__MAIN_TEXT__

Page 1

International film festival of poetic animation II edizione edition 12-16 luglio July 2017


Aleksandr Sokurov, Ninetto Davoli, Marco Paolini, Georges Schwizgebel, Nino De Vita, Sergio Staino, Umberto Piersanti, Valentina Carnelutti, Luca Raffaelli, Julia Gromskaya, Anna Shepilova, Dennis Tupicoff, Isabel Herguera, Mauro Carraro, Sandra Desmazieres, Svetlana Filippova, Nico Bonomolo, Xi Chen, Soetkin Verstegen, Olga & Tatiana Poliektova, Danijel Žeželj, Wojciech Sobczyk, David Doutel, Vasco Sá, Vladimir Leschiov, Minji Kang, David Coquard-Dassault, Jerzy Kucia,Samuele Canestrari, Tina Carlini, Luigi Ferrazzano, Maria Chiara Ligis, Celeste Messina, Alessandra Piras, Giorgia Ubaldi, Anthony Valenti Pettino, Hombre all’Ombra, Comaneci, La Macina, The Morsellis, Luigi Grechi, Filippo Biagianti, Niba, L’Abile teatro, Don Gatti, Duilio, Veraldo, Livio.

International film festival of poetic animation II edizione/ edition


patrocini

ASIFA Italia - Associazione Italiana Film d’animazione

Medaglia di Riconoscimento del Presidente della Repubblica

un progetto dell’Associazione Culturale Ars Animae

Presidente onorario/ Honorary president Giannalberto Bendazzi

Fondazione Marche Cultura

Presidenza del Consiglio dei Ministri Regione Marche

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo

Provincia di Pesaro e Urbino

Accademia del Cinema Italiano Premi David di Donatello

Comune di Pergola

SNGCI - Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani

Comune di San Lorenzo in Campo

Comune di Frontone

Comune di Serra Sant’Abbondio

Animavì International film festival of poetic animation

Grazie a/ Thanks to Aliona Shumakova Heidi Mancino Angelo Cruciani Maurizio Di Rienzo Giulio Sangiorgio Laura Delli Colli Giovanni Spagnoletti Antonio Capellupo Fabrizio Tassi Marino Severini Angelo Verdini Luca Pakarov Michela Signori Licio Esposito Federico Temperini Daniele Di Gennaro Paolo Cesari Martina Benedetti

Direttore artistico/ Artistic director Simone Massi Direttore organizzativo/ Organizational director Mattia Priori Presidente/ President Associazione Culturale Ars Animae Leone Fadelli Segreteria organizzativa/ Organizing office Silvia Carbone Segreteria amministrativa/ Administrative office Roberta Piersimoni Segreteria artisti/ Artist office Agnese Tomassetti Silvia Carbone Federico Tamenghi Ufficio stampa/ Press Carlo Dutto Promozione/ Promotion Sabrina Santelli Mattia Priori Leone Fadelli Silvia Carbone

Ricerca sponsor/ Fundraising Serena Biagini Salvatore Di Tolla Mattia Priori Leone Fadelli #fuorifestival Silvia Dezi Giacomo Caverni Gianni Conti Lola Capote Maria Ida Domenichelli Ospitalità/ Accommodations Silvia Carbone Elena Tonelli Silvia Allegrezza Heidi Mancino Salvatore Di Tolla Giacomo Tarsi Eleonora Guerra Lorenzo Allegrezza Agnese Tomassetti Claudio Corinaledesi Nicola Di Saverio Marco Angelucci Graziano Ilari Supporto tecnico/ Technical support Giovanni Conti Nicola Cecchetelli Ivo Cecchetelli Eugenio Paoloni Supporto informatico/ Informatic support Marco Magagnini Vittoria Beci Fabio Ceccarani Marco Angelucci

Botteghino/ Box office Permessi tecnici/ Michela Tronfietti Technical permissions Ing. Emanuele Mencarelli Maruska Manuelli

Maschere/ Ushers Serena Pierfranceschi Giulia Dezi Maria Chiara Lucertini Amanda Conti Elena Catena Enrico Sabatini Interpreti/ Interpreters Cristina Galli Sara Spagnuolo Claudia Cruciani Shanti Cruciani Vanessa Montesi Allestimenti/ Spaces design Mattia Priori Marika Marianelli Emanuele Marcotullio Claudia Londei Ilaria Moretti Cristina Tauszig Allestimento mostre/ Exhibition set up Nicola Di Saverio Federico Tamenghi Massimo Albertini Serena Pierfranceschi Silvia Carbone Leone Fadelli Grafica/ Graphic design ma:design Massimiliano Patrignani Giacomo Salerno Monica Zaffini Fotografie/ Photo Gabriele Villanelli Lorenza Sargenti Naila Alameddine Riprese audio-video/ Video shooting Filippo Biagianti Stefano Sasso

Catalogo/ Catalogue A cura di/ Curated by Silvia Carbone Mattia Priori Simone Massi Illustrazione copertina/ Cover illustration Georges Schwizgebel Illustrazioni/ Illustrations Simone Massi Traduzioni/ Translations: Silvia Allegrezza Claudia Cruciani Liz Sumner Michael Cohen Peter Schar Stampa/ Printed Nova Cartotecnica Roberto


4

5


Arrivai dove volevo. Dove ero già stato. Nello stesso angolo di fiume, sulla stessa pietra.

Giannalberto Bendazzi Presidente onorario Honorary president

Nino De Vita

Giannalberto Bendazzi è stato professore in varie università in Italia e all’estero. Studioso indipendente dal 1971, è autore o curatore di una ventina di libri, sia sul cinema “dal vero” sia sull’animazione. Il suo lavoro più noto è la storia mondiale Cartoons - Cento anni di cinema di animazione, tradotto nelle principali lingue, la cui nuova versione Animation – A World History è stata pubblicata nel 2016. Bendazzi è stato uno dei membri fondatori della Society for Animation Studies e per nove anni membro del Direttivo dell’ASIFA internazionale. Ha tenuto corsi e conferenze in Europa, Nord America, Sud America, Asia e Australia, è stato curatore di varie retrospettive a festival internazionali, e per una cinquantina di volte membro di giuria. È stato il primo destinatario (2002) del Premio per gli Studi sull’Animazione istituito dal festival di Zagabria.

6

Animavì - International film festival of poetic animation

Giannalberto Bendazzi is the author of Animation A World History (2016), an encyclopaedic book in three volumes. His previously best-known work was Cartoons, a world history published in many languages. A film critic and historian, he has been studying animation since age 19 (he is now 70). In 2001, he edited Alexeieff, Itinéraire d’un maître Itinerary of a Master, dedicated to one of the great masters of avant-gar-de cinema. The book on Quirino Cristiani, the author of the first animated feature films, was published in Spanish by Ediciones de la Flor, Buenos Aires. He has lectured extensively on all continents, and taught at the Università degli Studi di Milano (2002-2009) and at the Nanyang Technological University of Singapore (2013-2015). He is a founding Member of the Society for Animation Studies. Giannalberto Bendazzi wrote books on live-ac-tion cinema, too: on Woody Allen and Mel Brooks.

7


Animavì Comitato d’onore Honorary Committee Pierino Amedano emigrante e minatore emigrant and miner

La Macina gruppo folk folk band

Neri Marcoré attore actor

Mau Mau gruppo folk rock folk rock band

Modena City Rambles gruppo folk rock folk rock band

Franco Arminio scrittore e poeta writer and poet

Andrea Bajani scrittore writer

Luca Bergia musicista (Marlene Kuntz) musician

Bruna Betti partigiana partisan

Laura Morante attrice e regista actress and director

Marco Paolini attore actor

L. Petrushevskaya scrittrice e poetessa writer and poetess

Umberto Piersanti scrittore e poeta writer and poet

Valentina Carnelutti attrice e regista actress and director

Max Casacci musicista (Subsonica) musician

Ascanio Celestini attore e regista actor and director

Erri De Luca scrittore e poeta writer and poet

Alba Rohrwacher attrice actress

Veraldo Preziosi contadino farmer

Francesco Scarabicchi poeta poet

Silvio Soldini regista director

Nino De Vita poeta poet

Liliana Fedeli partigiana partisan

Goffredo Fofi scrittore, attivista, critico writer, activist, critic

Daniele Gaglianone regista director

Ezio Spallacci contadino farmer

Oreste Tagnani contadino farmer

F.lli Taviani registi directors

Miklós Vámos scrittore writer

Gang gruppo folk rock folk rock band

Valeria Golino attrice e regista actress and director

Nastassja Kinski attrice actress

Emir Kusturica regista, attore, musicista director, actor, musician

Daniele Vicari regista director

Emily Jane White cantautrice songwriter

Massimo Zamboni musicista e scrittore musician and writer

Theo Teardo compositore composer

8

Animavì - International film festival of poetic animation

9


OSPITI SPECIALI SPECIAL GUESTS

Aleksandr Sokurov Bronzo Dorato alla Carriera Gilt Bronze to Career

Nato nel giugno del 1951 nell’Oblast’ di Irkutsk, in Siberia, Aleksandr Sokurov si è laureato in Storia presso l’Università di Nižnij Novgorod (1974) e ha conseguito una seconda laurea presso il VGOK, l’Istituto Statale Pan-russo di Cinematografia di Mosca (1979). Per molto tempo, fino alla Perestroika di Gorbačëv, i censori misero al bando tutti i suoi film dalle proiezioni pubbliche. Sokurov ha ottenuto molti riconoscimenti internazionali, fra cui quattro premi FIPRESCI, due premi Tarkovskij, il premio dello Stato russo, il premio Tertio Millennio del Vaticano e un Leone d’Oro a Venezia per Faust, il quarto film della sua tetralogia sul potere. Nel 1995 la European Film Academy ha nominato Aleksandr Sokurov uno dei migliori registi del mondo. A dicembre 2017 Sokurov riceverà il premio alla carriera della European Film Academy (considerato “l’Oscar europeo”).

