__MAIN_TEXT__

Page 1

D E ul

ia p g r e n e

ni

tor n i d e ita

n.7

- 2010

FESTA DE’ BORG SPETTACOLI E GASTRONOMIA TRA PIAZZETTE E VICOLI MARINAGRANDE DI VISERBA SPORT E MUSICA PER L’INTEGRAZIONE DECRESCIFEST A CESENA LA KERMESSE SUI CONSUMI CONSAPEVOLI IL VICEMINISTRO SAGLIA “POSTI DI LAVORO E RICCHEZZA DAL SETTORE FOTOVOLTAICO” ECOSAPORI SOLIDARIETÀ E TRADIZIONE IN UN LIBRO DI RICETTE

TORNA AMBIENTE FESTIVAL RIMINI SI TINGE DI VERDE In autunno dieci giornate per parlare di ecologia Le anticipazioni dell’assessore Andrea Zanzini


grafica pubblicitaria fotografia editoria video web 速

www.ineditart.com

[

cell. 338 7624953 info@riminimedia.it www.riminimedia.it


ED

l editoriale

torni

a e din

ia pulit

energ

ed- energia pulita e dintorni n.7, settembre - ottobre 2010 direttore responsabile Giuseppe Musilli direttore editoriale Marco Polazzi realizzazione editoriale Riminimedia progetto grafico e impaginazione inèditart - rimini fotografie: Marco Polazzi, Elisabetta Angeli, e autori vari foto di copertina manifesto ambiente festival 2010

stampa digitale Coop. sociale Cento Fiori o.n.l.u.s. - Rimini stampa offset Grafiche MDM - Forlì ed - energia pulita e dintorni bimensile sui temi delle energie rinnovabili, ambiente, ecologia, politiche energetiche e ambientali. Iscritto al Tribunale di Rimini reg. stampa n.18 del 29/09/2009

Edito da Ubisol s.r.l. via dello Stambecco, 6/F 47923 Rimini Stampato su carta riciclata

Questo numero è stato chiuso in redazione il 25 agosto 2010

CONTATTA LA REDAZIONE DI “ED” E INVIA LE TUE SEGNALAZIONI

redazione@edmagazine.it

Arriva il nuovo conto energia “Il futuro è nelle rinnovabili”

F

inalmente i cittadini e le imprese italiane possono guardare al futuro prossimo sapendo cosa succede nel mondo delle energie rinnovabili e del fotovoltaico in particolare. Dopo una lunga attesa, infatti, è stato varato il nuovo conto energia. Le disposizioni entreranno in vigore il primo gennaio 2011 e saranno valide sino a tutto il 2013, regolando gli incentivi al fotovoltaico per gli impianti entrati in attività in quel triennio. In questo numero di ED torniamo a occuparcene per verificare quali siano le scelte strategiche legate agli incentivi statali concessi a chi installa impianti fotovoltaici. Per approfondire l’analisi di questi provvedimenti, abbiamo approfittato dell’appuntamento organizzato dal Meeting di Rimini, che ha incentrato uno dei suoi incontri proprio sulle rinnovabili. In quella sede abbiamo potuto apprezzare le posizioni del viceministro allo Sviluppo Stefano Saglia, uno dei protagonisti del provvedimento che continua ad aiutare economicamente chi passa al fotovoltaico. In particolare, ci è sembrato apprezzabile che anche il mondo della politica abbia compreso che attorno alla green economy, e al fotovoltaico in particolare, sia ormai nato anche in Italia un settore che produce ricchezza e posti di lavoro. Oltre, naturalmente, a dare una grossa mano all’ambiente. A proposito di incontri e appuntamenti, proprio per tener fede alla missione della diffusione di una cultura ambientalista che ci siamo dati sin dalla nostra nascita, con la Ubisol abbiamo deciso di sostenere le più interessanti manifestazioni dei nostri territori. In questa coda dell’estate 2010 saremo presenti con i nostri punti informativi alla Festa del Borgo di Rimini e al Decrescifest di Cesena. Su queste pagine trovate alcuni servizi su questi eventi, nella speranza che anche il nostro magazine possa contribuire, almeno in piccola parte, al successo delle iniziative. Seguono questo percorso anche le anticipazioni su Ambiente Festival 2010, con l’intervista all’assessore all’Ambiente del Comune di Rimini Andrea Zanzini. Tra le iniziative che abbiamo sposato, infine, non va dimenticata quella legata al mondo dei disabili che viene ospitata anche quest’anno, come ormai da tradizione consolidata, a Marinagrande di Viserba. Le eco-rubriche sul cinema e gli altri appuntamenti fissi di ED completano il numero sette del magazine che saluta la bella stagione, rinviando l’appuntamento con i lettori all’autunno. Mentre andiamo in stampa, i nostri amici Francesco Rinaldi e Francesca Pasquini stanno per convolare a nozze. La redazione di ED e tutto lo staff della Ubisol augurano ai due freschi sposi un avvenire luminoso e, naturalmente, solare. Buona lettura. Marco Polazzi direttore commerciale Ubisol

Il costo del ritardo sugli obiettivi di Kyoto L’Italia dal 1° gennaio 2008 ogni giorno accumula diversi euro di debito (17 € al secondo al 30 luglio 2010) per il mancato raggiungimento degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Il contatore nel sito internet del Kyoto Club visualizza in tempo reale la crescita del debito. AL 25 AGOSTO 2010 IL COSTO DEL RITARDO DI KYOTO È DI

€ 1. 4 2 0. 8 79. 5 7 5 3


storia di copertina

Ambiente Festival 2010 punta sulla biodiversità Iniziative a Rimini dal 29 ottobre al 7 novembre Andrea Zanzini: “Manifestazione entrata nel Dna della città”

