Issuu on Google+

Foto: Antonio Lecci

Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, Aut. C/RM/23/2012

Fiamme Gialle

SPECIALE RADUNO

XIX Raduno Nazionale Dell’A.N.F.I.

Chianciano Terme (SI) - 20/22 Settembre 2013


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

20 Settembre INCONTRO DEL CONSIGLIO NAZIONALE CON LE AUTORITÀ E PRESENTAZIONE DEL RADUNO AGLI ORGANI DI STAMPA 20 settembre 2013, alle ore 09,00, presso la Sala Nervi delle Terme di Chianciano, ha avuto luogo l'incontro del Consiglio Nazionale dell'A.N.F.I. con le Autorità locali e la presentazione, alla stampa, delle cerimonie previste in occasione del XIX Raduno Nazionale. All'incontro sono intervenuti: il Presidente del Consiglio Regionale della Toscana, Dott. Alberto Monaci; il Presidente della Provincia di Siena, dott. Simone Bezzini, il Sindaco di Chianciano Terme, Prof.ssa Gabriella Ferranti, il Presidente delle Terme di Chianciano, dott. Fabio Cassi. Per l'Associazione Nazionale Finanzieri d'Italia hanno partecipato: il Presidente Nazionale, Gen. C.A. Giovanni Verdicchio, il Vice Presidente Nazionale Vicario, Gen. C.A. Umberto Fava, ed i componenti del Consiglio Nazionale dell'Associazione. Per la Guardia di Finanza erano presenti: il Comandante Regionale Toscana, Gen. D. Giuseppe Vicanolo ed il Comandante Provinciale di Siena, Col. Gianpaolo Maz-

Il

Il Presidente Nazionale consegna al Presidente del Consiglio Regionale il diploma di Socio Onorario

za. Dopo l'illustrazione delle attività svolte e le finalità perseguite dall'Associazione, il Gen. Fava ha sottolineato il significato del raduno ai giornalisti presenti. Il Gen. D. Giuseppe Vicanolo, nel suo intervento, ha illustrato l'apporto dato dai finanzieri, della Regione Toscana, alle attività belliche della seconda guerra mondiale ed, in particolare, la figura del M.M. Vincenzo Giudice. Il Presidente del Consiglio Regionale della Toscana, Dott. Monaci, ha ringraziato l'A.N.F.I. per aver scelto la Toscana 8

come sede del Raduno, ed ha accennato al contributo assicurato dal Consiglio Regionale per la buona riuscita della manifestazione. Ha preso, quindi, la parola il Sindaco di Chianciano Terme, Prof.ssa Ferranti, che, dopo aver ringraziato il Presidente dell'A.N.F.I. e la Guardia di Finanza per aver privilegiato la città di Chianciano Terme come sede del XIX Raduno Nazionale, ha rivolto a tutti i radunisti l'augurio di buona permanenza. Il Presidente della Provincia di Siena,


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

Simone Bezzini, dopo aver salutato il Gen. Verdicchio e i componenti del Consiglio Nazionale, ha manifestato l'intima soddisfazione, da parte della Provincia di Siena, di ospitare il XIX Raduno Nazionale dell'Associazione Nazionale Finanzieri d'Italia. La presentazione ha avuto termine con il saluto di benvenuto del Presidente delle Terme di Chianciano, Dott. Cassi, sede della maggior parte degli eventi. Al termine il Gen. C.A. Giovanni Verdicchio, nel ringraziare per la calorosa accoglienza, ha donato alle Autorità intervenute il Crest della Presidenza Nazionale ed il libro “L' A.N.F.I. nei 150 anni dell'Unità d'Italia”. Il Presidente Nazionale dona al Sindaco di Chianciano il crest dell’A.N.F.I. ed il foulard giallo-verde

9

XIX


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

ALZABANDIERA E DEPOSIZIONE DI UNA CORONA DI ALLORO AL MONUMENTO AI CADUTI

tato gli ideali patriottici ed alle quali hanno partecipato i rappresentanti dell'A.N.F.I. e delle Istituzioni nonché numerosi cittadini delle varie località.

XIX Raduno Nazionale ha avuto inizio il 20 settembre 2013 con l'alzabandiera e la successiva deposizione di una corona d'alloro presso il monumento dei Caduti della città di Chianciano Terme. Alle suindicate cerimonie hanno partecipato: il Presidente Nazionale dell'A.N.F.I., Gen. C.A. Giovani Verdiccho, il Vice Presidente Nazionale Vicario, Gen. C.A. Umberto Fava, il Segretario Generale, Ten. Col. Giuseppe Ruggieri, ed i componenti il Consiglio Nazionale dell'Associazione. Per la Guardia di Finanza ha presenziato il Comandante Regionale, Gen. C.A. Giuseppe Vicanolo. Erano, inoltre, presenti: il Presidente del Consiglio Regionale della Toscana, dott. Alberto Monaci, il Presidente della Provincia di Siena, Simone Bezzini ed il Sindaco di Chianciano Terme, Prof.ssa Gabriella Ferranti. Un'iniziativa sentita, doverosa, per rendere omaggio al Tricolore per tutta la durata dell'evento e per ricordare quanti hanno immolato la loro vita affinché la nostra Patria fosse libera, indipendente ed unita. Cerimonie semplici, ma profondamente sentite, che hanno vivificato ed alimen-

Il

10

Un'adesione significativa che ha consentito di constatare quanto siano vivi, in ogni italiano, l'amor patrio ed i valori risorgimentali.


XIX

FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

MOSTRA STORICA DELLA GUARDIA DI FINANZA PRESSO VILLA SIMONESCHI ell'ambito del XIX Raduno Nazionale A.N.F.I., il Museo Storico della Guardia di Finanza ha organizzato, nel periodo dal 20 settembre al 29 settembre 2013, presso la splendida Villa Simoneschi di Chianciano Terme, un'esposizione di uniformi, quadri, fotografie, armi e documenti che attesta la partecipazione dei finanzieri degli Stati Preunitari e del Regno d'Italia alle lotte per il Risorgimento. La mostra ha ripercorso le tappe dei moti rivoluzionari che hanno portato all'Unità d'Italia. La rassegna, che per la grande partecipazione di pubblico - non solo di appartenenti al Corpo - prorogata di alcuni giorni oltre il termine del Raduno, è stata curata ed allestita dal personale del Museo Storico della Guardia di Finanza, diretto dal Cap. Gerardo Severino.