10

Animavì - International film festival of poetic animation

Born in June 1951 in Irkutsk Oblast, Siberia, Aleksandr Sokurov graduated from the University of Nižnij Novgorod as a historian (1974) and from the VGIK the Russian State Institute of Cinematography in Moskow (1979). For a long time, right up to Gorbačëv’s Perestroika, all of his films were banned from public screening by the censors. Sokurov has won many international prizes; among them, four FIPRESCI prizes, two Tarkovskij prizes, Russian State Prize, Vatican Third Millenium Prize, and Golden Lion in Venice for Faust, the fourth film of his tetralogy about power. In 1995 the European Film Academy declared Aleksandr Sokurov one of the best film directors of the word. In December 2017, he will receive the European Film Academy career award (considered “the European Oscar”).

11


Filmografia/ Filmography La voce solitaria dell’uomo/ The Lonely Voice of Man 1978

Pietra/ The Stone 1992

Padre e figlio/ Father and Son 2003

L’insesibilità dolorosa/ Mournful Unconcern 1983

Pagine sommesse/ Whispering Pages 1994

Sole/ The Sun 2005

I giorni dell’eclisse/ Days of Eclipse 1988

Madre e figlio/ Mother and Son 1997

Alexandra 2007

Salvaci e preservaci/ Save and Protect 1989

Moloch 1999

Il secondo cerchio/ The Second Circle 1990

12

Taurus 2001

Faust 2011 Francofonia 2015

Arca russa/ Russian Ark 2002

Animavì - International film festival of poetic animation

13


Ninetto Davoli Bronzo Dorato all’Arte della Recitazione Gilt Bronze to Acting Art

Ninetto Davoli, attore italiano dalla spiccata sensibilità, ha lavorato con i più grandi registi italiani. Nato in Calabria cresce a Roma, nell’allora baraccopoli Borghetto Prenestino, presso la Via Prenestina. Dal carattere simpatico, con la tipica parlata romanesca e con un sorriso aperto, viene scoperto da Pier Paolo Pasolini che, dopo avergli affidato una comparsata nel film Il Vangelo secondo Matteo (1964), lo sceglie come coprotagonista, al fianco di Totò, nel film Uccellacci e uccellini (1966) e, successivamente, negli episodi La Terra vista dalla Luna (Le streghe, 1967) e Che cosa sono le nuvole? (Capriccio all’italiana, 1968). Oltre che con Pasolini, ha stretto un intenso e lungo sodalizio anche con Sergio Citti, con cui nel 1970 gira il film d’esordio Ostia e dopo tra il 1973 e il 1996 i successivi Storie scellerate, Casotto, Il minestrone, Sogni e bisogni (l’episodio I ladri) e I magi randagi. Specializzato in ruoli brillanti, Davoli raccoglie tuttavia i risultati migliori in ruoli drammatici come nel film Uno su due di Eugenio Cappuccio, con cui ottiene critiche ottime e vince il premio Lara 2006 alla prima Festa del Cinema di Roma, e in Cemento armato, pellicola noir di ambientazione romana di Marco Martani. Nel 2015 gli viene assegnato per il suo mezzo secolo sul set, il Nastro d’argento alla carriera. Dopo alcune fiction è tornato anche al cinema d’autore con il Pasolini di Abel Ferrara ma soprattutto con Michele Alhaique in Senza nessuna pietà.

14

Ninetto Davoli an Italian artist with remarkable sensitivity, has worked with the most important Italian film makers. He was born in Calabria and grew up in Roma, in the shantytown Borghetto Prenestino, near Prenestina Street. With a charming personality, the typical Roman way of speaking and his sincere smile, he was discovered by Pier Paolo Pasolini who initially assigned him a non-speaking role in the film Il Vangelo secondo Matteo (1964). He then chose him as co-star, next to Totò, in the film Uccellacci e uccellini (1966) and later in the episodes La Terra vista dalla Luna (Le streghe, 1967) and Che cosa sono le nuvole? (Capriccio all’italiana, 1968). In addition to Pasolini, he started an intense and long partnership with Sergio Citti, with whom in 1970 he shot his first film Ostia and then between 1973 and 1996 the following Storie scellerate, Casotto, Il minestrone, Sogni e bisogni, I magi randagi. Specializing in comic roles, Davoli however collects his best results in dramatic roles as in Eugenio Cappuccio’s film Uno su due in which he was critically acclaimed and won the prize Lara 2006 in the first Festa del cinema di Roma and in Cemento armato film noir settled in Rome by Marco Martani. In 2015 he received the Nastro d’argento for his career on the occasion of his half century on the stage. After some fiction he returned to film with Pasolini by Abel Ferrara and above all with Michele Alhaique in Senza nessuna pietà.

Filmografia/ Filmography Il vangelo secondo Matteo, regia di Pier Paolo Pasolini 1964 Uccellacci e uccellini, regia di Pier Paolo Pasolini 1966 La Terra vista dalla Luna, episodio di Le streghe, regia di Pier Paolo Pasolini 1966 Requiescant, regia di Carlo Lizzani 1967 Edipo Re, regia di Pier Paolo Pasolini 1967 Che cosa sono le nuvole?, episodio di Capriccio all’italiana, regia di Pier Paolo Pasolini 1968 Teorema, regia di Pier Paolo Pasolini 1968 Partner, regia di Bernardo Bertolucci 1968 La sequenza del fiore di carta, episodio di Amore e rabbia, regia di Pier Paolo Pasolini 1969 Porcile, regia di Pier Paolo Pasolini 1969 Ostia, regia di Sergio Citti 1970 Il Decameron, regia di Pier Paolo Pasolini 1971 Er più - Storia d’amore e di coltello, regia di Sergio Corbucci 1971 S.P.Q.R., regia di Volker Koch 1972 Abuso di potere, regia di Camillo Bazzoni 1972 Anche se volessi lavorare, che faccio?, regia di Flavio Mogherini 1972 I racconti di Canterbury, regia di Pier Paolo Pasolini 1972 Storia di fifa e di coltello Er seguito d’er più, regia di Mario Amendola 1972 Il maschio ruspante, regia di Antonio Racioppi 1972 La Tosca, regia di Luigi Magni 1973 Storia de fratelli e de cortelli, regia di Mario Amendola 1973 Storie scellerate, regia di Sergio Citti 1973

Animavì - International film festival of poetic animation

Una matta, matta, matta corsa in Russia, regia di Franco Prosperi 1973 La signora è stata violentata!, regia di Vittorio Sindoni 1973 Maria Rosa la guardona, regia di Marino Girolami 1973 Appassionata, regia di Gianluigi Calderone 1974 Pasqualino Cammarata... capitano di fregata, regia di Mario Amendola 1974 Il fiore delle mille e una notte, regia di Pier Paolo Pasolini 1974 Amore mio, non farmi male, regia di Vittorio Sindoni 1974 Il lumacone, regia di Paolo Cavara 1974 Qui comincia l’avventura, regia di Carlo Di Palma 1975 Il vizio ha le calze nere, regia di Tano Cimarosa 1975 Frankenstein all’italiana, regia di Armando Crispino 1975 Amore all’arrabbiata, regia di Carlo Veo 1976 L’Agnese va a morire, regia di Giuliano Montaldo 1976 Spogliamoci così, senza pudor, regia di Sergio Martino 1976 Casotto, regia di Sergio Citti 1977 No alla violenza, regia di Tano Cimarosa 1977 Malabestia, regia di Leonida Leoncini 1978 La liceale seduce i professori, regia di Mariano Laurenti 1979 Maschio, femmina, fiore, frutto, regia di Ruggero Miti 1979 Le buone notizie, regia di Elio Petri 1979 Il cappotto di Astrakan, regia di Marco Vicario 1980 Il minestrone, regia di Sergio Citti 1981

Il cuore del tiranno, regia di Miklós Jancsó 1981 Il conte Tacchia, regia di Sergio Corbucci 1982 Occhei, occhei, regia di Claudia Florio 1983 Marie Ward - Zwischen Galgen und Glorie, regia di Angelika Weber 1985 Momo, regia di Johannes Schaaf 1986 Animali metropolitani, regia di Steno 1987 La ragazza del metrò, regia di Romano Scandariato 1988 Le rose blu 1990 L’anno prossimo vado a letto alle dieci, regia di Angelo Orlando 1995 I magi randagi, regia di Sergio Citti 1996 Cinématon, regia di Gerard Courant 1997 Una vita non violenta 2000 Uno su due, regia di Eugenio Cappuccio 2007 Cemento armato, regia di Marco Martani 2007 Scontro di civiltà in un ascensore a piazza Vittorio 2010 Tutti al mare, regia di Matteo Cerami 2011 Fiabeschi torna a casa 2012 Felice chi è diverso, regia di Gianni Amelio 2014 Pasolini, regia di Abel Ferrara 2014 Senza nessuna pietà, regia di Michele Alhaique 2014 Uno, anzi due, regia di Francesco Pavolini 2015 Natale a Londra - Dio salvi la regina, regia di Volfango De Biasi 2016

15


Marco Paolini

“Non sono un esperto di Internet, non sono un utente dei social. Non conosco la meccanica quantistica, né le Neuroscienze e la fisica, né la robotica e le intelligenze artificiali. Ma tutto questo mi riguarda e mi interessa. So che la mia vita sta cambiando grazie o per colpa delle tecnologie che da queste innovazioni derivano e di cui faccio uso anch’io come i miei simili. Provo a riflettere a voce alta su questo mettendo insieme piccole storie unite da un filo di ragionamenti. Una volta, nelle veglie invernali si chiamavano filò le narrazioni degli anziani che raccontavano qualcosa di unico e prezioso. Senza presunzione di riuscirci ritengo necessario provare a narrare il nostro tempo crisalide.”

