Issuu on Google+

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

  Scuola Secondaria di I Grado “Solimena –De Lorenzo” Via Nola,1 Nocera Inferiore 84014 (SA) 081/5176356 Fax 081/3615856 e-mail:samm12100a@istruzione.it e-mail certificata:samm12100a@pec.istruzione.it sito web: www.smssolimena.gov.it Cod. Fiscale:80028070656

        ANNO SCOLASTICO 2013/2014      

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA        

(DPR 8 marzo 1999, n.275)   Integrato ed aggiornato dal Collegio dei docenti del 08 ottobre 2013   Istituto del 21 ottobre 2013 Adottato dal Consiglio di                

1   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

INDICE  

 

PREMESSA ..................................................................................................................................................... 4  LE FONTI NORMATIVE ............................................................................................................................... 5  INTRODUZIONE ........................................................................................................................................... 6  IL CONTESTO ............................................................................................................................................... 7  LA SCUOLA .................................................................................................................................................... 9  STRUTTURA ORGANIZZATIVA ............................................................................................................. 10  LE FINALITA’ ............................................................................................................................................... 12  La comunicazione nella madrelingua ............................................................................................ 12  La comunicazione nelle lingue straniere ...................................................................................... 12  La competenza matematica e competenze di base in scienze e tecnologia .................. 13  La competenza digitale ....................................................................................................................... 13  Imparare ad imparare ......................................................................................................................... 13  Le competenze sociali e civiche ...................................................................................................... 13  Il senso di iniziativa e l’ imprenditorialità ................................................................................. 13  Consapevolezza ed espressione culturali .................................................................................... 14  LE LINEE CULTURALI, EDUCATIVE, METODOLOGICHE .............................................................. 15  Linee culturali ......................................................................................................................................... 15  Linee formative ...................................................................................................................................... 16  Linee tematiche ..................................................................................................................................... 16  Linee metodologiche ............................................................................................................................ 16  Linee guida per l’accoglienza degli alunni diversamente abili ............................................. 17  Linee guida per il diritto allo studio degli alunni con DSA .................................................... 17  Piano per l’inclusività a. s. 2013-2014 ......................................................................................... 22  L’ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO ............................................................................................. 37  Curricolo per tutte le classi ............................................................................................................... 37  Ampliamento offerta formativa classi prime .................................................. 37  Ampliamento offerta formativa classi seconde e terze..................................... 37  Tempo scuola per tutte le classi .................................................................. 37  Il Calendario Scolastico ...................................................................................................................... 38  Assegnazione docenti alle classi a. s. 2014-15 ......................................................................... 39  Criteri per la formazione delle classi a. s. 2014-2015 ........................................................... 39  2   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  L'iscrizione ............................................................................................................................................... 40  I RAPPORTI CON LE FAMIGLIE ............................................................................................................ 41  L’ARTICOLAZIONE DIDATTICA ............................................................................................................ 42  Il Curricolo Didattico ............................................................................................................................ 42  LA VALUTAZIONE ...................................................................................................................................... 43  Tipologie di verifica e loro numero per quadrimestre ............................................................. 43  Validità dell’anno scolastico .............................................................................................................. 44  Indicatori per la rilevazione della condotta ............................................................................... 44  Criteri per l’ammissione alla classe successiva o all’esame di Stato ................................ 46  Criteri di ammissione alle classi intermedie ............................................................................... 46  Ammissione con voto di Consiglio .................................................................................................. 47  LE VISITE GUIDATE E I VIAGGI D’ISTRUZIONE ........................................................................... 47  I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ............................................................. 48  LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ..................................................................................... 49  LA VALUTAZIONE INTERNA .................................................................................................................. 49  Progetto sperimentale “VALeS” ....................................................................................................... 50  I PROGETTI D’ISTITUTO ........................................................................................................................ 51  PROGETTI CURRICOLARI ................................................................................................................... 51  Progetto ACCOGLIENZA ............................................................................. 51  Progetto ORIENTAMENTO ........................................................................... 52  PROGETTI EXTRACURRICOLARI ...................................................................................................... 53  PROGETTI FINANZIATI CON I FONDI STRUTTURALI EUROPEI .......................... 53  Progetto REDAZIONE GIORNALISTICA ......................................................... 54  Progetto “Didattica digitale” ........................................................................ 55  Progetto “Promozione alla lettura” ............................................................... 55  “Lettura e scrittura creativa” ....................................................................... 55  “Progetto L’altra matematica” ..................................................................... 56  “Progetto Canto…Cantando” ....................................................................... 57  Progetto “Sport a scuola avviamento alla pratica sportiva” .............................. 57  PROGETTI SPECIALI ............................................................................................................................ 58  “Scuola in ospedale” .................................................................................. 58  “Istruzione domiciliare” .............................................................................. 58  ATTIVITÀ DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE .................................... 60  BIBLIOGRAFIA............................................................................................................................................ 61  3   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

   

PREMESSA

Il regolamento recante “le Indicazioni Nazionali per il Curricolo” della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione del 16 novembre 2012 ha conferito nuove linee guida alle scuole autonome: ovvero i traguardi da raggiungere (in termini di competenze), lasciando ai docenti la libertà e la responsabilità di scegliere la strada per giungere a tali traguardi. L’elaborazione annuale del Piano dell'Offerta Formativa è l'occasione per la scuola di dotarsi di percorsi formativi individualizzati e caratterizzanti che, pur aderendo agli obiettivi generali ed educativi definiti a livello nazionale, raccolgono e rispondono alle esigenze del contesto culturale, sociale ed economico in cui la scuola opera. L’inserimento delle nuove tecnologie nel mondo del lavoro ha trasformato radicalmente non solo gli ambienti, le metodologie, i tempi ma gli stessi contenuti e perfino il linguaggio di molte professioni, ha contribuito a farne nascere di nuove, spesso del tutto inedite o a trasformarne alcune storicamente consolidate. A fronte di questo, la scuola non può ignorare la trasformazione, essa deve coglierla concretamente per mettere gli alunni in condizione di affrontare le nuove sfide.

4   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

LE FONTI NORMATIVE Costituzione della Repubblica italiana Artt. 2, 3, 5, 30, 33, 34, 97, 117, 118, 119 Leggi costituzionali L.C. 3/2001 Leggi ordinarie L. 241/1990 e successive modificazioni; L. 20/1994; L. 169/2008; L. 170/2010 Leggi delega 162/1990; 59/1997; 53/2003; 133/2008 Decreti Presidente della Repubblica 275/1999; 139/2007; 81/2009; 89/2009; 122/2009; 87/2010; 88/2010;89/2010 Decreti Legislativi 81/ 2008; 196/2003; 59/2004 Indicazioni per il curricolo novembre 2012: Nota MIURAOODGOS prot. 7734 del 26

novembre 2012 I DOCUMENTI EUROPEI CUI SI ISPIRA IL POF  Raccomandazioni del Consiglio d’Europa del 18 dicembre 2006 e 23 aprile 2008 

“Relazione congiunta del Consiglio e della Commissione sull’attuazione del programma di lavoro istruzione2010” (Bruxelles 18 gennaio 2010)

Consiglio dell’Unione Europea (Bruxelles 26 e 27 novembre 2009 “Istruzione, gioventù e cultura”)

Comunicazione della Commissione europea “ Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva” (Bruxelles 3.3.2010- recepita il 17 giugno 2010)-ET 2020 In particolare, per l’inclusività rispetto alla nazionalità (Libro verde su Istruzione e Migrazione aprile2008; Consiglio Unione Europea Bruxelles 20 ottobre 2009 istruzione dei bambini provenienti da un contesto migratorio - Le vie italiane per l’integrazione e C.M. 2 dell’8 gennaio 2010).

5   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

INTRODUZIONE     La proposta formativa contenuta nel POF fa riferimento alle “Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo” del novembre 2012. Nella definizione del Piano dell’Offerta Formativa si è fatto riferimento al “nuovo obbligo”(D.M. 22/08/2007, n. 139)agli Assi Culturali e alle Competenze Chiave di Cittadinanza, al D.M. 4/03/2009, ai D.P.R. n° 81 e n° 89 del 20/02/2009 (Regolamento a seguito dell’art. 64 della legge 133/2008) e al D.P.R. n° 122 del 22/06/2009 (Regolamento sulla valutazione). La Scuola Secondaria di I Grado Solimena–De Lorenzo ha sempre esercitato una funzione di anticipazione e di promozione delle innovazioni sul territorio, assumendosi oneri e onori derivanti dalle azioni di cambiamento rispetto allo standard medio delle altre istituzioni scolastiche presenti e operanti nella stessa area, anche, e soprattutto, a seguito dei numerosi regolamenti emanati dal Ministro dell’Istruzione.

6   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

IL CONTESTO

Nocera Inferiore è situata ai piedi dei monti Lattari, nel mezzo di una fertilissima pianura ed è un importante nodo autostradale e ferroviario, oltre che un florido centro commerciale. La città fu centro di fiorente sviluppo economico negli anni 50 del secolo scorso, quando il cosiddetto “Miracolo economico italiano” portò l’espansione dell’industria conserviera e di quelle collegate (scatolifici, industrie meccaniche),mentre si andava gradualmente estinguendo l’industria pastaria e entravano in una crisi sempre più irreversibile le manifatture cotoniere meridionali, lasciando, attualmente, solo una lieve traccia di economia industriale nel settore conserviero. La Scuola Secondaria di I Grado Solimena-De Lorenzo è ubicata in una zona fortemente urbanizzata, posta nel cuore di Nocera Inferiore, (ab. 45.707 di cui 2,3% stranieri). Sul territorio Nocerino sono presenti una sala Roma che è il più antico cinema, la sua inaugurazione risale al 2 ottobre 1910 ad opera de fratelli Duilio e Amore Angora (i pionieri del cinema a Nocera) e il Teatro “Diana” che anticamente era una sala cinematografica. In seguito al terremoto dell’80, quest’ultimo fu dichiarato inagibile. Riaperto con una veste nuova, rinnovata è oggi il teatro della città di Nocera Inferiore. Nell’area urbana vi sono centri sportivi gestiti da diverse associazioni, centri culturali e sociali. Il museo dell’agro situato nel Monastero di S. Antonio rappresenta la memoria storica di una terra fondata intorno al 600 a.c. dagli Etruschi e dagli Italici Sarrastri. Nonostante l’età media della popolazione sia 40,9 la realtà locale risulta carente di luoghi di incontro ed accoglienza che favoriscano l’integrazione degli alunni diversamente abili, di iniziative socio culturali volte alla sensibilizzazione del mondo giovanile e dei problemi socioambientali. I tassi di disoccupazione (16,5% e 49,9%), il tasso di tossicodipendenza 3,29/100.000 ab. e la presenza di numerosi casi di microcriminalità rendono poi il territorio ancor più vulnerabile a fenomeni di mancato rispetto delle regole, prepotenze, disagio ecc.

7   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  Distribuzione della popolazione di Nocera Inferiore 17% oltre  65 anni

15%  0‐14  anni

68% 14‐ 65 anni 

Distribuzione della popolazione  studentesca 41%  Istituti  Tecnici

40%   Licei

19%  Istituti  Professi onali

  8   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

LA SCUOLA

La Scuola “De Lorenzo” e la Scuola “Solimena”, a partire dall’anno scolastico 2006-2007, sulla base di un piano di dimensionamento delle istituzioni scolastiche del territorio, sono state accorpate assumendo la denominazione di “Solimena-De Lorenzo”. La sede “Solimena” è ubicata in via Nola 1 ed è dotata di: 25 aule idonee per la normale attività didattica Un’aula magna Una sala docente Un laboratorio informatico Un laboratorio linguistico Un laboratorio scientifico Una biblioteca Una palestra La sede “De Lorenzo” è ubicata in via Martinez y Cabrera 1 ed è dotata di: 14 aule idonee per la normale attività didattica il cui accesso è facilitato dalla presenza di un ascensore Una sala docente Una palestra Un laboratorio informatico

9   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

STRUTTURA ORGANIZZATIVA

Dirigente Scolastico Giuseppe Pannullo D.S.G.A Rosa Vollono Collaboratori del Dirigente  Prof.ssa Patrizia Cosenza   Prof.ssa Elena Realfonso (responsabile sede De Lorenzo) FUNZIONI STRUMENTALI AL PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

Prof.ssa DESPALJ NICOLINA

Area 1 - Gestione piano offerta formativa e servizi per studenti: uscite didattiche, attività pomeridiane. Responsabile attività pomeridiane e della valutazione (in collaborazione con Area 2). Coordinamento del progetto Trinity e delle relative certificazioni linguistiche. Organizzazione e coordinamento manifestazioni. Valutazione dei progetti e delle attività in ingresso, itinere e finale. In collaborazione con il RSPP e con il RLS, cura la diffusione e l’attuazione del piano della sicurezza nella scuola per la sede Solimena. Organizzazione visite guidate, in collaborazione con funzione area 4 per la sede De Lorenzo. Coordinamento attività scuola in ospedale. Responsabile laboratori sede De Lorenzo e Solimena

Prof.ssa D’AMATO ANTONIETTA

Area 2 - Gestione delle attività INVALSI e servizi per studenti: continuità e orientamento.  Coordinamento delle attività relative alla somministrazione delle prove Invalsi.  Gestione in collaborazione con la FS 1 del programma di autovalutazione d’istituto con la raccolta dei dati e la loro archiviazione. Supporto al lavoro dei docenti.  Monitoraggio in itinere dello svolgimento delle prove (individuazione di punti di forza e dei punti di debolezza)  Coordinamento del lavoro di correzione delle prove, raccolta dei dati e trasmissione degli stessi.  Coordinamento delle attività relative allo svolgimento degli esami di stato e supporto al lavoro del Presidente di Commissione  Co-responsabile, con Area 3, progetto continuità scuole primarie: coordinamento e gestione delle attività di continuità scuole primarie, realizzazione di strumenti operativi per il monitoraggio della scelta, predisposizione di schede di raccordo. Accoglienza. Formazione classi prime.  Responsabile Lim (attività di coaching).

Prof.ssa BOVE ANNAMARIA

Area 3 - Area della comunicazione e servizi per studenti: continuità.  Curare la pubblicizzazione esterna delle iniziative e delle attività della scuola e i rapporti con i mass media e le agenzie di comunicazione.  Coordinare e organizzare, all’interno della scuola la pubblicizzazione delle attività svolte.  Responsabile Lim: (attività di coaching) curare il materiale didattico per l’uso delle lavagne multimediali e la diffusione dei software, attività di supporto per docenti e alunni.  Referente Open Class: diffusione, cura e gestione della piattaforma come risorsa per la classe.  Referente Cl@ssi digitali: diffusione, cura e supporto delle risorse per la creazione e gestione di siti, blog e wiki per la didattica.  Supporto ai docenti (guida per la ricerca e l’uso delle risorse in rete) finalizzato alla didattica in aula digitale: education 2.0.  Co-responsabile, con Area 2, progetto continuità scuole primarie: raccordo con la scuola primaria (organizzazione incontri, promozione attività, realizzazione e uso di strumenti operativi, predisposizione schede per la continuità). Accoglienza. Formazione classi prime.

Prof.ssa ACCARINO PATRIZIA

Area 4 - Area sicurezza negli ambienti di lavoro, integrazione alunni stranieri, ed. alla legalità.  Collaborazione col RSPP e con il RLS per tutti gli adempimenti connessi col piano di sicurezza ed evacuazione sede De Lorenzo.  Collaborazione con il responsabile della sede De Lorenzo.

10   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

   Curare, in collaborazione con il RSPP e con il RLS, la diffusione e l’attuazione del piano della sicurezza nella scuola.  Organizzazione e realizzazione, in collaborazione con il RSPP e con il RLS, del piano di formazione per gli addetti.  Referente attività di educazione ambientale.  Coordinamento attività sede De Lorenzo e sede Solimena.  Organizzazione attività per gli alunni stranieri e disagiati.  Coordinamento di tutte le attività, per la sede De Lorenzo, legate allo “svantaggio”.  Organizzazione visite guidate sede De Lorenzo, in collaborazione con funzione area 1.  Referente DSA sede De Lorenzo.  Referente per l’educazione alla legalità sede De Lorenzo.

Prof.sse RUSSO LUISA e TORRE MARIAROSARIA

Area 5 - Indicatori OCSE-PISA e insegnamento delle scienze naturali e sperimentali Obiettivi di Lisbona  Organizzazione e Gestione del laboratorio scientifico.  Preparazione delle sperimentazioni in ore libere da impegni.  Predisposizione piano di formazione per l’utilizzo dei laboratori.  Referente per le discipline di insegnamento e per le attività previste a livello territoriale per scienze e giochi matematici.  Organizzazione giochi matematici d’Istituto.  Coordinamento partecipazione alunni ai giochi matematici.

Prof.ssa PETRIELLO ANTONELLA

Area 6– Coordinamento e gestione delle attività di integrazione di alunni diversamente abili, con svantaggio culturale e stranieri.  Aggiornamento della documentazione degli alunni diversamente abili.  Relazioni con: ASL – Ente locale – Docenti sostegno, Genitori alunni.  Verifiche periodiche sull’inserimento degli alunni certificati e stranieri.  Aggiornamento annuale profilo dinamico funzionale.  Raccolta e studio della normativa vigente.  Divulgazione iniziative relative all’handicap e all’integrazione.  Coordinamento dei rapporti tra scuola e famiglia.  Raccolta delle programmazioni/progetti individualizzati. Coordinamento di tutte le attività legate allo “svantaggio”. Diffusione di materiali utili per l’attività didattica.  Referente per le attività di educazione alla salute e sport.  Referente scuola per i diversamente abili, DSA e i BES.  Referente per l’educazione alla legalità sede Solimena.

           

11   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

LE FINALITA’ Le nuove Indicazioni confermano la validità dell’impianto educativo e culturale della scuola di base italiana che si è venuto consolidando nel corso di tanti anni, con le sue vocazioni di accoglienza e di inclusione. Consapevoli che occorre ripensare a fondo al modo di essere della scuola è necessario garantire, in uno scenario mutato, anche dal punto di vista demografico, delle competenze più solide ai nostri giovani a partire dalla padronanza della lingua italiana, dalle capacità di argomentare e di risolvere problemi, dall’incontro con il nostro patrimonio storico, artistico e ambientale e dalle competenze digitali. In definitiva ciascun cittadino italiano e quindi d’Europa deve disporre di un’ampia gamma di competenze chiave per adattarsi in modo flessibile ad un mondo in rapido mutamento caratterizzato dalla forte interconnessione dell’aspetto sociale con l’economico. L’Italia recepisce come obiettivo generale del processo formativo del sistema pubblico di istruzione il conseguimento delle competenze chiave definite dal Parlamento Europeo con le Raccomandazioni del 18 dicembre 2006. Il quadro di riferimento, dunque, delinea otto competenze chiave: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8.

comunicazione nella madrelingua; comunicazione nelle lingue straniere; competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia; competenza digitale; imparare a imparare; competenze sociali e civiche; spirito di iniziativa e imprenditorialità; consapevolezza ed espressione culturale.

