Issuu on Google+

Direttore responsabile Bruno Chiavazzo

mercoledì 25 settembre 2013

Fanoinforma registrazione n. 10 del 22/10/2012 presso il Tribunale di Pesaro, proprietà Anteprima web s.r.l. - via Nolfi, 56 - 61032 Fano (PU) - Tel. 0721/831507 Fax 0721/837091, stampato a cura di Anteprima web s.r.l. - via Nolfi, 56 - 61032 Fano (PU) - Tel. 0721/831507 Fax 0721/837091.

www.fanoinforma.it

anno 2 - numero 189

Aeroporto, chieste le sue dimissioni

ph Scuola di Fotografia Santa Maria del Suffragio

FANO - “Gianluca Santorelli non può ricoprire quell’incarico”. Bene Comune e Fano a 5 Stelle attaccano il presidente della Fanum Fortunae e la giunta, portando la “questione aeroporto” in consiglio comunale. Luciani Benini, a tal proposito, spiega che “stiamo parlando della stessa vicenda che riguarda Daniela Mantoni, ragioniere capo del Comune. In questo caso la materia viene dipanata dal decreto legislativo 39, pubblica-

Stefanelli: “Non me ne vado dal Pd” FANO - Lui ha scritto e Renzi ha risposto. Il sindaco di Firenze gli ha detto “Sei nel rispetto delle regole, vai avanti”. Luca Stefanelli, consigliere comunale Pd alza la voce contro l’apparato che, a suo dire, vorrebbe estrometterlo dalle primarie di coalizione: “Il segretario Marchegiani è stato eletto perché doveva ricompattare il partito e rilanciarlo per le amministrative. Non ha fatto nulla di questo e pensa a candidarsi a sindaco? E poi siamo sicuri che Marchegiani sia il candidato migliore che il Pd possa esprimere? Detto questo vado avanti, consapevole che ci sono tantissime figure che mi sostengo. A chi vorrebbe che me ne andassi dal Pd, dico che rimango perchè credo che la base possa avere la meglio sulla cima della piramide”.

to il 19 aprile 2013 che parla di inconferibilità e incompatibilità di incarichi presso le pubbliche amministrazioni e presso gli enti privati in controllo pubblico. Pertanto, risulta chiaro che Gianluca Santorelli non poteva essere nominato presidente e la giunta doveva seguire la legge evitando questo errore”. Carlo de Marchi parla di “un giocattolino pagato dai cittadini e consegnato nelle mani di pochi che lo utilizzano a

proprio piacimento. Possibile che il Comune non ha mai quantificato e richiesto il canone alla Fanum Fortunae per l’affitto degli spazi e dei locali? In questo senso, il mancato incasso potrebbe essere definito come danno erariale”. Hadar Omiccioli rincara la dose dicendo: “ Se Gianluca Santorelli si difende dicendo che fa attività di interesse pubblico come corsi per piloti o raduni, questi in realtà sono servizi di tipo commerciale. Allora

sarebbero tutti i corsi privati sulla sicurezza dei servizi pubblici. Santorelli non ha la gestione dell’aeroporto e dei voli poiché è a carico dell’Enac. Questo dimostra come questo consorzio fa cose improprie e non esistono i presupposti affinchè l’amministrazione debba sostenere economicamente la sua gestione. Voglio poi ricordare che gli studi geologici e tipografici della pista in cemento, stimati in 130.000€ sono stati accollati dalla

Fanum Fortunae senza una delibera quando, forse, era il caso che venissero attributi all’Enac che realizzerà il manto”. Omiccioli poi conclude sillabando le ragioni delle istanze presentate: “O parliamo di una azienda partecipata che fa cose pertinenti alla sfera pubblica o di un’azienda privata che deve camminare con le sue gambe con un’attività commerciale. Gli ibridi che beffano le risorse dei cittadini non vanno bene”.

