Issuu on Google+


SALVE AMICI !!! Nero su Bianco parla, la redazione suggerisce...

Cari giovani lettori, è il vostro periodico della Cappella Universitaria di Siena che vi parla, ormai dodicenne! Che bello ritrovarvi…davvero!!!! …e mi fa anche molto piacere che oltre ai miei storici amici lettori, che magari mi leggono dalle varie parti del mondo anche nella versione elettronica scaricabile da www.capunisi.it/nerosubianco, ci siate anche voi, proprio voi che oggi vivete nella realtà della Cappella Universitaria, che ne fate attivamente parte, che magari ne sarete parte attiva e integrante quanto prima (…cogliete questa opportunità, amici miei…). Passando di mano in mano, facendovi compagnia di tanto in tanto, magari per una lettura di svago prima di andare a letto, di una riflessiva o più impegnativa quando siete un po’ più svegli e attivi… o per ricordare i bei momenti di amicizia trascorsi curiosando nella rubrica “Fotografando”, ho l’impressione di essere uno strumento che potrebbe aiutarvi a riflettere su varie tematiche e soprattutto a farci sentire comunità (me compreso!!!). In questo numero sono affrontati vari argomenti, credo molto vicini ai bisogni e alle domande di voi giovani: il Cristianesimo come scelta più sensata per l’uomo, la conversione dell’uomo nel suo cammino verso la Verità, il pellegrinaggio come strumento di ricerca, e inoltre l’attualità con riflessioni sulla realtà universitaria del momento… e le tante rubriche su arte, musica e lettura, viaggi terreni e spirituali, sorretti dall’aiuto dei santi, e tante, tante foto!! Il teme dell’anno della Cappella Universitaria, “La realtà invece è Cristo” (Col 2,17), già introdotto con gli Esercizi Spirituali degli Universitari tenutisi in novembre, sarà anche il filo conduttore che mi accompagnerà in quest’anno con voi, così nelle varie puntate, di volta in volta, riusciremo a scoprirne un tassello in più! Lo spirito di servizio e la collaborazione dei vari teams di studenti, succedutisi negli anni, che mi hanno guidato e che hanno reso possibile la mia esistenza sino ad oggi, sono sicuramente il punto di forza e la testimonianza viva che bisogna crederci sino in fondo, con tenacia ed entusiasmo, motivati da Qualcosa di Alto… da Qualcuno! Il continuo alternarsi di scrittori, veterani o occasionali, tecnici dell’impaginazione e redattori (che negli anni hanno permesso di darmi un “taglio” … di stile!) ha contribuito a darmi, come vedrete, un “volto nuovo” non solo nella grafica, ma anche nei contenuti, grazie all’inserimento di nuove rubriche, pagine di intrattenimento e articoli culturali di ogni genere. Sento il dovere di ringraziare, quindi, i direttori editoriali che si sono succeduti dalla mia nascita e che mi hanno permesso di essere quello che sono oggi... da Francesca, Paolo, Claudia, Milena, Chiara, Elvira, Piercarlo… a Maria Elena e Alessandra che da quest’anno cedono il testimone a Roberta e Fabio, augurando loro di potersi dedicare con fervore alla prosecuzione del progetto... Sia i vecchi che i nuovi redattori mi suggeriscono di augurarvi un Santo Natale, ricco di Carità, che si concretizza, come recita Madre Teresa di Calcutta, in sorriso, silenzio, condivisione, speranza, umiltà, dono… Buon Natale dagli amici di Nero su Bianco… e buona lettura!!! ■

2


Chi siamo La nostra realtà di San Vigilio

di Fabio Fiorino - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - pag. 4

L’angolo del Don Gli uomini non sono schiavi del male

di Don Roberto Bianchini - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - pag. 5

Cappellania Storie nostre

di Claudio Cintoli, Federica Maniscalco, Elvira Ianni, Piercarlo Donatiello - - - - - - - - - - pag. 6

diSegno in Segno Angeli in San Vigilio

di Francesco Muzzi - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -- pag. 7

Riflettendo Magdi Cristiano Alllam ha qualcosa da dirci

di Adele Castelli - - - - - - - - - - - - - - - - - -- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - pag. 8

Pellegrinaggio: un percorso di ricerca

di Jacopo Marini - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - pag. 9

Fotografando - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - pagg. 10-11 Attualità Riflessioni sulla questione universitaria alla luce delle nuove disposizioni in materia

di Loredana Latempa - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - pagg. 12-13

Informateneo - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -pag. 13 Esperienze La realtà invece è Cristo

di Domenico Bova - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - pag. 14

Sulle orme del Santi Sant’Agostino: maestro di vita

di Mariastefania De Rosa - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - pag. 15

A tutto volume Musica con Led Zeppelin

di Leonardo Martino - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - pag. 16

Consigli di lettura “Ho qualcosa da dirti” di Hanif Kureishi

di Roberta Callea - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - pag. 17

In viaggio con... Living the American dream

di Ludovica Cesaroni - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -- - - pag. 18

