Page 1

-10%

-10%

Direttore responsabile: Bruno Chiavazzo

giovedì 31 gennaio 2013

Fanoinforma registrazione n. 10 del 22/10/2012 presso il Tribunale di Pesaro, proprietà Anteprima web s.r.l. - via Nolfi, 56 - 61032 Fano (PU) - Tel. 0721/831507 Fax 0721/837091, stampato a cura di Anteprima web s.r.l. - via Nolfi, 56 - 61032 Fano (PU) - Tel. 0721/831507 Fax 0721/837091.

anno 2 - numero 21

Numero Verde gratuito

800 56 60 40

* sulla quota energia

800 56 60 40

* sulla quota energia

Numero Verde gratuito

*

sulle bollette di Luce e Gas

*

sulle bollette di Luce e Gas

www.fanoinforma.it

Lavori a metà FANO - “I lavori di rifacimento della pavimentazione del marciapiede di via Cavallotti che partono dal cavalcaferrovia terminano, andando in direzione sud, proprio prima delle attività commerciali. Fare meno di 100 metri di asfalto in più costava davvero così tanto?” È questo lo sfogo di una cittadina fanese che ci ha inviato alcuni scatti sulla situazione disastrata di quell’ultimo tratto di banchina

Sorcinelli: “È ora di fare un’inversione di marcia” FANO - L’aggressione a scopo di rapina ad una donna a Fossombrone, preceduta da un’analoga violenza ai danni di una gioielliera a Fano, ha scatenato l’immediato intervento del segretario provinciale de “La Destra”, Federico Sorcinelli che afferma: “È evidente che la situazione si sta deteriorando, perché cresce il numero dei malviventi, spesso d’importazione, insieme alla loro brutalità. Sia per quanto riguarda la sicurezza, sia per il lavoro, deve essere chiaro che se si vuole modificare qualche cosa occorre cambiare registro, perché chi ha governato l’Italia fin qui ha fatto ben poco. È ora di fare un’inversione di marcia e di far capire a questi signori che vogliono vivere di malaffare che, per il loro bene, è meglio che tornino a casa loro”.

stradale. Le problematiche che ci sono state segnalate dalla nostra lettrice sono più che condivisibili. A queste si aggiungo le denunce di altri utenti che hanno addirittura parlato di un marciapiede con la “lebbra”, riferendosi alle grosse toppe messe per ricoprire le numerose buche. La nostra lettrice ci ha inoltre posto alcuni quesiti e considerazioni: “Dalle foto forse non rende però il cammino è ancor

più disagevole soprattutto per gli anziani o le carrozzine di disabili e bambini. Poi, indipendentemente da questo, perchè dovremmo accettare una simile bruttura sotto le mura del Sangallo, vicino alla stazione e al centro, dove i tanto desiderati turisti ricevono scendendo dal treno la loro prima impressione della città?”. Per cercare di dare una risposta

sulla scelta fatta e sul proseguire dei lavori, abbiamo rigirato la questione all’assessore ai Lavori Pubblici Riccardo Severi. “Lo scorso anno - afferma Severi a causa del taglio dei fondi, è stato possibile asfaltare solo un primo tratto nel quale i lavori iniziati a ottobre stanno per terminare. Per quanto riguarda la seconda parte ho già inoltrato una richiesta affinché anche questa possa essere

inserita. Ora sarà necessario trovare i fondi che servono per completare l’opera, circa 50-60 mila euro”. E proprio questa mattina il sindaco Stefano Aguzzi ha annunciato di aver effettuato una serie di sopralluoghi in giro per la città. Chissà se si è recato anche a visionare l’incompiuta di via Cavallotti? Alessandro Bianchi

L’altra faccia dei “parcheggiatori” abusivi Un commerciante racconta come alcuni extracomunitari incassino anche più di 200 euro al giorno