N

11


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

MOSTRA DI PITTURA di

Giuseppe Ruggieri

rillante successo del Concorso di Pittura “Premio A.N.F.I. 2013”, indetto dall'A.N.F.I. nell'ambito del XIX Raduno Nazionale, realizzato, dal 20 al 22 settembre u.s., nella bellissima SALA FELLINI, cortesemente messa a disposizione dalle Terme di Chianciano (SI). Non è una novità: sono ormai molte le edizioni che vede questa manifestazione crescere in maniera esponenziale. Il legame dell'A.N.F.I. con l'arte non conosce crisi, è un legame duraturo che ha avuto origine con l'indizione dei primi Raduni Nazionali e non conosce battute d'arresto. Motivo di orgoglio per l'Associazione e di vanto per i tanti artisti che anche quest'anno sono stati attirati da questa eccezionale realtà. Il Concorso, articolato in due sezioni, riservate, rispettivamente, ai soci A.N.F.I. ed ai militari di qualsiasi grado in servizio nella Guardia di Finanza, ha visto la partecipazione dei sottoelencati artisti, con n. 48 opere complessive, tutte di elevato equilibrio espressivo ed una non comune abilità tecnica, capaci di risvegliare emozioni uniche e sensazioni non facilmente ripetibili, nei numerosi visitatori della mostra, solennemente inaugurata la mattina del 20 settembre con il tradizionale taglio del nastro da parte del Sindaco di Chianciano Terme, Prof.ssa Gabriella Ferranti alla presenza delle massime Autorità Istituzionali regionali, provinciali e locali, del Presidente Nazionale dell'A.N.F.I., Gen. C.A. Giovanni Verdicchio, e di numerosi componenti il Consiglio Nazionale del Sodalizio. Elenco degli artisti partecipanti nella Sezione Soci A.N.F.I.: Brig. Giuseppe Cascione (Sez. Bari), Ten. Col. Berardino D'Errico (Sez. Ancona), Lgt. Carlo Di Marco (Sez. Marano di Napoli), D.ssa Alessandra Durante (Sezione Leverano), Mar. Saverio Lacitignola (Sez. Sammichele di Bari), App. UPG Antonio Laurino (Sez. Potenza), Fin. Maurizio Pacella (Sez. Cividale del Friuli), Sig. Onofrio Pajno (Sez. Padova), Sig. Giovanni Pagano (Sezione Bari), Sig. Carmine Russo (Sez. Avellino), Sig. Ennio Scorsoni (Sez. Terni), Brig. Renzo Venti (Sez. Falconara Marittima), Sig.ra Imelda Visentin (Sez. Padova). Elenco degli artisti partecipanti nella

B

Sezione militari in servizio nella Guardia di Finanza: App.Sc. Gino Bernardini (Nucleo pt Viterbo), V.Brig. Emilio Villa (Com. Provinciale Grosseto), Mar. Sonia Dattilo (Nucleo pt Napoli), V. Brig. Saverio Magno (Compa12

gnia S. Benedetto del Tronto), App. Sc. Fabio Mazzitelli (Brigata di Rapallo). Una Commissione, composta dal Direttore del Museo Civico Archeologico di Chianciano Terme e Responsabile del Servizio Cultura, Biblioteca e Museo del


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

Comune di Chianciano Terme, Dr. Giulio Paolucci (Presidente), dalla Critica d'Arte e Presidente della Fondazione “Museo Archeologico delle Acque di Chianciano Terme, D.ssa Silvia Reali (Membro) e dal Pittore e Professore d'Arte Daniele Stefanucci (Membro), dopo un'attenta e ripetuta analisi delle opere in gara ha giudicato: per gli artisti del Settore Soci A.N.F.I.: - 1° classificato: Brig. Giuseppe Cascione, con l'opera “Omaggio a De Chirico”; - 2° classificato: Sig.ra Imelda Visentin, con l'opera “La raccolta di ciliege”; - 3° classificato: Ten.Col. Berardino D'Errico, con l'opera “Notte d'inverno all'Abbadia – Fiastra”; per gli artisti del Settore Militari in servizio nella Guardia di Finanza: - 1° classificato: V.Brig. Saverio Magno, con l'opera “Globo ferito”; - 2° classificato: App. Sc. Gino Bernardini, con l'opera “Percorso di vita”; - 3° classificato: Mar. Sonia Dattilo, con l'opera “Gli occhi di Haiti”. I predetti sono stati premiati nel corso della sfilata dei radunisti, svolta, fra due ali di folla, a Chianciano Terme il 22 settembre 2013, alla presenza del Ministro dell'Economia e delle Finanze, Prof. Fabrizio Saccomanni, con una Targa d'Argento, consegnata, rispettivamente, dal Presidente Nazionale dell'A.N.F.I. e dal Comandante Generale della Guardia di Finanza, Gen. C.A. Saverio Capolupo. 13

XIX


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

NELLE PIAZZE... ESPOSIZIONE DEL V EICOLO I TINERANTE DELLA GUARDIA DI FINANZA ED ESIBIZIONE DELLE UNITÀ CINOFILI E FANFARE urante i due giorni del XIX Raduno Nazionale, l'A.N.F.I., nell'ambito delle manifestazioni programmate, ha voluto coinvolgere l'intera cittadinanza di Chianciano, prevedendo nelle principali piazze della città, l'esposizione del Veicolo Itinerante di Comunicazione Locale della Guardia di Finanza, concepito quale ideale strumento di integrazione e completamento del progetto “Stand Itinerante”, già avviato con successo dal 2004 attraverso il quale il Corpo veicola, in maniera ancor più incisiva e su tutto il territorio nazionale, i suoi messaggi istituzionali. Il tutto impreziosito dall'esibizione della Banda Musicale “B. Somma” di Chianciano e della Fanfara della Sezione A.N.F.I. di Prato, le cui performance sono state molto gradite dai radunisti e dal pubblico presente. E' seguita la dimostrazione da parte delle unità cinofile impegnate nelle modalità operative con le quali vengono attuate le attività di prevenzione e di contrasto al crimine ed allo spaccio delle sostanze stupefacenti, particolarmente apprezzata dai numerosi ragazzi presenti, coinvolti nella esibizione dei cani. Gli istruttori cinofili hanno, inoltre, risposto alle numerose domande proposte dai giovani affermando, tra l'altro, che è completamente priva di fonda-

D

mento la convinzione comune che i cani antidroga della Guardia di Finanza siano drogati e che ricerchino le sostanze stupefacenti perché in crisi di astinenza. Un cane antidroga in azione è attratto dall'odore della sostanza stupefacente che riesce a percepire anche se abilmente occultata: l'animale farà di tutto per

14

trovarla ma non sa che sta cercando droga, vuole invece, trovare il suo manicotto, e cioè quello utilizzato, per molto tempo, durante l'attività addestrativa, intriso dell'odore della sostanza stupefacente. Lunghissimi e convinti applausi hanno sottolineato l'ampio consenso della cittadinanza tutta.


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

RIUNIONE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELL’A.N.F.I. ell'ambito del programma del XIX Raduno Nazionale dell'Associazione, il 20 settembre, presso la Sala riunione dell'Hotel Capitol, si è riunito il Consiglio Nazionale dell'A.N.F.I.. Il Presidente Nazionale, Gen. C.A. Giovanni Verdicchio, dopo aver rivolto il suo affettuoso saluto ai convenuti, considerata la particolare importanza di alcuni argomenti all'Ordine del Giorno, ha invitato il Segretario Generale, Ten. Col. Giuseppe Ruggieri, a procedere alla loro illustrazione. Il Segretario Generale, dopo aver richiamato le manifestazioni alle quali era prevista la presenza dei Consiglieri Nazionali, ha sottolineato l'importanza della loro partecipazione ed ha manifestato il suo ottimismo per il pieno successo del Raduno. Sono stati discussi i vari punti all'ordine del giorno, tra i quali, per informazione dei lettori, assumeva importanza la delibera relativa alla fissazione dell'entità della quota sociale per il 2014. In merito è stato deciso che: - l'importo della quota rimane invariato rispetto all'anno in corso; - la scadenza è stata fissata al 31 dicembre 2013; - i soci che, al 31 marzo, non risultano in regola con le procedure di rinnovo, della quota sociale, saranno automaticamente esclusi dal sistema informatico, senza possibilità di recuperare le copie del periodico Fiamme Gialle, per decadenza del requisito della qualità di socio.