Le competenze chiave sono considerate tutte importanti, perché ciascuna di esse contribuisce a migliorare la società della conoscenza. Molte delle competenze si sovrappongono e sono correlate tra loro, ma è necessario sottolineare che aspetti essenziali ad un ambito favoriscono la competenza in un altro. La competenza nelle abilità fondamentali del linguaggio, della lettura, della scrittura e del calcolo e nelle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) sono fondamentali per l’apprendimento, così come l’imparare ad imparare aiuta l’assimilazione. Il quadro di riferimento tiene conto di diverse variabili: il pensiero critico, la creatività, l’iniziativa, la capacità di risolvere i problemi, la valutazione del rischio, l’assunzione di decisioni e la capacità di gestione costruttiva dei sentimenti. Tutti questi fattori svolgono un ruolo importante per le otto competenze chiave.

La comunicazione nella madrelingua È intesa come la capacità di esprimere e interpretare concetti, pensieri, sentimenti, fatti e opinioni in forma sia orale sia scritta (comprensione orale, espressione orale, comprensione scritta ed espressione scritta) e di interagire adeguatamente, e in modo creativo, sul piano linguistico in un’intera gamma di contesti culturali e sociali, quali istruzione e formazione, vita domestica e tempo libero.

La comunicazione nelle lingue straniere Condivide essenzialmente le principali abilità richieste per la comunicazione nella madrelingua. La comunicazione nelle lingue straniere richiede anche abilità quali la mediazione e la comprensione interculturale. Il livello di padronanza di un individuo varia inevitabilmente tra le quattro dimensioni (comprensione orale, espressione orale, comprensione scritta ed espressione scritta) e tra le diverse lingue e a seconda del suo retroterra sociale e culturale, del suo ambiente e delle sue esigenze ed interessi.

12   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

La competenza matematica e competenze di base in scienze e tecnologia È l’abilità di sviluppare e applicare il pensiero matematico per risolvere una serie di problemi di situazioni quotidiane. Partendo da una solida padronanza delle competenze aritmeticomatematiche, l’accento è posto sugli aspetti del processo e dell’attività oltre che su quelli della conoscenza. La competenza matematica comporta, in misura variabile, la capacità e la disponibilità a usare modelli matematici di pensiero (pensiero logico e parziale) e di presentazione(formule, modelli, costrutti grafici, carte). La competenza in campo scientifico si riferisce alla capacità e alla disponibilità a usare l’insieme delle conoscenze e delle metodologie possedute per spiegare il mondo che ci circonda, sapendo identificare le problematiche e traendo le conclusioni che siano basate su fatti comprovati. La competenza in campo tecnologico è considerata l’applicazione di tale conoscenza e metodologia per dare risposta ai desideri o bisogni avvertiti dagli esseri umani. La competenza in campo scientifico e tecnologico include la comprensione dei cambiamenti determinati dall’attività umana e la consapevolezza delle responsabilità di ciascun cittadino.

La competenza digitale La competenza digitale consiste nel saper utilizzare, con dimestichezza e spirito critico, le tecnologie della società dell’informazione per il lavoro, il tempo libero e la comunicazione. Essa implica abilità di base nelle tecnologie dell’informazione e comunicazione (ICT): l’uso del computer per reperire, valutare, conservare, produrre, presentare e scambiare informazioni, nonché per comunicare e partecipare a reti collaborative tramite Internet.

Imparare ad imparare È l’abilità di perseverare nell’apprendimento, di organizzare il proprio apprendimento anche mediante una gestione efficace del tempo e delle informazioni, sia a livello individuale che in gruppo. Questa competenza comprende la consapevolezza del proprio processo di apprendimento e dei propri bisogni, l’identificazione delle opportunità disponibili e la capacità di sormontare gli ostacoli per apprendere in modo efficace, oltre che l’acquisizione, l’elaborazione, e l’assimilazione di nuove conoscenze ed abilità come anche la ricerca e l’uso delle opportunità di orientamento. Il fatto di imparare ad imparare fa si che i discenti prendano le mosse da quanto hanno appreso in precedenza e dalle loro esperienze di vita per usare ed applicare conoscenze ed abilità in tutta una serie di contesti: a casa, sul lavoro, nell’istruzione e nella formazione. La motivazione e la fiducia sono elementi essenziali perché una persona possa acquisire tale competenza.

Le competenze sociali e civiche Includono competenze personali, interpersonali e interculturali e riguardano tutte le forme di comportamento che consentono alle persone di partecipare in modo efficace e costruttivo alla vita sociale e lavorativa, in particolare alla vita in società sempre più diversificate, come anche a risolvere i conflitti ove ciò sia necessario. La competenza civica dota le persone degli strumenti per partecipare appieno alla vita civile, grazie alla conoscenza dei concetti e delle strutture sociopolitiche e all’impegno per una partecipazione attiva e democratica.

Il senso di iniziativa e l’ imprenditorialità Il senso di iniziativa e l’imprenditorialità concernono la capacità di una persona di tradurre le idee in azione. In ciò rientrano la creatività, l’innovazione e l’assunzione di rischi come anche la capacità di pianificare e di gestire progetti per raggiungere obiettivi. È una competenza che aiuta gli individui, non solo nella loro vita quotidiana, nella sfera domestica e nella società, ma anche nel posto di lavoro, ad avere consapevolezza del contesto in cui operano e a poter cogliere le opportunità che si offrono ed è punto di partenza per le abilità e le conoscenze più specifiche di cui hanno bisogno coloro che avviano o contribuiscono ad un’attività sociale o

13   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  commerciale. Essa dovrebbe includere la consapevolezza dei valori etici e promuovere il buon governo.

Consapevolezza ed espressione culturali Tale competenza riguarda l’importanza dell’espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un’ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi la musica, le arti dello spettacolo, la letteratura e le arti visive.

14   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

LE LINEE CULTURALI, EDUCATIVE, METODOLOGICHE   La Scuola Secondaria di I Grado “Solimena–De Lorenzo”, è composta da due sedi ed ha da sempre avuto un ruolo di scuola capofila sul territorio per l’elevata sensibilità nonché disponibilità dei docenti e delle famiglie a “sperimentare” nuovi contenuti, nuovi materiali, innovativi rispetto a quelli previsti dagli ordinamenti. La “stagione” della sperimentazione metodologico-didattica (art. 2 del DPR n° 419) e quella di ordinamenti e strutture (art. 3 del DPR n° 419) sono state molto ricche e articolate nelle proposte educative e didattiche dell’intero istituto: dall’integrazione scuola-territorio, ai modelli sperimentali di schede di valutazione, alla autonomia scolastica, alle proposte di riforma della scuola. Queste le tappe più significative, ma nel dettaglio molte altre innovazioni hanno caratterizzato e qualificano tuttora le proposte educative e didattiche della scuola. Basti pensare allo sviluppo e all’applicazione delle nuove tecnologie alla didattica (laboratori multimediali; registro elettronico, lavagne interattive multimediali; ecc) e soprattutto, con l’avvento delle riforme (legge n.°53/2003; d. lgs n°59/2004; DM 31.07.07), si è dato impulso alla didattica laboratoriale sia nelle attività obbligatorie (30 ore settimanali obbligatorie per tutti gli allievi) e sia in quelle aggiuntive opzionali facoltative. In sintesi la proposta formativa dell’istituto per gli allievi iscritti e frequentanti la scuola nell’anno 2013/2014 sarà ancora caratterizzata dai seguenti presupposti: a) la coerenza tra le scelte educative e didattiche dell’Istituto con le scelte istituzionali contenute nella legge di riforma (n°53 del 28.09.03), nel d.lgs. n° 59/2004, il D.M. 31/07/2007 (Indicazioni per il curricolo) e le Indicazioni nazionali per il curricolo del primo ciclo del novembre 2012 e il relativo Regolamento; b) la funzionalità delle scelte educative e didattiche al soddisfacimento dei bisogni formativi degli allievi: bisogni di conoscenza, bisogni di identità e di socializzazione, bisogni di orientamento tanto in campo scolastico quanto in quello formativo più ampio che supera il perimetro della scuola; bisogni di comunicazione e di “padronanza” dei vari linguaggi; bisogni di integrazione nel contesto socio-culturale; bisogni di rassicurazione e di gestione dell’incertezza e dell’imprevisto; bisogni affettivi, bisogni di appartenenza e così via; c) il confronto collegiale e partecipato tra il dirigente scolastico, i docenti, il personale ATA e le famiglie nelle scelte educative e didattiche, attraverso lo scambio di idee sulle proposte e sull’assunzione di precise responsabilità in relazione alla propria funzione e al proprio ruolo nella scuola; d) l’uso diffuso delle tecnologie educative e didattiche quali strumenti funzionali a promuovere apprendimenti disciplinari ed extradisciplinari e per imparare ad usare nuove forme di linguaggio (scuolanext, giornale scolastico on line, aule digitali); e) la progettazione di situazioni formative che privilegiano un apprendimento attivo degli allievi, attraverso forme di coinvolgimento, di responsabilizzazione e di motivazione degli stessi su argomenti, problemi, compiti di realtà, significativi per ciascun alunno. Le situazioni di apprendimento prevedono momenti di operatività, affiancati da studio ed elaborazione personali. Pertanto, molto centrate sul “fare” più che sul “dire” e il “ripetere”.

Linee culturali Le linee culturali di riferimento delle azioni educative e didattiche della scuola secondaria di I grado sono:  La valorizzazione dei linguaggi e delle culture differenti presenti nella scuola.  L'alfabetizzazione e l'uso della multimedialità nella didattica.  L’acquisizione di competenze specifiche disciplinari e di competenze trasversali legate alla cittadinanza (cittadinanza e costituzione).

15   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

       

La conoscenza del sistema sociale, ambientale economico e geografico in cui gli alunni vivono. La padronanza dei linguaggi e delle tecnologie più diffuse. La flessibilità come disponibilità a cambiare e a innovare. La conoscenza e l'uso in chiave comunicative di più lingue comunitarie. La collaborazione tra scuola e istituzioni presenti sul territorio. La valutazione e la certificazione delle competenze.

Linee formative I docenti della scuola utilizzano il valore formativo delle discipline e la specificità delle attività proposte, per realizzare opportunità formative miranti a far acquisire, consolidare e sviluppare:  l'analisi da punti di vista diversi delle varie realtà socioeconomiche e culturali come approccio alle altre culture;  la consapevolezza dei propri limiti e delle potenzialità come contributo al processo di maturazione dell'identità personale;  la padronanza di saperi, di linguaggi e delle tecnologie più diffuse;  lo spirito partecipativo come capacità di lavorare con gli altri;  la dimensione dell' autocritica come capacità di auto valutarsi;

Linee tematiche Punti fermi nelle scelte tematiche operate dalla scuola negli ultimi anni sono le tematiche proposte dal Collegio dei Docenti come "nuclei culturali" caratterizzanti il Curricolo di Istituto. Queste tematiche possono essere ricondotte a problemi di rilevanza disciplinare, didattica, sociale e psicologica:  la legalità, il rispetto delle regole del vivere civile nella sfera individuale, istituzionale e sociale (soprattutto in riferimento al Patto Educativo di corresponsabilità D.P.R. 235/07);  la pace e i diritti umani, con particolare attenzione ai diritti dei bambini;  l'intercultura, l'integrazione di culture, l'accoglienza dell'altro;  lo sviluppo sostenibile in tema di difesa, di conservazione e di valorizzazione del patrimonio naturale e ambientale;  l'uso critico degli strumenti di comunicazione di massa;  lo sviluppo delle competenze chiave di cittadinanza;  la dimensione di ricerca e di esplorazione in ambito scientifico;

Linee metodologiche Le azioni educative e didattiche che si realizzano nella scuola rispondono a scelte metodologiche funzionali a conseguire, da un lato, gli obiettivi che autonomamente i singoli Consigli di Classe decidono e, dall'altro, a garantire coerenza con le scelte culturali e formative dichiarate nel POF e nel Curricolo di Istituto. Nella scuola si svolgono attività di:  accoglienza e orientamento;  sviluppo e consolidamento di competenze di base e saperi specifici;  recupero e sviluppo di competenze strumentali, culturali e relazionali idonee ad una attiva partecipazione alla vita sociale;  apprendimento di due lingue comunitarie (inglese e francese) attraverso modalità didattiche che privilegiano l’interazione tra docenti e allievi;  partecipazione a iniziative promosse da altri Enti a livello nazionale ad es. MIUR- Unione Europea (Piani Operativi Nazionali); Università Bocconi per i giochi matematici; Ordine Nazionale dei Giornalisti e Alboscuole per la redazione giornalistica della scuola; USR Campania per il progetto “Vivere la strada”o l'uso dell'attività laboratoriale centrata sul "fare" degli allievi rispetto ad un "prodotto" da fornire;  supporto e/o integrazione delle conoscenze e delle competenze specifiche dei docenti attraverso l’uso di mezzi ed attrezzature didattiche specifiche;  sviluppo di percorsi didattici con momenti di "fruizione" delle opportunità formative offerte dal territorio;  verifica e di valutazione comune previsti dai gruppi disciplinari (Dipartimenti);

16   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

Linee guida per l’accoglienza degli alunni diversamente abili PIANI PERSONALIZZATI PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI per l’inclusività rispetto alla disabilità (Linee Guida per l’Integrazione scolastica degli alunni con disabilità-MIUR agosto 2009 e C.M.38 del 15 aprile ’10), si fondano sui seguenti documenti: 1. Certificazione a fini scolastici. 2. Diagnosi Funzionale "descrizione analitica della compromissione funzionale dello stato psicofisico dell’alunno handicappato", che deve contenere "l’anamnesi familiare, gli aspetti clinici (anamnesi fisiologica e patologica, diagnosi clinica), gli aspetti psicosociali (area cognitiva, affettivo relazionale, linguistica, sensoriale, motorio-prassica, neuropsicologica, autonomia)" ad opera dell’unità Multidisciplinare (specialista della patologia invalidante, neuropsichiatra infantile, terapista della riabilitazione, operatori sociali in servizio presso l’A.S.L.). 3. Profilo Dinamico Funzionale (=proiezione evolutiva della situazione) "descrizione delle difficoltà e dello sviluppo potenziale dell’alunno nei tempi brevi (sei mesi) e medi (due anni)" (d.P.R.24.02.1994, art. 4). Ad esso provvede un gruppo di lavoro misto composto dall’unità multidisciplinare dell’ASL, dai docenti curricolari, dal docente di sostegno e dai genitori dell’alunno. Viene redatto "dopo un primo periodo di inserimento scolastico". I contenuti del PDF riguardano "l’asse cognitivo, affettivo-relazionale, comunicazionale, linguistico, sensoriale, motorio-prassico, neuropsicologico, l’autonomia, l’apprendimento". Per ogni asse va analizzato il funzionamento ed il livello di sviluppo. Il documento è soggetto a verifiche in media, ogni biennio ("alla fine della seconda elementare, della quarta elementare, della seconda media, del biennio e del quarto anno superiore"). 4. Il Piano Educativo Individualizzato o Personalizzato (PEI o PEP) (="il documento nel quale vengono descritti gli interventi finalizzati alla piena realizzazione del diritto all’educazione, all’istruzione ed all’integrazione scolastica")-Gruppo di Lavoro dedicato al singolo alunno (GLHO insegnanti curricolari, docente di sostegno, genitori dell’alunno, operatori). Il documento è soggetto a verifiche ordinariamente quadrimestrali da parte del GLHO. 5. Progettazione individualizzata, affidata a tutti i singoli docenti di classe, con il coordinamento dell’insegnante di sostegno.

Linee guida per il diritto allo studio degli alunni con DSA Premessa generale La legge 8 ottobre 2010, n. 170, riconosce la dislessia, la disortografia, la disgrafia e la discalculia come Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA), assegnando al sistema nazionale di istruzione il compito di individuare le forme didattiche e le modalità di valutazione più adeguate affinché gli alunni con DSA possano raggiungere il successo formativo. Per la peculiarità dei Disturbi Specifici di Apprendimento, la Legge apre, in via generale, un ulteriore canale di tutela del diritto allo studio, rivolto specificamente agli alunni con DSA, diverso da quello previsto dalla legge 104/1992. Infatti, il tipo di intervento per l’esercizio del diritto allo studio previsto dalla Legge si focalizza sulla didattica individualizzata e personalizzata, sugli strumenti compensativi, sulle misure dispensative e su adeguate forme di verifica e valutazione. A questo riguardo, la promulgazione della legge 170/2010 riporta in primo piano un importante fronte di riflessione culturale e professionale su ciò che oggi significa svolgere la funzione docente. Le Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico sollecitano ancora una volta la scuola - nel contesto di flessibilità e di autonomia avviato dalla legge 59/99 – a porre al centro delle proprie attività e della propria cura la persona, sulla base dei principi sanciti dalla legge 53/2003 e dai successivi decreti applicativi: “La definizione e la realizzazione delle strategie educative e didattiche devono sempre tener conto della singolarità e complessità di ogni persona, della sua articolata identità, delle sue aspirazioni, capacità e delle sue fragilità, nelle varie fasi di sviluppo e di formazione” In tale contesto, si inserisce la legge 170/2010, rivolta ad alunni che necessitano, oltre ai prioritari interventi di didattica individualizzata e personalizzata, anche di specifici strumenti e misure che derogano da alcune prestazioni richieste dalla scuola. Per consentire, pertanto, agli

17   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  alunni con DSA di raggiungere gli obiettivi di apprendimento, devono essere riarticolate le modalità didattiche e le strategie di insegnamento sulla base dei bisogni educativi specifici, in tutti gli ordini e gradi di scuola. Le Linee guida allegate al decreto ministeriale del 12 luglio 2011 presentano alcune indicazioni (di seguito si riportano), elaborate sulla base delle più recenti conoscenze scientifiche, per realizzare interventi didattici individualizzati e personalizzati, nonché per utilizzare gli strumenti compensativi e per applicare le misure dispensative. Esse indicano il livello essenziale delle prestazioni richieste alle istituzioni scolastiche per garantire il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con DSA. I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO I Disturbi Specifici di Apprendimento interessano alcune specifiche abilità dell’apprendimento scolastico, in un contesto di funzionamento intellettivo adeguato all’età anagrafica. Sono coinvolte in tali disturbi: l’abilità di lettura, di scrittura, di fare calcoli. Sulla base dell’abilità interessata dal disturbo, i DSA assumono una denominazione specifica: dislessia (lettura), disgrafia e disortografia (scrittura), discalculia (calcolo). Secondo le ricerche attualmente più accreditate, i DSA sono di origine neurobiologica; allo stesso tempo hanno matrice evolutiva e si mostrano come un’atipia dello sviluppo, modificabili attraverso interventi mirati. Posto nelle condizioni di attenuare e/o compensare il disturbo, infatti, il discente può raggiungere gli obiettivi di apprendimento previsti. E’ da notare, inoltre (e ciò non è affatto irrilevante per la didattica), che gli alunni con DSA sviluppano stili di apprendimento specifici, volti a compensare le difficoltà incontrate a seguito del disturbo. La dislessia Da un punto di vista clinico, la dislessia si manifesta attraverso una minore correttezza e rapidità della lettura a voce alta rispetto a quanto atteso per età anagrafica, classe frequentata, istruzione ricevuta. Risultano più o meno deficitarie - a seconda del profilo del disturbo in base all’età – la lettura di lettere, di parole e non-parole, di brani. In generale, l’aspetto evolutivo della dislessia può farlo somigliare a un semplice rallentamento del regolare processo di sviluppo. Tale considerazione è utile per l’individuazione di eventuali segnali anticipatori, fin dalla scuola dell’infanzia. La disgrafia e la disortografia Il disturbo specifico di scrittura si definisce disgrafia o disortografia, a seconda che interessi rispettivamente la grafia o l’ortografia. La disgrafia fa riferimento al controllo degli aspetti grafici, formali, della scrittura manuale, ed è collegata al momento motorio-esecutivo della prestazione; la disortografia riguarda invece l’utilizzo, in fase di scrittura, del codice linguistico in quanto tale. La disgrafia si manifesta in una minore fluenza e qualità dell’aspetto grafico della scrittura, la disortografia è all’origine di una minore correttezza del testo scritto; entrambi, naturalmente, sono in rapporto all’età anagrafica dell’alunno. In particolare, la disortografia si può definire come un disordine di codifica del testo scritto, che viene fatto risalire ad un deficit di funzionamento delle componenti centrali del processo di scrittura, responsabili della transcodifica del linguaggio orale nel linguaggio scritto. La discalculia La discalculia riguarda l’abilità di calcolo, sia nella componente dell’organizzazione della cognizione numerica (intelligenza numerica basale), sia in quella delle procedure esecutive e del calcolo. Nel primo ambito, la discalculia interviene sugli elementi basali dell’abilità numerica: il subitizing (o riconoscimento immediato di piccole quantità), i meccanismi di quantificazione, la seriazione, la comparazione, le strategie di composizione e scomposizione di quantità, le strategie di calcolo a mente. Nell’ambito procedurale, invece, la discalculia rende difficoltose le procedure esecutive per lo più implicate nel calcolo scritto: la lettura e scrittura dei numeri, l’incolonnamento, il recupero dei fatti numerici e gli algoritmi del calcolo scritto vero e proprio.

