3 kgcm). Il serraggio finale delle viti durante il cablaggio dell’impianto elettrico può essere effettuato applicando una coppia di 0,5 ÷ 1 Nm (5 ÷ 10 kgcm). In ogni caso, la coppia di serraggio delle viti di connessione deve essere in accordo con quanto prescritto dalle normative IEC 685-2-2 e CEI 23-21 e dei recepimenti a livello nazionale. Legenda 2

Legenda schemi elettrici

Protettore termico Protettore termico integrato Protettore termico PSC S

R

1

4

3

5

2

1

S

R

Avviatore relè a corrente

S

R

1

2

Avviatore relè a corrente 3CR

5

2

4

4

Avv. relè a corrente con attacchi cond. Avviatore relè a tensione 3ARR3

1

Avviatore PTC Condensatore di Marcia

Condensatore d’Avviamento

Condensatore di Marcia opzionale M

Motoventilatore Lampada

Pulsante

C

C

Motore trifase R

S

S

Pressostati di Bassa-Alta Pressione

Motore monofase R

Termostato

Presa di Terra Alimentazione Trifase

Circuito Pilota 24 o 220 V

Alimentazione Monofase

L

N

1

C

Comune

C'

Comune (Protettore Termico Interno)

R

Marcia

S

Avviamento

Morsettiera Wh Cavo Bianco Bl Cavo Blu YG Cavo Giallo - Verde

Br Cavo Marrone Bk Cavo Nero Re Cavo Rosso

Collegamenti a cura del cliente (non forniti)

Collegamenti già previsti

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 22 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI GENERALI

Tabella 8

Schemi elettrici SERIE

EM BP NB BP T NB NE T NB NE NB T J

TIPO MOTORE

RSIR RSIR RSCR RSIR CSIR RSIR CSIR RSIR CSIR RSIR CSIR RSIR Ptc RSCR Ptc PSC CSR CSR Box

T J

CSR Box CSIR

T J

CSIR CSIR Box

T J

CSIR Box CSIR Box

J 3 PHASE

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

ESECUZIONE COMPONENTI ELETTRICI

FIG.

Morsettiera faston (avviatore PTC e protettore) Standard (avviatore integrato PTC e protettore) Standard (avviatore integrato PTC, protettore e condensatore di marcia) Standard (relè a corrente e protettore) Standard (relè a corrente, protettore e condensatore avviamento) Nuovo scarico a trazione (relè a corrente e protettore) Nuovo scarico a trazione (relè a corrente, protettore e condensatore avviamento) Vecchia morsettiera (relè a corrente e protettore) Vecchia morsettiera (relè a corrente, protettore e condensatore avviamento) Nuova morsettiera (relè a corrente e protettore) Nuova morsettiera (relè a corrente, protettore e condensatore avviamento) Nuova morsettiera (avviatore PTC e protettore) Nuova morsettiera (avviatore PTC, protettore e condensatore di marcia) Standard (protettore esterno e condensatore di marcia) Standard (relè 3ARR3/RVA, protettore est., condens. marcia/ avviam.) Box (relè 3ARR3/RVA, protettore interno, condens. marcia/ avviam.) Box (relè 3ARR3/RVA, protettore esterno, condens. marcia/ avviam.) Standard (relè a corrente 3CR/3ARR2, protettore e condens.avviam.) Standard (relè a corrente 3CR/3ARR2, protettore e condens. avviam.) Box (relè a corrente 3CR/3ARR2, protettore e condens. avviamento) Box (relè a corrente 3CR/3ARR2, protettore e condens. avviamento) Box (relè voltmetrico 3ARR3/RVA, protettore est. e condens. avviam.) Standard (protettore interno)

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 23 - 98

8

9 10 10

11

12

13

14

15

16

17 18 19


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI GENERALI

Schemi elettrici compressori Serie EM – RSIR

2.9.1

I collegamenti elettrici sulla morsettiera possono essere effettuati sui faston maschio da 4,76 mm (3/16") e sulle viti M 3,5 × 6 presenti sui tre morsetti L1-N-Terra. Connessione su presa di terra compressore con faston da 4,76 mm. Figura 8

Versione RSIR morsettiera faston con avviatore PTC RSIR

aSE010

C

1

2

S

R

3

2 1

L1

N

3

L2

Schemi elettrici compressori serie BP-NB-BPE-BPM-BPK-NBM-NBKNBT-NBV – RSIR-RSCR

2.9.2

Versioni standard che permettono collegamenti elettrici sui terminali faston maschio da 4.76 mm (3/16") su protettore, avviatore PTC, piastrina di terra; con vite M3.5 sui morsetti avviatore PTC e presa terra compressore. Figura 9

Versioni standard RSIR e RSCR RSIR

aSE020

1 3

2

L

N C R

S 2

RSCR (condensatore marcia obbligatorio) t°

1 3

aSE030

RSCR (condensatore marcia opzionale) t°

2

L

N

1 3 L

S

S

R

Emissione 1999-10

N R

2

2

Codice Doc. MP01IC

2

C

C

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 24 - 98

aSE040


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI GENERALI

Schemi elettrici compressori serie BP-T-NB-NE (comp. elettrici senza morsettiera) – RSIR-CSIR

2.9.3

Sono le versioni di base che permettono collegamenti elettrici con occhielli di foro 4 mm su protettore, relè di avviamento e presa di terra compressore. Figura 10

Versioni standard RSIR e CSIR RSIR

aSE050

1

C

CSIR

aSE060

1

C

2

2 3

3

S

M

R

1

S

R

1

2

M

Schemi elettrici compressori serie T (comp. elettrici con morsettiera) – RSIR-CSIR

2.9.4

Permettono collegamenti elettrici su morsettiera, disponibile in due versioni: 1. connessioni a vite su morsettiera e presa di terra per occhielli di foro 4 mm 2. connessioni faston maschi da 4.76 mm (3/16") più una vite M3.5 per ciascun terminale su morsettiera, presa di terra per occhiello foro 4mm. Figura 11

Versioni morsettiera RSIR e CSIR RSIR

aSE070

C

1

CSIR

2

aSE080

C

1

2 3

1

1

3 M

1

S

R

1

2

M N

R

N

S

L

L

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 25 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI GENERALI

Schemi elettrici compressori serie NB-NE (comp. elettrici con morsettiera) – RSIR-CSIR

2.9.5

Permettono collegamenti elettrici su morsettiera dotata di connessioni faston da 4,76 mm (3/16”) più una vite M3,5 per i terminali L-N-Terra. Figura 12

Versioni morsettiera RSIR e CSIR RSIR

aSE230

C

1

CSIR

2

aSE231

C

1

S

R

1

1

2

N

R N

S

L

3 L

3

2

1

1

Schemi elettrici compressori serie NB (comp. elettrici con morsettiera) – RSIR-RSCR

2.9.6

Permettono collegamenti elettrici su morsettiera dotata di connessioni faston da 4,76 mm (3/16”) più una vite M3,5 per i terminali L-N-Terra. Figura 13

Versioni morsettiera RSIR e RSCR con avviatore PTC RSIR PTC C

aSE200

1

RSCR PTC

2

C

aSE201

1

R

S

R

3

2 1

3

2 1

N

S

N

L

3 L

3

2

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

1

1

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 26 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI GENERALI

Schemi elettrici compressori serie NE-T-J – PSC-CSR

2.9.7

Collegamenti elettrici effettuabili su terminali faston maschio da 6.35 mm (1/4") del terminale ermetico e condensatori; per le viti sul relè di avviamento, protettore e presa di terra su compressore con connessioni con occhielli foro 4 mm. Figura 14

Versioni PSC e CSR PSC

CSR

aSE120

1

aSE130

2 1

C

3

2

C'

C

5

2

3 S

M

S

4

R

4

1

R M

Schemi elettrici compressori serie NE-T-J – CSR BOX

2.9.8

Collegamenti elettrici effettuabili con terminali a occhiello con foro 4 mm per le viti sul relè di avviamento e le viti di terra su box e su compressore. Figura 15

Versioni CSR BOX con protettori interno e esterno CSR BOX

aSE140

WH

1

2 3

S

C'

C

BK

5

2

RD

4

R

4

1

GNYE

M

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 27 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI GENERALI

Schemi elettrici compressori serie T-J – CSIR

2.9.9

Collegamenti elettrici effettuabili su terminali faston maschio da 6.35 mm (1/4") sul relè, condensatore avviamento e terminale ermetico; connessioni con occhielli con foro da 4 mm per il protettore e la presa di terra del compressore. Figura 16

Standard CSIR (con relè T.I. 3CR o G.E. 3ARR2) CSIR

aSE150

M

1

M

2 Bk

1

2

3 S

C

L

S

R

Schemi elettrici compressori serie T-J – CSIR BOX

2.9.10

Collegamenti elettrici effettuabili su terminali faston maschio da 6.35 mm (1/4") sul relè, condensatore avviamento e terminale ermetico; connessioni con occhielli con foro da 4 mm per il protettore e la presa di terra del compressore. Figura 17

CSIR BOX (con relè T.I. 3CR o G.E. 3ARR2) CSIR BOX

aSE160

M

1

M

BK 1

2

3 S

Emissione 1999-10

C

L

WH

Codice Doc. MP01IC

GNYE

2 BK

Revisione 02

S

Data 2004-09

RD

R

Pagine 28 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI GENERALI

Schemi elettrici compressori serie J – CSIR BOX

2.9.11

Collegamenti elettrici effettuabili con terminali a occhiello con foro da 4 mm per le viti sul relè di avviamento e le viti di terra su box e su compressore. Figura 18

CSIR BOX (con relè G.E. 3ARR3 o AMF RVA) CSIR BOX

aSE170

1

WH

2

C'

BK

5

C

3 S

2

RD

4

R

4

1

GNYE

M

TRIFASE

2.9.12

Collegamenti elettrici effettuabili su terminali faston maschio da 6,35 mm (1/4") del terminale ermetico; collegamento con occhielli da 4 mm su prese di terra. Figura 19

TRIFASE aSE180

C

S

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

R

Data 2004-09

M

Pagine 29 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

CONDIZIONI DI FORNITURA COMPRESSORI

CONDIZIONI DI FORNITURA COMPRESSORI

3

ISOLAMENTO ELETTRICO

3.1

Tutti i compressori sono sottoposti ad una prova ad alta tensione per la verifica dell’isolamento elettrico verso massa e la rigidità dielettrica e superano i limiti di accettabilità armonizzati con quelli più severi richiesti dalle seguenti normative: •

CENELEC HD 277.S1 + HD 251.S3

IEC 335-2-34 + 335-1

VDE 0700 Teil 1 + Teil 34

BS 3456 - Par.3 - Sect.3-18

EN 60335-2-34 - EN 60335-1

UL 984

GRADO DI PROTEZIONE “IP”

3.2

Il grado di protezione dei componenti elettrici a corredo dei compressori è indicato nella Tabella 9 in accordo alle normative:

Tabella 9

IEC 529

EN 60529

Gradi IP SERIE GRADO “IP”

3.3

T IP 31

NB – NE – BP – EM IP 32

NE (AC) – T (AC) – J IP 33

RESISTENZA ALLO SCOPPIO INVOLUCRO COMPRESSORE Gli involucri metallici dei compressori sono dimensionati in modo da superare ampiamente le prove di pressione prescritte dalle seguenti normative:

Codice Doc. MP01IC

IEC 335-2-34

EN 60335-2-34

UL 984

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 30 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

CONDIZIONI DI FORNITURA COMPRESSORI

DISIDRATAZIONE

3.4 Tabella 10

Valori massimi di umidità residua SERIE

VALORI MASSIMI DI UMIDITÀ RESIDUA

EM-BP-NB-NE T J

3.5

60 mg H2O 80 mg H2O 90 mg H2O

VERNICIATURA Smalto nero all’acqua con resistenza alla corrosione 240 ore (prova in atmosfera umida - ambiente 43 °C e umidità relativa 100% - secondo la norma ASTM D 2247). I compressori sono forniti con le estremità dei tubi, il terminale ermetico per le connessioni elettriche e la presa di terra non verniciati.

3.6

PRESSURIZZAZIONE COMPRESSORE Il compressore è pressurizzato ad una pressione superiore a 0,2 bar con aria secca (punto di rugiada inferiore a –40 °C); i tubi di connessione sono sigillati con tappi in gomma per garantire la tenuta della pressurizzazione. I compressori per idrocarburi sono forniti senza pressurizzazione.

3.7

CARICA DI OLIO LUBRIFICANTE La Tabella 11 riporta gli olii lubrificanti impiegati nelle varie serie di compressori, nelle quantità indicate su Cataloghi Generali e Bollettini tecnici; solo in casi eccezionali da concordare con la Direzione Vendite, i compressori possono essere forniti senza olio. Per motivi di garanzia, l’eventuale aggiunta o sostituzione dell’olio lubrificante da parte del Cliente dovrà essere effettuata dietro approvazione dell’Embraco Europe. Una “O” colorata timbrata sul coperchio del compressore indica la presenza e il tipo di olio (per colore e tipo olio vedere Tabella 11). Il massimo contenuto di umidità nell’olio è di 30 p.p.m.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 31 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

CONDIZIONI DI FORNITURA COMPRESSORI

Tabella 11

Olii Lubrificanti Impiegati nei Compressori TIPO OLIO SERIE

Produttore

Viscosità a 40 °C - cSt

TIMBRO(1)

Marca

Tipo

Tutti i modelli per R22(4) Fuchs

Reniso EM46

sintetico alchilbenze- 46 nico

Azzurro

Tutti i modelli per R 22 AC

Avilub FC32 Avilub FC68AF

minerale

32

Bianco

minerale

68

Verde

poliolestere 22

Giallo

poliolestere 10

(3)

minerale

15

Rosa

minerale

10

Arancione

minerale

7

Rosso

Bantleon

Tutti i modelli per R 290 Bantleon Tutti i modelli per R 134a, R 404A, R 407C(2) EMS – EMT – NBT (R 134a) BP – BPM – NBM (R 600a) BPK – BPE – NBT (R 600a) NBU (R 600a) (1) (2) (3) (4)

Emkarate RL22HB

ICI ICI Bantleon Bantleon Bantleon

Emkarate RL10H Avilub FCA 15EP Avilub FCA 10EP Avilub FCA 7EP

Colore della “O” timbrata sul coperchio compressore. Eccetto: EMS – EMT – NBT. Eccezione per EM: nessuna “O” colorata, ma timbratura rettangolare bianca sul coperchio compressore. Eccetto modelli R22 AC.

MINIMA QUANTITÀ DI OLIO AMMESSA

3.8

Le minime quantità di olio nel compressore che garantiscono ancora una corretta lubrificazione sono indicate in Tabella 12: Tabella 12

Minima Quantità Olio SERIE OLIO cm3 min.

BP 100

EM 130

NB 150

NE 200

T 300

J 500

Quantità di olio inferiori al minimo ammesso non permettono l’innesco della pompa olio con conseguenti usure e grippaggi degli organi meccanici.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 32 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

CONDIZIONI DI FORNITURA COMPRESSORI

VERSIONI SPECIALI

3.9

Tutti i compressori in versione speciale, che non sono indicati a catalogo o sono prodotti dietro specifica richiesta di clienti, possono non essere disponibili; nella seguente Tabella 13 sono elencate tutte le esecuzioni speciali previste per ciascuna serie di compressori. Per la disponibilità delle versioni in tabella o la fattibilità di altre versioni speciali non citate, consigliamo di contattare la Direzione Vendite Embraco Europe. Tabella 13

Esempi di Versioni Speciali SERIE

DESCRIZIONE

Compressore con staffa sul coperchio, per il fissaggio della vaschetta di raccolta EM – BP dell’acqua di condensa di sbrinamento. Compressore con staffe base di tipo Universale (4 fori diam. 19,05 mm con inteNB – NE(1) rassi di 101,6 × 165 mm) e diametro interno tubi in pollici. Compressore senza tubo di aspirazione ma con attacco filettato per valvola rotaJ lock, non fornita Compressore senza tubo di aspirazione ma con attacco filettato per valvola rotaJ lock, fornita non montata con relativa guarnizione. Tutte le serie Compressore senza la carica dell’olio lubrificante. Tutte le serie Compressore senza ammortizzatori in gomma e senza boccole. (1) Non esistente per tutti i modelli. Richiedere disponibilità alla Direzione Vendite.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 33 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

IMBALLAGGIO COMPRESSORI

4

IMBALLAGGIO COMPRESSORI

4.1

IMBALLO A PERDERE MULTIPLO IN CARTONE Questo tipo di imballo è costituito da scatole di cartone, reggettate su pedane in legno, contenenti uno o più strati di compressori nelle quantità indicate in Tabella 14, con dimensioni di base di 830 mm × 1130 mm ed altezza variabile secondo il modello di compressore. Per spedizioni oltremare o comunque quando si prevedono trasporti difficoltosi, è prevista la applicazione sull’imballo standard di una protezione (fianchi e coperchio) in legno compensato, assicurata con reggettature. Tabella 14

Caratteristiche Imballi Multipli in Cartone SERIE

IMBALLO TIPO 1 SCATOLA + PEDANA (Figura 20)

IMBALLO TIPO 2 SCATOLE + PEDANA (Figura 21)

60 compressori

120 compressori

36 compressori

72 compressori

36 compressori

BP – EM NB – NE T J Figura 20

1 Scatola + Pedana

;; ;;;; ;; ;;; ; ;; ;;;

aIMA01

MADE IN ITALY

Figura 21

2 Scatole + Pedana

aIMA02

; ;;;; ;;;;;; ;;;; ;;; ; ;;;

MADE IN ITALY

MADE IN ITALY

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 34 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

IMBALLAGGIO COMPRESSORI

Stampigliatura dati di identificazione compressore

4.1.1

Su due lati di ogni imballo sono riportati, con stampigliatura, i seguenti dati: Figura 22

Stampigliatura

NB6144Z - 284BA50 - 36 - 220-240V 50Hz - 13 A 5 6 1

2

3

4

Legenda 3

1. Sigla modello compressore (vedere anche Figura 5a) 2. Sigla distinta base (vedere anche Figura 6) 3. Quantità compressori contenuti Figura 23

4. Tensione e frequenza 5. Codice data di imballaggio (vedere esempio seguente)

Codice Data Imballaggio

13 A

TURNO (A; B; C)

Emissione 1999-10

6 MESE (1 ÷ 12)

GIORNO

Codice Doc. MP01IC

5

Revisione 02

ANNO (5 = 1995)

Data 2004-09

Pagine 35 - 98

5


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

IMBALLAGGIO COMPRESSORI

IMBALLO RIUTILIZZABILE MULTIPLO IN LEGNO

4.2

Questo tipo di imballo è costituito da una pedana di base di 790 mm × 1200 mm sulla quale sono posizionati gli elementi componenti l’imballo ed i vari strati di compressori come indicato di seguito, il tutto assicurato con reggettature alla pedana di base (vedere Figure 24, 25, 26). Legenda 4

A B C D

PEDANA BASE

Sulla quale è posizionata la base. Sulla quale è posizionato il primo strato di compressori. Sui quali sono posizionati i successivi strati, in quantità variabile secondo INTERMEDI la serie di appartenenza del compressore, come indicato in Tabella 15. Elemento di chiusura superiore dell’imballo. TOP

Questo tipo di imballaggio, creato per soddisfare le leggi europee sul riciclo degli imballi, comporta la restituzione all’Embraco Europe di tutti i componenti, per il loro riutilizzo. Essi dovranno pervenire inoltre ordinati in sequenza invertita (top, intermedi, base, pedana), oppure in gruppi omogenei (tutte le pedane, basi, intermedi e top) ordinati separatamente. Tabella 15

Figura 24

Composizione strati imballo riutilizzabile multiplo legno SERIE

IMBALLO TIPO

BP – EM NB

120 compressori per imballo (6 strati di 20 compressori) Figura 24 100 compressori per imballo (5 strati di 20 compressori) Figura 25 80 compressori per imballo (4 strati di 20 compressori) Figura 26

“BP” – “EM” (120 pezzi) aIM120

D

C

B A

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 36 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

IMBALLAGGIO COMPRESSORI

Figura 25

“BP” – “EM” (100 pezzi) aIM100

D

C

B A

Figura 26

“NB” (80 pezzi) aIM080

D

C

B A

4.2.1

Stampigliatura dati di identificazione compressore Due targhe poste all’esterno dell’imballo riportano stampigliati i dati di riferimento dei compressori imballati. Vedere il paragrafo 4.1.1 per la descrizione dei dati stampigliati.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 37 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

IMBALLAGGIO COMPRESSORI

IMBALLO COMPONENTI ELETTRICI E ACCESSORI

4.3

Componenti elettrici e accessori a corredo dei compressori, sono imballati separatamente dai compressori, in scatole di cartone. All’esterno dell’imballo viene applicata una copia del Buono di Prelievo. Legenda 5

Dati etichetta di imballaggio componenti 1. Distinta base del compressore (completa di componenti elettrici e accessori) 2. Modello compressore 3. Quantità richiesta 4. Nome del cliente 5. Lista dei componenti elettrici e accessori contenuti (codice / descrizione / quantità)

Figura 27

Esempio di Buono di Prelievo AIM008

DOCUMENTO

BUONO DI PRELIEVO EUROPE S.r.l.