Per la primavera 2014 nuovo ponte per collegare Sassonia e Lido La struttura sarà lunga 28 metri e larga ben 4, per un costo complessivo di circa 260 mila euro FANO - In primavera a collegare il Lido e la Sassonia ci sarà un nuovo ponte. “L’opera costerà intorno ai 260 mila euro - afferma Mauro Falcioni, assessore ai Lavori pubblici - e prevediamo di averlo fruibile dopo tutte le prove tecniche del caso già per fine marzo. Non sarà il ponte bailey di cui si è parlato ma una struttura permanente e non impattante, con un tocco di eleganza che in un’opera non guasta mai”. La struttura realizzata in acciaio avrà una lunghezza di 28 metri mentre la sua larghezza dovrebbe essere di circa 4. Quest’ultima misura secondo l’assessore è particolarmente importante perchè permetterebbe l’entrata e l’uscita di mezzi di soccorso come ambulanze e vigili del fuoco fino ad una portata di 12 tonnellate. Il ponte resterà fisso e quindi non sarà possibile, come oggi, aprirlo e girarlo

per permettere il transito di alcune imbarcazioni. Su questo però Falcioni rassicura i proprietari delle piccole barche: “Il ponte avrà una sagoma ad arco e l’altezza dal livello del mare sarà aumentata di 70 cm rispetto all’attuale. Quindi non ci saranno problemi per chi deve passare lì sotto con piccoli natanti. La pendenza, a sua volta, non sarà da ostacolo per pedoni, ciclisti e portatori di handicap visto che tutto seguirà le direttive previste in materia”. La “passeggiata” sarà ricoperta con legno di bambù, che offre una resistenza più elevata alla salsedine, e verrà illuminata. Per la sostituzione l’assessore Falcioni assicura: “Le operazioni dovrebbero durare circa un mese. Credo che siano tollerabili 30 giorni di lavori se poi alla fine potremo usufruire di un ponte più funzionale e gradevole”.


mercoledì 25 settembre 2013 www.fanoinforma.it

anno 2 - numero 189

Si chiama “Granatina” la nuova mascotte dell’Alma Juventus Fano

FANO - L’Alma Juventus Fano avrà una mascotte al suo fianco nelle partite casalinghe, un’aquila tutta simpatia. A scegliere il nome del divertente simbolo della squadra sono stati i ragazzi della Scuola Calcio Fanella, settore giovanile dell’Alma. A loro era stato dato il compito di scrivere nei biglietti di ingresso alla partita del 15 settembre, il nome del divertente rapace. Alla fine, quello più gettonato dalle

giovani promesse, è stato Granatina. L’aquilotta in gommapiuma è realizzata dal professor Walter Piersanti e dipinta dall’azienda Nautilus della famiglia Carboni. Questa indossa una divisa ufficiale granata fatta in gommapiuma e nelle partite che si giocheranno all’interno dello stadio Mancini inciterà da bordo campo la squadra e il pubblico.

Ritorna la Settimana Africana Regionale La manifestazione organizzata dall’associazione L’Africa Chiama arriva alla sua XVI edizione. Si parte il 28 settembre FANO - La città della Fortuna da sabato 28 settembre a sabato 5 ottobre avrà un retrogusto africano. Musiche, odori e sapori etnici torneranno ad invadere le vie del centro con la sedicesima edizione della Settimana Africana Regionale, organizzata dalla onlus L’Africa Chiama. “Lo scopo di questa manifestazione - commenta Italo Nannini, presidente dell’associazione - è di cercare di sensibilizzare al massimo le persone, tramite incontri, testimonianze, proiezione di film e concerti, alla moltitudine di problemi che ancora oggi l’Africa presenta. Durante la settimana, inoltre, si illustreranno anche i diversi progetti che l’Africa Chiama sta portando avanti in Kenya, Tanzania e Zambia, nel campo dell’alimentazione, istruzione e salute, a favore di circa 10.000 bambini in difficoltà”. Il carnet di appuntamenti sarà come al solito ricco e interessante.La manifestazione si aprirà sabato con l’inaugurazione della mostra “Coltan insanguinato” allestita nell’auditorium Sant’Arcangelo ed a seguire l’incontro “La mia Africa”, uno scambio di esperienze e testimonianze fra co-