18   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  La comorbilità Pur interessando abilità diverse, i disturbi sopra descritti possono coesistere in una stessa persona ciò che, tecnicamente, si definisce “comorbilità”. Ad esempio, il Disturbo del Calcolo può presentarsi in isolamento o in associazione (più tipicamente) ad altri disturbi specifici. La comorbilità può essere presente anche tra i DSA e altri disturbi di sviluppo (disturbi di linguaggio, disturbi di coordinazione motoria, disturbi dell’attenzione) e tra i DSA e i disturbi emotivi e del comportamento. In questo caso, il disturbo risultante è superiore alla somma delle singole difficoltà, poiché ognuno dei disturbi implicati nella comorbilità influenza negativamente lo sviluppo delle abilità complessive. Scuola secondaria di I grado: strategie e interventi compensativi e dispensativi La scuola secondaria richiede agli studenti la piena padronanza delle competenze strumentali (lettura, scrittura e calcolo), l’adozione di un efficace metodo di studio e prerequisiti adeguati all’apprendimento di saperi disciplinari sempre più complessi; elementi, questi, che possono mettere in seria difficoltà l’alunno con DSA, inducendolo ad atteggiamenti demotivati e rinunciatari. Tali difficoltà possono essere notevolmente contenute e superate individuando opportunamente le strategie e gli strumenti compensativi nonché le misure dispensative. Disturbo di lettura Nel caso di studenti con dislessia, la scuola dovrà mirare a promuovere la capacità di comprensione del testo. La decodifica, ossia la decifrazione del testo, e la sua comprensione sono processi cognitivi differenti e pertanto devono essere considerati separatamente nell’attività didattica. A questo riguardo possono risultare utili alcune strategie riguardanti le modalità della lettura. E’ infatti opportuno: · insistere sul passaggio alla lettura silente piuttosto che a voce alta, in quanto la prima risulta generalmente più veloce e più efficiente; · insegnare allo studente modalità di lettura che, anche sulla base delle caratteristiche tipografiche e dell’evidenziazione di parole chiave, consenta di cogliere il significato generale del testo, all’interno del quale poi eventualmente avviare una lettura più analitica. Per uno studente con dislessia, gli strumenti compensativi sono primariamente quelli che possono trasformare un compito di lettura (reso difficoltoso dal disturbo) in un compito di ascolto. A tal fine è necessario fare acquisire allo studente competenze adeguate nell’uso degli strumenti compensativi. Si può fare qui riferimento: · alla presenza di una persona che legga gli items dei test, le consegne dei compiti, le tracce dei temi o i questionari con risposta a scelta multipla; · alla sintesi vocale, con i relativi software, anche per la lettura di testi più ampi e per una maggiore autonomia; · all’utilizzo di libri o vocabolari digitali. Studiare con la sintesi vocale è cosa diversa che studiare mediante la lettura diretta del libro di testo; i docenti ed il referente per la dislessia acquisiranno competenze in materia. Si rammenta che l’Azione 6 del Progetto “Nuove Tecnologie e Disabilità” ha finanziato la realizzazione di software di sintesi vocale scaricabili gratuitamente dal sito del MIUR. Per lo studente dislessico è inoltre più appropriata la proposta di nuovi contenuti attraverso il canale orale piuttosto che attraverso lo scritto, consentendo anche la registrazione delle lezioni. Per facilitare l’apprendimento, soprattutto negli studenti con difficoltà linguistiche, può essere opportuno semplificare il testo di studio, attraverso la riduzione della complessità lessicale e sintattica. Sarà, inoltre, favorito l’impiego di mappe concettuali, di schemi, e di altri mediatori didattici che possono sia facilitare la comprensione sia supportare la memorizzazione e/o il recupero delle informazioni. In merito alle misure dispensative, lo studente con dislessia è dispensato: · dalla lettura a voce alta in classe; · dalla lettura autonoma di brani la cui lunghezza non sia compatibile con il suo livello di abilità;

19   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  · da tutte quelle attività ove la lettura è la prestazione valutata. In fase di verifica e di valutazione, lo studente con dislessia può usufruire di tempi aggiuntivi per l’espletamento delle prove o, in alternativa e comunque nell’ambito degli obiettivi disciplinari previsti per la classe, di verifiche con minori richieste. Nella valutazione delle prove orali e in ordine alle modalità di interrogazione si dovrà tenere conto delle capacità lessicali ed espressive proprie dello studente. Disturbo di scrittura In merito agli strumenti compensativi, gli studenti con disortografia o disgrafia possono avere necessità di compiere una doppia lettura del testo che hanno scritto: la prima per l’autocorrezione degli errori ortografici, la seconda per la correzione degli aspetti sintattici e di organizzazione complessiva del testo. Di conseguenza, tali studenti avranno bisogno di maggior tempo nella realizzazione dei compiti scritti. In via generale, comunque, la valutazione si soffermerà soprattutto sul contenuto disciplinare piuttosto che sulla forma ortografica e sintattica. Gli studenti in questione potranno inoltre avvalersi: · di mappe o di schemi nell’attività di produzione per la costruzione del testo; · del computer (con correttore ortografico e sintesi vocale per la rilettura) per velocizzare i tempi di scrittura e ottenere testi più corretti; · del registratore per prendere appunti. Per quanto concerne le misure dispensative, oltre a tempi più lunghi per le verifiche scritte o a una quantità minore di esercizi, gli alunni con disgrafia e disortografia sono dispensati dalla valutazione della correttezza della scrittura e, anche sulla base della gravità del disturbo, possono accompagnare o integrare la prova scritta con una prova orale attinente ai medesimi contenuti. Area del calcolo Riguardo alle difficoltà di apprendimento del calcolo e al loro superamento, non è raro imbattersi in studenti che sono distanti dal livello di conoscenze atteso e che presentano un’ impotenza appresa, cioè un vero e proprio blocco ad apprendere sia in senso cognitivo che motivazionale. Sebbene la ricerca non abbia ancora raggiunto dei risultati consolidati sulle strategie di potenziamento dell’abilità di calcolo, si ritengono utili i seguenti principi guida: · gestire, anche in contesti collettivi, almeno parte degli interventi in modo individualizzato; · aiutare, in fase preliminare, l’alunno a superare l’impotenza guidandolo verso l’ esperienza della propria competenza; · analizzare gli errori del singolo alunno per comprendere i processi cognitivi che sottendono all’errore stesso con intervista del soggetto; · pianificare in modo mirato il potenziamento dei processi cognitivi necessari. In particolare, l’analisi dell’errore favorisce la gestione dell’insegnamento. Tuttavia, l’unica classificazione degli errori consolidata nella letteratura scientifica al riguardo si riferisce al calcolo algebrico: · errori di recupero di fatti algebrici; · errori di applicazione di formule; · errori di applicazione di procedure; · errori di scelta di strategie; · errori visuospaziali; · errori di comprensione semantica. L’analisi dell’errore consente infatti di capire quale confusione cognitiva l’allievo abbia consolidato in memoria e scegliere, dunque, la strategia didattica più efficace per l’eliminazione dell’errore e il consolidamento della competenza. Riguardo agli strumenti compensativi e alle misure dispensative, valgono i principi generali secondo cui la calcolatrice, la tabella pitagorica, il formulario personalizzato, etc. sono di supporto ma non di potenziamento, in quanto riducono il carico ma non aumentano le competenze. Didattica delle lingue straniere I docenti di lingue straniere terranno conto, nelle prestazioni attese e nelle modalità di

20   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  insegnamento, dello sviluppo delle abilità orali rispetto a quelle scritte. Poiché i tempi di lettura dell’alunno con DSA sono più lunghi, è altresì possibile consegnare il testo scritto qualche giorno prima della lezione, in modo che l’allievo possa concentrarsi a casa sulla decodifica superficiale, lavorando invece in classe insieme ai compagni sulla comprensione dei contenuti. In merito agli strumenti compensativi, con riguardo alla lettura, gli alunni e gli studenti con DSA possono usufruire di audio-libri e di sintesi vocale con i programmi associati. La sintesi vocale può essere utilizzata sia in corso d’anno che in sede di esame di Licenza. Relativamente alla scrittura, è possibile l’impiego di strumenti compensativi come il computer con correttore automatico e con dizionario digitale. Anche tali strumenti compensativi possono essere impiegati in corso d’anno e in sede di esame di Licenza. Per quanto concerne le misure dispensative, gli alunni e gli studenti con DSA possono usufruire: · di tempi aggiuntivi; · di un’adeguata riduzione del carico di lavoro; · in caso di disturbo grave e previa verifica della presenza delle condizioni previste all’Art. 6, comma 5 del D.M. 12 luglio 2011, è possibile in corso d’anno dispensare l’alunno dalla valutazione nelle prove scritte e, in sede di esame di Stato, prevedere una prova orale sostitutiva di quella scritta, i cui contenuti e le cui modalità sono stabiliti dalla Commissione d’esame sulla base della documentazione fornita dai Consigli di Classe. Resta fermo che in presenza della dispensa dalla valutazione delle prove scritte, gli studenti con DSA utilizzeranno comunque il supporto scritto in quanto utile all’apprendimento anche orale delle lingue straniere, soprattutto in età adolescenziale. In relazione alle forme di valutazione, per quanto riguarda la comprensione (orale o scritta), sarà valorizzata la capacità di cogliere il senso generale del messaggio; in fase di produzione sarà dato più rilievo all’efficacia comunicativa, ossia alla capacità di farsi comprendere in modo chiaro,anche se non del tutto corretto grammaticalmente. Lo studio delle lingue straniere implica anche l’approfondimento dei caratteri culturali e sociali del popolo che parla la lingua studiata e, con l’avanzare del percorso scolastico, anche degli aspetti letterari. Poiché l’insegnamento di tali aspetti è condotto in lingua materna, saranno in questa sede applicati gli strumenti compensativi e dispensativi impiegati per le altre materie. Sulla base della gravità del disturbo, nella scuola secondaria i testi letterari in lingua straniera assumono importanza minore per l’alunno con DSA: considerate le sue possibili difficoltà di memorizzazione, risulta conveniente insistere sul potenziamento del lessico ad alta frequenza piuttosto che focalizzarsi su parole più rare, o di registro colto, come quelle presenti nei testi letterari. Per opportuna conoscenza si riporta l’art.6 commi 4-5 del D.M. 12 luglio 2011 Le Istituzioni scolastiche attuano ogni strategia didattica per consentire ad alunni e studenti con DSA l’apprendimento delle lingue straniere. A tal fine valorizzano le modalità attraverso cui il discente meglio può esprimere le sue competenze, privilegiando l’espressione orale, nonché ricorrendo agli strumenti compensativi e alle misure dispensative più opportune. Le prove scritte di lingua straniera sono progettate, presentate e valutate secondo modalità compatibili con le difficoltà connesse ai DSA. Fatto salvo quanto definito nel comma precedente, si possono dispensare alunni e studenti dalle prestazioni scritte in lingua straniera in corso d’anno scolastico e in sede di esami di Stato, nel caso in cui ricorrano tutte le condizioni di seguito elencate: - certificazione di DSA attestante la gravità del disturbo e recante esplicita richiesta di dispensa dalle prove scritte; - richiesta di dispensa dalle prove scritte di lingua straniera presentata dalla famiglia; - approvazione da parte del consiglio di classe che confermi la dispensa in forma temporanea o permanente, tenendo conto delle valutazioni diagnostiche e sulla base delle risultanze degli interventi di natura pedagogico-didattica, con particolare attenzione ai percorsi di studio in cui l’insegnamento della lingua straniera risulti caratterizzante (liceo linguistico, istituto tecnico per il turismo, ecc.). In sede di esami di Stato, conclusivi del primo e del secondo ciclo di istruzione, modalità e contenuti delle prove orali – sostitutive delle prove scritte – sono stabiliti dalle Commissioni,

21   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  sulla base della documentazione fornita dai consigli di classe. I candidati con DSA che superano l’esame di Stato conseguono il titolo valido per l’iscrizione alla scuola secondaria di secondo grado ovvero all’università. Ai fini della corretta interpretazione delle disposizioni contenute nel decreto attuativo, pare opportuno precisare che l’ “esonero” riguarda l’insegnamento della lingua straniera nel suo complesso, mentre la “dispensa” concerne unicamente le prestazioni in forma scritta.

Piano per l’inclusività a. s. 2013-2014 A seguito della Direttiva Ministeriale del 27 /12/2012 e C.M. n° del 06/03/2013 la Scuola Secondaria Solimena De Lorenzo ha elaborato per l’anno scolastico 2013/14 il “Piano annuale per l’inclusività” alla stesura del quale hanno collaborato le FS ed i coordinatori di classe e la referente del progetto. Il piano è stato deliberato dal collegio dei docenti il giorno 11 giugno 2013 con all’ordine del giorno:   

Rilevazione dei BES presenti nella scuola; Rilevazione, monitoraggio e valutazione del livello di inclusività della scuola; Elaborazione di una proposta di Piano Annuale per l’Inclusività riferito a tutti gli alunni con BES, da redigere al termine di ogni anno scolastico (entro il mese di Giugno).

INTRODUZIONE La seduta si apre con l’intervento del Dirigente Scolastico che illustra natura e funzioni del Gruppo di Lavoro, facendo riferimento alle norme che ne prevedono la costituzione e precisamente:  

La Direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012 “Strumenti d’intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica”; La Circolare Ministeriale n. 8 del 6 marzo 2013, Prot. 561.

Tra gli aspetti innovativi della direttiva del 27 dicembre 2012, il concetto di Bisogni Educativi Speciali (BES), che si basa su una visione globale della persona con riferimento al modello ICF della classificazione internazionale del funzionamento, disabilità e salute (International Classification of Functioning, disability and health) fondata sul profilo di funzionamento e sull’analisi del contesto, come definito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS, 2002). Rientrano nella più ampia definizione di BES tre grandi sotto-categorie: quella della disabilità; quella dei disturbi evolutivi specifici e quella dello svantaggio socioeconomico, linguistico, culturale. Norme primarie di riferimento per tutte le iniziative che la scuola ha finora intrapreso sono state la L. 104/1992, per la disabilità, la L. 170/2010 e successive integrazioni, per gli alunni con DSA, e sul tema della personalizzazione la L. 53/2003. Ora la nuova direttiva amplia l’area dei DSA a differenti problematiche quali, ad esempio, i deficit del linguaggio, delle abilità non verbali, della coordinazione motoria, dell’attenzione e dell’iperattività, nonché il funzionamento intellettivo al limite, e introduce il tema dello svantaggio socioeconomico, linguistico, culturale. La Direttiva sposta definitivamente l’attenzione dalle procedure di certificazione all’analisi dei bisogni di ciascuno studente ed estende in modo definitivo a tutti gli studenti in difficoltà il diritto – e quindi il dovere per tutti i docenti – alla personalizzazione dell’apprendimento, anche attraverso il diritto ad usufruire di misure dispensative e strumenti compensativi, nella prospettiva di una presa in carico complessiva ed inclusiva di tutti gli alunni. L’attenzione ai DSA come l’attenzione ai BES non ha lo scopo di favorire improprie facilitazioni ma di rimuovere quanto ostacola i percorsi di apprendimento, e questo non genera un livellamento degli apprendimenti ma una modulazione degli stessi sulle potenzialità di ciascuno, nell’ottica di una scuola più equa e più inclusiva. Tali problematiche, certificate da uno o più specialisti, documentate dalla famiglia o semplicemente rilevate dalla scuola, devono trovare risposte adeguate e articolate, devono essere al centro dell’attenzione e dello sforzo congiunto della scuola e della famiglia.