Ivana Porta Sunjic

Bronzo Dorato all’arte teatrale Gilt Bronze to Theatrical Art

Marco Paolini, attore, autore e regista. Dagli anni Settanta al 1994 ha fatto parte di vari gruppi teatrali. È in uno di questi, il Teatro Settimo di Torino, che inizia a raccontare storie, nascono gli “Album”, i primi episodi di una lunga biografia collettiva che attraversa la storia italiana dagli anni ’60 ai giorni nostri, fino a immaginare il futuro prossimo con il nuovo Album Le avventure di Numero Primo. Noto al grande pubblico per Il racconto del Vajont si distingue quale autore e interprete di narrazioni di forte impatto civile (I-TIGI racconto per Ustica, Parlamento chimico, Il Sergente, Bhopal 2 dicembre ’84, U 238, Miserabili) e per la capacità di raccontare il cambiamento della società attraverso i dialetti e la poesia sviluppata con il ciclo dei Bestiari. Appassionato di mappe, di treni e di viaggio, traccia i suoi racconti con un’attenzione speciale al paesaggio, al suo mutarsi, alla storia (come nel Milione) e al suo evolversi (Numero Primo). Artigiano e manutentore del mestiere di raccontare storie, sa portare quest’arte antica al grande pubblico con memorabili dirette televisive (tra cui i recenti ITIS Galileo e Ausmerzen. Vite indegne di essere vissute, seguiti da quasi due milioni di telespettatori su La7). Dopo la Ballata di uomini e cani, dedicata a Jack London, nel 2017 debutta con giovani attori del Teatro Nazionale Palestinese in Amleto a Gerusalemme e con un nuovo Album, Le avventure di Numero Primo, dedicato alla tecnologia. Nel 1999 ha fondato Jolefilm, la società con cui produce tutti i suoi spettacoli e con cui sviluppa la passione per il documentario e il cinema realizzando opere che hanno avuto un ottimo riscontro di pubblico e di critica (dal pluripremiato Io sono Li di Andrea Segre, al recentissimo La pelle dell’Orso di Marco Segato). 16

Marco Paolini, actor, writer and director. From the Seventies until 1994, he was part of several italian acting companies. In one of these theatres, the Teatro Settimo in Torino, he begins to tell stories and that’s where the “Album” starts. The first event of a long biography that spans the Italian History from de Sixties to our days and beyond by visualizing how the future will look like with his new album Le avventure di Numero Primo. Known to the public by his Il racconto del Vajont he stands out for being the author and performer of stories with a high impact on the audience (I-TIGI racconto per Ustica, Parlamento chimico, Il Sergente, Bhopal 2 dicembre ’84, U 238, Miserabili) and for the capacity of being able to tell about the social changes by using local dialects and poetry in his cycle called Bestiari. His passion for maps, trains and travelling brings him to draw his tales with a particular attention to the landscapes, their changing, to history (as in Milione) and it’s evolution (Numero Primo). Artisan and keeper of the profession of storytelling he brings this ancient art to the wide audience with live coverage on TV ( ITIS Galileo e Ausmerzen. Vite indegne di essere vissute, followed by almost two milioni viewers). After Ballata di uomini e cani dedicated to Jack London, in 2017 Paolini has a debut with young actors at Teatro Nazionale Palestinese in Amleto a Gerusalemme and with a new Album, Le avventure di Numero Primo, dedicated to technology. In 1999 he founded Jolefilm, which produces all his rehearsals and which allows him to develop his passion for documentaries and movies recalling a great critical and public success (several award winning Io sono Li by Andrea Segre, and very recently La pelle dell’Orso by Marco Segato).

Marco Paolini Pergola: tecno-filò. Technology and me

17

17


GIURIA GIURY

Georges Schwizgebel

Concorso Internazionale International Competition

Bronzo Dorato all’Arte Animata Gilt Bronze to Animated Art

Il regista di film d’animazione, Georges Schwizgebel, nato nel 1944 a Reconvilier, Svizzera, ha creato una serie di lavori eccezionali. I suoi film, le cui esecuzioni dimostrano una grande maestria, si contraddistinguono per l’approccio narrativo, di un formalismo spettacolare, mescolanza di immagini e musica. Schwitzgebel ha studiato le belle arti e nel 1971 è stato co-fondatore degli GDS Studio di Ginevra insieme ai registi Daniel Suter e Claude Luyet. Nel 1974 ha pubblicato il suo primo film The Flight of Icarus che è stato il trampolino di lancio della sua carriera e di una filmografia che oggi conta 18 film, che hanno vinto diversi premi in festival internazionali prestigiosi come Cannes, Annecy, Zagreb, Hiroshima, Stuttgart, Ottawa e Espinho. Il suo The Ride to the Abyss (1992) viene regolarmente citato come uno dei migliori film d’animazione di tutti i tempi.

Born in 1944, in Reconvilier, Switzerland, animation director Georges Schwizgebel has created a remarkably original body of work. His films-whose technical execution is always masterful-are marked by a playful approach to narrative, spectacular formalism and the intermingling of visuals and music. Schwizgebel studied fine arts, and in 1971 co-founded the GDS Studio in Geneva, along with filmakers Daniel Suter and Claude Luyet. In 1974, he released his first film, The Flyght of Icarus. It launched a career that currently numbers 18 films, which have gone to win numerous awards at prestigious international festivals such as Cannes, Annecy, Zagreb, Hiroshima, Stuttgart, Ottawa and Espinho. The Ride to the Abyss (1992) is regularly cited as one of the finest animated films of all time. Marco de Blois

Filmografia/ Filmography The Flight of Icarus 1974 Perspectives 1975 Off-Side 1977 The Ravishing of Frank N. Stein 1982 78 R.P.M. 1985 Nakounine 1986 The Subject of the Picture 1989 The Ride to the Abyss 1992 The Year of the Deer 1995

Animavì - International film festival of poetic animation

Zig Zag 1996 Fugue 1998 The Young Girl and the Clouds 2000 The Man without a Shadow 2004 Play 2006 Retouches 2008 Romance 2011 Along the Way 2012 Erlking 2015

19


Nino De Vita

Valentina Carnelutti

Bronzo Dorato all’Arte Poetica Gilt Bronze to Poetic Art

Madrina del festival Godmother of the festival

Nino De Vita è nato a Marsala nel 1950. Esordisce, nel 1984, con la raccolta di versi Fosse Chiti (Premio “Cittadella”), a cui fa seguito una trilogia in dialetto siciliano: Cutusìu, Mesogea 2001 (Premio “Mondello”), Cùntura, Mesogea 2003 (Premio “Napoli”), Nnòmura, Mesogea 2005 (Premio “Salvo Basso” e “Bartolo Cattafi”). Nel 2011, sempre con Mesogea, è uscito Òmini (Premio Viareggio della Giuria), nel 2015 il romanzetto in versi A ccanciu ri Maria e nel 2017 Sulità. Nel 1996, per la opera poetica, gli è stato assegnato il Premio “Alberto Moravia”; nel 2009, il Premio “Tarquinia-Cardarelli” e nel 2012 il Premio “Ignazio Buttitta”. Tre suoi racconti per ragazzi, Il cacciatore (illustrato da Michele Ferri) 2006, Il racconto del lombrico (illustrato da Francesca Ghermandi) 2008, La casa sull’altura (illustrato da Simone Massi) 2011, sono stati pubblicati dall’Editore Orecchio Acerbo di Roma. Di recente sono uscite tre antologie dell’opera di Nino De Vita. La prima, a cura di Anna De Simone, dal titolo Il cielo sull’altura. Viaggio nella poesia di Nino De Vita, Circolo Culturale Menocchio, Montereale Valcellina, Pordenone 2013. La seconda, The Poetry of Nino De Vita a cura di Gaetano Cipolla, Legas, Mineola, New York 2014. La terza, Antologia (1984-2014), a cura di Silvio Perrella, Mesogea 2015.

20

Nino De Vita was born in 1950 in Marsala. He debutes in 1984, with his poetry Fosse Chiti (Premio “Cittadella”) followed by the triology in sicilian dialect Cutusìu, Mesogea 2001 (Premio “Mondello”), Cùntura, Mesogea 2003 (Premio “Napoli”), Nnòmura, Mesogea 2005 (Premio “Salvo Basso” e “Bartolo Cattafi”). In 2011 he publishes Òmini (Premio Viareggio della Giuria) and in 2015 A ccanciu ri Maria and in 2017 Sulità. In 1996, he received the award “Alberto Moravia”; in 2009 the award “TarquiniaCardarelli” and in 2012 the award “Ignazio Buttitta”. Three of his stories for children were published by Editore Orecchio Acerbo (Roma): Il cacciatore (illustrated by Michele Ferri) 2006, Il racconto del lombrico (illustrated by Francesca Ghermandi) 2008, La casa sull’altura (illustrated by Simone Massi) 2011. There are three anthologies that were recently printed about Nino De Vita’s writings: the first one by Anna De Simone, Il cielo sull’altura. Viaggio nella poesia by Nino De Vita, Circolo Culturale Menocchio, Montereale Valcellina, Pordenone 2013. The second one The Poetry of Nino De Vita by Gaetano Cipolla, Legas, Mineola, New York 2014. The third one Antologia (1984-2014), by Silvio Perrella, Mesogea 2015.

