Issuu on Google+

IL CONSULENTE THE WORLD OF

THE WORLD OF

IL CONSULENTE

N U M E RO 9

15 LUGLIO 2 0 1 1

ADALBERTO BERTUCCI

La misura è colma  MANIFESTAZIONE "NON SON DEGNO DI TE" 

ANTONIO CARLO SCACCO

pendenza economica gato lavoro

Dalla subordinazione funzionale alla di-

GIUSEPPE MASTROTOTARO Luci e ombre del ColleN U M E RO 9

15 LUGLIO 2 0 1 1

Pubblicazione Quindicinale Ufficiale del Consiglio provinciale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro di Roma


IL CONSULENTE THE WORLD OF

I

N

Pubblicazione Ufficiale del Consiglio provinciale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro di Roma

D

I

C N U M E RO 9

E 15 LUGLIO 2 0 1 1

I n Fo c u s

3 4 La Rivista "The World Of Il Consulente" è ora su Facebook ! Per visitare il link è sufficiente digitare nel campo di ricerca la parola "The World Of Il Consulente" !

Adalberto Bertucci La misura è colma

AA.VV. Manifestazione "Non son degno di te"

14

Antonio Carlo Scacco

16

Giuseppe Mastrototaro

Dalla subordinazione funzionale alla dipendenza economica

Luci e ombre del Collegato lavoro

In copertina: un momento della manifestazione "Non son degno di te", Roma, Holy Hotel, 1 luglio 2011

THE WORLD OF

IL CONSULENTE N U M E RO 9

15 LUGLIO 2 0 1 1

House Organ del Consiglio provinciale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro di Roma Pubblicazione quindicinale.

Direttore responsabile Antonio Carlo Scacco

Comitato scientifico Gabriella Di Michele - Aldo Forte - Giuseppe Sigillò Massara - Pierluigi Matera Antonio Napolitano - Mauro Parisi - Vincenzo Scotti Virginia Zambrano

Progetto grafico e digitalizzazione Antonio Carlo Scacco

Redazione Eleonora Marzani Massimiliano Pastore Daniele Donati Giuseppe Marini Andrea Tommasini

Rubriche

22 24 26

Voci dal territorio La Consulta IX

I misteri di Roma di Andrea Tommasini

Aldo Persi

Editore Ordine dei Consulenti del Lavoro Consiglio Provinciale di Roma 00145 Roma - via Cristoforo Colombo, 456 Tel. 06/89670177 r.a. - Fax 06/86763924 Segreteria: segreteria@cdlrm.it Ente di Diritto Pubblico - Legge 11-11979 N.12

Tu es Petrus

Ordine nella vita ... vita nell'Ordine

Per contributi e suggerimenti TheWorldOfIlConsulente@cdlrm.it

Questo numero è stato chiuso in redazione il 14 luglio 2011

N U M E RO 9 15 LUGLIO 2 0 1 1

2


IL CONSULENTE

LA MISURA E' COLMA

E ED D II TT O OR R II A A LL E E

ADALBERTO BERTUCCI

THE WORLD OF

Nell’ultima riunione del Consiglio Nazionale ANCL, tenutasi a Roma il 1 luglio u.s., è stata presentata ufficialmente una mozione che impegnava la dirigenza a porre in atto tutte le azioni necessarie affinchè la scandalosa situazione della UP ANCL romana addivenisse a soluzione. Ebbene non ci siamo stupiti più di tanto quando il Consiglio Nazionale ANCL ha votato a grande maggioranza contro l’approvazione della mozione.

quella romana all’interno della stessa associazione a favore di un reale processo democratico. Il sospetto è che qualcuno voglia salvaguardare le proprie poltrone impedendo ad ogni costo l’ingresso della provincia di Roma ( e, a quanto ci è dato di sapere, non solo).

Dalla vicenda è possibile trarre alcune conclusioni: in primo luogo che è definitivamente caduta la “foglia di fico” secondo la quale l’ANCL nazionale non avrebbe competenza nella vicenda in quanto ( si legge in uno degli ultimi editoriali di Longobardi pubblicati dalla 1081) “le iscrizioni sono di competenza delle Unioni Provinciali che insindacabilmente decidono in materia.”. Con la votazione del 1 luglio l’ANCL nazionale diventa complice di certi comportamenti e ne diventa, in prima persona, responsabile. In secondo luogo, spiace dirlo, ma restano confermati tutti nostri peggiori sospetti sulla reale natura – oggi - del sindacato unitario che dovrebbe (il condizionale è d’obbligo) rappresentare tutta la Categoria: quando si avvallano ed approvano comportamenti sopraffatori e totalmente antidemocratici ci si autodefinisce, implicitamente ed esplicitamente, un sindacato sopraffatorio ed antidemocratico.

Il Consiglio che mi onoro di presiedere ha già ricevuto numerosissime istanze di Colleghi che denunciano il contenuto ingiurioso delle lettere di diniego della UP ANCL di Roma ( ulteriormente dimostrato dalla lettera “di scuse” successivamente inviata loro dal Presidente della medesima UP) con contestuale richiesta di sanzioni disciplinari, a fronte delle quali il Consiglio convocherà immediatamente le parti per la eventuale adozione dei provvedimenti del caso. In secondo luogo sappiamo che i Colleghi ingiuriati hanno già iniziato un procedimento penale avverso i consiglieri della UP ANCL di Roma ( e, in ipotesi, verso l’ANCL nazionale), con stratosferiche richieste di risarcimento danni.

