Page 1

Danila Oppio Danzando in punta di penna (Tra versi poetici)

Danila Oppio

2012


1


Danila Oppio Danzando in punta di penna (Tra versi poetici) SILLOGE

2


Danzando in punta di penna (Tra versi poetici) Di Danila Oppio SILLOGE Prima edizione on line 2012 ©Danila Oppio QUESTA SILLOGE NON PUO' ESSERE RIPRODOTTA SENZA LA PERSONALE AUTORIZZAZIONE DELL'AUTRICE - PROPRIETA' RISERVATA In copertina – “piccola ballerina” – immagine di Danila Oppio

Impaginazione e progetto elettronico © www.caffeletterariolalunaeildrago.org e-mail : lalunaeildrago@libero.it le immagini reperite liberamente in rete, contenute in questa pubblicazione, restano di proprietà dei legittimi autori

3


4


RICORDANDO

Sono la scia ultima D’un antico vascello Che, dopo aver solcato Tutti i mari del mondo Rallentando Si avvicina al porto Guardando indietro Le scie lasciate Lungo il suo percorso Ricordando‌

5


ABBANDONATA

Abbandonata Nel tuo amore Dentro sentimenti Assonanti Assonnati Mi avvolgono E sconvolgono

Abbandonata Nella mia gelosia Che non mi appartiene Non la sento mia

Abbandonata In spire di nostalgia 6


In un involucro Di tenera poesia

Abbandonata Consolata dentro Un amore di carta Scarabocchiata Scritta e riscritta Accartocciata Intorno ad un’anima Innamorata

7


ABBANDONO

Dentro La ferrea stretta Come di rapinosa Mano

Del pensiero che muta Non dei voraci lupi Il branco

La strisciante serpe Cangia la ruvida pelle Ne ho incontrato i segni

Mi ha accompagnato Lungo strade sterrate 8


Sull’orlo di un orrido Dirupo, abbandonata

Come dell’orso La pelle hai venduto, La mia, e ora

Nuda, tremante Resto Nell’algida Pensante solitudine

9


ALCHIMIA

Dentro lo sguardo Che accarezza Un assorto pensiero

E lo incendia, ecco Esce dall’ombra Assume contorni

Plastiche forme Di desideri assopiti Mai esaminati, forse Sconosciuti

Ectoplasmi vaganti D’improvviso mutati 10


In dense solide Corporee consistenze

Chimiche reazioni Di fatale attrazione Pura trasmutante Alchimia d’amore

11


ALL’IMPROVVISO

All’improvviso Un vento d’uragano Mi trasportò lontano

In un tempo Tra le pieghe del passato Nel futuro proiettato

Ed è presente Assente, evanescente Immanente

12


ANIMA Vedo la tua anima In uno specchio riflessa Desolatamente sola

Infrango lo specchio In piccole schegge Bizantini mosaici

La sua immagine Cristallizzata In multiple tessere Di luce purissima

13


ARTIGLI

Altre parole Non saprei donarti Certa è la realtà Nel confuso pensiero

Dentro i tuoi morbidi Inusitati artigli Hai attanagliato La mia nomade anima

14


BOLAS

Il fumoso futuro Roteante sulla falange Del dito indice Come bolas d’acciaio Lanciate verso L’infinito orizzonte

15


COME I VENT’ANNI

Come i vent’anni Consumati tra illusioni Desideri inappagati Pazzie e passioni

Corse lungo percorsi Di brevi alienazioni Dimenticate e sepolte Dalle pietre degli anni

E poi….sepolcri incustoditi Violati da rapaci mani Che recuperano giorni Da tempo sotterrati

16


Incoscientemente Dissotterrati Sotto la calante luna

17


CON VOLO D’AQUILA

Mi librerò Con volo d’aquila Sopra le alte vette Dei tuoi segreti pensieri Leggerò Nelle pieghe dell’anima Con penetrante sguardo Sorriderò E con un colpo d’ali Sulle pianure del tuo cuore Sorvolerò I precipizi e gli orridi Anfratti della mente Supererò Ogni aspra roccia 18


E con un grido ferito Artiglierò Il tuo cuore Lo condurrò Nel più nascosto nido Costruito tra alte rupi Riparate dalle bufere Di uragani impetuosi

E li, esausta, me ne nutrirò

19


DALL’ALTO

Conficcai gli occhi Su Rigel e Betelgeuse Con chiodi Arrugginiti Divelti Dall’antica porta Del tuo cuore

Da lassù, forse Potrò osservare Il tuo stanco passo Percorrere labirintiche Siepi e irti rovi

20


Invalicabili barriere Che le nostre vite Inesorabili Separarono

21


DOPO LA BURRASCA

Il sole gioca Sull’increspatura Delle onde

Riccioli d’oro D’eterno bimbo Agitato

22


DUE CIGNI IN VOLO

Nell’infinito del cielo Due candidi cigni Trasportati dal vento Verso paesi caldi In orizzonti lontani Dirigono le ali

Destinazione ignota Se mai arriveranno A completare il volo

E a spiumarsi un poco Per erigere un riparo 23


Da perfidi sguardi

24


EMOZIONI

Ho guadato un torrente Cavalcando una giumenta Attraverso sentieri montani E pascoli erbosi.

