Issuu on Google+

-10%

-10%

martedì 5 marzo 2013

Direttore responsabile Bruno Chiavazzo

Fanoinforma registrazione n. 10 del 22/10/2012 presso il Tribunale di Pesaro, proprietà Anteprima web s.r.l. - via Nolfi, 56 - 61032 Fano (PU) - Tel. 0721/831507 Fax 0721/837091, stampato a cura di Anteprima web s.r.l. - via Nolfi, 56 - 61032 Fano (PU) - Tel. 0721/831507 Fax 0721/837091.

Numero Verde gratuito

800 56 60 40

* sulla quota energia

800 56 60 40

* sulla quota energia

Numero Verde gratuito

*

sulle bollette di Luce e Gas

*

sulle bollette di Luce e Gas

www.fanoinforma.it

anno 2 - numero 47

Senza scuola

FANO - Tre scuole medie sufficienti ad accogliere tutti gli alunni ma non abbastanza per rispondere alle esigenze degli studenti e dei loro genitori. È quanto sta accadendo dopo il termine di chiusura delle iscrizioni del 28 febbraio scorso, una situazione che ha provocato la protesta di alcune famiglie le cui richieste sugli istituti di destinazione non sono state evase. In sostanza ci sono 36 studenti che non sono in possesso dei requisiti per potersi scegliere la scuola media che vogliono frequentare e che saranno costretti a sperare

nel buon esito di un sorteggio. I 36, infatti, vorrebbero frequentare la Nuti ma in questo istituto sono solo 16 i posti a disposizione e così gli altri 20 saranno costretti ad andare alla Padalino anche in virtù del fatto che la Gandiglio ha già riempito tutte le sue classi. Alcuni di questi genitori, indignati per tale situazione, tengono a precisare quelli che sono secondo loro i motivi di questa “ingiustizia”. “Nel comune di Fano - affermano - non tutti hanno l’opportunità di scegliere liberamente la scuola che ritengono più opportuna al percorso formativo dei propri figli.

La maggior parte di loro provengono dalle scuole primarie della direzione didattica di Sant’Orso e sono residenti per lo più a Bellocchi, Cuccurano e Carrara dove manca una scuola di riferimento che assicuri una continuità didattica. In questi 5 anni - proseguono i genitori - pur conoscendo la situazione nel dettaglio, i nostri amministratori non hanno avuto il coraggio e la capacità di assumersi le proprie responsabilità nel ripartire equamente il territorio comunale fra le scuole presenti”. Sul sorteggio di domani mattina

interviene il preside dell’istituto Matteo Nuti, Edoardo Urani, il quale “con enorme dispiacere” ha confermato tale criterio di selezione come estrema ratio: “Per me è un colpo al cuore essere arrivati a tal punto ma con i 16 studenti che saranno selezionati domani saremo al completo. Non dobbiamo però pensare che i 20 ragazzi che saranno alla fine inseriti alla Padalino, perchè la Gandiglio ha già completato le sue 9 classi, avranno un’offerta formativa di minor livello”. La Padalino dunque è l’unica delle tre medie che ha completa-

Staminali: il bimbo fanese attende nuovo parere I genitori del piccolo pronti ad effettuare un sit-in di protesta all’interno del tribunale FANO - “Un collegio di giudici si di intesa da parte di qualche funriunirà per cercare di rivedere la zionario, che però non è arrivato. nostra vicenda”. Questo è il risul- “Siamo rimasti in Tribunale tutto tato ottenuto dalla il giorno - racconta protesta che Tiziail padre del bambino na e Vito hanno per la Un collegio di -,vitaa protestare fatto nella giornadi nostro figlio ta di ieri dentro il nessuno ci ha dato giudici si riunirà eudienza. Tribunale di Pesaro, contro la deciSono riuscito a consione del giudice per rivedere il caso vincere mia moglie di proibire l’utia tornare a casa solo del piccolo lizzo delle cellule a serata inoltrata, staminali del mequando ormai gli uftodo Vannoni, sefici stavano chiudencondo i genitori, unica possibilità do e non c’era più niente da dire e di vita per il loro bambino di 26 da fare. mesi colpito dal morbo di Krabbe. Questa mattina però, dopo aver La coppia di Fano, che ha occupa- presentato ricorso, abbiamo otteto civilmente l’atrio della struttu- nuto una riunione di un collegio di ra di giustizia pesarese, è rimasta giudici che riprenderanno la nostra fino a tarda serata in attesa del vicenda per cercare di rivederla e giudice, ma anche solo di un gesto rivalutarla. Per quanto riguarda