A questo disegno – che se fosse confermato sarebbe davvero criminale - risponderemo con i fatti.

Spiace ricorrere a simili strumenti per tutelare le proprie – sacrosante – ragioni ma la misura è – davvero – colma.

Un sindacato da un lato che sembra essere prono alle direttive ed ai diktat di qualcuno che col sindacato nulla ha a che fare; dall’altro lato un sindacato che ha una solenne paura del ruolo che potrebbe giocare una grande provincia come N U M E RO 9

15 LUGLIO 2 0 1 1


IL CONSULENTE THE WORLD OF

Pubblicazione Ufficiale del Consiglio provinciale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro di Roma

4

Numerosissimi gli "indegni" convenuti all'Holy Hotel di Roma per la manifestazione "Non son degno di te" !!

ROMA, HOLY HOT "NON SON DE N U M E RO 9 15 LUGLIO 2 0 1 1


IL CONSULENTE THE WORLD OF

INDEGNI O ... INDIGNADOS ?

TEL, 1 LUGLIO 2011 EGNO DI TE" N U M E RO 9

15 LUGLIO 2 0 1 1


IL CONSULENTE THE WORLD OF

Pubblicazione Ufficiale del Consiglio provinciale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro di Roma

6

ROMA, HOLY HOTE "NON SON DE N U M E RO 9 15 LUGLIO 2 0 1 1


IL CONSULENTE THE WORLD OF

EL, 1 LUGLIO 2011 EGNO DI TE" N U M E RO 9

15 LUGLIO 2 0 1 1


IL CONSULENTE THE WORLD OF

Pubblicazione Ufficiale del Consiglio provinciale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro di Roma

Ma cosa vogliono questi ???

N U M E RO 9 15 LUGLIO 2 0 1 1

8


IL CONSULENTE THE WORLD OF

N U M E RO 9

15 LUGLIO 2 0 1 1


IL CONSULENTE THE WORLD OF

Pubblicazione Ufficiale del Consiglio provinciale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro di Roma

10

PRESIDENTE, A

Alla manifestazione è intervenuto, a titolo strettamente personale, l'attuale Presidente della U.P. ANCL di Roma, Nevio Bianchi. Nelle foto lo vediamo intrattenersi con gli "indegni" che non hanno mancato di manifestargli tutte le loro perplessità sulla vicenda: ne è nato un dibattitto all'insegna - ovviamente - del massimo rispetto reciproco

N U M E RO 9 15 LUGLIO 2 0 1 1


ALLORA ... ?

IL CONSULENTE THE WORLD OF

N U M E RO 9

15 LUGLIO 2 0 1 1


IL CONSULENTE THE WORLD OF

N U M E RO 9 15 LUGLIO 2 0 1 1

Foto di Cubagallery

Pubblicazione Ufficiale del Consiglio provinciale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro di Roma

12


IL CONSULENTE THE WORLD OF

N U M E RO 9

15 LUGLIO 2 0 1 1


IL CONSULENTE THE WORLD OF

Pubblicazione Ufficiale del Consiglio provinciale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro di Roma

14

DALLA SUBORDINAZIONE FUNZIONALE ALLA DIPENDENZA ECONOMICA

Antonio Carlo Scacco

I rapporti di lavoro cristallizzati nel codice civile del ’42 ruotano attorno alla dicotomia lavoro subordinato (presenza della subordinazione) e lavoro autonomo (assenza di subordinazione), laddove il primo si caratterizza per la messa a disposizione funzionale di tecniche organizzative e processi altrui delle prestazioni lavorative (subordinazione tecnico-funzionale), mentre il secondo si caratterizza per i contenuti professionali dell’opera prestata e, conseguentemente, per la capacità di autoregolamentarsi [1]. Quindi, il concetto di subordinazione (che prende il posto della precedente locatio operarum del codice del 1865) è fondamentale nel più recente impianto codicistico atteso che anche lo stesso lavoro autonomo si caratterizza, in fondo, per esserne privo. Ora, poiché qualsiasi attività umana può essere svolta in forma autonoma o subordinata, e stante la assoluta incapacità “discretiva”[2] dell’attuale formulazione dell’articolo 2094 c.c., lo sport nazionale della giuriN U M E RO 9 15 LUGLIO 2 0 1 1

sprudenza lavoristica ( e della dottrina) maggiormente praticato nel dopoguerra è stato la individuazione dei cd. “indici” presuntivi della subordinazione (assoggettamento al potere direttivo e disciplinare, etero-controllo ec.). Ne è seguita una generale confusione qualificatoria ulteriormente alimentata, negli ultimi tempi, da tumultuosi processi di destrutturazione e disintegrazione della impresa[3] che hanno determinato, come conseguenza immediata, la destrutturazione e la disintegrazione del suo principale fattore di produzione: il lavoro. Una miriade di figure professionali nuove, sospese nel limbo incerto ed oscuro della para-subordinazione o della para-autonomia, fluttuano nell’aere di un diritto astruso ed ermetico che solo raramente mostra di accorgersene tanto da concedere loro la dignità di istituto lavoristico. E quando lo fa non raramente rischia di consegnare alla storia dei veri e propri ossimori giuridici all’interno dei quali tutto sembra essere il contrario di tutto e nei cui meandri quasi sempre il prestato-

Quando l'ordinamento sembra accorgersi delle nuove figure professionali, non raramente rischia di consegnare alla storia dei veri e propri ossimori giuridici , nei cui meandri quasi sempre il prestatore di lavoro, al contrario del mugnaio di Postdam, potrà ragionevolmente essere sicuro di trovare un giudice a Berlino..