NUMERO

STABILIMENTO COD. DISTINTA BASE

DESCRIZIONE MODELLO

Q.T¸ RICH.

CLIENTE

1

2

3

4

MAG.

DESCRIZIONE

COD. DISEGNO

CAUSALE

U.M.

Q.T¸ RICH.

5

ENTE EMITTENTE

Codice Doc. MP01IC

DATA

COMPONENTI ELETTRICI E ACCESSORI

FIRMA RESPONSAB.

Emissione 1999-10

DATA EMISSIONE

ENTE RICEVENTE

Revisione 02

FIRMA RESPONSAB.

Data 2004-09

VISTO

Pagine 38 - 98

Q.T¸ CONS.

DESTINAZIONE

Q.T¸ MANC.


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

IMBALLAGGIO COMPRESSORI

IMBALLO SINGOLO

4.4

Questo tipo di imballo è costituito da una scatola in cartone e da un separatore fustellato interno, atto ad impedire ogni movimento al compressore. I componenti elettrici sono montati sul compressore, mentre ammortizzatori in gomma e boccole sono forniti smontati, contenuti in un sacchetto di polietilene. I modelli CSR-CSIR nella versione con box, hanno alcuni componenti elettrici montati sul compressore (copertura, vite di terra e molla protettore / protettore quando richiesti), mentre gli ammortizzatori in gomma e le boccole sono contenuti in un sacchetto di polietilene. La box assemblata (relè più condensatore/i, completa del gruppo cavi di collegamento) è fornita in imballo separato. Figura 28

Imballo compressore singolo aIM007

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 39 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

MOVIMENTAZIONE, TRASPORTO E STOCCAGGIO COMPRESSORI

5

5.1

MOVIMENTAZIONE, TRASPORTO E STOCCAGGIO COMPRESSORI MOVIMENTAZIONE La movimentazione degli imballi multipli deve essere effettuata esclusivamente tramite forche per mezzo di Transpallet e Carrelli elevatori; è permesso l’accesso ai quattro lati dell’imballo. Si raccomanda l’uso di forche di lunghezza non superiore alla dimensione del lato corto della pedana (830 mm per imballi in cartone a perdere oppure 790 mm per imballi riutilizzabili in legno), per evitare che le forche fuoriuscendo dall’ingombro dell’unità di imballo possano arrecare danni agli imballi adiacenti ed ai compressori contenuti. ATTENZIONE: Gli imballi multipli non devono essere movimentati con gru tramite cavi e ganci. Nessuna responsabilità è da attribuire all’Embraco Europe srl per i danni al prodotto derivanti dall’impiego di mezzi di movimentazione non idonei.

5.2

TRASPORTO Il trasporto di tutti i tipi di imballo deve avvenire con il compressore in posizione verticale (posizione di funzionamento), come indicato dalla freccia verticale posta sui lati della scatola in cartone. Attenersi a questa prescrizione in particolare per gli Imballi singoli, per i quali è più facile il loro rovesciamento. Il trasporto non corretto può causare deformazioni di staffe e serpentine interne, entrata di olio nelle muffole di aspirazione e spostamenti dello statore, con riduzioni del traferro statore/rotore. Le conseguenze in funzionamento possono manifestarsi con deformazioni o rotture delle foglie valvola e delle serpentine, e con problemi di avviamento del motore elettrico.

5.2.1

Spedizioni per container Il trasporto attualmente più usato è tramite container del quale esistono due tipi differenti per capacità e lunghezza: 20’ (6,1 m circa) e 40’ (12,2 m circa). Il container standard usato dall’Embraco Europe è il 20’, che permette, a differenza del 40’, di avere un più elevato rapporto peso-volume e quindi un miglior riempimento del volume interno. La Tabella 16 riporta le caratteristiche del carico: per ciascuna serie di compressori sono indicati gli strati di sovrapposizione delle unità di imballo, il numero ed il tipo di imballo per ciascun strato, il numero totale dei compressori e le informazioni sugli imballi dei componenti forniti a corredo.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 40 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

MOVIMENTAZIONE, TRASPORTO E STOCCAGGIO COMPRESSORI

Tabella 16

Caratteristiche Carico per Container da 20" SERIE

BPEM NB NE(1) T(1) J

PRIMO STRATO SECONDO STRATO TERZO STRATO TOTALE Nº IMBALLI - Nº COMP. Nº IMBALLI - Nº COMP. Nº IMBALLI - Nº COMP. COMPRESSORI

14 - 120

14 - 60

14 - 72 14 - 72 14 - 72 14 - 36 14 - 72 14 - 36

14 - 72 11 - 72(2) 13 - 72(3) 14 - 36 14 - 36 11 - 36(2)

(4)

2.520

(4)

2.016 1.800 1.944 1.260 1.512 900

(4) (4)

7 - 36(4) (4) (4)

(1) La diversa conformazione del carico (1.800 o 1.944 compressori serie NE - 1.260 o 1.512 compressori T) viene scelta in base al rapporto tra il carico massimo in peso del container ed il peso del compressore. (2) Vengono aggiunti 3 imballi che fungono da riempitivo, contenenti tutti i componenti forniti a corredo. (3) Viene aggiunto un imballo che funge da riempitivo, contenente parte dei componenti forniti a corredo. (4) Tipo di carico raramente usato, da evitare per incompletezza del 3° strato. Vengono aggiunti degli imballi contenenti i componenti forniti a corredo dei compressori.

Spedizioni per autocarro

5.2.2

Il trasporto dei compressori per autocarro è il sistema più usato per percorsi autostradali o di breve lunghezza, dove le sollecitazioni sul prodotto sono ridotte. Questo tipo di trasporto, se effettuato senza le opportune cautele sulla stabilità del carico e con percorsi su strade accidentate, può provocare sollecitazioni al compressore con possibili danni alle molle di sospensione e alle serpentine di scarico interne. La composizione del carico è indicata nella Tabella 17: Tabella 17

Caratteristiche Carico per Autocarro SERIE

TIPO UNITÀ DI IMBALLO - NUMERO COMP.

QUANTITÀ IMBALLI

TOTALE COMPRESSORI

Cartone a perdere - 120 Legno a ritornare - 120 Cartone a perdere - 72 Legno a ritornare - 80 Cartone a perdere - 72 Cartone a perdere - 36

28 ÷ 32 28 ÷ 32 28 ÷ 32 28 ÷ 32 28 ÷ 32 28 ÷ 32

3.000 ÷ 3.240 3.000 ÷ 3.120 2.016 ÷ 2.304 2.016 ÷ 2.304 1.512 ÷ 1.728 972 ÷ 1.080

BP-EM BP-EM NE NB T J

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 41 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

MOVIMENTAZIONE, TRASPORTO E STOCCAGGIO COMPRESSORI

POSIZIONI AMMESSE COMPRESSORI DURANTE IL TRASPORTO

5.3

Sul prodotto finito (compressore montato sull’applicazione), condizioni particolari di trasporto dello stesso possono richiedere che il compressore NON si trovi posizionato verticalmente. La Tabella 18 rappresenta le varie possibilità ammesse di trasporto, in alternativa alla posizione verticale; NON SONO AMMESSE tutte le altre posizioni non contemplate nella presente tabella. Tabella 18

Posizioni di trasporto ammesse POSIZIONE SERIE

Diritto

Targhetta sopra

Terminale ermetico sopra

Targhetta sotto

Terminale ermetico sotto

Capovolto

EM

BP

T

NB NE

J

Per la soluzione di eventuali problemi di posizionamento del compressore durante le fasi di montaggio dell’applicazione, consultare l’Assistenza Tecnica della Direzione Vendite. ACCELERAZIONE MASSIMA AMMESSA DURANTE IL TRASPORTO: 1g

Il trasporto per ferrovia è sconsigliato, anche se effettuato correttamente, poiché, durante le manovre, può sollecitare i compressori a decelerazioni tali da causare spostamenti dello statore, deformazioni o rotture di staffe e serpentine interne.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 42 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

MOVIMENTAZIONE, TRASPORTO E STOCCAGGIO COMPRESSORI

STOCCAGGIO

5.4

Lo stoccaggio degli “Imballi multipli” deve essere eseguito limitandone la sovrapposizione a un numero di unità non superiore a quanto prescritto nelle Tabelle 19 e 31. Il numero massimo di unità sovrapponibili è indicato graficamente su due lati delle scatole che compongono l’unità di imballo. Tabella 19

Massima sovrapposizione imballi multipli a perdere in cartone imballo a perdere - 1 scatola + pedana

imballo a perdere - 2 scatole + pedana aIMA015

aIMA023

MAX. Nº 5 UNITÀ

MAX. Nº 3 UNITÀ

; ;;;;;;;; ;;;;;;;; ;;;;;;;; ;;;;;;;; ; ;

MADE IN ITALY MADE IN ITALY

; ;; ;; ;; ;;

MADE IN ITALY

MADE IN ITALY

MADE IN ITALY

MADE IN ITALY

MADE IN ITALY

; ;;;;; ;;;;; ;;;;; ;;;;; ;

MADE IN ITALY

;;; ;;; ;;; ;;;

MADE IN ITALY

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

MADE IN ITALY

; ;;; ;;; ;;; ;;;

MADE IN ITALY

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 43 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

MOVIMENTAZIONE, TRASPORTO E STOCCAGGIO COMPRESSORI

Tabella 20

Massima sovrapposizione imballi multipli riutilizzabili imballo riutilizzabile SERIE “NB” (80 compressori)

imballo riutilizzabile SERIE “BP” (120 compressori)

imballo riutilizzabile SERIE “BP” (100 compressori)

aIM0804

aIM1203

MAX. Nº 3 UNITÀ

aIM1004

MAX. Nº 4 UNITÀ

;;;; ;;; ;;; ;;; ;;;; ;;; ;;; ;;; ;;;; ;;; ;;; ;;; ;

;; ;; ;; ;; ;; ;;;; ;;; ;;; ;;; ;;;; ;;; ;;; ;;;

;; ;; ;; ;; ;;

;;;; ;;; ;;; ;;; ;;;; ;;; ;;; ;;; ;;; ;;;; ;; ;;; ;; ;;; ;; ;;;

MAX. Nº 4 UNITÀ

Tutti gli imballi devono essere immagazzinati in luoghi protetti dall’umidità e dalle intemperie: sui lati esterni delle scatole in cartone è stampato il simbolo grafico (ombrello aperto). L’Embraco Europe S.r.l. non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni agli imballi e al prodotto, derivanti dall’inadempienza di questa prescrizione.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 44 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE

6

SCELTA DEL COMPRESSORE IDONEO

6.1

La corretta scelta del compressore deve essere fatta in funzione delle seguenti caratteristiche della macchina frigorifera, sulla quale dovrà essere applicato. 6.1.1. Temperatura di evaporazione minima 6.1.2. Potenza frigorifera 6.1.3. Tipo di refrigerante 6.1.4. Temperatura ambiente 6.1.5. Tensioni e frequenze di funzionamento 6.1.6. Coppia di avviamento motore elettrico 6.1.7. Tipo di raffreddamento del compressore 6.1.8. Livello di rumorosità (se vincolante nell’applicazione) 6.1.9. Corrente assorbita (se vincolante nell’applicazione) Nota

6.1.1

Per i limiti di funzionamento del compressore consultare il paragrafo 7.1.

Temperatura di evaporazione minima È la temperatura minima di evaporazione che può essere raggiunta durante il funzionamento della macchina frigorifera. In base a tale temperatura e alla temperatura di condensazione è possibile identificare il tipo di applicazione e la potenza frigorifera del compressore (vedere “2 - Informazioni Generali” paragrafo 2.2).

6.1.2

Potenza frigorifera È la potenza frigorifera necessaria alle condizioni standard di lavoro della macchina frigorifera in Watt o Kcal/h in relazione alle temperature di evaporazione e condensazione. Essa è dipendente dalla quantità di gas pompato dal compressore, in funzione della sua cilindrata, numero dei giri e efficienza volumetrica.

6.1.3

Tipo di refrigerante Scegliere il tipo di gas refrigerante tra quelli disponibili, tenendo conto delle esigenze del mercato a cui il prodotto è destinato e dei fattori ecologici.

6.1.4

Temperatura ambiente Il compressore deve essere scelto in modo da garantire la sua idoneità ad operare alla temperatura ambiente massima richiesta (p. es. clima temperato 32 °C o clima tropicale 43 °C).

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 45 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE 6.1.5

Tensioni e frequenze di funzionamento Il compressore dovrà essere scelto in funzione delle condizioni di tensione e frequenza in cui si troverà ad operare la macchina frigorifera in utenza, tenendo conto della gamma di tensione caratteristica di ciascuna versione di compressore e delle tolleranze prescritte. (Vedere “2 - Informazioni Generali” paragrafo 2.5).

6.1.6

Coppia di avviamento motore elettrico La scelta del tipo di coppia di avviamento del motore elettrico del compressore (Bassa coppia LST - Alta coppia HST), deve essere fatta in funzione delle pressioni di aspirazione e scarico presenti nella macchina frigorifera all’avviamento del compressore. Per sistemi con espansione a capillare o a valvola con dispositivo per l’equalizzazione delle pressioni, è idoneo il compressore con motore a bassa coppia di avviamento (LST) cioè senza il condensatore di avviamento, in grado di avviarsi solo con le pressioni di aspirazione e scarico equalizzate. Per sistemi con espansione a valvole dove le pressioni di aspirazione e scarico si mantengono squilibrate, è necessario l’impiego di un compressore ad alta coppia di avviamento (HST).Vedere quanto prescritto nel paragrafo “7.1.6 - Condizioni di partenza”.

6.1.7

Tipo di raffreddamento del compressore Compressori con ventilazione di tipo statico esistono fino ad una certa potenza, mentre per potenze superiori i compressori richiedono una ventilazione forzata. Alcuni compressori delle serie E - T sono disponibili anche con raffreddamento tipo “oil cooler”, cioè con serpentina posta nella parte inferiore della scatola compressore, immersa nell’olio lubrificante. (Vedere “2.7 - Tipi di Raffreddamento del Compressore”).

6.1.8

Livello di rumorosità In casi particolari in cui è vincolante il basso livello di rumorosità della macchina frigorifera, occorre considerare il livello di rumorosità generato dal compressore, scegliendo il modello più adatto. Sono comunque indispensabili prove di rumorosità da effettuarsi sulla macchina frigorifera poiché la rumorosità globale è influenzata da altri componenti del sistema e anche dal fluido refrigerante circolante nel sistema.

6.1.9

Corrente assorbita Nel caso esistano vincoli sulla corrente assorbita dal sistema durante il funzionamento o all’avviamento, scegliere, ove esista, un compressore che soddisfi i requisiti richiesti.

6.2

DISIMBALLAGGIO DEL COMPRESSORE Estrarre il compressore dall’imballo avendo cura di non rovesciarlo, mantenendolo possibilmente in posizione verticale. La non osservanza di queste indicazioni può determinare da parte dell’olio di lubrificazione l’imbrattamento interno dei tubi di aspirazione e servizio con successivi problemi di saldatura e, più gravemente, la deformazione o la rottura delle foglie valvola all’avviamento del compressore, dovuta all’entrata di olio nelle muffole di aspirazione, con conseguente pompata insufficiente o nulla. Per lo stesso motivo avere cura di non rovesciare il compressore durante l’inserimento degli ammortizzatori in gomma e delle boccole nelle staffe di base.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 46 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE

6.3

PREPARAZIONE DEI COMPONENTI DEL SISTEMA FRIGORIFERO L’assenza di sostanze solide ed incondensabili e la ridotta presenza di umidità in tutti i componenti del sistema, sono requisiti fondamentali per buon funzionamento e durata del compressore. Con l’introduzione dei refrigeranti R 134a - R 404A - R 407C impieganti nuovi olii di tipo poliestere, sono stati adottati dall’Embraco Europe, con l’apporto di modifiche al ciclo produttivo, limiti più severi rispetto ai refrigeranti CFC - HCFC, ottenendo la riduzione drastica del contenuto di umidità dei residui solidi e incondensabili nel compressore. Inoltre, in tutti i processi produttivi presenti in Embraco Europe e dai Fornitori esterni, sono stati aboliti tutti i prodotti non compatibili e contaminanti i nuovi gas ed i nuovi olii poliestere, come quelli a base di cloro, olii minerali / sintetici e paraffine. Si suggerisce al Cliente di impiegare componenti del sistema (tubi, condensatori, evaporatori, separatori di olio, ricevitori di liquido, valvole, capillari, ecc.) aventi un contenuto di umidità e residui solubili e insolubili ridotti del 50% rispetto a quanto prescritto dalla Normativa DIN 8964, e privi dei contaminanti citati nel paragrafo precedente. Si consiglia di mantenere l’ermeticità dei componenti il più a lungo possibile prima del loro assiemaggio, effettuando le saldature non oltre 15min’ dall’apertura dei componenti. Per evitare la formazione di depositi carboniosi durante le saldature, è utile insufflare nei componenti del sistema azoto o aria secca con punto di rugiada inferiore a –40 °C. Queste prescrizioni possono essere prese come riferimento anche per sistemi impieganti refrigeranti CFCHCFC (R 12-R 22-R 502-ecc.), Isobutano (R 600a) e propano (R 290), anche se questi gas non richiedono l’inseverimento dei limiti e delle procedure suindicate per i gas R 134a - R 404A R 407C. Per l’estrazione dei tappi in gomma dai tubi, si consiglia di posizionare il compressore verticalmente, agendo prima sul tubo di scarico e poi sui tubi di aspirazione e servizio. Diversamente può esserci la fuoriuscita di olio dovuta alla pressurizzazione interna al compressore. L’oliatura interna dei tubi può rendere difficoltose le saldature, oltre ad aumentare i problemi di contaminazione interna dovuti alla bruciatura dell’olio durante la saldatura. L’Embraco Europe non risponde di danni al compressore derivanti da componenti e processi non idonei, e di prodotti impiegati non compatibili con i nuovi gas e olii lubrificanti. Nella Tabella 32 a pag. 62 vengono indicati i possibili inconvenienti sul sistema, derivanti da un contenuto di umidità residuo oltre i limiti sopraindicati. Come umidità residua, si intende la quantità di acqua che rimane circolante nel sistema funzionante, non assorbita dal setaccio molecolare del filtro.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 47 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE

6.4

INFORMAZIONI GUIDA ALL’UTILIZZO DEI GAS REFRIGERANTI La conoscenza di tutte le informazioni e prescrizioni sui nuovi gas refrigeranti contribuisce alla realizzazione di macchine frigorifere correttamente dimensionate ed affidabili, operando nelle condizioni di sicurezza migliori. In questo capitolo vengono presentate le informazioni guida per l’utilizzo dei gas refrigeranti attualmente di comune impiego: R 134a – R 600a - R 404A – R 407C – R 290 Le presenti informazioni guida devono essere considerate come informazioni generali. A causa delle notevoli differenze dei sistemi e delle differenti temperature di lavoro tipiche di ciascuna applicazione, l’affidabilità delle macchine frigorifere deve essere definita con appropriate prove di vita e di funzionamento in utenza . Tutte le operazioni legate all’impiego dei gas refrigeranti devono essere eseguite da personale competente e responsabile, nel rispetto delle leggi e regolamentazioni localmente in vigore.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 48 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE 6.4.1

Guida all’impiego del gas refrigerante R 134a

6.4.1.1

Informazioni generali. Il gas refrigerante R 134a (1,1,1,2, - tetrafluoroetano) viene normalmente utilizzato, in sostituzione del refrigerante R 12, su applicazioni in bassa, media ed alta temperatura di evaporazione. Tabella 21

Caratteristiche fisiche del gas R 134a: Peso molecolare Temperatura critica Pressione critica Punto di ebollizione

Tabella 22

(Rif.: R 12 = 120,9) (Rif.: R 12 = 111,8 °C) (Rif.: R 12 = 41,1 bar) (Rif.: R 12 = -29,8 °C)

Caratteristiche ecologiche del gas R 134a: ODP (Ozone Depletion Potential) GWP (Global Warming Potential)

6.4.1.2

102 101,1 °C 40,6 bar -26,5 °C

Zero 1300 (100 anni)

(Rif.: R 12 = 1) (Rif.: R 12 = 8501)

Compatibilità dei componenti del sistema. Tutti gli elementi componenti il sistema frigorifero devono essere compatibili per l’impiego con il gas refrigerante e l’olio poliestere contenuto nel compressore. Non è ammessa la presenza di sostanze contenenti cloro, oli minerali, cere paraffiniche e siliconi. Tutte le apparecchiature impiegate nel processo produttivo del sistema frigorifero che necessitano di lubrificazione e che possono andare a contatto con le parti componenti il circuito frigorifero, devono essere lubrificate esclusivamente con oli di tipo poliestere (viscosità suggerita 18 - 20 cSt @ 40 °C). Per l’elevata criticità del refrigerante R 134a deve essere dedicata particolare cura alla pulizia interna dei componenti del sistema evitando l’entrata di sostanze contaminanti (sostanze non ammesse sopracitate, ecc.) e residui solidi di ogni natura (polveri, particelle metalliche e non, ecc.). Si raccomanda di considerare come massimo contenuto di sostanze contaminanti il 50% di quanto prescritto dalla normativa DIN 8964(1).

