Issuu on Google+

Gentili colleghi, come probabilmente saprete, oggi è stato ufficializzato il taglio dei gettoni arbitrali anche per la stagione 2010/2010 nonostante l’indicazione originaria fosse diversa. Vi invitiamo tutti a dialogare riguardo a tale problema: discutiamo tra di noi con temperanza ed equilibrio senza scaldare i toni, cosa che ci porterebbe solo ad uno scontro diretto senza armi e dati oggettivi alla mano. La questione principale è e deve essere nella “dignità” di tutti e nel rispetto che deve essere concesso, nella stessa misura, ad un uomo di quarant’anni come a un ragazzino di quindici che passa la domenica mattina sui campi di pallacanestro. La situazione economica non è buona e questo lo sappiamo bene. È così per tutti ma sarebbe opportuno che ne fossimo messi al corrente e non informati meramente dagli effetti prima che dalle cause. Ad ogni modo, pochi minuti fa ho avuto una chiacchierata telefonica con Lorenzo Natale, il quale ha dovuto girarci la mail pur non concordando con il contenuto della stessa. Ha chiamato il Commissario del CIA e dialogherà con lui anche nei prossimi giorni. Ho convenuto con lui che, prima di fare proclami, occorre avere i dati concreti tra le mani. Mi riferisco a quelli economici: il rapporto necessitàspese e le eventuali plusvalenze. La cosa è importante perché nel caso fossimo in possesso di dati non verificati rischieremmo uno scontro infruttuoso. Va chiarita anche l’applicazione dei tagli sull’intero territorio campano. Io e altri colleghi l’anno scorso venimmo a conoscenza, da arbitri di altri Gap, che il taglio era applicato solo a Napoli. Ma tale notizia va verificata, anche perché la circolare si estende a tutta la regione. Restate dunque tranquilli. Lorenzo si interesserà della cosa e la comunicherà a chi di dovere; la settimana prossima parleremo di nuovo con lui per poterci riunire in una sede federale e discutere del problema. L’importante è parlare, l’essenziale è mostrare che ci siamo, che abbiamo pensieri, proposte e obbiettivi comuni.

Vostro, Antonio Maggio


A tutti