re di lavoro, al contrario del mugnaio di Postdam, potrà ragionevolmente essere sicuro di trovare un giudice a Berlino. E quando non lo fa, ed è la stragrande maggioranza dei casi, alimenta uno dei più ferrei e strutturati sistemi di apartheid mai visti nella storia recente, tra un partito di “bianchi” coincidente con i lavoratori subordinati a tempo indeterminato, ed un partito di “neri” composto di lavoratori a progetto, precari, “somministrati”, “NEET” ec. Se non possiamo fare a meno della “subordinazione” è possibile, almeno, convivere con essa ? Le tre ipotesi maggiormente accreditate per superare l'impasse sono[4]: 1) la creazione di un tertium genus giuridicamente anodino: il lavoro


IL CONSULENTE THE WORLD OF

parasubordinato e semindipendente, di natura coordinata e continuativa; 2) non regolare le diverse fattispecie di contratto, ma partire dal presupposto che tutti i contratti di lavoro in cui è implicata la persona, richiedono protezioni adeguate al diverso status lavorativo[5] e quindi creare una sorta di “tutela differenziata”; 3) la mutazione della nozione di subordinazione (tecnico)funzionale in subordinazione o dipendenza “economica”. Questa ultima ipotesi, ragionevolmente, ci sembra quella maggiormente percorribile. La “subordinazione”, in tale contesto, non sarebbe più individuabile nell’assoggettamento (funzionale) della prestazione lavorativa a processi tecnici ed organizzazione altrui, ma sarebbe direttamente desumibile dall’articolo 36 Costituzione, più in particolare dalla norma che enuncia il principio secondo cui ”la retribuzione deve essere in ogni caso sufficiente ad assicurare al lavoratore ed alla sua famiglia una esistenza libera e dignitosa (principio della retribuzione sufficiente o della retribuzione familiare).”. In altri termini l’assoggettamento non è più tanto all’organizzazione datorile quanto, piuttosto, alla soddisfazione del bisogno (la esistenza libera e dignitosa per il lavoratore e la propria famiglia) che quella organizzazione deve garantire. Se quella organizzazione soddisfa interamente, o gran parte, quel bisogno, se cioè quella organizzazione garantisce la interezza o la gran parte della retribuzione definibile “sufficiente” secondo i parametri costituzionali, c’è assoggettamento, ovvero subordinazione: ma è una

subordinazione “mediata” , “indiretta” , perché la dipendenza del lavoratore è – ovviamente verso il suo bisogno di una “sufficiente” retribuzione, non verso l’organizzazione di un altro soggetto. Se nella isola di Robinson Crusoe l’unico albero di frutta per soddisfare la fame di Venerdì fosse nella esclusiva disponibilità del signor Crusoe, allora potremmo dire che il lavoro prestato da Venerdì a favore di Crusoe è di natura “subordinata”; viceversa se nell’isola vi fossero altri signori Crusoe con altri alberi da frutta, i lavori prestati da Venerdì per tutti questi signori Crusoe non potrebbero essere considerati singolarmente di natura “subordinata”, dal momento che il bisogno di Venerdì di riempirsi lo stomaco dipende complessivamente da tutti i signori Crusoe, ma da nessuno di loro in particolare. E’ evidente che, in tali termini, la nozione di “subordinazione” troverebbe “indizi presuntivi” tanto poco incerti e tanto poco presuntivi da assurgere, finalmente, a valore di prove: a) la retribuzione percepita dovrebbe essere parametrata, sotto il profilo quantitativo, al limite della retribuzione ritenuta “sufficiente” ( a sua volta variabile in funzione del parametro familiare ec.) b) la retribuzione percepita dovrebbe essere parametrata, sotto il profilo qualitativo, al reddito “complessivo” del lavoratore (e della sua famiglia): oltre una certa soglia, convenzionalmente fissata dalla legge, il lavoratore è “subordinato” con tutte le conseguenze che a tale nozione il nostro ordinamento ricollega.

E’ evidente che anche un lavoratore “autonomo”, ad esempio un professionista, che ritrae da un singolo rapporto professionale con un suo cliente una percentuale rilevante del suo intero reddito (poniamo, ad esempio, l’80%), ovviamente compatibile con la nozione ed il livello di una “retribuzione sufficiente”, dovrebbe essere considerato subordinato o dipendente economico di quel cliente e, conseguentemente, godere delle garanzie stabilite dalla legge in presenza di subordinazione. Ci sembra che una tale nozione di subordinazione, da intendersi come sussistenza di reali forme di dipendenza economica e perciò, in quanto tali, meritevoli di tutela, sia assai più rispettoso del dettato costituzionale che tutela il lavoro “in tutte le sue forme”. E sarebbe forse la strada, finalmente, per superare un vigente regime di “apartheid” che non fa onore alla nostra coscienza civile e che tanto contrasta con i nostri – asseriti – principi costituzionali di eguaglianza e pari dignità. ----------------------[1] I nuovi contratti nella prassi civile e commerciale, Volume 4 a cura di M. Sella, 2008 [2] Sella, cit. [3] Collins (1990), Independent Contractors and the Challenge of Vertical Disìntegratìon to Employment Protection Laws, in OJLS, v. 10 [4] Bruno Caruso, Il contratto di lavoro come istituzione europea, in WP C.S.D.L.E. “Massimo D’Antona” .INT – 84/2010 [5] Per es. Davidov G. (2005) Who is a Worker?, in ILJ, 34:1.