N

15

XIX


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

MOMENTI DI LEGGERA SERENITÀ E DIVERTIMENTO dott.ssa

Grazia Torelli

20 settembre, una serata danzante ha concluso piacevolmente la prima giornata del Raduno, che ha visto a C h i a n c i a n o Te r m e m i g l i a i a d i appartenenti all'Associazione Nazionale Finanzieri d'Italia. Nello storico Parco Acquasanta, di Terme di Chianciano, la prima giornata del XIX Raduno Nazionale dell'A.N.F.I. (20 – 22 settembre) ha visto degna conclusione per circa un migliaio di radunisti, che si sono ritrovati per una serata danzante all'insegna della convivialità e di una serena partecipazione. Sulle note della piccola orchestra Mixage, le danze si sono intervallate ad una degustazione di prodotti tipici locali, che sono stati offerti nella sala adiacente da dieci produttori di miele, formaggi, marmellate, dolci tipici senesi; il tutto accompagnato - e non poteva essere diversamente - da vino Nobile di Montepulciano e Chianti. Il luogo di questa serata è stato l'elegante Salone Nervi, disegnato nel 1952 dal famoso architetto Pierluigi Nervi, autore anche dell'immensa Sala Paolo VI in Vaticano; la stessa che incantò Federico Fellini, che a Chianciano Terme trovò ispirazione per il suo film oscar “8 ½ “, di cui quest'anno si celebra il 50° anno dalla realizzazione.

Il

16


FiammeGialle / Settembre - Ottobre FiammeGialle / Settembre - Ottobre 20132013

XIX

21 Settembre RIUNIONE DEL CONSIGLIO NAZIONALE CON I PRESIDENTI DELLE SEZIONI 21 settembre 2013, presso la Sala Astoria Forum, in Chianciano, ha avuto luogo la riunione operativa del Consiglio Nazionale con i Presidenti delle Sezioni A.N.F.I. presenti al Raduno. Il Segretario Generale, unitamente al Vice Segretario Generale, dopo aver fatto consegnare ai presenti la piantina dell'ordine di schieramento e di sfilata dei radunisti, hanno illustrato il programma previsto per la giornata del 22 settembre, ricordando la presenza alla cerimonia finale, oltre che al Comandante Generale della Guardia di Finanza, del Ministro dell'Economia e delle Finanze, Dott. Fabrizio Saccomanni. Ha preso quindi la parola il Presidente della Sezione di Siena, Lgt. Pellegrino Federico che, dopo aver ringraziato i convenuti, si è cosi espresso: “…Un sentito ringraziamento a tutti coloro che con grande impegno, dedizione e sacrificio si sono adoperati per il buon esito di questo importante evento. (…) Il nostro raduno vuole invece contribuire a mantenere saldi e ravvivare quei

Il

valori che hanno costituito e costituiscono stabile e costante punto di riferimento per ogni finanziere: l'amore per la Patria, il senso del dovere, la solidarietà, l'onore, lo spirito di Corpo. (…) Sono quindi convinto che mai come ora sia necessario incentivare l'opera di promozione delle nostre Sezioni; estendere la condivisione delle nostre esperienze, delle nostre iniziative, dei nostri obiettivi, vuol dire poter trasmettere anche a chi non li ha vissuti in prima persona, i messaggi, sempre attuali e costruttivi, che promanano dalle tradizioni del Corpo.

17

Auspico quindi che nel corso di questo Raduno possano stringersi proficui rapporti di collaborazione ed amicizia e soprattutto possano emergere idee, progetti, iniziative, che consentano di affermare ed estendere nel territorio la presenza della nostra Associazione. (…)”. Ha concluso la riunione il Presidente Nazionale, Gen. C.A. Giovanni Verdicchio, che ha ringraziato tutti i presenti, per la loro significativa partecipazione, ed ha rivolto loro l'augurio più sentito per una buona riuscita della giornata conclusiva del Raduno.


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

zionale, Astoria Forum, alla quale hanno preso parte oltre 120 studenti, numerosi soci e cittadini. Il tutto valorizzato dall'egregia attività di moderazione effettuata dal Dott. Saverio Fossati, giornalista de “Il Sole 24 Ore”, ed arricchito dall'apporto dato dagli illustri relatori. Dopo l'indirizzo di saluto, da parte del di Umberto Fava Gen. C.A. Umberto Fava, Vice Presidente Nazionale Vicario e del Sindaco di Chianciano Terme, Prof.ssa Gabriella Ferranti, è A.N.F.I., prendendo spun- stato presentato, a cura del Ten. Col. t. ST to dall'iniziativa assunta Alessandro Nicola Serena, il progetto dal Comando Generale, “L'Educazione alla legalità economica”, volta a diffondere, tra le giovani leve, il predisposto dal Comando Generale. progetto dell'educazione alla legalità La proiezione delle slide, oltre ad illustraeconomica, realizzato con il Ministero re gli obiettivi perseguiti, ha consentito dell'Istruzione, dell'Università e della di evidenziare l'attività informativa già Ricerca, ha voluto dedicare, nell'ambito svolta e diretta, in tutta Italia, agli studendel XIX Raduno Nazionale due eventi sul ti delle scuole primarie e delle scuole tema: il concorso letterario riservato agli secondarie. studenti di Chianciano Terme e la tavola La lettura del tema svolto dalla studentessa Roberta Maiorana, dell'Istituto Turirotonda. Una scelta che si è dimostrata vincente stico ed Alberghiero di Stato di Chianciaperché ha consentito di diffondere, tra i no Terme, è stato uno dei momenti più giovani, la consapevolezza del ruolo svol- significativi in quanto dal suo svolgimento dai cittadini, di conoscere il loro punto to sono emerse le opinioni, le consideradi vista e, soprattutto, di diffondere i prin- zioni e le aspettative dei più giovani sulla cipi etici ai quali ispirarsi nel campo eco- specifica tematica. Hanno preso, poi, la parola: il Presidente nomico. Un successo che si è concretizzato sia della Provincia di Siena, Simone Bezzini, nella numerosa partecipazione al con- il Comandante Regionale Toscana, Gen. corso sia nella presenza alla tavola D. Giuseppe Vicanolo, il Procuratore della Rotonda, tenuta presso il centro polifun- Repubblica di Montepulciano, Dott.

CONVEGNO SU “LA LEGALITÀ ECONOMICA” E PRESENTAZIONE DEL LIBRO “CHIUSI TRA SUA SANTITÀ E SUA ALTEZZA IMPERIALE E REGIA”

L’

18

Fabio Maria Gliozzi, il rappresentante dell'Ordine dei Commercialisti di Montepulciano, Dott. Giancarlo Vittori, ed, infine, il Dott. Renato Saccone, Prefetto di Siena, i quali, nei loro interventi, hanno svolto relazioni interessantissime che hanno consentito a tutti i presenti di cogliere l'alto significato dell'iniziativa. L'auspicio che formuliamo è che le conclusioni, sapientemente tratte dal Dott. Fossati, costituiscano il seme di una più sentita e partecipe coscienza sociale, anche nel campo economico-tributario. La presentazione del libro “Chiusi tra Sua Santità e Sua Altezza Imperiale e Regia”, da parte del Dott. Fossati e dell'Autore, Prof. Enrico Fuselli, hanno concluso l'impegnativa mattinata “intellettuale”. La ricerca del Prof. Fuselli, sempre appassionata perché impregnata da “sentimenti giallo verdi”, ha avuto come oggetto, in onore della Regione che ospitava il Raduno, l'approfondimento sulla Reale Guardia di Finanza del Granducato di Toscana ed, in particolare, su alcuni aspetti particolari attraverso i quali è stato possibile tracciare le “evoluzioni organiche ed operative” delle antiche dogane granducali del Chiusino, nonché l'attività svolta “lungo quel delicato confine politico – militare che separava l'allora Granducato di Toscana dallo Stato Pontificio” per contrastare il contrabbando doganale. E non solo.


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

L'Autore va oltre ed analizza gli aspetti professionali dell'opera dei doganieri e dei finanzieri toscani nonché del personale dello Stato Pontificio ed, infine, le diverse problematiche che giornalmente emergevano nella gestione quotidiana di un'attività sempre difficile. “Un'ennesima pagina di vita del Corpo è stata tolta dall'oblio e portata all'attenzione degli appassionati di storia patria” come ha affermato, nella sua presentazione, il Comandante Generale della Guardia di Finanza, Gen. C.A. Saverio Capolupo.