N

el cuore di Rimini, dal 29 ottobre al 7 novembre 2010, torna Ambiente Festival. Biodiversiamoci, la terza edizione - promossa dall’amministrazione comunale di Rimini in collaborazione con Rimini Fiera e diversi partner privati e istituzionali - sarà incentrata su biodiversità ed energie rinnovabili. Il ricco programma è frutto della partecipazione di decine di realtà del territorio. Le prime anticipazioni sul programma e sull’organizzazione dell’evento le fornisce Andrea Zanzini, assessore all’Ambiente del Comune di Rimini.

in cui toccare con mano le scelte che ognuno di noi può fare per un futuro ecologicamente sostenibile e investire nella formazione dei cittadini di domani”. E quest’anno? “Stiamo registrando un’ulteriore crescita, soprattut-

Assessore Zanzini, ci racconta le “puntate precedenti”? “Ambiente Festival nasce per favorire l’incontro tra la città e il mondo della sostenibilità e per mettere a disposizione della società civile le personalità e le esperienze che costituiscono il fulcro di Ecomondo, fiera di riferimento per le tecnologie verdi. Nel 2008, con l’edizione sperimentale Ecomondo in città, abbiamo sondato la disponibilità di Rimini. La città ha risposto positivamente, dandoci l’energia per rilanciare l’anno dopo con Ecocèntrati, un vero e proprio festival focalizzato sulle tematiche legate all’ambiente, articolato e ricco di proposte,

to qualitativa, delle iniziative e delle realtà coinvolte, grazie alla progettazione partecipata: Ambiente Festival è entrato nel Dna della città. Lavorando un anno dopo l’altro si è creata continuità, e il festival è diventato il luogo dove rendere visibili le molteplici esperienze del territorio, per raccoglierne l’energia e contagiare la cittadinanza con le buone pratiche”. Cosa c’è nell’agenda del festival 2010? “L’Onu ha dichiarato il 2010 anno della Biodiversi-

4


tà, e ce ne occuperemo anche calandoci nella realtà nell’attuazione di piani energetici basati sul fotovoldel nostro territorio, ove son presenti grandi valenze taico, l’eolico, il geotermico e le biomasse”. ambientali come la Valle del Marecchia: per valorizzarla, viverla e difenderla sosteniamo il progetto di un parco naturale del MaDieci giorni di iniziative recchia. Coinvolgeremo i Istruzioni per l’uso cinque sensi, con eventi artistici e percorsi espeDal 29 ottobre al 7 novembre 2010 a Rimini nelrienziali nella natura e in le location di Piazza Cavour, Palazzo del Podestà, città e dando spazio al chiPalazzo dell’Arengo, Museo della Città, Vecchia lometro zero e al biologico Pescheria e Giardini Mimosa Ambiente Festival si in materia di consumi, perarticolerà nei quattro percorsi Ecomondo Educaché la sostenibilità comintion, dedicato all’informazione e alla formazione cia dalle scelte quotidiane. dei cittadini più giovani, Ricicland, progetto di Rimini presto entrerà nel educazione ambientale che coinvolge le scuole primarie e secondarie della provincia di Rimini, circuito delle Città del Bio, installazioni e mostre di artisti come il gruppo Diun’associazione dei comuni namo ed Ecomia, festa dell’economia solidale in che promuovono l’agricoltucollaborazione con le associazioni sul territorio. ra biologica come progetto Le tematiche cardine del programma, Biodiverculturale. sità ed Energie rinnovabili, saranno sviluppate Tra le iniziative legate alle attraverso quattro filoni: mostre e spettacoli, per energie rinnovabili, ci sarà “animare festosamente”, incontri e presentaun incontro sul progetto di zioni, per “ascoltare facilmente”, laboratori ed legge a iniziativa popolare: educational dedicati ai ragazzi e alle scuole, per Sviluppo dell’efficienza ener“apprendere fattivamente”, e voci del territorio. getica e delle fonti rinnovabili Con spettacoli teatrali e happenings artistici, talk per la salvaguardia del clima, show, mostre a tema ri-uso e re-design, convee raccoglieremo le firme per gni nazionali, incontri e dibattiti, presentazione appoggiarne la presentazione di libri, educationals e laboratori per giovani e adulti, boutique etica e spazi dove le aziende soal Parlamento. stenibili, i produttori ecocompatibili, l’associazioNel corso del festival sarà sotnismo per l’ambiente e gli enti locali “virtuosi” toscritta l’Agenzia riminese incontreranno la città. Info: www.ambientefestiper l’energia sostenibile, per val.it - Segreteria organizzativa – Michela Bugli, supportare i Comuni firmatari tel. 0541 780332 – info@ambientefestival.it 5


impresa e dintorni

Ecovisioni

Qualità, ambiente e sicurezza Tris di certificazioni per Ubisol

?Annalisa Angeli

TERRA MADRE

Prima azienda riminese del fotovoltaico a ottenere i riconoscimenti internazionali

Regia: Ermanno Olmi Paese: Italia Produzione: Bim

U

n tris di certificazioni che verificano i processi aziendali della Ubisol e ne attestano l’alta efficacia in tre settori fondamentali: quello della qualità, quello ambientale e, in ultimo, quello della sicurezza. A giugno 2010 sono stati attribuiti ufficialmente all’azienda riminese i certificati ISO 9001.2008, ISO 14001.2004 e, infine, OHSAS 18001.2007. La verifica dei processi dell’azienda è stata effettuata nei mesi scorsi dalla Urs Italia e dalla Yperion Cert. “Si tratta di un traguardo di cui siamo particolarmente orgogliosi - spiega Francesco Rinaldi, amministratore delegato della Ubisol -. I dati relativi alle nostre certificazioni sono ora inseriti in due banche dati internazionali, insieme ad altre aziende selezionate e certificate da organismi riconosciuti a livello mondiale”.