N U M E RO 9

15 LUGLIO 2 0 1 1


IL CONSULENTE THE WORLD OF

Pubblicazione Ufficiale del Consiglio provinciale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro di Roma

LUCI E OMBRE DEL COLLEGATO LAVORO Giuseppe Mastrototaro Pari opportunità (articolo 21). Si ribadisce che le pubbliche amministrazioni debbono garantire parità e pari opportunità tra uomini e donne e l'assenza di ogni forma di discriminazione, diretta e indiretta, relativa al genere, all'età, all'orientamento sessuale, alla razza, all'origine etnica, alla disabilità, alla religione o alla lingua, nell'accesso al lavoro, nel trattamento e nelle condizioni di lavoro, nella formazione professionale, nelle promozioni e nella sicurezza sul lavoro. Le pubbliche amministrazioni, poi, sono chiamate a garantire, anche, un ambiente di lavoro improntato al benessere organizzativo e si impegnano a rilevare, contrastare ed eliminare ogni forma di violenza morale o psichica al proprio interno. Per realizzare questi principi e missioni, tutte le amministrazioni pubbliche, al proprio interno, entro 120 giorni dall'entrate in vigore della presente legge, dovranno costituire un "Comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni". Tale organo sostituirà, unificando le competenze in un solo organismo, i comitati per le pari opportunità e i comitati paritetici sul fenomeno del mobbing, costituiti in applicazione della contrattazione collettiva, dei quali assume tutte le funzioni previste dalla legge, dai contratti collettiN U M E RO 9 15 LUGLIO 2 0 1 1

Terza e ultima parte vi relativi al personale delle amministrazioni pubbliche o da altre disposizioni. Delega per congedi, aspettative e permessi (articolo 23). Delega al Governo per il riordino della disciplina in materia di congedi, aspettative e permessi che spettano a lavoratori dipendenti, pubblici e privati. La delega deve essere esercitata entro 6 mesi dall'entrata in vigore del provvedimento in esame senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica. I principi e i criteri direttivi per l'esercizio della delega sono: il coordinamento, formale e sostanziale, delle disposizioni vigenti in materia; l'indicazione esplicita delle norme abrogate; il riordino delle tipologie degli istituti; la razionalizzazione e semplificazione di criteri e modalità per la fruizione dei benefici e della documentazione da presentare (il principio relativo alla documentazione è posto con particolare riferimento alle fattispecie in cui rientrino soggetti in condizione di handicap grave o affetti da patologie di tipo neurodegenerativo o oncologico). Permessi per l'assistenza a portatori di handicap (articolo 24). Modifiche alla normativa sui permessi lavorativi per l'assistenza a

soggetti portatori di handicap. Vengono novellate le norme sul diritto a 3 giorni di permesso mensile retribuito, per l'assistenza a un familiare, parente o affine con handicap in situazione di gravità, e sulla possibilità di scelta della sede di lavoro, in relazione ad analoga esigenza. Si dispone che le pubbliche amministrazioni comunichino alla Funzione pubblica alcuni dati, relativi ai propri dipendenti che fruiscano dei permessi mensili retribuiti summenzionati o dei permessi retribuiti previsti (nel limite di 2 ore quotidiane) per i minori con handicap in situazione di gravità e di età non superiore ai tre anni. Il Dipartimento creerà una banca dati dove far confluire le comunicazioni. Lotta al lavoro sommerso (articolo 4). Novità in materia di sanzioni relative all'impiego di lavoro irregolare. La novità si riferisce all'impiego, da parte di datori privati, di lavoratori subordinati senza preventiva

comunicazione dell'instaurazione del rapporto di lavoro, anziché all'impiego di lavoratori non risultanti dalle scritture o da altra documentazione obbligatoria. Le nuove norme non si applicano nel caso di lavoro domestico. Negli altri casi di lavoro "sommerso", oltre alle sanzioni previste, si applica

16


IL CONSULENTE THE WORLD OF

anche una sanzione amministrativa fino a 12mila euro per ciascun lavoratore irregolare, maggiorata di 150 euro per ciascuna giornata di lavoro effettivo. L'importo della sanzione è ridotta a 8mila euro per ciascun lavoratore irregolare, maggiorato di 30 euro per ciascuna giornata di lavoro irregolare, nel caso in cui il lavoratore risulti regolarmente occupato per un periodo lavorativo successivo. L'importo delle sanzioni civili connesse all'evasione dei contributi e dei premi riferiti a ciascun lavoratore irregolare di cui ai periodi precedenti è aumentato del 50 per cento. Tutte queste sanzioni non trovano applicazione qualora, dagli adempimenti di carattere contributivo precedentemente assolti, si evidenzi comunque la volontà di non occultare il rapporto, anche se trattasi di differente qualificazione. Si prevede, infine, che nel settore turistico il datore di lavoro che non sia in possesso di uno o più dati anagrafici inerenti al lavoratore può integrare la comunicazione entro il terzo giorno successivo a quello dell'instaurazione del rapporto di lavoro, purché dalla comunicazione preventiva risultino in maniera inequivocabile la tipologia contrattuale e l'identificazione del prestatore di lavoro. Il meccanismo riguarda qualsiasi tipologia di assunzione e, pertanto, lascia in vita la deroga specifica per i lavoratori c.d. extra previsti dall’articolo 10 del D.Lgs. 368/2001. Orario di lavoro (articolo 7). Modifiche al regime sanzionatorio in materia di orario di lavoro. Vengono ridefinite le sanzioni per le ipotesi di violazione della disciplina relativa alla durata media dell'orario di lavoro, al riposo settimanale, alle ferie annuali retribuite. Si rifanno il look anche le sanzioni per il caso di violazione della normativa sul riposo giornaliero. Si chiarisce, però, che tutte le novità in arrivo possono essere derogate mediante contratti