6.4.1.3

Dispositivi di espansione. Capillare: per un nuovo progetto il primo dimensionamento suggerito del capillare, per l’allestimento dei prototipi, è indicato nel capitolo 6.6 - Scelta del Capillare. Generalmente nel caso di trasformazione da R 12 a R 134a, come prima selezione può essere utilizzato lo stesso capillare. Si raccomanda di non utilizzare capillari di diametro interno inferiore a 0,6 mm. In ogni caso il dimensionamento ottimale del capillare viene definito solo dopo appropriate prove di Laboratorio effettuate sul sistema, in modo da ottenere le migliori condizioni di lavoro della macchina frigorifera ed evitare il ritorno di gas liquido al compressore. Valvola: deve essere scelta in base alla temperatura di lavoro ed alla pressione caratteristiche del refrigerante R 134a.

6.4.1.4

Condensatore ed evaporatore. Nel caso di trasformazione da R 12 a R 134a generalmente può essere utilizzato lo stesso condensatore e lo stesso evaporatore. (1) contenuto di residui solubili (grassi e oli) + solidi <100 mg per m2 di superficie interna del sistema, di questi max 40 mg/m2 possono essere solubili e max 60mg/m2 insolubili (per la definizione di residui solidi/solubili ed ulteriori dettagli si prega di fare riferimento alla norma).

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 49 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE 6.4.1.5

Filtro essiccatore (Dryer). Si raccomanda l’impiego di un filtro essiccatore tipo XH7 compatibile con il refrigerante R 134a e l’olio poliestere del compressore (vedere anche il capitolo 6.5 - Scelta del Filtro Essiccatore). Dimensione del poro del setaccio molecolare < 3 Ångstrom. Si suggerisce di aumentare il peso del setaccio molecolare del 15-20%, rispetto a quello impiegato con il refrigerante R 12. Consultare sempre il fabbricante per la scelta corretta del filtro essiccatore.

6.4.1.6

Vuoto / Apparecchiatura di carica. Generalmente il grado di vuoto effettuato su un sistema che impiega il refrigerante R 134a è lo stesso effettuato per il refrigerante R 12. È buona pratica effettuare l’operazione di vuoto da entrambi i lati alta e bassa pressione ed il valore suggerito da raggiungere è di 0,14 mbar (100 µHg) con un valore degli incondensabili < 0,3% in volume. Impiegare apparecchiature di carica di gas idonee al refrigerante R 134a e, se possibile, esclusivamente dedicate ad esso.

6.4.1.7

Carica del gas refrigerante. Generalmente la quantità di refrigerante R 134a da introdurre nel sistema può essere ridotta tra il 5% ed il 20% rispetto alla quantità del refrigerante R 12. In ogni caso la quantità ottimale di gas deve essere definita solo dopo appropriate prove di Laboratorio effettuate sul sistema, in modo da ottenere le migliori condizioni di lavoro ed evitare il ritorno di gas allo stato liquido al compressore. Il refrigerante R 134a non deve essere contaminato, anche se in piccola parte, da refrigeranti a base di cloro.

6.4.1.8

Umidità. Per evitare problemi che possono ridurre la durata di vita della macchina frigorifera, utilizzare componenti internamente essiccati e protetti dall’entrata di umidità fino al loro impiego in produzione. Si raccomanda di non lasciare compressore e componenti aperti (senza tappi o cappucci di protezione) per un tempo superiore a 15 min’. Nel casi di dubbio sulla presenza di umidità interna provvedere all’essiccazione dei componenti insufflando al loro interno e per il tempo sufficiente, azoto o aria secca con punto di rugiada < –40 °C. Si raccomanda di mantenere il contenuto di umidità nel sistema entro il 50% di quanto prescritto dalla normativa DIN 8964. Il grado di umidità presente nel circuito di un sistema al termine del ciclo di fabbricazione deve essere < 40 p.p.m. e deve assestarsi dopo funzionamento con un idoneo filtro essiccatore ad un valore < 20 p.p.m.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 50 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE 6.4.1.9

Controllo perdite. Si raccomanda la massima cura nell’effettuare correttamente le saldature dei componenti del sistema per evitare la possibilità di perdite, favorite dalla ridotta dimensione molecolare del refrigerante R 134a. Per garantire la massima efficacia del controllo delle perdite si consiglia l’utilizzo di una apparecchiatura idonea per il refrigerante R 134a o in alternativa di una apparecchiatura più versatile impiegante gas Elio.

6.4.1.10

Tempo per l’equalizzazione delle pressioni di aspirazione e scarico. L’utilizzo del refrigerante R 134a determina tempi più lunghi nell’equalizzazione delle pressioni di aspirazione e di scarico rispetto al refrigerante R 12, pertanto il riavviamento del compressore dovrà adeguarsi a questa condizione.

6.4.1.11

Pressostato di controllo. A protezione del sistema, un eventuale pressostato per il controllo della massima pressione dei gas di scarico dovrà essere tarato in accordo ai valori limite di pressione prescritti nel cap. 7.1.3 - Pressioni massime gas di scarico.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 51 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE 6.4.2

Guida all’impiego del gas refrigerante R 600a

6.4.2.1

Informazioni generali. Il gas refrigerante R 600a (isobutano) viene utilizzato, in sostituzione del refrigerante R 12 e come alternativa al gas R 134a, prevalentemente su refrigeratori e freezer domestici. La fornitura di compressori Aspera previsti per l’utilizzo con il gas R 600a, è subordinata alla presentazione ed omologazione della macchina frigorifera, da parte del Cliente agli enti preposti, sottoponendola ai test sulla sicurezza prescritti (“Valutazione del rischio”, per ulteriori informazioni pregasi contattare l’assistenza tecnica dell’Embraco Europe). A parità di prestazioni con il gas R 12 il gas R 600a richiede compressori con cilindrate superiori di circa il 90%. Tabella 23

Caratteristiche fisiche del gas R 600a: Purezza raccomandata Massime impurità ammesse Peso molecolare Temperatura critica Pressione critica Punto di ebollizione Infiammabilità in aria

Tabella 24

99,5% Propano 0,2% max, Aria 100 ppm max, Acqua 10 ppm max, Oli siliconici 5 ppm max, Zolfo e composti 1 ppm max, Nbutano 0,3% max 58,1 (Rif.: R 12 = 120,9) 134,7 °C (Rif.: R 12 = 111,8 °C) 36,5 bar (Rif.: R 12 = 41,1 bar) -11,7 °C (Rif.: R 12 = -29,8 °C) Limite min. LEL = 1,8% in vol.; Limite max. UEL = 8,5% in vol.

Caratteristiche ecologiche del gas R 600a: ODP (Ozone Depletion Potential) GWP (Global Warming Potential)

Zero 3 (100 anni)

(Rif.: R 12 = 1) (Rif.: R 12 = 8501)

ATTENZIONE: Il gas R 600a è infiammabile e deve quindi essere maneggiato ed impiegato da personale competente e responsabile, nelle condizioni previste dalle normative e dalle regolamentazioni sulla sicurezza vigenti. 6.4.2.2

Compatibilità dei componenti del sistema. Tutti gli elementi componenti il sistema frigorifero, come contenuto di sostanze contaminanti, devono rispondere ai requisiti prescritti dalla normativa DIN 8964(1). Non è ammessa la presenza di sostanze contenenti cere paraffiniche e siliconi.

6.4.2.3

Dispositivi di espansione. Generalmente nel caso di trasformazione da R 12 a R 600a, come prima selezione può essere utilizzato lo stesso capillare. In mancanza di altri dati, come prima scelta il capillare può essere dimensionato in base a quanto suggerito nel capitolo 6.6 - Scelta del Capillare. In ogni caso il dimensionamento ottimale del capillare viene definito solo dopo appropriate prove di Laboratorio effettuate sul sistema, in modo da ottenere le migliori condizioni di lavoro. Per applicazioni in bassa temperatura (freezer) si raccomanda l’impiego di capillari con diametro interno superiore a 0,6 mm (1) contenuto di residui solubili (grassi e oli) + solidi <100 mg per m2 di superficie interna del sistema, di questi max 40 mg/m2 possono essere solubili e max 60mg/m2 insolubili (per la definizione di residui solidi/solubili ed ulteriori dettagli si prega di fare riferimento alla norma).

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 52 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE 6.4.2.4

Condensatore ed evaporatore. Nel caso di trasformazione da R 12 a R 600a generalmente può essere utilizzato lo stesso condensatore e lo stesso evaporatore. Occorre però assicurarsi che la configurazione del circuito interno dell’evaporatore non presenti tratti o zone che favoriscano il ristagno dell’olio trasportato dal gas refrigerante, possibile causa di temporanee ostruzioni che impediscono il passaggio del gas. Il ristagno dell’olio è causato dalla non perfetta miscibilità dell’olio con il refrigerante R 600a alle basse temperature.

6.4.2.5

Filtro essiccatore (Dryer). Il refrigerante R 600a richiede un normale filtro essiccatore tipo 4A-XH5 o in alternativa un filtro essiccatore delle categorie superiori (vedere anche il capitolo 6.5 - Scelta del Filtro Essiccatore). Consultare sempre il fabbricante per la scelta corretta del filtro essiccatore.

6.4.2.6

Vuoto / Apparecchiatura di carica. Generalmente il grado di vuoto effettuato su un sistema che impiega il refrigerante R 600a è lo stesso effettuato per il refrigerante R 12. È buona pratica effettuare l’operazione di vuoto da entrambi i lati alta e bassa pressione ed il valore suggerito da raggiungere è di 0,14 mbar (100 µHg) con un valore degli incondensabili <0,3% in volume. Impiegare apparecchiature di carica di gas idonee al refrigerante R 600a.

6.4.2.7

Carica del gas refrigerante. Generalmente la quantità di refrigerante R 600a da introdurre nel sistema può essere inferiore di circa il 50 - 60% rispetto alla quantità del refrigerante R 12. Questa caratteristica riduce notevolmente le probabilità di esplosione e rischi di incendio in caso di perdite del sistema. In ogni caso la quantità ottimale di gas deve essere definita solo dopo appropriate prove di Laboratorio effettuate sul sistema, in modo da ottenere le migliori condizioni di lavoro della macchina frigorifera.

6.4.2.8

Umidità. Per evitare problemi che possono ridurre la durata di vita della macchina frigorifera, utilizzare componenti internamente essiccati e protetti dall’entrata di umidità fino al loro impiego in produzione. Il contenuto di umidità nel sistema deve essere conforme a quanto prescritto dalla normativa DIN 8964. Il grado di umidità presente nel circuito di un sistema al termine del ciclo di fabbricazione deve essere < 40 p.p.m. e deve assestarsi dopo funzionamento con un idoneo filtro essiccatore ad un valore < 20 p.p.m.

6.4.2.9

Controllo perdite. Si raccomanda la massima cura nell’effettuare correttamente le saldature o le giunzioni senza saldatura dei componenti del sistema per evitare la possibilità di perdite. Per garantire la massima efficacia del controllo delle perdite si consiglia l’utilizzo di una apparecchiatura idonea per il refrigerante R 600a o in alternativa di una apparecchiatura più versatile impiegante gas Elio.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 53 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE 6.4.3

Guida all’impiego del gas refrigerante R 404A

6.4.3.1

Informazioni generali. Il gas refrigerante R 404A viene normalmente utilizzato, in sostituzione dei seguenti refrigeranti:

Tabella 25

R 22, per applicazioni in medie/alte temperature

R 502, per applicazioni in basse temperature

Caratteristiche fisiche del gas R 404A: Miscela quasi azeotropica composta da tre gas di tipo HFC: R 125 (pentafluoroetano) R 143a (111-trifluoroetano) R 134a (1112 tetrafluoroetano) 44% 52% 4% Temperatura punto di ebollizione –46,3 °C (Rif.: R 12 = –29,8 °C) Glide (∆ temperature evaporazione dei gas componenti la miscela) = < 0,5 °C

Tabella 26

6.4.3.2

Caratteristiche ecologiche del gas R 404A: ODP (Ozone Depletion Potential)

Zero

GWP (Global Warming Potential)

3750 (100 anni)

(Rif.: R 22 = 0,05) (Rif.: R 22 = 1700; R 502=5590)

Compatibilità dei componenti del sistema. Tutti gli elementi componenti il sistema frigorifero devono essere compatibili per l’impiego con il gas refrigerante e l’olio poliestere contenuto nel compressore. Non è ammessa la presenza di sostanze contenenti cloro, oli minerali, cere paraffiniche e siliconi. Tutte le apparecchiature impiegate nel processo produttivo del sistema frigorifero che necessitano di lubrificazione e che possono andare a contatto con le parti componenti il circuito frigorifero, devono essere lubrificate esclusivamente con oli di tipo poliestere (viscosità suggerita 18 - 20 cSt @ 40 °C). Per l’elevata criticità del refrigerante R 404A deve essere dedicata particolare cura alla pulizia interna dei componenti del sistema evitando l’entrata di sostanze contaminanti (sostanze non ammesse sopracitate, ecc.) e residui solidi di ogni natura (polveri, particelle metalliche e non, ecc.). Si raccomanda di considerare come massimo contenuto di sostanze contaminanti il 50% di quanto prescritto dalla normativa DIN 8964(1).

6.4.3.3

Dispositivi di espansione. Capillare: per un nuovo progetto il primo dimensionamento suggerito, per l’allestimento dei prototipi, è indicato nel capitolo “Scelta dei capillari”. Generalmente nel caso di trasformazione da R 502/R 22 a R 404A, come prima selezione può essere utilizzato lo stesso capillare. In ogni caso il dimensionamento ottimale del capillare viene definito solo dopo appropriate prove di Laboratorio effettuate sul sistema, in modo da ottenere le migliori condizioni di lavoro ed evitare il ritorno di gas allo stato liquido al compressore.

(1) contenuto di residui solubili (grassi e oli) + solidi <100 mg per m2 di superficie interna del sistema, di questi max 40 mg/m2 possono essere solubili e max 60mg/m2 insolubili (per la definizione di residui solidi/solubili ed ulteriori dettagli si prega di fare riferimento alla norma).

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 54 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE Valvola: deve essere scelta in base alla temperatura di lavoro ed alla pressione caratteristiche del refrigerante R 404A. 6.4.3.4

Condensatore ed evaporatore. Le maggiori pressioni di lavoro e temperature del refrigerante R 404A richiedono un maggiore dimensionamento del condensatore rispetto a quello impiegato per il refrigerante R 502/R 22.

6.4.3.5

Filtro essiccatore (Dryer). Si raccomanda l’impiego di un filtro essiccatore tipo XH9 compatibile con il refrigerante R 404A e l’olio poliestere del compressore (vedere anche il capitolo 6.5 - Scelta del Filtro Essiccatore). Dimensione del poro del setaccio molecolare < 3 Ångstrom. Si suggerisce di aumentare il peso del setaccio molecolare del 15-20%, rispetto a quello impiegato con il refrigerante R 502/R 22. Consultare sempre il fabbricante per la scelta corretta del filtro essiccatore.

6.4.3.6

Vuoto / Apparecchiatura di carica. È buona pratica effettuare l’operazione di vuoto da entrambi i lati alta e bassa pressione ed il valore suggerito da raggiungere è di 0,14 mbar (100 µHg) con un valore degli incondensabili < 0,3% in volume. Impiegare apparecchiature di carica di gas idonee al refrigerante e, se possibile, esclusivamente dedicate ad esso.

6.4.3.7

Carica del gas refrigerante. Come base di partenza la quantità di refrigerante R 404A può essere ridotta all’80 – 90% rispetto alla quantità di gas refrigerante R 502/R 22. In ogni caso la quantità ottimale di gas deve essere accuratamente definita (riducendola al minimo indispensabile) solo dopo appropriate prove di Laboratorio effettuate sul sistema, in modo da ottenere le migliori condizioni di lavoro ed evitare il ritorno di gas allo stato liquido al compressore in funzionamento e la migrazione di tale gas durante le fasi di stop. Quando necessario impiegare una resistenza riscaldante posizionata intorno all’involucro del compressore per riscaldare l’olio e facilitare l’evaporazione del gas allo stato liquido Il refrigerante R 404A non deve essere contaminato, anche se in piccola parte, da refrigeranti a base di cloro. Il refrigerante R 404A, in quanto miscela azeotropica, richiede di essere caricato nel sistema unicamente in fase liquida, per garantire la costante corretta percentuale dei tre gas che lo compongono.

6.4.3.8

Umidità. Per evitare problemi che possono ridurre la durata di vita della macchina frigorifera, utilizzare componenti internamente essiccati e protetti dall’entrata di umidità fino al loro impiego in produzione. Si raccomanda di non lasciare compressore e componenti aperti (senza tappi o cappucci di protezione) per un tempo superiore a 15 min. Nel casi di dubbio sulla presenza di umidità interna provvedere all’essiccazione dei componenti insufflando al loro interno e per il tempo sufficiente, azoto o aria secca con punto di rugiada < –40 °C.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 55 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE Si raccomanda di mantenere il contenuto di umidità nel sistema entro il 50% di quanto prescritto dalla normativa DIN 8964.(1) Il grado di umidità presente nel circuito di un sistema al termine del ciclo di fabbricazione deve essere < 40 p.p.m. e deve assestarsi dopo funzionamento con un idoneo filtro essiccatore ad un valore < 20 p.p.m. 6.4.3.9

Controllo perdite. Si raccomanda la massima cura nell’effettuare correttamente le saldature dei componenti del sistema per evitare la possibilità di perdite, favorite dalla ridotta dimensione molecolare del refrigerante R 404A. Si raccomanda la massima cura nell’effettuare correttamente le saldature dei componenti del sistema per evitare la possibilità di perdite. Per garantire la massima efficacia del controllo delle perdite si consiglia l’utilizzo di una apparecchiatura specifica prevista per il refrigerante R 404A o in alternativa una apparecchiatura più versatile impiegante gas Elio. Attenzione: non impiegare miscele di gas R 404A ed aria per il controllo delle perdite.

6.4.3.10

Pressostato di controllo. A protezione del sistema, un eventuale pressostato per il controllo della massima pressione dei gas di scarico dovrà essere tarato in accordo ai valori limite di pressione prescritti nel cap. 7.1.3 - Pressioni massime gas di scarico.

(1) contenuto di residui solubili (grassi e oli) + solidi <100 mg per m2 di superficie interna del sistema, di questi max 40 mg/m2 possono essere solubili e max 60mg/m2 insolubili (per la definizione di residui solidi/solubili ed ulteriori dettagli si prega di fare riferimento alla norma).

