Issuu on Google+

RISANAMENTO CONSERVATIVO DELL’EX MOBILIFICIO CASALINI E DELLA CASA DI RINGHIERA ADIACENTE Descrizione dei lavori, dei materiali e delle finiture


è una realizzazione:

filedil s.r.l. via dei mille, 178 27100 Pavia

progettazione e direzione lavori:

78 Studio Associato arch. Paolo cocilovo ing. marco majocchi con ing. annamaria G. franco ing. Jacopo maccabruni

progettazione tecnica impianti:

Impianti termici: SIA - Studio Ingegneri Associati Geologo:

Dott. Filippo Rizzo


impresa edile:

Edil Gicar 2000 s.r.l.

fornitori principali:

Impianto termo idraulico: Rossini Carluccio Impianto elettrico: C.e.B. Tecnoimpianti Serramenti: Marinoni Serramenti Pavimenti e rivestimenti: Interni per Caso Impianto di elevazione: MA.RI.PA Ascensori


Descrizione generale L’organismo edilizio Porta Nuova 14_16, costituito dal complesso dell’”Ex mobilificio Casalini” e dalla corte di ringhiera adiacente, è localizzato nel cuore del centro storico di Pavia, il quadrante sud-orientale. Attiguo all’asse di Corso Garibaldi, vero e proprio punto di riferimento della tradizione pavese ed a ridosso della passeggiata panoramica di Viale Lungo Ticino Sforza, l’organismo edilizio è prossimo a due tra le emergenze architettoniche più significative del tessuto storico, l’Almo Collegio Borromeo e la Basilica di San Michele Maggiore ed a pochi passi dalle principali polarità urbane della città, la Sede Centrale dell’Università degli Studi e Piazza della Vittoria. Il complesso è costituito da tre corpi di fabbrica, due principali ed uno accessorio: i due corpi principali paralleli, collegati da una pensilina aerea vetrata, si affacciano esclusivamente su via Porta Nuova, sviluppandosi interamente all’interno dell’area del complesso e delimitando un lungo cortile “prospettico” interno. Ingressi L’ingresso pedonale si trova in fregio alla via Porta Nuova al civico 16. Gli ingressi carrai in fregio alla via Lunga.

Cortili La porzione di cortile della casa di ringhiera sarà realizzato recuperando la pavimentazione esistente in ciottoli di fiume, mentre la pavimentazione del cortile comune dell’immobile “ex Casalini” sarà pavimentato come da campionatura. Le due porzioni di cortile di proprietà privata relative alle unità immobiliari A1 e A2 saranno realizzate parte parte a verde e parte pavimentato come da campionatura.

pag. 4


Strutture verticali ed orizzontali Al piano terra (esclusa parte cantinata) verrà realizzato un vespaio areato di altezza variabile compatibilmente alle quote di progetto. I solai del piano primo saranno realizzati con solette collaboranti legno-calcestruzzo costituiti da travetti esistenti in legno di dimensioni circa 8x12 cm e interasse circa 60 cm, assito in legno di spessore 3 cm con soprastante cappa collaborante in calcestruzzo alleggerito di spessore cm 5 con interposta rete elettrosaldata e opportuni connettori ove necessario. Tutti gli altri solai esistenti in legno verranno rinforzati con getto collaborante su cui verrà posata membrana antitacco, isolante termico e impianto di riscaldamento con pannelli radianti. Tutti i solai in legno verranno sabbiati. La sabbiatura consiste nell’indirizzare grandi quantità di sabbia, sparate ad alta pressione sulla superficie del solaio in legno al fine di rimuovere le impurità e le incrostazioni formatesi nel corso del tempo. Sui solai in laterocemento esistenti verrà posata membrana antitacco, isolante termico e impianto di riscaldamento con pannelli radianti. Murature perimetrali esistenti Le murature di chiusura perimetrali sono quelle esistenti. Verrà realizzato sul perimetro un cappotto. L’isolamento termico con sistema a cappotto sarà realizzato con lastre in polistirene espanso sinterizzato da cm 10, prodotte con materie prime vergini esenti da rigenerato; reazione al fuoco Euroclasse E; conformi alla norma UNI EN 13163. Le lastre saranno fissate con adesivo a base di cemento privo di solventi, rete di armatura in vetroresina e rasatura con due mani di finitura a civile. Tavolati interni Le pareti di divisione tra appartamento ed appartamento verranno realizzate con doppio tavolato in forati di cui uno da cm. 8,00 o cm 12,00 più uno da cm. 12,00 semiportante (doppio uni), intonacato all’interno, con interposto pannello isolante fonoassorbente tra due lastre in cartongesso. Parete divisorie interne costituite da due paramenti in doppia lastra gesso rivestito spessore 13+13 mm, sostenute da struttura metallica costituita da guida e montanti da 50 mm, con stuccatura e rasatura dei giunti tra le lastre, delle teste delle viti e delle eventuali depressioni, in modo da rendere il fondo continuo e idoneo alla tinteggiatura. Spessore totale parete: cm 10 Parete divisorie interne verso cucine e bagni costituite da due paramenti indoppia lastra gesso rivestito spessore 13+13 mm (di cui una in cartongesso idrorepellente), sostenute da struttura metallica costituita da guida e montanti da 50 mm, con stuccatura e la rasatura dei giunti tra le lastre, delle teste delle viti e delle eventuali depressioni, in modo da rendere il fondo continuo e idoneo alla tinteggiatura. Spessore totale parete: cm 10

