Page 1

Direttore responsabile Corrado Moscelli

martedì 15 maggio 2018

Fanoinforma registrazione n. 10 del 22/10/2012 presso il Tribunale di Pesaro - Stampato a cura di Lagostekne Editore: Comunica s.r.l. - via Nuti, 3 - 61032 Fano (PU) - Tel. 0721/830710

www.fanoinforma.it

anno 7 - numero 90

La fine del Pitbull della droga

FANO - Non riusciva più a saldare il debito con il suo grossista di fiducia perché utilizzava più cocaina di quella che riusciva a vendere. Alla fine si è infilato in un tunnel fatto di pressioni, minacce e violenza che lo hanno spinto ad autodenunciarsi ai carabinieri per salvarsi la vita. Una vicenda da film quella che si è svolta a Fano e nell’entroterra nei mesi scorsi e che si è conclusa ieri con l’arresto dell’ultimo componente di un giro di spaccio che riforniva di cocaina numerosi pusher locali. Protagonisti dell’arresto i carabinieri di Fano, Fossombrone, Colli al Metauro e il nucleo cinofilo di Pesaro. L’operazione, denominata Pitbull come da soprannome del capo del

Platani abbattuti, la Lupus in Fabula chiede copia delle perizie

FANO – “Sul taglio dei platani il comune si è lasciato prendere la mano”. A sostenerlo l’associazione ambientalista “Lupus in Fabula” secondo cui la maggior parte degli alberi abbattuti, non sembravano interessati da malattie parassitarie o fungine tali da causarne l’instabilità. “Certamente noi non siamo dei tecnici – si legge in una nota -, ma viene il dubbio che ci sia stato un eccesso di zelo da parte di un’amministrazione che di certo non brilla per sensibilità ambientale, quindi abbiamo chiesto copia delle ordinanze e delle perizie di stabilità. Speriamo che ne siano ripiantumati un numero almeno doppio di quelli abbattuti – conclude la nota dell’associazione -, intervenendo anche su viale Buozzi e XII Settembre in cui ci sono parecchi vuoti, frutto di abbattimenti precedenti”.

gruppo in questione, è iniziata nel dicembre del 2017, quando i militari con l’operazione “Circoli Viziosi”, avevano inferto un duro colpo allo spaccio di Fossombrone e della Valle del Metauro. Da qui, nel corso delle indagini era emerso il nome di L. L. 24 fanese residente a Rosciano, incline alla violenza (da qui il soprannome Pitbull), poiché militante in un gruppo di skinhead della zona. L.L. era il grossista di fiducia di un pusher coetaneo il quale vendeva la coca al dettaglio su tutta la Valle del Metauro. Il continuo consumo di stupefacente di quest’ultimo, in breve tempo ha fatto si che iniziasse a consumare più droga di quella che avrebbe potuto a vendere, ac-

cumulando un debito di svariate migliaia di euro. In un primo momento, visto l’amicizia tra grossista e venditore al dettaglio il fatto non aveva creato grandi problemi fino alla rottura. All’ennesima richiesta di pagamento da parte del Pitbull, controbattuta dall’ennesima scusa, i rapporti tra i due si sono fatti tesi tanto che il debitore aveva deciso di trasferirsi in nord Italia, conoscendo le abitudini violente di L.L.. Poco tempo dopo, il giovane debitore, tramite un amico di infanzia in comune, è riuscito ad ottenere un incontro chiarificatore con il Pitbull. Presentatosi nel luogo dell’incontro, alla “Cittadella di Fossombrone”, si è trovato difronte non solo L.L. ma altri 4 gregari

che lo hanno prima immobilizzato, poi con il calcio di un grosso revolver lo hanno colpito alla testa e infine gli hanno puntato la pistola in faccia minacciandolo di morte se non avesse pagato da li a breve tutti i suoi debiti. Avendo capito la gravità della situazione, il piccolo pusher ha deciso di autodenunciarsi ai carabinieri i quali, forti anche dei racconti di quest’ultimo, hanno subito avviato le indagini tramite il sostituto procuratore della Repubblica di Urbino Irene Lilliu. In poco tempo sono emersi numero indizi di colpevolezza nei confronti di L.L. tra cui il possesso di una spada medievale, il presunto revolver in questione, delle manette, un tirapugni, 1500 euro