Batticuore

Ho navigato nel deserto Di Palmyra, sul dorso D’un imponente dromedario In tempo di pace, in Siria

Commozione

Ho respirato l’immenso 25


E constatato quanto piccoli E insignificanti noi siamo Nella vastitĂ del creato

Turbamento

E pretendiamo di governare La Terra, dove soltanto Madre Natura è padrona. E la violentiamo.

Vergogna

26


EUTANASIA D’UN SENTIMENTO

Ho sentito una carezza Gelida, sul mio viso E un bacio di fredde labbra Come di morte annunciata

Ho sentito che qualcosa Moriva, un caldo amore Raffreddato come cenere Dentro un camino spento

Ho sentito un lamento Che proveniva da dentro Ho sentito svanire In un denso vapore Ogni sembianza d’amore

27


I TUOI OCCHI

I tuoi occhi Pozze d’acqua Lustrale Rugiada su foglie Gocciolanti D’amore

I tuoi occhi Spicchi di lago Profondo e oscuro Dove io nuoto Senza fermarmi

28


IMPREVISTO

Accade L’impensabile Quando meno lo aspettiamo E cadono Barriere, forse troppo Inconsistenti

Costruiamo Alte recinzioni Per impedire la fuga Da una falsa sicurezza E miseramente crollano

Chiudiamo porte e cancelli 29


Per impedire l’imprevisto E l’imponderabile varca Cancelli e porte, e passa Attraverso Blindate serrature Fischiando impenitente Impertinente Fra le fessure Di finestre che pensavamo Sbarrate.

30


IN UNA BRUMOSA SERA

In una brumosa sera Dove annaspo per non cadere Uno spiraglio, un bagliore Illumina la veniente notte.

Quella che fui Si dissolve nella serale Nebbia, e più non sono. Una nota, poi dieci E un concerto notturno risuona nell’anima scaturito dal nulla

I ritmi dei versi incrociati Danzano un valzer sull’onda 31


Di un mare in burrasca Che sulla battigia s’infrange

Sull’ala di gabbiano Scrivo un richiamo Che a volo radente Porta alla riva lontana.

Dello stesso mare Se tu sei una sponda Io sono l’altra.

32


MASCHERE

Finzione Conta l’apparenza Scompare L’umana essenza

Discorsi Senza nulla dire Parole Come nebbia

Il vuoto effimero Dell’apparire E chi non è Si maschera

33


MEMORIE

Lontano Nel tempo Nella distanza Assenza

Vicino Nella memoria Ritrovata Presenza

Ricordi Scolpiti Su una lapide Epigrafica

34


MIA SIMILITUDINE

Percorrendo le aspre vette Di un monte sconosciuto E le pianure infinite Di una solitaria prateria Non avvistai l’orizzonte

Percorrendo strade Tortuose e oscure E viottoli sassosi tra brughiere Di eriche e rovi Non avvistai l’orizzonte

Percorrendo autostrade Trafficate e veloci Caselli e deviazioni 35


Per lavori in corso Non avvistai l’orizzonte

Percorrendo oceani Fiumi e mari Ho incontrato una vela Spiegata al vento Mi sono rispecchiata Nella sua grande randa E avvistai l’orizzonte

Cercando me stessa Trovai la mia similitudine

36


OH, COM’E’ DIFFICILE

Oh! Com’è difficile Navigare nell’immenso Spazi illimitati Non permettono L’incontro.

Su questa Terra Sono confini altri A impedire Un abbraccio

Sono legami stretti Amori indissolubili Abitudini, ricordi Luoghi aggrappati 37


Ai bordi del cuore

Oh! Com’è difficile Navigare nell’immenso Mentre vai ad occidente Io mi incammino Verso l’oriente

Quei passi invalicabili Quelle alte barriere Quelle acque marine Innavigabili.

Una piccola barca Rimane a riva incapace Di affrontare le maree 38


E le mareggiate

Così incrocia i remi Disarmata Nel piccolo porto Aspettando L’ineluttabile.

Mentre il tuo vascello Naviga a vele spiegate Verso l’orizzonte Oh! Com’è difficile Navigare nell’immenso!