22   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  Ciò è possibile attraverso una osservazione e una lettura attenta dei segni di disagio, un dialogo con la famiglia ma soprattutto offrendo idonee e personalizzate risposte, nell’intento di favorire pienamente l’inclusione di tutti gli alunni e il loro successo formativo. Lo strumento privilegiato è rappresentato dal percorso individualizzato e personalizzato, redatto in un Piano Didattico Personalizzato (PDP), che ciascun docente e tutti i docenti del consiglio di classe sono chiamati ad elaborare; si tratta di uno strumento di lavoro con la funzione di definire, monitorare e documentare le strategie di intervento più idonee. Come esplicita ancora la Direttiva, il delicato e importante compito di presa in carico dei BES riguarda tutta la comunità educante e richiede un approfondimento e un accrescimento delle competenze specifiche di docenti e dirigenti scolastici. Un ruolo fondamentale in questa direzione è in primo luogo demandato ai Centri Territoriali di Supporto, che rappresentano l’interfaccia fra l’Amministrazione e le scuole e tra le scuole stesse in relazione ai BES e che dovranno realizzare una rete di supporto al processo di integrazione, allo sviluppo professionale dei docenti, alla formazione dei docenti verso le migliori pratiche e alla diffusione delle stesse. Nella definizione di una strategia globale è fondamentale il ruolo demandato all’Ufficio Scolastico Regionale, cui spetta il compito di definire la governance complessiva dei processi, fornire linee di intervento regionali e indicazioni specifiche, attivare specifiche sperimentazioni sul territorio per rispondere in maniera innovativa ai bisogni degli studenti con BES. Si precisa che l’istituzione del vecchio gruppo di lavoro per l’handicap (GLH) trovava fondamento nella legge 104/92, disposizione che sino ad oggi ha trovato attuazione nella costituzione di gruppi di lavoro formati da soli insegnanti di sostegno, con la precisa finalità di permettere il confronto di esperienze comuni nel campo dell’educazione dei bambini disabili e il coordinamento di modalità di lavoro condivise. Attualmente è stato costituito il GLI in una composizione più fedele al disposto legislativo che prevede la partecipazione del Dirigente Scolastico, di insegnanti di sostegno e comuni e di genitori, con finalità più generali di delineamento delle linee portanti della politica dell’istituto nel vasto ambito della gestione dell’argomento “disabilità”, DSA, ADHD, BES. L’attuale nuovo gruppo si propone di sviluppare con proposte, individuazione di problemi logistici e non, stimoli culturali e operativi, una maggiore e più condivisa sensibilità della Comunità tutta verso il fenomeno e anche un concreto aiuto alla miglior gestione possibile dello stesso. Al fine di permettere a tutti i partecipanti del gruppo una comune base di conoscenze primarie e lessico, si suggerisce lo studio delle norme sopra richiamate, in modo da consentire una più rapida intesa sui temi da affrontare. Si ricorda, in tal senso, che particolare attenzione deve porsi all’uso della terminologia con preciso riferimento alle espressioni che nel succedersi delle disposizioni normative hanno via via acquisito nuovi significati. Così è accaduto per il concetto di INSERIMENTO degli alunni disabili, originariamente inteso unicamente come concreta introduzione fisica dell’alunno nella classe, poi più ampiamente rappresentato dal termine di INTEGRAZIONE, ovvero partecipazione all’attività di classe nella misura delle personali capacità del singolo e oggi ancora più compiutamente compreso nel termine di INCLUSIONE, da intendersi come capacità di adempiere ai bisogni educativi primari degli alunni con difficoltà diverse, che vanno dalle disabilità, ai disturbi specifici di apprendimento (dislessia, disgrafia, disortografia, discalculia), alle difficoltà di linguaggio, per esempio, di alunni stranieri, o ai problemi legati a situazioni di disagio famigliare o sociale. L’obiettivo che il nostro Istituto si propone è appunto quello di diventare una scuola sempre più “inclusiva” per i disabili e per gli studenti tutti.

23   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  1. Bisogni Educativi Speciali (BES) L’area dello svantaggio scolastico è molto più ampia di quella riferibile esplicitamente alla presenza di deficit. In ogni classe ci sono alunni che presentano una richiesta di speciale attenzione per una varietà di ragioni: o o o

svantaggio sociale e culturale, disturbi specifici di apprendimento e/o disturbi evolutivi specifici, difficoltà derivanti dalla non conoscenza della cultura e della lingua italiana perché appartenenti a culture diverse.

Nel variegato panorama delle nostre scuole la complessità delle classi diviene sempre più evidente. Quest’area dello svantaggio scolastico, che ricomprende problematiche diverse, viene indicata come area dei Bisogni Educativi Speciali (in altri paesi europei: Special Educational Needs). Vi sono comprese tre grandi sotto-categorie: 1. disabilità; 2. disturbi evolutivi specifici (per “disturbi evolutivi specifici” intendiamo, oltre i disturbi specifici dell’apprendimento, anche i deficit del linguaggio, delle abilità non verbali, della coordinazione motoria, ricomprendendo – per la comune origine nell’età evolutiva – anche quelli dell’attenzione e dell’iperattività, mentre il funzionamento intellettivo limite può essere considerato un caso di confine fra la disabilità e il disturbo specifico. Tutte queste differenti problematiche, ricomprese nei disturbi evolutivi specifici, non vengono o possono non venir certificate ai sensi della legge 104/92, non dando conseguentemente diritto alle provvidenze ed alle misure previste dalla stessa legge quadro, e tra queste, all’insegnante per il sostegno). 3. svantaggio socioeconomico, linguistico, culturale. La legge 170/2010, a tal punto, rappresenta un punto di svolta poiché apre un diverso canale di cura educativa, concretizzando i principi di personalizzazione dei percorsi di studio enunciati nella legge 53/2003, nella prospettiva della “presa in carico” dell’alunno con BES da parte di ciascun docente curricolare e di tutto il team di docenti coinvolto, non solo dall’insegnante per il sostegno. 1.2 Alunni con disturbi specifici Gli alunni con competenze intellettive nella norma o anche elevate, che – per specifici problemi – possono incontrare difficoltà a Scuola, devono essere aiutati a realizzare pienamente le loro potenzialità. Fra essi, alunni e studenti con DSA (Disturbo Specifico dell’Apprendimento) sono stati oggetto di importanti interventi normativi, che hanno ormai definito un quadro ben strutturato di norme tese ad assicurare il loro diritto allo studio. Tuttavia, è bene precisare che alcune tipologie di disturbi, non esplicitati nella legge 170/2010, danno diritto ad usufruire delle stesse misure ivi previste in quanto presentano problematiche specifiche in presenza di competenze intellettive nella norma. Si tratta, in particolare, dei disturbi con specifiche problematiche nell’area del linguaggio (disturbi specifici del linguaggio o – più in generale-presenza di bassa intelligenza verbale associata ad alta intelligenza non verbale) o, al contrario, nelle aree non verbali (come nel caso del disturbo della coordinazione motoria, della disprassia, del disturbo non-verbale o – più in generale - di bassa intelligenza non verbale associata ad alta intelligenza verbale, qualora però queste condizioni compromettano sostanzialmente la realizzazione delle potenzialità dell’alunno) o di altre problematiche severe che possono compromettere il percorso scolastico (come per es. un disturbo dello spettro autistico lieve, qualora non rientri nelle casistiche previste dalla legge 104).

24   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  Un approccio educativo, non meramente clinico – secondo quanto si è accennato in premessa – dovrebbe dar modo di individuare strategie e metodologie di intervento correlate alle esigenze educative speciali, nella prospettiva di una scuola sempre più inclusiva e accogliente, senza bisogno di ulteriori precisazioni di carattere normativo. Al riguardo, la legge 53/2003 e la legge 170/2010 costituiscono norme primarie di riferimento cui ispirarsi per le iniziative da intraprendere con questi casi. 1.3 Alunni con deficit da disturbo dell’attenzione e dell’iperattività Un discorso particolare si deve fare a proposito di alunni e studenti con problemi di controllo attentivo e/o dell’attività, spesso definiti con l’acronimo A.D.H.D. (Attention Deficit Hyperactivity Disorder), corrispondente all’acronimo che si usava per l’Italiano di D.D.A.I. – Deficit da disturbo dell’attenzione e dell’iperattività. L’ADHD si può riscontrare anche spesso associato ad un DSA o ad altre problematiche, ha una causa neurobiologica e genera difficoltà di pianificazione, di apprendimento e di socializzazione con i coetanei. Si è stimato che il disturbo, in forma grave tale da compromettere il percorso scolastico, è presente in circa l’1% della popolazione scolastica, cioè quasi 80.000 alunni (fonte I.S.S), Con notevole frequenza l'ADHD è in comorbilità con uno o più disturbi dell’età evolutiva: disturbo oppositivo provocatorio; disturbo della condotta in adolescenza; disturbi specifici dell'apprendimento; disturbi d'ansia; disturbi dell'umore, etc. Il percorso migliore per la presa in carico del bambino/ragazzo con ADHD si attua senz’altro quando è presente una sinergia fra famiglia, scuola e clinica. Le informazioni fornite dagli insegnanti hanno una parte importante per il completamento della diagnosi e la collaborazione della scuola è un anello fondamentale nel processo riabilitativo. In alcuni casi il quadro clinico particolarmente grave – anche per la comorbilità con altre patologie – richiede l’assegnazione dell’insegnante di sostegno, come previsto dalla legge 104/92. Tuttavia, vi sono moltissimi ragazzi con ADHD che, in ragione della minor gravità del disturbo, non ottengono la certificazione di disabilità, ma hanno pari diritto a veder tutelato il loro successo formativo. Vi è quindi la necessità di estendere a tutti gli alunni con bisogni educativi speciali le misure previste dalla Legge 170 per alunni e studenti con disturbi specifici di apprendimento. 1.4 Funzionamento cognitivo limite Anche gli alunni con potenziali intellettivi non ottimali, descritti generalmente con le espressioni di funzionamento cognitivo (intellettivo) limite (o borderline), ma anche con altre espressioni (per es. disturbo evolutivo specifico misto, codice F83) e specifiche differenziazioni - qualora non rientrino nelle previsioni delle leggi 104 o 170 - richiedono particolare considerazione. Si può stimare che questi casi si aggirino intorno al 2,5% dell’intera popolazione scolastica, cioè circa 200.000 alunni. Si tratta di bambini o ragazzi il cui QI globale (quoziente intellettivo) risponde a una misura che va dai 70 agli 85 punti e non presenta elementi di specificità. Per alcuni di loro il ritardo è legato a fattori neurobiologici ed è frequentemente in comorbilità con altri disturbi. Per altri, si tratta soltanto di una forma lieve di difficoltà tale per cui, se adeguatamente sostenuti e indirizzati verso i percorsi scolastici più consoni alle loro caratteristiche, gli interessati potranno avere una vita normale. Gli interventi educativi e didattici hanno come sempre ed anche in questi casi un’importanza fondamentale.

25   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  1.5 Adozione di strategie di intervento per i BES Dalle considerazioni sopra esposte si evidenzia, in particolare, la necessità di elaborare un percorso individualizzato e personalizzato per alunni e studenti con bisogni educativi speciali, anche attraverso la redazione di un Piano Didattico Personalizzato, individuale o anche riferito a tutti gli alunni della classe con BES, ma articolato, che serva come strumento di lavoro in itinere per gli insegnanti ed abbia la funzione di documentare alle famiglie le strategie di intervento programmate. Le scuole – con determinazioni assunte dai Consigli di classe, risultanti dall’esame della documentazione clinica presentata dalle famiglie e sulla base di considerazioni di carattere psicopedagogico e didattico – possono avvalersi per tutti gli alunni con bisogni educativi speciali degli strumenti compensativi e delle misure dispensative previste dalle disposizioni attuative della Legge 170/2010 (DM 5669/2011) Dalle Linee guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con disturbi specifici di apprendimento 12 Luglio 2011: Documentazione dei percorsi didattici Le attività di recupero individualizzato, le modalità didattiche personalizzate, nonché gli strumenti compensativi e le misure dispensative dovranno essere dalle istituzioni scolastiche esplicitate e formalizzate, al fine di assicurare uno strumento utile alla continuità didattica e alla condivisione con la famiglia delle iniziative intraprese. A questo riguardo, la scuola predispone, - nelle forme ritenute idonee - e in tempi che non superino il primo trimestre scolastico, un documento che dovrà contenere almeno le seguenti voci, articolato per le discipline coinvolte dal disturbo: · dati anagrafici dell’alunno; · tipologia di disturbo; · attività didattiche individualizzate; · attività didattiche personalizzate; · strumenti compensativi utilizzati; · misure dispensative adottate; · forme di verifica e valutazione personalizzate. Nella predisposizione della documentazione in questione è fondamentale il raccordo con la famiglia, che può comunicare alla scuola eventuali osservazioni su esperienze sviluppate dallo studente anche autonomamente o attraverso percorsi extrascolastici. Sulla base di tale documentazione, nei limiti della normativa vigente, vengono predisposte le modalità delle prove e delle verifiche in corso d’anno o a fine Ciclo. Tale documentazione può acquisire la forma del Piano Didattico Personalizzato.

26   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

Parte I – analisi dei punti di forza e di criticità

A. Rilevazione dei BES presenti:

14

1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi 1 e 3) 

minorati vista

minorati udito

Psicofisici

0 0 14

2. disturbi evolutivi specifici 11

DSA

ADHD/DOP

Borderline cognitivo

Altro

04 06

3. svantaggio (indicare il disagio prevalente) 

Socio-economico

Linguistico-culturale

Disagio comportamentale/relazionale

Altro

10 06 04

Totali % su popolazione scolastica

55 6%

N° PEI redatti dai GLHO

14

N° di PDP redatti dai Consigli di classe in presenza di certificazione sanitaria

11

N° di PDP redatti dai Consigli di classe in assenza di certificazione sanitaria

0

 

B. Risorse professionali specifiche Insegnanti di sostegno

Prevalentemente utilizzate in…

Sì / No

Attività individualizzate e di piccolo gruppo

SI

Attività laboratoriali integrate (classi aperte, laboratori protetti, ecc.)

SI

27   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  AEC

Assistenti alla comunicazione

Attività individualizzate e di piccolo gruppo

SI

Attività laboratoriali integrate (classi aperte, laboratori protetti, ecc.)

SI

Attività individualizzate e di piccolo gruppo

NO

Attività laboratoriali integrate (classi aperte, laboratori protetti, ecc.)

NO

Funzioni strumentali / coordinamento

SI

Referenti di Istituto (disabilità, DSA, BES)

SI

Psicopedagogisti e affini esterni/interni

SI

Docenti tutor/mentor

NO

Altro: Altro:

 

 

28   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

C. Coinvolgimento docenti curricolari

Coordinatori di classe e simili

Attraverso…

Sì / No

Partecipazione a GLI

SI

Rapporti con famiglie

SI

Tutoraggio alunni

NO

Progetti didattico-educativi a prevalente tematica inclusiva

SI

Altro:

Docenti con specifica formazione

Partecipazione a GLI

SI

Rapporti con famiglie

SI

Tutoraggio alunni

SI

Progetti didattico-educativi a prevalente tematica inclusiva

SI

Altro:

Altri docenti

Partecipazione a GLI

NO

Rapporti con famiglie

NO

Tutoraggio alunni

NO

Progetti didattico-educativi a prevalente tematica inclusiva

SI

Altro:

 

D. Coinvolgimento personale ATA

E. Coinvolgimento famiglie

Assistenza alunni disabili

SI

Progetti di inclusione / laboratori integrati

NO

Altro: Informazione /formazione su genitorialità e psicopedagogia dell’età evolutiva

SI

Coinvolgimento in progetti di inclusione

SI

Coinvolgimento in attività di promozione della comunità educante

SI

Altro:

F. Rapporti con servizi

sociosanitari territoriali e

Accordi di programma / protocolli di intesa formalizzati sulla disabilità

SI

29   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  istituzioni deputate alla sicurezza. Rapporti con CTS / CTI

Accordi di programma / protocolli di intesa formalizzati su disagio e simili

SI

Procedure condivise di intervento sulla disabilità

SI

Procedure condivise di intervento su disagio e simili

SI

Progetti territoriali integrati

SI

Progetti integrati a livello di singola scuola

NO

Rapporti con CTS / CTI

NO

Altro:

G. Rapporti con privato sociale e volontariato

H. Formazione docenti

Progetti territoriali integrati

NO

Progetti integrati a livello di singola scuola

NO

Progetti a livello di reti di scuole

NO

Strategie e metodologie educativodidattiche / gestione della classe

SI

Didattica speciale e progetti educativodidattici a prevalente tematica inclusiva

SI

Didattica interculturale / italiano L2

NO

Psicologia e psicopatologia dell’età evolutiva (compresi DSA, ADHD, ecc.)

SI

Progetti di formazione su specifiche disabilità (autismo, ADHD, Dis. Intellettive, sensoriali…)

SI

Altro:

Sintesi dei punti di forza e di criticità rilevati*:

0

1

2

Aspetti organizzativi e gestionali coinvolti nel cambiamento inclusivo

3

4

X

Possibilità di strutturare percorsi specifici di formazione e aggiornamento degli insegnanti

X

Adozione di strategie di valutazione coerenti con prassi inclusive;

X

Organizzazione dei diversi tipi di sostegno presenti all’interno della scuola

X

Organizzazione dei diversi tipi di sostegno presenti all’esterno della scuola, in rapporto ai diversi servizi esistenti; Ruolo delle famiglie e della comunità nel dare supporto e nel partecipare

X X

30   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  alle decisioni che riguardano l’organizzazione delle attività educative; Sviluppo di un curricolo attento alle diversità e alla promozione di percorsi formativi inclusivi;

X

Valorizzazione delle risorse esistenti

X

Acquisizione e distribuzione di risorse aggiuntive utilizzabili per la realizzazione dei progetti di inclusione

X

Attenzione dedicata alle fasi di transizione che scandiscono l’ingresso nel sistema scolastico, la continuità tra i diversi ordini di scuola e il successivo inserimento lavorativo.

X

Altro: Altro:

* = 0: per niente 1: poco 2: abbastanza 3: molto 4 moltissimo Adattato dagli indicatori UNESCO per la valutazione del grado di inclusività dei sistemi scolastici

 

 

31   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

Parte II – Obiettivi di incremento dell’inclusività per l’anno scolastico 2013-2014   Aspetti organizzativi e gestionali coinvolti nel cambiamento inclusivo (chi fa cosa, livelli di responsabilità nelle pratiche di intervento, ecc.) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA DELLA SCUOLA 1.ISCRIZIONE, ACQUISIZIONE DELLA SEGNALAZIONE SPECIALISTICA, COMUNICAZIONI dei Consigli di classe 2. STESURA E SOTTOSCRIZIONE DEL Piano Didattico Personalizzato (P.D.P.) 3. VALUTAZIONE INTERMEDIA E FINALE 4. PROCEDURA DA SEGUIRE IN CASO DI SOSPETTO DI DIFFICOLTA’ RIFERIBILE A DSA o BES Soggetti coinvolti: Dirigente Scolastico, coordinatore di classe, referente D.S.A. e B.E.S., alunno, famiglia, segreteria didattica. 1.A. ISCRIZIONE Le pratiche d’iscrizione devono essere seguite da un assistente amministrativo che si occupi dell’iscrizione degli studenti con D.S.A. in modo continuativo. (Sig. Manfredonia Anna e Sig. Petrosino Francesco). La famiglia unitamente al normale modulo d’iscrizione, consegnerà la diagnosi del medico specialista, che verrà protocollata e allegata al fascicolo dell’alunno. 1.B. ACQUISIZIONE DELLA SEGNALAZIONE SPECIALISTICA L’acquisizione della diagnosi, da parte dell’istituzione scolastica, è atto fondamentale per lo sviluppo del P.D.P. Nel rispetto dei tempi tecnici per la stesura di tale documento, è necessario che la famiglia presenti tale documentazione al momento dell’iscrizione o comunque entro il mese di novembre, per poter effettuare l’integrazione alla programmazione del c.d.c. e del singolo docente, almeno per il secondo quadrimestre. Pertanto, le diagnosi presentate oltre tale scadenza, verranno regolarmente protocollate e ne verrà informato, tramite il coordinatore, il c.d.c. e la formulazione del P.D.P. sarà effettuata entro 30 giorni. 1.C. COMUNICAZIONI L’assistente amministrativo, acquisite le diagnosi di D.S.A. al momento della normale iscrizione o in corso d’anno, ne darà comunicazione al Dirigente Scolastico, al coordinatore di classe e al referente D.S.A. Il referente D.S.A. avrà cura di controllare che esse rispettino quanto sancito dalla legge 08/10/2010, art.3 e dalle circolari MIUR (03/02/11, 04/04/11, 26/05/11). In caso contrario contatterà la famiglia e l’alunno per chiarimenti e/o integrazioni. 1.D. COMUNICAZIONI Consigli di Classe Il Dirigente scolastico, acquisite le segnalazioni di alunni con bisogni educativi specifici, convoca la famiglia per la condivisione delle scelte che la scuola intende adottare per favorire l’inclusione degli alunni segnalati nei relativi gruppi classe. Ottenuto il consenso della famiglia, convoca il referente per l’inclusione degli alunni BES e quindi il consiglio di classe per procedere alla formulazione del PDP. 2. STESURA E SOTTOSCRIZIONE DEL P.D.P. Soggetti coinvolti: coordinatore di classe, referente D.S.A./BES, componenti c.d.c., famiglia, alunno. Quando in una classe viene inserito uno studente con D.S.A. o BES, il referente e il coordinatore di classe informano il Consiglio di classe sull’argomento: 1. fornendo adeguate informazioni sui Disturbi Specifici di Apprendimento e/o la patologia specifica; 2. fornendo riferimenti per reperire materiale didattico formativo adeguato; 3. presentando le eventuali strategie didattiche alternative (tra cui le tecnologie informatiche) compensative.