Valentina Carnelutti, attrice e autrice. È stata diretta da M.T.Giordana La meglio gioventù, T. Angelopoulos La polvere del tempo, P. Virzì Tutta la vita davanti, La pazza gioia, C. Maselli Le ombre rosse, A. Orlando Sfiorarsi e molti altri. Ultimo film interpretato: L’ordine delle cose (A. Segre). È autrice di Sfiorarsi (A. Orlando, 2005) e di Recuiem (2013). Ha diretto il documentario Melkam Zena (ActionAid 2010), il videoclip Le conseguenze dell’ingenuità (F. Tricarico) e Recuiem, il suo primo film. Recentemente è stata candidata al David di Donatello e ai Nastri d’argento come miglior attrice non protagonista per La pazza gioia (P. Virzì).

Animavì - International film festival of poetic animation

Valentina Carnelutti, actress and filmmaker. She has worked with M.T.Giordana (The best of youth), T. Angelopoulos (The dust of time), P. Virzì (A whole life ahead, Like crazy), C.Maselli (The red shadows), A. Orlando (Sfiorarsi) and many others. Last movie played: L’ordine delle cose (A. Segre). She’s the author of Sfiorarsi (A.Orlando, 2005) and Recuiem (2013). She directed the documentary Melkam Zena (ActionAid 2010), the videoclip Le conseguenze dell’ingenuità (F. Tricarico) and Recuiem, her first film. Recently she has been one of the candidates for David di Donatello and Nastro d’argento prizes as best actress not starred for Like Crazy (P. Virzì).

21


Concorso Internazionale International Competition

Confino Nico Bonomolo

Bao Sandra Desmazieres

Myo-A Minji Kang

Summer 2014 Wojciech Sobczyk

Aubade Mauro Carraro

Soot David Doutel, Vasco Sá

Fugue for cello, trumpet and landscape Jerzy Kucia

A photo of me Dennis Tupicoff

Waiting for the new year Vladimir Leschiov

Mr Sand Soetkin Verstegen

My grandfather was a cherry tree Olga & Tatiana Poliektova

1000 Danijel Žeželj

p. 24

p. 30

p. 48

p. 54

p. 72

p. 96

p. 102

p. 78

The poem Xi Chen p. 36

Brutus Svetlana Filippova p. 60

p. 84

Peripheria David Coquard-Dassault p. 42

Amore d’inverno Isabel Herguera p. 66

p. 90

Animavì - International film festival of poetic animation

p. 108

p. 114


Confino Nico Bonomolo 11’00” — 2015, Italy 24

25


26

27


28

29


Aubade Mauro Carraro 5’25’’ — 2014, Switzerland 30

31


32

33


34

35


The poem Xi Chen 6’15’’ — 2015, China 36

37


Peripheria David Coquard-Dassault 12’20”—2015, France 42

43


44

45


46

47


Bao Sandra Desmazieres 11’00”—2011, France 48

49


50

51


52

53


Soot David Doutel, Vasco Sá 14’00”—2014, Portugal 54

55


56

57


58

59


Brutus Svetlana Filippova 12’49”—2014, Russia 60

61


62

63


64

65


Amore d’inverno Isabel Herguera 7’44”— 2015, Spain/ Italy 66

67


68

69


70

71


Myo-A Minji Kang 8’11’’—2010, South Corea 72

73


74

75


76

77


Fugue for cello, trumpet and landscape Jerzy Kucia 18’00”—2016, Poland 78

79


80

81


82

83


Waiting for the new year Vladimir Leschiov 8’11” — 2016, Latvia 84

85


86

87


88

89


My grandfather was a cherry tree Olga & Tatiana Poliektova 12’00’’—2014, Russia 90

91


92

93


94

95


Summer 2014 Wojciech Sobczyk 12’00”—2014, Poland 96

97


98

99


100

101


A photo of me Dennis Tupicoff 10’48’’—2017, Australia 102

103


104

105


106

107


Mr Sand Soetkin Verstegen 8’15” —2016, Denmark/ Belgium 108

109


110

111


112

113


1000 Danijel Žeželj 5’37”—2014, Croatia 114

115


116

117


118

119


Liceo artistico Scuola del Libro di Urbino Concorso illustrazioni Illustrations competition

120

Samuele Canestrari

Celeste Messina

p. 126

p. 134

Tina Carlini

Alessandra Piras

p. 128

p. 136

Luigi Ferrazzano

Giorgia Ubaldi

p. 130

p. 138

Maria Chiara Ligis

Anthony Valenti Pettino

p. 132

p. 140

AnimavĂŹ - International film festival of poetic animation

121


GIURIA GIURY

Sergio Staino

Sergio Staino, disegnatore, scrittore, regista e operatore culturale. Anima inquieta della sinistra marxista, è vignettista “storico” de «L’Unità», di cui è anche direttore, ma le sue strisce sono apparse in tantissimi quotidiani e periodici italiani. Vive e lavora a Scandicci in quel di Toscana. Le sue pubblicazioni più recenti sono il romanzo satirico a fumetti Alla ricerca della pecora Fassina, Giunti Editore, la biografia Io sono Bobo di Montanari e Galati, Della Porta Editori, e il libro Il Pesce con Silvio Greco, edizioni Slow Food e le illustrazioni per il libro Mamma quante storie di Andrea Satta, edizioni Enciclopedia Italiana. Nel 2017 decide di scoprire come funziona un blog per raccontare a modo suo la storia del primo socialista della storia: Gesù.

122

Animavì - International film festival of poetic animation

Sergio Staino is a designer, writer, filmmaker and cultural operator. A restless soul of the Marxist ideology he is the “historical” cartoonist of «L’Unità», of whom he was the director but his comic strips appeared in a lot of other Italian newspapers and periodicals. He lives and works in Scandicci in Toscana. His most recent publications are the satirical comic novel Alla ricerca della pecora Fassina, Giunti Editore, the biography Io sono Bobo by Montanari e Galati, Della Porta Editori, and the book Il Pesce with Silvio Greco, Slow Food edition and the illustrations for the book Mamma quante storie by Andrea Satta, Enciclopedia Italiana edition. In 2017 he wants to discover how a blog works and he decides to tell in his own way the story of the first socialist in history: Jesus.

123


Julia Gromskaya

Julia Gromskaya, disegnatrice russo-ucraina, naturalizzata italiana, è nata a Kharkov (Unione Sovietica). Dopo il diploma in Filologia, frequenta il Liceo Artistico della sua città, in seguito si trasferisce in Italia dove comincia a lavorare come animatrice e illustratrice. Nell’arco di 7 anni ha ideato e realizzato 6 cortometraggi di animazione che sono stati selezionati nei Festival di 52 Paesi del Mondo dei 5 continenti ed hanno raccolto 52 riconoscimenti.

Luca Raffaelli

Julia Gromskaya, Ukrainian designer and naturalized Italian, she was born in Kharkov in the former Soviet Union. After graduating in Philology, she attended the art School of her town, she later moved to Italy where she began working as an animator and illustrator. Within 7 years, she has made 6 short animated films that have been selected in 52 Festivals of 5 continents and have received 52 awards.

Luca Raffaelli Scrittore e giornalista, lavora soprattutto nel campo dei fumetti e del cinema d’animazione. Dal 1992 scrive per «Lanciostory», la rubrica Nuvolette e collabora con «La Repubblica» e «il Venerdì di Repubblica». Ha pubblicato nel ‘94 il saggio Le anime disegnate, I pensieri nei cartoon da Disney ai giapponesi, ristampato nel 2006 da Minimum Fax con cui nel 2009 ha pubblicato anche Tratti e ritratti, i grandi personaggi del fumetto da Alan Ford a Zagor. È stato direttore artistico dei Castelli Animati, di Romics e ora de La città incantata, a Civita di Bagnoregio. È consulente editoriale e autore delle introduzioni dei volumi a fumetti editi da «La Repubblica». Una sua canzone, Ninna Pa’, è stata incisa da Mina.

Luca Raffaelli is a writer and a journalist and he works mainly in the cartoon and short film domain. Since 1992 he has written for «Lanciostory», the magazine Nuvolette and he writes for «La Repubblica» and «Il Venerdì di Repubblica». In 1994 he published the essay Le anime disegnate, I pensieri nei cartoon da Disney ai giapponesi reprinted in 2006 by Minimum Fax with whom in 2009 he published Tratti e ritratti, i grandi personaggi del fumetto da Alan Ford a Zagor too. He was the artistic director of Castelli Animati, Romics and now of La città incantata in Civita di Bagnoregio. He is the publishing advisor and author of the introduction of cartoon volumes published by «La Repubblica». One of his songs Ninna Pa was recorded by Mina.

Filmografia/ Filmography L’anima mavì 2009 Il sogno di Giada 2010 Le Musiche le Ali 2011 Fiumana 2012 Inverno e ramarro 2013 Resterà con te 2015

124

Animavì - International film festival of poetic animation

125


Samuele Canestrari 126

127


Tina Carlini 128

129


Luigi Ferrazzano 130

131


Maria Chiara Ligis 132

133


Celeste Messina 134

135


Alessandra Piras 136

137


Giorgia Ubaldi 138

139


Anthony Valenti Pettino 140

141


142

143


Georges Schwizgebel Omaggio/ Tribute

Filmografia/ Filmography Le ravissement de Frank N. Stein (1982) La lenta costruzione di un’immagine, al ritmo dei passi, culmina nell’incontro tra il mostro e la sua fidanzata. The slow construction of an image, to the rhythm of steps, ends when the monster meets his Bride. Music: Michael Horowitz, Rainer Boesch 35mm, 9’30, b/w and colour, 4/3 78 Tours (1985) 78 R.P.M Una cinepresa soggettiva ed un’inquadratura fissa si alternano al ritmo di un valzer suonato da una fisarmonica che suggerisce una breve storia sul tempo che passa. A subjective camera view and a fixed frames alternates on a waltz played by an accordéon triggering a short story that evokes the passing of time. Music: Alessandro Morelli, accordeon: Patrick Mamie 35mm, 4’,colour, 4/3 Le sujet du tableau (1989) The Subject of the Picture Grazie alle pennellate di un pittore che sta facendo il suo ritratto, un vecchio ritrova la giovinezza e viaggia tra un quadro e l’altro, ed incontrerà una sconosciuta in rosso… With the complicity of a painter, an elderly man recorvers youth and manages to wander through Paintings… Music: Jacques Robellaz 35mm, 6’10, colour, 4/3 La course à l’abîme (1992) The Ride to the Abyss Attraverso un ciclo di sei secondi, un dipinto animato illustra un estratto di un’opera. Using a six second cycle an animated painting illustrates an extract of an opera. Music: Hector Berlioz Boston Symphony Orchestra, dir. Charles Munch 35mm, 4’30, colour, 4/3