19

XIX


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

L’ A . N . F. I . C E L E B R A RICORRENZA IN ONORE SAN MATTEO di

LA DI

Angelo Maenza

concomitanza con il XIX Raduno Nazionale, il 21 settembre 2013, a Chianciano Terme, alla presenza dei Ver tici dell'A.N.F.I. e del Corpo, ha avuto luogo una Santa Messa solenne in onore di San Matteo, Patrono della Guardia di Finanza, ”che come si legge nel Vangelo, prima di essere chiamato dal Nostro Signore Gesù alla sua Sequela, esercitava le funzioni di pubblico esattore dei redditi dello Stato….” La chiesa di Santa Maria della Stella, situata all'ingresso di Chianciano, dalla quale si può godere un'eccezionale panorama, era stracolma di convenuti. Adiacente all'altare erano posizionati il Medagliere dell'A.N.F.I., sei bandiere delle Sezioni ANFI con sede nella locale provincia, due Finanzieri in grande uniforme e un sottufficiale dotato di tromba. I momenti salienti della cerimonia sono stati animati dal Gruppo Corale Chiancianese. II gruppo formatosi nel 1990 e composto da oltre 40 elementi. Ha un repertorio di canti sacri e profani di epoche diverse, infatti l'obbiettivo della corale è la divulgazione della musica polifonica, senza preclusione verso alcun gene-

In

re o forma musicale. Collabora con un gruppo composto da 7 strumentisti a fiato e a percussioni dell'istituto "B. Somma" di Chianciano Terme con il quale presenta un repertorio di pezzi polifonici di importanti autori. Ha partecipato a concerti, rassegne corali, festival e concorsi in varie regioni italiane e all'estero. L'evento è stato officiato da Mons. Michele Pes, già Cappellano Militare del Comando Regionale Toscana, assistito e coadiuvato da altri quattro concelebranti. Erano presenti, tra le altre Autorità istituzionali, Il Sindaco del comune di Chianciano Terme, Prof.ssa Gabriella Ferranti, con il consorte, il Comandante Generale

20

della Guardia di Finanza, Gen. C.A. Saverio Capolupo, e la gentile Consorte, il Comandante Interregionale per l'Italia settentrionale della Guardia di Finanza, Gen. C.A. Michele Adinolfi, il Comandante Regionale Toscana della Guardia di Finanza, Gen. D. Giuseppe Vicanolo, il Comandante provinciale della Guardia di Finanza di Siena, Col. Gianpaolo Mazza, il Gen. C.A. Giovanni Verdicchio, Presidente Nazionale dell'ANFI, il Gen.C.A. Umberto Fava, Vice Presidente Nazionale Vicario, Il Gen. B. Mauro Santonastaso, Vice Presidente Nazionale per l'Italia settentrionale, i componenti e le rappresentanze del Consiglio Nazionale, del Collegio dei Sindaci e del Collegio dei Probiviri.


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

Nutrita e qualificata la presenza di ufficiali dello Stato Maggiore del Comando generale, dei Comandi della Regione Toscana, di altri ufficiali di tutti i gradi, tra i quali il Gen. B. Raffaele Romano, Viceispettore per i Reparti di Istruzione, Il Gen. B. Vito Augelli, Capo del V Reparto del Comando Generale, nonché di ispettori, sovrintendenti, appuntati e finanzieri dei locali Comandi del Corpo e una folta schiera di Radunisti.

XIX

Il celebrante, Mons. Pes, nel rivolgere il saluto a tutti i partecipanti all'evento ha, tra l'altro, pronunciato una particolare toccante e pertinente Omelia, ascoltata con profonda devozione dai presenti. Altra particolare ammirazione e partecipazione, come sempre, ha suscitato la Preghiera della Guardia di Finanza, letta dal Comandante Generale, Gen. C.A. Saverio Capolupo, al quale rivolgiamo la nostra profonda gratitudine per averci

onorato con la Sua graditissima presenza. In conclusione, si è assistito ad una bellissima e sobria cerimonia, intensa di spiritualità, partecipata, anche nel momento di ricevere l'Eucarestia, sentita ed emozionante, nella consapevolezza di svolgere o di aver svolto un'attività nel Corpo, con determinazione e spirito di sacrificio, per il bene e nell'interesse esclusivo della collettività, secondo gli insegnamenti dell'Apostolo Matteo.

21


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

PALAMONTEPASCHI C ONCERTO DELLA B ANDA MUSICALE DELLA GUARDIA DI FINANZA abato 21 settembre 2013, presso il Palamontepaschi (Parco Fucoli) di Chianciano Terme, si è svolto il concerto della Banda Musicale della Guardia di Finanza, organizzato in occasione del XIX Raduno Nazionale dell'A.N.F.I. e delle celebrazioni commemorative in onore di San Matteo, Patrono della Guardia di Finanza. La Banda nasce ufficialmente nel 1926 riunendo, in un'unica compagine strumentale, le diverse Fanfare che, fin dal 1883, erano state istituite presso alcuni Reparti del Corpo. Attualmente è un complesso artistico stabile composto da un Maestro Direttore, un Maestro Vice Direttore e 102 esecutori provenienti dai diversi Conservatori italiani ed incorporati, attraverso una

S

accurata selezione, tramite concorso nazionale. Durante la sua lunga ed intensa attività concertistica, la Banda si è esibita presso le più prestigiose istituzioni musicali italiane tra le quali l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, la Scala di Milano, il San Carlo di Napoli, il Teatro dell'Opera di Roma, il Massimo ed il Politeama di Palermo, la Fenice di Venezia, il Bellini di Catania, il Flavio Vespasiano di Rieti ed il Petruzzelli di Bari. L'intero Complesso Bandistico si è recato ripetutamente all'estero dove ha effettuato fortunate tournée in Germania, Lussemburgo, Svizzera, Belgio, Francia, Stati Uniti ed Emirati Arabi Uniti. In particolare, nel 2002 a New York, in occasione delle celebrazioni per il Columbus Day, ha tenuto un coinvolgente ed emozionante concerto a Ground Zero, luogo simbolo della coscienza nazionale americana dopo i tragici fatti dell'11 settembre 2001. Le doti di fusione, la qualità del suono e la sensibilità interpretativa rendono il Complesso uno dei più prestigiosi a livel22

lo internazionale e gli assicurano il costante successo di pubblico e di critica. La Banda, diretta dal Ten. Col. Leonardo Laserra Ingrosso, si è esibita in una coinvolgente ed apprezzata esecuzione: dalla “Gazza Ladra” di Rossini all'“Aida” di Verdi in un crescendo di fantasie musicali che hanno suscitato emozioni e scroscianti applausi da parte del


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

numerosissimo pubblico presente. Particolarmente gradito, poi, il tributo ad Alberto Sordi, in occasione del decennale della sua scomparsa. Il concerto è stato presentato dalla bella ed elegante signora Monia Palmieri, socia benemerita dell'ANFI. Al termine il Comandante Generale, Gen. C.A. Saverio Capolupo ed il Presidente

Nazionale dell'A.N.F.I., Gen. C.A. Giovanni Verdicchio, sono saliti sul palco ed hanno ringraziato il Maestro, Ten. Col. Leonardo Laserra Ingrosso, tutti i componenti della Banda, per la magnifica esibizione e per il ricco programma offerto nonché la presentatrice della manifestazione, Sig.ra, Monia Palmieri, che da qualche anno segue “da grande professionista” e

23

XIX

da esperta Socia Benemerita dell'A.N.F.I. i concerti della nostra Banda, offrendole un omaggio floreale. Il Sindaco di Chianciano Terme, Prof.ssa Gabriella Ferranti, ha espresso la gratitudine della città alla Banda per la piacevole serata dell'Associazione Nazionale Finanzieri d'Italia, per aver scelto Chianciano per il loro Raduno.


