Issuu on Google+

venerdì 7 febbraio 2014

Direttore responsabile Bruno Chiavazzo

Fanoinforma registrazione n. 10 del 22/10/2012 presso il Tribunale di Pesaro, proprietà Anteprima web s.r.l. - via Nolfi, 56 - 61032 Fano (PU) - Tel. 0721/831507 Fax 0721/837091, stampato a cura di Anteprima web s.r.l. - via Nolfi, 56 - 61032 Fano (PU) - Tel. 0721/831507 Fax 0721/837091.

www.fanoinforma.it

anno 3 - numero 23

Resta al suo posto FANO - Nessun ribaltone, si va avanti con Stefano Marchegiani alla guida della segreteria del Pd. Questo il risultato finale dell’assemblea comunale dei democratici di ieri che è durata fino a notte inoltrata. “Un forte invito a proseguire sulla strada intrapresa. Sono emersi un forte sostegno e una fiducia piena nei confronti del segretario, con unanime riconoscimento del lavoro che egli ha svolto in pochi mesi per la costruzione della coali-

zione”. Questo si legge in una nota diffusa dal Pd nella mattinata di oggi. Comunque, alcuni di quelli che hanno partecipato all’incontro riferiscono che Marchegiani ha ammesso la negatività del risultato ottenuto alle primarie, sottolineando il poco impegno di qualche dirigente del Pd che non ha fatto quanto avrebbe dovuto. Molto critiche le persone che fanno riferimento a Gianluca Ruscitti: da un lato hanno puntato il

dito contro la scelta iniziale legata all’individuazione di Marchegiani come candidato sindaco del partito, dall’altro hanno condannato pesantemente il gesto commesso da Enrico Tommasetti che ha cercato di contaminare il voto nel seggio di Marotta durante le primarie (Tomassetti si è dimesso dal partito). Anche Stefano Marchegiani, nonostante ci sia stato qualcuno che avrebbe cercato di far passare il

fatto in secondo piano, ha utilizzato parole molto dure per stigmatizzare il gesto. Non è intervenuto, ascoltando in silenzio tutti gli interventi l’ex sindaco di Fano Cesare Carnaroli. Quindi massima fiducia nei confronti di Stefano Marchegiani, anche perché nessuno avrebbe tratto dei vantaggi con un suo passo indietro. Compresi quelli che non hanno sostenuto il segretario alle primarie, visto che hanno interes-

“Il nuovo Pepe” a cura di Carlo Moscelli

fine di Tino Paganello e Federico Gogolone. Secondo Alex Fico Era l’ex compagno Luke of Stefanel by Marx (che chiede le dimissioni di Stefy Achille Marxegiani) dovrebbe andare in ritiro nell’Eremo di Montegiove. Secondo Luke of Stefanel by Marx, Stefy Achille Marxegiani dovrebbe andare in ritiro nell’Eremo di Fonte Avellana. Giancarlo Amianto scende in campo. Il centrodestra ed il centrosinistra speravano che scendesse in ….cantina.

Le primarie del Pd le ha vinte… Luke of Stefanel by Marx. Stefy Achille Marxegiani si consola con una mangiata di seppie, mentre

Sam “Che” Mascara ha il giusto numero di camicie rosse per andare a Marsala. Max Serius ha invece 4 mesi per prepararsi a fare la stessa

Qualcuno del centrodestra avrebbe voluto le primarie di coalizione. Forse avrebbe fatto meglio a chiedere le primizie a colazione… Se il candidato sindaco Daniel San

Chioni prendesse un voto per ogni lista della sua coalizione, potrebbe superare il 50% dei voti. Simo, la biondina della CGIL, si è tolta la mascarin, dicendo che i marchegiani fanesi del Pd non sono seri perché non hanno avuto gli occhi aguzzi ed hanno più distintivi agli ucchielli.   All’assessore Mauro Sciupa la chiusura delle buche va sempre buca Cammei del vecchio Pepe: É in corso un difficilissimo tentativo di fusione. Non quello fra Aset, Megas e Aspes, ma uno molto più difficile, quello fra il Tuttologo ed il Troccolone. Dovesse riuscire, il Tuttolone sarebbe «l’apice dell’abisso», come disse un ex consigliere regionale.

se che il Pd non imploda fino alle prossime amministrative affinché Seri possa trarre il massimo beneficio da tutta la coalizione. A proposito di Massimo Seri, Radio Londra riferisce che questa mattina si sarebbe visto con la delegazione di Luca Stefanelli per studiare l’opportunità di coinvolgere dentro la coalizione la lista del consigliere comunale di Ponte Sasso. Jacopo Frattini

Aguzzi sull’aeroporto: “Una forzatura di Omiccioli fine a se stessa” FANO - “I grillini non hanno fatto nessuno scoop, compiendo solo una forzatura”. Lo afferma il sindaco Stefano Aguzzi per rispondere alle accuse mosse dal grillino Hadar Omiccioli che ieri ha incolpato il Comune di Fano di essersi dimenticato di riscuotere il canone di affitto per venti anni dalla società aeroportuale “Fanum Fortunae”. “I grillini in parte hanno ragione - sostiene Aguzzi -, nel senso che è vero che il canone non veniva incassato ma ce ne stavamo già occupando. Qui ci troviamo di fronte ad una società di cui fa parte il Comune e non ad un privato, e c’è la possibilità di riquantificare quella cifra, che non è di chissà quale entità, come quota partecipativa del Comune all’interno della società. Se poi Hadar Omiccioli vuole chiudere l’aeroporto credo che lo debba dire pubblicamente piuttosto che fare forzature che non portano da nessuna parte”.