I

l documentario racconta degli ultimi tre convegni di Terra Madre tenuti a Torino. Sono giunte nel capoluogo piemontese persone da ogni angolo del mondo che amano la terra, la coltivano e soprattutto la rispettano. È un documentario di denuncia questo di Olmi, denuncia contro le sopraffazioni del Dio mercato che detta le regole del liberismo più sfrenato. Ma è anche un profondo atto d’amore, che passa dall’elegia sulla vita a contatto della natura, alla rispettosa e quasi invidiosa riflessione sulla vita di un uomo che ha avuto il coraggio di abbandonare la civiltà dei consumi per scegliere di vivere in un modo radicalmente diverso. Singolare l’iniziativa in un’isola del nord Europa di creare una sorta di “Banca dei semi”, che conserva nel ghiaccio le sementi che rischiano di scomparire.

THE COVE La Ubisol è la prima azienda del settore fotovoltaico in provincia di Rimini ad aver ottenuto tutte e tre le certificazioni. Nello specifico, con la sigla ISO 9001 si identifica una serie di normative e linee guida sviluppate dall’organizzazione internazionale per la normazione, che definiscono i requisiti che implementano il sistema di gestione della qualità, al fine di condurre i processi aziendali, migliorare l’efficacia e l’efficienza nella realizzazione del prodotto e nell’erogazione del servizio e, infine, ottenere e incrementare la soddisfazione del cliente. La sigla ISO 14001 identifica uno degli standard internazionali relativi alla gestione ambientale delle organizzazioni, fissando i requisiti del sistema di gestione ambientale. È inoltre importante notare come la certificazione ISO 14001 stia a dimostrare che l’organizzazione certificata ha un sistema di gestione adeguato a tenere sotto controllo gli impatti ambientali delle proprie attività, e ne ricerchi sistematicamente il miglioramento in modo coerente, efficace e soprattutto sostenibile. Infine, la sigla OHSAS - Occupational health and safety assessment series - identifica uno standard internazionale che fissa i requisiti che deve avere un sistema di gestione a tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori.

Regia: Louie Psihoyos Anno:2009 Paese: Usa

T

he cove è stata ribattezzata una laguna sulle coste di Taiji, in Giappone, un luogo paradisiaco dove però accade qualcosa di agghiacciante. Qui, per sei mesi all’anno, da aprile a settembre, si danno appuntamento i cacciatori di cetacei, riuscendo ad accaparrarsi fino a 23mila delfini. Li catturano per portarli in Occidente, molto spesso in vasche o megapiscine per farli esibire. Il problema è che, da quel momento in poi, il bel cetaceo sarà costretto a vivere in una gabbia, in carcere per l’appunto. Una prassi che frutta 2 miliardi di dollari all’anno e che è fortemente sponsorizzata dalla Yakuza, la mafia giapponese. Il film, che ha destato accese polemiche in Giappone, era stato persino ritirato dalle sale perché definito anti-giapponese. Vincitore dell’oscar migliore documentario 2009. 6


impresa e dintorni

I nuovi stili di vita sostenibili si presentano a Villa Silvia

U

Seconda edizione del Decrescifest l’11 e il 12 settembre nel parco di Villa Silvia di Lizzano di Cesena

n mercato biologico dei contadini locali, esposizioni, performance teatrali e musicali, conferenze e dibattiti, laboratori e tanto altro. Un programma davvero ricco quello del Decrescifest: nuovi stili di vita sostenibili, evento che si tiene sabato 11 e domenica 12 settembre 2010 nel Parco di Villa Silvia di Lizzano di Cesena. La manifestazione dedicata alla sostenibilità ambientale è organizzata dal Miz - il Movimento impatto zero, associazione di volontariato onlus - da Viaterrea e dal Gruppo Editoriale Macro, con il patrocinio del Comune di Cesena e la Provincia di Forlì-Cesena. “Nell’edizione 2010 la manifestazione, che si ispira alla filosofia del Movimento per la decrescita felice, affronterà quattro aree tematiche: acqua, bene comune da difendere; terra, stop al consumo del territorio; aria, mobilità sostenibile e riduzione delle emissioni; fuoco, energie rinnovabili, trattamento

rifiuti senza incenerimento - spiegano gli organizzatori -. In programma per l’11 e il 12 settembre ci sono il mercato biologico dei contadini locali, ecoesposizioni, performance teatrali e musicali, conferenze e dibattiti sulle aree tematiche, laboratori ludico-ricreativi con materiale di riciclo per bambini e adulti, laboratori di autoproduzione di birra e sapone, esercizi di democrazia diretta, area benessere con massaggi, yoga, shiatsu, ristorazione con prodotti locali biologici, mercato del baratto, stand delle associazioni, ciclobus e scarpabus, e, infine, l’osservazione delle stelle col gruppo astrofili”. Saranno due le aziende riminesi presenti con i loro stand al Decrescifest: la Ubisol ed Eticredito che sostengono l’evento con una loro sponsorizzazione. L’ingresso al Decrescifest è libero, per informazioni si può contattare il 349 3207788, www.decrescifest.it.

UBISOL

Filo diretto con i clienti

specialisti del sole

Letture a rilento e conguagli in ritardo nicare i dati reali delle letture del vostro contatore nei tempi previsti dalla legge. Il GSE dovrà corrispondere ad ognuno di voi, con valuta 27 agosto 2010, un ulteriore acconto per il 2009, pari a 50 Euro per ogni kW di potenza installata. Il consiglio che vi diamo è quello di controllare il vostro estratto conto e verificare l'accredito di questo acconto.