pag. 5


I divisori (box e cantine) saranno realizzati in blocchi cavi in conglomerato di cemento vibrocompresso, dimensioni nominali 40 x 10 o 50 x 10 cm, superficie facciavista per interni, colore grigio, a giunti stilati di spessore cm 7,5-8 e REI 60.

Tetto e copertura Nell’immobile di ringhiera il solaio di copertura sarà inclinato e realizzato in legno con le seguenti caratteristiche: sulle capriate e sulla grossa orditura esistente verrà posata nuova piccola orditura, l’assito, manto impermeabile, listelli, ondulina e coppi. L’isolamento sarà realizzato con applicazione all’estradosso del solaio del sottotetto di pannelli preformati in polistirene espanso. Il solaio di copertura dell’immobile A1 (“ex Casalini”) sarà ventilato, realizzato con una struttura in putrelle di ferro e lamiera grecata e con getto integrativo in calcestruzzo alleggerito e rete elettrosaldata. L’isolamento sarà realizzato con pannelli preformati in polistirene espanso stampato per termocompressione con estradosso sagomato. Tutti gli altri solai di copertura esistenti saranno completati con le seguenti specifiche: listelli, ondulina e coppi. L’isolamento sarà realizzato con applicazione all’estradosso del solaio del sottotetto di pannelli preformati in polistirene espanso. La copertura dell’edificio adibito a garage verrà realizzato in legno con manto di copertura in coppi. Tutti i manti di copertura degli edifici residenziali verranno realizzati recuperando le tegole esistenti in cotto che verranno poi riposate sulla parte superiore mentre sulla parte inferiore ne saranno posate di nuove.

Opere da lattoniere Canali, converse, scossaline in rame spessore mm. 8/10 o in alternativa in alluminio preverniciato con giunti a sovrapposizione, chiodati con doppia fila di ribattini e siliconati dove necessario. Pluviali in rame spessore mm 8/10 diametro cm. 10, così pure le curve, i pezzi speciali ed i bracciali ferma tubo.