Bacheca - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - pag. 19

3


LA NOSTRA REALTA’ DI SAN VIGILIO La Cappella Universitaria è nata anni fa come una esigenza da parte degli studenti fuori sede della nostra Università di riappropriarsi della propria fede anche in terra straniera, coltivarla e maturarla, parallelamente alla impegnativa realtà universitaria, un percorso di crescita completo e..unico! Noi giovani siamo alla continua ricerca di risposte, soprattutto in una fase della nostra età in cui, giorno per giorno, ci imbattiamo in realtà di cui forse nemmeno immaginavamo l’esistenza. Credo che un riferimento come la Cappella Universitaria dia davvero sia ai diciottenni, come ai trentenni, la possibilità di sentirsi a casa, di essere accolti, ascoltati, coltivare quel briciolo di fede che conserviamo, o magari, e ce lo auguriamo con tutto il cuore, riscoprire uno spiraglio di luce dopo un periodo di vita buia. Credo che non sia superfluo invogliare i lettori a vivere a tutto tondo la realtà della Cappella Universitaria sin da quando se ne vien a sapere dell’esistenza! E’ infatti capace di offrirvi più di quanto voi stessi non immaginiate, grazie alle più svariate attività in cui opera e alla semplicità con cui è organizzata. C’è n’è per tutti i gusti… dal servizio del canto con il coro della Cappella, all’animazione liturgica alle celebrazioni liturgiche, ai momenti di formazione, indispensabili per la vita dello spirito di ciascuno di noi, come la lectio divina, le catechesi, gli straordinari esercizi spirituali, le giornate eucaristiche, ai momenti di conoscenza e amicizia, come le giornata di amicizia ad inizio anno, i pellegrinaggi, la gita culturale in primavera, le feste per ogni occasione, le cene “inter nos”, con o senza ricorrenze particolari, le serate vissute assieme per la visione dei film del cineforum… e tanto tanto altro. Vinci la timidezza… noi ci siamo!! E abbiamo tanta voglia di accoglierti… non scappare!! Vieni anche tu e vedrai come la tua vita prenderà più colore! Ti aspettiamo… Da quest’anno la comunità di San Vigilio ha subito dei “rimodellamenti” rispetto agli anni scorsi! Padre Julian, dopo tre anni al servizio della comunità francescana e universitaria di Siena, è tornato nella sua Romania dove è assistente spirituale dei giovani frati. Al suo posto diamo un caloroso benvenuto a Padre Christian, anch’egli francescano conventuale. Anche la comunità delle Suore è stata rinnovata, con l’assenza forzata di Suor Gabriella, che affidiamo alle nostre speciali preghiere affinchè nella lotta della sua malattia riesca a sentire sempre più presente l’abbraccio e la consolazione del suo Sposo, e la partenza di Suor Redenta nella casa di suore anziane in Trentino. Diamo il benvenuto a Suor Onorina e Suor Elisa, che condivideranno con la realtà universitaria questi loro anni a Siena, in una dimensione nuova rispetto alla loro precedente, sperando di arricchirci della loro presenza giorno per giorno, ringraziandole sia da ora per i ritmi frenetici e gli orari “alternativi” che sosterranno al passo con le nostre attività. Don Roberto, rettore della Cappella Universitaria, Suor Cornelia e Suor Giuseppina rinnovano la loro permanenza tra noi, offrendo la loro presenza a disposizione di tutti… ...e noi continuamo a ringraziarli per questo!! ■ 4


GLI UOMINI NON SONO SCHIAVI DEL MALE Uno dei motivi per cui il cristianesimo mi è

sembrato da sempre la cosa migliore per l’uomo, la scelta più ricca di senso che egli possa fare, è il fatto che per i discepoli del Signore gli errori che possono commettere lungo il corso della vita, fossero anche i peccati più orrendi, non restano senza via d’uscita. Se solo l’uomo si volge al Signore e si lascia avvolgere dal suo sguardo di misericordia, può riprendere in mano la propria vita ed imprimerle una svolta. Non c’è nulla che possa schiacciarci definitivamente, allontanarci per sempre da Dio ed alienarci rispetto alla nostra umanità. Il nostro Dio ci dà sempre una chance ulteriore. Su questo si basa la nostra speranza. Questi ed altri temi sono al centro di un film solo da poco accessibile al grande pubblico italiano. Mi riferisco al lavoro del regista russo Pavel Longuine “L’isola” (2006). Si tratta di un film apparentemente destinato ai cultori della spiritualità monastica russa, ma che in vero descrive in termini poetici e spirituali una realtà di portata universale. La libertà dell’uomo è anche libertà di scegliere e di compiere il male. Per paura, per pusillanimità, per il vantaggio che ne può venire: non importa. Il male sta là a sedurre l’uomo attirandolo verso di lui. Il protagonista del film, un marinaio di una chiatta per il carbone, uccide durante la guerra il capitano della nave in cui è imbarcato. Un amico, oltre che un superiore; in sintesi un uomo buono. Minacciato dalla forza delle armi naziste non riesce a scegliere il martirio e, messo di fronte all’alternativa tra vivere o morire, il richiamo della sopravvivenza è più forte di tutto. Spara, e Tichon cade nelle tenebre del mare del nord. Dopo diversi decenni Longuine ci mostra il protagonista nei panni di un monaco penitente.

Rimasto nei luoghi che lo avevano visto compiere il proprio peccato, tutta la sua vita trascorre nell’espiazione. La cosa sorprendente è però che a lui iniziano a ricorrere torme di miseri e diseredati. In pieno periodo sovietico accorrono al monastero dell’estremo nord persone che vogliono incontrare lo starec Anatolij per avere da lui una parola di pace e consolazione. Ed invero la sua vita di penitente segnata da un’ansia totalizzante di perdono, riesce a diffondere una grande gioia interiore: tutti lo lasciano trasformati interiormente, convinti di potercela fare a riprendere il duro cammino della vita. Tra i diversi visitatori di cui il film racconta la storia, l’ultimo è il più significativo. Si tratta di quel Tichon che lo starec credeva di avere ucciso durante la guerra. I suoi doni di preveggenza non gli avevano rivelato l’elemento che avrebbe potuto cambiare la sua vita. Evidentemente il Signore aveva voluto così. Un’intera esistenza è trascorsa nell’espiazione di un delitto non commesso di cui tuttavia resta il peso data la scelta di premere il grilletto fatta da P. Anatolij tanti anni prima. L’anziano monaco riceve a parole un perdono che l’amico gli aveva già da tempo accordato nel cuore. Egli stesso, anzi, ritrova la pace: riteneva infatti di aver messo sulle spalle del fratello un peso aggiuntivo per avergli fatto credere di aver ucciso un suo simile quando non era vero. Una storia che mostra come il delitto più grande può diventare occasione di scoperta della vera via della vita. Il nostro Dio non ci lascia infatti smarrire nella foresta del male e ci offre sempre una luce per ritrovare la strada verso di Lui. Il perdono desiderato ed offerto divengono l’autentico motore della storia dei singoli e del mondo intero. ■