venerdì 7 febbraio 2014 anno 3 - numero 23

Fisioacqua, Maggioli: “Non possiamo farne a meno” Anche il sindaco Stefano Aguzzi è intervenuto sulla questione chiedendo un incontro alla proprietà. Non esistono in città altre strutture simili FANO - Sulla possibile chiusura di Fisioacqua sono intervenuti questa mattina il sindaco Stefano Aguzzi e il responsabile dell’Aisla Marche Marco Maggioli. Il primo ha fatto sapere di aver fissato un incontro con la proprietà per cercare di capire se ci sono margini per risolvere il problema. Il secondo ha sottolineato l’importanza della struttura e ha lanciato una appello a Regione e Provincia. “Parliamo di un centro di riabilitazione privato - dice Aguzzi - però molto utilizzato e per questo motivo voglio capire dalla proprietà quali sono le cause della chiusura per valutare insieme se c’è una soluzione alternativa”. Maggioli, che tra le altre cose da due anni utilizza la piscina di Fisioacqua per la sua riabilitazione, puntualizza: “Chi non ne ha la necessità non può capire quanto siano importanti questi centri e i fisioterapisti che ci lavorano. Le persone malate come me, ma anche tante altre che hanno patologie diverse, ricevono un beneficio enorme da queste riabilitazioni. Non esistono strutture analoghe

Sapere e potere all’Itc Battisti

nella nostra città, quella più vicina è a Senigallia ma deve già servire un bacino enorme di utenti. Credo che ogni malato abbia diritto a farsi curare nel migliore dei modi e credo anche che istituzioni come la Regione, o la Provincia, potrebbero intervenire in qualche modo

per risolvere il problema, anche se parliamo di un impianto privato. L’investimento per una struttura del genere non è fuori portata, parliamo di circa 100.000 euro, una cifra che la Regione può accollarsi senza grossi problemi. Io che frequento Fisioacqua vi posso garan-

FANO - Il 10 febbraio alle 18 nell’aula magna dell’istituto tecnico commerciale Battisti si svolgerà il terzo appuntamento del progetto “Sapere è potere. Conoscere per capire”, patrocinato dall’assessorato alle Politiche Culturali della provincia di Pesaro Urbino e organizzato dal Polo Scolastico 3 e dal Battisti. Il professore Alberto Marino, docente e ricercatore di Pe-

tire che le persone che la utilizzano per la riabilitazione entrano dentro malconce ed escono sane. Ringrazio il Comune di Fano per l’attenzione che ha subito dedicato al problema e l’interesse che rivolge alle situazioni delicate come questa”.

scara, autore del libro “Enrico Mattei deve morire! Il sogno senza risveglio di un Paese libero”, ricostruirà la vita di Mattei, soffermandosi con attenzione sull’episodio della morte. Il suo libro ha il merito di riproporre alla ribalta della memoria storica un uomo che non va dimenticato, un uomo che avrebbe potuto fare ancora molto per il proprio Paese.

Chef in the City “Cake Edition”, ora si fa sul serio

Al via i quarti di finale il 12, 13, 17 e 18 febbraio gli aspiranti pasticceri si sfideranno al Caffè Centrale, Bon Bon e L’Altro Caffè by Guerrino FANO - Le preselezioni sono finite e gli 8 aspiranti pasticceri sono pronti a darsi battaglia per aggiudicarsi il premio finale di 500 euro e il titolo di primo pasticcere amatoriale della città. Chef in the City - Cake Edition entra nel vivo della competizione. Mancano infatti solo 5 giorni all’inizio dei quarti di finale e la tensione, soprattutto tra i concorrenti, inizia a farsi sentire. Mercoledì 12 febbraio alle ore 20 al Caffè Centrale, si darà il via alla gara tra il commerciante Michele Orfei e la disoccupata Federica Lisi, che battaglieranno all’ultimo dolce per accedere alle semifinali. Il secondo quarto verrà disputato mercoledì 13 febbraio al Bon Bon, dove la praticante commercialista Lucia Vincenzi e l’impiegata Barbara Giorgi, diventeranno per una sera padrone del laboratorio della pasticceria e cercheranno di convincere i 3 giudici a suon di dolci. Le sfide continuano lunedì 17 febbraio, sempre al Bon Bon, dove la giovanissima studentessa Michela Mengarelli sfiderà l’avvocato Pamela Tripodi. La prima tranche delle fasi finali terminerà

martedì 18 febbraio a L’Altro Caffè by Guerrino e vedrà protagoniste la grafica Katia Bortoluzzi e l’insegnante Susanna Castagnaro. L’obiettivo principale di Chef in the City - Cake Edition, ossia cercare di riempire i locali fanesi in tempi di crisi, sembra essere stato

raggiunto. Le pasticcerie ospitanti sono state prese d’assalto dai tifosi degli aspiranti chef e dai curiosi, che in poche giorni hanno prenotato in massa un posto in giuria popolare. Nonostante il boom di richieste è comunque possibile ancora prenotare telefonando diretta-

mente ai locali. Al prezzo calmierato di 15 euro, verrà servito un abbondante aperitivo cena composto da un primo, finger food, torte salate, pizze farcite, fritti vari e ovviamente i due dolci in gara. Il tutto, sarà accompagnato dai vini della cantina Conti di Buscareto.

www.fanoinforma.it


Fanoinforma n. 23 - 7 febbraio 2014