144

Animavì - International film festival of poetic animation

L’année du daim (1995) The Year of the Deer Il tragico destino di un daino, illuso dalle apparenze, basato su un racconto di Liu Zongyuan. The story of a young deer deceived by appearances, based on a tale from Liu Zongyuan. Music: Philippe Koller, Quatuor Ortys, sound effects: Nicolas Becker 35mm, 5’15, colour, Dolby SR, 4/3 La jeune fille et les nuages (2000) The young Girl and the Clouds Delle nuvole raccontano la storia di Cenerentola. The adventures of Cinderella told in several scenes and cloud images. Music: Félix Mendelsshon, Fugue Op.35 No.5, Piano: Louis Schwizgebel, additionals sound effects: Pete Ehrnrooth 35mm, 4’30, colour, Dolby SR, 4/3 L’homme sans ombre (2004) The Man without Shadow Un uomo scambia la propria ombra con la ricchezza, ma deluso dal risultato, si deve accontentare degli “stivali di 7 miglia” che l’aiuteranno a ritrovare la sua strada. A man trades his shadow for wealth but, disappointed by the result, he has to resign himself with some seven league boots to help him find his way. Music: Judith Gruber-Stitzer, sound design: Olivier Calvert 35mm, 9’35, colour, 4/3

Retouches (2008) Tra il flusso e riflusso delle onde ed il respiro di una giovane addormentata, pitture animate si succedono e si modificano le une alle altre. Between a wave’s rhythm and the breath of a young woman in her sleep, some animated paintings go on modifying each other. Music: Normand Roger 35mm, 5’35, colour, Dolby digital 5.1, 16/9 Chemin faisant (2012) Along the Way “Posso meditare soltanto camminando; appena mi fermo non riesco più a pensare; la mia testa va solo con i piedi”. « I can only think while walking: as soon as I stop, I can think no longer ; my brain can only move with my feet» J.-J. Rousseau, Les confessions, livre IX Music: Jacques Robellaz DCP 2K, 3’50, colour, Stereo 5.1, 16/9 Erlkönig (2015) Erlking Un padre attraversa una foresta a cavallo insieme a suo figlio ammalato. Il figlio crede di vedere il re degli elfi che lo seduce e lo spaventa nel contempo. A father rides with his son through the forest. The sick child thinks he sees the Erlking, who both charms and frightens him. Based on Goethe’s poem Erlkönig and the music of Schubert/Liszt Piano: Louis Schwizgebel, DCP 2K, 5’30, colour, Stereo 5.1, 16/9

JEU (2006) Play Un gioco visivo e musicale che si costruisce e scompone al ritmo di Scherzo al Piano Concerto No.2, di Sergej Prokofiev. A visual and musical game which builds and destroys itself on the speed rhythm of Sergej Prokofiev’s Scherzo to Piano Concerto No.2. Orchestre de la Suisse Romande, dir. Philippe Béran Soloist: Louis Schwizgebel, sound design: Olivier Calvert 35mm, 4’, colour, Dolby digital, 4/3

145


146

147


148

149


150

151


Memorie vive (Living memoirs)

Piccole storie di vita vissuta. La guerra, la resistenza, le dure giornate di lavoro sotto il sole nei campi o al buio della miniera, i gesti quotidiani ed i silenzi laboriosi che scandivano lo scorrere del tempo nella ciclicità immutabile della vita contadina. Racconti che sembrano ormai lontani, estranei al nostro presente, ma che con forza ci ricordano il valore immenso della loro eredità culturale, ci ricordano ancora una volta che un popolo senza memoria è un popolo senza futuro. Small stories of life lived. The war, the Italian resistance movement, the long days under the sun in the fields or in the dark in the mines, the daily gestures and laborious silences that mark the passing of time in the unchanging cyclicity of farm life. Tales that now seem distant, estranged from our time, but that hit home with the immense value of their cultural legacy, reminding us once again that a people without memory is a people without a future. di/ by Filippo Biagianti

Filippo Biagianti

È nato a Montepulciano (SI) il 27 aprile del 1971. Finiti gli studi superiori si trasferisce ad Urbino, dove nel 1999 si laurea in Scienze Geologiche. Dopo un’esperienza come geologo nel campo dell’estrazione petrolifera in Angola e Austria, nel 2001 comincia a collaborare come progettista multimediale con lo Studio Immagina di Urbino. Iniziano le prime esperienze con la telecamera ed il montaggio video. Con lo Studio Immagina realizza numerosi videoclip musicali, cortometraggi e reportage. Nel 2003 viene assunto dalla Provincia di Pesaro e Urbino. Dal 2007 lavora all’Ufficio Stampa dello stesso Ente come operatore video e fotografo, curando la documentazione video delle attività politico-istituzionali e culturali. Dal 2010 è iscritto come fotoreporter e cineoperatore all’Albo dei Giornalisti Pubblicisti delle Marche e sempre dal 2010, insegna montaggio video presso l’Accademia di Belle Arti di Urbino.

Animavì - International film festival of poetic animation

Born in Montepulciano (SI) on April 27, 1971. After finishing high school he moved to Urbino, where in 1999 he graduated in Geology. After working as a geologist in the field of oil extraction in Angola and Austria, in 2001 he began to work as a multimedia designer with Studio Imagina Urbino, making his first experience with camera and video editing. With Studio Immagina he produced numerous music videos, short films and reportage. In 2003 he was hired by the Province of Pesaro and Urbino. From 2007 he worked in the Press Office of the same institution as a videomaker and photographer, taking care of the video documentation of the politicalinstitutional and cultural. Since 2010 he is registered as a photojournalist and cameraman of Journalists and Publicists of Marche. Since 2010 he teaches video editing at the Academy of Fine Arts in Urbino.

153


Livio 12’40’’

Duilio

Veraldo 13’00’’

12’30’’

154

Animavì - International film festival of poetic animation

155


OSPITI GUESTS

NIBA + L’Abile Teatro

156

NIBA Attore, mimo, performer, creative director. Artista poliedrico, si esprime sulla scena con un teatro mimico surreale, esplora il cinema realizzando live action movie, cortometraggi d’animazione e web series. Mimo e Commedia dell’Arte sono alla base della sua formazione artistica e professionale. È attore protagonista in spot televisivi per Rai e Sky. Partecipa a Zelig Off, per poi entrare nel cast fisso di Zelig, in onda in prima serata su Canale 5, per due stagioni consecutive. È ospite al Fiorello Show in onda su Sky Uno e al Premio Internazionale del Cinema “Rodolfo Valentino” in onda su Rai Uno e Rai International.

L’Abile Teatro prende vita da un progetto artistico di Simon Luca Barboni e Mirco Bruzzesi, dedicandosi alla creazione “di spettacoli teatrali e di strada muti, tutt’altro che silenziosi”, orientati alle discipline circensi e ai giochi di prestigio. Esordiscono con lo spettacolo Mago per Svago nel 2012 al Teatro studio Valeria Moriconi di Jesi all’interno della rassegna Spazio Sofà e nel 2014 debuttano con Pass-way in ReMarcheBle, spettacolo di giocoleria luminosa. Ultimo progetto è HappyMistake, un contenitore delle fobie che un giocoliere, inteso nel suo concetto più ampio, può vivere sul palco.

NIBA Actor, mime, perfomer, creative director. A versatile artist, he expresses himself on the stage with a surreal mimic theatre. He explores the cinema creating live action movies, animated short films and web series. Mime and art comedy are the foundation of his artistic and vocational training. He is the main actor in TV spots for Rai and Sky channel. He participated in Zelig Off and then entered the cast of Zelig, on Channel 5, for two following seasons. He is a guest on Fiorello Show broadcast on Sky Uno and in Premio Internazionale del Cinema “Rodolfo Valentino” broadcast on Rai Uno and Rai International.

L’Abile Teatro takes life from an artistic project of Simon Luca Barboni and Mirco Bruzzesi, that sets up “theatrical and mute street performances, but far from being silent”, oriented to circus performances and magic tricks. They debuted with the Mago per Svago show in 2012 at the Valeria Moriconi studio in Jesi in the Spazio Sofà exhibition and in 2014 they presented Pass-way in ReMarcheBle, a performance of light juggling. The latest project is Happy Mistake describing the phobias that a juggler can live on stage.

