Issuu on Google+

WINDY

A NTONIO B ORRELLI


A mio padre, mia madre e tutta la mia famiglia, in particolare dedicato alla tenera ispirazione, simpatica e dolcissima Windy.

 

1


A short collection of poems written by Antonio Borrelli (Italian novelist and poet) Published in English also in Italian.

Antonio Borrelli 2012 © Copyright All rights reserved.

All rights are reserved, especially those on the content of this work that is unique according to the directions of the Italian laws. Every reproduction, or publication and distribution that would be inappropriate (not to mention the author) of any material will be always forbidden.

Tutti i diritti sono totalmente riservati, in particolare quelli riguardanti il contenuto stesso dell’opera, poiché il diritto è esclusivo secondo i sensi della normativa italiana vigente. La riproduzione, pubblicazioni e distribuzioni inappropriate del materiale sono vietate. L’obbligo di citare l’autore rimane valido.


A short Biography Poet borned again that loves a little strange life. A liberal arts education characterized by Degree in Historical Sciences at Ca 'Foscari University, always followed by a PhD in History from the Middle Ages to contemporary times. His research scores are the epidemic flows throughout all modern european history.

Antonio Borrelli was born in Venice (1982). Writer, historian and poet who publishes his works in the web-journal “Donne Magazine”.

"La Repubblica della Salute" (Società Editrice Clinamen, Firenze, 2010) is his first historiographical book. Available only in Italian.

http://antonioborrelli.weebly.com

Live on:

 

1


Never Me (2008-2011)

About the Past. World Edition

 

1


Princess of Siberia Ciao. Privet. Hello. This time deceives our feelings, while unpleasant emotions are sinking, in your eyes where I find my own quiet hell, and you laugh about all my pains, evermore. Your eyes are the perfect prison, probably do not even know, but you can conquer anyone, but you're too wound, no smile, no tears, no love. Nevertheless, I loved you too much, I burned my soul in your heart, I wasted all my expectations, because you hated the vacuum, but now I get to live one more time.

 

1


Prague mon amour! Praha, Queen of Eastern Europe, you are such as a Slavic beauty, how many cravings were vented, many human tales collected over the centuries.

You've been a life never lived, like a a pleasant surprise and a new paranoia, thousand flavors gathered around Charles Bridge, that is, all strangers who live in the same heaven, a thousand truths, sorrows, joys, loves and weaknesses.

Smiles the poet, a picture of a tourist, a mother looking for her child, a woman dreams about her ex-boyfriend, a person wants to understand his dark destiny.

And you're still in that position, while I'm thinking about all my past, how burning desire that wins every lie, so yellow as this beer in Prague, so sparkling like this present.

 

2


Blank I’ve never believed, I've never heard, I've never seen, I've never hated, never been me.

I brought suffering, I sold my innocence, I mowed my friends, I disappointed my father, I deleted my mother.

I stayed in the gray area, where no one goes back, I paid any prohibition, I smelled victory, I fooled myself.

 

3


I was thinking Who feeds on pride, will die of ignorance, take the hand of eternal salvation, come on listens to your old granny, when she helped you in your mistakes.

You waited in vain for a new beginning, something different than your lustful past, while kissing your spectacular white cat, and so the absolute hypocrisy reigns over us, now you must deny everything.

Love doesn’t vote, love doesn’t count, love doesn’t choose Love doesn’t want, only you can do!

 

4


Love or Die Have you ever met my heart? It's a sacred place that nobody knows, and usually lie all my sorrows, close to me. Here I spent my entire youth and sweetness, swearing that I would never have forgiven love.

Where did you go? Where are you going? Where will you go? I would like to know myself, how many things waiting for me!

Love like never done before, die eternal stupidity of the heart, love this life once again, please, and talk to your invisible brothers, if you can, try to love this world.

 

5


White bread December, my hands, hot on you, scare your skin, chills touch your heart, and feel that there is nothing, as we call boredom absence, that same feeling belong to your eyes, which reflects the shape of my ancient puppet, dark brother of a forgotten night around this city.

That bridge, a turbid river, false promises never kept, still reside in your heart, actually swoop into my soul, but now I shy away from any painful current, unfortunately I don’t get any green signal to me, and I feel like the broken antenna of a space station, child of the infinite universe in a technocratic reality.

 

6


Remember, a time for a coffee, crazy order of destiny, the innocent smile of a moonlight, eludes all this anguish in a difficult life, this mixture so inside my hand, into my memories, perhaps looking for an answer to your many questions, but it’s too hard to understand these feelings faded away, at the same time I can find out my cardiac muscle, and I smile just thinking about curious coincidences, and I enjoy this treasure, all your loving words, all your benevolent caresses, but today I cook white bread, good, tasty and genuine, apotheosis of a private party, small hidden secret recipe, who mercilessly ignoring each wound. I'm absorbing that smell every moment, unexpectedly delicious, to make this food, so humble and common so identical to us.