32   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  Il coordinatore (coadiuvato dal referente, se lo ritiene opportuno), in occasione del primo c.d.c. (settembre-ottobre), mette a conoscenza l’intero c.d.c. del caso, raccoglie osservazioni di tutti i componenti al fine di stilare (eventualmente con l’aiuto del referente ) il PERCORSO DIDATTICO PERSONALIZZATO (P.D.P.), del c.d.c.. Esso verrà approvato nella seduta successiva (novembre): costituirà un allegato riservato della programmazione e del fascicolo personale dell’alunno. In relazione al P.D.P. del c.d.c. ogni singolo docente stilerà, il P.D.P. relativo alla propria disciplina, nel quale avrà cura di specificare eventuali approfondimenti e/o integrazioni in merito a obiettivi, misure dispensative e strumenti compensativi e lo allegherà al proprio piano di lavoro presentato per l’intera classe. Il P.D.P. del c.d.c., una volta redatto, va presentato dal coordinatore di classe alla famiglia per la condivisione e l’accettazione. In tale sede potranno essere apportate eventuali ultime modifiche e dopo sarà sottoscritto dalla famiglia. Il coordinatore di classe lo farà poi controfirmare da tutti i componenti il C.d.C. e dal Dirigente Scolastico, rendendolo così esecutivo Nel caso di acquisizione della diagnosi ad anno scolastico avviato (entro novembre) il coordinatore convocherà un c.d.c. straordinario e seguirà la procedura sopra illustrata. Il P.D.P. del c.d.c. e del singolo docente verrà stilato seguendo i modelli predisposti dalla scuola; esso deve contenere e sviluppare i seguenti punti: 1. dati relativi all’alunno; 2. descrizione del funzionamento delle abilità strumentali; 3. caratteristiche comportamentali; 4. modalità del processo di apprendimento; 5. misure dispensative; 6. strumenti compensativi; 7. modalità di verifica e criteri di valutazione; 8. accordi con la famiglia/studente; 9. firme delle parti interessate (Dirigente Scolastico, coordinatore di classe, docenti, genitori, alunno (se maggiorenne). 3. VALUTAZIONE INTERMEDIA E FINALE Soggetti coinvolti: coordinatore, componenti c.d.c., referente . Nel corso dell’attuazione del protocollo il P.D.P. sarà oggetto di verifiche intermedie e finali come prevede la legge (art. 3 comma 2: “ per gli studenti che, nonostante adeguate attività di recupero didattico mirato, presentano persistenti difficoltà, la scuola trasmette apposita comunicazione alla famiglia”). In particolare alla pagella del primo quadrimestre e alla pagella del secondo quadrimestre verranno allegate comunicazioni che evidenzino le eventuali “difficoltà persistenti”. 4. PROCEDURA DA SEGUIRE IN CASO DI SOSPETTO DI DIFFICOLTA’ RIFERIBILE A DSA/BES Soggetti coinvolti: componenti c.d.c. , coordinatore di classe, referente, famiglia, alunno. Nel caso in cui un docente abbia il dubbio che un suo alunno possa essere affetto da DSA/BES, segnala il caso al coordinatore di classe (che potrà avvalersi della consulenza del referente), il quale, con discrezione, sentirà lo studente e successivamente ne convocherà i genitori, invitandoli a recarsi presso gli enti preposti per una eventuale diagnosi del disturbo rilevato. Possibilità di strutturare percorsi specifici di formazione e aggiornamento degli insegnanti È ormai convinzione consolidata che non si dà vita ad una scuola inclusiva se al suo interno non si avvera una corresponsabilità educativa diffusa e non si possiede una

33   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  competenza didattica adeguata ad impostare una fruttuosa relazione educativa anche con alunni con disabilità. LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI DA ADOTTARE RIGUARDA TUTTI GLI INSEGNANTI perché l’intera comunità scolastica è chiamata ad organizzare i curricoli in funzione dei diversi stili o delle diverse attitudini cognitive, a gestire in modo alternativo le attività d’aula, a favorire e potenziare gli apprendimenti e ad adottare i materiali e le strategie didattiche in relazione ai bisogni degli alunni. Non in altro modo sarebbe infatti possibile che gli alunni esercitino il proprio diritto allo studio inteso come successo formativo per tutti, tanto che la predisposizione di interventi didattici non differenziati evidenzia immediatamente una disparità di trattamento nel servizio di istruzione verso coloro che non sono compresi nelle prassi educative e didattiche concretamente realizzate. Conseguentemente il Collegio dei docenti potrà provvedere ad attuare tutte le azioni volte a promuovere l’inclusione scolastica e sociale degli alunni con disabilità, inserendo nel Piano dell'Offerta Formativa la scelta inclusiva dell’Istituzione scolastica e indicando le prassi didattiche che promuovono effettivamente l’inclusione (gruppi di livello eterogenei, apprendimento cooperativo, ecc.). I Consigli di classe si adopereranno pertanto: - al coordinamento delle attività didattiche, - alla preparazione dei materiali e a quanto può consentire all'alunno con disabilità, sulla base dei suoi bisogni e delle sue necessità, la piena partecipazione allo svolgimento della vita scolastica nella sua classe. Tutto ciò implica una formazione che aiuti i docenti a LAVORARE SU TRE DIREZIONI: - Il clima della classe Gli insegnanti devono assumere comportamenti non discriminatori, essere attenti ai bisogni di ciascuno, accettare le diversità presentate dagli alunni disabili e valorizzarle come arricchimento per l’intera classe, favorire la strutturazione del senso di appartenenza, costruire relazioni socio-affettive positive. - Le strategie didattiche e gli strumenti La progettualità didattica orientata all’inclusione comporta l’adozione di strategie e metodologie favorenti, quali: - l’apprendimento cooperativo, - il lavoro di gruppo e/o a coppie, - il tutoring, - l’apprendimento per scoperta, - la suddivisione del tempo in tempi, - l’utilizzo di mediatori didattici, - di attrezzature e ausili informatici, - di software e sussidi specifici. Da menzionare la necessità che i docenti predispongano i documenti per lo studio o per i compiti a casa in formato elettronico, affinché essi possano risultare facilmente accessibili agli alunni che utilizzano ausili e computer per svolgere le proprie attività di apprendimento. A questo riguardo risulta utile una diffusa conoscenza delle nuove tecnologie per l'integrazione scolastica, anche in vista delle potenzialità aperte dal libro di testo in formato elettronico. E' importante allora che i docenti curricolari attraverso i numerosi centri dedicati dal Ministero dell'istruzione e dagli Enti Locali a tali tematiche acquisiscano le conoscenze necessarie per supportare le attività dell'alunno con disabilità anche in assenza dell'insegnante di sostegno. - L’apprendimento-insegnamento Un sistema inclusivo considera l’alunno protagonista dell’apprendimento qualunque siano le sue capacità, le sue potenzialità e i suoi limiti. Va favorita, pertanto, la costruzione attiva della conoscenza, attivando le personali strategie di approccio al “sapere”, rispettando i ritmi e gli stili di apprendimento e “assecondando” i meccanismi di autoregolazione. Si suggerisce il ricorso alla metodologia dell’apprendimento cooperativo.

34   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  Adozione di strategie di valutazione coerenti con prassi inclusive; Le strategie di valutazione saranno individuate in coerenza con la natura delle difficoltà dei diversi alunni. Organizzazione dei diversi tipi di sostegno presenti all’interno della scuola L'assegnazione dell'insegnante per le attività di sostegno alla classe, così come previsto dal Testo Unico L. 297/94 rappresenta la “vera” natura del ruolo che egli svolge nel processo di integrazione. Infatti è l'intera comunità scolastica che deve essere coinvolta nel processo in questione e non solo una figura professionale specifica a cui demandare in modo esclusivo il compito dell'integrazione. Il limite maggiore di tale impostazione risiede nel fatto che nelle ore in cui non è presente il docente per le attività di sostegno esiste il concreto rischio che per l'alunno con disabilità non vi sia la necessaria tutela in ordine al diritto allo studio. La logica deve essere invece sistemica, ovvero quella secondo cui il docente in questione è “assegnato alla classe per le attività di sostegno”, nel senso che oltre a intervenire sulla base di una preparazione specifica nelle ore in classe collabora con l'insegnante curricolare e con il Consiglio di Classe affinché l'iter formativo dell'alunno possa continuare anche in sua assenza. Questa logica deve informare il lavoro dei gruppi previsti dalle norme e la programmazione integrata. La presenza nella scuola dell'INSEGNANTE assegnato alle ATTIVITÀ DI SOSTEGNO si concreta quindi, nei limiti delle disposizioni di legge e degli accordi contrattuali in materia, attraverso la SUA FUNZIONE DI COORDINAMENTO DELLA RETE DELLE ATTIVITÀ PREVISTE PER L'EFFETTIVO RAGGIUNGIMENTO DELL'INTEGRAZIONE. Organizzazione dei diversi tipi di sostegno presenti all’esterno della scuola, in rapporto ai diversi servizi esistenti Sarà richiesto l’intervento del gruppo multidisciplinare dell’ASL e di assistenti specialistici e volontari per la realizzazione di una concreta inclusività. Ruolo delle famiglie e della comunità nel dare supporto e nel partecipare alle decisioni che riguardano l’organizzazione delle attività educative Le famiglie saranno coinvolte nella formazione, nella realizzazione di progetti specifici e nella condivisione del PDP. Sviluppo di un curricolo attento alle diversità e alla promozione di percorsi formativi inclusivi; Nel rispetto delle nuove indicazioni sarà organizzato un curricolo attento alle diversità e alla promozione di percorsi inclusivi facendo ricorso anche alle nuove tecnologie. Valorizzazione delle risorse esistenti Saranno valorizzate tutte le risorse esistenti sia all’interno che all’esterno della scuola, chiedendo un contributo volontario anche agli ex docenti, oggi in pensione, che hanno sempre dimostrato una particolare sensibilità rispetto al tema delle diversità.

35   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  Acquisizione e distribuzione di risorse aggiuntive utilizzabili per la realizzazione dei progetti di inclusione Sarà promossa la partecipazione ai vari progetti utili a favorire l’inclusione, facendo ricorso sia a fondi regionali che Europei. Attenzione dedicata alle fasi di transizione che scandiscono l’ingresso nel sistema scolastico, la continuità tra i diversi ordini di scuola e il successivo inserimento lavorativo. Particolare attenzione sarà posta alla delicata fase del passaggio dalla scuola primaria alla scuola secondaria, sia con incontri con i docenti che con visite programmate per gli alunni prima del passaggio. Saranno, inoltre programmati, nel primo mese di scuola, incontri con i docenti di sostegno della primaria per favorire l’inserimento degli alunni nella nuova realtà.

 

 

 

 

 

 

 

                                   

36   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

L’ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO Il curricolo d’istituto esprime le scelte della comunità professionale. L’intero percorso curricolare, elaborato dallo staff di Dirigenza, pone l’attenzione alla continuità del percorso educativo del primo ciclo (primaria e secondaria di I grado) ed al raccordo con la secondaria di II grado.

Discipline

Curricolo per tutte le classi Orario settimanale

Italiano Storia e geografia Approfondimento Italiano Inglese Francese Matematica e Scienze Tecnologia Arte e immagine Musica Scienze motorie e sport Religione cattolica o Attività alternative

3 ore 1 ora

2 ore

6 ore 3 2 6 2 2

ore ore ore ore ore

2 ore 1 ora

Ampliamento offerta formativa classi prime Laboratorio di educazione stradale. Laboratorio di educazione alimentare. Laboratorio di educazione alla legalità. Gare di matematica (giochi d’autunno). Laboratorio di scienze. Consolidamento e Potenziamento delle competenze in matematica (PON) Potenziamento competenze lingua madre (PON) Potenziamento lingua inglese con certificazione Trinity di 3° livello ( PON) Ampliamento offerta formativa classi seconde e terze Consolidamento e Potenziamento competenze in matematica. (PON) Gare di matematica (giochi d’autunno). Potenziamento lingua inglese con certificazione Trinity di 3° e 4° livello.(PON) Laboratorio di scienze. Potenziamento competenze lingua madre - Redazione Giornalistica per le classi terze Tempo scuola per tutte le classi Dalle ore 8.00 alle ore 13.00, dal lunedì al sabato.

37   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

Il Calendario Scolastico Data di inizio delle lezioni

12 settembre 2013 (anticipo di 3 giorni)

Festa di tutti i Santi

01 novembre 2013

Delibera Giunta Regionale

02 novembre 2013

Vacanze natalizie

dal 23 dicembre 2013 al 06 gennaio 2014

Delibera Consiglio di Istituto

03 marzo 2014 (recupero anticipo)

Delibera Giunta Regionale

04 marzo 2014 (Carnevale)

Vacanze pasquali

Dal 17 al 22 aprile 2014

Anniversario liberazione

25 aprile 2014

Delibera Consiglio d'Istituto

26 aprile 2014 (recupero anticipo)

Festa dei lavoratori

01 maggio 2014

Festa Santo Patrono

09 maggio 2014

Delibera Consiglio d'Istituto

10 maggio 2014(recupero anticipo) Mese di maggio(In occasione della prova INVALSI prevista per le classi prime: il giorno

Delibera Consiglio di Istituto

preciso sarà comunicato successivamente). N.B. la festività è prevista solo per gli alunni delle classi seconde e terze

Data termine delle lezioni

7 giugno 2014

38   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

Assegnazione docenti alle classi a. s. 2014-15   Premesso che il D.L.vo 150/2009 ha modificato e integrato il D.L.vo 165/2001 disponendo il pieno ed esclusivo riconoscimento al dirigente delle prerogative che attengono all’organizzazione del lavoro e alla gestione del personale, tutto ciò che rientra in questo ambito (art. 5, co. 2, del D.L.vo 165/2001) cessa di essere materia di contrattazione integrativa d’Istituto (il Contratto Integrativo di Istituto, quindi, può disciplinare tale materia solo da un punto di vista sindacale, ma non dettare criteri). I criteri sono oggetto di informativa sindacale (art. 40, co. 1, del D.L.vo 165/2001). Restano pertanto escluse dalla contrattazione d’Istituto le materie previste dall’art. 6, co. 2, lettere h), i) ed m) del CCNL/Scuola, poiché rientrano nelle competenze del dirigente che, così come stabilito dal TU, D.L.vo n. 297 del 16-04-1994, art. 396, lettera d) assegna i docenti alle classi e ai plessi, “sulla base dei criteri generali stabiliti dal consiglio d’istituto e delle proposte del collegio dei docenti”. Pertanto il consiglio d’Istituto, dopo ampia discussione, individua i seguenti criteri che intendono salvaguardare e assicurare un clima sereno e costruttivo all’interno (tra il personale) e all’esterno dell’Istituto (tra scuola e famiglia) e garantire agli allievi un ambiente accogliente, proattivo e protettivo: 1. Assicurare la migliore e più efficace utilizzazione delle risorse professionali di cui si dispone per il raggiungimento di un’offerta formativa di qualità a tutti gli allievi frequentanti questo Istituto. 2. Garantire, per quanto possibile, la continuità educativo-didattica; la continuità didattica comunque è da considerare una libera scelta del docente e non può essere considerata vincolante in caso di richiesta, da parte del docente, di passaggio ad altra classe o ad altro corso disponibile o in presenza di particolari gravi problematiche relative alla strutturazione dell’organico o per esigenze che obblighino o suggeriscano motivatamente una diversa assegnazione. 3. Valutare le richieste dei docenti di assegnazione ad altra classe o sede - su posti resisi disponibili e comunque non soggetti alla continuità educativo-didattica di cui al punto 2); 4. Assegnare i docenti a tempo determinato alle classi e ai corsi disponibili solo dopo le operazioni di assegnazione dei docenti titolari, secondo quanto stabilito nei punti precedenti. Resta impregiudicata la valutazione discrezionale della dirigenza – in conseguenza di particolari situazioni - da motivare in modo riservato – sulle assegnazioni da adottare

Criteri per la formazione delle classi a. s. 2014-2015 I criteri mirano a raggiungere due obiettivi:  l'eterogeneità all'interno di ciascuna classe;  l'omogeneità tra le classi. Si procederà secondo le seguenti fasi: Prima fase: PASSAGGIO DATI l docenti della scuola primaria (classi quinte) e della scuola secondaria (gruppo continuità) esamineranno la situazione di ogni alunno iscritto relativamente a:  rendimento scolastico nelle varie discipline;

39   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

   comportamento in classe con i compagni e con gli insegnanti;  competenze, abilità e livello di preparazione evidenziati dall'alunno nel corso della scuola primaria;  potenzialità da sviluppare;  ogni altro elemento che i docenti di scuola primaria riterranno utile segnalare alla scuola secondaria di primo grado per una formazione equilibrata delle classi. Seconda fase: FORMAZIONE GRUPPI-CLASSE Una commissione, presieduta dal Dirigente, sulla base delle informazioni acquisite, formerà i gruppi-classe tenendo presenti i seguenti criteri e le indicazioni dei genitori:      

suddivisione in modo il più possibile equilibrato dei maschi e delle femmine all'interno dello stesso gruppo; formazione di gruppi eterogenei, sia dal punto di vista relazionale che delle abilità conseguite al termine della scuola primaria; gli alunni, su richiesta delle famiglie, saranno di norma mantenuti nella stessa classe se in numero minore o uguale a quattro; diritto degli alunni che ne facciano richiesta ad essere assegnati alla stessa sezione dei fratelli/sorelle, purché questi siano frequentanti o abbiano conseguito la licenza nello stesso anno; l'inserimento degli alunni in situazione di disabilità terrà conto della relazione dell'equipe socio-sanitaria; numero massimo iscrizioni accoglibili per il prossimo anno scolastico: sede Solimena 175 sede-De Lorenzo 100.