pag. 6


Ventilazione, canne per esalatori, camini, scarichi e fognature Tutte le unità immobiliari saranno dotate di canna fumaria di espulsione vapori di cucina fino in copertura. Tutti i servizi igienici privi di aperture per la ventilazione naturale saranno dotati di sistema di estrazione aria, costituito da ventilatore a parete e condotto di espulsione. L’aria di espulsione è convogliata fino in copertura attraverso un condotto circolare silenziato di diametro interno non inferiorea 125mm. I tratti sub orizzontali che insistono sull’ingombro dei fabbricati saranno in plastica pesante di diametro opportuno e completi di bracciali di sostegno, di pezzi speciali, di sifoni o pozzetti di ispezione secondo le indicazione della Direzione Lavori. I tratti fuori ingombro fabbricati, saranno in cemento o in plastica pesante con indicazione di sviluppo derivante dalle tavole di progetto. I discendenti degli scarichi delle cucine e dei bagni saranno immessi in appositi pozzetti in cemento. La fognatura dovrà rispondere a tutte le esigenze tecniche richieste dal Comune di Pavia e scaricherà nella rete principale di fognatura esistente, secondo i disposti della D.L. e le prescrizioni Comunali. Allacciamenti utenze Per ogni unità immobiliare verranno realizzati gli allacciamenti singoli alla rete generale di distribuzione dell’acqua potabile, dell’energia elettrica e della rete telefonica (esclusa la posa dei contatori) oltre ad uno condominiale per ogni servizio. Intonaci esterni, interni, gessi Finitura a civile fine su pareti esterne, verticali ed orizzontali, eseguita con rasante a base di cemento, calce, inerti selezionati, additivi, applicata a due passate. Le murature interne perimetrali e le murature di divisione tra unità immobiliari saranno rasate a gesso. Nei box e nelle cantine al piano interrato le pareti ed i soffitti saranno lasciate a vista secondo le particolari indicazioni della Direzione Lavori. Opere in pietra naturale Davanzali di finestra e soglie di porte finestra, in beola grigia di larghezza variabile in base alla tipologia del recupero, spessore cm 3, con piano a vista e coste levigate; forniti di gocciolatoio. Soglie di primo ingresso in beola grigia, spessore cm 3 larghezze da progetto. Le pedate della scala d’accesso al vano cantina saranno realizzate recuperando la pietra del vano scala esistente. Il ballatoio di distribuzione agli appartamenti del primo piano dell’edificio di ringhiera sarà realizzato in pietra.

pag. 7


Impianto di climatizzazione L’edificio verrà dotato di un impianto in pompa di calore che produrrà caldo e freddo. L’acqua per il funzionamento della pompa verrà prelevata da un pozzo preventivamente realizzato e sarà utilizzata tramite una pompa di calore alimentata elettricamente che eleverà i contenuti energetici al fine di riscaldare, raffrescare gli ambienti e di produrre acqua calda sanitaria. Il riscaldamento invernale avverrà tramite impianto a pannelli radianti a pavimento garantendo un buon confort termico all’interno dell’ambiente evitando moti convettivi d’aria e garantendo una temperatura differente tra pavimento e soffitto, cosa che altre tipologia di climatizzazione non garantiscono con uniformità. La generazione dell’aria fredda avverrà tramite canalizzazione oppure con split a parete regolandone la temperatura mediante il proprio termostato. La misura dell’energia termica utilizzata per la climatizzazione dei locali e/o dell’energia termica necessaria agli usi sanitari avverrà tramite contabilizzatori elettronici. Impianto idrico sanitario Realizzazione dell’impianto idrico sanitario completo, realizzato secondo la normativa vigente, con sanitari Ideal Standard serie “Connect“ e rubinetteria Ideal Standard serie Ceraplan. In particolare saranno rispettate le seguenti forniture: -colonne montanti in niron con sezione opportunamente calcolata; -rete di distribuzione interna acqua calda e fredda in tubazioni di niron; -una saracinesca per acqua calda e fredda di intercettazione completa di cappuccio cromato in ogni bagno e nella cucina; -tubazione di scarico in materiale sintetico; -vaschetta di raccolta acqua nei bagni a scomparsa. Quantificazione dei sanitari: bagno padronale: lavabo, vaso, bidet, vasca e relativa rubinetteria; bagno di servizio: lavabo, vaso, bidet, doccia, attacco lavatrice e relativa rubinetteria; cucina attacco per lavello, attacco lavastoviglie, e scarico; lavanderia lavello, attacco lavatrice pag. 8


Impianto elettrico L’impianto elettrico sarà realizzato e certificato in conformità alle leggi vigenti. In particolare ogni unità immobiliare sarà dotata dei seguenti utilizzi: Ingresso -Punto luce semplice -Presa bipasso 10/16A -Comando luce con due deviatori -Punto lampada di emergenza 1 mod. led estraibile -Predisposizione punto allarme volumetrico o perimetrale (tubo con traino) -Predisposizione punto tastiera per antifurto (tubo con traino) -Suoneria -Pulsante campanello con targa portanome Soggiorno -Punto luce semplice -Comando luce con due deviatori -Presa bipasso 10/16A -Gruppo nr. 06 prese a servizio TV -Presa TV terrestre (presa e quota impianto fino al deviatore) -Presa telefonica (presa e cavo fino all’ingresso Telecom dell’appartamento) -Punto alimentazione termostato (solo tubo e scatola) -Punto lampada di emergenza 1 mod. led estraibile -Predisposizione punto allarme volumetrico o perimetrale (tubo con traino) Corridoio/disimpegno -Punto luce semplice -Comando luce con invertitore -Presa bipasso 10/16A -Predisposizione punto allarme volumetrico o perimetrale (tubo con traino) Bagno -Punto luce semplice -Comando luce con interruttore -Presa bipasso 10/16A -Comando luce con interruttore bipolare -Punto aspiratore -Messa a terra equipotenziale delle tubazioni idrauliche e di riscaldamento all’interno dei bagni, con idonei collari in acciaio inox, compreso cavo di collegamento in corda da 6mmq. di colore giallo/verde alla cassetta d derivazione del montante di terra.