Animavì - International film festival of poetic animation

157


La Macina

Comaneci Alle Olimpiadi del 1976 Nadia Comaneci, un’esile ragazzina rumena, lasciò il mondo senza fiato per la grazia con cui fluttuò tra le parallele, vedendosi assegnare il primo “dieci” della storia della ginnastica artistica. A lei, alla leggerezza con cui sorprese ogni aspettativa, rimanda il nome del gruppo ravennate formato da Francesca Amati e Glauco Salvo. Il loro è un progetto musicale minuto e originale, di canzoni semplici in cui il folk incontra il blues, di lentezze acustiche attraversate da una voce sorprendente per la sensualità e l’infanzia che porta con sé. I loro concerti – ospitati spesso in spazi particolari, quasi che il luogo ne sia uno dei protagonisti – sono quanto di più lontano da uno “spettacolo”: piccoli riti collettivi, in cui artisti e pubblico si confondono e la musica è un filo teso, un modo di abitare il mondo, un piccolo tempo donato. Discografia/ Discography ep1 2005 ep2 2006 volcano 2007 girl was sent to grandma’s in 1914 2009 you a lie 2009 mattia coletti/comaneci/muffin 2010 158

At the Olimpic games in 1976 Nadia Comaneci, a slender Romanian girl, left the world breathless by the grace of her floating through the air on the parallel bars and being assigned the first “10” in gymnastics’ history. The name of the band from Ravenna (Francesca Amati and Glauco Salvo) refers to her, to her lightness with which she surprised all expectations. Their musical project, frail and original in which folk music meets blues, where trailing acoustics are crossed by a voice that surprises by sensuality and playfulness. Their concerts – often in very special locations as if the place is one of the performers – are very unusual, small rituals where artist and audience intermingle, where music is a connecting thread, a way to inhabit this world a short lapse of time.

Gastone Pietrucci, etnomusicologo e ricercatore sul campo fonda e dirige dal 1968, il Gruppo di Ricerca e Canto Popolare Marchigiano La Macina. Dopo dieci lavori discografici e la pubblicazione del volume Cultura Popolare Marchigiana, Jesi, 1985, pubblica nel 2002, nel 2006 e nel 2010 i suoi tre CD più significativi: Gastone Pietrucci-La Macina, Aedo malinconico ed ardente, fuoco ed acque di canto (Vol. I, II e III). Nel 2004 pubblica il cd folk-rock: Macina-Gang, Nel tempo ed oltre cantando, frutto della collaborazione tra le due “storiche” formazioni marchigiane: quella folk de La Macina di Gastone Pietrucci e quella rock dei Gang dei Fratelli Marino e Sandro Severini. Segnalato come “SuperGruppo rivelazione dell’anno”, partecipa al Premio Tenco 2004. Nel 2013 pubblica il cd folk-jazz: Gastone Pietrucci e Samuele Garofoli Quartet, Ramo de fiori (I canti della tradizione orale marchigiana de La Macina incontrano il jazz). Nel 2016 esce il cd-book edito da squi[libri] La Macina. Nel vivo di una lunga storia con prefazione di Allì Caracciolo, Francesco Scarabicchi, Massimo Raffaeli, Carlo Cecchi ed illustrazioni di Simone Massi.

Animavì - International film festival of poetic animation

Gastone Pietrucci, ethno-musicologist and researcher on the field, is founder and leader of Gruppo di Ricerca e Canto Popolare Marchigiano La Macina, since 1968. After ten albums and publishing the book Cultura Popolare Marchigiana, Jesi, 1985, he publishes in 2002, in 2006 and in 2010 his most important three CD’s: Gastone Pietrucci-La Macina, Aedo malinconico ed ardente, fuoco ed acque di canto (Vol. I, II e III). In 2004 he publishes his folk-rock CD: MacinaGang, Nel tempo ed oltre cantando, outcome of a collaboration between two historical local formation the folk group La Macina by Gastone Pietrucci and the rock group Gang by the Brothers Marino and Sandro Severini, which was considered as “the super group of the year” participating at the event Premio Tenco 2004. In 2013 he publishes a folk-jazz DC: Gastone Pietrucci e Samuele Garofoli Quartet, Ramo de fiori (I canti della tradizione orale marchigiana de La Macina incontrano il jazz). In 2016 the cd-book edito da squi[libri] La Macina. Nel vivo di una lunga storia with a preface by Allì Caracciolo, Francesco Scarabicchi, Massimo Raffaeli, Carlo Cecchi and illustrated by Simone Massi.

159


The Morsellis La “voce tonante” di Alberto Morselli, primo seppur ex cantante dei Modena City Ramblers, ritorna sul palco con una nuova band: The Morsellis, il cui nome gioca sul titolo dei “Sopranos”, famiglia TV con regole ferree ma tutt’altro che osservanti dell’ordine costituito. La band è formata da Alberto Morselli: voce; Gianfranco Fornaciari: piano e hammond (Ligabue, ClanDestino, Mina); Filippo Chieli: viola-violino (MCR, Andy White, Cormac, Desperanto, Lassociazione); Gianni Campovecchi: chitarre folk (The Youngs, K-Butler & the Judas); Lele Borghi: batteria (Mamamicarburo, Andy White, Beatiful Big Fat Mess, Guru Rockin 1000); Mauro Buratti: basso (Il Nucleo). La band ripercorre la carriera di Alberto: dai MCR, al suo disco solista Da un’altra parte, cover di band “ispiratrici” e una serie di inediti scritti negli ultimi anni.

160

Luigi Grechi The personell in The Morsellis are highly esteemed musicians with important background: Alberto himself on vocals, Gianfranco Fornaciari who played piano and keyboard for italian stellar seller Luciano Ligabue; Filippo Chieli on violin (MCR, Andy White, Cormac, Desperanto, Lassociazione); Gianni Campovecchi: acoustic guitar (The Youngs, K-Butler & the Judas); Lele Borghi: drums (Mamamicarburo, Andy White, Beatiful Big Fat Mess, Guru Rockin 1000); Mauro Buratti: bass (Il Nucleo). The band’s playlist covers three decades of Alberto Morselli’s career, with classics from MCR to new material, along with cover versions of inspiring bands and numbers from his solo records.

Luigi Grechi nasce musicalmente alla fine degli anni ’60 al Folkstudio di Roma, approdo di tutta una generazione musicale d’avanguardia (fra gli altri, Odetta e Bob Dylan). Attratto dalla musica dal vivo più che dalle sale di registrazione, pubblica solo nel 1975 il suo primo album: Accusato di libertà (PDU). In nome di quella libertà suona in giro per festival alternativi e radio libere, locali e cantine, legge i Tarocchi ai passanti e viaggia su e giù per il mondo. Incide brani corrosivi e spiazzanti come Elogio del tabacco o Il mio cappotto, splendidi esempi di discografia non allineata, che cominciano a procurargli stima ed attenzione. Verso la fine degli anni ’80 pubblica Il Bandito e il Campione (brano portato al successo dal fratello Francesco De Gregori) grazie al quale si aggiudica il Premio Tenco nel 1993. Con la Sony incide Dromomania, Azzardo, Girardengo e altre storie, Cosivalavita, Pastore di Nuvole e infine Angeli e Fantasmi, il suo ultimo ispirato lavoro. La sua prima raccolta è Tutto quel che ho-2003-2013. Partecipa a festival itineranti con i poeti della beat generation, accompagna alla chitarra Lawrence Ferlinghetti, torna negli Stati Uniti a suonare coi suoi amici Peter Rowan e Tom Russell. Animavì - International film festival of poetic animation

Luigi Grechi’s musical success started at the end of the ’60 in the Folkstudio in Rome, leading edge of a musical generation (among others, Odetta and Bob Dylan). Preferring live concerts to studio registrations, he published his first album only in 1975: Accusato di libertà (PDU). In the name of his personal freedom he performed in alternatives festivals and independent radio stations and clubs, he read Tarot cards to people and travelled around the world. He recorded corrosive and innovative songs as Elogio del tabacco o Il mio cappotto, wonderful examples of maverick discography, which gained him esteem and success. At the end of ’80 he published Il Bandito e il Campione (song successfully presented by his brother Francesco De Gregori) that won him the prize Premio Tenco (1993). With Sony he recorded Dromomania, Azzardo, Girardengo e altre storie, Cosivalavita, Pastore di Nuvole and Angeli e Fantasmi, his last work. His first album was Tutto quel che ho-2003-2013. He participated in itinerant festivals with beat generation poets and he played guitar with Lawrence Ferlinghetti; he went to the States and played with his friends Peter Rowan and Tom Russell. 161


Umberto Piersanti

Hombre all’Ombra Gli Hombre all’Ombra si costituiscono nel 1995 a Serra de’ Conti (AN). Gli inizi sono ricchi di sonorità punk-rock a cui si sono aggiunte, successivamente, quelle latine e folk. I loro testi parlano di realtà immaginarie ambientate nei piccoli centri delle colline marchigiane, ma si spingono anche verso temi più globali e metropolitani dove spesso la vita è “malavita” e i sogni di giustizia e libertà vengono repressi dall’ignoranza e dalla violenza. Nel giugno 1996 hanno aperto il concerto dei Modena City Ramblers ad Ancona in occasione del festival Gulliver rock. Gli Hombre all’Ombra hanno all’attivo tre album: l’autoprodotto Gallos de Pelea (2006), Nel paese dei balocchi (2011) che vede la partecipazione dello storico cantante della Gang Marino Severini e l’omonimo Hombre all’Ombra (2015).

162

The Hombre all’Ombra was formed in 1995 in Serra de’ Conti (AN). The beginning is rich in punk-rock acoustics to which are then added textures of latin and folk. Their lyrics speak about an imaginary reality situated in the small towns of the hills in the Marche region but they also go beyond towards more global and metropolitan topics where life is often the underworld and the dreams of justice and freedom are repressed by ignorance and violence. In June 1996 they opened the Modena City Ramblers concert in Ancona during the festival Gulliver Rock. The Hombre all’Ombra recorded three albums: the self-made Gallos de Pelea (2006), Nel paese dei balocchi (2011) that sees the participation of the historical singer of Gang Marino Severini and the album by the same name Hombre all’Ombra (2015)

Umberto Piersanti è nato a Urbino, dove tuttora vive e insegna Sociologia della Letteratura all’Università. Debutta nel mondo della letteratura con La breve stagione nel 1967 all’età di ventisei anni. Considerato tra le figure maggiori della letteratura italiana contemporanea, ha pubblicato numerose raccolte poetiche (ricordiamo in particolare I luoghi persi, Einaudi 1994, L’albero delle nebbie, Einaudi 2008 e il suo ultimo libro, Nel folto dei sentieri, Marcos Y Marcos 2015), saggi e opere di narrativa (l’ultima, Cupo tempo gentile, Marcos y Marcos 2012, ambientata a Urbino tra il 1967 e il 1969, evoca gli anni cruciali della contestazione); è anche autore di film (L’età breve, 1969, Sulle Cesane, 1982). Nel corso dell’anno 2005 fu uno dei candidati per il Premio Nobel per la Letteratura. Dallo stesso anno collabora con la Naftasia Editore di Pesaro. Attualmente è il direttore della rivista di letteratura contemporanea e creatività «Pelagos».

