Page 1

Via XXVII Agosto, 19/A FANO (PU) Tel. 0721 805156 Fax 0721 813784 www.buldrighini.it RINNOVO PATENTI

Direttore responsabile Corrado Moscelli

venerdì 13 gennaio 2017

Fanoinforma registrazione n. 10 del 22/10/2012 presso il Tribunale di Pesaro - Stampato a cura di Computers Sistemi Editore: Comunica s.r.l. - via Nuti, 3 - 61032 Fano (PU) - Tel. 0721/830710

Via XXVII Agosto, 19/A FANO (PU) Tel. 0721 805156 Fax 0721 813784 www.buldrighini.it RINNOVO PATENTI

www.fanoinforma.it

anno 6 - numero 9

La Rincicotti & Orciani è stata venduta FANO - Il 100% della Rincicotti & Orciani di Fano è stata ceduta alla Autospurghi CM di Jesi (Ancona), azienda che opera nell’ambito dei servizi per l’ambiente e che fa capo alla famiglia Manoni. Lo fa sapere Lucia Capodagli, presidente di Aset Spa, al termine della trattativa privata che si è resa necessaria dopo che, per due volte, è andata deserta la gara pubblica a doppio oggetto. L’investimento complessivo della società jesina è pari a 61.500 euro, 55 mila dei quali necessari per far fronte alla ricapitalizzazione

dell’azienda fanese. L’offerta economica di Autospurghi CM è risultata nettamente migliore di quella presentata da un legale pesarese per conto di un gruppo di aziende non marchigiane; in sede di manifestazione di interesse, inoltre, si era presentata una terza azienda che successivamente ha ritenuto di non dare seguito all’offerta. La cessione della Rincicotti & Orciani era un atto obbligato per legge dopo che, dal 2013 al 2015, l’azienda controllata al 100% da Aset Spa, aveva chiuso con i bilanci in perdita per circa 300 mila euro

complessivi. Grazie all’azione del nuovo amministratore Ruggeri, l’azienda nel 2016 è stata portata ad un sostanziale pareggio di bilancio, ma non aveva la possibilità di investire e quindi di garantirsi un futuro. Nel maggio 2016 erano state avviate le procedure per la vendita, che si sono concluse questa mattina con l’accettazione all’acquisto da parte del responsabile della società jesina, che avrà l’obbligo di dare continuità occupazionale ai 4 dipendenti in forza a Fano. Inoltre, ad Autospurghi CM sarà

ti: evitare che Aset Spa, azienda pubblica, continuasse a ripianare i debiti di una partecipata da tempo svuotata della sua missione produttiva e salvaguardare i livelli occupazionali, persone che hanno maturato un’esperienza specifica nel settore e che, da subito, potranno metterla a disposizione della nuova proprietà”. Non a caso, l’Autospurghi CM ha presentato, contestualmente all’offerta, un piano industriale che prevede, nei prossimi anni, un significativo investimento nella provincia di Pesaro Urbino.

“Il nuovo Pepe”

Domani “Open Day” al Liceo Torelli FANO - Sabato 14 gennaio (dalle 15.30 alle 18.30) il liceo scientifico Torelli (sedi Fano e di Pergola) tiene la sua seconda ed ultima giornata di “scuola aperta” in vista delle iscrizioni per il prossimo anno scolastico (iscrizioni che si aprono il 16 gennaio e si concludono il 6 febbario 2017). Docenti e studenti del Liceo saranno presenti per illustrare alle famiglie l’offerta formativa e mostrare le strutture della scuola.

affidato l’incarico annuale per il servizio di pulizie delle caditoie di Fano, per un valore annuale di 70 mila euro. “Dopo anni, si chiude positivamente una vicenda estremamente delicata – ha dichiarato la presidente di Aset Spa Lucia Capodagli – e nel segno tracciato dal consiglio comunale, che si era espresso chiaramente per la cessione della Rincicotti & Orciani, anche dopo la approvazione del piano industriale di fusione delle Aset. I due obiettivi prioritari che avevamo davanti sono stati raggiun-

a cura di Carlo Moscelli

La giunta Max Serius smentisce le accuse del M5C(ritiche): “È vero, abbiamo aumentato le tasse, ma solo per incrementare la popolazione dei tassi nel futuro parco pubblico del campo d’aviazione. E non abbiamo usato l’olio di palma”. Pronto soccorso in tilt per i picchi influenzali ed il minor numero di posti letto. Cosa accadrà con l’ospedale unico quando, con 450 posti letto ( 140 in meno degli attuali tra Fano e Pesaro) la situazione sarà ancor più grave? Come si sono fatti i lavori di ampliamento