FANO - Ieri abbiamo pubblicato la storia di alcuni extracomunitari che “lavorano” nei parcheggi della città e che in cambio di qualche spicciolo o dell’acquisto

di qualche oggetto, aiutano l’automobilista di turno a parcheggiare. Dal racconto di questi ragazzi era emerso un mondo di povertà e costrizioni ma c’è anche chi, invece,

ritiene che le cose non stiano proprio in questo modo. “Per carità, ci saranno anche dei casi borderline - racconta un esercente che ha l’attività proprio a ridosso di uno

dei parcheggi in cui ‘operano’ gli extracomunitari - ma ci sono anche alcuni di questi ragazzi che si mettono in tasca quasi stipendi interi. Dico questo perchè capita spesso che vengano da me per chiedermi se gli cambio le monete in banconote e ci sono giorni in cui questo avviene anche tre o quattro volte con medie di 80 euro a cambio. Questo significa che nelle giornate migliori, quelle delle grandi affluenze e tempo clemente, i ‘parcheggiatori’ riescono ad incassare anche più di 200 euro in un solo giorno”. Il commerciante ha comunque il sospetto che parte della somma non rimanga nelle tasche degli extracomunitari. “Ogni tanto i loro visi cambiano come se ci fossero delle rotazioni programmate. Questo mi fa pensare che dietro a loro ci sia una organizzazione ben pianificata”.

AZIENDA LEADER NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI CERCA OPERATORI DI TELESELLING PER CALL CENTER CON SEDE A FANO Requisiti minimi: buona dialettica, predisposizione al lavoro in team, carattere estroverso e dinamico Per informazioni e colloqui tel. 0721 831507


giovedì 31 gennaio 2013 anno 2 - numero 21

Derivati: Minardi si tutela e Domenicucci si difende

www.fanoinforma.it FANO - Mentre l’assessore Renato Claudio Minardi minaccia querele e definisce “irresponsabili e non veritiere” le dichiarazioni del consigliere provinciale Pdl Mattia Tarsi sulla questione derivati, interviene il direttore generale Marco Domenicucci. “La vicenda risale a 10 anni fa, è stata più volte spiegata e chiarita in tutte le sedi e chi fa polemiche, riferendosi ora al caso Montepaschi

Siena, strumentalizza. L’operazione, relativa alla gestione del debito, è stata attuata da molti altri enti locali e amministrazioni nonché dal ministero dell’Economia e delle Finanze. I contratti sono stati sottoscritti per tutelarci dall’aumento dei tassi d’interesse, con l’inserimento di un tetto massimo. Quindi l’operazione è servita a darci certezza sui costi variabili degli interessi”.

Derivati, il Pdl fanese non molla la presa Il consigliere provinciale Mattia Tarsi non si lascia intimorire dalla minaccia di querele FANO - “Perchè di fronte a una legittima interpellanza sui derivati finanziari da parte dell’opposizione prevista dalla Costituzione Italiana, la Provincia minaccia querele? Per che cosa? Per aver chiesto chiarimenti? “ Se lo chiede il consigliere provinciale del Pdl Mattia Tarsi che ritorna così sul caso dei derivati sottoscritti dalla Provincia. “I cittadini hanno diritto di sapere con chiarezza e con trasparenza come sono stati spesi i soldi di tutti. La cifra di 2.000.000 euro per costi aggiuntivi per interessi sui derivati, è stata fornita dagli stessi uffici della Provincia, noi non l’ abbiamo inventata. La cifra di solo 200.000 mila euro di perdita di quest’anno come dichiarato dalla stessa Provincia, se moltiplicata per dieci fa 2.000.000 di euro. Il contratto con Nomura è stato stipulato il 16/12/2004 con un importo iniziale di 28.373.866,66 euro alla data del 31/12/2011 il debito ancora da risarcire ammontava a 20.727.114 euro. Il contratto è stato realizzato come rinegoziazione dei mutui della cassa depositi e prestiti. Quello che ci si chiede è perché siano stati rinegoziati dei mutui estendendo la scadenza al 2030? Quello che si vuole eviden-

ziare è che si è spostato un debito dal presente, allora 2004 ed esteso fino al 2030. Poi c’è l’altro deri-

vato stipulato con Dexia Crediop il 21/12/2005 per un importo nozionale iniziale di 19.201.082 il

