Issuu on Google+

-10%

-10%

Direttore responsabile Bruno Chiavazzo

giovedì 27 marzo 2014

Fanoinforma registrazione n. 10 del 22/10/2012 presso il Tribunale di Pesaro, proprietà Anteprima web s.r.l. - via Nolfi, 56 - 61032 Fano (PU) - Tel. 0721/831507 Fax 0721/837091, stampato a cura di Anteprima web s.r.l. - via Nolfi, 56 - 61032 Fano (PU) - Tel. 0721/831507 Fax 0721/837091.

Numero Verde gratuito

800 56 60 40

* sulla quota energia

800 56 60 40

* sulla quota energia

Numero Verde gratuito

*

sulle bollette di Luce e Gas

*

sulle bollette di Luce e Gas

www.fanoinforma.it

anno 3 - numero 57

“Non ho cacciato nessuno”

FANO - Non accettano “sermoni” da Federico Valentini e dichiarano che Luca Stefanelli non è stato cacciato dal partito, ma ha fatto tutto da solo. Renato Claudio Minardi e Stefano Marchegiani non accettano le critiche che hanno subito dai due ex esponenti democratici e danno le loro versioni dei fatti. “Va detto - esordisce Renato Minardi - che Stefanelli non è stato cacciato. Ha fatto un film, una sceneggiatura, ha scritto i testi e si è messo come attore protagonista.

Purtroppo per lui, la pellicola non è mai andata in onda. Insomma, ha fatto tutto da solo. Ricordo solo io che quando è uscito dal partito ha strappato la tessera davanti ai giornalisti?” . Minardi entra poi duro su Federico Valentini. “E’ abituato ad avere ruoli importanti, e ben remunerati ,nelle banche e nelle società pubbliche. Nel 2009 ha avuto una grande occasione quando si è candidato a sindaco. Occasione che non solo non ha sfruttato, ma che

ha giocato male portando il centrosinistra ai minimi storici. Non è più nemmeno iscritto al partito da anni, farebbe bene a scendere dal pulpito dal quale fa sermoni”. Minardi poi aggiunge. “Quando organizzavamo le feste per il partito, Federico Valentini non l’ho mai visto lavorare insieme agli altri”. Il segretario Marchegiani invita Stefanelli “a non riportare notizie che non corrispondo alla verità”: “Il partito Socialista non ha fatto nessuna offerta a Luca Stefanelli.

L’assemblea del Pd, Massimo Seri e Samuele Mascarin sono stati chiari nel rimarcare l’impossibilità di farlo tornare nel centrosinistra”. A proposito della lettera che sarebbe stata invita dal circolo di Ponte Sasso e Marotta a Marchegiani per chiedere il “reintegro” di Stefanelli, lo stesso segretario spiega: “Quella lettera non rappresentava il circolo, ma solo persone vicine a Stefanelli. Tra l’altro io mi sono sentito con Matteo Donati, uno dei firmatari, per spiegargli la no-

Omiccioli: “Se andiamo al ballottaggio, vinciamo le elezioni”

stra decisione. Se qualcuno avesse dubbi sono pronto a mostrare il messaggio salvato sul mio cellulare”. Marchegiani replica poi alle parole di Federico Valentini. “Con che coerenza dice che l’unico candidato che può vincere è Mirco Carloni? Federico Valentini di che sinistra parla? Gli elettori fanesi sanno distinguere gli imbrogli e i falsi miti. Noi vogliamo vincere le elezioni e tornare a governare la città”. Jacopo Frattini

Il candidato 5 stelle è “sicuro della nostra forza” e crede che domani Giuliano Marino non approverà al delibera relativa alla fusione delle due Aset

Uguccioni: “Vi spiego perchè appoggio Carloni”

FANO - Hadar Omiccioli è convinto che, se andrà al ballottaggio, vincerà le prossime amministrative di maggio. Se gli si chiede chi teme di più tra i candidati, Omiccioli risponde “nessuno” visto che, a suo avviso, la gente “è stanca delle bugie e dell’inaffidabilità dei partiti”. Omiccioli, ma voi non avevate detto che non vi sareste apparentati con nessuno? “Si riferisce all’unione con Bene Comune?”. Esatto. “Noi abbiamo sempre detto che non avremmo avuto punti di contatto con partiti o associazioni politiche. Non di certo con le liste civiche, come Bene Comune, con cui in questi anni abbiamo sempre collaborato. Lo prevede anche il nostro regolamento interno”. In molti dicono che voi e Seri avete molte probabilità di andare al ballottaggio... “Se Fano a 5 stelle andasse al bal-