Se di recente vi è arrivata una comunicazione dal GSE (Gestore servizi energetici) che vi avverte dell'impossibilità di "...procedere al calcolo del conguaglio annuale del contributo in conto scambio spettante per il 2009 a causa della indisponibilità dei dati necessari alla quantificazione per i quali il GSE ha già provveduto ad avviare le relative azioni di sollecito nei confronti di gestori di rete e imprese di vendita...", non preoccupatevi: non perderete nemmeno un euro di quanto vi è dovuto. Ci vorrà solo che abbiate un po' di pazienza: l'Enel non ancora è riuscita a comu7


rimini e dintorni

Storie di emigranti alla Festa de’ Borg

È

Il 4 e 5 settembre torna il tradizionale appuntamento con una delle manifestazioni più amate dai riminesi

una delle manifestazioni di maggior richiamo di Rimini, una festa che in qualche anno è diventata un appuntamento tradizionale, ormai entrato nel cuore di ogni riminese. La Festa del Borgo San Giuliano, o per meglio dire la Festa de’ Borg, si tiene con cadenza biennale a partire dal 1979. Anche per questa diciassettesima edizione, nelle stradine e nelle piazzette di questa storica borgata cittadina si attendono sessantamila visitatori, a caccia di emozio-

strada come pittore impegnato su problematiche di attualità con mostre in tutta Europa, offre alla città di Rimini due opere dedicate all’emigrazione, che diventeranno i manifesti dell’edizione 2010. Durante i due giorni di festa, le piazzette del Borgo San Giuliano, l’antico borgo che sorge al di là dal bimillenario ponte di Tiberio, torneranno a trasformarsi in teatri e palcoscenici. Il tutto completato dai tradizionali stand gastronomici, gli spettacoli musicali, le mostre e gli spettacoli dal vivo. Saba-

ni, spettacoli e buona tavola nei due giorni dell’evento, sabato 4 e domenica 5 settembre 2010. Per quest’anno la festa guarda alla storia del Borgo. In ogni sua edizione, infatti, viene scelto un tema che caratterizza gli eventi e gli allestimenti, e per il 2010 la denominazione stessa dell’iniziativa non lascia spazio a dubbi: Amarborg. Si farà riferimento al fenomeno del movimento migratorio e alle vicende umane di coloro che lasciarono il Borgo e la città di Rimini. E’ dunque su queste vicende che la festa porrà l’accento, dalle storie degli emigranti più noti - Fellini, Zavoli e Giulietti - a quelle meno note di persone comuni. Il titolo rimanda a numerose suggestioni: dal capolavoro felliniano (Amarcord), all’amore per il borgo, al rapporto fra i borghigiani e il mare, alle storie di emigrazioni del passato legate al fenomeno dell’immigrazione del presente. E’ stato suggerito dal pittore albanese Agim Sulaj, adottato da Rimini dal 1994. Dopo essersi fatto

to sera grande spettacolo nell’invaso del Ponte di Tiberio sul tema de “il viaggio”. Gran finale domenica 5 settembre alle 23.30 con il tradizionale concerto per fuochi d’artificio.

8


Brevi locali

Sulla spiaggia di Marinagrande beach volley, musica e solidarietà

Riconoscimento europeo

U

Otto Bandiere Blu per l’Emilia-Romagna

n torneo di beach volley all’insegna della solidarietà. Una spiaggia che diventa un grande parco sportivo, con oltre trecento atleti che si divertono con i bagnanti e gli ospiti di Viserba di Rimini. Sono queste, in estrema sintesi, alcune delle caratteristiche della manifestazione che lo stabilimento balneare Marinagrande di Viserba ospita dal 30 agosto al 4 settembre 2010. Gli ospiti dei centri di salute mentale di tutta Italia convergono a Viserba di Rimini per “eSPORTiamoci:

Buone notizie per lo stato delle coste italiane che continua a migliorare. I criteri per l’assegnazione della bandiera blu tengono conto di diversi parametri, come la qualità delle acque, la qualità della costa, i servizi e le misure di sicurezza, nonché l’attenzione all’educazione ambientale. Ecco le località dell’Emilia-Romagna che hanno ottenuto il riconoscimento per il 2010: Comacchio - Lidi Comacchiesi, Ravenna - Lidi Ravennati, Cervia, Cesenatico, San Mauro Mare, Rimini, Bellaria Igea Marina e Cattolica.

In regione

Fotovoltaico nelle ex discariche Dai rifiuti all’energia pulita. Senza consumo di territorio. E’ stato firmato a Bologna l’accordo promosso dalla Regione per installare impianti fotovoltaici nelle discariche esaurite presenti sul territorio emiliano-romagnolo e che a regime permetterà di aumentare di oltre il 50% l’attuale potenza installata, in linea con gli obiettivi del Piano energetico regionale. Si calcola che potranno essere realizzati 1 milione 214 mila metri quadri di campi fotovoltaici, per una potenza complessiva degli impianti di 56,5 MW.