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

22 Settembre GIORNATA CONCLUSIVA ra le ore 9,00 e le ore 10,00, tutti i radunisti, convenuti in numero elevato, si sono schierati in Piazza dei Martiri Perugini. Alle ore 10,20, arriva il Comandante Generale della Guardia di Finanza, Gen. C.A. Saverio Capolupo, accolto dal Presidente Nazionale dell'A.N.F.I., Gen. C.A. Giovanni Verdicchio. Alle ore 10,25, arriva il Signor Ministro dell'Economia e delle Finanze, Dott. Fabrizio Saccomanni, che, ricevuto dal Comandante Generale della Guardia di Finanza e dal Presidente Nazionale dell'A.N.F.I., prende posto sull'automezzo scoperto per la rassegna dei radunisti assiepati in Piazza Martiri Perugini. Al termine della rivista il Signor Ministro, accompagnato dalle suindicate AutoritĂ , giunge in Piazza Italia dove era ad attenderlo un Battaglione di Formazione composto da: - Bandiera d'Istituto del Centro di Addestramento A.T.P.I. di Orvieto; - Banda Musicale della Guardia di Finanza;

T

- 3 Compagnie in armi (una del Centro di Addestramento A.T.P.I. di Orvieto e due della Scuola Allievi Marescialli di L'Aquila); - 120 labari di Sezione con alfiere e scorta. Il Comandante del Battaglione di Formazione esce dallo schieramento e rende gli Onori Militari al Signor Ministro dell'Economia e delle Finanze, che, subi-

24

to dopo seguito dal Comandante Generale della Guardia di Finanza, dal Presidente Nazionale dell'A.N.F.I. e dal Comandante del Battaglione di Formazione, passa in rassegna lo Schieramento. Al termine raggiunge la tribuna delle allocuzioni, dove ad attenderlo il Comandante Interregionale per l'Italia Centro Settentrionale, Gen. C.A. Michele Adinol-


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

fi, ed il Comandante Regionale, Gen. D. Giuseppe Vicanolo. Sul posto incontra il Prefetto di Siena, Dott. Renato Saccone, il Presidente della Provincia di Siena, Simone Bezzini ed il Sindaco di Chianciano Terme, Prof.ssa Gabriella Ferranti, ai quali porge un cordiale e caloroso saluto. Viene, quindi, letto il telegramma augurale inviato dal Presidente della Repubblica che è accolto con un lunghissimo applauso.

PRENDE QUINDI LA PAROLA IL PRESIDENTE NAZIONALE DELL'A.N.F.I., GEN. C.A. GIOVANNI VERDICCHIO CHE PRONUNCIA LA SEGUENTE ALLOCUZIONE

“Signor Ministro dell'Economia e delle Finanze,

Signor Comandante Generale della Guardia di Finanza, Autorità, gentili ospiti, e care Fiamme Gialle, in servizio ed in congedo. Rivolgo a tutti il mio più caloroso e cordiale saluto e vi ringrazio sentitamente di aver onorato con la vostra presenza lo svolgimento del XIX Raduno Nazionale dell'A.N.F.I. nella splendida Chianciano Terme, che, con la sua generosa ospitalità, offre ai partecipanti le migliori opportunità per trascorrere, in festosa compagnia, momenti esaltanti ed emozionanti. La mia profonda gratitudine, Signor Ministro, desidero esprimerLe per la sua partecipazione che onora il nostro Raduno e che si configura come manifestazione della sua attenzione nei confronti dei Finanzieri in servizio ed in congedo. Grazie, Signor Comandante Generale, per l'affetto e l'attenzione con i quali segue la nostra Associazione. Oggi, finanzieri d'ogni grado e d'ogni età, provenienti da tutte le Regioni d'Italia con le loro bandiere, s'incontrano per testimoniare al popolo toscano la concreta ed affettuosa vicinanza di uomini che hanno dedicato la loro vita all'affermazione della legalità, spesso guidati da eccellentissimi figli di questa splendida terra. Il XIX Raduno, iniziato con l'alzabandiera, simbolo dell'unità nazionale, è proseguito, insieme al Sindaco di Chianciano Terme, Prof.ssa Gabriella Ferranti, ed altre Autorità, con il doveroso omaggio al Monumento ai Caduti, deponendo, a nome dell'A.N.F.I., una corona d'alloro in memoria di quanti hanno sacrificato la loro vita sulla via del dovere e dell'onore, il cui glorioso esempio illumina ed ispira costantemente il cammino dell'Associazione nella 25

XIX

realizzazione delle sue finalità istituzionali. Il ricordo dei nostri Caduti è sempre vivo nella mente e nel cuore dei Finanzieri, come dimostra l'elevato numero di monumenti, vie e piazze a loro dedicati, anche in Toscana. Molti di essi, tra l'altro, hanno immolato la loro vita per la realizzazione dell'unificazione nazionale. L'A.N.F.I. è stata eretta in Ente Morale con il Regio Decreto 11 marzo 1929, n. 377, conta circa 30.000 soci ed è organizzata per Sezioni locali, che oggi sono 287, dotate di completa autonomia gestionale e finanziaria. Le principali finalità istituzionali del nostro Sodalizio sono, sostanzialmente, tre. La prima è quella di promuovere e cementare l'unità dei finanzieri in congedo, mantenendo vivo in loro lo spirito di Corpo e l'amor di Patria nonché di assicurare e rafforzare i sentimenti di solidarietà e cameratismo con i finanzieri in servizio. La seconda finalità istituzionale è volta a rinsaldare i vincoli di cameratismo e di unità d'intenti con le altre Associazioni d'Arma e delle Forze di Polizia, che si realizza operando soprattutto a livello centrale, per contribuire ad alleviare il disagio conseguente alle problematiche pensionistiche. La terza finalità istituzionale del Sodalizio è l'assistenza morale e materiale ai soci e la promozione e lo sviluppo dell'Associazione, organizzando cerimonie che ricordino ed esaltino le gloriose tradizioni dell'Istituzione, costituendo nuove Sezioni, realizzando incontri e gite sociali; manifestazioni culturali, artistiche e sportive; erogando sussidi ed assistenza ai Soci. Il tutto è raccontato e documentato dal


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

nostro Periodico “Fiamme Gialle” che informa ed idealmente collega i Soci e le Sezioni tra loro, stimolandone l'emulazione. Negli anni più recenti ha assunto particolare rilievo l'attività “di operante solidarietà per superare le difficoltà morali e materiali della collettività”, tra le quali si segnalano: l'attivazione sul territorio nazionale di nuclei di protezione civile e di organizzazioni non lucrative di utilità sociale (onlus); l'istituzione di un fondo di solidarietà per la raccolta di risorse da destinare a soggetti in stato di bisogno; l'assistenza all'uscita degli Istituti scolastici e nei confronti dei soci ammalati; la vigilanza presso alcune università durante lo svolgimento di prove di esame e la collaborazione con alcuni uffici giudiziari. Una notazione a parte desidero riservare ad una recente iniziativa assunta dal consiglio nazionale: la costituzione di una fondazione con lo scopo di poter più agevolmente realizzare le finalità dell'Associazione ed, in particolare, l'assistenza morale, materiale e culturale ai soci e loro familiari nonché, più in generale, alla collettività nazionale. E' già in atto la raccolta dei fondi, su base volontaria, per poter costituire il patrimonio previsto dalle vigenti disposizioni. Cari Finanzieri in congedo dovete essere dunque orgogliosi e fieri di militare nell'A.N.F.I., perché il nostro è un sodalizio vivo e vitale che esprime una moderna forma di associazionismo, grazie alla quale: - tende ad uscire dal ristretto ambito sezionale per inserirsi nel tessuto socioconnettivo cittadino, coinvolgendo nelle proprie iniziative cittadinanza ed autorità, come l'odierna manifestazione