FANO - Mirco Carloni ha portato a casa un importante appoggio, quello di Fabio Uguccioni (e alla lista civica “Fano Popolare”) da sempre attento alle tematiche del sociale. “Alle primarie - afferma Uguccioni - ho votato Seri, ma poi ci sono state situazioni che mi hanno fatto cambiare idea.Tra queste la scelta del Pd di entrare nel Partito socialista europeo. Carloni è stato l’unico che ha parlato di solidarietà e sussidiarietà, dimostrando di rompere con gli ultimi 5 anni della giunta Aguzzi che, a mio avviso, sono stati negativi. Il centrosinistra è accecato dalla volontà di tornare a governare senza avere le argomentazioni e i valori condivisi come base. Secondo me, al primo problema, si sgretolerà”. Fabio Uguccioni infine spiega: “La politica deve andare oltre le lotte e le contese tra le persone, tornando a governare i processi”.

lottaggio vincerebbe le elezioni. Di questo sono convinto, perché la gente è stanca delle bugie e delle promesse mancate dei partiti”. E se invece non andaste nemmeno al ballottaggio, chi appoggereste? “I nostri elettori saranno liberi di muoversi come meglio credono. Non daremo indirizzi e non faremo imposizioni di nessun genere” Domani Marino deve scegliere se approvare la fusione delle due Aset oppure no. Secondo lei cosa succederà? “Per me la Holding domani non delibera. Ci sono ancora troppi punti oscuri che, secondo il mio avviso, impediscono la convalida della delibera”. Chi teme di più tra i candidati? “Sono convinto della nostra forza, quello che fanno gli altri mi interessa fino ad un certo punto”. Prima cosa che farebbe se diventasse sindaco? “Una tavola rotonda con gli im-

prenditori, le associazioni e le banche per far ripartire l’edilizia secondo l’ottica del risparmio energetico. Altro punto fermo sarà

il bilancio partecipativo e più trasparenza negli atti pubblici”. Jacopo Frattini


giovedì 27 marzo 2014 anno 3 - numero 57

Approvato il nuovo regolamento sulle antenne

www.fanoinforma.it

Quelle del Mancini e dell’ex mattatoio potrebbero essere spostate vicino all’aeroporto. Serfilippi: “Un impegno rispettato su una tematica delicata” FANO - Assicurare il corretto insediamento degli impianti di telecomunicazione garantendo ai gestori la copertura di servizio, minimizzare l’esposizione dei cittadini ai campi elettromagnetici, promuovere l’adozione di nuove tecnologie per contenere le emissioni e ridurre l’impatto delle strutture. Questi gli obiettivi del nuovo regolamento per l’installazione e l’esercizio degli impianti di telecomunicazioni e radiodiffusione, approvato dal consiglio comunale ieri sera e in vigore da settembre. “È un documento molto importante - ha sottolineato l’assessore all’Ambiente Luca Serfilippi - perché migliora la programmazione degli impianti e la sicurezza dei cittadini”. Diverse le novità previste. Si parte da un “piano antenne” triennale per gli impianti di telefonia mobile che permetterà la programmazione degli interventi insieme ai gestori ma anche ai comitati e alle associazioni cittadine. Si prosegue con l’inserimento di criteri per la localizzazione delle apparecchiature di bassa potenza e la mappatura dei siti più idonei per antenne radio e tv. Sarà inoltre previsto un canone fisso al Comune che dovrà essere reinvestito

J’Arvans fanno rivivere la Fano degli anni ‘50

per finalità di interesse pubblico come l’educazione ambientale. Le novità si concludono con l’obiettivo di incentivare il “co-siting”, ovvero più gestori allestiranno le proprie antenne in unico luogo. Ciò permetterà ad ogni operatore di diminuire, in percentuale, la sua quota canone e al Comune di diminuire il numero di siti. Serfilippi ha poi parlato dei due impianti più “discussi”: quello all’interno del-

lo stadio Mancini e quello all’ex mattatoio. “Nonostante, ad ogni rilevazione, abbiamo constatato che rispettano ampiamente i limiti di legge e di sicurezza - tiene a precisare l’assessore all’Ambiente - queste due strutture potrebbero essere delocalizzate. È stato infatti individuato un sito vicino all’aeroporto, più lontano dalle case, che potrebbe soddisfare le necessità dei gestori. Ho richiesto all’ufficio