un percorso per la salute non solo mentale”, “9° Edizione Sport e Musica”, manifestazione organizzata dal Dipartimento della salute mentale Centro di salute mentale Rimini e dall’Anpis, l’associazione nazionale delle polisportive dilettantistiche per l’integrazione sociale, con i patrocini del Comune di Rimini-Assessorato allo sport e della Uisp Regione Emilia-Romagna, in collaborazione con Marinagrande di Viserba. “Spesso le persone che manifestano un disagio si sentono inadeguate, si vergognano - ricordano gli organizzatori -. Partecipare a un’iniziativa comune, allargarne i confini anche ad altre persone, riesce a restituire fiducia e nuove prospettive a chi è svantaggiato”. Un progetto che Ubisol sostiene in nome della responsabilità sociale. Dal 30 agosto al 4 settembre ospiti e turisti potranno divertirsi e integrarsi su due campi da beach volley e tra i tanti i servizi in spiaggia, con le attrezzature di Marinagrande a disposizione per giochi e animazione. Alla sera la festa continua, con concerti e party al Dune cafè (la zona bar dello stabilimento balneare Marinagrande di Viserba), per quattro serate a partire dal 31 agosto. I concerti e i party hanno inizio alle ore 21. Per informazioni ci si può rivolgere alla segreteria organizzativa, Marinagrande di Viserba, in via Dati 19/g a Viserba di Rimini, o scrivere una mail all’indirizzo info@marinagrandediviserba.it.

Installazioni della Geat

L’energia del sole sulle scuole riccionesi

A Riccione lavori alle scuole elementari Annika Brandi e Fontanelle e alle medie di via Jonio, dove sono iniziate le opere d’installazione di tre impianti fotovoltaici. Ognuno dei tre impianti ha una potenza di circa 20 kWp e produrrà, mediamente, 24mila kWh all’anno. Spiega Alessandro Casadei, presidente di Geat, che “si risparmieranno circa 4mila euro annui per ogni sede scolastica”. Inoltre la Geat godrà della tariffa incentivante per una cifra di circa 10mila euro l’anno per ogni scuola. 9


rimini e dintorni

Per costruire il nostro futuro si punta sulle energie rinnovabili Al Meeting di Rimini il viceministro Stefano Saglia ha spiegato le ragioni alla base del terzo conto energia 2011-2013

U

n appuntamento incentrato sulle energie rinnovabili, con un faccia a faccia tra quanti puntano sull’affare del nucleare, chiedendo quindi di togliere incentivi al fotovoltaico, e chi invece viaggia sulla locomotiva della green economy.

mia dei servizi e delle reti al Politecnico di Milano. Com’era prevedibile, l’iniziativa sull’energia si è trasformata, neanche tanto velatamente, in un dibattito che ha contrapposto i fautori del nucleare a chi immagina scenari diversi per il nostro futuro. “L’appuntamento del 2020 è essenziale – ha esor-

L’incontro “Con quali energie costruire il futuro?” ha animato il pomeriggio di lunedì 23 agosto al Meeting di Rimini. Nella sala Neri, di fronte a una numerosa platea, sul tavolo dei relatori sono saliti alcuni dei protagonisti italiani del settore dell’eregia: Fulvio Conti, amministratore delegato e direttore generale Enel, Federico Golla, amministratore delegato Siemens Italia, Stefano Saglia, sottosegretario di Stato allo Sviluppo economico, Paolo Togni, presidente associazione Viva, e, infine, Giuliano Zuccoli, presidente del consiglio di gestione di A2A. A moderare gli interventi Paola Garrone, docente di Econo-

dito il sottosegretario Stefano Saglia -, dobbiamo lavorare per attenerci agli obiettivi europei per quel che riguarda l’abbattimento dei consumi e l’impiego di energie rinnovabili. Al momento è incontrovertibile che le fonti rinnovabili diano un contributo scarso al fabbisogno energetico, ma non è questo il punto, bisogna continuare a sviluppare le nuove tecnologie. Energia, ambiente e industria devono essere i tre fattori che il mondo della politica deve tener presenti nell’operare le sue scelte. Rispetto alle rinnovabili, le risposte che arrivano sono positive, 10


l’impianto del mese Grazie al sole di Punta Marina energia pulita per casa Ercolani Ha voluto sposare l’energia pulita e i risparmi che derivano dal fotovoltaico a 77 anni suonati. E così, contatta la Ubisol, il ravennate Naglio Ercolani si è fatto installare sul tetto della rimessa contigua alla sua abitazione un impianto fotovoltaico da 2.86 kWp, seguendo con passione tutte le fasi della realizzazione,

con vantaggi per ambiente, industria ed energia”. Il sottosegretario, a questo punto, ha fatto riferimento al documento approvato dalla Conferenza Stato-Regioni dello scorso 8 luglio, uno schema di decreto varato dal ministero dello Sviluppo (di cui Saglia è sottosegretario con delega all’Energia) che ha rinnovato gli incentivi per i cittadini e le imprese che si doteranno di impianti fotovoltaici anche per il triennio 2011-2013: “Noi in Italia abbiamo deciso di fare una cosa che non piacerà a tutti: i contributi al solare non verranno ridotti in maniera drastica come è successo in altri Paesi europei. Il conto energia, alla sua terza fase, fornirà incentivi anche nel triennio 2011-2013. Oltre ai benefici per l’ambiente e per i cittadini e le imprese che si dotano di pannelli fotovoltaici, va considerato che c’è tutto un nuovo e dinamico comparto imprenditoriale che è nato in Italia attorno a queste tecnologie”. “L’appuntamento storico che abbiamo davanti – ha continuato Saglia – è quello che abbiamo da qui al 5 dicembre con il recepimento della terza direttiva europea sulle fonti rinnovabili. Abbiamo dettato le linee delle autorizzazioni agli impianti per le rinnovabili che siano valide dalle Alpi alla Sicilia, fornendo finalmente un quadro omogeneo al settore. I decreti attuativi dovranno essere varati entro l’inizio di dicembre”. Insomma, aiutare il solare significa dare una mano all’ambiente e spingere l’occupazione, con buona pace delle grandi lobby che, anche dal palco del Meeting, hanno cercato di spingere l’energia nucleare, con le nuove centrali che, come ha spiegato Paolo Togni dell’associazione Viva, “non potranno mai nascere in Italia a causa dell’incapacità amministrativa che blocca il nostro Paese”.