5


STORIE NOSTRE… Esperienze a confronto dei ragazzi della Cappella Universitaria

Cari amici di “Nero su Bianco”, mi chiamo Claudio e questo è il mio primo anno qui a Siena. Devo dire che, come prima impressione, qui mi sto trovando molto bene, incontro nuove persone e faccio nuove amicizie … soprattutto grazie al mio ingresso nel gruppo del coro della Cappella Universitaria che mi offre tante di queste occasioni. Infatti, per ben iniziare, ho partecipato alla giornata di amicizia, alla Verna, nella quale ho riscoperto nuove persone e lo stare bene con loro, divertendomi. Spero in futuro di avere altre occasioni per ripetere queste esperienze. ■

Non è semplice spiegare in

poche righe quella che è stata ed è tutt’ora la mia esperienza all’interno della Cappella Universitaria. Ci sono arrivata otto anni fa, quasi in concomitanza con la mia iscrizione all’Università e ancora oggi, nonostante mi sia laureata più di un anno e mezzo fa, trovo che sia veramente bello farne parte. Purtroppo con gli impegni lavorativi, oltre alla Lectio Divina del mercoledì alla quale non voglio rinunciare, non riesco ad essere presente a tanti appuntamenti; non faccio nemmeno più parte del coro anche se mi piacerebbe molto tornarci. Tuttavia, rispetto a quando studiavo, pur essendo cambiati molti volti, non è cambiata la mia visione della Cappella. Come otto anni fa, infatti, rimane sempre un luogo di accoglienza, fraternità e condivisione… in altre parole… una gran bella famiglia! ■

6

Ormai sono quasi due anni

che faccio parte della Cappella Universitaria di Siena, ed ogni esperienza è sempre una scoperta molto interessante; le riflessioni sul Vangelo, l’incontro con gli amici della Cappella, le gite e i momenti di svago…tutto contribuisce sempre di più ad arricchire la mia anima. All’inizio della mia esperienza universitaria ogni cosa aveva delle sfumature non perfettamente distinte: lo studio delle lingue e letterature straniere mi portava inevitabilmente di fronte a delle situazioni di confronto e di relazioni sociali. Ogni incontro, però, ogni nuova esperienza, nascondeva al suo interno degli interrogativi ai quali non riuscivo a dare delle risposte, occorreva una forza che ancora non possedevo. Buttarsi nello studio mi sembrava l’unica soluzione possibile per acquisire coraggio e una maggiore determinazione. Ero convinta di potercela fare pur senza molti amici. La Cappella mi ha restituito…e mi restituisce ancora, tutto quello che lo studio non è stato in grado di darmi, degli amici e alcune fondamentali risposte per la mia vita. ■

E’ ormai già trascorso oltre un

anno da quando ho lasciato Siena, ma sembra come se fosse ieri... ed è un anno, quindi, che non sono più un assiduo frequentatore della Cappella Universitaria. Eppure sembra proprio che il legame con la comunità di San Vigilio non si sia affievolito... anzi è come rinsaldato!!! Non mi riferisco, naturalmente, solo alla gioia che provo quelle rare volte che riesco a tornare a trovare voi amici, ma soprattutto al forte legame che si consolida giorno per giorno nel condividere momenti felici ed altri meno facili, nel chiacchierare anche solo cinque minuti per telefono o via chat, nel pregare reciprocamente... Insomma, anche a distanza respiro una vera aria di famiglia!! ■


ANGELI IN SAN VIGILIO Disegno di Francesco Muzzi, senese

7


MAGDI CRISTIANO ALLAM HA QUALCOSA DA DIRCI Il 13 novembre una chiesa gremita ha ospitato un uditorio attento e di varia composizione che non ha risparmiato gli applausi confermando nella sua vocazione ormai tradizionale di accoglienza la nostra amata Cappella Universitaria, vero terreno neutrale di sana cultura. Pochi minuti, magari strategicamente presi per maggiori garanzie di sicurezza (Magdi Cristiano Allam è sotto scorta da cinque anni) hanno ritardato l’incontro con l’ospite atteso, un’attesa non delusa neppure dallo spazio considerevole rivendicato nel suo discorso, a dispetto della traccia prevista, dalla attuale crisi finanziaria che ci è stata da lui presentata in primo luogo come una crisi generale della regolamentazione etica nel mercato reale. Forse proprio questo particolare ha donato a tutto l’intervento la freschezza d’impressioni propria delle conversazioni più amichevoli che nulla possono reimpostare per loro natura. Se qualcuno si era aspettato il racconto commosso di come il percorso provvidenziale della sua vita avesse condotto Magdi Cristiano Allam ad abbracciare la fede cattolica si deve essere enormemente stupito, o frustrato per la fatica di rintracciare indizi di un trascorso spirituale lontano dalle consuetudini nostrane. Il suo interesse per il mondo arabo è né più né meno quello di un orientalista, la grafia con cui ha firmato le dediche sul suo libro alla fine dell’incontro lascia trapelare la somiglianza con un altro alfabeto, ma a sentirlo parlare delle cose di casa nostra