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 56 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE 6.4.4

Guida all’impiego del gas refrigerante R 407C

6.4.4.1

Informazioni generali. Il gas refrigerante R 407C viene normalmente utilizzato, in sostituzione del refrigerante R 22, su applicazioni per il condizionamento dell’aria.R 22, per applicazioni in medie/alte temperature Tabella 27

Caratteristiche fisiche del gas R 407C: Miscela zeotropica composta da tre gas di tipo HFC: R 134a (1112 tetrafluoroetano) R 125 (pentafluoroetano) R 32 (difluorometano) 52% 25% 23% Temperatura punto di ebollizione –43,6 °C (Rif.: R 12 = –29,8 °C) Glide (∆ temperature evaporazione dei gas componenti la miscela) = 7,1 °C

Tabella 28

Caratteristiche ecologiche del gas R 407C: ODP (Ozone Depletion Potential) GWP (Global Warming Potential)

6.4.4.2

Zero 1610 (20 anni)

(Rif.: R 22 = 0,05) (Rif.: R 22 = 1700)

Compatibilità dei componenti del sistema. Tutti gli elementi componenti il sistema frigorifero devono essere compatibili per l’impiego con il gas refrigerante e l’olio poliestere contenuto nel compressore. Non è ammessa la presenza di sostanze contenenti cloro, oli minerali, cere paraffiniche e siliconi. Tutte le apparecchiature impiegate nel processo produttivo del sistema frigorifero che necessitano di lubrificazione e che possono andare a contatto con le parti componenti il circuito frigorifero, devono essere lubrificate esclusivamente con oli di tipo poliestere (viscosità suggerita 18 - 20 cSt @ 40 °C). Assicurarsi che il materiale delle guarnizioni di tenuta impiegate sulla macchina frigorifera e sulle apparecchiature di produzione e di controllo sia compatibile con il refrigerante R 407C; in caso contrario possono danneggiarsi e causare perdite. Deve essere dedicata particolare cura alla pulizia interna dei componenti del sistema evitando l’entrata di sostanze contaminanti (sostanze non ammesse sopracitate, ecc.) e residui solidi di ogni natura (polveri, particelle metalliche e non, ecc.). Si raccomanda di considerare come massimo contenuto di sostanze contaminanti il 50% di quanto prescritto dalla normativa DIN 8964.(1)

6.4.4.3

Dispositivi di espansione. Per un nuovo progetto il primo dimensionamento suggerito, per l’allestimento dei prototipi, è indicato nel capitolo “Scelta dei capillari”. Generalmente nel caso di trasformazione da R 22 a R 407C, come prima selezione può essere utilizzato lo stesso capillare. In ogni caso il dimensionamento ottimale del capillare viene definito solo dopo appropriate prove di Laboratorio effettuate sul sistema, in modo da ottenere le migliori condizioni di lavoro.

(1) contenuto di residui solubili (grassi e oli) + solidi <100 mg per m2 di superficie interna del sistema, di questi max 40 mg/m2 possono essere solubili e max 60mg/m2 insolubili (per la definizione di residui solidi/solubili ed ulteriori dettagli si prega di fare riferimento alla norma).

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 57 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE 6.4.4.4

Condensatore ed evaporatore. Generalmente evaporatore e condensatore possono essere gli stessi usati per il gas R 22. La maggiore pressione di lavoro del refrigerante R 407C può però richiedere un leggero incremento del condensatore dove questo sia dimensionato giusto per il gas R 22.

6.4.4.5

Filtro essiccatore (Dryer). Si raccomanda l’impiego di un filtro essiccatore tipo XH7 compatibile con il refrigerante R 407C e l’olio poliestere del compressore (vedere anche il capitolo 6.5 - Scelta del Filtro Essiccatore). Dimensione del poro del setaccio molecolare < 3 Ångstrom. Si suggerisce di aumentare il peso del setaccio molecolare del 15-20%, rispetto a quello impiegato con il refrigerante R 502. Consultare sempre il fabbricante per la scelta corretta del filtro essiccatore.

6.4.4.6

Vuoto / Apparecchiatura di carica. È buona pratica effettuare l’operazione di vuoto da entrambi i lati alta e bassa pressione ed il valore suggerito da raggiungere è di 0,14 mbar (100 µHg) con un valore degli incondensabili < 0,3% in volume. Impiegare apparecchiature di carica di gas idonee al refrigerante R 407C e, se possibile, esclusivamente dedicate ad esso.

6.4.4.7

Carica del gas refrigerante. Come base di partenza la quantità di refrigerante R 407C deve essere aumentata del 5% in peso rispetto alla quantità di gas refrigerante R 22. In ogni caso la quantità ottimale di gas deve essere accuratamente definita (riducendola al minimo indispensabile) solo dopo appropriate prove di Laboratorio effettuate sul sistema, in modo da ottenere le migliori condizioni di lavoro ed evitare il ritorno di gas allo stato liquido al compressore in funzionamento e la migrazione di tale gas durante le fasi di stop. Quando necessario impiegare una resistenza riscaldante posizionata intorno all’involucro del compressore per riscaldare l’olio e facilitare l’evaporazione del gas allo stato liquido Il refrigerante R 407C non deve essere contaminato, anche se in piccola parte, da refrigeranti a base di cloro. Il refrigerante R 407C, in quanto miscela zeotropica, richiede di essere caricato unicamente in fase liquida, per garantire la costante corretta percentuale dei tre gas che lo compongono.

6.4.4.8

Umidità. Per evitare problemi che possono ridurre la durata di vita della macchina frigorifera, utilizzare componenti internamente essiccati e protetti dall’entrata di umidità fino al loro impiego in produzione. Si raccomanda di non lasciare compressore e componenti aperti (senza tappi o cappucci di protezione) per un tempo superiore a 15 min. Nel casi di dubbio sulla presenza di umidità interna provvedere all’essiccazione dei componenti insufflando al loro interno e per il tempo sufficiente, azoto o aria secca con punto di rugiada < –40 °C. Si raccomanda di mantenere il contenuto di umidità nel sistema entro il 50% di quanto prescritto dalla normativa DIN 8964(1). (1) contenuto di residui solubili (grassi e oli) + solidi <100 mg per m2 di superficie interna del sistema, di questi max 40 mg/m2 possono essere solubili e max 60mg/m2 insolubili (per la definizione di residui solidi/solubili ed ulteriori dettagli si prega di fare riferimento alla norma).

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 58 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE Il grado di umidità presente nel circuito di un sistema al termine del ciclo di fabbricazione deve essere < 40 p.p.m. e deve assestarsi dopo funzionamento con un idoneo filtro essiccatore ad un valore < 20 p.p.m. 6.4.4.9

Controllo perdite. Si raccomanda la massima cura nell’effettuare correttamente le saldature dei componenti del sistema per evitare la possibilità di perdite, favorite dalla ridotta dimensione molecolare dei gas componenti la miscela del refrigerante R 407C. Per garantire la massima efficacia del controllo delle perdite si consiglia l’utilizzo di una apparecchiatura idonea per i refrigeranti R 407C – R 134a, oppure in alternativa di una apparecchiatura più versatile impiegante gas Elio.

6.4.4.10

Pressostato di controllo. A protezione del sistema, un eventuale pressostato per il controllo della massima pressione dei gas di scarico dovrà essere tarato in accordo ai valori limite di pressione prescritti nel cap. 7.1.3 - Pressioni massime gas di scarico.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 59 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE 6.4.5

Guida all’impiego del gas refrigerante PROPANO R290

6.4.5.1

Informazioni generali. Il gas refrigerante R290 (propano) può essere un’alternativa ai refrigeranti R 22 ed R 404A su applicazioni per medie/alte temperature e condizionamento dell’aria. Il suo impiego, peraltro limitato per ora ad applicazioni per aria condizionata di piccola potenza, esige però esperienza ed una piena conoscenza dei problemi legati alla sua applicazione ed alle normative e regolamentazioni sulla sicurezza vigenti. La fornitura di compressori Aspera previsti per l’utilizzo con il gas R290, è subordinata alla presentazione ed omologazione della macchina frigorifera, da parte del Cliente agli enti preposti, sottoponendola ai test sulla sicurezza prescritti (“Valutazione del rischio”, per ulteriori informazioni e suggerimenti pregasi contattare l’assistenza tecnica dell’Embraco Europe). Per l’impiego del gas R290 normalmente sono idonei i compressori R 22 forniti però con differente protettore termico, di tipo ermetico. Tabella 29

Caratteristiche fisiche del gas R290: Peso molecolare Temperatura critica Pressione critica Punto di ebollizione Infiammabilità in aria

Tabella 30

44,1 kg / kmole (Rif.: R 22 = 86,5) 96,8 °C (Rif.: R 22 = 96,1 °C) 42,5 bar (Rif.: R 22 = 49,8 bar) -42,1 °C (Rif.: R 22 = -40,8 °C) Limite min. LEL = 2,1% in vol.; Limite max. UEL = 9,5% in vol.

Caratteristiche ecologiche del gas R290: ODP (Ozone Depletion Potential) GWP (Global Warming Potential)

Zero 3 (100 anni)

(Rif.: R 22 = 0,05) (Rif.: R 22 = 1700)

Attenzione: Il gas R290 è infiammabile e deve quindi essere maneggiato ed impiegato da personale competente e responsabile, nelle condizioni previste dalle normative e dalle regolamentazioni sulla sicurezza vigenti. 6.4.5.2

Compatibilità dei componenti del sistema. Tutti gli elementi componenti il sistema frigorifero, come contenuto di sostanze contaminanti, devono rispondere ai requisiti prescritti dalla normativa DIN 8964(1). Non è ammessa la presenza di sostanze contenenti cere paraffiniche e siliconi.

6.4.5.3

Dispositivi di espansione. Per un nuovo progetto il primo dimensionamento suggerito, per l’allestimento dei prototipi, è indicato nel capitolo “Scelta dei capillari”. Generalmente nel caso di trasformazione da R 22 a R290, come prima selezione può essere utilizzato lo stesso capillare ridotto in lunghezza di circa il 5%. In ogni caso il dimensionamento ottimale del capillare viene definito solo dopo appropriate prove di Laboratorio effettuate sul sistema, in modo da ottenere le migliori condizioni di lavoro. (1) contenuto di residui solubili (grassi e oli) + solidi <100 mg per m2 di superficie interna del sistema, di questi max 40 mg/m2 possono essere solubili e max 60mg/m2 insolubili (per la definizione di residui solidi/solubili ed ulteriori dettagli si prega di fare riferimento alla norma).

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 60 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE 6.4.5.4

Condensatore ed evaporatore. Generalmente evaporatore e condensatore possono essere gli stessi usati per il gas R 22.

6.4.5.5

Filtro essiccatore (Dryer). Il refrigerante R290 richiede un normale filtro essiccatore tipo 4A-XH5 o in alternativa un filtro essiccatore delle categorie superiori (vedere anche il capitolo 6.5 - Scelta del Filtro Essiccatore). Consultare sempre il fabbricante per la scelta corretta del filtro essiccatore.

6.4.5.6

Vuoto / Apparecchiatura di carica. È buona pratica effettuare l’operazione di vuoto da entrambi i lati alta e bassa pressione ed il valore suggerito da raggiungere è di 0,14 mbar (100 µHg) con un valore degli incondensabili < 0,3% in volume. Impiegare apparecchiature di carica di gas idonee al refrigerante R290 e, se possibile, esclusivamente dedicate ad esso.

6.4.5.7

Carica del gas refrigerante. Generalmente la quantità di refrigerante R290 da introdurre nel sistema può essere inferiore di circa il 50 - 60% rispetto alla quantità del refrigerante R 22. Questa caratteristica riduce notevolmente le probabilità di esplosione e rischi di incendio in caso di perdite del sistema. In ogni caso la quantità ottimale di gas deve essere definita solo dopo appropriate prove di Laboratorio effettuate sul sistema, in modo da ottenere le migliori condizioni di lavoro della macchina frigorifera.

6.4.5.8

Umidità. Per evitare problemi che possono ridurre la durata di vita della macchina frigorifera, utilizzare componenti internamente essiccati e protetti dall’entrata di umidità fino al loro impiego in produzione. Il contenuto di umidità nel sistema deve essere conforme a quanto prescritto dalla normativa DIN 8964(1). Il grado di umidità presente nel circuito di un sistema al termine del ciclo di fabbricazione deve essere < 40 p.p.m. e deve assestarsi dopo funzionamento con un idoneo filtro essiccatore ad un valore < 20 p.p.m.

6.4.5.9

Controllo perdite. Si raccomanda la massima cura nell’effettuare correttamente le saldature o le giunzioni senza saldatura dei componenti del sistema per evitare la possibilità di perdite. Per garantire la massima efficacia del controllo delle perdite si consiglia l’utilizzo di una apparecchiatura idonea per il refrigerante R290 o in alternativa di una apparecchiatura più versatile impiegante gas Elio.

6.4.5.10

Pressostato di controllo. A protezione del sistema, un eventuale pressostato per il controllo della massima pressione dei gas di scarico dovrà essere tarato in accordo ai valori limite di pressione prescritti nel cap. 7.1.3 - Pressioni massime gas di scarico. (1) contenuto di residui solubili (grassi e oli) + solidi <100 mg per m2 di superficie interna del sistema, di questi max 40 mg/m2 possono essere solubili e max 60mg/m2 insolubili (per la definizione di residui solidi/solubili ed ulteriori dettagli si prega di fare riferimento alla norma).

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 61 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE

SCELTA DEL FILTRO ESSICCATORE

6.5

Il filtro essiccatore deve essere scelto con setaccio molecolare idoneo al tipo di refrigerante impiegato nel sistema. Nella Tabella 31 sono consigliati i setacci molecolari per i vari refrigeranti. Tabella 31

Filtri Essiccatori Consigliati REFRIGERANTE

SETACCIO MOLECOLARE

R 12 - R 600a R 22 - R 502 (R 12 - R 600a) R 134a (R 12 - R 600a - R 407C) R 404A - R 402A- R 402B - R 401A - R 401B (R 12 - R 600a - R 134a - R 22 - R 502 - R 407C)

4A-XH-5 (8 × 12) 4A-XH-6 (8 × 12) XH-7 (8 × 12) XH-9 (8 × 12)

Per le applicazioni con R 134a - R 404A - R 407C si consiglia di aumentare del 10 ÷15% il peso del setaccio molecolare delle corrispondenti applicazioni con R 12-R 502. Il filtro essiccatore deve essere opportunamente protetto dall’assorbimento dell’umidità ambiente durante le fasi di assiemaggio del sistema, secondo le seguenti modalità: •

Togliere i cappucci di protezione dal filtro poco prima di essere saldato.

I filtri forniti senza cappucci di protezione, in confezioni blister o in scatole ermetiche, devono essere protetti in modo opportuno ad evitare l’assorbimento dell’umidità ambiente prima di essere saldati.

Una capacità di assorbimento ridotta può far si che l’umidità non venga completamente assorbita dal setaccio molecolare, lasciandola in parte libera di circolare nel sistema, con le conseguenze indicate in Tabella 32. Tabella 32

Inconvenienti Causati da Umidità nel Sistema 1 Formazione di ghiaccio:

Riduce la sezione del capillare o della valvola di espansione, fino alla loro completa ostruzione. Causa seri inconvenienti al compressore e al setaccio molecolare del filtro. Segni caratteristici e conseguenze sono: • Ramatura della piastra valvole, foglie valvola, cuscinetti albero a gomito, ecc. 2 Formazione • Attacco degli isolamenti del motore elettrico da parte degli acidi, con di acidi: bruciatura degli avvolgimenti. • Distruzione del filtro con disgregazione del setaccio molecolare e formazione di polveri. Usure e bloccaggio delle parti meccaniche alternative e rotanti. Causa l’acidificazione e la riduzione del suo potere lubrificante, con 3 Contaminazione cambiamento del colore dell’olio (bruno). Causa la formazione di mordell’olio: chia, con conseguente cattiva lubrificazione del compressore.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 62 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE

SCELTA DEL CAPILLARE

6.6

La definizione delle dimensioni del capillare può essere fatta, nella prima fase di progetto della macchina frigorifera, riferendosi ai capillari suggeriti nella seguente Tabella 33. L’esatto dimensionamento del capillare deve però essere trovato in base ai risultati delle prove di laboratorio effettuate sulle macchine prototipo. I valori indicati in Tabella 33 sono stati determinati in base alle seguenti considerazioni: • Applicazioni LBP-MBP-HBP: con scambiatore di calore di lunghezza minima 0,9 m e con 0 °C di sottoraffreddamento. • Applicazioni Aria Condizionata: con temperatura di condensazione di 54 °C, sottoraffreddamento di 8 °C, temperatura gas di ritorno 18 °C. Tabella 33

Scelta Capillari

Applicazioni R 600a - LBP

Codice Doc. MP01IC

DIMENSIONI (da –30°C a –15°C (da –15°C a –5°C temp. evap.) temp. evap.)

TIPO COMPRESSORE

FREQUENZA

BP1046A BPE1046Y BPK1046Y BP1058Y - BPM1058Y BPE1058Y BP1072Y-BPM1072Y EMU26CLC EMT26CLP BPE1072Y - BPK1072Y EMU32CLC BP1084Y-BPM1084Y EMT32CLP BPK1084Y – BPE1084Y BP1110Y-BPM1110Y EMT40CLP-EMU40CLC BP1111Y - BPM1111Y BPE1111Y - BPK1111Y NB1112Y - NBM1112Y NBK1112Y - NBT1112Y NBU1112Y EMT45CLP - EMU46CLC NB1114Y - NBM1114Y NBK1114Y – NBU1114Y BPK1114Y – NBT1114Y EMT56CLP NB1116Y - NBM1116Y NBK1116Y – NBU1116Y NBT1116Y NB1118Y - NBM1118Y NBK1118Y – NBU1118Y NBT1118Y

50 Hz 50 Hz 50 Hz 50 Hz 50 Hz 50 Hz 50 Hz 50 Hz

0,61 mm I.D. × 4,20 m 0,61 mm I.D. × 4,20 m 0,61 mm I.D. × 4,00 m 0,66 mm I.D. × 4,50 m 0,66 mm I.D. × 4,30 m 0,66 mm I.D. × 4,20 m 0,66 mm I.D. × 4,00 m 0,66 mm I.D. × 3,80 m

50 Hz

0,66 mm I.D. × 3,60 m 0,78 mm I.D. × 3,60 m

50 Hz

0,78 mm I.D. × 3,60 m 0,91 mm I.D. × 3,60 m

50 Hz

0,78 mm I.D. × 3,50 m 0,91 mm I.D. × 3,50 m

50 Hz

0,78 mm I.D. × 3,40 m 0,91 mm I.D. × 3,40 m

50 Hz

0,78 mm I.D. × 3,20m 0,91 mm I.D. × 3,20 m

50 Hz

0,78 mm I.D. × 3,00 m 0,91 mm I.D. × 3,00 m

50 Hz

0,91 mm I.D. × 3,60 m 1,06 mm I.D. × 3,60 m

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

0,61 mm I.D. × 3,70 m 0,61 mm I.D. × 3,70 m 0,61 mm I.D. × 3,50 m 0,66 mm I.D. × 3,90 m 0,66 mm I.D. × 3,70 m 0,66 mm I.D. × 3,60 m 0,66 mm I.D. × 3,45 m 0,66 mm I.D. × 3,30 m

Pagine 63 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE

Applicazioni R 22 - LBP TIPO COMPRESSORE

NE2125E NE2134E T2140E T2155E T2168E J2178E J2190E

DIMENSIONI (da –30°C a –5°C temp. evap.)

FREQUENZA

50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 50 Hz

0.91 mm I.D. × 3.2 m 0.91 mm I.D. × 2.85 m 0.91 mm I.D. × 2.8 m 0.91 mm I.D. × 2.5 m 0.91 mm I.D. × 2.6 m 0.91 mm I.D. × 2.3 m 1.20 mm I.D. × 3.9 m 1.20 mm I.D. × 3.5 m 1.20 mm I.D. × 3.3 m 1.20 mm I.D. × 2.8 m 1.20 mm I.D. × 3.0 m 1.20 mm I.D. × 2.5 m

– – – – – – – – – – – –

Applicazioni R 22 - MBP/HBP TIPO COMPRESSORE

NB6144E NB6152E NB5165E - NB6152E NE5181E - NE6181E NE5195E - NE6195E NE5195E - NE6210E NE9213E - NE7213F T6217E T6220E J9226E - J9226P - J7225F J7228F - J7228P - J7228E J9232E - J9232P - J7231F J7231P J9238E - J9238P J7238E - J7238P J7240F - J7240P

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

DIMENSIONI (da –20°C a –5°C (da –5°C a +10°C temp. evap.) temp. evap.)

