Page 1

Biografie: Caravaggio

o occupa un posto di primo piano tra i pittori che hanno una rivoluzione, una rottura nelle teorie e tecniche artistiche del . Il suo destino particolare - una gloria precoce, una fine solitaria e miserabile - contrappone, come avviene nelle sue ombre e luci; il crudo realismo nell'interpretazione degli episodi a forza del gusto tenebroso hanno suscitato, quando il pittore era o, aspre critiche e grandi entusiasmi. Si è così formata e leggendaria e romanticamente semplificata dell'artista, di generazione in generazione per tre secoli. Soltanto ai nostri la rivoluzione del barocco, le ricerche degli storici italiani e primi fra tutti Hermann Voss, Lionello Venturi, Roberto Longhi, an - hanno sensibilmente modificato il giudizio sull'opera del quanto riguarda la biografia, gli storici dell'arte hanno corretto o molti punti essenziali della sua vita. Di natura violenta, impulsiva, penitente, provocatore di risse, sempre pronto a metter mano alla cumenti conservati negli archivi non ci lasciano alcun dubbio in sua indole. Ebbe influenti protettori e amici fedeli che non erò evitare le tragiche vicende degli ultimi anni della sua vita.

periodo della vita di Caravaggio è conosciuto, poco si sa degli ormazione. Nato a Caravaggio, appartiene a una famiglia stimata za agiata: suo padre è architetto e intendente del marchese di . La sua vocazione deve essersi manifestata molto presto, poiché 4 entra come allievo nella bottega del pittore bergamasco Simone allievo di Tiziano. Dodici anni dopo ripara a Roma, dove lavora useppe Cesari (il cavalier d'Arpino [1568-1610]), pittore o nelle composizioni di fiori e frutta, nonché pittore di temi avvale di alcuni protettori, come per esempio il cardinale Del lo alloggia nel suo palazzo e gli commissiona nature morte. Ma della vita dell'artista durante questi primi anni romani rimangono 1597 gli viene chiesto di dipingere alcune tele per la cappella n San Luigi dei Francesi (Vocazione e martirio di San an Matteo e l'angelo ) che lo rendono celebre e contestato. Di a opera dovrà fornire una nuova versione, poiché era stata olgarmente irriverente. Da allora e fino al 1606, la storia di è costellata da vari avvenimenti che si sovrappongono. Da un a numerose opere di notevole importanza che sottolineano la la potenza creativa: tra il 1600 e il 1601 Caravaggio dipinge la one di San Pietro e la Conversione di San Paolo (Santa Popolo, Roma); nel 1604 la Madonna dei pellegrini o di ant'Agostino, Roma); nel 1605, la Morte della Vergine (museo , Parigi), rifiutata dai religiosi di Santa Maria della Scala e nvece dal duca di Mantova, su consiglio del giovane Rubens. Sin el Libro della pittura, Karel Van Mander include Caravaggio tra i ri. Ma nello stesso tempo, a partire dal 1603, si succedono senza denunce alla polizia, risse, processi: nel 1605 Caravaggio si enova, dopo aver ferito un cancelliere in tribunale. Nel maggio del duello si conclude tragicamente: l?artista, ferito, uccide il suo ed è costretto a fuggire, prima a Palestrina e poi nell?Italia . Comincia allora una vita da fuggiasco, in cui si alternano sventure. Nel 1607 si reca a Napoli dove esegue per chiese e cuni capolavori: la Flagellazione di Cristo (San Domenico Napoli), le Sette opere di misericordia . A Malta, ove giunge I608, il ritratto del gran maestro Alof de Wignacourt (Louare) gli rdinazioni, in particolare il grande «notturno» della Decollazione ovanni Battista (duomo di La Valletta). Caravaggio è accolto dei Cavalieri, ma notizie provenienti da Roma. riguardanti i motivi


