Page 1

martedì 16 aprile 2013 anno 2 - numero 76

Interventi da fare e “memoria” da salvare

www.fanoinforma.it

Strade da asfaltare, scelta delle priorità e occasione per dare lustro ai fanesi che hanno fatto la storia FANO - Lo stato della viabilità fanese è un mezzo disastro, se non un disastro intero (anche se finalmente sono in corso le asfaltature). Dalle strade dissestate agli allagamenti in caso di medie e forti piogge, dal peso del traffico alla velocità dello stesso, dalla segnaletica orizzontale alle targhe stradali. Gli interventi risolutivi sarebbero così tanti da necessitare dell’80% del bilancio comunale. Quasi inutile invocare che nelle targhe stradali si ripristini il vecchio uso di scrivere per esteso nome, cognome e professione del personaggio, luoghi e date di nascita e morte. Costerebbe troppo? Se non altro si eviterebbero clamorosi strafalcioni come quelli della Soprintendenza che in un indirizzo scrisse “v. Truvio o del Comune che scrive “via Re di Puglia”. Non dovrebbe essere complicato o costoso intitolare luoghi ancora con una ex, nuove vie, piazze e parcheggi, a fanesi illustri e dimenticati. Questo un elenco solo parziale: Giovanni Peruzzo Dossa dei Bartolelli (scienziato), Pietro da Fano (medaglista), Bartolomeo Soldati (letterato) tutti del XV secolo; il pittore Augusto Bartolucci (1865-1927) ed i giornalisti e scrittori Gustavo Brigante Colonna Angelini (1878-1956) e Luciano Anselmi ( 1934-1996); Enzo Capalozza (1908-1994), avvocato e giudice della Corte Costituziona-

Nuovo look per via Battisti e viale Alighieri

le; Raffaele Vagnini (albergatore e ristoratore); i pittori Bruno Radicioni (1933-1997) ed Ateno Spezi (1908-2011); l’ingegnere Cesare Eusebi (1904-1993); il conte Piercarlo Borgogelli-Ottaviani (1883-1952), storico e letterato, che salvò durante la guerra opere d’arte ed altri beni culturali fane-

si, o Etelredo Mazza (1894-1944) che salvò dalla distruzione le mura romane. Ed ancora il giornalista e scrittore Mario Omiccioli (19232007); il critico d’arte Gabriele Mazzanti (1966-2005); lo scrittore Gigìn Sperandini. E come dimenticare “personaggi” come Gioacchino Moricoli (1891-1956) più

FANO - Lavori di rifacimento della segnaletica stradale in viale Cesare Battisti e viale Dante Alighieri. Gli operai sono all’opera sia per la sistemazione delle indicazioni stradali “orizzontali” sia per quelle “verticali”. E’ prevista la sostituzione del cartello di stop di viale Battisti con uno angolare e il posizionamento di una piccola isola di traffico al centro dell’incrocio per convogliare il traffico della zona.

Viale Cairoli: a giorni inizierà la riqualificazione del sottopasso FANO - Lo stato di degrado del sottopasso pedonale di viale Cairoli è ormai noto, ma fortunatamente ha i giorni contati. Questa mattina in Comune si sono aperte le buste per l’appalto dei lavori di riqualificazione. Lavori che dovrebbero partire a breve e concludersi per la fine di maggio. Finalmente si interviene su un’infrastruttura che negli ultimi mesi è stata oggetto di polemiche prima da parte del Pd e proprio oggi dall’ex Idv laura Serra.

La crisi non fa sconti e c’è chi rovista nella spazzatura FANO - Andare a caccia di cibo nei cassonetti dell’organico: è questo l’effetto che la crisi ha avuto anche nella nostra città. Negli ultimi periodi sta succedendo spesso, troppo, diventando quasi una routine. Sono soprattutto disoccupati e pensionati coloro che rovistano nei bidoni posizionati all’esterno di esercizi commerciali, alla ricerca di qualcosa di commestibile: da un pezzo di pane vecchio agli scarti di frutta e verdura, insomma, tutto ciò che è possibile mettere sotto i denti. Spesso si fa finta di non vedere ma questa emergenza sociale oramai sta interessando anche famiglie radicate nel territorio.

noto come Giobba; Vittorio Paolini, “Paolino” (1929-1985) e Alfeo Biagioli (1886-1980) meglio noto come “Sallustio”? Troppo complicato però (anagrafe, documenti, etc.) mettere questi nomi al posto di Olmi, Olivi, Pini, Pioppi, Lago… e Regioni varie. Ho senza dubbio dimenticato qualche nome, segnalatemelo perché, sinché campo, bersaglierò i nostri amministratori e se, ancora esiste, la poco “fanese” Commissione Toponomastica. Per le asfaltature, dato per scontato che gli euri disponibili sono pochi, mi chiedo chi e come determini le priorità. Esempio: possibile che via Morganti sia fra le prime strade da asfaltare e che non figuri, neppure fra le ultime, via Fanella? Una delle priorità, perché ci vanno di mezzo l’incolumità e la vita delle persone, dovrebbe essere il ripristino della segnaletica orizzontale dove “cancellata” dal tempo. Esempio: gli scomparsi attraversamenti pedonali di via della Giustizia all’altezza di via Giannetto Dini e di via Piero Gobetti. A proposito di via della Giustizia: quando vedremo dei Vigili Urbani con autovelox per scoraggiare gli automobilisti che transitano con velocità ben superiori ai 50 km/h? Assessori Lomartire, Severi e Silvestri, se ci siete battete un colpo. Carlo Moscelli

Per contattare la redazione di Fanoinforma invia una mail a redazione@fanoinforma.it o chiama il numero 0721 803497 Per la tua pubblicità su Fanoinforma telefona al numero 0721 803497

Fanoinforma - Quotidiano n. 76 - 16 aprile 2013  

Fanoinforma - Quotidiano n. 76 - 16 aprile 2013