ampiamente dimostra; - desidera arricchire di contenuti concreti i compiti istituzionali tendendo in futuro a soddisfare sempre più bisogni ed esigenze di interesse generale, anche in forza della professionalità e dell'esperienza acquisite; - aspira ad essere ancora di esempio, per entusiasmo e linearità di comportamento, alle giovani leve del Corpo, perché traggano dalla vivacità e dalla fedeltà delle Fiamme Gialle in congedo, motivi di conferma nella scelta operata e forza per bene attendere agli impegnativi compiti loro assegnati dalle odierne esigenze del servizio. E tutto questo ha soprattutto una grande motivazione di fondo, che è quella di continuare a servire la collettività. Concludo. A nome del Sodalizio che mi onoro di presiedere, rinnovo al Signor Ministro dell'Economia e delle Finanze, dott. Fabrizio Saccomanni, il più devoto saluto ed esprimo un sincero e sentito grazie per averci onorato con la sua graditissima presenza. Al Signor Comandante Generale della Guardia di Finanza, Generale di Corpo d'Armata Saverio Capolupo, porgo un cordiale e caloroso saluto, anche a nome di tutti i soci. Ringrazio tutte le rappresentanze del Corpo, e soprattutto quelle che prestano servizio in Toscana, per la loro intensa e fraterna collaborazione, a conferma dell'ideale unitarità dell'Istituzione. Grazie, a voi soci dell'A.N.F.I. ed alla sua classe dirigente per l'entusiastica adesione, espressione dell'impegno a dare sempre più diffusione, compattezza e forza 26

all'Associazione e, soprattutto, ad affermare il valore della Patria, il senso di appartenenza e lo spirito di servizio che hanno il loro fondamento nella coscienza di ciascuno e nell'intima convinzione di continuare a condividere i principi etici a cui ci siamo ispirati nel corso della nostra vita nella Guardia di Finanza e che costituiscono, ancora oggi, le linee guida dell'A.N.F.I.. Ringrazio vivamente la Regione Toscana, la Provincia di Siena, il Comune di Chianciano Terme, gli altri Enti Istituzionali di questa Regione e gli sponsor per la loro generosa collaborazione. Ringrazio le Autorità religiose, civili e militari presenti, le Forze di Polizia e le Associazioni d'Arma. Grazie alla Toscana ed alla sua cittadinanza per l'accoglienza riservata alle Fiamme Gialle, oltre che per l'intensa partecipazione organizzativa, che ha reso possibile la riuscita del nostro incontro, conclusosi con l'esaltazione di valori antichi, ma che noi crediamo resteranno ancora e sempre la forza del domani. Viva la Guardia di Finanza! Viva l'Associazione Nazionale Finanzieri d'Italia! Viva la Toscana! Viva l'Italia!”. SEGUE L'INTERVENTO DEL SINDACO DI CHIANCIANO TERME, PROF.SSA GABRIELLA FERRANTI

“Dò il Benvenuto di Chianciano Terme e mio personale al Ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni, al Comandante Generale della Guardia della Guardia di Finanza, Generale di Corpo d'Armata Saverio Capolupo, al Presidente dell'Associazione Nazionale Finanzieri


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

D'Italia Generale di Corpo d'Armata Giovanni Verdicchio, a tutte le altre Autorità civili, militari e religiose intervenute ed in particolare ai rappresentanti del territorio: il Presidente della Provincia di Siena Simone Bezzini, l'Assessore al Diritto alla Salute della Regione Toscana Luigi Marroni. Uno speciale ringraziamento per il loro essenziale contributo va alla Provincia di Siena ed alla Regione Toscana. Saluto i colleghi Sindaci dei Comuni dell'Unione dei Comuni della Valdichiana Senese (Cetona, Chiusi, Montepulciano, San Casciano dei Bagni, Sarteano, Sinalunga, Torrita di Siena, Trequanda), che con la loro presenza qui oggi vogliono esprimere il loro apprezzamento per ciò che significa questo evento. Saluto, per il lavoro costante e prezioso, i partecipanti al XIX° Raduno Nazionale dell'Associazione Nazionale Finanzieri d'Italia ( A.N.F.I.) e della Guardia di Finanza. La città attraverso di me accoglie tutti voi Radunisti, Uomini e Donne della Finanza, in un grande abbraccio. É per la nostra città una gratificazione essere stata scelta quale sede del Raduno a cui hanno partecipato i soci delle 286 Sezioni con le proprie famiglie, provenienti da tutto il territorio nazionale. É una ulteriore conferma che la città è adeguata ad ospitare grandi manifestazioni e questa considerazione gratifica il costante impegno di tutti. Qui, colgo l'occasione pubblica per ringraziare tutti coloro che hanno lavorato per mesi insieme all'A.N.F.I. per il buon esito del Raduno con il coordinamento per l'Amministrazione Comunale della Comandante della Polizia

Municipale Dr.ssa Daniela Gonnelli, Imprenditori e Cittadinanza, che giorno dopo giorno operano nonostante le enormi difficoltà per la crisi grave che affrontiamo tutti insieme con dignità ed impegno nella consapevolezza di poter offrire un'ospitalità che deriva da una tradizione culturale che ci caratterizza da generazioni. Questa è una manifestazione di grande prestigio e per noi di grande significato nella considerazione del ruolo che il Corpo della Guardia di Finanza svolge anche sul piano etico per la fedeltà al giuramento prestato, per la lealtà nei confronti delle Istituzioni. Principi etici che hanno origine nella vostra storia e che si manifestano con il senso dello Stato, lo spirito di Corpo ed il senso dell'Onore, espressioni il cui contenuto è molto più intenso e prezioso di quello che l'espressione verbale riesce a trasmettere. La Guardia di Finanza, nella sua storia secolare, ha creato le proprie competenze in funzione dello sviluppo del nostro Paese attraverso la lotta all'evasione fiscale ed all'economia sommersa, la lotta alla contraffazione, la lotta alla criminalità organizzata, la lotta al traffico di stupefacenti, fino alla tutela del nostro patrimonio artistico ed archeologico ed al controllo della sicurezza pubblica. Oggi la Guardia di Finanza costituisce punto di riferimento anche sul piano internazionale come si deduce dall'ampio spazio dato alla sua attività in questo ambito dalla recente Circolare (n.83607 del 2012) del Comando Generale della Guardia di Finanza “sull'attività a tutela del mercato 27

XIX

dei capitali”. Voglio ricordare qui, per esprimere il mio apprezzamento, l'importante contributo della Guardia di Finanza nell'attività dell'Organismo intergovernativo GAFI (Gruppo di Azione Finanziaria Internazionale) contro il riciclaggio , il finanziamento del terrorismo ed il finanziamento della proliferazione di armi di distruzione di massa e l'attività svolta nell'applicazione delle numerose Convenzioni sottoscritte dal nostro Paese nell'ambito delle Nazioni Unite, del Consiglio d'Europa e nelle direttive dell'Unione Europea, che costituiscono tutte un impegno permanente nel contrasto di gravi fenomeni di illegalità legati all'economia ed alla finanza: dal riciclaggio al finanziamento del terrorismo e ai traffici trasfrontalieri di valuta. I cittadini non sanno tutto ciò o spesso non ne percepiscono l'importanza. Ritengo che questo raduno ANFI abbia rinnovato la coesione tra coloro che hanno dedicato la loro vita lavorativa alla Guardia di Finanza ma spero anche possa aver contribuito a far riflettere sulla opportunità di una maggiore diffusione e conoscenza del ruolo e dell'operato della Guardia di Finanza, ciascun socio può dare un suo personale contributo anche sulla base delle proprie esperienze. Lo Stato democratico si fonda sul principio di legalità che si costruisce e si alimenta giorno per giorno lavorando tutti insieme, ciascuno nel suo ruolo per una cultura della legalità che ha la sua base in una forte coscienza civica nella consapevolezza che la legalità è un fattore essenziale per lo sviluppo del nostro Paese. L'educazione dunque svolge un ruolo cen-


