Page 12

BOLOGNA

J. L.

+ M. M. + J. R. + C.M.

>

B 10

T EAT RO SA N LEO NA RDO

L’idea nasce sia dai metodi effettivi usati per l’elaborazione di flussi di segnale che da una riflessione sulla complessità della musica espressa attraverso la dimensione unica del suono. Nello spazio, la complessità può venire creata ripiegando delle forme semplici in modo da farle divenire più complesse, com’è il caso dell’Origami, nel quale un foglio quadrato di carta viene piegato in varie direzioni per farlo diventare una forma tridimensionale. In musica, la polifonia può essere vista come il ripiegamento nel tempo di un semplice materiale musicale per generare forme più ricche e interessanti. Inversamente, la complessità può essere resa semplice da un cambio di prospettiva. Ciò che appare complesso in una proiezione su una o due dimensioni si può comprendere più facilmente quando viene osservato in tre dimensioni. Una prospettiva su un unico piano costringe a “richiudere” i fenomeni, riducendoli a forza nella dimensionalità limitata dei sensi dell’osservatore. Ciò ci suggerisce il ripiegare/dispiegare come metodo per creare e comprendere la complessità. Si può sostenere che la cognizione della musica consista nell’applicazione di modelli o nelle trasformazioni per mezzo delle quali l’ascoltatore dipana le informazioni contenute nel suono. Il compositore costruisce la musica compattando degli elementi in una struttura, l’ascoltatore cerca di dischiuderla, di riconoscerla, magari riscoprendo i metodi del compositore o forse semplicemente adottando un modello qualsiasi che gli permetta di apprezzarla come musica. Ciò che è interessante è il dualismo tra ripiegare e dispiegare, e che più di un modello possa funzionare. Da un punto di vista psicologico, il piegare sembrerebbe una metafora, ma nella musica la metafora è il metodo. Su tutti i livelli, da quello micro-acustico del timbro a quello del ritmo e del fraseggio, il metodo usato è quello del piegare. Noi incontriamo il suono in un’unica dimensione, ma immaginiamo la musica per noi stessi. joel r yan

AngelicA 13 - Festival Internazionale di Musica - 2003  

AngelicA - Festival Internazionale di Musica - tredicesimo anno - abissale & aderente - Bologna, Modena - 13>18 maggio 2003

AngelicA 13 - Festival Internazionale di Musica - 2003  

AngelicA - Festival Internazionale di Musica - tredicesimo anno - abissale & aderente - Bologna, Modena - 13>18 maggio 2003

Advertisement