Issuu on Google+

-10%

-10%

Direttore responsabile: Bruno Chiavazzo

mercoledì 10 ottobre 2012

Fanoinforma collegata e a cura della redazione della testata on-line www.fanoinforma.it, registrazione n. 539 del 22/09/2006 presso il Tribunale di Pesaro, nuova proprietà Anteprima web s.r.l. - via Nolfi, 56 - 61032 Fano (PU) - Tel. 0721/831507 Fax 0721/837091, comunicazione depositata il 05/04/2012 presso il tribunale di Pesaro, stampato a cura di Anteprima web s.r.l. - via Nolfi, 56 - 61032 Fano (PU) - Tel. 0721/831507 Fax 0721/837091.

800 56 60 40

www.fanoinforma.it

anno 1 - numero 8

L’Aset Spa non si vende più

Trovato l’accordo in giunta: la società di servizi si unirà alla Holding entro il giugno del 2013 FANO – L’Aset non si vende, almeno fino al prossimo anno. Nella giunta di ieri pomeriggio è stata trovata l’intesa per portare avanti la fusione tra Spa e Holding e chiudere nel cassetto la cessione del servizio di igiene ambientale alla Multiservizi. Il confronto dei giorni scorsi (chiamarlo in questo modo è un eufemismo) tra l’assessore Alberto Santorelli e Riccardo Severi è dunque servito a compattare la giunta e a far trovare un’intesa sul futuro dell’azienda di servizi che sembrava oramai impossibile da raggiungere. “Non è un caso se in questi giorni sono stato in silenzio – commenta il sindaco Stefano Aguzzi – perchè a mio avviso si è fatto tanto rumore per nulla. Le discussioni in giunta ci sono sempre state ed io trovo che il confronto sia utile perchè può arricchire il dibattito. Il mio ruolo è anche quello di ricompattare la squadra e questo è avvenuto nel pomeriggio di ieri”. Ed in effetti ieri la giunta è stata tutta allineata nell’affidare ad Alberto Santorelli il compito di confezionare un atto di indirizzo per l’unificazione di Aset Spa e Aset Holding e delle partecipate Rincicotti ed Aura. “L’obiettivo è di creare una nuova azienda entro giugno del prossimo anno – spiega Santorelli - e questo verrà fatto attraverso un piano industriale da redigere insieme ai tecnici delle due aziende”. Piano che dovrà garantire l’occupazione dei dipendenti della Spa e della Holding. “Questa è una delle cose che ci preme maggiormente - riprende Santorelli – anche perchè nell’ultimo periodo

Numero Verde gratuito

* sulla quota energia

800 56 60 40

* sulla quota energia

Numero Verde gratuito

*

sulle bollette di Luce e Gas

*

sulle bollette di Luce e Gas

Il sindaco Aguzzi e l’assessore Santorelli

il personale delle due aziende ha vissuto con molta apprensione tutte le vicende che hanno interessato Aset, discussioni in giunta comprese. Ma il confronto c’è stato proprio perchè abbiamo sempre cercato di raggiungere un traguardo che salvaguardasse il lavoro di queste persone e servisse, al tempo stesso, a fare in modo che i servizi erogati restassero pubblici e i costi

Mascarin: “È forte la necessità di cambiamento”

Il Pd prepara l’offensiva ad Aguzzi

FANO - “La stagione politica del centrodestra è ormai agli sgoccioli, è cambiato il panorama politico di riferimento ed è quantomai necessaria una svolta. Per questo occorre realizzare già da oggi un’alternativa valida al centrodestra”. Queste le dichiarazioni di Samuele Mascarin di Sinistra Unita, che poi ha aggiunto: “È arrivato il momento che le forze dell’opposizione con molta umiltà mettano da parte i personalismi che nelle ultime elezioni non hanno permesso di schierare un fronte compatto”. Su possibili alleanze con il Pd e su una sua possibile candidatura alle primarie ha detto: “Le primarie non mi interessano mentre, per le alleanze vedremo”. a.b.

FANO - Dopo lo scontro tra Pdl e La Tua Fano la stabilità della giunta ora dovrà fronteggiare l’offensiva dell’opposizione. Infatti il Partito Democratico ha convocato per questa sera il proprio direttivo al completo. L’obiettivo è quello di presentare, nel prossimo consiglio comunale, una mozione di sfiducia nei confronti del sindaco Aguzzi. “E’ evidente che non ci sia più la condizione necessaria per andare avanti – fanno sapere gli esponenti democratici – con questa maggioranza ormai allo sbando. L’unica soluzione possibile è quella di riandare alle urne affidando ai cittadini l’incarico di scegliere i nuovi amministratori”. Domani è in programma una riunione di tutta l’opposizione.