8

dimostra di condividere speranze, timori e un impegno che vuole fare anche nostro per una pacifica convivenza civile, per una socie tà che deve riconoscersi nella difesa dei diritti fondamentali dell’uomo e nella non esclusione dalla sfera pubblica della spiritualità, o forse dovremmo dire dell’umanità tout court. Perde consistenza così l’obiezione più volte mossagli di una spettacolarizzazione ricercata della sua conversione, un’esperienza che si vuole, snaturandola, percepire come eminentemente privata e quasi vergognosa di sé. Scervellatevi pure a trovare nella sua biografia l’incontro che gli ha cambiato la vita, è tutto inutile: se papa Benedetto XVI è ricordato con gratitudine ed affetto dal giornalista egiziano, la lista di cristiani che con la loro testimonianza hanno segnato la sua vita è tanto lunga da occupare quasi per intero il primo capitolo (il libro si intitola “Grazie Gesù”) dedicato al battesimo che insieme a cresima ed eucarestia ha ricevuto dalle mani del pontefice la notte di Pasqua il 22 marzo 2008. Magdi Cristiano si è lasciato alle spalle senza rimpianti il passato, o meglio quanto in esso vi ha riconosciuto di disumanizzante e falso, e non ne parla. Ci mette in guardia invece dall’accettare acriticamente tutto e il contrario di tutto inseguendo il miraggio della multiculturalità. Essa disintegra infatti il potere sovrano dello stato di diritto facendoci ripiombare in una età barbarica, un età sempre in fermento ma appunto perché instabile, precaria e violenta. Continua la sua battaglia per una società in cui si possa essere protagonisti del presente, testimoni di valori e costruttori di pace, dove non si ricorra all’autocensura preventiva contro la suscettibilità altrui oltraggiando la verità, e favorendo invece la strumentalizzazione delle libertà formali. ■


PELLEGRINAGGIO : UN PERCORSO DI RICERCA Lo scorso settembre sono stato a Lourdes in pellegrinaggio. Non c’ero mai stato e già da molto

tempo ero intenzionato a visitare questo luogo mariano, in particolare dopo che nel 2005 e nel 2006 ero stato a Medjugorje. Poi quest’anno mi sono deciso. Spinto da alcune motivazioni personali che forse erano più forti che in passato, in questo anno giubilare di Lourdes ho accettato l’ennesimo invito di Don Roberto e a luglio mi sono segnato al viaggio come pellegrino. Ho deciso di farlo in treno come nei primissimi pellegrinaggi lourdesiani. Il 18 settembre siamo partiti dalla stazione di Grosseto. Nello scompartimento ero con 5 donne: una madre e una figlia che venivano da Bari ed avevano viaggiato tutta la notte ed altre tre signore sopra i sessanta. Il treno, più di altri mezzi di trasporto, offre la possibilità di fare esperienza di quella dimensione del pellegrinaggio rappresentata dal viaggio, che è uno spostamento fisico e un movimento dello spirito, un percorso di ricerca di una realtà spirituale più alta rispetto a quella in cui solitamente ci si trova. Dopo venti ore siamo arrivati alla stazione di Lourdes: il tempo è passato veloce e la stanchezza è di quelle liete. Uscito a fare un giro per prendere un po’ di confidenza col posto, mi sono subito reso conto della dimensione “commerciale” di Lourdes di cui molte volte avevo sentito parlare in termini negativi. Per quanto riguarda i tanti bazar lì presenti devo dire che io stesso li ho frequentati abbastanza alla ricerca dei regalini più adatti per le persone care che non erano con me. Un rosario, una medaglia, una bottiglietta, una Madonnina, una cartolina con Bernardette: kitsch cattolico per qualcuno, per me semplici pensieri che possono diventare “semi spirituali” dalla misteriosa forza trasformatrice. Nel pomeriggio sono andato al santuario: entrando dalla porta Saint Michel ho percorso l’Esplanade e mi sono diretto verso la Basilica. Poi sono passato accanto alle fontane, ho bevuto un po’ d’acqua e mi sono bagnato la faccia, quindi sono arrivato davanti alla grotta e ne sono stato fin da subito attratto. Stare lì davanti alla statua di Maria recitando un rosario, penso sia una delle esperienze più dolci e rasserenanti che abbia mai fatto. Si sente di essere amati, si percepisce che c’è una forza infinitamente più grande di noi che ci guarda con occhio materno, accoglie le nostre suppliche, comprende i nostri limiti e li perdona. E’ una gioia che vedi sui volti di tutti e ancor più negli occhi dei malati. Sono loro ad essere al centro di tutto: in loro quell’attenzione materna assume le forme concrete della solidarietà di tante persone che fanno l’esperienza del dono gratuito dell’amore offerto al prossimo. Una straordinaria serena allegria aleggia su Lourdes che insieme al dolore fisico e spirituale di ogni tipo delinea una situazione apparentemente contraddittoria. Il pellegrinaggio rappresenta una delle forme più alte di esperienza penitenziale e di purificazione spirituale che a Lourdes trova il suo vertice simbolico nel bagno nelle piscine. Umilmente, riconoscendo la nostra insufficienza, ci affidiamo a Maria spogliati di tutto, e Lei - che ci ama - ci comprende e ci perdona. Grande fu il senso di leggerezza che provai dopo il bagno; sensazione che poi ho condiviso con le persone che erano con me alle piscine. La gioia di sentirsi amati che ha la meglio sul dolore: questo mi ha colpito di Lourdes, questo per me il suo più evidente miracolo. ■

9


Noi‌

da giugno a dicembre 2008

10


11


RIFLESSIONI SULLA QUESTIONE UNIVERSITARIA ALLA LUCE DELLE RECENTI DISPOSIZIONI IN MATERIA Era il 1950 e l’On.Calamandrei al III Congresso dell’Associazione a difesa della scuola nazionale (ADSN) pronunciava il seguente discorso, era l’11 febbraio del 1950, quasi sessant’anni fa. Ma leggendo, oggi nulla sembra più scontato.