Animavì - International film festival of poetic animation

Umberto Piersanti was born in Urbino, where he still lives and teaches Sociology of Literature at the University. He made his debut in the world of literature with La breve stagione in 1967 at the age of 26. Considered one of the major figures of contemporary Italian literature, he has published several collections of poetry (we especially remember I luoghi persi, Einaudi 1994, L’albero delle nebbie, Einaudi 2008 and his latest book, Nel folto dei sentieri, Marcos Y Marcos 2015 ), essays and works of fiction (the last, Cupo tempo gentile, Marcos y Marcos in 2012, set in Urbino between 1967 and 1969, it evokes the crucial years of protest); he is also a director (L’età breve, 1969, Sulle Cesane, 1982). In 2005 he was one of the candidates for the Nobel Prize for Literature. He also collaborated with Naftasia Publisher of Pesaro. He is currently the director of contemporary literary and creativity magazine «Pelagos».

163


PROGRAMMA PROGRAM 12—16 Luglio/ July 2017

Workshop dalle 10.00 alle 18.00 30 giugno - Pergola Libreria Guidarelli Workshop d’animazione per adulti e bambini. In collaborazione con: Animàni Libreria Guidarelli dal 10 al 15 Luglio - Frontone Castello della Porta A laboratory of poetic Animation Tenuto dall’autrice russa Anna Shepilova, vincitrice del primo premio per il miglior film d’animazione dell’edizione 2016. In collaborazione con: Comune di Frontone Istituzione Teatro Comunale di Cagli OPERA Cultura-Turismo

dal 12 al 16 Luglio - Pergola Fisiosan Mostra di illustrazioni di Simone Massi dal 15 al 30 Luglio San Lorenzo in Campo Foyer del Teatro Tiberini Mostra “Bestie, Bestiacce e Bestioni” di Sergio Staino selezione di opere Inaugurazione sabato 15 ore 17.30 alla presenza dell’autore

Mercoledì Wednesday 12 Borgo di Montalfoglio

domenica 16 Luglio - Partenza da Pergola Nel territorio Pergola, Monte Catria, Eremo di Fonte Avellana #Animavì - PhotoWalk In collaborazione con: @yallersmarche

Mostre/ Exhibitions dal 12 al 16 Luglio - Pergola Officina Giovani Mostra degli elaborati della sezione Disegno animato e Fumetto della Scuola del libro di Urbino. Premiazione del miglior autore in mostra sabato 15 ore 10.30

164

Animavì - International film festival of poetic animation

San Lorenzo in Campo

21.00 Serata speciale dedicata al maestro Aleksandr Sokurov Bronzo Dorato alla Carriera 2017 Film

Francofonia

Aleksandr Sokurov Concerto e spettacoli Hombre all’Ombra L’Abile teatro

Ospiti/ Guests Valentina Carnelutti Reading Le radici e le ali Memorie vive, Don Gatti regia Simone Casetta

165


Giardino di Casa Godio Pergola giovedì Thursday 13

venerdì Friday 14

sabato Saturday 15

domenica Sunday 16

20.00 Le Radici e le Ali Memorie Vive, Duilio regia Filippo Biagianti

20.00 Le Radici e le Ali Memorie Vive, Livio regia Filippo Biagianti

20.00

20.00 Le Radici e le Ali Memorie Vive, Veraldo regia Filippo Biagianti

Ospiti/ Guests Valentina Carnelutti Georges Schwizgebel

Ospiti/ Guests Sergio Staino Nino De Vita

Retrospective

Reading

International Competition:

International Competition:

Waiting for the new year Vladimir Leschiov 8’11” (Latvia)

Amore d’inverno Isabel Herguera 7’14” (Spain/ Italy)

Myo-A Minji Kang 8’11” (South Corea)

The Poem Xi Chen 6’14” (China)

Peripheria David Coquard - Dassault 12’20” (France)

1000 Danijel Žeželj 5’37” (Croatia)

Mr Sand Soetkin Verstegen 8’15” (Belgium/ Denmark)

Fuge for Cello, Trumpet and Landscape Jerzy Kucia 18’00” (Poland)

Ospite musicale/ Musical guest

Summer 2014 Wojeciech Sobczyk 12’00” (Poland)

Comaneci

Soot David Doutel e Vasco Sa’ 14’00” (Portugal)

Marco Paolini

Show conference Pergola: tecno-filò. Technology and me

International Competition: A photo of Me Dennis Tupicoff 10’48” (Australia) Brutus Svetlana Filippova 12’49” (Russia) My grandfather was a cherry tree Olga & Tatiana Polietkova 12’00” (Russia)

Ospiti/ Guests Nino De Vita Georges Schwizgebel Umberto Piersanti Ninetto Davoli Tribute

Bao Sandra Desmazieres 11’00” (France)

Premiazione film in concorso/ Prize giving international competition

Aubade Mauro Carraro 5’25” (Switzerland)

Ospite musicale/ Musical guest

Confino Nico Bonomolo 11’00” (Italy)

Luigi Grechi Ospite musicale/ Musical guest

The Morsellis

Ospite musicale/ Musical guest

La Macina

166

Animavì - International film festival of poetic animation

167


#FUORIFESTIVAL PROGRAMMA PROGRAM 13-16 Luglio/ July 2017

#area fuorifestival Via della Rocca Pergola

giovedì Thursday 13

sabato Saturday 15

18.30

18.30

from past to present Indie Rock, New Wave, Dance, Pop, Electro

Chitarra acustica e contrabbasso Dal Country Folk al Reggae

Dj Andrea Guagneli

Il Ladro e il Giullare

venerdì Friday 14

domenica Sunday 16

18.30

18.30

musicadallamiamacchina Cocktail, Rock’n’love, NorthernSoul, Surf, Tropical, FunkyBeat

Pioggia Folk Rock band

Dj Stefano IlStè Calvio

Ultimo Binario

dalle 18.00

Area Street Food

con: Birrificio Renton - Fattoria Villa Ligi Cucinando su Ruote - CinemaDivino

giovedì Thursday 13 Libreria Guidarelli Pergola

domenica Sunday 16 Palazzo Bruschi Pergola

16.00 Presentazione Libro Là sotto nell’inferno: da Pesaro a Marcinelle alla presenza dell’autore Marco Labbate 17.30 Incontro con autori in concorso a cura di FilmTV

10.30 Tavola Rotonda “Il Cinema di Animazione Poetico” Giulio Sangiorgio, Pierpaolo Loffreda Georges Schwizgebel, Anna Shepilova Autori in concorso a cura di FilmTv

venerdì Friday14 16.00 Presentazione dei lavori realizzati durante il workshop Animani

domenica Sunday 16 Giardino Botanico di Fonte Avellana Serra Sant’Abbondio

17.30 Incontro con autori in concorso a cura di FilmTV

17.30 Incontro sotto il grande tasso secolare con il poeta

Umberto Piersanti Reading

168

Animavì - International film festival of poetic animation

169


Scuola del Libro

Libera.mente

Urbino

Casa Godio-Pergola

Letteratura e cultura, risposte territoriali, tutela dei diritti esigibili. Se potessimo raffigurare con un poliedro tutte le facce che tali dimensioni – intrecciandosi tra loro o agganciandone altre ancora – rappresentano, sarebbe un poliedro fatto di luci diverse. Animavì - Festival Internazionale del cinema di animazione poetico, Casa Godio e Libera.mente sono espressioni e testimonianza di quanto sia necessario tenere insieme la narrazione attorno all’uomo e ai suoi bisogni con risposte culturali e politico-progettuali adeguate. Pergola ha l’opportunità per il secondo anno consecutivo di ospitare e accogliere tutto questo. In una cornice, quella di Casa Godio, che si nutre ogni giorno di relazioni, affettività, storia umana. Casa Godio, uno spazio di accoglienza in cui si abita la differenza e ogni giorno si prova a lavorare con la dignità, per l’autonomia delle persone, nei contesti. Libera.mente, storica realtà associativa del territorio, con le sue azioni di testimonianza e resistenza, promuove cambiamento, attenzione alla tutela delle persone, dialoghi continui con le istituzioni e le comunità locali finalizzati a costruire policy e servizi efficaci. 170

Literature and culture as a local response is a right to defend. Should we us the image of a polyhedron to represent this multiple dimension, its facets would be a trick of lights -intertwined one to the other-. Animavì – International festival for animated poetical movies, Casa Godio and Libera.mente are an expression and proof of how much it’s important to keep both the story telling around the human being with it’s socio-cultural responses and culturalpolitical answers. Pergola has, for the second time, the opportunity to be host this event within a location, Casa Godio, who is daily nourished by relations, affectivity, human history. Casa Godio, a space of residential care, where differences inhabit and where everybody tries to work with dignity, for the autonomy of the people living here. Libera.mente, a local historical association, with his activity give evidence to resistance, promote change and with its attention to peoples safeguard, continuons dialogue/exchange with institutions and local communities in order to set up policy and efficient services.