39


PARADISO PERDUTO

Abbiamo trovato Insieme e separati Un angolo nascosto A ogni sguardo

Paradiso perduto Ritrovato nel tempo Smarrito e confuso Colmo di emozioni

CosĂŹ intense e confuse Increate e vissute Isolate, collegate Speranze e attese Compiute 40


PENSIERI DA CANCELLARE

Il vento scompiglia i miei pensieri Sollevandoli e depositandoli Come rugginose foglie morte

I raggi del sole li riscaldano Trasformandoli in fuochi Incendiari. Brucianti.

La pioggia li irrora dolcemente E tornano a rifugiarsi nel nulla Erano pensieri inutili. Da cancellare

A volte è meglio non pensare

41


PRAGMATISMO

Quella notte la tempesta infuriava Il vento di tramontana ululava In tutta la casa ogni cosa cigolava Come di catene trascinate Di fantasmi spossati dal lungo Millenario pellegrinare

Le tende alle finestre si gonfiavano Dal soffio degli spifferi gelidi Che ogni fessura trapassavano La notte era buia, un’invisibile mano aveva spento anche la luna

Avevo freddo sotto la trapunta Malgrado fosse imbottita di piume 42


Ed il sonno tardava a venire. Intanto il vento sibilava La pioggia ai vetri bussava Scrosciante insinuante invadente Ed io stavo lĂŹ senza far niente.

Allora ho chiuso le finestre!

43


RUMORI

Rumori Pensieri rotolanti In una stanza vuota Rimbombano

Voci laceranti Cori cacofonici Dentro pareti Insonorizzate

Rimbalzano E si dileguano Attraverso Una crepa nella mente Silenzio finalmente! 44


SE SONO STELLA

Se sono Stella Forse cadente Nel tuo cielo Incandescente Trasparente

Tu sei sole Che scalda e fonde Congelati pensieri

In liquide Colanti forme Iridescenti

45


SILENZIO

Silenzio Devo ascoltare Crescere un filo D’erba e lo schiudersi Lento di una corolla

Silenzio Devo ascoltare Della farfalla Il battito colorato Di due eteree ali

Silenzio Devo ascoltare Una voce lontana 46


Dentro un’anima Sperduta, muta

Silenzio Devo ascoltare Ciò che orecchio Non ode, ma la mente Percepisce silente

47


VIBRAZIONI CROMATICHE

Sento, seppur da lontano Vibrazioni cromatiche Della tua pelle fremente

Sento, come di aurora Boreale, o tempesta solare Vibrazioni cromatiche

Un arcobaleno di gocce Di pioggia sospese sul cielo Colori semoventi, ondulanti.

Una passione senza veli Magnifico arcobaleno Boreale aurora 48


Rugiada come su stelo Di giglio, umido Di una lieve doccia D’amore

49


50


BREVE BIOGRAFIA DELL’AUTRICE Fin da piccola amavo le poesie, leggevo quelle di autori famosi, le imparavo a memoria. In seguito ho cominciato a scriverne qualcuna … leggendole ora, erano proprio ingenue, da ragazzina. Per molto tempo ho diversificato le mie passioni per l’arte, gettandomi su quella figurativa, disegnando e dipingendo. Avevo accantonato la poesia, pur continuando ad amarla. Di tanto in tanto, buttavo giù qualche verso, scribacchiandolo su fogli di carta, tovaglioli, tutto quello che poteva servire allo scopo. Quest’anno, il desiderio di creare poesie si è ripresentato: impellente, pressante, dirompente. Ho così riunito le mie recenti creature in questa silloge mentre, per le poesie precedenti il 2012, ne preparerò presto un’altra. Sono una nonna! Ebbene, forse che le nonne non possono avere ancora un animo fanciullo, romantico, colmo di amore per le cose belle che la vita ancora offre a piene mani? E provare pena per quel che di triste la vita ci presenta? 51


Il disegno in copertina è realizzato a matita da me, quando mi ero buttata a capofitto dentro i colori a olio, le matite, il cavalletto e la tavolozza e chinavo il capo sui fogli da disegno, per illustrare ciò che la fantasia mi suggeriva … così come ora, lo chino sui fogli con la penna in mano, quando un refolo d’aria poetica mi soffia nel cuore.

Danila Oppio

52


53


54


INDICE Ricordando Abbandonata Abbandono Alchimia All’improvviso Anima Artigli Bolas Come i vent’anni Con volo d’aquila Dall’alto Dopo la burrasca Due cigni in volo Emozioni Eutanasia d’un sentimento I tuoi occhi 55


Imprevisto In una brumosa sera Maschere Memorie Mia similitudine Oh! Com’è difficile Paradiso perduto Pensieri da cancellare Pragmatismo Rumori Se sono stella Silenzio Vibrazioni cromatiche

56


57


Š2012

Ogni diritto riservato all’autrice

58


danzando in punta di penna  

silloge poetica di Danila Oppio

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you