i tempi, ci hanno assicurato che faranno tutto il più velocemente possibile”. La coppia chiede una revisione della suddetta procedura che già in data 6 febbraio era stata approvata d’urgenza, per poi essere bloccata nella giornata di ieri: “Anche se le richieste che abbiamo inoltrato non verranno ascoltate noi non ci fermeremo. Abbiamo già fatto domanda al presidente del Tribunale di Pesaro e al procuratore della Repubblica per autorizzarci ad effettuare un sit-in venerdì 8 marzo all’interno della struttura di giustizia. Chiunque voglia unirsi alla nostra causa e darci una mano in questa terribile situazione può farlo presentandosi venerdì in Tribunale”. Stefano Orciani

to sei classi ma ne ha ancora 4 a disposizione. Per quale motivo? A rispondere è il preside Pierluigi Addarii: “Sono qui a Fano da poco tempo ma il sentore che ho avuto in questo breve periodo, è che alcuni genitori abbiano il timore che questo istituto possa essere chiuso e quindi non possa essere garantita la continuità didattica, quando invece da parte dell’amministrazione ci sono state rassicurazioni a riguardo. Noi comunque continuiamo a lavorare per cercare di proporre una buona offerta formativa”. Alessandro Bianchi

Sant’Orso nel mirino dei ladri FANO - Raffica di furti questa notte nel quartiere di Sant’Orso. Le case svaligiate dai ladri sono state tre, rispettivamente in via Savonarola, via Pacinoti e via Guiducci: abitazioni distanti poche centinaia di metri l’una dall’altra. In tutti e tre i casi nessuno si è reso conto di nulla durante la notte, tant’è che i residenti hanno scoperto di essere stati derubati solo questa mattina al risveglio. I malviventi si sono introdotti all’interno delle abitazioni forzando gli ingressi e hanno sottratto oggetti di valore come oro e preziosi di vario tipo nel più assoluto silenzio favoriti dall’oscurità. Sul caso stanno indagando gli agenti del commissariato di Fano, dopo la denuncia fatta dai proprietari.


martedì 5 marzo 2013 anno 2 - numero 47

Carnaroli: “Il Pd è da rifondare”

www.fanoinforma.it

L’ex sindaco avverte che per individuare il candidato sindaco del centrosinistra ci saranno le primarie

FANO - “Dopo l’analisi occorre ragionare su quali saranno gli obiettivi, iniziando a stabilire il programma e un piano di lavoro condiviso”. Cesare Carnaroli analizza il risultato elettorale, sollecitando il Partito Democratico a muoversi in vista delle prossime amministrative. Il primo attacco dell’ex sindaco di Fano è rivolto a Matteo Ricci, presidente della Provincia, che avrebbe avuto un “atteggiamento opportunista”. “E’ da stolti non cambiare mai idea dice - ma cambiarla troppo spesso in politica si chiama trasformismo. E cambiarla rapidamente come ha fatto il presidente della Provincia che, a poche ore dal risultato elettorale, è passato da coordinatore regionale di Bersani a sostenitore di Renzi è opportunismo e basta. Insieme ad altri ha tentato di salvarsi dalla pesante sconfitta elettorale del Pd marchigiano e della provincia di Pesaro e Urbino scaricando, maldestramente, tutte le responsabilità sul segretario nazionale”. Poi l’affondo verso Ucchielli e il suo modo di governare: “Purtroppo le Marche e la provincia di Pesaro e Urbino, dopo la Liguria, hanno dato i migliori risultati alle liste di Grillo ed è difficile negare una specificità tutta marchigiana a carico di quel gruppo dirigente che ha determinato la politica del centro-sinistra negli ultimi 15 anni. Una politica

Il sindaco incontra i lavoratori precari dell’Aset

Per contattare la redazione di tutta intesa a costruire alleanze tra partiti (vedi modello Marche) senza mai affrontare i problemi veri di questo territorio. Non ho visto una strategia per far fronte alla perdita del 70% della cantieristica da diporto, blocco totale dell’edilizia. Mai un’idea, un pensiero forte verso il futuro se non la ‘bucolica’ Provincia felice”. Carnaroli poi si sposta sulla politica fanese illustrando quali dovrebbero essere le prossime mosse del