FREQUENZA

50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 50 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz

1.06 mm I.D. × 3.5 m 1.06 mm I.D. × 3.0 m 1.06 mm I.D. × 3.3 m 1.06 mm I.D. × 2.8 m 1.06 mm I.D. × 3.0 m 1.06 mm I.D. × 2.6 m 1.20 mm I.D. × 3.2 m 1.20 mm I.D. × 2.75 m 1.20 mm I.D. × 3.0 m 1.20 mm I.D. × 2.9 m 1.20 mm I.D. × 2.5 m 1.27 mm I.D. × 2.7 m 1.27 mm I.D. × 2.35 m 1.27 mm I.D. × 2.3 m 1.37 mm I.D. × 2.0 m 1.63 mm I.D. × 2.9 m 1.63 mm I.D. × 2.5 m 1.63 mm I.D. × 2.4 m 1.90 mm I.D. × 2.5 m 1.90 mm I.D. × 2.8 m 1.90 mm I.D. × 2.15 m 2.16 mm I.D. × 2.6 m 2.16 mm I.D. × 2.0 m 2.16 mm I.D. × 2.3 m 2 × 1.63 mm I.D. × 2.0 m

Revisione 02

Data 2004-09

1.06 mm I.D. × 3.0 m 1.06 mm I.D. × 2.6 m 1.06 mm I.D. × 2.7 m 1.06 mm I.D. × 2.3 m 1.20 mm I.D. × 3.5 m 1.20 mm I.D. × 3.0 m 1.20 mm I.D. × 2.5 m 1.20 mm I.D. × 2.2 m 1.27 mm I.D. × 2.8 m 1.27 mm I.D. × 2.6 m 1.27 mm I.D. × 2.3 m 1.27 mm I.D. × 1.9 m 1.27 mm I.D. × 1.65 m 1.27 mm I.D. × 1.6 m 1.37 mm I.D. × 1.6 m 1.63 mm I.D. × 1.7 m 1.90 mm I.D. × 1.9 m 1.90 mm I.D. × 1.9 m 2.16 mm I.D. × 2.0 m 2.16 mm I.D. × 2.2 m 2.16 mm I.D. × 1.7 m 2 × 1.63 mm I.D. × 1.8 m 2 × 2.16 mm I.D. × 2.5 m 2 × 2.16 mm I.D. × 2.8 m 2 × 2.16 mm I.D. × 2.3 m

Pagine 64 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE

Applicazioni per aria condizionata R 22 TIPO COMPRESSORE

NE7210E - NE7211E NE7213E - T7213F NE7215E - T7215G T7216F T7220E - T7220F T7220G T7223E - T7223F T7223G J7225E - J7225F J7228E - J7228F J7231E-J7231F-J7231P J7238E - J7238P J7240E-J7240F-J7240P

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

DIMENSIONI (da 0°C a +15°C temp. evap.)

FREQUENZA

50 Hz 60 Hz 60 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz

1.24 mm I.D. × 1.05 m 1.24 mm I.D. × 1.05 m 1.24 mm I.D. × 1.0 m 1.24 mm I.D. × 1.0 m 1.24 mm I.D. × 0.95 m 1.24 mm I.D. × 0.95 m 1.37 mm I.D. × 1.0 m 1.37 mm I.D. × 0.95 m 1.5 mm I.D. × 1.05 m 1.5 mm I.D. × 1.0 m 2.16 mm I.D. × 2.0 m 2.16 mm I.D. × 1.8 m 2.16 mm I.D. × 1.9 m 2.16 mm I.D. × 1.7 m 2.16 mm I.D. × 1.6 m 2.16 mm I.D. × 1.4 m 2 × 2.16 mm I.D. × 2.5 m 2 × 2.16 mm I.D. × 2.3 m 2 × 2.16 mm ×I.D. × 2.3 m 2 × 2.16 mm I.D. × 2.1 m

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 65 - 98

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – –


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE

Applicazioni R 134a - LBP FREQUENZA

BP 1046Z BP1058Z - BPM1058Z EMS22H - EMT22H

50 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz

0.61 mm I.D. × 4.4 0.61 mm I.D. × 4.0 0.61 mm I.D. × 3.3 0.66 mm I.D. × 4.0 0.66 mm I.D. × 3.3

50 Hz

0.78 mm I.D. × 4.0 m 0.91 mm I.D. × 4.0 m

60 Hz

0.78 mm I.D. × 3.3 m 0.91 mm I.D. × 3.3 m

50 Hz

0.78 mm I.D. × 3.7 m 0.91 mm I.D. × 3.7 m

60 Hz

0.78 mm I.D. × 3.1 m 0.91 mm I.D. × 3.1 m

50 Hz

0.78 mm I.D. × 3.5 m 0.91 mm I.D. × 3.5 m

50 Hz

0.78 mm I.D. × 3.4 m 0.91 mm I.D. × 3.4 m

BP1072Z - BPM1072Z BP1084Z - BPE1084Z BPM1084Z EMS36H - EMT36H BP1111Z - BPM1111Z NB1112Z - NBK1086Z NB1113Z - EMS43H - EMT43H NB1114Z - NBM1114Z EMS49H - EMT49H NB1115Z - NBM1115Z

Codice Doc. MP01IC

DIMENSIONI (da –30°C a –15°C (da –15°C a –5°C temp. evap.) temp. evap.)

TIPO COMPRESSORE

m m m m m

0.61 mm I.D. × 3.8 0.61 mm I.D. × 3.5 0.61 mm I.D. × 2.9 0.78 mm I.D. × 4.0 0.78 mm I.D. × 3.3

m m m m m

NB2116Z - NBK1114Z NB1116Z - EMT60H

50 Hz

0.78 mm I.D. × 3.3 m 0.91 mm I.D. × 3.3 m

60 Hz

0.78 mm I.D. × 2.75 m 0.91 mm I.D. × 2.75 m

NB 1118Z - NB2118Z NBK1116Z

50 Hz 60 Hz

0.91 mm I.D. × 4.0 m 1.06 mm I.D. × 4.0 m 0.91 mm I.D. × 3.3 m 1.06 mm I.D. × 3.3 m

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 66 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE

Applicazioni R 134a - MBP / HBP TIPO COMPRESSORE

BP5125Z - NB5125Z BP5128Z - NB5128Z BP5132Z NB5132Z - NB6132Z NB5144Z - NB6144Z NE5160Z - NE6160Z NE51700Z - NE6170Z T6185Z - NE5187Z - NE6187Z NE6210Z T6211Z T5213Z - T6213Z T6215Z J6220Z - J6220ZX J6226Z - J6226ZX

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

DIMENSIONI (da –20°C a –5°C (da –5°C a +10°C temp. evap.) temp. evap.)

FREQUENZA

50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz

0.78 mm I.D. × 2.5 m 0.78 mm I.D. × 2.1 m 0.78 mm I.D. × 2.4 m 0.78 mm I.D. × 2.0 m 0.78 mm I.D. × 2.3 m 0.78 mm I.D. × 1.9 m 0.91 mm I.D. × 2.9 m 0.91 mm I.D. × 2.4 m 0.91 mm I.D. × 2.4 m 0.91 mm I.D. × 2.1 m 1.06 mm I.D. × 3.2 m 1.06 mm I.D. × 2.65 m 1.24 mm I.D. × 4.0 m 1.37 mm I.D. × 3.5 m 1.37 mm I.D. × 3.3 m 1.37 mm I.D. × 3.5 m 1.37 mm I.D. × 3.1 m 1.37 mm I.D. × 3.1 m 1.37 mm I.D. × 2.7 m 1.63 mm I.D. × 3.6 m 1.63 mm I.D. × 3.0 m 2 × 1.50 mm I.D. × 4.0 m 2 × 1.50 mm I.D. × 3.4 m

Revisione 02

Data 2004-09

0.91 mm I.D. × 2.4 m 0.91 mm I.D. × 2.0 m 0.91 mm I.D. × 2.3 m 0.91 mm I.D. × 1.9 m 0.91 mm I.D. × 2.2 m 0.91 mm I.D. × 1.8 m 1.06 mm I.D. × 2.7 m 1.06 mm I.D. × 2.3 m 1.06 mm I.D. × 2.5 m 1.06 mm I.D. × 2.2 m 1.27 mm I.D. × 3.3 m 1.27 mm I.D. × 2.75 m 1.37 mm I.D. × 3.3 m 1.50 mm I.D. × 3.3 m 1.50 mm I.D. × 3.1 m 1.50 mm I.D. × 3.3 m 1.50 mm I.D. × 2.9 m 1.50 mm I.D. × 2.9 m 1.50 mm I.D. × 2.5 m 1.78 mm I.D. × 3.3 m 1.78 mm I.D. × 2.75 m 2 × 1.63 mm I.D. × 3.0 m 2 × 1.63 mm I.D. × 2.5 m

Pagine 67 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE

Applicazioni R 404A - R 507 - LBP TIPO COMPRESSORE

NE2125GK NE2134GK T2140GK T2155GK T2168GK T2178GK T2180GK J2192GK - J2192GS J2212GK - J2212GS

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

DIMENSIONI (da –40°C a –10°C temp. evap.)

FREQUENZA

50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz

0.91 mm I.D. × 4.0 m 0.91 mm I.D. × 3.5 m 0.91 mm I.D. × 3.0 m 0.91 mm I.D. × 2.65 m 0.91 mm I.D. × 2.7 m 0.91 mm I.D. × 2.4 m 1.20 mm I.D. × 4.1 m 1.20 mm I.D. × 3.6 m 1.20 mm I.D. × 3.4 m 1.20 mm I.D. × 3.0 m 1.20 mm I.D. × 3.1 m 1.20 mm I.D. × 2.75 m 1.20 mm I.D. × 2.9 m 1.20 mm I.D. × 2.55 m 1.40 mm I.D. × 3.5 m 1.40 mm I.D. × 3. 1 m 1.60 mm I.D. × 3.5 m 1.60 mm I.D. × 3.1 m

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 68 - 98

– – – – – – – – – – – – – – – – – –


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE

Applicazioni R 404A - R 407C - MBP - HBP TIPO COMPRESSORE

NB6144GK NB6152GK NB5165GK NB6165GK NE5181GK NE61681GK NE5195GK NE6195GK NE6210GK NE9213GK T6217GK T6220GK T6224GK J9226GK J9232GK J9238GK

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

DIMENSIONI (da –20°C a –5°C (da –5°C a +15°C temp. evap.) temp. evap.)

FREQUENZA

50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz

1.06 mm I.D. × 3.30 m 1.06 mm I.D. × 2.80 m 1.06 mm I.D. × 3.10 m 1.06 mm I.D. × 2.65 m 1.06 mm I.D. × 2.80 m 1.06 mm I.D. × 2.45 m 1.20 mm I.D. × 3.00 m 1.20 mm I.D. × 2.60 m

60 Hz

1.20 mm I.D. × 2.80 m 1.27 mm I.D. × 2.65 m

50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz 50 Hz 60 Hz

1.20 mm I.D. × 2.75 m 1.20 mm I.D. × 2.35 m 1.27 mm I.D. × 2.55 m 1.27 mm I.D. × 2.20 m 1.27 mm I.D. × 2.15 m 1.27 mm I.D. × 1.85 m 1.37 mm I.D. × 1.90 m 1.37 mm I.D. × 1.65 m 1.37 mm I.D. × 1.60 m 1.63 mm I.D. × 2.85 m 1.63 mm I.D. × 2.75 m 1.63 mm I.D. × 2.35 m 1.90 mm I.D. × 2.65 m 1.90 mm I.D. × 2.00 m 2.16 mm I.D. × 2.45 m 2.16 mm I.D. × 1.90 m

Revisione 02

Data 2004-09

1.06 mm I.D. × 2.80 m 1.06 mm I.D. × 2.45 m 1.06 mm I.D. × 2.55 m 1.06 mm I.D. × 2.15 m 1.20 mm I.D. × 3.30 m 1.20 mm I.D. × 2.85 m 1.20 mm I.D. × 2.35 m 1.20 mm I.D. × 2.05 m 1.27 mm I.D. × 2.45 m 1.27 mm I.D. × 2.15 m 1.27 mm I.D. × 1.80 m 1.27 mm I.D. × 1.55 m 1.27 mm I.D. × 1.50 m 1.37 mm I.D. × 1.60 m 1.37 mm I.D. × 1.50 m 1.63 mm I.D. × 1.75 m 1.63 mm I.D. × 1.70 m 1.63 mm I.D. × 1.55 m 1.63 mm I.D. × 1.60 m 1.90 mm I.D. × 1.80 m 2.16 mm I.D. × 2.05 m 2.16 mm I.D. × 1.60 m 2×1.63 mm I.D. × 1.70 m 2×2.16 mm I.D. × 2.35 m

Pagine 69 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE

APPLICAZIONE AMMORTIZZATORI IN GOMMA

6.7

Le forze alterne di primo ordine, come masse rotanti e masse che si muovono di moto rettilineo alternativo, vengono opportunamente equilibrate all’interno del compressore, mentre le forze di inerzia di ordine superiore al primo non vengono equilibrate ma sono assorbite in parte dalle molle interne di sospensione ed in parte dagli ammortizzatori in gomma correttamente applicati alle staffe esterne. Ammortizzatori in gomma e boccole, sono stati progettati in modo tale da garantire le seguenti caratteristiche: • Riduzione della trasmissione delle vibrazioni di oltre il 50%. • Assorbimento delle forze tangenziali di inerzia e relativi momenti, particolarmente rilevanti all’avviamento e all’arresto del compressore. I componenti di questo sistema di sospensione esterna sono forniti in parte dall’Embraco Europe (ammortizzatori in gomma e boccole) mentre i restanti componenti per il loro bloccaggio (viti, rondelle, dadi, oppure sistemi alternativi idonei) dovranno essere approvvigionati dal cliente. È molto importante che il montaggio venga effettuato correttamente, in modo da garantire, come indicato nella Figura 29, il gioco tra la rondella piana, fissata tra dado e boccola, e l’ammortizzatore in gomma; questo gioco permette il migliore smorzamento delle vibrazioni trasmesse dal compressore, isolandolo dal suo piano di appoggio. Per ciascuna serie di compressori è previsto uno specifico ammortizzatore in gomma e la relativa boccola, come rappresentati nella Tabella 34. ATTENZIONE: l’impiego di ammortizzatori e boccole differenti da quelli previsti dall’aspera può peggiorare l’assorbimento delle vibrazioni, con conseguente aumento della rumorosità. Legenda 6

Montaggio ammortizzatori in gomma A B C D E

Figura 29

Rondella piana per ammortizzatore Gioco Boccola Tassello Staffa Base Compressore

Piastra di base Clip Vite M6 (M8) Perno

F G H I

Montaggio ammortizzatori in gomma Montaggio corretto con Dado e Bullone

con Perno e Clamp

F

H

Montaggio non corretto

D

;y;y;y;y ;y;y;y ;y;y;y ;y;y;y ;y;y;y ;y;y;y ;y;y;y

D

y;y; y;y; y;y; ;yy;y;

C

A

E

;yy; y;y; y;y;

; ;

G

B

;y;y;y;y ;y;y ;y;y y; ;yy;

;y;y;y;y ;y;y;y ;yy;y;y;y; y; ;yy;;yy;y;y;y;y; ;y;y;y y;y;y; ;y;y;y ;y;y;y

A

I

C

D

y;y; y;y; y;y; ;yy;y;

; ;

y;y;y;y; y;y;y; y;y;y;y;y; y; y;y;y;y;y;y;y;y; y;y;y; ;yy;y; y;y;y; y;y;y;

A

E

F

H

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 70 - 98

E

F


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE

Tabella 34

Ammortizzatori in gomma COD. AM01 AM02 AM03 AM04 AM05

Figura 30

A

B

C

D

E

F

17.2 16.6 18.3 17.2 23

9 11.1 11.1 9 11.1

6.6 8.7 8.7 6.6 8.7

16.7 16.7 17.5 16.7 23

5

3

11 9.4

3.2

G

H

L

M

N

P

Q

3 3 4 3 4

20.8 23.8 23.8 23.8 23.8

16 17.5 19 16 19

10.5 11.1 11.1 11 14.3

8.5

4.7 3 3.2

10.5 10.5 9.5 10.5 15

R

17.5 22 19

8.5 11.1

S

T

19

25 28.6 31.8 28.6 31.7

25.3

Ammortizzatori in gomma SERIE

AMMORTIZZATORE AM01

2.221.011

2.222.008

øM øN øC

øP

E

H

F

A

D

L

EM BP

øB

øQ øS øT

AM02

2.221.001

2.222.001

øM øN øC

A H

(non standard)

D

L

NE

øB

øP

øT

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 71 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE SERIE

AMMORTIZZATORE AM03

2.221.003

2.222.003

øM øN øC

øP

NB NE

G

H

D

A

L

(solo per modelli con staffa base Universale)

øB øR øT

AM04

2.221.009

2.222.008

øM øN øC

øP

NB NE

G

E

H

D

A

L

(per tutti i modelli con staffa base Europea)

øB

øQ øR øT

AM05

2.221.004

2.222.004

øM øN øC

G

E

H

F

D

T J

A

L

øP

øQ

øB

øR øS øT

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 72 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE

6.8

SALDATURA DEI TUBI DI CONNESSIONE Durante l’operazione di saldobrasatura delle connessioni sui tubi in rame del compressore, devono essere osservate le seguenti prescrizioni: •

NON accostare la fiamma dell’ugello alla saldatura del tubo alla scatola compressore, per evitare surriscaldamenti con danni alla saldatura e carbonizzazione dell’olio presente sulle pareti interne del compressore.

NON accostare la fiamma dell’ugello al terminale ermetico di connessione elettrica, per evitare criccature nell’isolante in vetro dei tre spinotti, con conseguenti perdite di gas.

Le saldature delle connessioni sui tubi in rame possono essere effettuate tramite l’apporto di lega saldante a basso tenore di argento, oppure, esclusivamente per giunzioni “rame/rame”, può essere anche impiegato il “rame fosforoso”, usando particolare cura per evitare surriscaldamenti. Una corretta saldatura è caratterizzata da una buona penetrazione del materiale d’apporto, garantendo una buona resistenza meccanica e l’assenza di perdite dalla giunzione. Queste caratteristiche si ottengono, oltre che con l’impiego di materiali idonei e la corretta esecuzione della saldatura anche con il corretto accoppiamento dei tubi in modo tale da garantire il gioco ottimale. “Gioco stretto” determina cattiva penetrazione del materiale d’apporto, mentre “gioco largo” causa penetrazione di materiale d’apporto e disossidante internamente al tubo e al compressore. Per limitare la contaminazione interna da parte del flusso disossidante si consiglia la sua applicazione in quantità non eccessiva unicamente sulla giunzione, dopo l’accoppiamento dei tubi. Evitare inoltre di surriscaldare la giunzione durante la saldatura, per ridurre la formazione di ossidi contaminanti all’interno dei tubi. Si consiglia, durante le fasi di saldatura, di insufflare azoto all’interno delle tubazioni, particolarmente per le applicazioni con R 404A. Con l’impiego del R 134a sono aumentate le possibilità di perdita di gas refrigerante attraverso saldature non correttamente eseguite dovute alla ridotta dimensione della molecola del gas R 134a. È consigliabile quindi una particolare cura nell’esecuzione delle saldature e nei controlli delle perdite, che devono essere effettuati con apparecchiature sensibili al tipo di gas impiegato.

6.9

VALVOLE ROTALOCK Per i compressori della serie J è prevista una versione speciale fornita su richiesta del Cliente, con bocchettone filettato sul coperchio del compressore (alternativo al tubo di aspirazione), idoneo al fissaggio di una valvola tipo Rotalock.Questa versione speciale può essere fornita in due modi: •

Compressore con bocchettone per valvola ma con valvola Rotalock non fornita

Compressore con bocchettone per valvola, con valvola Rotalock fornita non montata e corredata della relativa guarnizione di tenuta.

Un cappuccio avvitato sul bocchettone garantisce la sua protezione e la tenuta della pressurizzazione interna del compressore. La filettatura del bocchettone di 1" - 14 NS-2 accetta valvole Rotalock con dimensioni differenti secondo il tipo di compressore, come indicato sul Catalogo Compressori. Il montaggio della valvola sul bocchettone del compressore deve essere effettuato previo inserimento della guarnizione nella relativa sede sul bocchettone umettando entrambe con un leggero velo di olio (dello stesso tipo contenuto nel compressore) ed avvitando il dado di fissaggio della valvola alla coppia di serraggio indicata nella tabella seguente.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 73 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE La valvola può essere orientata, secondo le necessità, nell’arco dei 360°. Se necessario può essere facilmente sostituita impiegando una nuova guarnizione di tenuta. In Tabella 35 sono indicate le coppie di serraggio consigliate: Tabella 35

Coppie di Serraggio Raccomandate ELEMENTO

COPPIA SERRAGGIO Nm Kgm

DIMENSIONE

Stelo apertura/chiusura(1) Dado fissaggio orientamento Dado di servizio

Valvola 1/2" SAE Valvola 5/8" SAE

9.3÷11.3 11.3÷13.7

0.95 ÷ 1.15 1.15 ÷ 1.40

Valvola 1/2" SAE

67÷82

6.85 ÷ 8.35

Valvola 5/8" SAE Valvola 1/4" SAE

67÷82 10.8÷16.3

6.85 ÷ 8.35 1.10 ÷ 1.66

(1) L'apertura e la chiusura dello stelo valvola potrà essere effettuata tramite l'impiego di avvitatori elettrici o pneumatici aventi una velocità inferiore a 360 giri/minuto. Velocità superiori danneggiano le sedi di tenuta dello stelo e del corpo valvola.