del Pronto Soccorso se ancora c’è carenza di spazi e posti letto durante le emergenze? Perché non si investe prima sul personale medico e paramedico e sulle apparecchiature (che fine ha fato la famosa Jet Ventilation per Otorino di Fano?) e poi su nuovi muri, salvando intanto più vite? Avrà solo cinque ingressi e sarà completamente sbarrato il percorso del prossimo carnevale invernale di Fano, in chiave antiterroristica. Premesso che gli atti terroristici non si fanno solo con camion lanciati sulla folla, ma

anche con bombe, kalashnikov, fucili e pistole, ci saranno anche metal detector ai cinque ingressi? Potrebbe essere anche l’occasione per ripristinare il biglietto d’ingresso. Che al Carnevale vengano in 30mila a gratis (non dal giorno prima o per il pranzo in ristorante, ma quasi tutti per il giro del getto) o in 10mila pagando che differenza fa se non quella di un minimo incasso? Pregherei l’ingegnere che ha avuto parole d’elogio per il completamento di un trattino dell’Interquartieri che avrebbe eliminato code e rallentamenti in via della Giustizia, di attraversare (anzi, cercare d’attraversare) tale via dove a dx le auto viaggiano ad oltre 50 km/h sorpassate a sx da altre auto che filano ad almeno 70 km/h alla faccia

Ristorante Pizzeria

Bella Napoli

La vera pizza napoletana con farina macinata a pietra da gustare anche a pranzo Specialità di carne e pesce

Chiuso il mercoledì

Piazzale Fratelli Rosselli, 7 Fano (PU) Tel. 0721826393 Cell. 3465262619

del limite dei 30 che, se non sono possibili autovelox o multe per velocità pericolosa, si potrebbe far rispettare con “rallentatori di velocità” (dossi) essendovi strade alternative per i mezzi di soccorso. Cammei del vecchio Pepe (Varie su Bruno Auspici, divenuto dopo che il sindaco Caesar gli dimezzò le deleghe, Brunus Dimezzatus): Avendo appreso di visite guidate alla Fano del Seicento l’assessore Brunus Dimezzatus ha proposto anche visite alla Fano del Trecento. Brunus Dimezzatus ha acquistato in un’asta una poltrona Luigi VIII. L’assessore al Patrimonio Brunus Dimezzatus ha chiesto di sostituire le Fiat Uno del Comune con Fiat 0,50. Chi fa da se fa per uno e mezzo, come disse l’assessore Brunus Dimezzatus.


venerdì 13 gennaio 2017 www.fanoinforma.it

anno 6 - numero 59

Enereco e Profilglass, novità in vista?

FANO - Dopo il taglio del nastro, Seri si è espresso in merito alle questioni Enereco e Profilglass. Sulla Profilglass, che di recente ha richiesto che venga messo all’asta un terreno pubblico a Chiaruccia per poter espandere la propria attività, il primo cittadino ha anticipato che

si è già incontrato con i dirigenti comunali e a breve ci sarà un incontro con la ditta per valutare la situazione ed eventuali soluzioni. Su Enereco, invece, a intervenire è stato l’ingegnere Giangolini che ha spiegato che le lungaggini burocratiche lamentate dall’a-

zienda sono dovute alla richiesta di una modifica al piano di lavori già approvato e convenzionato, richiesta effettuata dall’azienda per problemi di natura idraulica. Anche in questo caso l’amministrazione ha annunciato un incontro con i vertici dell’azienda.

RiqualificazionedellazonaindustrialediBellocchi:inauguratol’ultimotrattodiViaToniolo La strada, che collega Via Einaudi e Via VIII Strada, era stata oggetto anche di un contenzioso tra ex amministrazione e Comune FANO – 300 metri di asfalto possono sembrare relativamente pochi ma se servono a collegare decine e decine di industrie e sono trafficate ogni giorno da autovetture e mezzi pesanti, ecco che allora il tutto assume una rilevanza più importante. Inaugurato ufficialmente questa mattina l’ultimo tratto di Via Toniolo, strada nella zona industriale di Bellocchi che collega Via Einaudi con Via VIII Strada. “Un intervento di riqualificazione che le aziende richiedevano da anni – spiegano il sindaco Massimo Seri e l’assessore ai Lavori Pubblici Cristian Fanesi – e per il quale amministrazioni passate persero anche una causa intentata dagli stessi imprenditori”. Non solo asfalto nuovo ma anche 21 posti auto, di cui uno per disabili, per un importo complessivo di 300mila euro. Ad impreziosire l’opera , l’intervento che Aset Spa effettuerà per portare l’acqua all’interno dei capannoni. “Via Toniolo – ha spiegato Matteo Lucertini di Aset Spa – è l’unica via della zona industriale non servita dall’acquedotto pubblico. Entro l’estate colmeremo questa lacuna senza recare danno alcuno alla strada in quanto i lavori saranno effettuati nel sottosuolo della banchina adiacente la carreggiata”. “Oltre che funzionale – ha detto il sindaco Massimo Seri – voglia-