 

7


My lost pearl Romantic prelude of my every mistake, if you can forgive this immature hidden kiss, who contaminated by a compassionate virus, profuse in words, thoughts, and empty promises, that melt predestined to utopian violet illusions, groaning red deceptions of the senses that burn dirty wings, avoiding a ruthless heart in remorse, now you're walking around my broken existence, how deeply we are falling in love today!

Love was a printed word into a book, but you are forced to live away from me, a violent madness that is caused by a crazy soul, who have lived a life devoid of human warmth, you have to smile, my sweet loving companion, ‘cause all our caresses will be maybe the last, while navigating in a gray fate far away.

Discouraged love, you’re my lost pearl, empty enigma of the heart, that is flying towards a freshness, where absolute become uncertainty, flame that moved high, atrocious and warm.

 

8


That’s Russia! Moscow a red big heart, eternal illusion, this moon shines, oh my healthy way, as a lead saturnine, where fades all confused memories, procuring toxicity drink against the soul, such as the time where a woman's heart, that imprisoned all my trivial intellectual pride, with many tears of unreal love, so keep suffering, the same as the mind throws up this old poison, finally I poisoned you, harmful in every respect, unusual to the form, so lethal near my mouth, which allowed this night to drag me far away.

St. Petersburg, Tsar of a thousand nights, how much venom is receiving my breath, how much infected blood from your heart, I become a citizen of passion, an unexplainable bad feeling, I cannot forget on my mind, Goodbye Russia!

 

9


Stupido (2012)

About the Present. Italian Edition

 

10


Senza di te Una notte afosa camuffata suona alla porta, cotone bianco ardentemente prosciugato, da un lento brivido, e un dolce risveglio, dopo un timido letargo, problema senza soluzione difforme in ogni emozione.

Nessuno mi può capire, non si può osservare il Sole, che inevitabile taglia l’oblio e senza tregua osserva il mare trasportando due granelli di sabbia, ricchi di baci velenosi al sapore di ciliegia, dove ogni paura è liquidata dal tuo egoismo.

Labirinto bollente, due occhi sorridono da lontano e dall’alto la vita riavvolge gelosie, e fluttua un dubbio in questo buio, dove dura quel tuo sguardo invano, per fondersi in tante immense bugie e tristezze evocate nel tuo nome.

 

11


Forse domani Siamo in volo, in viaggio con il destino e lasciamoci questo passato alle spalle, ancora scossi da una vita così strana, amaramente intrisa di sentenze, ma comunque ricca di sorprese.

Tanto freddo nel mio cuore, mentre fingo un notevole interesse, ma gioco nell’essenza delle ipocrisie e solo la vita stessa vive in una pace, però nessun posto può essere sicuro.

Bruciare ogni mio desiderio, guardando ogni fiducia smarrita, sognando quella libertà nuova, dove una promessa di dolore, come un infelice terremoto, scuote tutto lo spirito ribelle.

Non esistono gioie infinite, forse un domani ti rivedrò, ancora vicino alla mia bocca, mentre imparo il gusto dell’amore, abbandonandoti questa triste libertà.

 

12


Lo schiaffo Luce di vita, cupo sorriso, ancora quel segnale divino, una lotta oscura persistente, come un ballo paradisiaco, dove il mio spirito va nell’abisso.

Grigio, giallo, blu e acqua frizzante intorno a me, per soddisfare un cuore dormiente, sazio di ogni frammento d’umanità, uno schiaffo, la risposta non arriva mai, due schiaffi, rimane il dubbio ossessivo, tre schiaffi, l’aria viziata della lotta e la solitudine rimane.

Il ricordo ha una natura ingannevole, immorale, furba e dissacrante come te, che contro il mio sguardo da peccatore, rendi amaro ogni tentativo d’amarti costringendomi in una folle corsa, dove la tua compagnia pericolosa, vuol apparire come una vendetta.

 

13


Diciannove lacrime Le onde si muovevano, per danzare in mezzo a luci nere e quante piccole fiamme straniere, che illudevano una paura misteriosa, che distrusse tanti sorrisi in un istante, come quel silenzio, l’attimo prima, la frenata, l’impatto e l’addio.

Camminavo verso la mia sorte, senza pensare a tutti quei problemi, scordando l’inverno bruciato sull’avena, quando arrivò il maestoso fumo di lutto, che straripava in un torrente di emozioni, lasciando posto alla prima lacrima della luna.

Ormai è tardi, troppo inutile pregare, otto lacrime innocenti, otto lacrime soffocanti, pianto amaro per i peccatori, una lacrima per i santi, mantengo in bocca l’amara e più oscura disperazione, dove appena intravedo quel fiore nascosto dalla tua mano e sorpreso conteggi assorto quei diciannove petali d’amore, mentre una lacrima scende ancora per te, amico mio, Diego.

 

14


Anima ‘32 Innocenza persa nei germi fascisti, rinnovata dal sonnolente sospiro, così nonna Francesca viveva, con opaca e lieta tristezza, disperdeva il suo sorriso, eccola la fanciulla mai divenuta donna, che è stata tradita dal suo unico amore!