pag. 9


Cucina -Punto luce semplice -Comando luce con due deviatori -Presa bipasso 10/16A -Punto alimentazione cappa -Presa TV terrestre (presa e quota impianto fino al deviatore) -Presa telefonica (presa e cavo fino all’ingresso Telecom dell’appartamento) -Predisposizione punto allarme volumetrico o perimetrale (tubo con traino) -Gruppo nr. 03 prese a servizio TV Bagno 2 -Punto luce semplice -Comando luce con interruttore -Presa bipasso 10/16A -Punto aspiratore -Messa a terra equipotenziale delle tubazioni idrauliche e di riscaldamento all’interno dei bagni, con idonei collari in acciaio inox, compreso cavo di collegamento in corda da 6mmq. di colore giallo/verde alla cassetta d derivazione del montante di terra. Camera singola -Punto luce semplice -Comando luce con due deviatori -Presa bipasso 10/16A -Presa TV terrestre (presa e quota impianto fino al deviatore) -Presa telefonica (presa e cavo fino all’ingresso Telecom dell’appartamento) -Predisposizione punto allarme volumetrico o perimetrale (tubo con traino) Cabina armadio -Punto luce semplice -Comando luce con interruttore -Presa bipasso 10/16A Camera matrimoniale -Punto luce semplice -Comando luce con invertitore -Presa bipasso 10/16A -Presa TV terrestre (presa e quota impianto fino al deviatore) -Presa telefonica (presa e cavo fino all’ingresso Telecom dell’appartamento) -Predisposizione punto allarme volumetrico o perimetrale (tubo con traino) pag. 10


Saranno inoltre realizzate le seguenti forniture: predisposizione di impianto di antifurto perimetrale costituito dalla messa in opera dei soli tubi flessibili vuoti sottotraccia; automazione delle basculanti; l’impianto televisione sarà completo oltre che dell’antenna per la ricezione del segnale di Rai e terza banda, dell’antenna satellitare completa di una presa per ogni unità immobiliare; minidomotica per la gestione dei carichi di corrente e della temperatura degli ambienti. Ascensore Impianto ascensore a fune senza locale macchine con sistema di recupero energia. Portata Kg. 480 per un totale di n° 6 persone. Cabina metallica con ingresso a porta automatica del tipo a due ante telescopiche con le seguenti dimensioni: larghezza mm. profondità mm altezza mm. apertura mm.

950; 1300; 2130; 850.

Porte di cabina automatiche, a due ante ad apertura telescopica rivestite (Inox Scotch Brite) con sistema di sicurezza fotocellula + costola mobile. Le porte di piano automatiche, a due ante ad apertura telescopica, abbinate alle porte di cabina rivestite (Inox Scotch Brite). L’impianto sarà realizzato e certificato in conformità alle leggi vigenti. Impianto citofonico L’impianto videocitofonico sarà composto da una postazione esterna principale, comune a tutti i fabbricati ed apparecchi videocitofonici in tutte le unità immobiliari con comando per azionamento della serratura del portone di ingresso. Verrà installato il sistema di Videocitofonia Internet Protocol - VIP di Comelit che offre la massima versatilità, efficienza e integrabilità. Le app gratuite sviluppate per il sistema VIP offrono un’interfaccia grafica funzionale e piacevole che consente la comoda gestione di tutte le funzioni videocitofoniche, anche su dispositivi mobili come smartphone o tablet. Inoltre tutte le funzioni possono essere gestite e fruite anche su PC/MAC.

pag. 11


Impianto di videosorveglianza All’interno del complesso verranno installate delle telecamere di videosorveglianza Day & Night professionali ad altissima risoluzione con filtro meccanico. L’impianto verrà completato con l’installazione di HVR in grado di registrare immagini ad alta risoluzione.