Sicilia. dove, spostandosi da una città all?altra lascia numerosi suo genio: il Seppellimento di Santa Lucia, eseguito a er l?omonima chiesa; la Resurrezione di Lazzaro e l? e dei pastori oggi esposte al museo di Messina; una Natività San Lorenzo a Palermo). Ritornato a Napoli nell?ottobre del gredito e gravemente ferito. Nel contempo i suoi protettori romani no per ottenergli la grazia. Ancora convalescente imbarca nel Copyright © 1998 - si 2009 Audiovideoitalia S.R.L. Tutti i diritti riservati 610 per lo StatoSrlpontificio. Arrestato alla frontiera di linkati, pubblicati o recensiti. - Note legali - Privacy - webagenc y : Studio03.it Audiovideoitalia non è responsabile ad per alcunerrore titolo dei contenuti dei siti e e liberato due giorni dopo, vaga lungo le spiagge alla vana a barca che lo aveva trasportato lì. Colpito dalla febbre, si spegne nda, in solitudine, qualche giorno prima che fosse annunciata l? ne della domanda di grazia.

nte, l'evoluzione della carriera clamorosa e tormentata del pittore efinita con maggior precisione. Le grandi opere romane si tra il periodo giovanile, ricco e contrastato, e il periodo del nnovamento artistico, interrotto dalla sua morte improvvisa. Il do romano è dominato dall'influenza del realismo popolare e dal ombardo-veneto della seconda metà del XVI secolo (Peterzano, i ttanzio, Gambara, ecc.) Caravaggio dimostra la padronanza la tecnica realista. Giovanni Pietro Bellori ha scritto: «Per lui non meglio che seguire la natura: non vi è tratto che non sia eseguito e secondo un modello vivente». Nature morte di fiori e frutta, enere (suonatori di liuto, indovine, musicisti, bevitori e bari e quel suale e melodico esposto agli Uffizi), soggetti sacri su sfondi ci (Riposo nella fuga in Egitto , esposto a Roma nella galleria mphili), pongono in evidenza la genialità dell'artista, la cui non supera però il «ritratto» di personaggi. A partire dalle opere er San Luigi dei Francesi, si rivelano intendimenti più elevati, con e di un nuovo stile. La composizione semplice e potente, la grandiosa degli atteggiamenti e dell'espressione, l'ardita one realistica degli episodi religiosi (il corpo gonfio di Maria, simile un corpo annegato, rappresentato nell'opera la Morte della i piedi sporchi dei pellegrini, in primo piano nel dipinto la di Loreto ), l'incisività dell'illuminazione artificiale, che sottolinea nte i rilievi, i colori vivaci (i rossi) sugli sfondi scuri, sono i mezzi tteristici dell'arte caravaggesca, che affermano il genio innovatore pienamente cosciente delle proprie possibilità. Ma la pittura degli ssivi si fa sempre più incerta, sfuggente, misteriosa: il fremito della niente da fonti moltiplicate, la disposizione dei personaggi, il vuoto dei grandi spazi pieni d'ombre (Decollazione di san Battista ) creano un'atmosfera poetica e quasi fantastica, nuova a. Se Caravaggio fosse vissuto più a lungo, sarebbe divenuto un randt? Sembra che l'interpretazione di Caravaggio e della sua e storica abbiano compiuto sensibili progressi. Parlare di realismo ismo non è più sufficiente per definire questo grande e geniale tti i brani di vita popolare e gli effetti dei suoi «notturni» sono i di tutta la pittura della fine del XVI secolo, e in particolare dell? ord, nell'opera di artisti di primo piano quali Bassano e perfino . L'originalità di Caravaggio consiste nell'uso della luce per a pienezza delle forme e dei volumi, ma anche per drammatizzare gi più umili. Soprattutto questo aspetto eroico ha colpito degli storici dell'arte contemporanei: quest'arte plastica, diretta, che esprime un sentimento semplice e profondo della rispondente alle aspirazioni della Controriforma. Tale arte non è mente iconoclastica: l'influenza di Michelangelo è spesso nella pittura del suo giovane omonimo. E la reazione umanista ci contro gli artifici del manierismo è più affine, che non contraria, ismo.

a

uccesso ottenuto da questa pittura dimostra che corrispondeva ze e agli ideali del tempo. Il caravaggismo si manifesta come un nternazionale fin dal suo primo apparire, e si diffonde in tutta zie agli artisti girovaghi che transitano da Roma. Questa corrente novera in Italia diverse personalità, tra le quali vanno ricordate, tra 1610, le figure di Bartolomeo Manfredi (1580 c.a - 1624), Carlo 1585 c.a - 1620), Giovanni Battista Caracciolo (1570 ca - 1637) uisce a diffondere il nuovo stile a Napoli, Orazio Borgianni (1578 -

caravaggio vita  

opere maggiori

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you