a partire dal primo sopralluogo per finire all’attivazione del sistema. Ricorda Naglio Ercolani: “Ho il pallino dell’energia pulita, penso che sia una soluzione per il nostro futuro e per la salvaguardia dell’ambiente. Inoltre non è uno spreco di denaro, anzi col tempo ci si guadagna. Per il mio impianto avevo cercato una ditta specializzata anche nella zona del ravennate, ma poi ho trovato le risposte giuste a Rimini”. “Sono due anni che ho attivato l’impianto - puntualizza il ravennate -, vedo che mi mandano regolarmente i contributi e sono contento. Ho già incassato 2500 euro, cui vanno aggiunti i 4 o 500 euro di risparmio annuo per le bollette della luce che non pago più. Molti preferiscono tenere i soldi i banca, sarebbe meglio invece investirli. Mi fa piacere vedere anche qui a Punta Marina che ci sono altri che stanno realizzando degli impianti. E’ un bene per loro e per l’ambiente”. 11


europa e dintorni

Dalle rinnovabili un aiuto contro il caos climatico

L

’estate 2010 passerà agli annali per il super monsone in Asia e la raffica di piogge che ha sconvolto l’Europa. Fino a qualche tempo fa eravamo abituati a parlare di episodi eccezionali, ora gli stessi meteorologi sono costretti a rinnovare il loro vocabolario, a caccia di definizioni adatte ai nuovi fenomeni climatici. Che “le stagioni non siano più quelle di una volta” ce ne siamo accorti tutti, il problema è che non ci sono contromisure per la crescita della temperatura. In particolare mancano i piani operativi per il rilancio dell’efficienza energetica e delle fonti rinnovabili, aspetti su cui non è stato trovato un accordo al vertice Onu di Copenaghen dello scorso dicembre. In un’intervista a Repubblica, Giampiero Maracchi - responsabile dell’Ibimet, l’istituto di biometeorologia del Cnr di Firenze - dipinge un quadro niente affatto rassicurante: “I termini che fino a ieri usavamo per descrivere le piogge eccezionali che colpivano l’Europa non danno più l’idea di quello che succede realmente oggi. A molti l’uso del termine monsone in uno scenario europeo sembrerà improprio, ma quello che sta accadendo ha caratteristiche simili alla dinamica dei monsoni. Negli ultimi 15 anni ci sono stati tre episodi alluvionali sull’Eu-

?Marco Polazzi

L’estate 2010 contrassegnata in tutto il mondo da super monsoni e ondate record di caldo ropa centrale come quello che si è vissuto ad agosto 2010. E’ un fenomeno recente, collegato all’anomalia termica su scala globale”. Alluvioni e siccità, come aveva previsto l’Ipcc, la task force dei climatologi dell’Onu, convivono e

traggono forza dalla stessa radice: la caldaia del pianeta, alimentata dall’anidride carbonica emessa dalle ciminiere e dalle foreste tagliate, fa salire la pressione spostando i confini del caldo, spingendo il deserto verso l’Europa. “L’energia in gioco cresce sempre più velocemente perché i gas serra sono una coperta termica che trattiene il calore - continua Maracchi -. Questo calore viene assorbito dal mare e scambiato con l’atmosfera: in questo 2010 le acque del Mediterraneo hanno viaggiato su valori 6 gradi sopra la media. In Italia fino agli anni Novanta avevamo un’intensità di piogge che arrivava a 40 millimetri nell’arco di due o tre ore. Oggi siamo a 80 - 100 millimetri, con punte sempre più frequen12

ti che superano i 250 millimetri: una cascata d’acqua che basta niente a trasformare in alluvione”. Se il vertice di Copenaghen di dicembre 2009 non ha partorito decisioni importanti, fino a ieri anche le quotazioni della prossima conferenza sul clima, quella di Cancun, erano basse perché l’intesa politica non si profila. Ma gli avvenimenti dell’estate 2010 - il muro di acqua che ha affondato l’Europa centrale, i 15 milioni di sfollati in Pakistan e il fuoco che ha assediato le centrali nucleari in Russia - rendono difficile continuare a ignorare l’urgenza della battaglia contro il caos climatico.

Pannelli fotovoltaici

Apre a Catania la più grande fabbrica d’Italia Parte finalmente la più grande fabbrica italiana di pannelli fotovoltaici, in quel di Catania, frutto della jointventure Enel Green Power, Sharp ed STMicroelectronics, che hanno finalizzato ad inizio agosto 2010 un accordo di project financing per 150 milioni di euro destinati allo sviluppo del progetto. Lo stabilimento di Catania è destinato a produrre in modo integrato celle e moduli innovativi. La capacità produttiva iniziale di pannelli, prevista dal secondo semestre 2011, sarà pari a 160 MW all’anno, ma si prevede che la produzione possa essere incrementata fino a 480 MW all’anno.