in contanti, un Rolex e una partita di cocaina di un etto destinata a due fratelli gemelli R.N e R.M, fermati al lido di Fano e denunciati. Nell’ambito dell’operazione i militari hanno anche arrestato B.M. 30enne di Cartoceto, S.N. 28enne di Viserba, quest’ultimo rintracciato nella giornata di ieri a Rimini. Nell’operazione sono stati coinvolti 23 carabinieri e sono stati eseguiti anche 6 decreti di perquisizione. Particolari le parole del G.I.P. Vito Laurino che ha emesso l’ordinanza dichiarando che le caratteristiche del gruppo lambivano il metodo mafioso con una vena di balordaggine. Stefano Orciani

Seri all’attacco dei “leoni da tastiera”: ”Critiche sì, offese no: chi esagera pagherà le conseguenze” Il primo cittadino prende le difese della Polizia locale, di recente attaccata su facebook in seguito ad un video divenuto virale FANO – “Chi ha una divisa può risultare antipatico, ma svolge un lavoro importante ed è dovere dell’amministrazione tutelarlo”. La presa di posizione, forte e decisa, è del sindaco Massimo Seri che accoglie sotto la propria ala protettrice la Polizia Locale che in questi giorni è balzata suo malgrado agli onori della cronaca in seguito ad un video apparso su facebook che in meno di una settimana ha fatto qualcosa come 46mila visualizzazioni. Il protagonista del video accusa gli agenti di essere stati “troppo zelanti” nel fargli notare che spetta a lui occuparsi di eliminare le erbacce che crescono lungo il muro di recinzione della sua casa, e lo fa attraverso offese anche pesanti. Dietro a questo video sono susseguiti commenti su commenti, quasi totalmente dello stesso tenore. “Le critiche ci stanno – afferma il sindaco – ma c’è un limite a tutto e quando si passa ad offendere pesantemente chi

fa il proprio lavoro, si oltrepassa il limite. Abbiamo già attivato il nostro ufficio legale per vedere se ci sono gli estremi per delle querele. Servono educazione, rispetto e collaborazione perché spesso l’essere dietro ad una tastiera del autorizza chiunque a dire ciò che vuole, invece non è così”. Quella di “fare cassa” con le multe è la più classica delle accuse mosse all’amministrazione ma anche in questo caso il sindaco non ci sta: “Per quanto riguarda il decoro urbano – ribadisce Seri – abbiamo fatto un’opera di sensibilizzazione e ad oggi sono stati elevati zero verbali. Stessa linea per quanto riguarda le violazioni del codice della strada dove Fano è tra i comuni delle Marche che introita meno”. Apprezzamento, vicinanza e fiducia al corpo della Polizia Locale e al suo comandante Anna Rita Montagna: “Come forza di polizia – spiega Montagna – perseguiamo le direttive che ci im-

pone l’amministrazione facendo semplicemente il nostro lavoro. Sicurezza e decoro sono tra gli obiettivi primari di questa giunta e cerchiamo di raggiungerli lavorando con precisione e puntualità e in tal senso sottolineo i 160 sequestri di mezzi effettuati nel 2018 per mancanza di copertura assicurativa e i 38 quintali di amianto

rimosso da edifici privati”. Amministrazione e Polizia municipale sempre più unite quindi e con le porte aperte nel caso di un passo indietro da parte di chi forse ha un po’ esagerato: “Se arrivassero delle scuse – concludono Seri e Montagna – saremmo ben disposti ad accettarle”. Matteo Delvecchio