Terza fase: NORME CORRETTIVE PER LA FORMAZIONE DEI GRUPPI-CLASSE Il Dirigente e il Presidente del Consiglio d’Istituto, in presenza di esubero di richieste per la stessa sezione, stessa sede o in presenza di gruppi classe non rispettosi dei criteri sopra indicati, procederanno a sorteggio pubblico. In caso di iscrizione di alunni ad anno scolastico già iniziato, il Dirigente Scolastico, considerato il numero degli alunni, le reali situazioni delle classi, individua la classe e la sezione idonea.

L'iscrizione La domanda d'iscrizione deve essere presentata alla Direzione Didattica di pertinenza entro la data prevista dal Ministero P.I. o direttamente on-line, così come previsto dalle nuove norme relative alla “Spending Review” (in attesa di decreti attuativi). Le famiglie, esercitando un loro diritto, scelgono liberamente la Scuola Secondaria da far frequentare ai loro figli. Una volta effettuata, l'iscrizione è irrevocabile e non verrà concesso nulla osta per il trasferimento presso altra istituzione scolastica se non per gravi, documentati e certificati motivi. È data facoltà alle famiglie di indicare la preferenza per la sede (Solimena o De Lorenzo).

 

40   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

I RAPPORTI CON LE FAMIGLIE Lo stile educativo della scuola “Solimena–De Lorenzo “ è improntato alla massima disponibilità nei confronti dei genitori, piena espressione di un clima di corresponsabilità, chiarezza della comunicazione e sostegno reciproco. Al fine di ottimizzare il più possibile tale rapporto da diversi anni si è deciso di ricorrere alle ICT pertanto, le famiglie vengono dotate di un codice utente e password per seguire le presenze dei propri figli a scuola nonché il profitto, oltre che interagire con la segreteria per richieste di certificati. Prossimamente sarà attivata l’opzione che permetterà ai genitori di prenotare un colloquio con i docenti del consiglio di classe.

Nel dettaglio i momenti in cui le famiglie sono fisicamente coinvolte nelle attività della scuola:  FINALITA‟

FIGURE COINVOLTE

ACCOGLIENZA

CONSIGLI DI CLASSE

ORDINE DEL GIORNO  Presentazione dei docenti  Presentazione delle finalità educative e degli obiettivi del percorso formativo

TEMPI      Entro la fine del mese di settembre 

 Presentazione del Regolamento d’Istituto, consegna password, sottoscrizione del Patto di Corresponsabilità 

ASSEMBLEA

DOCENTE COORDINATOR E DI CLASSE

CONSIGLI DI CLASSE

CONSIGLIO DI CLASSE GENITORI RAPPRESENTAN TI DI CLASSE

COLLOQUI

CONSEGNA SCHEDA DI VALUTAZIONE

DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE DOCENTE INCARICATO

 Elezione rappresentanti di Classe (componente genitori)  Andamento didattico – disciplinare della classe  Proposte delle famiglie

 entro fine ottobre

Novembre

Aprile

Consegna della scheda intermedia di valutazione (febbraio)

  

Novembre Febbraio Aprile

Valutazione finale

Giugno

        41   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

L’ARTICOLAZIONE DIDATTICA Il Curricolo Didattico La scuola dell’infanzia, e del primo ciclo, costituiscono il segmento principale del percorso scolastico e contribuiscono in modo determinante all’elevazione culturale, sociale ed economica di un Paese, rappresentandone un fattore decisivo di sviluppo ed innovazione. L’ordinamento scolastico tutela la libertà dell’insegnamento (art 33 della Costituzione) ed è centrato sull’autonomia funzionale delle scuole (art. 117). A tal proposito le scuole sono chiamate ad elaborare il proprio curricolo il più possibile “aderente“ al contesto socioeconomico e formativo del territorio in cui vive ed opera la struttura scolastica. Quindi, il curricolo d’istituto, che è parte integrante del POF, è espressione della libertà d’insegnamento e dell’autonomia scolastica e, al tempo stesso, esplicita l’identità dell’istituto. Il Curricolo, secondo le nuove indicazioni, integra nelle unità fondamentali, le otto competenze europee per l’apprendimento permanente. Pertanto, nel rispetto di quanto previsto dalle “Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012”, il Curricolo della Scuola Solimena-De Lorenzo è stato organizzato in tre sezioni: La sezione A in cui ciascuna disciplina è stata suddivisa in moduli, nei quali sono elencati i contenuti con le rispettive conoscenze (risultato dell'assimilazione di informazioni attraverso l'apprendimento; raccomandazioni del Parlamento Europeo23/04/2008 -EQF) ed abilità (capacità di applicare conoscenze e di utilizzare know-how per portare a termine compiti e risolvere problemi). Le conoscenze e le abilità concorrono allo sviluppo delle competenze, ovvero, allo sviluppo della comprovata capacità di utilizzare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche, in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e personale (nel contesto del Quadro europeo delle qualifiche, le competenze sono descritte in termini di responsabilità e autonomia). Ciascun modulo ha una scansione temporale per favorire la costruzione anche di percorsi interdisciplinari che si intersecano con i disciplinari al fine di garantire una trasversalità, una multidisciplinarietà e una transdisciplinarietà nella scuola. La sezione B è composta da uno schema in cui sono elencate evidenze, compiti significativi e compiti semplificati. Le evidenze rappresentano il nucleo essenziale della competenza sono aggregati di compiti, di “performance” che, se portati a termine con autonomia e responsabilità ancorché in modo graduato per complessità e difficoltà nel corso degli anni testimoniano “l’agire competente”. I docenti, nel loro percorso programmatico, strutturano le occasioni e le consegne in modo che gli alunni, nello svolgimento di compiti significativi, di unità di apprendimento, nel lavoro quotidiano, agiscano in modo da mostrare le “evidenze” e i livelli di competenza posseduti. I compiti significativi sono soltanto esempi di attività da affidare agli alunni. La competenza non è un oggetto fisico, ma un sapere agito. La si può vedere e apprezzare solamente se viene agita in contesto per risolvere problemi e gestire situazioni. Non si può, dunque, perseguirla, né valutarla, se non quando vengono affidati agli alunni dei compiti non banali che essi potranno portare a termine in autonomia e responsabilità, utilizzando i saperi posseduti. I compiti semplificati (o compiti essenziali) sono strutturati in modo da poter mostrare le “evidenze” della competenza. Il grado di difficoltà, la complessità, l’ampiezza dell’ambito di applicazione può essere variabile. La sezione C comprende i livelli di padronanza in cui viene valutata la padronanza della competenza chiave nel suo complesso.

42   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

LA VALUTAZIONE La valutazione non è una operazione ma un processo intrinseco al processo di insegnamento/ apprendimento e ne costituisce il momento “intelligente”. Il processo di insegnamento/apprendimento inizia con un atto valutativo: Che cosa sanno già i nostri allievi? Che cosa hanno bisogno di imparare di nuovo? Quali conoscenze ed abilità sono utili per i nuovi apprendimenti? Questo passaggio viene chiamato valutazione iniziale, ed è estremamente importante perché permette di contestualizzare il curricolo generale rispetto ai bisogni degli alunni. Nel corso dell’anno scolastico vengono effettuate continue osservazioni e verifiche dell’andamento dei nostri allievi con strumenti diversi: verifiche strutturate e non, interrogazioni, esercitazioni pratiche ecc. I dati raccolti servono a valutare non solo il profitto, ma permettono di tenere sotto controllo e registrare anche l’efficacia del lavoro e delle proposte del docente. Questa fase della valutazione viene chiamata “valutazione in itinere” o “valutazione formativa” proprio perché ha lo scopo di aiutare la formazione dell’alunno attraverso il monitoraggio costante dell’insegnamento/apprendimento. Alla fine del percorso, invece, viene espressa la “valutazione finale”. La valutazione serve a controllare costantemente il processo di apprendimento, ma anche di insegnamento, in quanto evidenzia i punti di forza e debolezza di tale processo per porvi rimedio con attività di potenziamento o di recupero. La valutazione, in quanto scelta, è dunque un atto di responsabilità basato su dati qualitativi e quantitativi assunti nel tempo e interpretati alla luce di criteri. La Scuola Secondaria di I Grado Solimena-de Lorenzo basa la sua attività su una valutazione che tenga conto dell’equilibrio tra “oggettività ed “oggettivazione”. La valutazione è, dunque, il processo di verifica, lettura, comparazione, interpretazione dei dati relativi all’apprendimento, condotto attraverso strumenti contesti, condizioni diverse ed assunto in base a determinati criteri. La valutazione è sempre personale e non comparativa, è legata a ciascun alunno, cioè deve essere condotta dai sui risultati definibili in base a criteri fissati per tutti, ma questi stessi risultati non devono mai essere interpretati in base a quelli degli altri allievi. In conclusione ne consegue la distinzione tra valutazione di profitto e valutazione delle competenze. • La valutazione di profitto misura prevalentemente conoscenze ed abilità disciplinari attraverso strumenti e prove tradizionali, si esprime attraverso voti numerici assegnati appunto alle discipline ed ha una polarità negativa o positiva assunta a scansioni ravvicinate (verifiche trimestrali/quadrimestrali).  La valutazione delle competenze si esprime mediante brevi descrizioni che rendono conto di cosa l’allievo sa (conoscenze), sa fare (abilità) e in quale condizione e contesto e con che grado di autonomia e responsabilità, rispetto ad una competenza specifica e non rispetto ad una disciplina, è un processo lungo formulato sempre in positivo viene espresso al termine di grandi tappe: fine primaria, fine secondaria di I grado, secondaria di II grado. I dipartimenti disciplinari nel mese di settembre 2013 al fine di rendere chiara e trasparente la valutazione di profitto, anche in riferimento all’autovalutazione, hanno approntato delle griglie per la valutazione degli apprendimenti. Esse sono pubblicate sul sito web della scuola www.smssolimena.gov.it in didattica – programmazioni curricolari. La valutazione è parte integrante delle programmazioni curricolari.

Tipologie di verifica e loro numero per quadrimestre In generale, si prevede che verranno effettuate delle verifiche al termine dello svolgimento di ogni unità di apprendimento/modulo. Per ogni quadrimestre sono state stabilite almeno tre verifiche scritte e tre orali. La tipologia delle prove potrà essere: prove strutturate e semistrutturate, test a risposte chiuse e aperte, risoluzione di esercizi, verifiche soggettive.

43   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

Validità dell’anno scolastico Visti i commi 1 e 2 dell’art. 10 del Decreto Legislativo 59/2004 che, nel rispetto dell'art.11comma 1-del D. L.vo n. 59/2004, ai fini della validità dell’anno scolastico, è obbligatoria la frequenza di almeno tre quarti dell’orario annuale personalizzato di cui ai commi 1 e 2 dell'art. 10. Le deroghe riguardano solo casi eccezionali, certi e documentati come i ricoveri ospedalieri o in altri luoghi di cura e terapie e/o cure programmate ed eccezionalmente per la partecipazione a gare sportive di rilievo nazionale. Si precisa che, ai fini del calcolo, vengono presi in considerazione anche i ritardi e le uscite anticipate. 

Indicatori per la rilevazione della condotta INDICATORI  per la rilevazione del COMPORTAMENTO  COMPORTAMENTO  Rispetto del Regolamento di Istituto e delle regole di convivenza civile Autocontrollo e atteggiamento rispettoso nelle relazioni interpersonali Rispetto e responsabilità di comportamento verso i compagni, i docenti, il personale ATA, il patrimonio della scuola e di terzi Corretto utilizzo delle strutture, degli strumenti, e dei materiali nel rispetto delle norme di sicurezza Correttezza dei comportamenti durante le verifiche Partecipazione alle lezioni con il materiale richiesto per le attività FREQUENZA Regolarità nella frequenza Numero di assenze e ritardi Assenze/ritardi in occasione di verifiche e valutazioni Numero di uscite anticipate Omissione di dovute giustificazioni ATTEGGIAMENTI METACOGNITIVI Partecipazione, interesse, motivazione al dialogo educativo Responsabilità e collaborazione nelle attività didattiche Impegno e costanza nello studio a casa, rispetto delle consegne Capacità di autoregolazione e autodeterminazione Volontà di recupero, di approfondire, di fare ulteriori esperienze

CORRISPONDENZA tra DESCRITTORI DEL COMPORTAMENTO e VOTO Comportamento

Frequenza

Valutazioni positive 

voto

Atteggiamenti metacognitivi   

Comportamento esemplare, Rispetto delle regole di convivenza civile dell’Istituto

Frequenza costante, assidua e regolare

Partecipazione collaborativa, fattiva e propositiva al dialogo educativo

10

Comportamento corretto, Rispetto delle regole di convivenza civile dell’Istituto

Frequenza regolare

Partecipazione collaborativa dialogo educativo

al

9

Comportamento adeguato, Rispetto delle regole d’Istituto

Frequenza abbastanza regolare. Qualche ritardo

Positiva partecipazione al dialogo educativo e di studio

8

Comportamento non sempre corretto: Infrazioni non gravi al Regolamento, sanzionate senza allontanamento dalle lezioni

Frequenza non sempre regolare. Frequenti ritardi

Non costante partecipazione al dialogo educativo

7

44   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  Comportamento sovente scorretto; richiami e note, disturbo del regolare svolgimento delle lezioni. Numerose infrazioni al Regolamento di Istituto con sanzioni con e/o allontanamento inferiori a 15 gg

Frequenza non sempre regolare. Continui e sistematici ritardi non autorizzati

Saltuaria partecipazione dialogo educativo e di studio

al

6

dalle lezioni inferiori a 15gg Valutazione insufficiente

5

-Comportamenti gravemente scorretti che hanno determinato sanzioni con allontanamento dalla comunità scolastica superiori a 5 gg. -Mancata progressione, cambiamenti o miglioramenti nel comportamento e nel percorso di crescita e maturazione a seguito delle sanzioni di natura educativa.

   

45   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

Criteri per l’ammissione alla classe successiva o all’esame di Stato Il Consiglio di Classe, nel rispetto della normativa vigente, procede alla valutazione dell’alunno qualora le sue assenze non superino i tre quarti dell’orario annuale personalizzato (commi 1 e 2 art. 10), considerate le deroghe deliberate dagli organi collegiali.

E’ ammesso all’esame di Stato l’alunno che: a) abbia raggiunto gli obiettivi minimi di conoscenze, competenze e abilità fissati dal C.d.C., riportando la sufficienza in tutte le materie, compresa la condotta; b) presenti un quadro globale costituito da molte sufficienze ed insufficienze non gravi in non più di tre discipline, eccezion fatta per la condotta che deve essere minimo 6/10

Nel giudizio di ammissione sono presi in considerazione anche: a) la partecipazione attiva e responsabile alle attività curricolari ed extracurricolari, quali corsi di ampliamento dell’offerta formativa che consentono di realizzare significativi progressi nell’apprendimento rispetto alla situazione di partenza; b) l’interesse mostrato e la frequenza regolare del corso di studi e dei corsi pomeridiani; c) la correttezza del comportamento nei rapporti con i docenti e con i compagni nel rispetto delle regole della comunità scolastica.

Non si ammette all’esame di Licenza l’alunno che: 1. presenti un quadro complessivo gravemente insufficiente; 2. abbia evidenziato nel corso degli studi uno scarso impegno ed una partecipazione discontinua alle attività didattiche curricolari ed extracurricolari non producendo progressi significativi nell’apprendimento, manifestando capacità inadeguate ad organizzare il proprio lavoro in modo autonomo; 3. abbia seguito infruttuosamente corsi di recupero o potenziamento in orario curriculare o pomeridiani organizzati dalla scuola per colmare lacune conoscitive reiterate; 4. non abbia maturato un metodo di studio adeguato anche a causa della frequenza non assidua, e pertanto non sia riuscito ad acquisire i contenuti disciplinari e a raggiungere gli obiettivi formativi fondamentali per affrontare gli esami di Licenza; 5. l’alunno che abbia riportato una valutazione della condotta inferiore a 6/10 .

Criteri di ammissione alle classi intermedie Viene dichiarato non ammesso alla classe successiva: 1. l’alunno che presenti un quadro gravemente insufficiente in tutte le materie, avendo evidenziato nel corso dell'anno uno scarso impegno ed una partecipazione discontinua alle attività didattiche curricolari ed extracurricolari e che, non ha maturato un metodo di studio adeguato, non ha acquisito i contenuti disciplinari e gli obiettivi formativi fondamentali per proseguire gli studi; 2. l’alunno che presenti un quadro globale di insufficienze anche non gravi, ma generalizzate in tutte le discipline, conseguenti ad una partecipazione e ad un impegno discontinui che non hanno prodotto progressi significativi nell'apprendimento, e/o che abbia manifestato capacità inadeguate ad organizzare il proprio lavoro in modo autonomo per affrontare gli studi successivi; 3. l’alunno che, pur presentando delle sufficienze, abbia però un quadro globalmente negativo con più di tre insufficienze gravi e che abbia evidenziato durante l'anno una

46   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  partecipazione ed un impegno discontinui ed un metodo di studio inefficace per l'acquisizione degli obiettivi minimi disciplinari richiesti per il proseguimento degli studi; 4. l’alunno che abbia riportato una valutazione della condotta inferiore a 6/10.

Ammissione con voto di Consiglio Per gli studenti che in sede di scrutinio finale (giugno) presentino non più di tre valutazioni insufficienti non gravi, il Consiglio di classe, dopo aver valutato la possibilità dell’alunno di raggiungere gli obiettivi formativi e di contenuto propri delle discipline interessate (mediante uno studio personale da svolgere autonomamente nel periodo estivo), li ammette all’anno successivo, dando comunicazione alle famiglie. (La comunicazione avviene per iscritto, con una lettera, nella quale vengono specificate le materie in cui l’alunno non ha raggiunto la sufficienza). Sarà compito delle famiglie provvedere al recupero degli apprendimenti.