“Cari colleghi, noi siamo qui insegnanti di tutti gli ordini di scuole, dalle elementari alle università [...]. Siamo qui riuniti in questo convegno che si intitola alla Difesa della scuola. Perchè difendiamo la scuola? [...] Difendiamo la scuola democratica: la scuola che è in funzione di questa Costituzione, che può essere strumento, perchè questa Costituzione scritta sui fogli diventi realtà [...]. La scuola, come la vedo io, è un organo “costituzionale”.. La scuola, che ha proprio questo carattere in alto senso politico, perché solo essa può aiutare a scegliere, essa sola può aiutare a creare le persone degne di essere scelte, che affiorino da tutti i ceti sociali. [...]” A giugno il Governo ha emanato il decreto legge n.112 del 2008, intitolato: “Disposizioni

urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria”, contenente misure volte ad affron-

tare la recente crisi finanziaria sulla base di una presupposta necessità e urgenza. Tale decreto è stato convertito, con voto di fiducia, nella legge n.133 dell'agosto 2008. Diverse disposizioni vanno ad incidere direttamente sull’ordinamento universitario preve-

12

dendo una riduzione dei fondi statali e la possibilità per le Università di trasformarsi in fondazioni. Si è cercato di legittimare questi provvedimenti sulla base, da un lato, dell'attuale crisi economica, dall'altro, della necessità di una riforma di un sistema universitario in crisi. Ad ogni modo non è certo riducendo i fondi o trasformando le Università in Fondazioni che le Università italiane possono autonomamente conseguire gli strumenti per eliminare le inefficienze e gli sprechi, presenti in molti atenei. Le esigenze di bilancio, certo rilevanti, non devono costituire l'unica prospettiva attraverso la quale guardare all'Università. Il punto fondamentale su cui riflettere è il progetto di trasformazione delle Università in "fondazioni di diritto privato". La legge 133, attribuisce ai singoli atenei la facoltà di trasformarsi in fondazioni di diritto privato con la possibilità “dell'ingresso di soggetti pubblici e privati” (Art. 16 comma 6). Il modello organizzativo della fondazione è tratteggiato nel libro I del Codice Civile, che predispone una disciplina in verità molto scarna. Il comma 6 rimette tutte le decisioni al Senato Accademico che, contestualmente alla delibera di trasformazione, adotta lo statuto e i regolamenti di amministrazione e di contabilità. Esso potrà così delineare composizione e funzione degli organi universitari senza essere vincolato a criteri di democraticità e di rappresentatività.


E’ fondamentale difendere il modello tradizionale dell'Universitas, cioè di un'istituzione avente una precisa natura:”essere espressio-

ne della sua comunità di riferimento, agire mediante organi rappresentativi delle varie componenti del mondo universitario, essere garanzia di una formazione libera e pluralista”. Tutto ciò si concretizza nel modello dell'Università pubblica, un corpus che agisce in autonomia secondo il criterio della collegialità. È preoccupante riscontrare come il legislatore nulla abbia previsto a presidio di tale natura e caratteri, nel momento in cui ha introdotto una possibilità ordinamentale gravida di così delicate implicazioni, quale sarebbe quella di un'Università-fondazione. La Carta costituzionale enuclea i principi cardine in materia di istruzione, Università e cultura negli artt. 9 e 33. Tali norme rappresentano i due pilastri fondamentali a riguardo, prescrivendo rispettivamente all’art. 9 il principio di sviluppo della cultura: “La Re-

pubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica”; all’art. 33 il

principio di libertà della stessa: “L’arte e la

scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento”.

Tali norme si integrano configurando un intervento statale per uno sviluppo libero della cultura, al fine di impedire monopoli nella formazione della conoscenza, dei valori e delle loro espressioni. L’azione statale di promozione della cultura equivale alla garanzia della sua libertà tramite la tutela ed il mantenimento dei presupposti necessari affinché questa si possa sviluppare. Lungi dall’essere confusi, siamo pronti a confrontarci su un progetto che restituisca all'Università la dignità che le spetta in quanto luogo di produzione e trasmissione di un sapere libero e pubblico. Non mi resta che concludere riaffermando, a voce alta è sempre più attuale le considerazioni affermate dall’ On.Calamandrei “La scuola è la

sola che può aiutare a scegliere, essa sola può aiutare a creare le persone degne di essere scelte, che affiorino da tutti i ceti sociali [...]” . ■

INFORMATENEO ➤ Le borse di studio e gli stage all’estero ➤ Gli assegni di ricerca e i premi di laurea ➤ I master e i dottorati di ricerca CONSULTANDO IL SITO WWW.UNISI.IT POTETE TROVARE INFORMAZIONI UTILI INERENTI: ➤ I corsi e le strutture didattiche dell’Università degli Studi di Siena ➤ Il servizio bibliotecario

➤ Gli stage e le offerte di lavoro NEWS: ➤ S u w w w . u n i s i . i t / attivitaculturali puoi trovare tutte le informazioni sulle attività culturali promosse dall’Ateneo senese, l’iniziativa “Spazi in cerca d’autore”, il laboratorio teatrale, il coro d’Ateneo e tutti gli altri

spettacoli, workshop ed incontri organizzati ➤ L’Ardsu promuove le attività culturali e ricreative degli studenti: sostiene specifiche iniziative di associazioni e gruppi studenteschi, agevola la partecipazione degli universitari alle iniziative locali di maggiore rilevanza (stagioni musicali, teatrali, cinematografiche, etc…) favorisce la conoscenza della città e l'integrazione da parte degli studenti fuori sede. Info su www.dsu.siena.it ■