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

trale nella realizzazione di questi valori e sostenere progetti di Educazione alla legalità contribuisce alla formazione di una coscienza civile e sociale ed alla partecipazione, quali modalità di adesione alla vita collettiva in modo realmente propositivo per il raggiungimento del bene della comunità. E proprio sull'Educazione alla legalità che intendo sottolineare l'importanza del contributo della Guardia di Finanza nelle scuole sul tema dell'“Educazione alla legalità economica”. Nell'anno scolastico 2012/2013, infatti, i giovani delle scuole italiane hanno potuto partecipare al Progetto “Educazione alla legalità economica” realizzato dalla Guardia di Finanza e dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. Così, gli studenti della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado, hanno affrontato il tema della “legalità economica”. A Chianciano Terme, grazie alla disponibilità dei Dirigenti scolastici e degli Insegnanti dei nostri due Istituti (Istituto comprensivo Federigo Tozzi e Istituto Alberghiero Pellegrini Artusi) gli studenti hanno risposto con entusiasmo e hanno proposto disegni e temi sul valore della “legalità economica”, con esempi concreti e riscontrabili nella vita quotidiana. Oggi verranno premiati alcuni di questi lavori realizzati dai nostri ragazzi. A loro, che ringrazio per l'impegno dimostrato, mi rivolgo e chiedo a ciascuno di continuare nell'impegno del rispetto della legalità anche nella vita quotidiana nella convinzione che l'osservanza dell'articolo 53 della nostra Costituzione che dice che “tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva”, prima di essere un obbligo giuridico è un impegno etico nei confronti della comunità, un impegno di cui essere orgogliosi nella consapevolezza di contribuire così al benessere economico e sociale del nostro Paese. L'impegno totale della Guardia di Finanza è racchiuso nel motto “Nec recisa recedit”, espressione di infinita abnegazione e di determinazione nel raggiungere gli obbiettivi. É una visione simbolica del Vostro impegno che condivido pienamente: è un messaggio di Coraggio, Determinazione e Speranza che assume un valore essenziale in un momento così difficile per la nostra Italia. Ed anche per questo dico forte: Grazie, Guardia di Finanza! Grazie ANFI!”.

INTERVIENE, QUINDI, IL COMANDANTE GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA, GEN. C.A.

SAVERIO CAPOLUPO, IL QUALE PRONUNCIA IL SEGUENTE DISCORSO

“Signor Ministro dell'Economia e delle Finanze, Autorità, Signor Presidente dell'Associazione Nazionale Finanzieri d'Italia, gentili ospiti, a voi tutti porgo il saluto riconoscente della Guardia di Finanza, e mio personale, per essere intervenuti al 19° raduno dell'A.N.F.I.. Un sincero ringraziamento a Lei, Signor Ministro: la sua presenza conferisce particolare solennità alla manifestazione. Un sentito grazie alla Città di Chianciano Terme, che ha ospitato questo evento, nonché alla Regione Toscana, alla Provincia di Siena e agli altri Enti locali, per il loro prezioso supporto. Un cordiale benvenuto ai radunisti ed ai loro familiari e amici, giunti da ogni parte d'Italia. Saluto con affetto il nostro Presidente Nazionale, Generale di Corpo d'Armata Giovanni Verdicchio, il quadro dirigente e tutti i componenti dell'Associazione. Oggi tutte le Fiamme Gialle guardano con grande rispetto, interesse e simpatia a questo Raduno, dedicato ai rappresentanti di una parte importante e significativa della storia della Guardia di Finanza. Una storia fatta di pagine memorabili in cui tanti finanzieri, eroi silenziosi della nostra patria, hanno sacrificato se stessi, in nome dei valori più alti, fino all'estremo dono della vita. Ai nostri caduti, invalidi e decorati e alle loro famiglie rivolgo un pensiero commosso e riconoscente perché il loro esempio di abnega28

zione e fedeltà alle istituzioni rappresenta un inestimabile patrimonio morale e spirituale per tutte le Fiamme Gialle. L'Associazione Nazionale Finanzieri d'Italia é custode delle nobili tradizioni del Corpo, sostiene e diffonde i valori sui quali si basa l'istituzione, fornisce sostegno morale e materiale ai propri iscritti, rappresenta un collante insostituibile tra la società e la Guardia di Finanza. Un ruolo frutto di una storia centenaria, nata dalle prime forme di aggregazione e solidarietà tra finanzieri, che raccoglievano l'eredità dei circoli sorti, agli inizi del novecento, a Napoli, Genova e Torino. Le 60 decorazioni alla bandiera e le 29 ricompense individuali saldate sul Medagliere testimoniano, da un lato, la passione e l'attaccamento alla nostra istituzione, dall'altro, l'operosità ed il dinamismo dell'Associazione, cui va l'ammirazione di tutti noi. Il Corpo, in questi anni, ha saputo adeguarsi ad un contesto esterno in continua evoluzione ed affrontare, con successo, le sfide che, di volta in volta, si sono presentate, forte delle energie e degli ideali che i nostri predecessori hanno tramandato. Sono rimasti intatti lo spirito di sacrificio e la fedeltà alle istituzioni che hanno animato le generazioni di fiamme gialle che, idealmente, si sono “date il cambio”. Oggi, a causa anche della perdurante crisi economica, la Guardia di Finanza è destinataria di forti aspettative da parte dell'autorità di governo e dei cittadini. Una responsabilità, questa, connessa alla consapevolezza che il superamento dell'attuale congiuntura recessiva ed il rilancio dell'economia nazionale non possono prescindere da una quotidiana e capillare lotta alla criminalità economica, all'evasione fiscale, agli sperperi di denaro pubblico, alla corruzione, al riciclaggio del denaro sporco. Il convinto assolvimento delle missioni istituzionali demandate al Corpo costituisce la migliore garanzia per la difesa della “sicurezza economica e finanziaria”, requisito imprescindibile per il benessere e la crescita del paese. Oltre allo sforzo teso a coniugare equità e rigore, la Guardia di Finanza è impegnata nella prevenzione e nella promozione della cultura della legalità e del rispetto delle regole. è una missione complessa, che nell'era della comunicazione può essere perseguita con successo solo se il Corpo sarà capace di far comprendere all'opinione pubblica i vantaggi e le opportunità che derivano dall'azione di contrasto ai fenomeni che minacciano la sicurezza economico-finanziaria della


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

XIX

Nazione. La strada da percorrere è ancora lunga! Una strada che richiede elevate professionalità ma, soprattutto, solide fondamenta etiche ed umane: onestà, lealtà, coraggio, fedeltà alle istituzioni sono solo alcuni dei preziosi insegnamenti ricevuti dalle precedenti generazioni e di cui dobbiamo fare tesoro. Carissimi finanzieri in congedo, avete fatto fino in fondo la vostra parte, con entusiasmo e senza lesinare energie! Tocca, ora, a noi – fiamme gialle in servizio – ricevere, idealmente, il testimone e proseguire lungo il sentiero tracciato. Sono certo che, in questa comunione di intenti, la Guardia di Finanza sarà in grado di affrontare e superare le difficili sfide che l'attendono e saprà confermarsi sicuro punto di riferimento per le Istituzioni ed i cittadini. Nel rinnovare il ringraziamento a tutti coloro che hanno partecipato al Raduno e, in particolare, al Signor Ministro dell'Economia e delle Finanze, rivolgo il mio plauso a quanti hanno reso possibile la perfetta riuscita di un evento così significativo. Viva la Città di Chianciano Terme! Viva l'Associazione Nazionale Finanzieri d'Italia! Viva la Guardia di Finanza! Viva l'Italia!”. CONCLUDE