martedì 15 maggio 2018 www.fanoinforma.it

anno 7 - numero 90

Arte, musica, danza e recitazione . Talenti al femminile al TdF

FANO – Prendete le immagini di un’illustratrice di fama nazionale come Emanuela Orciari e aggiungete la stupenda voce di Frida Neri, la capacità narrativa dell’attrice Giulia Bellucci e la leggiadria del corpo di ballo di Vaganova Danza Asd. Questi gli ingredienti di un menù che si prepara ad essere il “piatto forte” di Impronte Femminili, rassegna dedicata alle donne ed organizzata dagli assessorati alle Pari Opportunità di vari comuni di cui Fano è capofila. Sabato 19 maggio al Teatro della Fortuna, va in scena il penultimo

appuntamento fanese della rassegna, uno spettacolo che racchiude in se arte, musica, recitazione e ballo e che sarà poi ripetuto ad Urbania il 26 maggio. “Tutte le donne di Emanuela”, questo il titolo, è un omaggio ad Emanuela Orciari, illustratrice fanese che ha curato la grafica dell’intera rassegna e che ben si è interfacciata con altre talentuose concittadine mettendo in piedi uno show in cui le varie arti si fondono rendendo “vive” le immagini della stessa Orciari, alcune inedite altre giù utilizzate come copertine di libri. “Questo spet-

tacolo – ha detto l’assessore alle Pari Opportunità, Marina Bargnesi – è forse il più rappresentativo della rassegna. Non posso che ringraziare l’ideatrice Sara Cucchiarini e le istituzioni. Con Impronte Femminili abbiamo ribaltato quel luogo comune secondo cui i talenti, in questo caso di donne, per emergere debbano andare lontano. Le istituzioni stanno iniziando a guardare queste arti con occhi diversi”. L’ingresso è gratuito ma è bene prenotarsi allo 0721.800750. Inizio ore 21.30. ma.del.

Tutti con gli occhi al cielo.AFano il primo raduno nazionale delle Pattuglie civili

Nell’ambito dei festeggiamenti del centenario dell’aeroporto fanese, il 19 e 20 maggio previsto l’arrivo di circa 100 velivoli e oltre 70 piloti FANO – Dal Trentino alla Sicilia, passando per la Puglia. Arriveranno da tutta Italia le 9 Pattuglie Civili che si ritroveranno a Fano sabato 19 e domenica 20 maggio per il primo storico raduno nazionale organizzato nell’ambito dei festeggiamenti per il centenario dell’aeroporto Enzo Omiccioli di Fano. Oltre 70 piloti e 56 veicoli ai quali vanno aggiunti quelli dei privati (saranno circa 100 in totale) per una due giorni di festa che attesta ancora una volta la struttura fanese tra le migliori a livello nazionale. “Non nascondo la soddisfazione e la felicità per l’evento più istituzionale all’interno delle celebrazioni del centenario – spiega il Sindaco Massimo Seri -. Sono contento perché 100 anni sono una testimonianza importante, dimostrano il forte legame con la città e sono un segnale nuovo, non voglio dire una rinascita, ma un nuovo clima, un nuovo rapporto all’interno dell’aeroporto e un nuovo rapporto tra l’aeroporto e la città”. Più volte il primo cittadino ha definito quello fanese un “gioellino” e a conferma ci sono i continui attestati di stima da parte dell’aeronautica Militare che

lo scelgono come base per delle esercitazioni: “L’aeroporto deve tornare a essere una parte della nostra comunità – conclude Seri -, così come si va a fare una passeggiata al mare, la gente può andare all’aeroporto a vedere ciò che di bello può offrire”. L’inizio della due giorni scatterà sabato alle 9.45 e sono attese, salvo defezioni indipendenti dagli organizzatori, le più alte cariche dello stato, dal Ministro della Difesa Roberta Pinotti mentre il 15° Stormo di Cervia sarà presente con un elicottero che ha già pianificato una spettacolare attività addestrativa. Ricchissimo il programma che prevede anche una mostra d’immagini storiche dedicata all’aeroporto, l’esposizione delle motociclette in arrivo dal Museo Benelli e un’area picnic. Disponibile anche il volume “Fanesi eroi del Cielo” scritto da Carlo Moscelli e dedicato appunto a piloti di Fano, piloti che saranno protagonisti anche di una premiazione. “Sono molto contento di essere qui oggi – spiega il Presidente dell’Aero Club, il comandante Davide Cecchini – è un’altra bella pietra che si aggiunge a quello che è il percorso del