13


LA REALTA’ INVECE E’ CRISTO Esercizi Spirituali 2008

Anche quest'anno il mese di novembre è stato per la Cappella Universitaria di Siena il mese degli Esercizi Spirituali. Insieme agli amici e compagni nella fede della Cappella è ormai una “sana” consuetudine rinascere alla fede con tre giorni di esercizi spirituali che nel corso degli anni Don Roberto ci ha aiutato a comprendere e a vivere sempre con maggiore intensità. Un fine settimana nella splendida cornice della Val d’Orcia da veri alternativi, come ci ha ricordato appena arrivati il Don, un fine settimana intenso, non per “staccare la spina” e rilassarsi, ma un weekend davvero “pieno” di momenti di riflessione! Al centro delle cinque meditazioni che hanno segnato quelle giornate il nostro rapporto con Cristo e la fede, in alcuni casi quasi un ritorno all’origine del nostro essere Cristiani per tastarne la solidità. Infatti attraverso diverse dinamiche questi tre giorni sono stati particolarmente prolifici dal punto di vista spirituale facendo si che eventi del passato lasciati giacere in fondo ai ricordi ritornassero a galla e raggiungessero il loro luogo di destinazione rimuovendo blocchi irrazionali posti in momenti di crisi e difficoltà del rapporto con il Signore. Ognuno di noi parte per gli esercizi per un motivo preciso, credo il più delle volte personale…ed è per questo che prima di iniziare le meditazioni si mette per iscritto la grazia che si vuole chiedere al Signore per quell’istante della propria vita. Ricordo ancora la mia grazia dello scorso anno e la mia partenza per gli esercizi scorsi (i miei primi esercizi!)… timoroso di annoiarmi in quel week end alternativo, avevo nascosto il pc nello zaino… inoltre non conoscevo nessuno… ero terrorizzato! Il pc però è rimasto al suo posto… e ho conosciuto tante persone stupende! Raccontare cosa sono e come si vivono gli esercizi spirituali è impossibile, forse banalmente si può dire che sono la giusta sintesi tra l’introspezione e la condivisione, perché hai molto tempo per la riflessione solitaria e silenziosa, ma anche per conoscere gli altri nei momenti di condivisione. Infatti, se riflessioni e preghiera sono il nucleo degli esercizi, una nota particolare va fatta anche sul menù gastronomico che come ogni anno è sapientemente preparato dal “Clan” Bianchini, costituito da genitori e la zia del nostro Don, che ringraziamo!!! Spero di esser riuscito ad “esorcizzare” gli esercizi (sic!) che come avete potuto leggere anche al sottoscritto sembravano qualcosa di “alieno”… mentre rappresentano oggi lo stimolo e lo slancio per iniziare l’anno con Cristo al mio fianco! Parafrasando Alexander Langer si potrebbe dire che mentre il mondo segue il motto Decubertiano citius, più veloce, altius, più alto, fortius, più forte, gli esercizi propongo il contrario: lentius, più lento, profundius, più profondo, suavius, più dolce. Con questo motto non si vince nessuna battaglia frontale, però si ottiene un fiato più lungo per iniziare un nuovo cammino… Buon cammino!! ■

14


SANT’AGOSTINO: MAESTRO DI VITA Ancora una volta lo Spirito Santo offre direzione e definizione alle nostre vite, mostrandoci l'esempio di Agostino, il cui pensiero si intreccia fra filosofia e teologia e parla all'uomo di ogni tempo. La sua testimonianza può essere ripercorsa attraverso le tappe essenziali della sua umana esistenza: il cammino di conversione, la dedizione alla verità, la definizione del concetto di uomo, il senso della storia, l'essere stato un maestro di vita spirituale. S. Agostino fu il grande convertito per l'atteggiamento costante di umile adesione a Dio e per la fiducia illimitata nella grazia divina. Egli affermava che attraverso la conversione continua l'uomo può custodire la somiglianza e l'immagine secondo la quale è stato creato, perché è innata in noi l'esigenza di dover esser sempre fatti da Lui, aderire a Lui, e da Lui perfezionati. Frutto della conversione di Agostino fu il suo servizio umile, totale e appassionato alla verità: la considerò la luce della mente e la fonte della libertà. Essa implica un'indagine continua, una scrutazione profonda, una contemplazione assidua per diffonderla e difenderla. Nelle sue opere dominano questi intenti: molte destinate ad approfondire la verità, come la grande opera su La Trinità, profonda per la speculazione filosofica, teologica e mistica; altre tese a comunicare la verità ai fedeli, come i discorsi; altre ancora polemiche per riaffermare, attraverso il dialogo, la verità cattolica. Agostino servì l'uomo, la sua natura autentica, i suoi destini eterni, in un'epoca nella quale il concetto dell'uomo veniva deformato da molti pensatori del tempo. Egli modellò il concetto di