per i cittadini contenuti”. Anche il sindaco Aguzzi è sulla stessa lunghezza d’onda. “L’ipotesi di una privatizzazione era stata presa in considerazione perchè era stata la legge ad imporlo. Ora che quella legge è stata cassata possiamo procedere con la fusione di Spa e Holding che porterà anche ad un considerevole risparmio. Il Cda sarà infatti composto solamente da tre

persone e due di queste dovranno essere dipendenti pubblici. Questo è l’obiettivo che ci siamo prefissati di raggiungere entro giugno. Se poi un domani si creeranno le condizioni per la vendita anche di un ramo della nuova azienda, le valuteremo serenamente; oggi quello che ci interessa è unire Spa e Holding”. Corrado Moscelli

Patto di Stabilità, spiragli all’orizzonte FANO – Il Patto di Stabilità potrebbe non essere più una spada di Damocle sulla testa dei nostri amministratori nel bilancio 2012. Dallo Stato sono infatti arrivati altri 921.000 euro che si vanno ad aggiungere ai 916.000 euro già entrati nelle casse del municipio con le quote della spending review. Il Comune aveva chiesto al governo centrale addirittura 7 milioni di euro e se questa richiesta fosse stata accolta sarebbe stata per assurdo quasi un danno per la nostra città visto che si tratta di una somma che deve essere poi restituita. Lo “spazio finanziario”, questo il nome che viene dato alla seconda tranche di quote Patto di Stabilità, è infatti una sorta di prestito che deve essere restituito nell’arco di due anni. I 921.000 euro quindi serviranno al Comune per cercare di rientrare nel patto ma non rappresentano un fardello particolarmente pesante dal punto di vista del debito. Ora per eliminare del tutto lo spauracchio della “stabilità”, l’amministrazione comunale attende le quote che devono arrivare dalla Regione. Si confida in una cifra intorno ai 2 milioni di euro, che potrebbe arrivare anche grazie alla richiesta che il consigliere regionale Mirco Carloni ha avanzato proprio in questi ultimi giorni e cioè riservare il 20% delle risorse che si renderanno disponibili a favore dei comuni colpiti dalla neve, quindi anche alla città di Fano. co.mo.

Partiranno a gennaio 2013 i lavori del Pronto Soccorso FANO - Il problema di fondo della sanità è che mancano i soldi. Come giri la coperta, in sostanza, rimane sempre corta. Hanno parlato di questo, ma anche di molto altro, il direttore degli Ospedali Riuniti Marche Nord Aldo Ricci insieme al sindaco Stefano Aguzzi e all’assessore alla sanità Davide Delvecchio nell’incontro che si è svolto questa mattina. “Abbiamo fatto il punto complessivo per capire quale deve essere il modus operandi migliore – afferma l’assessore Davide Delvecchio - anche in relazione all’approvazione dell’atto aziendale da parte del consiglio regionale”. Particolare attenzione è stata posta ai lavori di ristrutturazione e in merito a ciò il sindaco Stefano Aguzzi ha affermato: “E’ necessario che i lavori di riorganizzazione

strutturale non vengano effettuati tutti insieme, ma bisogna programmarli in maniera alternata, per non creare così troppi disagi. Intanto posso anticipare che il reparto di dialisi dovrebbe essere inaugurato entro dicembre 2012, mentre le attività complessive per l’ ammodernamento del pronto soccorso partiranno a gennaio 2013. Conseguentemente, durante questo periodo di ristrutturazione, il pronto soccorso tornerà nella vecchia sede. Inoltre, voglio cogliere l’occasione per smentire la voce, sempre più ricorrente, secondo la quale l’ospedale non sostituirebbe i primari che vanno in pensione. Fano ha bravi medici e tante eccellenze che riescono a dare risposte ai pazienti”. Jacopo Frattini

pneumatici per auto - moto centro revisioni scooter - fuoristrada officina meccanica cerchi in lega Via fragheto, 20 - 61032 FANO (PU) - nuovaservicegommefano@libero.it - tel. e fax 0721 801596


mercoledì 10 ottobre 2012 www.fanoinforma.it

anno 1 - numero 8 FANO - Dorme dove capita. Ultimamente lo si può trovare nei giardini Leopardi, all’incrocio tra via Montevecchio e via Nolfi. Parliamo di uno dei senzatetto più visti in città, uno straniero che ha come inseparabile amico il fiaschetto del vino e che necessita di un bel bagno caldo da diverso tempo. Fino a qui poco male perchè una persona è libera di

circolare anche con le pezze sulle scarpe, però questa persona i giardini Leopardi li ha scambiati per una toilette a cielo aperto e capita con una certa frequenza di trovarlo accovacciato con le braghe calate mentre sta defecando. Il tutto a pochi passi dalle scuole e dai mercati cittadini. Non c’è dubbio che questa persona abbia bisogno di un aiuto dal punto di vista sociale.

