Page 1

ORDINAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI SACRAMENTI In riferimento alle "Norme per la celebrazione dei sacramenti" - (BOLLETTINO DIOCESANO XXXV,2 146)

1. BATTESIMO. a. La celebrazione dei Battesimi si svolge durante la Messa nella prima domenica di ogni mese nel Santuario di Sant’Antonio Abate, o senza la Messa nel primo sabato di ogni mese nella Chiesa della SS. Annunnziata (sono escluse altre Chiese o cappelle per la mancanza del fonte battesimale). b. La richiesta deve essere fatta almeno un mese prima e prevede da parte dei genitori e dei padrini, la partecipazione a due momenti di catechesi (il primo sul Battesimo, il secondo con la partecipazione della liturgia e le confessioni) nei due venerdi antecedenti alla celebrazione del Sacramento. c. I padrini devono aver compiuto 16 anni, aver ricevuto i Sacramenti dell’iniziazione cristiana (Battesimo, Cresima, Eucarestia), devono essere né separati, né divorziati, né conviventi. Inoltre devono essere scelti per la loro fede esemplare e non soltanto per rapporti di amicizia, in quanto diventano “accompagnatori spirituali” per la crescita dei neobattezzati. Se appartenenti ad altra parrocchia, i padrini devono procurarsi presso il proprio parroco un “certificato di idoneità” che attesti quanto sopra detto. d. Per il suo carattere di legame alla comunità di appartenenza, è opportuno celebrare il Battesimo nella propria parrocchia di residenza. Se tuttavia, sussistono motivi validi per celebrare il battesimo nella nostra parrocchia per battezzandi di altre comunità, i genitori devono procurarsi un “Nulla Osta” presso il parroco di origine. 2. MATRIMONIO. a. La celebrazione del Sacramento del Matrimonio è consentita in tutti i giorni della settimana tranne che di domenica. Le Chiese in cui è possibile celebrare il Matrimonio sono il Santuario di Sant’Antonio Abate, la Chiesa della SS. Annunziata e la Chiesa di San Francesco di Paola (Convento). b. Coloro che vogliono celebrare il Matrimonio nella nostra parrocchia devono, come preparazione, partecipare al “corso pre-matrimoniale” che, normalmente, si tiene a Sapri nei Sabati di GennaioFebbraio. Per fissare la data della celebrazione il parroco deve essere contattato almeno sei mesi prima. Gli sposi che vengono da altre parrocchie devono svolgere le pratiche matrimoniali presso uno dei rispettivi parroci. c. Per ciò che riguarda lo svolgimento della celebrazione, verrà consegnato ai futuri sposi una lettera con le norme particolari. Ci limitiamo qui a ricordare che: le bomboniere si possono convertire in iniziative benefiche sostenute dalla Caritas; non si deve eccedere con i fiori che devono ornare solo l’altare mentre è vietato l’addobbo del “Viale”; i fotografi si mostrino rispettosi del momento e del luogo sacro e evitino di fare riprese o foto durante la lettura del Vangelo, Consacrazione e il dopo Comunione. 3. ESEQUIE. a. Le Chiese in cui è possibile celebrare le Esequie sono il Santuario di Sant’Antonio Abate, la Chiesa della SS. Annunziata e la Chiesa di San Francesco di Paola (Convento) secondo il desiderio dei b. familiari (invece il trigesimo, la messa di suffragio ad un mese della morte, viene celebrata secondo le esigenze della parrocchia). c. La celebrazione esequiale viene fatta con la Messa o con la Liturgia della Parola, se motivi liturgici lo richiedono. d. E’ consentito l’accompagnamento dalla casa del defunto fino in Chiesa (se dall’ospedale la benedizione viene fatta davanti alla Chiesa). E’ Vietato l’accompagnamento dalla Chiesa alla zona Convento dove per tradizione si presentavano le condoglianze ai familiari. Il decreto vescovile del 1989 dichiara: “l’accompagnamento termini in Chiesa”; nelle altre parrocchie della diocesi tale norma è da tempo opportunamente praticata. Pertanto, volendo adeguarci alle esigenze di tali normative, ma anche alle richieste di numerosi fedeli, si stabilisce che le condoglianze alla famiglia verranno date in Chiesa subito dopo la celebrazione (anche nella Chiesa del Convento) e, a conclusione la salma viene deposta nel carro funebre subito fuori la Chiesa e accompagnata al cimitero. Per quanto concerne il Santuario di Sant’Antonio Abate, a conclusione delle condoglianze, la salma viene accompagnata in forma privata fino al largo SS. Annunziata dove viene deposta nel carro funebre e accompagnata al cimitero.

Ordinamento per la celebrazione dei sacramenti  

Direttive parrocchiali

Ordinamento per la celebrazione dei sacramenti  

Direttive parrocchiali

Advertisement