uomo che sta alla base della nuova cultura cristiana e contribuì a illustrarlo e a perfezionarlo. Dell'uomo difese la sostanziale bontà contro i manichei; l'unità profonda tra l'anima e il corpo, contro i platonici; l'interiorità, poiché nell'intimo dell'uomo dimora la verità e si accoglie l'immagine di Dio; l'originalità nei riguardi dell’universo materiale, nel quale nulla è più alto dell'uomo, nulla è più vicino a Dio; la libertà, che lo rende degno di merito e di demerito; la beatitudine, che è eterna; il bisogno di giungere a Dio, che solo costituisce il nostro riposo. Agostino ebbe, poi, profondo il senso della storia. Ne è monumento l'opera immortale della Città di Dio in cui la dottrina agostiniana, che s'incarna nel dinamismo storico dell'umanità in cammino verso la salvezza, è dominata da tre grandi idee: la Provvidenza che guida la storia, la Giustizia a fondamento di ogni regno e legge, la Pace propria della Città di Dio. Paolo VI ha affermato che: “Agostino è un maestro impareggiabile di vita spirituale”. Egli, infatti, diede vita, come si legge nelle Confessioni, alla contemplazione e alle ascensioni spirituali basate sulla delectatio veritatis, espressione che indica insieme le due grandi forze dello spirito: verità e amore, di cui Agostino mette in rilievo la radicalità intransigente, il disinteresse totale, il fondamento nell'umiltà e l'alimento nella grazia. Attraverso i Santi, lo Spirito Santo ci offre davvero, silenzioso e invisibile, testimonianze ed esempi di vita impareggiabili per la nostra ■ esistenza.

15


MUSICA CON LED ZEPPELIN Era il 1969 quando un “dirigibile di piombo” precipitò sulle teste e sulle orecchie dei Britannici: da allora la musica rock non fu più la stessa , furono gettate le basi del moderno hard rock e si udirono i primi vagiti dell’heavy metal. Già dalla prima canzone si capisce che il quartetto di artisti si rifà alla tradizione folk e blues di quegli anni, ad essere sincero quasi tutte le canzoni dell’album sono cover eppure c’è un qualcosa di nuovo, un brivido che ci prende già dall’intro di “Good Times Bad Times” oppure dal riff portante di “Communication Breakdown” e ci fa capire come si possa inventare qualcosa di totalmente rivoluzionario partendo paradossalmente dai classici: basti pensare ad esempio a “You shook Me”, un blues di Willie Dixon, qui pervaso da un senso di inesorabile potenza che viene sprigionata lentamente ma costantemente dagli accordi di Page anni luce distanti dall’originale. Il segreto dei Led Zeppelin, consiste proprio nell’alchimia di suoni e nelle sperimentazioni di cui ogni componente del gruppo è parte fondamentale e insostituibile : si può affermare che la grande mente innovativa del gruppo sia il chitarrista Jimmy Page dal tocco isterico ma al contempo preciso, grande fantasista alla perenne ricerca di nuove armonie. Ridurre il nome dei Led al solo Page sarebbe però troppo riduttivo ed una vera ingiustizia dei confronti di John Paul Jones, bassista tastierista capace di essere un ottimo arrangiatore dei brani, e del batterista John Bonham, maestro del controtempo il cui tocco è l’impronta digitale del gruppo al pari dei succitati riff di Jimmy. Una menzione speciale merita il biondo e riccioluto Robert Plant: una vera forza della natura, i suoi strilli, i falsetti grintosi e inimitabili, l’energia che trasuda ogni canzone lo rendono un cantante dalla voce poderosa che costituirà il modello con cui confrontarsi per tutti gli altri front-men negli anni a seguire. “Dazed and confused” costituisce il loro manifesto: il riff iniziale di chitarra è semplice, i soliti tre accordi di matrice blues, ma la velocità di esecuzione e la furia che ci mettono i quattro nel suonarla ne fanno un pezzo unico, una pietra angolare di tutto l'hard rock e l’inizio del rock psichedelico. Consiglio vivamente l’ascolto a tutti gli appassionati della vera musica perché è un viaggio per riscoprire origini del rock, il cui nome oggi sta diventando troppo spesso sinonimo di un’accozzaglia di suoni stagnanti e ripetitivi. Led Zeppelin I può costituire, infine, l’ideale colonna sonora per accompagnare la lettura del libro del mese. ■

16

1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9.

Good Times Bad Times Babe I'm Gonna Leave You You Shook Me Dazed and Confused Your Time Is Gonna Come Black Mountain Side Communication Breakdown I Can't Quit You Baby How Many More Times


“HO QUALCOSA DA DIRTI” DI HANIF KUREISHI Ho

“avvistato” questo libro

tra gli immensi scaffali della biblioteca comunale di Siena, che offre ampio spazio agli appassionati in materia e che consiglierei di visitare. La copertina esprime al meglio ciò che, a fine lettura, ho pensato del romanzo stesso... un puzzle!!! E' proprio una storia molto strana e particolare che si compone di vari tasselli per essere ricostruita ed ognuno di essi e' effettivamente rilevante per capire la verità. Non saprei, infatti, “incasellare” quest' ultimo romanzo di Kureishi in una categoria prestabilita proprio perché, in fondo, leggendolo ci si rende conto di essere di fronte ad una storia d'amore implicata in un omicidio e con risvolti sociali che contrappongono i vari personaggi tra loro. Tutto è ambientato nella splendida Londra, in cui la storia si snoda per un lungo lasso di tempo, dagli anni '70 fino ad oggi. Il protagonista è Jamal, uno psicoanalista che ritrova, non tanto nei suoi pazienti, ma in se stesso mille con-

traddizioni e soprattutto il peso di un mistero che non lo abbandona mai e che, ad un certo punto, ritorna ancora più' prepotentemente dal passato. Jamal è circondato da persone molto particolari: una sorella un po’ matta, un amico che si innamora di lei, una ex moglie, un figlio che adora ed un amore passato che costituisce il fulcro di tutta la sua vita e al quale si aggrappano i diversi episodi. Lo definirei un libro “forte” solo riguardo allo sfondo, essendo Londra descritta come una città moderna di eccessi, legati alla droga, al sesso e alla cultura pop. Ma, a parte ciò, vale la pena di leggerlo fino all'ultima pagina, per scoprire la “famosa” verità del segreto implacabilmente sotterrato per anni... ■ Novita’ in libreria: - Gandhi, di C. Jordis, Feltrinelli - Ne’ qui ne’ altrove, di G. Carofiglio, Laterza - Breaking dawn, di S. Meyer, Fazi

E’ NATALE… di Madre Teresa di Calcutta

E’ Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tendi una mano. E’ Natale ogni volta che rimani in silenzio per ascoltare l’altro.