GLI

INTERVENTI

IL

MINISTRO

DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

“Signor Comandante Generale, Signor Sindaco, Autorità, Finanzieri in servizio ed in congedo, gentili ospiti, è con immenso piacere che partecipo al diciannovesimo raduno dell'Associazione

Nazionale Finanzieri d'Italia, che si svolge nella splendida cornice della città di Chianciano Terme. Un particolare saluto porgo al Presidente dell'Associazione Nazionale Finanzieri d'Italia, Generale Giovanni Verdicchio, ed ai radunisti e loro familiari convenuti numerosi da tutto il territorio nazionale. Confesso che non essendo stato coinvolto in precedenza in manifestazioni di questo genere sono sinceramente commosso per lo spirito di partecipazione a questa festa della Guardia di Finanza ed anche il senso dell'affetto nei miei confronti del tutto immeritato dato che poco ho fatto finora, ma che mi ha lasciato sinceramente commosso. Ho inteso essere presente qui oggi tra voi, finanzieri in servizio ed in congedo, che servite e avete servito la Patria in armi, quale segno della mia personale riconoscenza di Ministro dell'Economia e delle Finanze per la diuturna azione che portate avanti a contrasto della criminalità finanziaria, offrendo al Paese un contributo rilevante a tutela dell'economia sana e degli 29

operatori economici onesti. L'intero paese vi deve gratitudine per il prezioso lavoro che svolgete quotidianamente, e per i valori che testimoniate con la vostra attività e che ancora animano quanti hanno con onore prestato servizio nel Corpo. Sappiate che ho ben presente la specificità che caratterizza lo status militare di voi finanzieri e anche delle condizioni di lavoro, dei sacrifici e del rischio cui ogni giorno vi sottoponete per essere efficacemente al servizio della legalità, in particolare quella economico-finanziaria. Immutati sono i valori che costituiscono il patrimonio di un'Istituzione dalla storia plurisecolare che ha, tuttavia, saputo trasformarsi proprio per affrontare le nuove sfide del nostro tempo, delle tecnologie e dei mercati globalizzati, introducendo significative innovazioni nel campo procedurale, organizzativo e strumentale. Grazie a queste riconosciute capacità, la Guardia di Finanza oggi è in grado di contrastare adeguatamente le forme più sofisticate di evasione e di fornire un apporto


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

decisivo agli sforzi di consolidamento delle finanze pubbliche, obiettivo prioritario dell'azione del governo. In una fase storica in cui gli italiani devono affrontare difficoltà quotidiane, l'onere del prelievo deve essere assolutamente distribuito in modo equo. La lotta all'evasione rappresenta, perciò, anche uno strumento di equità sociale oltre che un presupposto fondamentale per l'interesse collettivo, costantemente leso da forme di evasione che esasperano le disuguaglianze a danno dei cittadini onesti e delle imprese che intendono operare in regime di correttezza. Al Corpo della Guardia di Finanza è, dunque, affidato un ruolo fondamentale nella ricostruzione di un rapporto di fiducia tra lo Stato ed i contribuenti, che legittimamente richiedono istituzioni efficienti, vicine ai loro bisogni ed alle loro attese. Le Fiamme Gialle, che restano a distanza di anni dalla cessazione del servizio attivo unite all'istituzione, dimostrano quale sia la forza dei valori che le animano. E' questa forza morale ad alimentare la speranza di un futuro migliore. Di ciò ringrazio tutti Voi, Fiamme Gialle in servizio ed in congedo, unitamente alle Vostre famiglie che vi hanno sempre sostenuto nel vostro difficile servizio, formulando i migliori auguri per le celebrazioni di questo raduno nazionale dell'Associazione Nazionale Finanzieri d'Italia”. Un lunghissimo applauso conclude questa fase della cerimonia, al termine della quale i Reparti si preparano per lo sfilamento in parata. Al termine delle allocuzioni, si procede, quindi, alla premiazione dei primi tre classificati della Mostra di Pittura “Premio A.N.F.I. 2013” , settore A.N.F.I. e militari in servizio ed alla premiazione dei primi classificati al premio letterario sul tema “L'Educazione alla legalità economica”, tra i ragazzi delle Scuole di Chianciano Terme.

30


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

SFILAMENTO IN PARATA

N

el frattempo, il Battaglione di formazione, preceduto dalla Bandiera d'Istituto di Orvieto e dalla Banda Musicale del Corpo, ed i Radunisti in divisa sociale si preparano per lo sfilamento. Apre lo sfilamento la Banda Musicale del Corpo, seguita dalla Bandiera d'Istituto del Centro Addestramento A.T.P.I. di Orvieto e dalle tre Compagnie in armi. Segue il Medagliere dell'Associazione. In esso sono idealmente raccolte le decorazioni che, nell'adempimento del loro dovere, generazioni di Finanzieri, Sottufficiali e Ufficiali del Corpo hanno meritato, in guerra e in pace. L'A.N.F.I. si onora di essere custode di questo esemplare del Medagliere del Corpo e da sempre è impegnata con orgoglio e fierezza a mantenere vivo e vitale tra i propri soci, nel personale in servizio e nella pubblica opinione, il ricordo di tutto ciò che esso ha rappresentato e rappresenta. La manifestazione procede in un clima di vivo entusiasmo e di aperto cameratismo tra Fiamme Gialle in servizio, e quelle in congedo, convenute numerose da tutte le parti d'Italia, nonostante le difficoltà logistiche. Seguono i Gonfaloni: della Regione Toscana, del Comune di Chianciano Terme e dei Comuni dove sono state intitolate Piazze e vie ai Finanzieri che hanno immolato la loro vita alla Patria. Segue il Consiglio Nazionale dell'A.N.F.I.. Sfilano poi, in un unico gruppo, le bandiere delle Sezioni in rappresentanza delle oltre 286 unità periferiche dell'Associazione, dislocate in ogni parte d'Italia (oltre ad una all'estero), simboli unificati di quelle radici comuni alle quali è indispensabile non rinunciare, in un periodo storico – quale l'attuale – che propone e quasi impone prospettive di respiro ultranazionale e globale. L'affetto coreografico è meraviglioso. L'immagine multicolore delle varie divise, esaltata anche dall'inseparabile cappello alpino, portato dagli uomini, e dal meraviglioso foulard giallo-verde dell'Associazione rende ancora più suggestiva la parata. Al passaggio davanti alla Tribuna, tutti ricevono il convinto applauso del Ministro dell'Economia e delle Finanze, del Comandante Generale del Corpo, del 31

XIX


FiammeGialle / Settembre - Ottobre 2013

Presidente Nazionale dell'A.N.F.I., e delle numerose Autorità presenti, degli ospiti e della cittadinanza di Chianciano Terme, che i Radunisti ricorderanno sempre con affetto e rispetto. Al termine della sfilata, una Compagnia rende poi gli onori finali, durante la cerimonia dell’ammaina Bandiera, al Signor Ministro dell'Economia e delle Finanze che lascia il luogo della cerimonia. CosÏ termina il XIX Raduno Nazionale dell'A.N.F.I., che sarà sicuramente ricordato a lungo da tutti coloro che vi hanno partecipato. All'evento sono stati dedicati numerosi servizi nei Telegiornali nazionali e dalla stampa sia nazionale che locale.

32


Foto: Antonio Lecci

ideazione e realizzazione grafica: Claudio Coco

CON IL CONTRIBUTO DI:


09 raduno