LE VISITE GUIDATE E I VIAGGI D’ISTRUZIONE 1. La scuola considera i viaggi di istruzione, le visite guidate a musei, mostre, manifestazioni culturali, di interesse didattico o professionale, lezioni con esperti e visite a enti istituzionali o amministrativi, la partecipazione ad attività teatrali e sportive, i soggiorni presso laboratori ambientali, la partecipazione a concorsi provinciali, regionali, nazionali, a campionati o gare sportive, a manifestazioni culturali o didattiche. 2. Le attività sportive costituiscono parte integrante dell’attività didattica e verranno effettuate con la collaborazione di tutti i docenti. 3. Il Consiglio di Classe, prima di esprimere il parere sui relativi progetti, li esamina, verificandone la coerenza con le attività previste dalla programmazione collegiale e l’effettiva possibilità di svolgimento e nell’ipotesi di valutazione positiva, indica gli accompagnatori, compreso l’accompagnatore referente. 4. Se l’iniziativa interessa un’unica classe sono necessari 2 accompagnatori, se più classi, 1 ogni 15 alunni; un accompagnatore ogni uno/due alunni in situazione di handicap secondo le occorrenze. La funzione di accompagnatore può essere svolta anche dai collaboratori scolastici. Nel designare gli accompagnatori i Consigli di classe, provvederanno ad indicare sempre un accompagnatore in più per ogni classe per subentro in caso di imprevisto. E’ auspicabile che gli accompagnatori siano scelti all’interno del Consiglio interessato. Se l’insegnante accompagnatore presta servizio su più classi è tenuto a concordare con la Dirigenza gli eventuali impegni. 5. Le attività approvate e programmate dai Consigli di Classe e dal Collegio dei Docenti rientrano nel Piano delle Uscite e dei Viaggi Didattici della scuola e sono realizzabili entro il 30 aprile 2014. Non sono consentite uscite durante i mesi di maggio e giugno. 6. Le proposte devono essere approvate dai Consigli almeno 30gg prima della data dell’uscita o del viaggio, salvo casi eccezionali, per dare modo al Collegio dei Docenti di approvare l’iniziativa e farla rientrare nel Piano delle Uscite e dei Viaggi Didattici della scuola. 47   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  7. Si auspica la totale partecipazione della classe. Nessun alunno dovrà essere escluso dai viaggi di istruzione o dalle visite guidate per ragioni di carattere economico. Il limite numerico dei partecipanti al di sotto del quale non verrà concessa 8. L’uscita o il viaggio costituiscono vera e propria attività complementare della scuola; quindi vigono le stesse norme che regolano le attività didattiche. 9. Vengono organizzate visite di istruzione di un solo giorno per le classi prime, seconde e terze. Non sono previste visite di istruzione di più giorni. Sono previste uscite di più giorni solo per partecipazione a gare sportive o concorsi.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli approfondimenti sviluppati a scuola, lo studio personale, le esperienze educative vissute in famiglia e nella comunità, è in grado di iniziare ad affrontare, in autonomia e con responsabilità, le situazioni di vita tipiche della propria età, riflettendo ed esprimendo la propria personalità: - dimostra una padronanza della lingua italiana tale da consentirgli di comprendere enunciati e testi di una certa complessità, di esprimere le proprie ide, di adottare un registro linguistico appropriato alle diverse situazioni. Nell’incontro con persone di diverse nazionalità è in grado di esprimersi a livello elementare in due lingue europee. - Analizza i dati e i fatti della realtà e verifica l’attendibilità delle analisi quantitative e statistiche proposte da altri, in base alle sue conoscenze matematiche e scientificotecnologiche. Il possesso di un pensiero razionale sviluppato gli consente di affrontare problemi e situazioni sulla base di elementi certi e di avere consapevolezza dei limiti delle affermazioni che riguardano questioni complesse che non si prestano a spiegazioni univoche. - Utilizza in modo sicuro le tecnologie della comunicazione con le quali riesce a ricercare e analizzare dati ed informazioni e ad interagire con soggetti diversi. - Raggiunge la consapevolezza delle potenzialità delle tecnologie rispetto al contesto culturale e sociale in cui vengono applicate. - Possiede un patrimonio di conoscenze e nozioni di base ed è allo stesso tempo capace di ricercare e di procurarsi velocemente nuove informazioni e impegnarsi in nuovi apprendimenti anche in modo autonomo. - Ha assimilato il senso e la necessità del rispetto delle regole nella convivenza civile. - E’ attento al bene comune e alle funzioni pubbliche partecipando a forme diverse di volontariato, azioni di solidarietà, servizio civile, ecc. - Dimostra originalità e spirito di iniziativa. - Si assume le proprie responsabilità e chiede aiuto quando si trova in difficoltà. - Si impegna, in relazione alle proprie potenzialità e al proprio talento, in campi espressivi ed artistici che gli sono congeniali.

48   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La scuola finalizza il curricolo allo sviluppo delle competenze previste nel profilo dello studente al termine del primo ciclo. I traguardi per lo sviluppo delle competenze riportati nelle Indicazioni Nazionali concorrono allo sviluppo delle più ampie competenze-chiave, fondamentali per lo sviluppo personale e la partecipazione sociale. Particolare attenzione la scuola pone verso la capacità che ciascun studente ha di mobilitare e orchestrare le proprie risorse (conoscenze, abilità, atteggiamenti, emozioni) per affrontare efficacemente le situazioni della realtà quotidiana in relazione alle proprie potenzialità e attitudini. Solo con regolare osservazione, documentazione e valutazione delle competenze è possibile la “certificazione delle competenze” al termine del primo ciclo della scuola secondaria. Il modello di certificazione sarà definito, a livello nazionale, dal MIUR.  

LA VALUTAZIONE INTERNA   L’ autovalutazione d’Istituto viene espletata dalla Scuola Secondaria Solimena-De Lorenzo attraverso tre fasi: 

 

l’autodiagnosi che accerta ed esamina le condizioni che connotano lo svolgimento delle attività formative, soprattutto dal punto di vista dell’organizzazione (in relazione ai bisogni degli utenti e al contesto in cui la scuola è situata) l’ autovalutazione che riguarda l’osservazione e la misurazione dei processi in atto con lo scopo di conseguire le finalità formative definite dal POF; l’ autoanalisi che si basa sugli elementi ricavati attraverso la diagnosi e la valutazione e rappresenta l’azione di riflessione qualitativa sui risultati ottenuti;

Per quanto riguarda l’autovalutazione è bene precisare che: - allo scopo di raccogliere elementi utili alla valutazione del servizio, viene effettuata una rilevazione mediante questionari opportunamente strutturati, rivolti ai genitori. - I questionari, che riguardano gli aspetti organizzativi, didattici ed amministrativi del servizio prevedono una graduazione delle valutazioni e la possibilità di formulare proposte. - Alla fine di ciascun anno scolastico, il Collegio dei Docenti verifica l’attività svolta dalla scuola e prende atto dei risultati dei questionari somministrati alle famiglie. Nel mese di maggio 2012 il Collegio dei docenti ha deliberato l’adesione al Progetto Nazionale VALeS, un progetto di valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole finalizzato alla sperimentazione di un modello di valutazione della scuola e della Dirigenza basato su criteri condivisi, trasparenti ed efficaci.

49   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

Progetto sperimentale “VALeS” L’Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e formazione (INVALSI), come richiesto con nota n. 917 del 23 maggio 2012, ha trasmesso la graduatoria finale delle 300 istituzioni scolastiche del primo e del secondo ciclo d’istruzione (200 per le regioni Obiettivo convergenza, 100 per le restanti regioni) che hanno titolo a partecipare alla sperimentazione in oggetto, nonché il programma di massima delle attività esecutive. La Scuola Solimena - De Lorenzo è stata ammessa a partecipare. A partire da ottobre 2012 fino a maggio 2013 l’istituzione scolastica ha dato via ad un piano di autoanalisi della propria organizzazione didattico-strutturale che si è conclusa a maggio 2013 con la compilazione di un Rapporto di Autovalutazione. A partire da novembre 2013 l’istituzione scolastica riceverà la visita di nuclei di valutazione Vales cui seguirà l’impegno da parte dell’ istituzione, a consegnare un Rapporto di Autovalutazione definitivo, in formato elettronico, con gli obiettivi di miglioramento. Da gennaio 2014 sarà sviluppato il Piano di Miglioramento dell’Istituto.

50   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

I PROGETTI D’ISTITUTO La scuola, partendo dai risultati della continua ricerca, si impegna in una progettualità costante mirata all'ottimizzazione di tutti i percorsi in vista del successo formativo. La progettualità nella scuola “Solimena–De Lorenzo”, rappresenta il codice professionale ed è tesa a rilevare le esigenze formative di ciascun alunno, di creare percorsi formativi calibrati, controllare gli esiti, i prodotti e i processi per la documentazione. La progettualità è suddivisa in tre sezioni: curricolari, extracurricolari e speciali I progetti curricolari sono inseriti all’interno di una programmazione disciplinare e si sviluppano nell’arco di un triennio, i progetti extracurricolari e speciali sono vincolati alle risorse disponibili.

PROGETTI CURRICOLARI Progetto ACCOGLIENZA Tale progetto nasce con le seguenti finalità:       

favorire negli alunni la conoscenza della nuova realtà scolastica (ambienti, spazi, insegnanti, operatori, personale di segreteria, personale non docente, organizzazione); creare all’interno di ogni singola classe un clima sereno di rispetto reciproco e di solidarietà; ridurre il disagio dovuto ad esperienze relazionali negative; individuare le linee guida etiche condivise per il comportamento tra compagni di classe; responsabilizzare gli alunni alla gestione del clima di classe; rafforzare la convivenza civile, il rispetto dell’altro, l’aiuto, l’ascolto, la capacità di gestire i conflitti; favorire una efficace comunicazione tra studenti e studenti e tra studenti e docenti;

Il progetto accoglienza viene attuato nell’arco di tutto il triennio. Durante la prima settimana di lezione, la scuola organizza per le classi prime una scansione di attività le cui finalità sono: ridurre negli alunni l’ansia che l’impatto col nuovo può determinare; far emergere le componenti affettive, relazionali e motivazionali, che rivestono un ruolo fondamentale nell’apprendimento, permettendo la costituzione di un gruppo classe e la formazione di un clima positivo; prevenire le eventuali situazioni di disagio emotivo e cognitivo, che potrebbero sfociare in dinamiche pericolose con gamma di atteggiamenti dall’aggressione al rifiuto. Le attività di accoglienza fanno emergere la personalità degli alunni, è prevista al contempo, la conoscenza degli spazi e del personale educativo presente in istituto attraverso visite guidate; per ultimo, ma non per importanza, la produzione e stesura delle regole intese come necessarie per il vivere civile.

Nelle seconde classi gli obiettivi, sono quelli di rilevare i cambiamenti che l’alunno opera non solo su di sé, ma anche sugli altri: attraverso un lavoro di rielaborazione delle attività proposte, si registrano i mutamenti individuali di atteggiamenti verso lo studio e gli apprendimenti, verso compagni ed insegnanti, verso la scuola e la valenza degli stessi con percorsi sul sé, sulla coesione del gruppo e sull'approfondimento delle relazioni. Nelle classi terze, infine, il percorso accoglienza entra nell’orientamento, permettendo al preadolescente la conoscenza di sé, la riflessione sulle proprie attitudini, l’obiettiva conoscenza del grado di maturazione degli apprendimenti, tutte premesse che consentiranno una proiezione consapevole e fiduciosa nel futuro. 51   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  A seguito del disposto dell’art. 5 del DPR n. 235/2007: entro il primo mese di inizio dell’anno scolastico i genitori degli alunni delle classi prime sono chiamati a firmare il Patto Educativo di Corresponsabilità che rappresenta l’espressione di un’alleanza educativa scuola-famiglia. Entrambi, la scuola e la famiglia, pur nella diversità dei ruoli, si impegnano insieme per il raggiungimento di un obiettivo comune: la costruzione della personalità durante il percorso di formazione nella scuola secondaria di I grado. Il patto è, inoltre, uno strumento con il quale l’istituzione scolastica autonoma, gli studenti e le famiglie assumono impegni, responsabilità e condividono regole. Progetto ORIENTAMENTO

  Tale progetto nasce con le seguenti finalità:  sensibilizzare gli alunni alla realtà esterna (mondo del lavoro), fornendo loro criteri per una prima lettura dei fenomeni economici e sociali;  favorire ed incoraggiare la capacità di riflettere sulle proprie attitudini e peculiarità;  sollecitare la valutazione della realtà personale in relazione ai requisiti delle professioni e scegliere l’iter più adeguato dal punto di vista formativo. È il progetto che di fatto accompagna gli allievi della scuola per l’intero triennio. Orientare non è più inteso semplicemente orientare alla carriera scolastica, alla scelta dell’indirizzo di studi nella scuola secondaria di II grado; orientare, in senso formativo assume sempre più il significato di aiutare l’allievo a fare scelte consapevoli e responsabili, sempre e comunque autonome, circa questioni e aspetti della sua vita, anche di quella quotidiana. La dimensione orientativa dell’offerta curricolare e formativa della scuola trova il suo fondamento nella comprensione da parte dei ragazzi del percorso educativo e didattico che essi compiono durante il triennio, nella riflessione sui punti forti e punti deboli del proprio processo di apprendimento, nell’autovalutazione degli esiti conseguiti rispetto alle proprie aspettative e a quelle della famiglia. Saranno programmati momenti di lezione, di addestramento, alternati a momenti di ricerca e di studio personali, oppure a lavori di ricerca in gruppo con compagni della stessa classe. Non mancheranno momenti di consulenza per gli allievi e per le famiglie impegnate a facilitare la scelta di indirizzi scolastici presso gli istituti secondari ( open day). Giochi MATEMATICI I motivi della scelta Ormai da cinque anni la nostra scuola partecipa alle gare di matematica organizzate dall’Università “Bocconi” di Milano. Due sono gli appuntamenti fissi: a novembre i “Giochi d’autunno” e a marzo le semifinali dei “Campionati internazionali di giochi matematici”. Varie considerazioni ci hanno spinto a percorrere questa strada. Secondo gli esperti, se un Paese vuole crescere più rapidamente deve investire maggiormente in formazione e ricerca. Ed è soprattutto l’innovazione in campo matematico e scientifico che ha ricadute nel settore industriale e tecnologico. L’OCSE PISA, e noi concordiamo, considera la matematica, insieme alla lettura e alle scienze, una delle competenze indispensabili per svolgere un ruolo consapevole e attivo nella società e per continuare ad apprendere in modo autonomo per tutta la vita. Infatti, l’attenzione delle indagini PISA è rivolta non tanto alla padronanza dei contenuti, bensì a come i giovani utilizzano capacità e conoscenze nella vita reale. Nelle prove di matematica di PISA 2003 e 2006 il campione di studenti italiani si è collocato al di sotto della media OCSE; in altre parole, i quindicenni italiani, ovvero i giovani prossimi alla fine della

52   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  scuola dell’obbligo, non rivelano competenze adeguate. La matematica che si studia a scuola frequentemente si riduce a una rigorosa trattazione teorica di proprietà, regole, formule, procedimenti logico-deduttivi, seguita da esercizi di applicazione di quanto appreso. Indubbiamente questa disciplina non può prescindere dai suoi metodi specifici, ma spesso si rischia di trascurare il suo valore pratico, essenziale per esprimere e sintetizzare situazioni reali. Il dipartimento di matematica del nostro istituto, fin dall’inizio, si è trovato d’accordo nello sperimentare i giochi e tracciare le linee guida di una strategia didattica diversa, inusuale. I giochi propongono, in forma più gradita agli allievi, appunto quella ludica, situazioni reali, rompicapi, stranezze, quesiti logico-matematici, la cui soluzione non è immediata, ma richiede competenze che non rimangono confinate nell’ambito matematico. Per questo, forse, sono più stimolanti e più piacevoli per gli allievi.

 

PROGETTI EXTRACURRICOLARI PROGETTI FINANZIATI CON I FONDI STRUTTURALI EUROPEI Il Piano dell’Offerta Formativa della Scuola Secondaria di I Grado “Solimena–De Lorenzo” recepisce integralmente le indicazioni diffuse dalle Circolari circa la Programmazione 2007/13 delle risorse finanziarie per la coesione sociale e la competitività con l’approvazione dei Programmi Operativi Nazionali già identificati nel QSN (Quadro strategico nazionale) dal Governo italiano. Si tratta, nella fattispecie, delle Azioni del PON “Competenze per lo sviluppo” finanziato con il FSE (Fondo Sociale Europeo), a titolarità del MPI in favore delle regioni facenti parte dell’Obiettivo Convergenza (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia), per colmare il divario con altre aree del Paese e l’Unione Europea. Sul piano operativo la nostra Scuola ha messo a punto il PIANO INTEGRATO di INTERVENTI per l’a. s. 2013/2014,definito collegialmente ed autorizzato con Prot. MIUR prot. 8440 del 02/8/2013  che si ritiene parte integrante di questo POF. Tale Piano contiene gli Obiettivi e le Azioni ritenuti prioritari per il miglioramento e l’eccellenza della nostra istituzione scolastica.  L’adesione ai Programmi Operativi Nazionali implica la partecipazione della nostra scuola a percorsi formativi di autoanalisi e autovalutazione di istituto per evidenziare nello specifico punti di forza e punti di debolezza, finalizzati al conseguimento di progetti di miglioramento. PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO FSE ANNUALITA’ 2013/2014 Il Piano prevede interventi di cui agli obiettivi di seguito riportati: - C1 – Interventi per lo sviluppo delle competenze chiave: comunicazione nella madrelingua, comunicazione nelle lingue straniere, competenza matematica e competenza di base in scienza e tecnologia, competenza digitale. Obiettivo C Azione 1:  n° 2 moduli di lingua italiana di 50 h ciascuno indirizzato alle classi I e II  n° 6 moduli di lingua inglese di 30 h ciascuno indirizzato alle classi I, II e III con certificazioni di 3° e 4° livello 53   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

   n° 6 moduli di matematica di 30 h indirizzati alle classi I, II e III. PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FESR “Ambienti per l’Apprendimento” Asse II –“Qualità degli ambienti scolastici” Ob. C AVVISO CONGIUNTO MIUR-MATTM AOODGAI/ 7667 del 15.06.2010 e s.m.i. Programmazione dei Fondi Strutturali Europei 2007-2013 – POR-FESR-2007 IT 16 1 PO 004 "Ambienti per l'apprendimento". – Asse II “qualità degli ambienti scolastici” Obiettivo C “incrementare la qualità delle infrastrutture scolastiche, l’ecosostenibilità e la sicurezza degli edifici scolastici; potenziare le strutture per garantire la partecipazione delle persone diversamente abili e quelle finalizzate alla qualità della vita degli studenti”. Avviso Congiunto Prot. AOODGAI/ 7667 del 15.06.2010 e s.m.i. Autorizzazione dei Piani di interventi e prime disposizioni attuative per le Istituzioni Scolastiche ammesse a finanziamento nella regione Campania in attuazione della Priorità Istruzione del Piano di Azione per la Coesione per il miglioramento dei servizi pubblici collettivi al sud. Il Collegio dei docenti in data 07/10/2010 con delibera n° 27 ha presentato un PIANO INTEGRATO in riferimento all’asse II “qualità degli ambienti scolastici”. In una prima fase il progetto era stato valutato positivamente ma non finanziato. Con nota del 28/09/2012 prot. AOOVGAI/13208 l’ autorità di gestione ha comunicato che il progetto è stato ammesso al finanziamento di €. 349.053,6 per la realizzazione degli interventi di seguito indicati:

Progetto REDAZIONE GIORNALISTICA Il progetto si rivolge a tutti gli alunni delle classi terze con le seguenti finalità:         

Agevolare gli apprendimenti disciplinari attraverso lo sviluppo e il controllo dell’autostima e della stima per gli altri. Sviluppare la capacità di interazione sociale in diversi contesti ed ambiti. Comprendere la funzione ed il significato del lavoro di gruppo e del ruolo di ognuno all’interno del gruppo stesso. Capire l’importanza delle regole e dei comportamenti corretti e il significato di etica professionale. Favorire lo sviluppo in pieno delle singole potenzialità e di quelle del gruppo. Lavorare per un fine: la produzione di un prodotto finito (il giornale della scuola sfogliabile on line, giornale on line su Alboscuole, la realizzazione di notizie per la WebTV della scuola). Acquisire progressivamente la competenza all’elaborazione di un progetto. Imparare a cercare la notizia, a formulare la notizia a scrivere un fatto sapendo rielaborare il messaggio verbale. Creare un clima di sana competizione per stimolare gli allievi a partecipare con entusiasmo al progetto giornalistico che prevede un concorso nazionale (Alboscuole) e un concorso interno nella scuola “Giornalista dell’anno” per premiare i migliori i redattori. Oltre che la partecipazione al Meeting Nazionale a Chianciano Terme organizzato da Alboscuole e la partecipazione a Concorsi come “fare il giornale nelle scuole” indetto dall’Ordine Nazionale dei Giornalisti per valorizzare l’attività giornalistica quale strumento di arricchimento comunicativo e di modernizzazione del linguaggio. Infatti, l’obiettivo del Premio è quello di avvicinare i giovani al mondo dell’informazione e della comunicazione, nella convinzione che la professione giornalistica sia il frutto di una forte passione che si deve coniugare necessariamente con una solida formazione culturale.