cui debito residuo al 31/12/2011 risultava di € 16.008.039. Il tasso minimo variabile pagato è pari al 3.97%. Quanto è invece il tasso di interesse pagato per gli altri mutui a tasso variabile della Provincia? L’ente motiva ufficialmente che il contratto è stato stipulato con lo scopo di garantire l’eventuale aumento di tassi di interesse ed infatti, il contratto prevede un tetto massimo di 6.99%. A questo punto c’è da chiedersi se la Provincia conosceva il trattato di Maastricht stipulato nel 1990 che imponeva 4 punti fondamentali per introdurre la moneta unica nel 2002 e quindi ancora piu’ validi per mantenerla. Tra i parametri era previsto che il tasso di interesse a lungo termine non fosse superiore al 2% del tasso medio dei tre paesi piu’ virtuosi. C’è da chiedersi se le condizioni contrattuali, assolutamente nella piu’ completa legittimità del contratto, sono state piu’ vantaggiose economicamente per la Provincia o per Nomura e Dexia Crediop? Quest’ultimi, esperti di finanza, avrebbero stipulato un contratto del genere se non ci avessero guadagnato?”.

Per contattare la redazione di Fanoinforma invia una mail a redazione@fanoinforma.it o chiama il numero 0721 803497 Per la tua pubblicità su Fanoinforma telefona al numero

“Con la Meloni cortesia istituzionale”

0721 803497

Il sindaco Stefano Aguzzi nega che ci sia un legame politico con il partito Fratelli d’Italia FANO - Secondo alcuni il sindaco Stefano Aguzzi avrebbe più di una simpatia, dal punto di vista politico, per il partito Fratelli d’Italia e per questo ieri l’incontro con l’onorevole Giorgia Meloni, che è avvenuto nell’ufficio del primo cittadino, ha destato più di un sospetto. Del resto quando l’onorevole ex pidiellina ieri mattina è arrivata a Fano, la prima a salutarla è stata proprio la moglie del sindaco Stefano Aguzzi e tra il pubblico ad ascoltare il mini comizio della candidata alla Camera per Fratelli d’Italia, c’era anche una folta rappresentanza de La Tua Fano, la lista civica del sindaco. Insomma, i “rumor” su un possibile ammiccamento di Aguzzi verso il nuovo partito della Meloni non

sarebbero poi così improbabili ma oggi lo stesso sindaco ci ha tenuto a sottolineare che “si è trattato di un incontro che rientra nella sfera istituzionale, un ruolo di benvenuto che spetta ad un sindaco senza distinzioni o appartenenze politiche. Così come, negli anni passati, ho sempre fatto, si ricordi l’incontro con l’onorevole Veltroni. In questo momento di campagna elettorale la nostra città sarà una della tante mete che esponenti politici nazionali sceglieranno per incontrare candidati locali e cittadini. Sarò ben lieto di ricevere chiunque ne faccia richiesta, sia per dare il benvenuto nella nostra città sia per ascoltare programmi e progetti politici. Non sono certo questi incontri

istituzionali a rappresentare una mia personale e specifica appartenenza politica, faccio parte di una lista civica ed anche in questa occasione mi atterrò alla sua filosofia. Faccio parte di una maggioran-

za di largo respiro - ha concluso il sindaco Aguzzi - che mi consentirà di scegliere in una vasta pluralità a chi dare il mio voto che ovviamente sarà orientato ad una forza politica facente parte della stessa”.

+ + + +

risparmio sulle bollette di luce e gas riferito alla quota energia della tua ultima bolletta

servizio di consulenza dedicato servizio dedicato alle problematiche, sempre a disposizione

assistenza immediata e gratuita consulenza e assistenza di un operatore per ogni esigenza

gestione fatture e pagamenti online possibilità di gestire fatture, pagamenti, visionare i consumi e risolvere le problematiche online

*

numero verde 800-56 60 40 * riferito alla quota energia della tua ultima bolletta

Fanoinforma n. 21 - 31 gennaio 2013  

Fanoinforma n. 21 - 31 gennaio 2013

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you