Il risparmio energetico sotto una nuova luce

P

L’Europa dà l’addio alle vecchie lampadine Ecco i passaggi verso la nuova tecnologia

otrebbe sembrare un settore di poco conto, ma il dubbio va subito fugato: l’illuminazione rappresenta circa il 14% del consumo di elettricità dell’Unione Europea, il 19-20% nel mondo. Il passaggio definitivo alle lampade a risparmio energetico significherà, quando sarà completato, un consumo di 156 milioni di barili di petrolio in meno ogni anno. La solita lampadina, quella a incandescenza da 100 Watt, non c’è più da un pezzo, messa al bando in tutta Europa dal primo di settembre del 2009. È stata la prima e più popolare “vittima” del programma dell’Unione Europea per la riduzione dei consumi di elettricità, ma nell’arco di un paio di anni spariranno progressivamente tutte le lampadine a incandescenza, alogene comprese. Vengono sostituite con le energy saving, ossia le lampadine a risparmio di energia, e in particolare le Cfl (fluorescenti compatte), che si

riconoscono facilmente dalla forma (spirali o serpentine). Spiegano gli esperti di Focus: “Questa tecnologia permette di ottenere risparmi

sui consumi fino all’80% per ogni singolo punto luce... E meno male, perché le nuove lampadine sono molto care: costano almeno quattro volte più di quelle tradizionali. Ma durano anche molto di più, 8-10 anni (o più), anziché uno, perciò si ripagano abbastanza rapidamente”. Focus scandaglia anche un altro

aspetto delle Cfl e dispensa qualche consiglio: “Stiamo attraversando un periodo di transizione. Sarà capitato a molti di acquistare una Cfl che poi, accesa, ha dato l’idea di essere un lumicino anziché una lampadina. Un po’ è certamente dipeso dall’abitudine ad avere subito l’illuminazione giusta, mentre le Cfl - quelle di migliore qualità - hanno bisogno di 60-90 secondi prima di dare il massimo. Ma un po’ è dipeso anche dal fatto che sugli scaffali si sono trovati modelli e marchi d’ogni tipo, alcuni di pessima qualità, senza differenze di prezzo significative che aiutassero a riconoscere gli uni dagli altri”. Alcuni problemi sono derivati dal fatto che l’etichettatura sulle confezioni non è stata regolamentata fin da subito. Ma anche questo nodo si va sciogliendo: da settembre 2010 tutte le etichette dovranno essere “a norma di legge”. ?m.p.

Pubblicata la road map europea

Le decisioni della Energy Solutions

E’ ormai realtà lo sfruttamento della forza del mare per produrre energia. La Road map europea dell’Energia oceanica 2010-2050 traccia il quadro della situazione del settore. Secondo le proiezioni della studio, politiche adeguate di sostegno potrebbero portare a un'impennata nella produzione di energia marina dal 2020 al 2050. La potenzialità è di passare da 3,6 GW, previsti nel 2020, a 188 GW nel 2050. Un tale sviluppo permetterà di soddisfare il 15% del consumo energetico europeo, pari a un valore di 15 miliardi di euro l’anno. Dallo studio non risulta essere prevista alcuna produzione di energia marina nel nostro paese.

No alle scorie nucleari italiane nello Utah. Energy Solutions, azienda di Salt Lake City, ha rinunciato al programma di smaltimento delle scorie italiane nello Utah e ha comunicato che potrebbe dirottarle verso un centro di smaltimento in Italia. Peccato che, a un quarto di secolo dalla fine del nucleare italiano, non ne abbiamo ancora istituito uno e non siamo ancora riusciti a smaltire nemmeno lo scorie di allora. L’azienda dello Utah aveva provato a importare 20.000 tonnellate di rifiuti radioattivi italiani, ma il progetto ha però incontrato la ferma opposizione dei repubblicani dello Utah.

Dal mare il 15% di energia entro i prossimi 40 anni

13

Dallo Utah un secco no alle scorie nucleari italiane


web e dintorni Progetto Land of Giants in Islanda

Progettata la 10MW Tower

Chi l’ha detto che i piloni della luce devono essere per forza brutti? Uomini giganti alti trenta metri porteranno la luce nelle case islandesi: Jin Choi e Thomas Shine, dello studio Choi + Shine del Massachusetts, negli Usa, hanno accettato la sfida della società islandese Landsnet e rivisto in chiave artistica i tralicci della luce. www.choishine.com

A Dubai è in arrivo il grattacielo a zero emissioni. Lo studio americano Studied Impact l’ha battezzato 10MW Tower, nome derivato dalla capacità di produzione dell’impianto, circa 10 MW, che verranno generati sfruttando tre diversi sistemi: una turbina eolica da 5 MW, un sistema solare a concentrazione da 3 MW e un impianto termodinamico da 2 MW. www.studiedimpact.com

A Dubai è in arrivo il grattacielo a zero emissioni

I tralicci per la luce rivisti in chiave artistica

Indietro le italiane

Nella classifica delle Eco Città 2010 primeggiano le capitali scandinave

Nella classifica sulle eco città elaborata da Mercer per il 2010 primeggiano le capitali scandinave. Se a livello mondiale Calgary, Honolulu e Ottawa si piazzano sul podio, Helsinki affianca la capitale canadese al terzo posto, seguita da Copenaghen (8) e Oslo a pari merito con Stoccolma (9). Nella classifica, Milano è al 41° posto e Roma al 54esimo. L’indagine sulla qualità della vita di Mercer, condotta su 221 città in tutto il mondo, analizza le condizioni di vita in 39 fattori. Nella classifica sulle città più sostenibili si è dato maggiore risalto a criteri ecologici, come la qualità dell’acqua pubblica e dell’aria o la presenza di parchi urbani. www.mercer.it

Prodotte a Hong Kong

Edilizia alternativa

La società Nokero, di Hong Kong, ha annunciato di aver prodotto una lampadina che funziona a energia solare. Le dimensioni sono le stesse di una lampadina standard a incandescenza, ma all’interno contiene cinque Led e fuori quattro piccoli pannelli solari, per alimentare una batteria che è ricaricabile. www.nokero.com