54   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  All’interno della Scuola viene costituita una Redazione giornalistica con gli alunni delle classi terze (due alunni per classe tra coloro che hanno un’ottima predisposizione alla scrittura e motivazione a partecipare ad un lavoro di gruppo fino alla fine dell’anno scolastico). La Redazione si riunisce una volta alla settimana, ed opera all’interno del laboratorio informatico per permettere ai redattori di lavorare direttamente on line.

Progetto “Didattica digitale” Premesso che la didattica digitale è una didattica innovativa che presenta come obiettivo principale quello di naturalizzare la tecnologia facendola entrare nella quotidianità a supporto dell'attività curricolare, ed essendo un metodo efficace per l'insegnamento/apprendimento dell'italiano, si è pensato ad una progettualità. Infatti, con il superamento della separazione tradizionale tra laboratorio di informatica e aula, con il ripensamento anche della struttura spaziale dell'aula per favorire la comunicazione e la collaborazione, gli alunni riescono a svolgere attività che vanno oltre la consueta lezione tradizionale. Imparare ad imparare con le ICT (Integrazione delle ICT nella metodologia didattica dell’italiano) Le nuove tecnologie: forniscono alla didattica nuove metodologie per imparare ad imparare, per acquisire un buon metodo di studio e di lavoro, per riflettere sulle strategie di apprendimento e sui percorsi; permettono di lavorare in forma reticolare e facilitano la strutturazione della conoscenza per mappe concettuali e mentali; agevolano la comunicazione, la condivisione di materiali e, quindi, il lavoro collaborativo nonché l’autonomia nello studio. Tecniche di conduzione: learning by doing; cooperative learning didattica metacognitiva; problem solving Role playing WebQuest Peer education

Progetto “Promozione alla lettura” La promozione alla lettura da anni è molto sentita da tutti gli operatori della scuola; ci si pone nell’ottica di favorire l’amore per il libro, da considerare uno svago, un piacere e non un mezzo per migliorare l’espressione orale e scritta. Le biblioteche, attrezzate in modo da realizzare un ambiente idoneo dove poter trascorrere del tempo piacevole, anche quest’anno aprono le porte ad attività di prestito: al mattino per tutte le classi, seguendo le lezioni di esperti del settore da Roberto Denti e Daniel Pennac. Periodicamente ciascuna classe verrà ricevuta, così che ogni alunno possa scegliere il “suo” libro ogni mese, e, al pomeriggio, per il prestito individuale, due volte a settimana per gli assenti e per i bravi lettori. Anche quest’anno i ragazzi saranno invitati a partecipare ai concorsi nazionali Giralibro e Fahrenheit.

“Lettura e scrittura creativa” “Il tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vivere.” (D. Pennac) La lettura ci consente di fare un’esperienza unica, aiuta a crescere, arricchisce, appassiona, alimenta la fantasia e la creatività, perché solo la lettura ha il potere di farci entrare nella narrazione e riscriverla a nostro piacimento, liberamente.

55   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  Lo scopo principale del progetto è quello di stimolare e coltivare nei ragazzi il piacere della lettura. La lettura dei libri diventa poi l’occasione per i ragazzi di accostarsi all’esperienza della scrittura autobiografica e di confrontarsi con essa. Obiettivi generali formativi    

Sviluppare le conoscenze e abilità disciplinari e interdisciplinari, utilizzando le modalità più motivanti. Orientare gli alunni, guidandoli, ad assumere un proprio ruolo nella realtà sociale e culturale. Promuovere la coscienza civica attraverso la conoscenza delle radici storiche del nostro Stato. Promuovere il piacere della lettura.

Obiettivi generali cognitivi     

Potenziare la padronanza della lingua italiana in quanto veicolo di conoscenza. Saper trarre informazioni storiche da testi letterari. Acquisire la conoscenza dei diversi ambiti disciplinari e padroneggiarne i linguaggi specifici. Sviluppare le capacità di comprensione, analisi, sintesi e valutazione. Sviluppare, attraverso l’esperienza dei diversi saperi, le attitudini personali e l’autoorientamento.

“Progetto L’altra matematica” Il progetto si pone l’obiettivo di affrontare argomenti di matematica che, pur non facendo parte dei normali programmi di studio, possono riscuotere interesse nei ragazzi per le loro applicazioni. La matematica non è fatta solamente di numeri e di calcoli più o meno complicati, ma è un mondo variegato e pieno di sorprese che non finiscono mai di stupire chi vi si dedica, ma soprattutto non è una materia per pochi eletti. Quotidianamente, più o meno consapevolmente, ci si trova a fare i conti con questa disciplina: quando usiamo il cellulare, il computer e ultimamente anche gli i-pad e gli smartphone, per non parlare dei navigatori satellitari e delle macchine fotografiche. Dietro le più grandi conquiste dell’uomo ci sono ragionamenti matematici più o meno convenzionali e questo progetto si propone di portarli ad un livello comprensibile per gli alunni di scuola secondaria di primo grado. Gli argomenti trattati saranno la logica matematica, le geometrie non euclidee, la Sezione aurea, la decrittazione dei codici segreti, più una panoramica sulla vita dei più grandi matematici dai tempi di Pitagora ai giorni nostri, con una serie di aneddoti e notizie davvero molto interessanti e anche divertenti.

Elenco degli argomenti o

La logica Un’analisi delle proposizioni basata su criteri di veridicità o non veridicità, eseguita anche attraverso lo studio di ciò che appare come l’esatto contrario: il paradosso. Ci si rende conto di come tante cose che all’apparenza appaiono scontate, ad un’analisi più attenta mostrano, in realtà, grandi contraddizioni e spunti di profonda riflessione

o

Le geometrie non euclidee La geometria che si studia nelle scuole è quella proposta dal matematico Euclide e si basa su una serie di affermazioni da considerare veritiere senza bisogno di dimostrazione, i famosi assiomi o postulati. Le geometrie non euclidee sono concepite negando o semplicemente non accettando tali affermazioni e ci offrono un’occasione per allargare i nostri orizzonti e la nostra capacità di intuizione

o

La Sezione aurea

56   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  La matematica della bellezza espressa in molteplici campi: dall’arte alla botanica, dal mondo animale per arrivare addirittura all’uomo e alla genetica. Un viaggio nella storia di un numero che racchiude in sé un fascino straordinario o

La decrittazione dei codici segreti La matematica usata degli hacker? Molto di più: una disciplina che nell’ultimo conflitto mondiale ha influito molto di più del potenziale bellico vero e proprio. Una dimostrazione di come, con la cultura e l’intelligenza, è possibile avere la meglio su avversari più forti ma meno astuti, in guerra (si spera mai più) come nella vita di tutti i giorni

o

I grandi geni della matematica Vedere la matematica attraverso gli occhi di chi, prima ancora di studiarla, l’ha amata e considerata la madre di tutte le scienze. Non c’è modo migliore di capire dei concetti che cercare di apprenderli da chi li ha interiorizzati a tal punto da farli apparire come qualcosa di naturale

“Progetto Canto…Cantando” Il dovere della scuola è quello di formare degli individui sensibili, critici, attenti agli stimoli circostanti; suo obiettivo è quello di creare curiosità, interesse e amore per lo studio, per la conoscenza, per le relazioni e le interrelazioni disciplinari e socioculturali. Non è certo compito della scuola creare dei piccoli artisti e non deve mirare esclusivamente a prodotti musicali ma fondamentalmente al suono (in termini di ascolto e produzione) e alle sue caratteristiche, ai suoi significati, alle sue infinite possibilità combinatorie. Insegnare musica significa quindi da un lato rendere consapevoli gli alunni del "paesaggio sonoro" in cui si trovano a vivere (ascolto, percezione, analisi), e dall'altro, sfruttando le competenze naturali e quelle che man mano vengono acquisendo, una produzione di eventi sonoro-musicali che traducano più o meno fedelmente la loro sensibilità. OBIETTIVI

 Sviluppare la personalità ed il carattere  Arricchire la memoria e l’ intelligenza  Studiare e dar forma alla musica insieme agli altri  Acquisire autonomia studiando anche da soli con il proprio interesse  Conoscere tanti canti, tanti generi musicali. Il progetto mira allo sviluppo naturale, divertente, spontaneo della vocalità dei ragazzi: uno sviluppo vocale che comprende sia aspetti fisici (estensione, timbro, sostegno e gestione del suono, energia vocale) sia aspetti musicali tipicamente esecutivi (rispetto degli andamenti, dei fraseggi) sia percettivo – uditivi (memorizzazione ritmica, melodica e armonica che ogni brano parlato o cantato impone per sua struttura, apprendimento e memorizzazione del testo, adattamento dell’orecchio e della vocalità ai vari generi proposti) e sia espressivi (livelli di interpretazione, assunzione di caratteri psicofisici, messa “in scena” delle emozioni attraverso il canto solistico e corale).

Progetto “Sport a scuola avviamento alla pratica sportiva” La possibilità per docenti e allievi di contare su una palestra funzionale e perfettamente attrezzata costituisce una risorsa importante per la promozione di iniziative e di manifestazioni collegate con l’attività motoria e sportiva della scuola. Il progetto è aperto anche agli alunni diversamente abili, è organizzato per classi aperte e con gruppi omogenei, con la finalità di far divenire la pratica sportiva un momento altamente aggregante e socializzante. L’attività sportiva e motoria rappresenta un efficace mezzo per equilibrare la formazione e lo sviluppo della persona a qualsiasi età; forgia carattere e personalità; 57   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  educa al rispetto delle regole ed al rispetto dell’altro, alla concorrenza leale ed allo spirito di squadra; è gioco e divertimento; favorisce il superamento del disagio giovanile e dei comportamenti rischiosi connessi; è strumento di aggregazione, integrazione e socializzazione tra fasce di età diverse e tra elementi più deboli e disagiati; promuove una società solidale e tollerante; facilita la prevenzione di malattie e contribuisce al mantenimento di un ottimo stato di salute. E’ stato costituito il Centro Sportivo Scolastico a norma della C.M. prot. del 4/8/2009 e per quest’anno, in orario pomeridiano, saranno proposte le seguenti discipline: Pallavolo (maschile e femminile); Atletica leggera Ginnastica ritmica

PROGETTI SPECIALI “Scuola in ospedale” La scuola, all’interno dell’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore, rappresenta non solo uno dei diritti fondamentali del bambino, quello dell’istruzione, ma anche la possibilità di portare avanti, nonostante la malattia, progetti legati alla costruzione dell’avvenire. Sono previste iniziative volte al potenziamento e alla qualificazione dell'offerta di integrazione scolastica degli alunni ricoverati in ospedale o seguiti in regime di day-hospital. L’intervento dei docenti si inserisce all’interno del progetto di assistenza globale indispensabile per uno sviluppo, meno traumatico possibile, della personalità. Come è noto, la scuola in ospedale si innesta e si realizza in un contesto di complessità, che richiede al docenti e a chi in essa opera flessibilità e adattabilità a situazioni che mutano spesso e a condizioni psicologiche vissute dagli utenti non sempre positive. Questa peculiarità ha reso la scuola in ospedale necessariamente un continuo “laboratorio” sempre alla ricerca di soluzioni nuove per rispondere ai differenti bisogni, connotandosi come un “laboratorio di innovazione”, che potrebbe efficacemente essere messo a disposizione anche della scuola ordinaria. La scuola in ospedale, infatti, in quanto obbligata a misurarsi ogni giorno con situazioni problematiche, ha appreso per necessità a migliorarsi, ad adattare e a modificare la propria organizzazione, la propria offerta formativa e il relativo modello di gestione delle attività formative, attraverso un’offerta formativa centrata sull’individuo e sui suoi bisogni e, perciò, sempre diversa. La personalizzazione, di cui oggi tanto si sottolinea l’importanza, è nella scuola in ospedale e a domicilio un dato di fatto, che porta a staccarsi dal programma nel senso tradizionale del termine per applicare e realizzare interventi formativi, centrati sulla persona, caratterizzati da trasversalità ed essenzialità. Personalizzare, in questo caso non significa semplificare, ma scandagliare gli statuti epistemologici delle discipline per attingere ciò che è essenziale di ciascuna disciplina da proporre in termini e modalità che tengano conto dell’unicità e diversità della persona con cui si interagisce. E’ questo che distingue la scuola in ospedale dal resto e che ne fa un esempio da seguire in termini di “scuola della persona”.

“Istruzione domiciliare” FINALITA’ Il progetto di istruzione domiciliare ha lo scopo di favorire la continuità del rapporto apprendimento –insegnamento, anche in situazioni difficili (ospedalizzazioni, lunghe assenze per malattie….), che ne pregiudicano l’attuazione. Gli interventi, messi in atto nei periodi di

58   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

  convalescenza a casa, si adeguano alle esigenze degli alunni in difficoltà, in stretto raccordo con il percorso didattico seguito dal gruppo – classe di appartenenza.

OBIETTIVI FORMATIVI o o o o

Garantire il diritto allo studio Prevenire l'abbandono scolastico Favorire la continuità del rapporto apprendimento-insegnamento Mantenere rapporti relazionali/affettivi con l'ambiente di provenienza

ALUNNI COINVOLTI Alunni in malattia, costretti a casa per periodi superiori a 30 giorni.

59   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

ATTIVITÀ DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE Le iniziative di formazione e aggiornamento hanno come obiettivo il miglioramento e la crescita professionale dei docenti, sia per far fronte a esigenze didattico-metodologiche che per dare risposte positive alle trasformazioni ed innovazioni in atto nella scuola. La scuola, infatti, sta cambiando ed i processi organizzativi stanno, conseguentemente, diventando sempre più complessi. Il nuovo sistema formativo richiede ai docenti una professionalità al passo con i tempi: si è sempre più convinti che una buona scuola, e quindi gli esiti formativi degli studenti, dipendano moltissimo dalla qualità degli insegnanti e che una buona professionalità si misuri anche dalla qualità della formazione. I docenti sono consapevoli che la scuola dell’autonomia passa necessariamente attraverso la qualità dei soggetti che vi operano. Da qui la necessità di ripensare ai propri bisogni professionali, l’esigenza di essere sostenuti durante il proprio percorso formativo, di essere aiutati a costruire la propria progettualità. I percorsi che ciascun docente seguirà, affidandosi ad agenzie formative esterne accreditate (università, enti di formazione privati, in rete con altre istituzioni scolastiche, ecc…), arricchiranno la scuola di materiale ed esperienze nuove. In particolare, ai sensi dell' art.65 CCNL ed in coerenza con gli obiettivi e i tempi del POF e nel rispetto delle direttive ministeriali sulla formazione, la scuola realizza il seguente Piano annuale delle attività di aggiornamento, promosso e programmato dal collegio docenti: a) Realizzazione di un corso di formazione finalizzato alla formazione del Dirigente Scolastico e del DSGA, in rete con altre Istituzioni del territorio, sulle seguenti tematiche: 1) Approfondimenti normativi e giurisprudenziali sull’attività negoziale dell’istituzione scolastica; 2) Disciplina dell’accesso ai documenti amministrativi; 3) Codice di comportamento dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni – Decreto del Presidente della Repubblica n. 62 del 16 aprile 2013 pubblicato in G.U. del 04/06/2013. b) Realizzazione di un corso di formazione sulle “Indicazioni per il curricolo”. c) Partecipazione dei docenti alla formazione sull’utilizzo delle LIM. d) Partecipazione del personale a corsi organizzati a livello provinciale con finanziamenti europei. e) Formazione Didatec dei docenti sull’uso delle nuove Tecnologie applicate alla didattica, piano di formazione Nazionale (D5) finalizzato alla formazione sulla costruzione di percorsi didattici multimediali. f) Realizzazione di un percorso formativo sulla sicurezza negli ambienti di lavoro e nello specifico sul primo soccorso, sul piano di evacuazione della scuola e sul decreto 81/2008 in generale. g) Formazione sull’utilizzo dei programmi ARGO per il personale di segreteria; h) Percorso di formazione per il personale ATA nell’ambito della rete di scuole (progetto al quale il nostro istituto ha aderito).

60   


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

2013/14

 

BIBLIOGRAFIA   -

-

-

-

Annali del Pubblica Istruzione del MIUR 2/2011 Nocera Inferiore ed il suo comprensorio collana” Città del Mezzogiorno” Massa ed. Carta dei servizi A.D. 2000 “Jubileum” »Nota prot.n. 3888 del 26 aprile 2006 - Autonomia Scolastica - Monitoraggio piani dell'offerta formativa – Supporto alle scuole per la partecipazione all'indagine nazionale - Precisazioni »Nota prot.n. 3569 del 12 aprile 2006 - Autonomia Scolastica - Monitoraggio piani dell'offerta formativa – Supporto alle scuole per la partecipazione all'indagine nazionale »Nota prot.n. 791 del 31 gennaio 2006 - Autonomia Scolastica - Indicazioni sull'avvio della seconda fase del monitoraggio dei Piani dell'Offerta Formativa per l'a. s. 2005/2006 »Nota prot. n. 10345 dell'11 novembre 2005 - Autonomia Scolastica - Precisazioni e chiarimenti sull'avvio del monitoraggio dei piani dell'offerta formativa per l'a. s. 2005/2006 »Circolare Ministeriale n.83 del 7 novembre 2005 - Autonomia Scolastica - Avvio del monitoraggio dei piani dell'offerta formativa. Franca Da Re: Curricolo del primo ciclo Franca Da Re: La didattica per competenze –Apprendere competenze, descriverle, valutarle. Ed. Pearson Franca Da Re: Insegnare per competenze nella scuola del XXI secolo. Ed Pearson.

61   


Pof Solimena-De Lorenzo 2013/2014