FANO - Lunedì 31 marzo con repliche l’1 e il 2 aprile, al Politeama, ore 21,15 il gruppo J’Arvans porterà in scena “Una botta de...”, commedia diretta da Glauco Faroni. Una vicenda che ci riporta alla Fano dei primi anni ‘50, ancora non completamente uscita dalla crisi del secondo conflitto mondiale.  Due genitori (Giorgio Falcioni e Raffaellla Cesarotti), nonostante le difficoltà economiche, si prendono in casa un orfanello (Lorenzo Uguccioni) e cercano di “tirare a campare” sperando in “una botta de...” che possa risolvere i loro problemi. L’occasione si

Ambiente di avviare le verifiche tecniche necessarie”. Serfilippi ha poi voluto ricordare come l’azione di monitoraggio dei siti sia stata constante: “Grazie all’Arpam, tutti gli anni abbiamo controllato gli impianti esistenti pubblicando i risultati su internet e siamo andati gratuitamente nelle case di chi aveva delle preoccupazioni a riguardo”. Alessandro Bianchi

presenta quando un avvocato (Luciano Tarsi), prospetta l’adozione di una ragazza (Arianna Faroni) senza genitori, che però deve imparentarsi con una famiglia “bene”. Quando il colpo sembra fatto avviene la morte del fratello del capofamiglia, emigrato, che lascia un’eredità. Il Notaio (Filippo Scrosta) comunica la notizia ma l’affare sarà più complicato del previsto. A fare da contorno alla vicenda i vicini di casa ( Simonetta Fragassi e Giovanni Tomasetta), la servetta (Natalia Uguccioni) e il medico (Riccardo Donatelli).

Maltempo, due incidenti nella mattina a causa delle strade sdrucciolevoli Il primo scontro in strada della Selva, ferito un 68enne del posto, il secondo incidente è avvenuto invece a pochi metri dal Ponte Metauro FANO - Doppio incidente nella mattina a causa dell’asfalto sdrucciolevole. Il primo in ordine di tempo, è stato intorno alle 10 in Strada della Selva. Una giovane 24enne fanese, M. C. le sue iniziali, ha perso il controllo della sua Opel Corsa e ha invaso la corsia opposta. In quel momento dall’altro lato stava sopraggiungendo D.V., 68enne del posto, a bordo della sua Fiat Panda. Lo schianto frontale è stato inevitabile, quanto violento. Nonostante la parte anteriore delle due auto sia andata distrutta, sono state lievi le conseguenze per i due automobilisti. La giovane se l’è cavata con qualche contusione e con un grande spavento mentre per l’uomo è stato necessario il ricovero in ospedale per accertamenti anche se le sue condizioni non dovrebbero essere

gravi. Sul posto, oltre ai sanitari del 118 che hanno prestato i primi soccorsi, sono intervenuti i vigili della polizia municipale di Fano per i rilievi di legge. Il secondo scontro è successo appena un’ora e trenta più tardi sulla

Statale 16 a pochi metri dal Ponte Metauro. Coinvolti nell’incidente un fuoristrada e un piccolo furgone. La dinamica è ancora al vaglio delle forze dell’ordine e nonostante la violenza dello schianto non è stato necessario l’intervento

dell’ambulanza. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia stradale di Fano che in pochi minuti hanno ristabilito il normale flusso della viabilità. Stefano Orciani

“CINEMA POLITEAMA” E “CINEMA MALATESTA” SETTIMANA DAL 27 MARZO AL 2 APRILE

MALATESTA QUANDO C’ERA BERLINGUER gio/ven/mer 21,15 |sab 18 -20,20 - 22,40 dom 16 - 18,30 - 21 | mar 18,30 FELICE CHI E’ DIVERSO lun 21,15 POLITEAMA MR. PEABODY AND SHERMAN sab 19,30 | dom 17,30 CUCCIOLI sab 18 | dom 16 TIR gio 21,15 STORIA DI UNA LADRA DI LIBRI gio/ven 21,15 | sab 18 - 20,20 - 22,40 dom 16 - 18,30 - 21 | mar/mer 19 - 21,15 LEI (HER) ven/sab 21,15 | dom 19,15 - 21,30 CAPITAIN AMERICA gio/ven 21,15 | sab 18 - 20,20 - 22,40 dom 16 - 18,30 - 21 | mar/mer 19 www.cinemafano.it - Tel. 0721.1835218 Email: cinema@cinemafano.it


Fanoinforma n. 57 - 27 marzo 2014