Per le valvole con attacchi a saldare, onde evitare che il surriscaldamento durante la fase di saldatura possa danneggiare la guarnizione di tenuta, si consiglia di effettuare le saldature prima dell’applicazione della guarnizione e del bloccaggio definitivo della valvola sul compressore. È buona norma comunque cercare di ridurre i tempi di saldatura al minimo per non surriscaldare la tenuta dello stelo, anche se fabbricata con materiale resistente alle alte temperature.

Legenda 7

Valvole Rotalock 1 2 3 4

Figura 31

Attacco per servizio o manometro Connessione a compressore o a ricevitore Attacco principale Attacco per pressostato

AeB

Dadi di servizio (ciechi esagonali)

Valvole Rotalock a svasare

aID001f

a saldare

aID001s

1

1

2

2 A

3

A

3

B

B

4

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

4

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 74 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE

Figura 32

Posizione valvole con stelo alzato - attacco di servizio chiuso

aID002f

con stelo abbassato a metà attacco tutto aperto

aID003f

con stelo completam. abbassato attacco principale chiuso aID004f 1

1

3

3

4

4

4

RAFFREDDAMENTO COMPRESSORE

6.10

Nella gamma Aspera sono presenti compressori con differenti esigenze di raffreddamento: •

Raffreddamento Statico (senza ventilatore): richiede che il compressore venga posizionato nell’applicazione in modo da essere investito direttamente da una corrente di aria a temperatura ambiente, attraverso sufficienti aperture situate nella carrozzeria dell’applicazione.

Raffreddamento Ventilato: richiede l’impiego di un motoventilatore posizionato in modo che il flusso d’aria generato investa il compressore lateralmente (sul suo lato più lungo ed opposto a quello sul quale è posizionato il protettore termico).

Il protettore, se ventilato, ritarda il suo eventuale intervento in apertura, non proteggendo più adeguatamente il compressore. La distanza consigliata tra la ventola e il compressore è di 20 ÷ 30 cm. Il motoventilatore potrà essere scelto in base alla portata d’aria indicata nella Tabella 36: Tabella 36

Caratteristiche Motoventilatori SERIE COMPRESSORI

PORTATA IN ARIA LIBERA (m3/h)

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

NB

NE - T

J

270

520

800

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 75 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE

OPERAZIONE DI VUOTO

6.11

D’importanza fondamentale per il buon funzionamento della macchina frigorifera e la durata del compressore è il corretto vuoto eseguito nel sistema, in modo da assicurare che il contenuto di aria e soprattutto di umidità siano al di sotto dei valori ammessi. L’introduzione dei nuovi gas ha richiesto l’uso di nuovi olii di tipo poliestere aventi caratteristiche di elevata igroscopicità che richiedono maggiori attenzioni nell’esecuzione del vuoto. Il vuoto in un sistema può essere effettuato con metodologie diverse, come p.es. sul solo lato di bassa pressione, oppure su entrambi i lati di alta e bassa pressione, con tempi differenti, con fasi di precarica di refrigerante, ecc. In ogni caso l’obiettivo da raggiungere è un valore di vuoto (misurato alla sua stabilizzazione, nei due lati di alta e bassa pressione) migliore di 0,14 mBar (100 µHg) con un livello di incondensabili non superiore allo 0,3%. ATTENZIONE: per evitare danni irreparabili al compressore non avviarlo in condizioni di vuoto e senza la carica di gas.

OPERAZIONE DI CARICA DEL GAS REFRIGERANTE

6.12

Dopo l’operazione di vuoto, il sistema deve essere caricato con il tipo di refrigerante indicato sulla targhetta compressore od eventuali tipi consentiti in alternativa, nella quantità predeterminata. Per una corretta operazione di carica si consiglia, dopo aver effettuato il vuoto, di pompare parte del refrigerante nel compressore per “rompere il vuoto”; avviare quindi il compressore per fare aspirare la rimanente parte della carica. Nei piccoli sistemi frigoriferi che utilizzano pochi grammi di carica, questa viene normalmente pompata nel compressore attraverso il tubo di servizio; in questo caso si deve attendere 5÷10 minuti (tempo dipendente dalla quantità di refrigerante e dalla temperatura ambiente), prima di avviare il compressore. Questo per consentire una parziale evaporazione del refrigerante evitandone la sua aspirazione in fase liquida nel cilindro del compressore. ATTENZIONE: le miscele di gas refrigeranti devono essere caricate nel sistema solo allo stato liquido. Tabella 37

Carica Massima Refrigerante SERIE CARICA REFRIGERANTE (g)

NE

T

J

350

500

800

Qualora la carica di refrigerante dovesse superare i valori massimi consentiti per il compressore accertarsi che il circuito sia munito di ricevitore di liquido e, nei grandi impianti, del riscaldatore olio nella scatola del compressore per evitare la miscelazione del refrigerante nell’olio e la formazione di schiume (foaming), causa di problemi di usura. Le eventuali cariche di refrigerante sull’applicazione, effettuate dal “Servizio assistenza tecnica” del cliente, dovranno rispettare la quantità e il tipo di refrigerante riportati sulla targhetta della macchina frigorifera ed eventuali aggiunte dovranno essere effettuate previa rimozione del gas residuo presente nel sistema. ATTENZIONE: l’uso del compressore fuori dal campo di applicazione previsto farà decadere la garanzia.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 76 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

INFORMAZIONI SULLA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL COMPRESSORE

6.13

CONTROLLO PERDITE DI GAS REFRIGERANTE Un sistema può funzionare regolarmente nel tempo, per tutta la durata del compressore, solo se vengano osservate tutte le prescrizioni relative ad una corretta installazione, tra le quali ultima ed importante è l’assenza di perdite di refrigerante. Si è stimato che perdite di refrigerante del 10% della carica in 15 anni di funzionamento del compressore, garantiscono ancora il buon funzionamento del sistema refrigerante. Con i nuovi gas (R 134a e miscele) le possibilità di perdite di refrigerante attraverso le saldature non correttamente eseguite aumentano per la ridotta dimensione molecolare dei gas, sommandosi all’aumento delle perdite in % dovuta alla quantità di carica ridotta rispetto a quella dei gas tradizionali finora impiegati. Per i motivi suddetti è di importanza fondamentale che vengano effettuati accurati controlli delle perdite sulle saldature con metodi ed apparecchiature idonee al tipo di gas impiegato. Per la prova perdite dell’R 134a impiegare un’apparecchiatura esclusiva. ATTENZIONE: le miscele di gas refrigeranti R 404A - R 402A - R 402B non devono essere miscelate all’aria durante la ricerca delle fughe e non devono essere utilizzate o lasciate in presenza di elevate concentrazioni di aria al di sopra della pressione atmosferica e ad elevate temperature.

6.14

ALIMENTAZIONE ELETTRICA Il compressore applicato sulla macchina refrigerante dovrà essere alimentato elettricamente ad una tensione compresa entro i limiti indicati nella Tabella 5 - Tensioni e frequenze a pagina 15. A causa delle cadute di tensione sul circuito di alimentazione, tale tensione dovrà essere quella misurata sul terminale ermetico di connessione del compressore. Nella stessa tabella sono indicate le tensioni minime di avviamento alle quali il compressore è in grado di avviarsi in assenza di carico. Nel paragrafo 7.1 - Limiti di Funzionamento dei Compressori – 7.1.6 - Condizioni di partenza sono indicati, per l’avviamento del compressore, i valori limite della pressione di aspirazione, pressione di scarico e tensione di alimentazione. Il corretto dimensionamento dei cavi di alimentazione è importante per garantire basse cadute di tensione in funzionamento e durante le fasi di avviamento del compressore, e dovrà essere determinato in base alla corrente a rotore bloccato indicata sul Catalogo componenti elettrici. Un eventuale fusibile di protezione potrà essere così dimensionato: •

225% della corrente di funzionamento del compressore più il 100% degli assorbimenti in corrente di tutti gli altri eventuali motori elettrici.

Per i modelli trifase impiegare teleruttori dimensionati in modo che ciascun contatto sopporti il valore di assorbimento di corrente del compressore.

ATTENZIONE: l’impianto elettrico deve essere realizzato in accordo con le normative di legge vigenti in materia nel paese in cui la macchina frigorifera andrà ad operare.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 77 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

DATI DI FUNZIONAMENTO

7

DATI DI FUNZIONAMENTO

7.1

LIMITI DI FUNZIONAMENTO DEI COMPRESSORI Il dimensionamento dei componenti del sistema deve essere effettuato in modo che non vengano superati i limiti delle caratteristiche sotto indicate. Nel periodo di funzionamento in utenza del sistema, possono intervenire fattori che peggiorano le condizioni di lavoro, come perdite di gas, riduzione dello scambio termico sul condensatore per intasamento, ecc. Questi fattori consigliano di dimensionare il sistema con un buon margine di sicurezza, per permettere di mantenere nel tempo le caratteristiche entro i limiti prescritti.

Temperatura massima avvolgimenti motore elettrico

7.1.1

130 °C massimi, in normali condizioni di esercizio.

La misura della temperatura può essere effettuata con il compressore in funzionamento tramite idonea apparecchiatura (p.es. SILYTESTER della BIDDLE U.S.A.), oppure con metodo di misurazione della resistenza ohmica, interrompendo l’alimentazione del compressore. Questo metodo richiede la disponibilità di strumenti di precisione per la misurazione della resistenza ohmica (Ohmetro digitale, Ponte di Wheatstone) e della temperatura. a) Effettuare la misurazione della resistenza ohmica Rf dell’avvolgimento principale (di marcia) tra i pins del terminale ermetico C common (in alto) e R run (in basso a destra) e della corrispondente temperatura stabilizzata Tf di riferimento. b) Effettuare la misurazione della resistenza ohmica Rc dell’avvolgimento principale (di marcia) a motore caldo tra i pins C e R alla temperatura Tc da calcolare. c) Calcolare la temperatura Tc con la seguente formula: ( Rc – Rf ) Tc = ------------------------ ( 234.5 + Tf ) + Tf Rf Dove: Legenda 8

Tc = Temperatura incognita, a motore caldo Tf = Temperatura motore misurata alla temperatura di riferimento stabilizzata Rc = Resistenza ohmica misurata, corrispondente alla temperatura Tc Rf = Resistenza ohmica misurata, corrispondente alla temperatura Tf 7.1.2

Temperatura massima gas di scarico •

Codice Doc. MP01IC

Temperatura massima indicata in Tabella 38 misurata sul tubo di scarico alla distanza di 50 mm dall’involucro compressore isolando termicamente la termocoppia, in condizioni di funzionamento continuo.

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 78 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

DATI DI FUNZIONAMENTO

Pressioni massime gas di scarico

7.1.3

Tabella 38

Picco massimo di pressione, in condizioni di Pull-down, come indicato in Tabella 38.

Pressioni massime, in condizioni di funzionamento continuo, come indicato in Tabella 38.

Pressione Massima Gas di Scarico Refrigerante

R22 R290 (Propano) R134a R600a (Isobutano) R407C R404A R507 •

7.1.4

Codice Doc. MP01IC

bar (rel.)

kg/cm2 (rel.)

bar (rel.)

kg/cm2 (rel.)

TEMP. MAX. GAS DI SCARICO °C

23.2 21.1 15.8 7.7 24.2 27.7 28.5

22.8 19.8 15.5 7.5 23.8 27.2 27.9

20.7 18.1 13.9 6.7 21.4 24.7 25.4

20.3 17.7 13.6 6.6 21.0 24.2 24.9

125 110 140 110 140 140 140

PULL–DOWN PICCO MASSIMO

CONDIZIONI A REGIME VALORE MASSIMO

Assicurarsi che alle massime condizioni ambientali previste il compressore funzioni entro i campi di lavoro indicati nel successivo capitolo.

Surriscaldamento gas di aspirazione •

Mantenerlo il più basso possibile (minimo 5 °C), senza che si verifichino condizioni di ritorno di liquido.

Lunghezza dello scambiatore di calore da 0.9 a 1.3 m.

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 79 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

DATI DI FUNZIONAMENTO 7.1.5

Campi di Lavoro Compressori •

Entro i valori minimo e massimo caratteristici di ciascun modello.

Nei diagrammi rappresentati nelle pagine seguenti sono indicate le limitazioni delle temperature di evaporazione, condensazione, ambiente e gas di ritorno. Il compressore potrà operare con i limiti di temperatura di evaporazione e condensazione definiti dall’area tratteggiata racchiusa da una linea continua, nelle condizioni indicate di temperatura ambiente e di gas di ritorno. Fuori da questi campi di lavoro il sistema si troverebbe ad operare a pressioni e temperature elevate, dannose per la vita del compressore. Difettosità del compressore conseguenti ad applicazioni operanti fuori dai campi prescritti faranno decadere la garanzia. 7.1.5.1

Campi di Lavoro Compressori R 22 La realizzazione di compressori in R 22 si è resa necessaria per la sostituzione dei refrigeranti R 12 - R 502, scelta obbligata dalla non disponibilità in quel momento di altri gas alternativi idonei. Per applicazioni in bassa e media temperatura utilizzanti compressori in R 22 devono essere considerate le limitazioni poste da questo tipo di gas, concepito per le alte temperature di evaporazione e quindi caratterizzato da limiti restrittivi di impiego.

7.1.5.2

Campi di Lavoro Compressori R 404A - R 507 - R 600a - R 134a - R 22 - R290 I campi di lavoro rappresentati in questa sezione sono comuni ciascuno alle serie e ai modelli di compressori utilizzanti i gas refrigeranti indicati.

Codice Doc. MP01IC

1 - LBP: R 134a – R 600a

2 – LBP: R 404A – R 507 – R290

3 – MBP: R404A - R507

4 – HBP: R134a - R600a – R22 – R290

5 – LBP: R22

6 – AC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 80 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

DATI DI FUNZIONAMENTO

Legenda 9 Tc Temperatura di condensazione Te Temperatura di evaporazione

k Ambiente 32 °C e gas di ritorno 20 °C m Ambiente 32 °C e gas di ritorno 20 °C

(per periodo transitorio) 1 - REFRIGERANTE R134a - R600a - APPLICAZIONE LBP

2 - REFRIGERANTE R404A - R507 - R290- APPLICAZIONE LBP

°C 60

°C 60

m

m

50

50

Tc

55

Tc

55

k

45 40

40

35

35

-35

-30

-25

-20

k

45

-15

-5 °C

-10

-45

-40

-35

-30

Te

-25

3 - REFRIGERANTE R404A - R507 - APPLICAZIONE MBP

-15

-10 °C

4 - REFRIGERANTE R134a - R600a - R22 - R290 - APPLICAZIONE HBP

°C 60

°C 60

m

m

50

50

k

45

Tc

55

Tc

55

m

40

35

35 -20

-15

-10

-5

0

5

k

45

40

-25

-20

Te

10 °C

-20

-15

-10

-5

Te

0

5

10

15 °C

10

15

20

25 °C

Te

5 - REFRIGERANTE R22 - APPLICAZIONE LBP

6 - APPLICAZIONE AC

°C 60

°C 60

55

55

m m Tc

50

Tc

50 45

k

45

k 40

40

35

35

-40

-35

-30

-25

-20

-15

-10

-5 °C

-10

-5

Te

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

0

5

Te

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 81 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

DATI DI FUNZIONAMENTO

Condizioni di partenza

7.1.6

Tabella 39

Nella Tabella 39 sono indicati i valori limite delle pressioni per l’avviamento del compressore, alla tensione di alimentazione uguale o superiore al 90% del valore nominale. (Uguale o superiore all’85% del valore nominale per i modelli AC). In applicazioni ove le pressioni e la tensione di alimentazione siano al di fuori dei limiti indicati non è garantita la regolare partenza del compressore.

Valori limite di pressione TIPO APPLICAZIONE

TIPO COPPIA DI AVVIAMENTO

LST

LBP

HST

LST MBP HBP HST

AC

HST/LST

TIPO REFRIGERANTE

R134a R 600a R 22 R404A R507 R290 R134a R600a R22 R404A R507 R290 R134a R600a R 22 R404A R507 R290 R134a R600a R22 R404A R507 R290 R 22 R407C

PRESSIONI RELATIVE ASPIRAZIONE SCARICO bar Kg/cm2 bar Kg/cm2

5.1 2.2 8.6 10.5 10.9 7.8 1.0 0.1 2.5 3.3 3.5 2.4 12.5 2.7 10.0 12.1 12.5 9.0 2.9 1.0 5.4 6.7 7.0 5.0 10.9 10.7

5.0 2.1 8.4 10.3 10.7 7.4 1.0 0.1 2.5 3.3 3.4 2.4 12.3 2.6 9.8 11.9 12.3 8.8 2.8 1.0 5.3 6.6 6.9 4.9 10.7 10.5

5.1 2.2 8.6 10.5 10.9 7.8 12.2 5.8 18.4 22.0 22.6 16.1 12.5 2.7 10.0 12.1 12.5 9.0 13.9 6.7 20.7 24.7 25.4 18.1 10.9 10.7

5.0 2.1 8.4 10.3 10.7 7.4 11.9 5.7 18.1 21.5 22.2 15.8 12.3 2.6 9.8 11.9 12.3 8.8 13.6 6.6 20.3 24.3 24.9 17.7 10.7 10.5

ATTENZIONE: per evitare danni irreparabili al compressore non avviarlo mai quando il sistema è sottovuoto.

7.1.7

Codice Doc. MP01IC

Temperature del raffreddatore olio (oil cooler) •

Temperature dei gas ingresso/uscita uguali o con differenza massima di 3 °C.

Si suggerisce di collegare il condensatore al raffreddatore olio ad 1/3 della sua lunghezza totale (2/3 finali del condensatore dopo il raffreddatore olio).

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 82 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

DATI DI FUNZIONAMENTO 7.1.8

7.1.9

7.2

Tempi di funzionamento •

Dimensionare i sistemi per l’80% mass. del tempo di funzionamento normale.

Il 100% di funzionamento del compressore può avvenire solo in condizioni gravose di carico e di temperatura ambiente, fuori dai limiti di funzionamento ammessi.

Ciclatura •

I sistemi devono essere dimensionati in modo da non superare 5 cicli on/off all’ora.

Compressori con avviatori PTC devono essere riavviati dopo un tempo minimo di 5 minuti dalla loro fermata. Questo per permettere il raffreddamento della pillola PTC e il raggiungimento del valore resistivo idoneo alla ripartenza del compressore.

L’intervento della protezione termico/amperometrica comporta il riavvio del compressore dopo il tempo necessario alla richiusura dei contatti del protettore.

PROCEDURE DI CONTROLLO COMPRESSORI I difetti di funzionamento che si possono manifestare sulle macchine frigorifere possono essere, nella maggior parte dei casi, identificati ed eliminati consultando la tabella del capitolo “Difetti, cause e rimedi”. Il controllo diagnostico per l’identificazione del componente difettoso o del problema elettrico presente nel circuito potrà essere condotto seguendo le procedure descritte nel capitolo “Controllo dei circuiti elettrici”.

7.3

LISTA DEI DIFETTI, CAUSE E RIMEDI La lista offre la possibilità di identificare rapidamente, in base al tipo di difetto emerso, le possibili cause e le eventuali riparazioni da apportare. I difetti elencati sono tra i più comuni riscontrabili su applicazioni definite; per eventuali altri difetti non contemplati nella lista o riferiti a problemi di funzionamento nella fase di progettazione dell’applicazione, vogliate contattare i Tecnici della Direzione Vendite dell’Embraco Europe.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 83 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

DATI DI FUNZIONAMENTO

Tabella 40

Difetti, cause e rimedi

DIFETTO 1

2

CAUSA

2.5

3

2.6 Compressore si avvia ma il relè non 3.1 apre per disconnettere l’avvolgimento di avviamento. 3.2 3.3 3.4 3.5 3.6 3.7

4

RIMEDIO

Compressore non si avvia e non 1.1 Assenza tensione di linea. Relè di emette ronzio avviamento con contatti aperti. 1.2 Fusibile bruciato o rimosso. 1.3 Protettore termico interviene. 1.4 Pressostato con contatto bloccato in apertura. 1.5 Termostato non correttamente posizionato o con contatto bloccato in apertura. 1.6 Connessioni elettriche allentate o collegamenti elettrici errati. Compressore non si avvia ma emette 2.1 Collegamenti elettrici errati. ronzio e il protettore termico interviene 2.2 Bassa tensione sul compressore. 2.3 Condensatore avviamento difettoso. 2.4 Relè non chiude.

