Page 1

Chiesa di S. Antonio Abate in Vibonati (SA)

La Chiesa parrocchiale di S .Antonio Abate, sita nella parte alta del paese, risale agli inizi dell’undicesimo secolo, al Mille; anche se non è menzionata nella Bolla di Alfano del 1079, perché non ancora eretta a parrocchia o dipendente da un’altra vicina, fu senz’altro di “rito greco”. Infatti molti Greci cristiani vennero nella diocesi di Policastro, prima nel secolo settimo al tempo delle lotte iconoclaste, poi nell’undicesimo secolo, dopo l’espulsione dalla Puglia e dalla Calabria di Roberto il Guiscardo, e col tempo diedero origine alle comunità di Morigerati, di Battaglia e di Vibonati. Nel 1521, fu eretta da Mons. Giovanni Pirro Scorna la seconda parrocchia nella Chiesa dell’Annunziata; quella di S. Antonio Abate restò sempre la principale o Matrice. Di antichissima fabbrica, la Chiesa ebbe nei secoli vari restauri. Il primo è del 1580, il secondo è del 1595. Alla fine del secolo sedicesimo vi era l’Altare Maggiore in muratura, con due gradini fabbrica e due in legno, un Tabernacolo in legno, artisticamente decorato, un Altare portatile in legno, sormontato da una quadro della Risurrezione. A sinistra dell’Altare

Storia della Chiesa  

Storia della Chiesa di S. Antonio abate in Vibonati (SA)

Storia della Chiesa  

Storia della Chiesa di S. Antonio abate in Vibonati (SA)

Advertisement