mo rendere la zona industriale di Bellocchi bella dal punto di vista estetico (già è tra le migliori delle Marche) e questo intervento mira a perseguire questo obiettivo. Era doveroso e giusto – hanno ribadito sindaco e assessore – dare una risposta a quegli imprenditori che da anni avevano richiesto un intervento per svolgere al meglio la

propria attività”. Il tratto di strada, largo circa 8 metri, prevede ai margini anche un marciapiede e una banchina in cui a breve saranno posizionate fiori e piante mentre degli alberi sono già stati piantati sul lato dei parcheggi all’intersezione con Via VIII Strada. Risolto anche il problema legato alla segnaletica: “In questa

zona – ha concluso il primo cittadino – hanno sede alcune delle principali aziende del tessuto imprenditoriale fanese che ora sono anche facilmente rintracciabili e raggiungibili”. I lavori sono stati progettati e diretti dall’ingegner Fabio Susca del settore Lavori Pubblici del Comune di Fano. Matteo Delvecchio

Caso Battistini, l’assessore Bargnesi: “Il Comune ne esce a testa alta” L’ex presidente dell’Ambito VI aveva chiesto un risarcimento di 76.000 euro che il Giudice del Lavoro non le ha riconosciuto FANO - “Per quanto concerne il licenziamento dell’ex presidente dell’Ambito Territoriale VI Sonia Battistini (nella foto) e vista la confusione che si è generata sull’argomento, ci sembra opportuno fare chiarezza onde evitare che alcune forze politiche possano strumentalizzare la vicenda”. Ad intervenire è l’assessore ai Servizi Sociali Marina Bargnesi. “Successivamente al licenziamento – spiega l’assessore Bargnesi -, la Dott. ssa Sonia Battistini ha proceduto con l’impugnazione proponendo causa davanti al Giudice del Lavoro. Nella prima udienza il Giudice, come di rito, ha tentato di conciliare la controversia ipotizzando il pagamento di 12 mensilità (costo ente, con oneri ed Irap, pari

ad euro 76.328,84 oltre le spese legali, a favore della Dott.ssa Battistini). Nella seconda udienza, svoltasi in data 13/12/2016, il Giudice del Lavoro, valutate sommariamente tutte le pregiudiziali di diritto avanzate dal Comune di Fano nonché la particolarità degli elementi critici oltre alla precarietà del rapporto dirigenziale in questione, ha avanzato una proposta di transazione che prevedeva la trasformazione del ‘licenziamento disciplinare per giusta causa’ in ‘risoluzione consensuale’ del rapporto di lavoro anche per non inficiare sul curriculum della Dott.ssa Battistini, nessun beneficio economico-stipendiale in favore dell’ex presidente dell’Ambito VI ed il pagamento, da parte del Comune

di Fano, delle sole spese legali al minimo di tariffa (euro 6.232,41). Il Comune di Fano ha ritenuto, valutate le circostanze ed unitamente alla forte determinazione del Giudice del Lavoro di trovare una transazione delle parti, di accettare quanto proposto anche in considerazione del fatto che l’esborso delle spese di giudizio ai ‘minimi tariffari’ risultano di assoluta convenienza per l’ente se non altro per gli oneri che l’Amministrazione avrebbe dovuto sostenere se avesse deciso di procedere con i successivi gradi di giudizio (Cassazione). Va puntualizzato che con questa transazione la Dott.ssa Battistini non percepisce nulla in termini stipendiali o di indennizzo (quindi il Comune non le deve

rimborsare 76.328,84 euro) ma vede la propria posizione giuridica decisamente migliorata non essendo più colpita da ‘licenziamento disciplinare’ presso una pubblica amministrazione con le conseguenze del caso previste dall’ordinamento in ordine agli eventuali rapporti di lavoro pubblici”.

Fanoinforma n.9 - 13gennaio2017  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you