Compressore si avvia e funziona, ma 4.1 con il ripetuto intervento del protettore termico. 4.2 4.3 4.4 4.5

4.6

4.7

4.8

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Controllare la linea o sostituire il relè di avviamento. Sostituire fusibile. Rivedere le connessioni elettriche. Sostituire pressostato. Riposizionare o sostituire il pressostato.

Serrare le connessioni o rifare i collegamenti secondo lo schema elettrico. Rifare i collegamenti secondo lo schema elettrico. Identificare la causa ed eliminarla. Identificare la causa e sostituire il condensatore. Identificare la causa sostituendo il relè se necessario. Motore elettrico con avvolgi- Sostituire il compressore. mento interrotto o in corto circuito. Meccanica interna difettosa. Sostituire il compressore. Pressione scarico eccessiva. Controllare il circuito secondo lo schema elettrico. Bassa tensione sul compressore. Identificare e eliminare la causa. Condensatore di marcia difettoso. Identificare la causa e sostituire. Relè bloccato in chiusura. Identificare la causa sostituendo il relè se necessario. Collegamenti elettrici errati. Controllare il circuito secondo lo schema elettrico. Motore elettrico con avvolgi- Sostituire il compressore. mento interrotto o in corto circuito. Meccanica interna difettosa (indu- Sostituire il compressore. rita o bloccata). Corrente addizionale anomala pas- Controllare il circuito elettrico e le corsante attraverso il protettore. rette connessioni sul protettore di ventilatori, pompe, ecc. Bassa tensione al compressore Identificare la causa ed eliminarla. (fasi sbilanciate su motori trifase). Protettore termico difettoso. Controllare le sue caratteristiche e sostituirlo se necessario. Condensatore di marcia difettoso. Identificare la causa e sostituire. Pressione di scarico alta. Controllare ventilazione e eventuali restringimenti o ostruzioni nel circuito del sistema. Pressione di aspirazione alta. Controllare il dimensionamento del sistema. Sostituire il compressore con uno più potente, se necessario. Compressore surriscaldato - Gas di Controllare carica di refrigerante, riparitorno caldo. rare eventuale perdita e aggiungere gas se necessario. Motore compressore con un avvolSostituire il compressore. gimento in corto circuito.

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 84 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

DATI DI FUNZIONAMENTO DIFETTO 5

CAUSA

5.3

5.4

5.5

5.6

5.7

5.8

5.9

6

Compressore funziona ininterrotta- 6.1 mente o per lunghi periodi. 6.2 6.3 6.4

6.5 6.6

7

6.7 6.8 Condensatore avviamento danneg- 7.1 giato; interrotto o in corto circuito. 7.2

7.3

7.4 7.5 8

RIMEDIO

Compressore si avvia e gira, con cicli 5.1 Protettore termico di funzionamento di breve durata. 5.2 Termostato.

Condensatore marcia danneggiato; 8.1 interrotto o in corto circuito. 8.2

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Vedere il paragrafo 4 Differenziale (cut off / cut in) piccolo. Correggere regolazione. Intervento pressostato alta pres- Controllare il corretto funzionamento sione causa insufficiente raffredda- del raffreddamento sul condensatore mento sulla condensazione. (aria od acqua). Intervento pressostato alta pressione per eccessiva carica di gas Ridurre la carica di gas refrigerante. refrigerante. Intervento pressostato alta pres- Rifare il vuoto e la carica di gas refrigesione causa presenza di aria nel rante. sistema. Intervento pressostato bassa pressione causa perdita da valvola a Sostituire la valvola a solenoide. solenoide. Intervento pressostato bassa pressione causa perdite dalle valvole Sostituire il compressore. interne. Intervento pressostato bassa pres- Riparare eventuale perdita e aggiungere sione causa carica di gas refrigegas refrigerante. rante scarsa. Intervento pressostato bassa pressione causa restrizione o ottura- Sostituire la valvola di espansione. zione della valvola di espansione. Carica scarsa di gas refrigerante. Riparare eventuale perdita e aggiungere gas refrigerante. Termostato con contatti bloccati in Sostituire il termostato. chiusura Eccessivo carico da raffreddare o Ridurre il carico o migliorare l’isolaisolamento insufficiente mento, se possibile. Sistema non sufficientemente Rifare il sistema dimensionandolo magdimensionato in funzione del giormente. carico. Evaporatore ricoperto di ghiaccio. Eseguire lo sbrinamento. Restrizione nel circuito del Identificare la restrizione ed eliminarla. sistema. Condensatore intasato. Pulire il condensatore. Filtro aria intasato. Pulire o sostituire il filtro. Contatti relè non funzionanti corSostituire il relè. rettamente (non aprono). Inserzione prolungata del conden- Eliminare il problema della bassa tensatore avviamento per bassa tensione di alimentazione. sione di alimentazione. Inserzione prolungata del condensatore avviamento a causa del relè Sostituire il relè. non corretto. Numero di ciclature eccessive. Identificare la causa (vedere par.5) ed eliminarla. Condensatore avviamento errato Sostituire il condensatore applicando il tipo corretto. Condensatore marcia errato. Sostituire con condensatore del tipo corretto. Tensione elevata linea alimenta- Identificare la causa ed eliminarla. zione (oltre il limite superiore ammesso).

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 85 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

DATI DI FUNZIONAMENTO DIFETTO 9

CAUSA

RIMEDIO

Relè di avviamento difettoso o bru- 9.1 Relè errato. ciato. 9.2 Relè di avviamento a tensione montato in posizione incorretta. 9.3 Tensione di linea troppo alta o bassa (fuori dai limiti prescritti). 9.4 Numero di ciclature eccessive. 9.5 Relè non inserito correttamente sul terminale ermetico. 9.6 Condensatore di marcia errato.

10 Temperatura dell’ambiente da refri- 10.1 Termostato regolato troppo alto. gerare troppo alta. 10.2 Valvola di espansione sottodimensionata. 10.3 Elemento evaporante sottodimensionato. 10.4 Circolazione aria insufficiente. 11 Tubazioni di aspirazione brinate o 11.1 Valvola di espansione con eccesumide. sivo passaggio di gas o sovradimensionata. 11.2 Valvola di espansione bloccata in apertura. 11.3 Ventilatore evaporatore non funziona. 11.4 Carica di gas refrigerante elevata. 12 Tubazioni di scarico brinate o umide. 12.1 Restrizione nel filtro disidratatore. 12.2 Valvola esterna sulla linea di scarico parzialmente chiusa. 13 Unità rumorosa. 13.1 Componenti non fissati causa elementi di fissaggio laschi. 13.2 Ammortizzatori in gomma montati senza boccola o fissati in modo non corretto. 13.3 Tubazioni che interferiscono tra loro o con altri componenti. 13.4 Vibrazione provocata dalle pale del ventilatore. 13.5 Cuscinetti motore ventilatore. 13.6 Giunzioni tra tubi effettuate in modo non corretto (rumore di gas).

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Sostituire con relè corretto. Rimontare il relè nella posizione corretta. Identificare la causa ed eliminarla. Identificare la causa (vedere par.5) ed eliminarla. Inserire a fondo il relè sul terminale ermetico. Sostituire con condensatore del tipo corretto. Regolare correttamente. Sostituire con valvola di espansione idonea. Sostituire aumentando la superficie evaporante. Migliorare la circolazione dell’aria. Regolare la valvola di espansione o sostituire con altra correttamente dimensionata. Pulire la valvola da sostanze estranee o sostituirla se necessario. Identificare la causa ed eliminarla. Ridurre la carica. Sostituire il filtro. Aprire completamente la valvola. Identificare gli elementi laschi e bloccarli. Effettuare il montaggio corretto.

Eliminare le interferenze. Sostituire la ventola. Sostituire il motoventilatore. Rifare correttamente le giunzioni.

Data 2004-09

Pagine 86 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

DATI DI FUNZIONAMENTO

7.4

CONTROLLO DEI CIRCUITI ELETTRICI Le prove elettriche indicate in questo capitolo permettono, per ciascun tipo di motore elettrico, di identificare le cause di eventuali anomalie o difetti di componenti elettrici, motore elettrico e cablaggio. Nel caso i problemi si presentino durante le fasi di collaudo finale dell’applicazione frigorifera, prima di avviare la procedura di controllo è opportuno accertarsi che i cavetti di connessione siano correttamente connessi, secondo gli schemi elettrici rappresentati nel capitolo 2.9. Per l’effettuazione dei controlli è necessario l’impiego di strumenti idonei alla verifica della continuità e la misurazione della resistenza ohmica, rispettando la sequenza indicata e facendo riferimento agli schemi elettrici (vedere capitolo 2.9), ricordando che le linee continue rappresentano i cavetti facenti parte del componente elettrico o del cablaggio fornito, mentre le linee tratteggiate rappresentano i cavetti di connessione suggeriti, di competenza del cliente. ATTENZIONE: Impianti elettrici eseguiti secondo schemi differenti da quelli indicati sul Manuale Compressori possono richiedere una procedura di controllo e misurazioni effettuate in punti diversi da quelli indicati.

7.4.1

Versioni standard RSIR-RSCR serie EM con avviatore PTC (Riferirsi agli schemi elettrici rappresentati in Figura 8 a pagina 24) Verificare con voltmetro la presenza della tensione di rete corretta sui morsetti L2 ed N della morsettiera. Se manca tensione il termostato è difettoso per contatti aperti oppure è presente una interruzione sui cavi o sulle connessioni. Disconnettere elettricamente altri componenti elettrici se presenti (motoventilatore, motoriduttore, ecc.), togliere tensione al circuito sconnettendolo dalla linea di alimentazione, e effettuare le seguenti operazioni e controlli: 1. Controllare la continuità sui morsetti L1 - L2 della morsettiera. Se manca continuità il termostato è da sostituire per contatti aperti. 2. Estrarre l’avviatore PTC dal terminale ermetico. 3. Se presente il condensatore di marcia (versione RSCR) disconnetterlo. 4. Controllare sul protettore la continuità tra i punti 1 e 3. Se manca continuità accertarsi che il protettore non abbia i contatti aperti a seguito del suo intervento, in tal caso ripetere il controllo dopo circa 10 minuti. In caso contrario il protettore è difettoso per contatti aperti. 5. Controllare il motore elettrico secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.1. 6. Controllare la resistenza ohmica degli avvolgimenti statorici di marcia e di avviamento secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.2. 7. Sull’avviatore PTC controllare tra i due faston 1 e 3 la resistenza ohmica della pillola PTC che deve essere di 8÷16 Ω per modello 230 V e di 2÷4 Ω per modello a 115 V, alla temperatura ambiente di 25 °C. (Attenzione: i valori di resistenza ohmica misurati con un normale tester possono avere scostamenti anche del 25/30% rispetto ai valori indicati). 8. Se il condensatore di marcia è presente (versione RSCR), controllarlo secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.3. Se tutti i controlli non hanno evidenziato anomalie, non sono presenti ostruzioni nel capillare e il sistema continua a non funzionare correttamente, sostituire il compressore.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 87 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

DATI DI FUNZIONAMENTO 7.4.2

Versioni standard RSIR e RSCR serie BP con avviatore PTC (Riferirsi agli schemi elettrici RSIR e RSCR rappresentati in Figura 9 a pagina 24) Verificare con voltmetro la presenza della tensione di rete corretta sui morsetti L ed N del gruppo integrato avviatore PTC. Se manca tensione il termostato è difettoso per contatti aperti oppure è presente una interruzione sui cavi o sulle connessioni. Disconnettere elettricamente altri componenti elettrici se presenti (motoventilatore, motoriduttore, ecc.), togliere tensione al circuito sconnettendolo dalla linea di alimentazione, e effettuare le seguenti operazioni e controlli: 1. Controllare la continuità sui morsetti L - 3 del Gruppo integrato avviatore PTC. Se manca continuità il termostato è da sostituire per contatti aperti. 2. Estrarre il Gruppo integrato avviatore PTC dal terminale ermetico. 3. Se presente il condensatore di marcia (versione RSCR) disconnetterlo. 4. Estrarre il protettore dal Gruppo integrato avviatore PTC e controllare tra i punti 1 e 3. Se manca continuità accertarsi che il protettore non abbia i contatti aperti a seguito del suo intervento, in tal caso ripetere il controllo dopo circa 10 minuti. In caso contrario il protettore è difettoso per contatti aperti. 5. Controllare il motore elettrico secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.1. 6. Controllare la resistenza ohmica degli avvolgimenti statorici di marcia e di avviamento secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.2. 7. Sul Gruppo integrato avviatore PTC controllare tra i due faston N e 2 la resistenza ohmica della pillola PTC che deve essere di 8÷16 Ω per modello 230 V e di 2÷4 Ω per modello a 115 V, alla temperatura ambiente di 25 °C. (Attenzione: i valori di resistenza ohmica misurati con un normale tester possono avere scostamenti anche del 25/30% rispetto ai valori indicati). 8. Se il condensatore di marcia è presente (versione RSCR), controllarlo secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.3. Se tutti i controlli non hanno evidenziato anomalie, non sono presenti ostruzioni nel capillare e il sistema continua a non funzionare correttamente, sostituire il compressore.

7.4.3

Versione standard RSIR serie NB-NE-T con relè a corrente elettromagnetico (Riferirsi allo schema elettrico RSIR rappresentato in Figura 10 a pagina 25) NOTA BENE: i contatti del relè di avviamento sono normalmente aperti. Verificare con voltmetro la presenza della tensione di rete corretta sui morsetti 1 del relè e 3 del protettore. Se manca tensione il termostato è difettoso per contatti aperti oppure è presente una interruzione sui cavi o sulle connessioni. Disconnettere elettricamente altri componenti elettrici se presenti (motoventilatore, motoriduttore, ecc.), togliere tensione al circuito sconnettendolo dalla linea di alimentazione, e effettuare le seguenti operazioni e controlli: 1. Controllare la continuità tra i punti 1 - 3 del protettore. Se manca continuità accertarsi che il protettore non abbia i contatti aperti a seguito del suo intervento, in tal caso ripetere il controllo dopo circa 10 minuti. 2. Estrarre il relè di avviamento dal terminale ermetico e mantenendolo nella stessa posizione verticale (non inclinare o rovesciare) effettuare i seguenti controlli di continuità.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 88 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

DATI DI FUNZIONAMENTO 3. Tra i morsetti 1 e S sul relè. Se c’è continuità il relè è difettoso per contatti chiusi. 4. Tra i morsetti 1 e R del relè. Se manca continuità il relè ha la bobina interrotta. 5. Controllare il motore elettrico secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.1. 6. Controllare la resistenza ohmica degli avvolgimenti statorici di marcia e di avviamento secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.2. Se tutti i controlli non hanno evidenziato anomalie, non sono presenti ostruzioni nel capillare e il sistema continua a non funzionare correttamente, sostituire il relè di avviamento, escludendo eventuali errori di apertura e chiusura dei contatti (correnti di pick-up e drop-out) impossibili da rilevare con i controlli suddetti. In caso di persistenza del non corretto funzionamento dovrà essere sostituito il compressore a causa di difetti interni. 7.4.4

Versione standard CSIR serie NB-NE-T con relè a corrente elettromagnetico (Riferirsi allo schema elettrico CSIR rappresentato in Figura 10 a pagina 25) NOTA BENE: i contatti del relè di avviamento sono normalmente aperti. Verificare con voltmetro la presenza della tensione di rete corretta sui morsetti 2 del relè e 3 del protettore. Se manca tensione il termostato è difettoso per contatti aperti oppure è presente una interruzione sui cavi o sulle connessioni. Disconnettere elettricamente altri componenti elettrici se presenti (motoventilatore, motoriduttore, ecc.), togliere tensione al circuito sconnettendolo dalla linea di alimentazione, e effettuare le seguenti operazioni e controlli: 1. Controllare la continuità tra i punti 1 e 3 del protettore. Se manca continuità accertarsi che il protettore non abbia i contatti aperti a seguito del suo intervento, in tal caso ripetere il controllo dopo circa 10 minuti. 2. Estrarre il relè di avviamento dal terminale ermetico e mantenendolo nella stessa posizione verticale (non inclinare o rovesciare) effettuare i seguenti controlli di continuità. 3. Tra i morsetti 1 e S sul relè. Se c’è continuità il relè è difettoso per contatti chiusi. 4. Tra i morsetti 2 e R del relè. Se manca continuità il relè ha la bobina interrotta. 5. Controllare il motore elettrico secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.1. 6. Controllare la resistenza ohmica degli avvolgimenti statorici di marcia e di avviamento secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.2. 7. Controllare il condensatore di avviamento secondo la procedura indicata al paragrafo 7.5.3. Se tutti i controlli non hanno evidenziato anomalie, non sono presenti ostruzioni nel dispositivo di espansione e il sistema continua a non funzionare correttamente, sostituire il relè di avviamento, escludendo eventuali errori di apertura e chiusura dei contatti (correnti di pick-up e drop-out) impossibili da rilevare con i controlli suddetti. In caso di persistenza del non corretto funzionamento dovrà essere sostituito il compressore a causa di difetti interni.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 89 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

DATI DI FUNZIONAMENTO 7.4.5

Versione morsettiera RSIR serie NB-NE-T con relè a corrente elettromagnetico (Per la Serie T, riferirsi allo schema elettrico RSIR rappresentato in Figura 11 a pagina 25) (Per la Serie NB-NE, riferirsi allo schema elettrico RSIR rappresentato in Figura 12 a pagina 26) NOTA BENE: i contatti del relè di avviamento sono normalmente aperti. Rimuovere la morsettiera, estrarre il relè di avviamento e sconnettere il protettore dal terminale ermetico. Disconnettere elettricamente altri componenti elettrici se presenti (motoventilatore, motoriduttore, ecc.), togliere tensione al circuito sconnettendolo dalla linea di alimentazione, e effettuare le seguenti operazioni e controlli: 1. Rimuovere la morsettiera, estrarre il relè di avviamento e sconnettere il cavetto del protettore dal terminale ermetico. 2. Protettore: controllare la continuità tra i punti 1 del protettore e 1 della morsettiera. Se manca continuità il protettore può essere: • difettoso per contatti aperti • intervenuto, quindi ripetere il controllo dopo circa 10 minuti • non connesso alla morsettiera. 3. Mantenendo il relè di avviamento nella stessa posizione verticale come montato sul terminale ermetico (non inclinare o rovesciare), effettuare i seguenti controlli di continuità: 4. Tra i morsetti N sulla morsettiera e S sul relè. Se c’è continuità il relè è difettoso causa contatti chiusi. 5. Tra i morsetti N sulla morsettiera e R del relè. Se manca continuità il difetto può essere dovuto a: • •

relè con bobina interrotta relè non connesso alla morsettiera.