Un’edilizia alternativa, che utilizzi le balle di paglia come materiale principale nella costruzione delle abitazioni. E’ per sostenere questa nuova cultura che in Italia è nata l’Associazione nazionale Edilpaglia. Scopo principale è sostenere l’affermazione di stili di vita sostenibili, in armonia con l’ambiente. www.edilpaglia.it

Una casa di paglia in armonia con l’ambiente

Arrivano le lampadine a energia solare

14


Ecosapori

Votata da internauti e giornalisti

L’auto più virtuosa è alimentata a gasolio

A cura di Marcello Ceccarelli scaramaz.blogspot.com

Nonostante sia alimentata a gasolio, si è imposta come l’auto più virtuosa dell’anno 2009 grazie ai voti dei visitatori e dei giornalisti specializzati del sito TheGreenCarWebsite. co.uk. La Volvo C30 sports coupè utilizza un motore diesel 1.6 CC e, in versione Start&Stop, emette appena 99 g/Km di CO2. Inoltre consuma appena 3,8 litri per 100 Km. www.thegreencarwebsite.co.uk

Le 60 ricette meticcie di “Piadina e cous cous” “Cos’è questo, un libro di ricette etniche?” “No signora…” “Come no, ci sono il cous cous, le spezie, il riso basmati, il cacao…” “No guardi glielo dico io, è un libro di ricette tipiche, ho trovato la salsiccia, il farro, gli strozzapreti…” “No signora non è neanche un libro di ricette tradizionali romagnole…” “E allora cos’è che ci vuole vendere?” “Si tratta di un libro di ricette meticcie…”. Già mi immagino l’addetto alle vendite di uno stand in fiera oppure il libraio che si troverà ad esporre questo volumetto. Ebbene sì, in questo libro, intitolato per l’appunto “Piadina e cous cous” troverete ricette meticcie, ibridate, una miscellanea di culture, ingredienti, sapori e saperi, la salsiccia che si unisce al cous cous, la quinoa che si “infila” nella frittata, il fagiolo equo che condisce lo strozzaprete romagnolo. Ingredienti solidali e ricette romagnole, ma il concetto rimarrebbe lo stesso se al pecorino bio di Montefiore si sostituisce un formaggio a latte crudo di malga, l’idea di fondo non cambierebbe, e cioè cercare di unire due prodotti in via d’estinzione, relegati nell’immaginario a una piccola cerchia di gastronomi e di idealisti. Invece i numeri sconfessano questo luogo comune, l’equo entra sempre più nelle case della gente, le famiglie prendono la macchina e vanno a comprare la carne direttamente dal produttore, la gente si riunisce in gruppi d’acquisto e nel “paniere” ci mettono le banane eque e le farine prodotte nella riserva protetta di Onferno… Le ricette sono state raccolte chiacchierando con i cuochi e i tanti volontari che “gravitavano” intorno all’Osteria Harissa, che ha sempre cercato di offrire una cucina capace di coniugare il locale con il globale, il tipico con l’equo. Non è una cucina difficile, è la cucina di tutti i giorni, quella che si fa quando si apre la dispensa e si improvvisa, mescolando i sapori e gli ingredienti che si hanno a disposizione. Perciò datevi da fare, provate una delle 60 ricette raccolte in questo libro, ma soprattutto divertitevi voi a mischiare e a provarne di nuove, scegliendo tra i tanti prodotti equi e quelli che invece offrono le campagne e le colline vicino a voi. Dove potete comprarlo? Da Mirco alla libreria Riminese, da Andrea alla libreria Indipendentemente, ma anche dai nostri amici produttori, a Vecciano, alla Valle delle Lepri… oppure scrivendoci una mail a scaramaz@gmail.com

Dalla Spagna

Materiali e tinte naturali per le scarpe eco-friendly Essere un naturalista significa avere rispetto per tutto ciò che è naturale, a partire da ciò che si decide di indossare. Gli spagnoli di El Naturalista hanno puntato sulla produzione di scarpe prodotte con processi eco-friendly, utilizzando materiali e tinte naturali e che siano biodegradabili e riciclabili. www.elnaturalista.com

Con pannelli solari

Una tendina veneziana per l’eco condizionatore Arriva dalla Corea Blind Air Conditioner, un sistema ad aria condizionata completamente a impatto e costo zero. Blind AC, infatti si presenta come una speciale tendina veneziana che integra dei pannelli solari che durante il giorno raccolgono e conservano l’energia per alimentare il sistema di condizionamento. www.yankodesign.com

“Piadina e cous cous” a cura di M. Ceccarelli, ed. Panozzo, € 6,00 15


SUN PROFESSIONAL PARTNERS

DAVANTI A TUTTI, PER COSTRUIRE L’ENERGIA DEL FUTURO. Dal 1999 VP SOLAR garantisce forniture e consulenza altamente qualificata per la realizzazione di impianti fotovoltaici con i migliori prodotti del mercato internazionale. Siamo tuoi partners nello sviluppo di impianti fotovoltaici ad alta resa energetica in tutta Europa.

Vieni Veron a

a trov

SOLA

arci a

l

REXP

O

dal 5 al 7 m aggio Pad. 4 . Stand B 6.2

w w w . v p s o l a r . c o m

Profile for Andrea Zanzini

ED - Energia pulita e dintorni (Ubisol srl)  

ed- energia pulita e dintorni n.7, settembre - ottobre 2010 bimensile sui temi delle energie rinnovabili,ambiente, ecologia, politiche ener...

ED - Energia pulita e dintorni (Ubisol srl)  

ed- energia pulita e dintorni n.7, settembre - ottobre 2010 bimensile sui temi delle energie rinnovabili,ambiente, ecologia, politiche ener...

Advertisement