E’ Natale ogni volta che non accetti quei principi che relegano gli oppressi ai margini della società.

E’ Natale ogni volta che speri con quelli che disperano nella povertà fisica e spirituale.

E’ Natale ogni volta che riconosci con umiltà i tuoi limiti e la tua debolezza. E’ Natale ogni volta che permetti al Signore di rinascere per donarlo agli altri.

17


LIVING THE AMERICAN DREAM 12 splendidi giorni. 4 Stati (California, Arizo-

na, Utah, Nevada), quasi 6000 Km in pullman, per visitare un’incredibile varietà di paesaggi: dai deserti dell’Arizona alle spiagge californiane, dalla pace dei Canyon ai frastuoni delle slot machines di Las Vegas, dalle trafficate metropoli ai solitari boschi di sequoie. Los Angeles è la prima tappa: la famosa metropoli racchiude le più celebri realtà americane, a cominciare da Hollywood, per continuare con Beverly Hills, la “città” dei vip, sede anche della “Rodeo Drive”, la mega via famosa per i suoi negozi iperlussuosi, e finire con una tappa a Disneyland o agli Universal Studios per ore di puro divertimento. Dalla verde California all’Arizona, uno stato desertico in cui cactus e pale eoliche si susseguono per chilometri…il Gran Canyon ed il Bryce Canyon ci aspettano! Non ci sono parole per descrivere l’emozione unica che si prova di fronte alla profondità di paesaggi come questi. Dire che tolga il fiato è un eufemismo, perché più che altro quello con i Canyons è un vero e proprio contatto con Dio. Nel Gran Canyon l’occhio si perde per chilometri e si muove senza posa per tutto l’orizzonte; mentre il Bryce Canyon colpisce per i rossi e gli arancioni che trionfano al tramonto, quando nel giro di un’ora le rocce dalle forme più strane assumono sfumature che si trasformano l’una nell’altra. Il viaggio continua verso il Nevada, fino a Las Vegas, una città contraddizione. Artefatta, pazza, scintillante, è un luogo dai mille volti. Las Vegas di giorno è pigra e scialba, mentre la notte si trasforma in una luminosissima e sfarzosa metropoli. Per quanto il lusso e il superfluo in ogni angolo facciano sor-

18

gere riflessioni amare sulla povertà ed arrivino quasi a stordire, Las Vegas è sicuramente un luogo unico al mondo. Il lago Powell e la Monument Valley in Utah sono la successiva tappa naturalistica…ed artificiale nello stesso tempo. Il lago è infatti stato creato artificialmente in una vallata rocciosa enorme, scavata anticamente dal fiume Colorado. La conca rossiccia che ospita il lago rende le sue acque blu nelle zone più profonde e verde smeraldo nelle zone più costiere, offrendo uno scenario unico e altamente suggestivo. La Monument Valley, scenario dei più celebri film western nonché uno degli ultimi luoghi abitati da una popolazione amerindiana, è sede dei famosi monoliti di roccia rossastra che assomigliano a statue dalle forme animali o umane, quasi fossero state scolpite dall’uomo anziché dagli agenti atmosferici. Arriviamo a San Francisco, la più “europea” delle città americane. La sua popolazione è multietnica e variegatissima; la sua architettura è molteplice anch’essa: villette in stile liberty affiancati ai più comuni grattacieli delle grandi città. Qui troviamo Alcatraz, Lombard Street (la strada più tortuosa al mondo) ed un molo molto vasto che ospita anche…foche e leoni marini! Ma la cosa più spettacolare è trovarsi sul Golden Gate, (il famoso ponte rosso sfondo di centinaia di film) quando si alza la famosa nebbia di San Francisco: la città appare in tutta la sua bellezza all’improvviso, come se prima non ci fosse mai stata. Il viaggio termina in fretta, non c’è un attimo di riposo, ma ne vale la pena. Il sogno americano…è stato bello farne parte, anche se solo per poco… è difficile dare l’idea di un viaggio strepitoso come questo in sbreve, anche perché l’America non la puoi raccontare, la devi vivere!!! ■


www.capunis

i.it

Ie IMENT R E G G Per SU NI… VAZIO i.it OSSER capunis

ianco@ nerosub

ai nostri Un caloroso augurio tonella che amici Corrado e An loro terre… sono ritornati nelle eheh!!! è finita la pacchia, buon lavoro!!!!! AUGURI a tutti i neo-laureati della Cappella Universitaria Leda Dott.ssa in Geologia

S. MESSA DELL’EPIF ANIA martedì 6 gennaio, ore 19.15 MUNITA’ CONSIGLIO DI CO , ore 21.00 domenica 18 gennaio

ADORAZIONE EUCARISTICA ogni primo lunedì del mese, ore 21.00 FESTA DI CA RNEVALE sabato 21 febb raio, ore 21.00

RISTICHE GIORNATE EUCA to 28 febbraio da giovedì 26 a saba VIA CRUCIS DEGLI UNVIERSITA RI, ogni venerdì di Quaresima, ore 19.00

Maria Elena Dott.ssa in Economia

Fabio Dott. in Biotecnologie

Marta Dott.ssa in Giurisprudenza

VIA CRUCIS CITTADINA venerdì 27 marzo, ore 21.00

PELLEGRIN AGGIO A R OMA sabato 21 m arzo CORSO CRESIM A da giovedì 15 genn aio, ore 21.00

19



Nero su Bianco 35