Lente gioie, mielose amiche invidiose, avide della sua gentilezza, inondavano tutta la sua vita, come le maree serali della Laguna e costretta a vivere, come innocente lavoratrice e testarda bugiarda, sei l’incarnazione dello spirito del mondo.

Carte, gatti e limoni, che ancora giacciono nel passato e poi rincorrono nel presente, come ogni soffice emozione, c’erano tutte le tue lacrime, il tuo dolore e la tua fatica, troppo insipide sono le parole della gente, che hanno trasformato il tuo corpo, così vecchio e stanco, spossato dalle ore, che ti negano ogni tuo piccolo desiderio, ma voglio davvero ringraziarti per quel calore, tu sei stata perdonata da qualsiasi tipo di errore, poiché sei stata anima sottomessa da poco amore.

 

15


Giovani morti Non sono ancora pieni i cimiteri, sepolcri vuoti d’ossa senza speranza, il loro cervello immerso in un tunnel, nero più del nero, nero più del carbone, dove amaramente lì osservavo da distante, magari annusando l’odore della loro pelle, che cadeva abbandonando ogni piccolo valore.

Non hanno mai vissuto veramente, erano preoccupati da un misero divertimento, che rumorosamente allontanava quella stella, emozione sciolta in ogni sentimento d’amore, così li rivedevo al mattino con una pallida tristezza, e molte volte fissavo la loro anima prima di morire.

 

16


In piedi, dinanzi a me, l’Impero della bestemmia domina il mondo e milioni di feretri senza credo, avidi spettri, lentamente danzano nel mare dei morti, che circonda quel suono del peccato, con ogni sua timida corrente.

Io mi salvo appena, confuso e infelice, senza abito perché indosso l’anima di pietra, sempre più distaccato da questo osceno fetore, colorato da un violaceo eco di piaceri, dove giovani morti si incontrano, prima di morire in un futuro libertino, prima di varcare un cielo nato senza stelle, dove cercano invano un giorno che non finirà.

 

17


La terza guerra mondiale

Preghiere, penitenze e digiuni svaniranno, come un Sole improvvisamente tinto di rosso, e si piangerà eternamente per la fame dei figli, come quella falsa pace che intrappolava il mondo, mentre l’astuto serviva Satana del regno finanziario, così senza allarmarvi e senza avvisarvi, riusciranno a esplodere il fungo atomico e chi vivrà vedrà una catastrofe perfetta.

Atroce luna spenta, dinanzi al cuore di ogni creatura danzerà, baciando il peccato, il sangue e la vendetta, nei terribili flagelli si scruta uno strano silenzio, oh quante anime morte, oh quanti spenti viventi, tutti saranno accartocciati una volta per tutte, nelle tenebre di un destino perverso e rovente.

 

18


Fuoco mai visto scenderà sulla terra, la collera divina scatenerà sette piaghe, che si placheranno in un mare di cenere, e molte nazioni dovranno scomparire dalle mappe, a causa del loro egoismo, tutto quel denaro rubato, perché armi micidiali stermineranno uomini innocenti, ma poi nessuna lacrima riuscirà a coprire quel lutto.

Non incolparmi figlio mio, mio dolce ed amatissimo futuro, se nascerai nel deserto della tragedia, in mezzo a questi vecchi empi polverizzati, come la loro ostinatezza così opulenta di peccati, siamo costretti a seminare questa immane disgrazia, per poi salvare tutte le anime giuste che nasceranno, fino a quando la paura e la fede, la gioia e il dolore, lasceranno immensi spazi grazie al sacrificio mondiale.

 

19


Calle dei Colori Il freddo, l’acqua alta, che imperversava, nei nostri momenti difficili, alternandosi in una calda primavera, dove l’amore illudeva ogni emozione, e così stretta stringe questa malinconia, che mi ricorda ancora una gioia spenta, ormai andata troppo lontana da me, ma pur sempre viva nel mio cuore.

Proprio laggiù, dopo una silenziosa infanzia, consumavo ogni mia passione, per te, in quel divano impolverato, durante una giornata assolata, durante l’assenza della lezione, così dimostravo tutto l’ardore, con quel mio bacio inaspettato, perché da sempre ti ho amato!

 

20


Quanto mi manca adesso, la piccola casetta in Calle dei Colori, come un vecchio miraggio tunisino, dal sapore marocchino e dal profumo egiziano, non posso dimenticare nulla, come la tua mano, fissavamo dalla finestra una Venezia senza volto, che risvegliava le nostre anime così giovani, in quel luogo così antico e strano, sorrido solo nel vederci ad abitare lì, per sempre lontano da tutto e tutti, sempre questo ci ripetevamo spesso, mentre lottavamo per vivere l’amore, che molte persone ci invidiavano, forse era lì il vero segreto, mia stella, eravamo davvero così felici con poco.

 

21


WINDY