collettivi stipulati a livello nazionale con le organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative. In assenza di specifiche disposizioni nei contratti collettivi nazionali, le deroghe possono essere stabilite nei contratti territoriali o aziendali stipulati con le organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale o territoriale. Il ricorso alle deroghe deve, comunque, consentire la fruizione di periodi di riposo più frequenti o più lunghi o la concessione di riposi compensativi per i lavoratori marittimi che operano a bordo di navi impiegate in viaggi di breve durata o adibite a servizi portuali.

sura fissa. Il pagamento dell'importo della predetta somma nel termine fissato estingue il procedimento sanzionatorio limitatamente alle inosservanze oggetto di diffida e a condizione dell'effettiva ottemperanza alla diffida stessa.

Ispezioni (articolo 33).

Delega per la revisione della disciplina pensionistica dei soggetti che svolgono lavori usuranti. La delega deve essere esercitata entro 3 mesi dall'entrata in vigore del provvedimento. In pratica, vengono riaperti i termini della precedente disciplina di delega (non esercitata) in materia. Lo scopo è quello di permette-

Si riscrive la materia delle ispezioni sui luoghi di lavoro. Si prevede, in particolare, che il personale ispettivo acceda presso i luoghi di lavoro nei modi e nei tempi consentiti dalla legge. Alla conclusione delle attività di verifica compiute nel corso del primo accesso, viene rilasciato al datore di lavoro o alla persona presente all'ispezione, con l'obbligo della tempestiva consegna al datore di lavoro, il verbale di primo accesso ispettivo, che deve contenere, tra l'altro, l'identificazione dei lavoratori trovati intenti al lavoro e la descrizione delle modalità del loro impiego (?). In caso di constatate inosservanze, e qualora il personale ispettivo rilevi inadempimenti dai quali derivino sanzioni amministrative, questi provvede a diffidare il trasgressore alla regolarizzazione delle inosservanze comunque materialmente sanabili, entro il termine di 30 giorni dalla data di notificazione del verbale. In caso di ottemperanza alla diffida, il trasgressore o l'eventuale obbligato in solido, è ammesso al pagamento, entro 15 giorni, di una somma pari all'importo della sanzione nella misura del minimo previsto dalla legge ovvero nella misura pari ad un quarto della sanzione stabilita in mi-

Conciliazione monocratica (articolo 38). Prevista dall'articolo 11 del Dlgs 124/2004: il relativo verbale è dichiarato esecutivo con decreto dal giudice competente, su istanza della parte interessata. Lavori usuranti (articolo 1).

re ai lavoratori dipendenti impegnati in particolari lavori o attività e che maturano i requisiti per l'accesso al pensionamento a decorrere dal 1º gennaio 2008, di andare in pensione con un requisito anagrafico ridotto di 3 anni, fermi restando un limite minimo pari a 57 anni di età, il requisito di anzianità contributiva pari a 35 anni e la disciplina relativa alla decorrenza del pensionamento (cosiddette "finestre"). Previsto un meccanismo di priorità nella decorrenza dei trattamenti pensionistici (in ragione della maturazione dei requisiti agevolati, e, a parità degli stessi, della data di presentazione della domanda), qualora, nell'ambito della funzione di accertamento del diritto al beneficio, emergano scostamenti tra il numero di domande accolte e la copertura finanziaria a disposizione. Indennizzi aziende commerciali in crisi (articolo 35). N U M E RO 9

15 LUGLIO 2 0 1 1


IL CONSULENTE THE WORLD OF

Pubblicazione Ufficiale del Consiglio provinciale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro di Roma

conseguire la pensione di vecchiaia. L'indennizzo per la cessazione dell'attività commerciale (Dlgs 207/1996) è concesso ai soggetti in possesso dei requisiti previsti dal citato Dlgs 207, nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2009 e il 31 dicembre 2011. Si prevede, poi, che per i soggetti che nel mese di compimento dell'età pensionabile siano anche in possesso del requisito contributivo minimo richiesto per conseguire la pensione di vecchiaia, il predetto indennizzo spetta fino alla prima decorrenza utile della pensione di vecchiaia medesima. Si chiarisce, inoltre, che gli indennizzi concessi ai sensi dell'articolo 1, comma 272, della legge 30 dicembre 2004, n. 311, in pagamento alla data del 31 dicembre 2008, sono prorogati fino alla data di decorrenza della pensione di vecchiaia purché i titolari dell'indennizzo siano in possesso, nel mese di compimento dell'età pensionabile, anche del requisito contributivo minimo richiesto per