Linea wireless L’immobile sarà dotato di predisposizione per il collegamento internet tramite router collegato alla rete telefonica condominiale.

pag. 12


Pavimenti e rivestimenti Preparazione dei sottofondi dei pavimenti per locali di abitazione in sabbia e cemento a q.li 2,5 per mc. I pavimenti di tutti gli appartamenti saranno a richiesta, sia ceramica, parquet, grès porcellanato levigato secondo la campionatura della Direzione Lavori. I bagni saranno rivestiti sino all’altezza di metri 2,20. Nelle cantine saranno realizzati pavimenti in ceramica monocottura, mentre nei box pavimento in cemento al quarzo con pigmenti colorati o ceramica monocottura antigeliva. Opere da falegname I serramenti forniti saranno della serie Gorbel, realizzati interamente in legno con sagoma modello Vienna con traversini orizzontali e inglesina con vetro unico. Il telaio maestro (a triplice battuta) è dotato di 2 guarnizioni che consentono di ottenere ottime prestazioni per quanto riguarda l’isolamento termico e acustico e la resistenza alle avversità climatiche. Trasmittanza (Uw): 1.300 W/m²K Trasmittanza vetro/pannello: 1.100 W/m²K Persiane, dove previste, in pino di Svezia (colore a scelta della D.L.) a una o due ante con apertura a bandiera o scorrevole complete di ogni accessorio. Finestre e porte finestre con profili tipo inglesina in legno laccato bianco “pino del nord”, ad una o due ante, spessore mm. 68. In ogni serramento sarà posata una zanzariera a scomparsa. I serramenti esterni riferiti agli appartamenti A1 e A2 saranno in alluminio con ante scorrevoli. Tutti i serramenti sprovvisti di persiane saranno dotati di sistemi oscuranti. Le porte interne in legno (cm. 80 x cm. 210) saranno cieche a piano tamburato ad unico battente o scorrevoli, lucidate sulle due facciate con telaio maestro in legno, complete di coprifilo di legno, serratura a chiave normale e maniglia in alluminio. In tutte le camere sarà posato zoccolino battiscopa in “noce tanganika”. II portoncino di primo ingresso dell’edificio di ringhiera con serratura di sicurezza e vetro antisfondamento a richiesta del cliente inferriate di sicurezza. Gli altri portoncini di primo ingresso di tipo blindato con pannello per esterni.

pag. 13


Opere da fabbro Parapetti e ringhiere delle rampe scala e dei ballatoi in profilato di ferro a disegno semplice con altezza a norma di legge. Porte di ingresso alle cantine in lamiera zincata. Porte di accesso carraio ai box di tipo basculante automatizzato e porte di accesso pedonale ai box in ferro verniciato. Struttura della scala condominiale e castello di supporto all’ascensore in ferro come da progetto.

Opere da vetraio Vetri termoacustici composti da quattro lastre di vetro float ed interposta camera d’aria in argon, sigillatura in silicone, spessore mm. 3+3/15/3+3 basso emissivo.

Verniciature e tinteggiature Verniciatura protettiva antiruggine ad una mano di minio con finitura in smalto sintetico a due mani su superficie di ferro. (colore indicato dalla D.L.) Tinteggiatura di tutti i locali interni, con una mano di imprimitura a solvente e due riprese di tinta unica chiara con materiali lavabili delle migliori ditte. La tinteggiatura dei muri perimetrali esterni sarà realizzata con materiale al quarzo traspirante secondo le indicazioni della Direzione dei Lavori e concordemente con l’U.T.C.. I solai in legno, precedentemente sabbiati, saranno trattati con una mano di impregnante e due di finitura.

Cassaforte murale In tutte le unità immobiliari sarà posata una cassaforte murale a chiave.

Le disposizioni, le quantificazioni e le tipologie delle forniture e dei materiali risultanti dalle tavole schematiche di progetto e dalle immagini allegate al presente capitolato sono puramente indicative, vale la descrizione dei lavori sopra riportata.

pag. 14


Porta Nuova 14|16 - Capitolato descrittivo