6. Controllare il motore elettrico secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.1. 7. Controllare la resistenza ohmica degli avvolgimenti statorici di marcia e di avviamento secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.2. Se tutti i controlli non hanno evidenziato anomalie, non sono presenti ostruzioni nel capillare e il sistema continua a non funzionare correttamente, sostituire il relè di avviamento, escludendo eventuali errori di apertura e chiusura dei contatti (correnti di pick-up e drop-out) impossibili da rilevare con i controlli suddetti. In caso di persistenza del non corretto funzionamento dovrà essere sostituito il compressore a causa di difetti interni. 7.4.6

Versione morsettiera CSIR serie NB-NE-T con relè a corrente elettromagnetico (Per la Serie T, riferirsi allo schema elettrico CSIR rappresentato in Figura 11 a pagina 25) (Per la Serie NB-NE, riferirsi allo schema elettrico CSIR rappresentato in Figura 12 a pagina 26) NOTA BENE: i contatti del relè di avviamento sono normalmente aperti.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 90 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

DATI DI FUNZIONAMENTO Rimuovere la morsettiera, estrarre il relè di avviamento e sconnettere il protettore dal terminale ermetico. Disconnettere elettricamente altri componenti elettrici se presenti (motoventilatore, motoriduttore, ecc.), togliere tensione al circuito sconnettendolo dalla linea di alimentazione, e effettuare le seguenti operazioni e controlli: 1. Rimuovere la morsettiera, estrarre il relè di avviamento e sconnettere il cavetto del protettore dal terminale ermetico. 2. Protettore: controllare la continuità tra i punti 1 del protettore e 1 della morsettiera. Se manca continuità il protettore può essere: • difettoso per contatti aperti • intervenuto, quindi ripetere il controllo dopo circa 10 minuti • non connesso alla morsettiera 3. Mantenendo il relè di avviamento nella stessa posizione verticale come montato sul terminale ermetico (non inclinare o rovesciare), effettuare i seguenti controlli di continuità: 4. Tra i morsetti N sulla morsettiera e R del relè. Se manca continuità il difetto può essere dovuto a: • relè con bobina interrotta • relè non connesso alla morsettiera. 5. Tra i morsetti 1 e S del relè. Se c’è continuità il relè è difettoso causa contatti chiusi. 6. Controllare il motore elettrico secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.1. 7. Controllare la resistenza ohmica degli avvolgimenti statorici di marcia e di avviamento secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.2. 8. Controllare il condensatore di avviamento secondo la procedura indicata al paragrafo 7.5.3. Se tutti i controlli non hanno evidenziato anomalie, non sono presenti ostruzioni nel dispositivo di espansione e il sistema continua a non funzionare correttamente, sostituire il relè di avviamento, escludendo eventuali errori di apertura e chiusura dei contatti (correnti di pick-up e drop-out) impossibili da rilevare con i controlli suddetti. In caso di persistenza del non corretto funzionamento dovrà essere sostituito il compressore a causa di difetti interni. 7.4.7

Versione morsettiera RSIR e RSCR serie NB con avviatore PTC (Riferirsi agli schemi elettrici RSIR e RSCR PTC rappresentati in Figura 13 a pagina 26) Rimuovere la morsettiera, estrarre dal terminale ermetico il dispositivo di avviamento PTC ed il protettore. Disconnettere elettricamente altri componenti elettrici se presenti (motoventilatore, motoriduttore, ecc.), togliere tensione al circuito sconnettendolo dalla linea di alimentazione, e effettuare le seguenti operazioni e controlli: 1. Rimuovere la morsettiera, estrarre il dispositivo di avviamento PTC dal terminale ermetico e sconnettere il cavetto del protettore dal terminale ermetico. 2. Protettore: controllare la continuità tra i punti 1 del protettore e 1 della morsettiera. Se manca continuità il protettore può essere: • difettoso per contatti aperti • intervenuto, quindi ripetere il controllo dopo circa 10 minuti • non connesso alla morsettiera.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 91 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

DATI DI FUNZIONAMENTO 3. Dispositivo di avviamento PTC: controllare la continuità tra i punti “1” dell’avviatore PTC e N della morsettiera. Se manca continuità controllare il cavetto e le sue connessioni. 4. Se presente il condensatore di marcia (versione RSCR) disconnetterlo. 5. Controllare il motore elettrico secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.1. 6. Controllare la resistenza ohmica degli avvolgimenti statorici di marcia e di avviamento secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.2. 7. Sul dispositivo di avviamento PTC controllare tra i due faston 1 e 3 la resistenza ohmica della pillola PTC che deve essere di 8÷16 Ω per modello 230V e di 2÷4 Ω per modello a 115V, alla temperatura ambiente di 25 °C. (attenzione: i valori di resistenza ohmica misurati con un normale tester possono avere scostamenti anche del 25/30% rispetto ai valori indicati). 8. Se il condensatore di marcia è presente (versione RSCR), controllarlo secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.3. Se tutti i controlli non hanno evidenziato anomalie, non sono presenti ostruzioni nel capillare e il sistema continua a non funzionare correttamente, sostituire il compressore. 7.4.8

Versione standard PSC serie NE-T-J (Riferirsi agli schemi elettrici PSC rappresentati in Figura 14 a pagina 27) Verificare con voltmetro la presenza della tensione di rete corretta tra i morsetti R e C del terminale ermetico (versione con protettore interno) oppure tra R sul terminale ermetico e 1 sul protettore esterno. Se manca tensione il termostato è difettoso per contatti aperti oppure è presente una interruzione sui cavi o sulle connessioni. Disconnettere elettricamente altri componenti elettrici se presenti (motoventilatore, motoriduttore, ecc.), togliere tensione al circuito sconnettendolo dalla linea di alimentazione, e effettuare le seguenti operazioni e controlli: 1. Se è presente il protettore di tipo esterno controllare la continuità tra i punti 1 e 3. Se manca continuità il protettore può essere difettoso o può essere intervenuto, quindi ripetere il controllo dopo circa 10 minuti. 2. Controllare il motore elettrico secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.1. 3. Controllare la resistenza ohmica degli avvolgimenti statorici di marcia e di avviamento secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.2. 4. Controllare il condensatore di marcia secondo la procedura indicata al paragrafo 7.5.3. Se tutti i controlli non hanno evidenziato anomalie, non sono presenti ostruzioni nel dispositivo di espansione e il sistema continua a non funzionare correttamente, sostituire il compressore.

7.4.9

Versioni standard CSR e CSR BOX serie NE-T-J con relè a tensione elettromagnetico (Riferirsi allo schema elettrico CSR rappresentato in Figura 14 a pagina 27) (Riferirsi allo schema elettrico CSR BOX rappresentato in Figura 15 a pagina 27) Verificare con voltmetro la presenza della tensione di rete corretta sui morsetti 4 e 5 del relè di avviamento. Se manca tensione il termostato è difettoso per contatti aperti oppure è presente una interruzione sui cavi o sulle connessioni. Disconnettere elettricamente altri componenti elettrici se presenti (motoventilatore, motoriduttore, ecc.), togliere tensione al circuito sconnettendolo dalla linea di alimentazione, e effettuare le seguenti operazioni e controlli:

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 92 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

DATI DI FUNZIONAMENTO 1. Disconnettere tutte le connessioni sui morsetti 2 e 5 del relè di avviamento 2. Controllare la continuità tra i morsetti 2 e 5 del relè di avviamento. Se manca continuità la bobina è interrotta e il relè deve essere sostituito. 3. Controllare la continuità tra i morsetti 1 e 2 del relè di avviamento. Se manca continuità il contatto è aperto e il relè deve essere sostituito. 4. Se è presente il protettore esterno, controllare, secondo la sua tipologia, la continuità tra i morsetti 1 e 3 oppure 1 e 2. Se manca continuità il protettore può essere: • difettoso • intervenuto, quindi ripetere il controllo dopo circa 10 minuti. 5. Controllare il motore elettrico secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.1. 6. Controllare la resistenza ohmica degli avvolgimenti statorici di marcia e di avviamento secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.2. 7. Disconnettere uno dei due cavetti del condensatore di avviamento. 8. Controllare i condensatori di avviamento e marcia secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.3. 9. Controllare la continuità dei cavetti disconnessi dai morsetti 2 e 5 del relè di avviamento. Se tutti i controlli non hanno evidenziato anomalie, non sono presenti ostruzioni nel dispositivo di espansione e il sistema continua a non funzionare correttamente, sostituire il relè di avviamento, escludendo eventuali errori di apertura e chiusura dei contatti (correnti di pick-up e drop-out) impossibili da rilevare con i controlli suddetti. In caso di persistenza del non corretto funzionamento dovrà essere sostituito il compressore a causa di difetti interni. 7.4.10

Versioni standard CSIR e CSIR BOX serie T-J con relè a corrente elettromagnetico (Riferirsi allo schema elettrico CSIR rappresentato in Figura 16 a pagina 28) (Riferirsi allo schema elettrico CSIR BOX rappresentato in Figura 17 a pagina 28) NOTA BENE: i contatti del relè di avviamento sono normalmente aperti. Verificare con voltmetro la presenza della tensione di rete corretta sui morsetti 3 e 5 del relè di avviamento. Se manca tensione il termostato è difettoso per contatti aperti oppure è presente una interruzione sui cavi o sulle connessioni. Disconnettere elettricamente altri componenti elettrici se presenti (motoventilatore, motoriduttore, ecc.), togliere tensione al circuito sconnettendolo dalla linea di alimentazione, e effettuare le seguenti operazioni e controlli: 1. Disconnettere tutte le connessioni sul morsetto 3 del relè di avviamento. 2. Mantenendo il relè di avviamento nella stessa posizione verticale come montato sul terminale ermetico (non inclinare o rovesciare), effettuare i seguenti controlli di continuità: 3. Controllare la continuità tra i morsetti 3 e 4 del relè di avviamento. Se manca continuità la bobina è interrotta e il relè deve essere sostituito. 4. Controllare la continuità tra i morsetti 1 e 2 del relè di avviamento. Se c’è continuità il contatto è chiuso e il relè deve essere sostituito.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 93 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

DATI DI FUNZIONAMENTO 5. Controllare sul protettore la continuità tra i punti 1 e 3. Se manca continuità il protettore può essere: • difettoso • intervenuto, quindi ripetere il controllo dopo circa 10 minuti 6. Controllare il motore elettrico secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.1. 7. Controllare la resistenza ohmica degli avvolgimenti statorici di marcia e di avviamento secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.2. 8. Controllare il condensatore di avviamento secondo la procedura indicata al paragrafo 7.5.3. 9. Controllare la continuità dei cavetti disconnessi dal morsetto 3 del relè di avviamento. Se tutti i controlli non hanno evidenziato anomalie, non sono presenti ostruzioni nel dispositivo di espansione e il sistema continua a non funzionare correttamente, sostituire il relè di avviamento, escludendo eventuali errori di apertura e chiusura dei contatti (correnti di pick-up e drop-out) impossibili da rilevare con i controlli suddetti. In caso di persistenza del non corretto funzionamento dovrà essere sostituito il compressore a causa di difetti interni. 7.4.11

Versione standard CSIR serie J con relè a tensione elettromagnetico (Riferirsi allo schema elettrico CSIR BOX rappresentato in Figura 18 a pagina 29) Verificare con voltmetro la presenza della tensione di rete corretta sui morsetti 4 e 5 del relè di avviamento. Se manca tensione il termostato è difettoso per contatti aperti oppure è presente una interruzione sui cavi o sulle connessioni. Disconnettere elettricamente altri componenti elettrici se presenti (motoventilatore, motoriduttore, ecc.), togliere tensione al circuito sconnettendolo dalla linea di alimentazione, e effettuare le seguenti operazioni e controlli: 1. Disconnettere tutte le connessioni sui morsetti 2 e 5 del relè di avviamento 2. Controllare la continuità tra i morsetti 2 e 5 del relè di avviamento. Se manca continuità la bobina è interrotta e il relè deve essere sostituito. 3. Controllare la continuità tra i morsetti 1 e 2 del relè di avviamento. Se manca continuità il contatto è aperto e il relè deve essere sostituito. 4. Controllare sul protettore la continuità tra i punti 1 e 3. Se manca continuità il protettore può essere: • difettoso • intervenuto, quindi ripetere il controllo dopo circa 10 minuti. 5. Controllare il motore elettrico secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.1. 6. Controllare la resistenza ohmica degli avvolgimenti statorici di marcia e di avviamento secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.2. 7. Controllare il condensatore di avviamento secondo la procedura descritta al paragrafo 7.5.3. 8. Controllare la continuità dei cavetti disconnessi dai morsetti 2 e 5 del relè di avviamento. Se tutti i controlli non hanno evidenziato anomalie, non sono presenti ostruzioni nel dispositivo di espansione e il sistema continua a non funzionare correttamente, sostituire il relè di avviamento, escludendo eventuali errori di apertura e chiusura dei contatti (correnti di pick-up e drop-out) impossibili da rilevare con i controlli suddetti. In caso di persistenza del non corretto funzionamento dovrà essere sostituito il compressore a causa di difetti interni.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 94 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

DATI DI FUNZIONAMENTO 7.4.12

Versione TRIFASE J (Riferirsi allo schema elettrico TRIFASE rappresentato in Figura 19 a pagina 29) Verificare con voltmetro la presenza della tensione di rete corretta delle tre fasi, sui tre spinotti del terminale ermetico. Se manca tensione verificare la presenza di una interruzione sui contatti del relè, cavi e connessioni. Disconnettere elettricamente altri componenti elettrici se presenti (motoventilatore, motoriduttore, ecc.), togliere tensione al circuito sconnettendolo dalla linea di alimentazione, e effettuare i seguenti controlli: 1. Controllare la continuità degli avvolgimenti delle tre fasi del motore elettrico, tra gli spinotti del terminale ermetico (3 misure effettuate tra due spinotti per volta). La mancanza di continuità indica un’interruzione sull’avvolgimento del motore elettrico. 2. Controllare la continuità tra i tre spinotti del terminale ermetico e la presa di terra sul compressore. Se c’è continuità, gli avvolgimenti del motore elettrico sono a massa. 3. Controllare con strumento appropriato la resistenza ohmica delle tre fasi degli avvolgimenti statorici, attraverso i 3 spinotti del terminale ermetico sul compressore. I valori di resistenza indicati sul Catalogo Componenti Elettrici devono risultare entro la tolleranza di ±10% alla temperatura ambiente di 25 °C. ATTENZIONE: per ragioni progettuali le tre fasi possono avere valori di resistenza ohmica differenti tra loro.

Se tutti i controlli non hanno evidenziato anomalie, non sono presenti ostruzioni nel dispositivo di espansione e il sistema continua a non funzionare correttamente, sostituire il compressore.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 95 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

DATI DI FUNZIONAMENTO

7.5

PROCEDURE DI CONTROLLO

7.5.1

Controllo avvolgimenti statorici del motore elettrico

7.5.2

Controllare la continuità tra gli spinotti C e S del terminale ermetico. Se non c’è continuità l’avvolgimento di avviamento del motore elettrico è interrotto.

Controllare la continuità tra gli spinotti C e R del terminale ermetico. Se non c’è continuità l’avvolgimento di marcia del motore elettrico è interrotto.

Controllare la continuità tra lo spinotto C del terminale ermetico e la presa di terra sul compressore. Se c’è continuità, gli avvolgimenti del motore elettrico sono a massa.

Controllo della resistenza ohmica degli avvolgimenti statorici •

Controllare con strumento appropriato la resistenza ohmica degli avvolgimenti statorici di marcia e di avviamento attraverso i 3 spinotti del terminale ermetico sul compressore.

I valori Rm e Ra indicati sul Catalogo Componenti Elettrici devono risultare entro la tolleranza di ±10% alla temperatura ambiente di 25 °C, misurata sugli spinotti C-R per la marcia e C-S per l’avviamento. 7.5.3

Codice Doc. MP01IC

Controllo dei condensatori di avviamento e di marcia •

Prima di controllare il condensatore di avviamento di tipo elettrolitico, dissaldare uno dei due fili della resistenza di scarica che è connessa ai due terminali.

Controllare il condensatore di avviamento e il condensatore di marcia sui due terminali, con tester analogico impostato come di seguito indicato: • Con Ohmetro scala R × 10: se l’indice dello strumento si muove rapidamente dalla posizione di infinito a zero ritornando alla posizione infinito, il condensatore è buono. • Con Ohmetro scala R × 10: se viene misurata continuità (resistenza prossima allo zero) il condensatore è in corto circuito e deve essere sostituito. • Con Ohmetro scala R × 100000: se non si rileva nessuna indicazione dello strumento il condensatore è internamente interrotto e deve essere sostituito.

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 96 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

RITORNO ALL’EMBRACO EUROPE DEL MATERIALE FORNITO

8

8.1

RITORNO ALL’EMBRACO EUROPE DEL MATERIALE FORNITO CONDIZIONI PER IL RITORNO Per la garanzia sul prodotto Aspera fornito dall’Embraco Europe fare riferimento a quanto indicato nelle condizioni di vendita. La validità della garanzia è assoggettata alle Condizioni per il ritorno materiali difettosi ed ai risultati della Relazione tecnica inviata al Cliente dall’Assistenza Tecnica dell’Embraco Europe. Il Cliente dovrà segnalare all’Assistenza Tecnica dell’Embraco Europe il difetto manifestatosi sul prodotto, fornendo tutte le indicazioni utili per una prima analisi. Se ritenuto necessario, potrà essere concordato con il Cliente il ritorno del materiale difettoso da inviare al laboratorio Assicurazione Qualità Prodotto dell’Embraco Europe, con dettagliate indicazioni del difetto, necessarie per una rapida e corretta analisi. Il materiale dovrà essere accompagnato dalla Bolla Accompagnamento Merci (BAM) riportante le seguenti causali di trasporto: 1. “Restituzione materiale di scarto” per il materiale difettoso da ritornare per analisi. In questo caso, in base alle eventuali condizioni di garanzia ed ai risultati delle analisi, potrà essere effettuata la sostituzione del materiale. 2. “Invio per prove distruttive” per il materiale da sottoporre a prove distruttive non assoggettato a condizioni di garanzia. In questo caso potrà essere effettuato, se richiesto, il ritorno parziale o totale al Cliente dello stesso materiale provato. ATTENZIONE: per motivi di ordine amministrativo non indicare mai sulla bolla accompagnamento materiali (bam) in conto visione oppure in conto sospeso. Per quanto riguarda il materiale ricevuto non corrispondente all’ordine, il Cliente dovrà darne segnalazione, citando i riferimenti della BAM, al Servizio Vendite che provvederà per la correzione dell’anomalia. Il materiale dovrà essere accompagnato dalla BAM riportante le seguenti causali di trasporto: 1. “Reso non conforme all’ordine” per il materiale fornito non corrispondente come tipologia all’ordine. 2. “Reso quantità eccedente l’ordine” per il materiale fornito in quantità superiore all’ordine. Il materiale malfunzionante inviato all’Embraco Europe dal Cliente, deve soddisfare le seguenti condizioni:

Codice Doc. MP01IC

i compressori devono: • essere provvisti di targhetta e sigillati con i tappi in gomma originali. • contenere l’olio residuo presente al momento dello smontaggio del sistema. • essere movimentati e trasportati in modo da non subire forti urti, cadute e possibilmente rovesciamenti. • essere accompagnati dai componenti elettrici completi forniti a corredo, marchiandoli (compressore e componenti elettrici) per permetterne il loro corretto abbinamento.

tutti i materiali devono essere appropriatamente imballati in funzione del tipo di spedizione ed in modo da non poter subire danni durante il trasporto. Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 97 - 98


MANUALE COMPRESSORI Capitolo

RITORNO ALL’EMBRACO EUROPE DEL MATERIALE FORNITO •

il materiale ritornato per analisi deve essere accompagnato dalla descrizione dettagliata dell’anomalia riscontrata, le condizioni in cui essa si è verificata ed ogni altra indicazione utile per la esatta diagnosi del malfunzionamento.

non ritornare compressori malfunzionanti a seguito di caduta.

non ritornare compressori aperti o componenti a corredo manomessi. (Per evitare errate diagnosi, l’apertura dei compressori deve essere effettuata con mezzi specifici, disponibili solo in Embraco Europe).

Il materiale pervenutoci non rispondente ai requisiti suddetti potrà essere considerato non valido per le analisi e per l’eventuale garanzia. Tutto il materiale, che a seguito delle analisi risultasse funzionante ed esente da problemi di qualità, non potrà essere restituito, né sostituito (l’analisi completa comporta l’apertura del compressore ed il suo smontaggio). Il prodotto analizzato, prima del suo smantellamento, è tenuto a disposizione del Cliente per una sua eventuale presa visione, per un periodo minimo di 30 giorni a partire dalla data della Relazione tecnica emessa dall’Assistenza Tecnica dell’Embraco Europe. Per i compressori ritornati all’Embraco Europe, il Cliente otterrà un credito riferito al valore rottame del materiale smantellato.

8.2

PROVE SULLE APPLICAZIONI DEL CLIENTE L’Embraco Europe mette a disposizione dei propri Clienti il Laboratorio Prove Applicazione per la effettuazione delle prove atte alla verifica funzionale delle loro apparecchiature, alla definizione del compressore e dei principali componenti del sistema frigorifero (condensatore, evaporatore, capillare) ed altre prove di tipo particolare. Il Cliente potrà farne richiesta all’Assistenza Tecnica dell’Embraco Europe per concordare la fattibilità della prova richiesta, l’invio dell’apparecchiatura e la tempistica, in base al programma di sviluppo delle prove di laboratorio. L’apparecchiatura dovrà essere inviata al Laboratorio Prove Applicazione accompagnata dalla BAM riportante la seguente causale di trasporto: •

“Invio per prove distruttive”. Gli apparecchi non saranno ritornati al Cliente salvo accordi contrari.

LE SPESE DI TRASPORTO SONO COMPLETAMENTE A CARICO DEL CLIENTE

I risultati delle prove effettuate saranno rilasciati al Cliente che potrà usarli come informazione o per la definizione o l’eventuale modifica della sua applicazione. L’EMBRACO EUROPE NON AUTORIZZA AD USARE I RISULTATI DI PROVA PER CONTROVERSIE O AZIONI LEGALI INTENTATE VERSO TERZI SENZA PREVIA AUTORIZZAZIONE SCRITTA DELLA STESSA.

Codice Doc. MP01IC

Emissione 1999-10

Revisione 02

Data 2004-09

Pagine 98 - 98


2004 Manuale compressore Embraco