N U M E RO 9 15 LUGLIO 2 0 1 1

Contributi figurativi (articoli 40 e 45). Si chiarisce che ai fini del calcolo della retribuzione annua pensionabile, e per la liquidazione delle prestazioni a sostegno o integrazione del reddito, per i periodi successivi al 31 dicembre 2004, il valore retributivo da attribuire per ciascuna settimana ai periodi riconosciuti figurativamente per gli eventi previsti dalle disposizioni in vigore e verificatisi nel corso del rapporto di lavoro, sia pari all'importo della normale retribuzione che sarebbe spettata al lavoratore, in caso di prestazione lavorativa, nel mese in cui si colloca l'evento. L'importo deve essere determinato dal datore di lavoro sulla base degli elementi retributivi ricorrenti e continuativi (nuova definizione del concetto di retribuzione?). Si prevedono, inoltre, disposizioni ad hoc in materia di contribuzione figurativa per i perio-

di di malattia. In particolare, si stabilisce che il limite dei 22 mesi non si applica, a partire dall'insorgenza dello stato di inabilità ai sensi dell'articolo 8 della legge 12 giugno 1984, n. 222, ai soggetti che abbiano conseguito tale inabilità a seguito di infortunio sul lavoro, in sostituzione della pensione di inabilità, fermo restando che, in tal caso, non è dovuta la prestazione economica di malattia a carico dell'ente previdenziale. Ritenute previdenziali (articolo 39). Si stabilisce che l'omesso versamento, nelle forme e nei termini di legge, delle ritenute previdenziali e assistenziali operate dal committente sui compensi dei lavoratori a progetto e dei titolari di

collaborazioni coordinate e continuative iscritti alla gestione separata configuri le ipotesi di reato previste dall'articolo 2 della legge 638/1983 (reclusione fino a 3 anni e multa fino a 2 mi-

18


IL CONSULENTE THE WORLD OF

lioni di vecchie lire). Imprese artigiane (articolo 43). Ai fini del contenimento degli oneri previdenziali, si stabilisce che, a decorrere dal 1° gennaio 2010, tutti gli atti e i provvedimenti relativi alle modificazioni dello stato di fatto e di diritto, compresa la cessazione delle imprese individuali e di tutti i soggetti comunque iscritti all'albo delle imprese artigiane, sono inopponibili all'Inps, decorsi 3 anni dal verificarsi dei relativi presupposti, e sentite le commissioni provinciali dell'artigianato e gli altri organi o enti competenti le cui potestà restano comunque ferme. Si prevede che l'Inps, attui apposite forme di comunicazione nei confronti dei destinatari delle disposizioni del presente articolo per favorire la correttezza delle posizioni contributive individuali. Domanda: a cosa serve la procedura “COMUNICA”? Certificati di malattia (articolo 25).

Al fine di assicurare un quadro completo delle assenze per malattia nei settori pubblico e privato, nonché un efficace sistema di controllo delle stesse, viene esteso al datore di lavoro privato, a decorrere dal 1° gennaio 2010, il sistema obbligatorio di trasmissione telematica della documentazione attestante la malattia Trattamenti di malattia e responsabilità di terzi (articolo 42).

giorni dal ricevimento della comunicazione, l'Inps trasmette all'impresa di assicurazione un "certificato di indennità corrisposte" (Cir), attestante l'avvenuta liquidazione dell'indennità di malattia e il relativo importo. L'impresa assicuratrice procede, conseguentemente, ad accantonare e rimborsare preventivamente all'Inps l'importo così certificato. 3 . terza e ultima parte

A decorrere dal 1° giugno 2010, nei casi di infermità comportante incapacità lavorativa, derivante da responsabilità di terzi, il medico è tenuto a darne segnalazione nei certificati di malattia al fine di consentire all'ente assicuratore l'esperibilità delle azioni surrogatorie e di rivalsa. In caso di eventi occorsi in danno di soggetti aventi diritto all'indennità di malattia erogata dall'Inps e imputabili a responsabilità di terzi, l'impresa di assicurazione, prima di procedere all'eventuale risarcimento del danno, è tenuta a darne immediata comunicazione all'Inps. Entro 15

N U M E RO 9

15 LUGLIO 2 0 1 1


20


IL CONSULENTE

VOCI DAL TERRITORIO

THE WORLD OF

Pubblicazione Ufficiale del Consiglio provinciale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro di Roma

22

LA CONSULTA 9 LA COMPOSIZIONE DELLA CONSULTA I Presidente SCHIAVELLO ANTONIO Altri componenti TURELLA MARCO VENANZI ANTONIO COSTA ALFREDO SCROCCA ANDREA NEZZO CARLO BASILI LORENZO

N U M E RO 9 15 LUGLIO 2 0 1 1


IL CONSULENTE THE WORLD OF

IL TERRITORIO

N U M E RO 9

VOCI DAL TERRITORIO

Il quartiere Appio-Latino nasce con il Piano Regolatore del 1909 con confini ben precisi: le Mura, la Ferrovia e la zona archeologica dell’Appia Antica. Il quartiere previsto da questo Piano è incentrato sull’asse viario dell’Appia Nuova, con al centro Piazza dei Re di Roma, piazza a stella caratteristica del modello urbanistico francese. Il nome Appio-Latino è dovuto al fatto che il territorio del quartiere si estende tra le vie Appia Antica e Nuova ed è attraversato dalla via Latina. La toponomastica stradale è a tema storico. Si trovano città e regioni dell'impero romano e della Grecia e storici italiani.