Pd con l’obiettivo di farsi trovare pronti alle prossime amministrative. “Il dato evidente è che il Pd e il Pdl siano usciti ridimensionati dopo questa tornata elettorale. Quello che mi stupisce è che il partito di Berlusconi abbia avuto un risultato in controtendenza rispetto alle statistiche nazionali. Ad oggi il Pdl locale non può fare a meno dell’alleanza con La Tua Fano se vuole avere qualche chance di vit-

FANO - In vista delle rimostranze annunciate dai dipendenti precari dell’Aset Spa, a scadenza di contratto, il sindaco Stefano Aguzzi, rinnova la disponibilità ad incontrarli domani mattina nella sede municipale, insieme alle rappresentanze sindacali. Il primo cittadino tuttavia anticipa “l’impegno a garantire l’inserimento nel bando con cui verrà affidato il servizio di raccolta differenziata ad una nuova ditta, la clausola

toria”. Poi un chiaro messaggio a tutti i candidati sindaci in pectore del centrosinistra. “In quest’ultimo periodo ho sentito molti esponenti politici candidarsi a rappresentare il centro sinistra alle prossime amministrative. Sia chiaro che tutti dovranno misurarsi con le primarie. Solo in questo modo dimostreremo che c’è la volontà di cambiare veramente le cose”. Jacopo Frattini

sociale dell’obbligo di inserire, per tutto il periodo dell’appalto, i lavoratori già impegnati in tale servizio. In questa maniera si agirà su due livelli: da una parte garantire il diritto al lavoro a tutto il personale attualmente impiegato e dall’altra consentire una funzionalità del servizio di raccolta differenziata che potrà contare sull’esperienza maturata dal personale in questi anni”.

In vendita 5,6 milioni di immobili

Che fine ha fatto la sirena del campanile Tra i beni alienabili anche appartamenti, comparti direzionali e commerciali di piazza XX Settembre? FANO - Un comparto direzionale e commerciale nella zona ex zuccherificio, un appartamento con posto auto al Residence Frusaglia, una cava e 11 terreni agricoli. Sono solo alcune delle tipologie presenti nel primo stralcio per l’alienazione di immobili comunali pubblicato oggi dall’assessorato al Patrimonio di Fano. “In totale - spiega l’assessore Alberto Santorelli - gli immobili proposti raggiungono un valore di 5,6 milioni di euro. In tempi di patto di stabilità sempre più stringente l’alienazione del patrimonio pubblico, che non rappresenta una rendita significativa per le casse comunali, è l’unica strada per consentire all’amministrazione comunale di

realizzare la manutenzione straordinaria sulle strade e opere pubbliche”. Tra le voci indicate nel bando spicca il comparto direzionale e commerciale “Ex-zuccherificio” da 3,8 milioni di euro, una “concessione con diritto di detenzione e coltivazione, un cava dal valore di 1,1 milioni di euro, un appartamento da circa 60 mq nel Residence Frusaglia da 203mila euro, due terreni agricoli con fabbricati o porzione di fabbricati nelle zone Tombaccia e Rosciano e 11 terreni agricoli, con valori stimati tra i 200mila e i 2500 euro, posizionati a Tombaccia, Villa del Balì, Caminate, Ferriano, Bellocchi e Fenile. I bandi scadranno il prossimo 4 aprile. Info: 0721.887640.

FANO - Tutti coloro che nella giornata di oggi si sono recati in centro storico avranno sicuramente notato uno strano silenzio. L’orologio di piazza XX Settembre, che solitamente scandisce tutti i quarti d’ora, è infatti rimasto muto tutto il giorno. Un po’ quello che è successo agli amministratori e dipendenti comunali quando abbiamo chiesto loro il perchè dell’assenza del segnale sonoro. L’unico impegno che hanno mostrato di fronte alla nostra richiesta è stato quello di scaricare la comp etenza da un ufficio all’altro. Il campanile rischia di fare la stessa fine del nautofono. s.o.

Fanoinforma invia una mail a redazione@fanoinforma.it o chiama il numero 0721 803497 Per la tua pubblicità su Fanoinforma telefona al numero 0721 803497


Fanoinforma n. 47 - 5 marzo 2013