loro che hanno vissuto sul campo come volontari. Nella serata del 28 alle 21, il Teatro Aenigma proietterà al Museo del Balì di Saltara il film documentario “Africa nera Marmo bianco”, di Clemente Bicocchi. Domenica 29 alle 18 all’auditorium Sant’Arcangelo presentazione della campagna nazionale “Banning Poverty. Dichiariamo illegale la povertà”, interviene Riccardo Petrella. La settimana prosegue con tanti appuntamenti: stage di percussioni africane con il musicista Moumouni Dao dal Burkina Faso, la presentazione del libro “Ferite di parole” di Leila Ben Salah e Ivana Trevisani, laboratorio per bambini a cura dell’associazione Amemi con Felicia dalla Nigeria e l’incontro con l’onorevole Jean Leonard Touadì e la presentazione del nuovo caffè equo e solidale Munno Mukabì prodotto in Uganda. Al Cinema Politeama di Fano inoltre un’interessante rassegna cinematografica: domenica 29 settembre la proiezione di “L’Economia della felicità”, giovedì 3 ottobre “18 Ius Soli” ed infine venerdì 4 ottobre il documentario su Thomas Sankara “E quel giorno

uccisero la felicità” alla presenza del regista Silvestro Montanaro. Come ogni anno  l’evento si concluderà sabato 5 ottobre con il corteo per la Manifestazione Regionale dall’Arco d’Augusto ai giardini di piazza Amiani dove verrà consegnato il premio “Ho l’Africa nel Cuore” al Comune di Lampedusa per l’umanità e la solidarietà dimostrate nell’accogliere tanti giovani, donne, bambini, provenienti soprattutto dall’Africa. Dalle ore 19 prenderà vita la Notte

Nera, teatro, musica, cucina etnica e tradizionale e tanti artisti che hanno scelto di esibirsi a favore degli oltre 10.000 bambini di cui ogni giorno si prende cura la onlus L’Africa Chiama. Tra questi: Coro Gospel Slave Song, i ballerini di pizzica dell’associazione Musica dell’Anima, Djembe Rythm dal Senegal, Moumouni Dao (Burkina Faso) con BumbumMandinka, BabylonbyBila ed infine Ras Tewelde. Stefano Orciani

Quando lo sport è un affare di famiglia Lisa Longhini e i suoi figli Luna e Leonardo vincono tre medaglie all’edizione 2013 della Corrifano FANO - E’ proprio il caso di dire che gli Spendolini sono una famiglia che va sempre di corsa. Mamma Lisa e i figli Luna e Leonardo hanno partecipato alla Corrifano 2013 e se ne sono tornati a casa con un bottino di ben 3 medaglie (anche il babbo Luca è uno sportivo). Seconda assoluta e prima di categoria Lisa Longhini che, a quanto pare, ha trasmesso l’amore e la disciplina sportiva anche ai suoi due figli, in quanto Leonardo e Luna Spendolini di 9 e 11 anni, si sono aggiudicati rispettivamente il secondo posto assoluto nella gara dei 500 metri e il primo posto tra le ragazze. “E’ stata una vittoria di famiglia - racconta Lisa -, abbiamo vinto un po’ tutti. Io sono sempre stata un’amante della corsa ed ho cercato di trasmettere questa passione

anche ai miei figli. Lo sport secondo me oltre che un ottimo modo per mantenersi in forma può fornire una base importante all’educazione, come la disciplina e il saper collaborare con altre persone”. La mamma fanese oltre ad una splendida forma fisica ha potuto contare su di un altro fattore: “Posso dire - continua Lisa Longhini -, che sono avvantaggiata rispetto agli altri perché gioco in casa. Essendo della Gimarra, quartiere in cui si svolge la gara, conosco ogni piccolo dosso, salita e discesa del percorso, magari questo mi ha dato una mano”. Il secondo posto assoluto di quest’anno sembra comunque non essere bastato alla podista che rilancia la sfida per il prossimo anno: “Oramai sono una veterana di questa gara, ho partecipato alla

prima edizione e nel 2000 ho pure vinto. Spero di poter partecipare anche alla prossima e spero di arri-

varci in forma e perché no, magari di vincerla”. s.o.


Fanoinforma n. 189 - 25 settembre 2013