Page 1

Verbale incontro Gruppo Marchigiano SIA MERS del 17-01-2014 Il 17.01.2014 dalle ore 18.30 , presso l’Hotel Federico II di Jesi (AN), si riunisce il gruppo marchigiano convocato dal Rappresentante Regionale dr. Andrea Fabiani per E mail . L’incontro , aperto a tutti i soci marchigiani SIA MERS , si ritiene possa essere utile per discutere le criticità specifiche della Regione Marche e prospettare possibili soluzioni. Sono presenti il Coordinatore SIA MERS, Dr. Enrico Caraceni, il rappresentante della Regione Marche, Dr. Andrea Fabiani, e i soci Dr. Marco Cordari (Fermo), Dr. Maurizio Diambrini (Osimo), Dr. Behrouz Azizi (Jesi) . La discussione inizia dalla analisi della realtà Andrologica Marchigiana. La disciplina, come affermato dal Dr. Caraceni, è “negletta” nella Regione. Accanto ad alcuni pochi centri riconosciuti come eccellenze anche a livello nazionale esiste una realtà andrologica diffusa a macchia di leopardo con ampie aree prive del servizio o dove la disciplina è assente o poco e mal rappresentata. In particolare la rete clinica Marchigiana ,di recente approvazione in sede regionale, non prevede affatto una rete andrologica confusa, nella migliore delle ipotesi, con quella urologica o endocrinologica. Non sono previsti centri pubblici di crioconservazione dei gameti maschili, con la Regione Marche caratterizzata da questo “triste” primato nel quadro nazionale insieme alla regione Basilicata. Manca ancora a tutt’oggi una strategia codificata e gestita dalla Regione per la prevenzione andrologica sia negli adolescenti che nello sport. Sarebbe invece utile identificare quali e quante strutture andrologiche di base siano necessarie e dove localizzarle e identificare dei centri dove concentrare le attività di elevata specializzazione ( non tutti possono fare tutto). Attualmente sono presenti due strutture semplici di cui una ad Ancona e un’altra a Fermo e un certo numero imprecisato di ambulatori andrologici e di strutture di alta specializzazione che svolgono attività non bene codificata e non misurabile perchè confusa o sommersa da quella di altre specialità. In altre parole la attività andrologica è effettuata per la buona volontà e la dedizione dei singoli e non per effetto di un programmazione ragionata e pianificata sulla base delle effettive necessità con tutti i rischi che questo comporta ( scarso interesse pubblico per l’Andrologia considerata quasi un lusso o addirittura attività inappropriata e non un diritto dei cittadini , assenza di finanziamenti dedicati, assenza totale di controllo sulla attività svolta con rischio elevato di inappropriatezza delle prestazioni erogate). Al fine di cercare di avere un quadro più chiaro si conviene che sarebbe opportuno eseguire un censimento della attività andrologica marchigiana attraverso un questionario da inviare ai soci e forse anche alle strutture urologiche ospedaliere pubbliche e private così come appare utile un aggiornamento del Roster di Sezione. Le due attività potrebbero essere condotte congiuntamente . Si decide attendere che qualcuno dei soci si renda disponibile per questo. Si propone che il Comitato Direttivo della SIA MERS si faccia promotore di un incontro presso l’Agenzia Regionale della Sanità per avere la possibilità di discutere con i vertici politici sanitari regionali di quello che deve essere il riconoscimento del Diritto alla salute sessuale maschile e la organizzazione delle rete andrologica Marchigiana a tutela di quel diritto. Si passa alla valutazione di quello che dovrà essere il programma possibilmente triennale delle iniziative scientifiche e congressuali regionali, tenendo in considerazione il fatto che i soci della regione Marche hanno potenzialmente diritto alla organizzazione al massimo di un evento MERS ogni anno. Il dr. Caraceni dichiara che ufficiosamente sono state a lui rese note due disponibilità di soci Marchigiani per l’organizzazione di eventi congressuali senza precisazione dei tempi. Si riconosce l’opportunità di una formalizzazione di queste richieste e che sarebbe opportuna già la presentazione di qualche proposta anche per il 2015 ed il successivo 2016 in modo da potersi organizzare per tempo.


Si ribadisce che nei prossimi eventi congressuali MERS debba essere prevista almeno una parte dedicata a quelli che potrebbero essere definiti “requisiti minimi” di refertazione di una visita andrologica o della valutazione di alcune problematiche andrologica specifiche (es. induratio penis, maschio infertile, ecografia andrologica ecc.). Detti requisiti potrebbero essere sviluppati a partire dall’esperienza di un panel di soci della sezione MERS aperti anche al confronto con altre sezioni macroregionale e con altre discipline o società scientifiche . A quest’ultimo riguardo, su richiesta del coordinatore della sezione MERS, la Sieun ha inserito nel prossimo congresso che si terrà a Fermo il prossimo 15-17 maggio ( organizzazione dr. Galosi Andrea) una tavola rotonda sui requisiti minimi ecografici nelle mani dell’andrologo ( il 15 maggio ore 15.20 .) 15.20-16.20

TAVOLA ROTONDA ECOGRAFIA NELLE MANI DELL’ANDROLOGO Moderatori: Enrico Caraceni (Civitanova), Gianni Paulis (Roma), Giorgio Franco (Roma) Induratio Penis: diagnosi e monitoraggio durante e dopo terapia Marco Bitelli (Roma) Requisiti minimi per standardizzazione dei referti: pene Michele Valitutti (Roma) Requisiti minimi per standardizzazione dei referti: scroto Giovanni Liguori (Trieste)

Si decide di chiedere a tutti i Soci marchigiani di proporsi come esperti in determinati settori della Andrologia nei quali gli stessi si sentano preparati ovvero di costituire dei gruppi tematici di lavoro. Questa stessa richiesta verrà avanzata anche ai Soci dell’Emilia Romagna e San Marino e ,se i loro rappresentanti la condivideranno, potrebbe essere estesa a tutta la sezione. Da ultimo, ma non per importanza, si propone l’organizzazione di un “Andrological Peer Exchange” che permetta uno scambio di “tips and tricks” nelle attività diagnostiche e chirurgiche in ambito andrologico. Si tratterebbe di condividere con i colleghi aspetti singoli della attività in cui ciascuno si senta più preparato ( ad esempio ecococlor doppler , ecografia andrologica, interventi chirurgici , prelievo e conservazione gameti maschili …). La filosofia è di condividere insieme esperienze diverse per facilitare lo scambio di informazioni e , attraverso questo, una crescita collettiva. Sul piano pratico è sufficiente che ciascuno fissi una o più date in cui si rende disponibile ad accogliere i colleghi ( giovani e non) , le comunichi al coordinatore e , se possibile, assista i colleghi ospiti nella loro permanenza. Alle 20.30 la riunione si conclude. Il Rappresentante regionale MERS ( Andrea Fabiani) Il Coordinatore MERS ( Enrico Caraceni)

Verbale 17 01 2014  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you