A rischio la Fano-Grosseto? Possibile chiusura per alcuni svincoli della superstrada FANO - Oltre all’ormai più volte citata possibilità di istituire un pedaggio per alcuni tratti della Fano-Grosseto, è novità delle ultime ore il rischio di sopressione di alcune uscite. Tra gli svincoli che rischiano la chiusura ci sono anche Lucrezia, Calcinelli, Pian di Rose e Fossombrone Est. I rumor affiorati hanno allertato i cittadini e i sindaci di diversi comuni. Tra questi anche Fano, Cartoceto e Saltara che questa mattina si sono riuniti a Saltara per discuterne. Le uscite segnalate corrispondono tra l’altro e in assoluto ai maggiori centri abitativi e produttivi. Oltre alla presunta “demolizione” degli svincoli, è prevista l’installazione di una barriera in corrispondenza dell’attuale svincolo di Bellocchi. In seguito si dovrebbe passare alla realizzazione dei “tradizionali” caselli per l’esazione nelle uscite rimaste, quelle di Tavernelle, Fossombrone e altre nel tratto di nuova realizzazione. Così facendo, rimarrebbero un terzo degli accessi rispetto ad oggi ed al progetto originario redatto dalla Provincia. Queste possibili modifiche alla Fano-Grosseto non escluderebbero nemmeno la città di Fano e

La superstrada potrebbe avere dei tratti a pagamento

potrebbero creare difficoltà, visto l’alto numero di cittadini fanesi che si recano a lavorare nei comuni della vallata del Metauro. In aggiunta, si aprirebbe uno scenario preoccupante escludendo alcune

grandi comunità dall’infrastruttura. Questo anche il nocciolo dell’interpellanza inviata al presidente della Provincia, firmata dal consigliere provinciale Perlini. Alessandro Bianchi

ADERISCI SUBITO a

Preoccupazione per il cornicione dell’Olivetti FANO - Continuano le segnalazioni da parte genitori preoccupati per la pericolosità del cornicione della scuola superiore Adriano Olivetti, che è in parte crollato. Il problema è nato circa una settimana fa e nessuno ancora è intervenuto risolla protesta per vere la situazioarriva ne, tranne per dai genitori che delimitare la zona sottostante. Soluzione che non risolve il problema, essendo quella una zona frequentatissima dai ragazzi che, soprattutto negli orari di uscita da scuola, passano in massa proprio a pochi passi dalla zona pericolante. Grande rimane la preoccupazione dei genitori, che non si spiegano perché a distanza di giorni la parte danneggiata non sia stata ancora sistemata. s.o.

Viale Togliatti e l’(in)sicurezza stradale

avrai uno

sconto del 10 % sul costo della luce e del gas della tua bolletta. *

* sulla quota energia

Decoro urbano: il barbone dei giardinetti

Per contattare la redazione di Fanoinforma invia una mail a redazione@fanoinforma.it o chiama il numero 0721 803497 Per la tua pubblicità su Fanoinforma telefona al numero 0721 831507

I Circoli Nuova Italia-Fano suggeriscono alcune semplici soluzioni per risolvere il problema

-10% sulle bollette di Luce e Gas

*

che, seppur non riverniciate sono comunque visibili. “Tutto ciò - afferma Seta -, aggravato anche dalla velocità di alcuni automobilisti, rende viale Togliatti molto pericolosa per i pedoni. Non dimentichiamo che nella zona risiedono circa 100/120 famiglie ed è presente anche un asilo”. L’intento dei Circoli Nuova Italia – Fano non è quello di demonizzare gli automobilisti, ma di suggerire alcune semplici soluzioni per la risoluzione del problema prima che la situazione si trasformi in tragedia. Il rifacimento della segnaletica orizzontale in tutto il viale, i funghi di cemento nelle aree dove c’è il divieto di sosta e la realizzazione di strisce pedonali sopraelevate, almeno davanti all’asilo, sarebbero già dei primi segnali di ammodernamento.

Chiama il numero verde

800 566040 e scopri tutti i vantaggi

* sulla quota energia

FANO - Nelle ultime settimane l’amministrazione comunale ha avviato un programma di rifacimento della segnaletica orizzontale in diverse vie cittadine, come via Roma, trascurando però altre aree limitrofe. Tra queste viale Togliatti, che durante i giorni feriali è una via ad alto tasso di traffico, sia per la presenza del centro commerciale sia perché di fatto è una sorta di bretella tra via IV Novembre e via Roma, che consente di bypassare il traffico nella via principale. I Circoli Nuova Italia–Fano, tramite Fabio Seta, hanno evidenziato come, nonostante la presenza di numerosi parcheggi, i frequentatori del centro commerciale parcheggino immancabilmente in spazi non abilitati o in aree vietate, come sulle strisce pedonali


Fanoinforma - Quotidiano, 10 Ottobre 2012