Il Biennio di Perfezionamento di Disegno animato e Fumetto è stato istituito negli anni ‘50 presso la Scuola del Libro di Urbino come naturale prosecuzione del percorso di studi liceale ma accoglie sempre più spesso anche studenti diplomati in Accademie. Il suo scopo è la formazione di autori e professionisti in grado di operare presso gli studi e le agenzie più qualificate, nei settori del cinema d’animazione, del fumetto e dell’illustrazione. Il corso ha formato molti tra i maggiori disegnatori e animatori contemporanei. Le lezioni sono integrate da interventi di artisti ed editori, tra i quali si ricordano: Yuri Norstein, Aleksandr Petrov (Premio Oscar), Alessandro Carloni (Dreamworks), Stefano Ricci, Igort (Coconino Press), Gabriella Giandelli, Robert Cahen, John Jost, Gianni Amelio, Luca Bigazzi (Premio Oscar per il film La grande bellezza), Guido Scarabottolo, Alexandar Zograf, Nicoletta Ceccoli, Gianluigi Toccafondo, Simone Massi, Mara Cerri, Magda Guidi, Gipi, Giacomo Nanni, Maja Celia, Alessandro Baronciani, Daniele Segre, Virginia Mori... Nel 2010 il biennio di Perfezionamento ha ricevuto il prestigioso premio Lo straniero insieme a celebrità come Giorgio Agamben e Lorenzo Mattotti. Animavì - International film festival of poetic animation

The Biennial Animated Drawing and Cartoon Masterclass was established in the 1950s at the “Scuola del Libro” in Urbino. It is the natural continuation for students graduating from high school, and it is chosen today by a growing number of Fine Arts Academy graduates. The masterclass aims at training authors and professionals able to work in the most qualified studios and agencies in the fields of animation, comics and drawing. The course has trained many of the most important contemporary designers and animators. Regular courses are complemented by lectures and workshops held by artists and publishers, including: Yuri Norstein, Aleksandr Petrov (Academy Award winner), Alessandro Carloni (Dreamworks), Stefano Ricci, Igor (Coconino Press), Gabriella Giandelli, Robert Cahen, John Jost , Gianni Amelio, Luca Bigazzi (Academy Award winner for the film The Great Beauty), Guido Scarabottolo, Alexandar Zograf, Nicoletta Ceccoli, Gianluigi Toccafondo, Simone Massi, Mara Cerri, Magda Guidi, Gipi, Giacomo Nanni, Maja Celia, Alessandro Baronciani , Daniele Segre, Virginia Mori ... In 2010 the Biennial Masterclass received the prestigious Lo straniero award, an honor received by celebrities such as Giorgio Agamben and Lorenzo Mattotti. 171


Animavì I edizione/ edition 14—17 luglio/ July 2016

Concorso Internazionale/ International Competition 1° Premio/ 1st Prize It's raining Anna Shepilova 9’00” — 2012, Russia

Trofeo realizzato da/ Trophy made by S.A.N.T.I.

Premi/ Awards

Premi speciali della giuria/ Jury special awards

Ursus Reinis Pētersons 10’30”— 2011, Lituania

Feral Daniel Sousa 13’00”—2012, USA

Nightingales in December Theodore Ushev 3’00”—2012, Canada

Premio del pubblico/ Audience award

Concorso Scuola del libro di Urbino/ Scuola del libro competition 1° Premio/ 1st Prize

Premio Casa Godio/ Casa Godio award

Bronzo Dorato all’Arte Poetica/ Gilt Bronze to Poetic Art Umberto Piersanti

The song for rain Yawen Zheng 8’11”—2013, Cina

Sarajevo. Ricordi di un assedio Giacomo Passanisi 1’ 13’’—2015

Le matrici dell’io Francesco Ruggeri 2’00’’—2015

172

Animavì - International film festival of poetic animation

Bronzo Dorato alla Carriera/ Gilt Bronze to Career Emir Kusturica

Bronzo Dorato all’Arte Animata/ Gilt Bronze to Animated Art Aleksandr Petrov

Bronzo Dorato all’Arte Teatrale/ Gilt Bronze to Theatrical Art Ascanio Celestini

173


Animavì Pensieri/ Thoughts 2016 Valentina Carnelutti “Al festival ho incontrato persone pure, contadini, ragazzi, lavoratori, ospiti, registi, mamme, musicisti, anziani, cani e gatti riuniti per la curiosità e il gusto di incontrare la poesia, il disegno, il coraggio di dedicare del tempo a qualcosa che non ha garanzie, ma che quando funziona tocca il cuore e muove le montagne.”

Valentina Carnelutti “At the festival I met people, farmers, boys and girls, workers, guests, film directors, mothers, musicians, old people, cats and dogs united by curiosity and the taste for the poetry, the drawing, the courage to dedicate the time to something not guaranteed but when it works, it touches the heart and moves mountains.”

Aleksandr Petrov “La cosa che mi ha colpito moltissimo è stato l’incontro con i minatori e i contadini che hanno raccontato la loro infanzia, la loro giovinezza, i sacrifici. Testimonianze tutte accomunate da una grande gratitudine nei confronti della vita. Trovo che sia incredibile l’idea di far raccontare la loro storia in questo festival.”

Aleksandr Petrov “The thing that hit me the most was the meeting with the miners and the workers who told us their childhood, their youth, their sacrifices. Proof all together sharing a big gratitude toward life. I think it is incredible the idea of letting people tell their stories in this festival.”

Ascanio Celestini “La differenza tra un cinema che racconta e descrive rispetto a un cinema di poesia è che il narratore conta gli alberi, il poeta ci sale sopra. E sopra l’albero vede tutto come se già fosse accaduto e davanti non avesse altro che la memoria nella quale pescano i sogni.”

Ascanio Celestini “The difference between the cinema that tells and describes and the poetic cinema is that the narrator counts the trees, the poet rises above. And above the tree he sees everything as it has already happened and in front he has nothing other than the memory in which they catch your dreams.”

Emir Kusturica “Sono stato molto felice di vedere tutte quelle persone riunirsi intorno alla poesia e al cinema d’animazione. Spero che questo festival anti-glamour sarà uno di quelli che aiuta a diffondere l’idea che la visione poetica è una profonda, se non la più profonda reazione umana al mondo!”

Emir Kusturica “I was so happy to see the image of people gathering around poetry animated cinema. I hope this anti-glamour festival will be one of those who helps and boosts the idea that poetical view it's a deeply if not the deepest- human reaction to the world.”

174

Umberto Piersanti “Con Animavì ho scoperto un rapporto ancora più intenso e profondo che i corti d’animazione hanno con la poesia. Cinema di poesia vero dunque, che con la poesia ha un rapporto stretto: e come poeta lo avverto in modo particolare.”

Umberto Piersanti “With Animavi I discovered the connection more intense and deep that short films has got with poetry. Real poetic cinema then, that with poetry has got a close connection: and as a poet I notice it in a particular way.”

Frida Neri “Questo piccolo grande festival è un balsamo per l’anima e la sua vitalità: attraverso le immagini si riesce a comunicare ad un livello profondissimo. Ho cantato dopo aver visto alcuni corti e ricordo ancora quanto mi avessero scosso, fino a cantare con quanto pathos avevo in corpo.”

Frida Neri “This small great festival is a balm for the soul and its vitality: through images we can communicate at a very deep level. I sang after having seen some short films and I remember how much they touched me to sing with all the pathos I have in my body.”

Giuliano Dottori “Il Festival Animavì è stato uno degli appuntamenti migliori per il mio tour dell’Arte della Guerra. Al di là dell’amicizia e della stima profonda che mi legano a Simone Massi, la location di Animavì è davvero speciale e vedere tre generazioni, dai nipoti ai nonni coinvolti sotto lo stesso palco è qualcosa di unico.”

Giuliano Dottori “The festival Animavi is one of the best meetings for my tour of art about war. Beyond my friendship and my deep respect toward Simone Massi, the Animavi location is really special and seeing three generations of people, from grandchildren to grandparents involved on the same stage is something unique.”

Enea Sorini “L’illuminazione... Lampadine, nude e semplici, appese a un filo...in fila. Poesia calda.”

Enea Sorini “The illumination…light bulbs, bare and simple, hanging on a wire…in a row. Warm poetry.”

Marino Severini “Rilke scrisse che ‘la patria di ogni uomo è la propria infanzia’. Da questo punto di osservazione Simone Massi è un grande patriota e il festival Animavì, fatto a sua immagine e somiglianza, è la patria della Meraviglia, di ciò che vive in noi ma che spesso dimentichiamo o non sappiamo di avere: Il Nostro Giardino.”

Marino Severini “Rilke wrote ‘the native land of every man is his childhood’. From this point of view Simone Massi is a great patriot and the festival Animavi, made in his own image and his likeness is the homeland of Wonder, of all the things that live in us but that often we forget or we don’t know to have: Our garden.”

Animavì - International film festival of poetic animation

175


Main sponsor

engineering trasporto sollevamento Grazie alla sensibilitĂ di Villiam Breveglieri

Associazione culturale Ars Animae via Pantana Serralta, 101 61045 Pergola (PU) www.animavi.org

partner

partner tecnici

Associazione Libera.mente

Demanio Marittimo. Km -278

Liceo artistico Scuola del Libro di Urbino

Gruppo Retina

Istituzione Comunale Teatro di Cagli

L’Image

Marche Music college

ma:design

SayCheese Officina Giovani

Studio di progettazione Opera Coop

Zenobi legnami Palazzo Bruschi media partner FilmiTV press Reset


www.animavi.org

animavì 2017

animavì 2017 Pergola San Lorenzo in Campo Serra Sant’Abbondio Frontone

Profile for Animavì

Animavi - II Edizione - anno 2017  

Festival internazionale del cinema d’animazione poetico - II Edizione International Film Festival of Poetic Animation - II Edition

Animavi - II Edizione - anno 2017  

Festival internazionale del cinema d’animazione poetico - II Edizione International Film Festival of Poetic Animation - II Edition

Profile for animavi
Advertisement