15 LUGLIO 2 0 1 1


IL CONSULENTE

MISTERI DI ROMA

THE WORLD OF

Pubblicazione Ufficiale del Consiglio provinciale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro di Roma

TU ES PETRUS

Andrea Tommasini

Per conoscere Roma nella magia di tutte le sue spigolature è certamente necessario pensare alla definizione di Città Eterna, ma ancor più a quella di Caput Mundi. Ad una comunità pellegrina e cosmopolita in eterno movimento, all’interno della quale convivono e si muovono infinite realtà. Il luogo dove iniziano percorsi materiali e spirituali di ogni genere. Milioni di persone di tutto il mondo che si rapportano quotidianamente nell’incontro d’infiniti percorsi ricchi di significato simbolico. Pellegrinaggi interiori, non necessariamente legati alla fede. Infinite lanterne di Diogene alla ricerca, ciascuno, della soddisfazione dei propri bisogni, delle proprie aspettative e dei propri desideri. Un magma vitale che contiene nel suo stesso DNA l’informazione basica della convivenza di differenti spiritualità e culture. Il luogo dove storicamente la fede cattolica ha scritto e scrive quotidianamente importanti capitoli della sua storia. Un luogo di pellegrinaggio alla tomba dell’Apostolo Pietro, colonna della Chiesa insieme con Giacomo e gli altri Apostoli. Nelle infinite sfaccettature e spigolatura di una Roma che convive da secoli con la storia e la tradizione della fede Cattolica Apostolica Romana, un piccolo stralcio del racconto di un volontario del Sovrano Militare Ordine di Malta che presta da molti anni il proprio servizio ai pellegrini in Piazza San Pietro, attraverso il quale mi aiuterò a spiegare perché Roma non è solo di Pietro ma anche di Giacomo. “…In una domenica d’estate, ormai giunti al termine del turno, abbastanza stanchi e provati dai molteplici interventi che si erano susseguiti nella giornata, mentre si stavano predisponendo le operazioni di chiusura del Posto di Soccorso, serrata la porta di accesso al posto di primo soccorso, N U M E RO 9 15 LUGLIO 2 0 1 1

sentiamo bussare concitatamente alla stessa. Mi reco ad aprire e sull’uscio e vi era una Signora con due figlie, pallida in volto e che, in lingua spagnola, con voce flebile chiede di essere aiutata perché si sentiva male e non voleva far spaventare le bambine. La facciamo naturalmente entrare subito ed il medico effettua i suoi primi controlli. Al termine dell’intervento, durato oltre mezz’ora, la signora chiede come avremmo potuto aiutarla ulteriormente per ritrovare suo marito e l’altro figlio. Viste le precarie condizioni della signora, decido di farla salire sulla mia macchina e girare con Lei per aiutarla a ricongiungersi ai suoi familiari. La stessa non ricordava nemmeno in quale albergo fossero alloggiati. Prendo l’autovettura, faccio salire la signora e le sue due bambine ed iniziamo il nostro piccolo pellegrinaggio caritatevole alla volta della ricerca del suo nucleo familiare. La signora mi descrive il marito e dopo oltre un ora di girovagare intorno a San Pietro con continue soste e richieste ai poliziotti in servizio di zona se avessero visto un uomo con un bimbo, come per incanto, dinanzi la Chiesa di San Giacomo in Augusta, al corso, ritroviamo il marito ed il terzo figlio e finalmente con grande gioia di tutti riusciamo a ricomporre questa famiglia. Il marito mi spiega in quale albergo riaccompagnarli e durante il tragitto mi raccontano di essere una famiglia nobile di Santiago, custodi della c.d. via francigena e di essersi recati a Roma in pellegrinaggio per rendere omaggio alla tomba dell’Apostolo Pietro….” Questo piccolo aneddoto reca a mio avviso un profondo sentire interiore in quanto, la valenza

simbolica dell’accaduto, è stata forte e rappresentativa: si sono incontrati, attraverso un volontario i differenti cammini della Fede nella Città Eterna. Si è rappresentato simbolicamente l’incontro tra il Santo Giacomo

24


IL CONSULENTE THE WORLD OF

Apostolo, Patrono dei Pellegrini che calendario Romano si festeggia il 25 luglio.

nel

MISTERI DI ROMA

Riflettere e saper leggere simbolicamente la nostra vita e quello che in ogni piccolo istante passa nella nostra città, sviluppa certamente quel sentimento di contemplazione necessario a noi tutti per saper apprezzare e sentire quello che ci circonda. Il servizio volontario al Successore dell’Apostolo Pietro, in ossequio al carisma Melitense di San Giovanni Battista, è già di per se stesso un pellegrinaggio interiore che si confronta quotidianamente con le migliaia di pellegrini che convengono quotidianamente a Piazza San Pietro. Il privilegio del servizio che diviene itinerante nell’offerta interiore di carità e di amore alle infinite diversità con le quali ci si confronta nel nostro operare quotidiano al servizio dei milioni di persone che ogni anno convengono nella nostra città ed in particolare a Piazza San Pietro. Nell’incontro dei custodi del cammino, nel luogo del cammino alla tomba dell’Apostolo Pietro, ho visto due camini che si sono incontrati per rendere omaggio alla magnificenza di Dio e per suggellare l’Amore di Dio, ma anche per riportare alla luce il forte senso di una Roma pellegrina e di una Roma giacobea. Questo forte richiamo lo fece in piu’ occasioni anche il grande Papa Giovanni Paolo II quando, parlando di identità spirituale dei luoghi, nel messaggio d’inizio dell’Anno Santo jacobeo del 2004 - il primo del terzo millennio del cristianesimo - scrisse: “il Cammino di Santiago non può dimenticare la sua dimensione spirituale. Il fenomeno jacobeo non può alterare la propria identità a causa dei fattori culturali, economici e politici che porta con sé. Nei secoli, l’essenza del pellegrinaggio a Santiago de Compostella, è stata la conversione al Dio vivente attraverso l’incontro con Gesù Cristo. Il pellegrinaggio, dunque, nonostante il suo rigore e la sua fatica, è un gioioso annuncio di fede, un cammino personale di testimonianza sull’esempio del “Figlio del Tuono”, l’Apostolo Giacomo, amico del Signore”. Ancor più forte il senso di protezione della nostra Roma Pellegrina da parte dell’Apostolo Giacomo, nel testo della preghiera del Santo Padre Giovanni Paolo II per la Sua visita Pastorale di sabato 19 agosto 1989 a Santiago de Compostela (Spagna), dinanzi alla tomba di San Giacomo, in occasione della Giornata Mondiale della Gioventù dove recitava:

al quale mi avvicino oggi, pellegrino da tutte le strade del mondo, per onorare la tua memoria ed implorare la tua protezione. Giungo dalla Roma luminosa e perenne, fino a te che ti sei fatto pellegrino sulle orme di Cristo ed hai portato il suo nome e la sua voce fino a questo confine dell’universo. Vengo dai luoghi di Pietro e, quale suo successore, porto a te che sei con lui colonna della Chiesa, l’abbraccio fraterno che viene dai secoli ed il canto che risuona fermo ed apostolico nella cattolicità. Viene con me, san Giacomo, un immenso fiume giovanile nato dalle sorgenti di tutti i paesi della terra. Qui lo trovi, unito e sereno alla tua presenza, ansioso di rinnovare la sua fede nell’esempio vibrante della tua vita. Veniamo a questa soglia benedetta in animato pellegrinaggio. Veniamo immersi in questo copioso esercito che sin dalle viscere dei secoli è venuto portando le genti fino a questa Compostela dove tu sei pellegrino ed ospite, apostolo e patrono. E giungiamo qui al tuo cospetto perché andiamo uniti nel cammino. Camminiamo verso la fine di un millennio che desideriamo sigillare con il sigillo di Cristo. Camminiamo ancora oltre, verso l’inizio di un millennio nuovo che desideriamo aprire nel nome di Dio. San Giacomo, abbiamo bisogno per il nostro pellegrinaggio del tuo ardore e del tuo coraggio. Per questo veniamo a chiederteli fino a questo “finis-terrae” delle tue imprese apostoliche. Insegnaci, Apostolo ed amico del Signore, la via che porta a lui. Aprici, predicatore delle Spagne, alla verità che hai imparato dalle labbra del Maestro. Dacci, testimone del Vangelo, la forza di amare sempre la vita. Mettiti tu, patrono dei pellegrini, alla testa del nostro pellegrinaggio di cristiani e di giovani. E come i popoli all’epoca camminarono verso di te, vieni tu in pellegrinaggio con noi incontro a tutti i popoli. Con te, san Giacomo apostolo e pellegrino, desideriamo insegnare alle genti d’Europa e del mondo che Cristo è - oggi e sempre - la via, la verità e la vita.” Buon viaggio a noi tutti nella nostra Roma pellegrina.

“San Giacomo! Sono qui, nuovamente, presso il tuo sepolcro N U M E RO 9

15 LUGLIO 2 0 1 1

Colonnato del Bernini, foto di Fedewild by Flickr


IL CONSULENTE26

VITA NELL'ORDINE ...

THE WORLD OF

CONVEGNI - TAVOLE ROTONDE - INCONTRI

CONVENZIONE CON LA EFI - ADR

Il Consiglio provinciale dell'Odine dei Consulenti del lavoro di Roma, al fine di agevolare i propri iscritti, ha sottoscritto un'integrazione alla convenzione con la EFI ADR - Camera Nazionale di Conciliazione. In virtù di tale convenzione la EFI applicherà, ai ns. iscritti e clienti dei ns. iscritti, per le Conciliazioni instaurate presso l' organismo, una riduzione del 25% sulle tariffe delle spese di procedura della Conciliazione, così come dettagliate nella tabella allegata alla presente. La EFI inoltre, favorirà in via preferenziale per la nomina a Conciliatore gli iscritti dell’Ordine che siano stati formati da EFI Spa – Ente di Formazione accreditato, nelle materie di loro specifica competenza. Inoltre a far data dal 16 maggio p.v. sarà operativo l'Organismo di Conciliazione, per i consulenti del lavoro, presso la sede dell'Ordine.

clicca qui per prenotazioni

N U M E RO 9

15 LUGLIO 2 0 1 1


IL CONSULENTE THE WORLD OF

Gruppo Donatori di Sangue “Oreste

Bertucci”

... ORDINE NELLA VITA

CROCE ROSSA ITALIANACOMITATO PROVINCIALE DI ROMA

Cari colleghi,Vi ricordiamo che su iniziativa del nostro Consiglio Provinciale di Roma in collaborazione con l’Unione Giovani Consulenti del Lavoro di Roma, è stato costituito dal 2008 il Gruppo donatori di sangue “Oreste Bertucci”.Scopo del Gruppo è quello di raccogliere tra gli iscritti, i loro amici e parenti, sacche di sangue a favore della “Croce Rossa Italiana”.La seconda iniziativa dell’anno 2011 è la raccolta del 23 Luglio p.v. (dalle ore 7:45 alle ore 11:30) sotto la Sede dell’Ordine. Per motivi organizzativi Vi chiediamo di confermare la Vostra presenza all’indirizzo e-mail gruppodonatori@cdlrm.it. Nella speranza di incontrarVi numerosi il 23 luglio, vi inviamo i più cordiali saluti. Gruppo Donatori di Sangue “Oreste Bertucci”della Croce Rossa Italiana

N U M E RO 9

15 LUGLIO 2 0 1 1


The World Of IL Consulente n. 9 - 15 luglio 2011