nostro club”. L’ingresso è gratuito e i parcheggi saranno realizzati nell’area della sezione modellisti, in modo da consentire alle famiglie di muoversi in sicurezza senza parcheggiare lungo viale Mattei, dove ci sarà il divieto di sosta. “E’ il primo raduno nazionale di tutte le pattuglie civili – spiega il pilota Davide Picchi, referente del nucleo aero di protezione civile dell’Aero Club Fano -, hanno confermato tutte la loro presenza. La bellissima sorpresa è la presenza del 60° stormo, che avrà in mostra statica un velivolo di quelli che

hanno fatto il corso a marzo con i ragazzi”. Soddisfatto anche l’amministratore unico della società aeroportuale Massimo Ruggeri: “Non posso che essere contento di tutte queste iniziative– spiega -. L’aeroporto sta riprendendo il volo dopo un periodo burrascoso, vedo persone entusiaste e con atteggiamento positivo”. Annunciato anche l’avvio dell’iter per intitolare la struttura fanese non solo ad Enzo ma anche a Walter Omiccioli, suo fratello e anche lui illustre pilota. Matteo Delvecchio

San Cristoforo è la squadra regina del calcio amatoriale fanese Terminato nel week end il 28° campionato Csi di calcio a 8 che ha coinvolto 350 giocatori e 14 squadre di tutta la provincia FANO - E’ per definizione un campionato “amatoriale” ma il fatto che sia affrontato e organizzato in maniera più che seria e professionale lo rende ogni anno più avvincente. In archivio il 28° Campionato CSI di calcio a 8, 21° Trofeo Prodi Sport e 11° Memorial “Vittorio Del Curto”, manifestazione organizzata dal Centro Sportivo Italiano di Pesaro-Urbino (sede in Fano) che da ottobre a maggio ha coinvolto oltre 350 giocatori in rappresentanza di 14 squadre di tutta la provincia. dell’Olympia, guidata dal capoAd alzare al cielo il trofeo una cannoniere del torneo Nicola Faldelle squadre che dal primo anno cioni (44 gol) e dal super portiere partecipa alla manifestazione, San Alessandro Galeri. In precedenza Cristoforo, che sale sul tetto del sullo stesso terreno di gioco, Stacalcio amatoriale fanese superan- zione IP Fenile si era invece aggiu1 16/01/18 do in finaleBraccino_Fanoinforma_piedone.pdf per 7-2, sul sintetico dicata la Coppa17:14 Fano, prevalendo di Cuccurano, i padroni di casa con un altrettanto autoritario 6-2

sul Punto Giovane Senigallia. A vincere la Coppa Fair Play invece è stata Edil Simar & Bella Napoli che ha sconfitto per 6-2 GS Lubacaria Piagge. “Anche quest’anno è stato un successo – commenta il presidente del Csi Pesaro-Urbino, Marco Pagnetti -. Organizzare

un evento che prevede 164 gare e vede coinvolti 350 giocatori e 30 arbitri non è mai semplice per questo ringrazio tutte le squadre che ancora una volta hanno capito il senso della competizione e non sono mai uscite dai ranghi in termini di agonismo. Grazie ovviamente anche ai gestori degli impianti che abbiamo utilizzato (Bellocchi, Tre Ponti, Rosciano, Cuccurano, Fenile,Gimarra, Senigallia), impianti bellissimi e tutti dotati di spogliatoi e docce. Infine grazie a chi ci sostiene, nello specifico Idronova Riscaldamento Condizionamento, Gelateria Bon Bon e Banca di Credito Cooperativo di Fano”. Da luglio sul sito www.csifano. it info, sarà possibile iscriversi al campionato 2018-19.

Fanoinforma n. 90 - 15 Maggio 2018  
Fanoinforma n. 90 - 15 Maggio 2018  
Advertisement