Page 1

notiziario n.6 - marzo 2012 Il tetto fotovoltaico non degrada l’ambiente! Nel territorio del Comune di Sirmione al 5 febbraio 2012 risultano attivati 20 impianti fotovoltaici per la produzione di energia elettrica, un numero particolarmente esiguo rispetto alla potenzialità dell’area. Una delle cause di questo basso sviluppo del fotovoltaico nel nostro comune è la solerzia con cui la Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici per la provincia di Brescia applica il proprio severo controllo dando parere negativo all’autorizzazione per l’installazione di detti impianti. Troppo spesso la Soprintendenza giudica la presenza di pannelli fotovoltaici sui tetti delle abitazioni come un degrado della qualità dell’ambiente circostante, citando cause a volte veramente strampalate come il colore blu dei pannelli che, a suo insindacabile giudizio, è fattore discordante con l’architettura del luogo uniformata ai tetti a coppi o tegole di color rosso mattone. Pareri negativi incomprensibili considerando il fatto che si tratta di edifici residenziali di costruzione recente ubicati nelle aree periferiche di Colombare e Lugana e non di edifici che hanno una valenza architettonica e/o storica in aree ben definite e delimitate come il centro storico. Ma, per esempio, la distesa di antenne televisive di tutte le forme ed altezze di cui sono pieni i centri storici italiani non altera pure la qualità dell’ambiente? La stessa Soprintendenza invece non ha nulla da obiettare sulle autorizzazioni alle urbanizzazioni intensive

seguici su

come quella di San Vito, di Punta Gro, della Brema, la realizzazione di parcheggi ecc. I pannelli blu collocati su un tetto, praticamente invisibili a livello di marciapiede, danneggiano la qualità dell’ambiente mentre una seconda casa o un albergo al posto di un parco sono i benvenuti. A questi giudizi negativi delle Soprintendenze ha dato una bella sferzata il TAR del Veneto lo scorso 25 gennaio 2012 con la sentenza numero 48 che ha accolto il ricorso dei proprietari di una villetta monofamiliare situata in area sottoposta a vincolo paesaggistico, come lo sono i comuni benacensi, annullando il parere negativo della Soprintendenza e ritenendo tale parere “viziato da travisamento e difetto di motivazione”. Dal 25 gennaio 2012, grazie a questi risoluti e fortemente motivati cittadini desiderosi di installare un impianto fotovoltaico integrato nel tetto di casa, il fotovoltaico su tetto in aree vincolate non costituisce degrado per l’ambiente circostante. Questa importante sentenza deve essere diffusa nei comuni del lago e spero riattivi tutti i cittadini che hanno visto negato il loro progetto di tetto fotovoltaico. dal blog vitofranzoni.blogspot.com, 7 Febbraio 2012

WILDE e la tassa di Soggiorno, la Lega ancora isolata cosa intende fare? Nell’ultimo Consiglio comunale si è ripetuta una scena già vista: il Vice-Sindaco Leghista lamenta di non essere ascoltato. Lo fece in passato sul tema della nuova rotatoria a Colombare e torna a farlo sul tema della tassa di soggiorno. Ecco le dichiarazioni di Wilde nell’ultimo consiglio (22 dicembre 2011): “Volevo chiarire una cosa rispetto alla tassa di soggiorno perché in sede di Giunta avevamo detto di soprassedere un momentino per la decisione dato che come Lega noi siamo del parere di applicarla”, il Vice Sindaco chiede poi che venga portata in Consiglio Comunale “per vedere quali sono le motivazioni, siccome le motivazioni discusse e portate in Giunta mi sembrano molto molto semplificative irrisorie e non politiche ma soprattutto lobbistiche

www.pdsirmione.it

la Lega non ci sta a non discutere su questo problema, quindi vorrei sapere dall’Assessore Signori se è come abbiamo detto che ne riparliamo nei prossimi consigli comunali circa questa applicazione altrimenti io presento una risoluzione una mozione in consiglio comunale circa l’approvazione di questa sulla tassa di soggiorno ed eventualmente me ne esco anche dalla maggioranza perché la situazione mi sembra difficile, perché andiamo a finire di avere già 2 milioni in meno per poter far fronte al bilancio perché l’ha appena evidenziato l’Assessore, non facciamo più interventi pubblici dei livelli che si dovevano fare, io sono due anni e mezzo che continuo a spingere per poter fare i parcheggi alla Bagnera, di vedere di fare altre cose e non so ancora come stanno andando le cose, se le facciamo o non le facciamo, costano care o non costano care. Abbiamo incominciato a parlare di scuole, prima non si facevano poi si facevano, costavano 6 milioni, poi adesso potrebbero costare 8, sono 16 milioni che in vent’anno diventano 800.000 euro tra capitale e interessi quindi anche quello abbiamo capito che non andiamo … non ce ne veniamo più fuori.” …e qui il Sindaco, che più volte interrompe la minoranza sulle cifre, non apre bocca. Rimango perplesso rispetto queste dichiarazioni e mi viene da pensare che di fatto non ci sia un Vice-Sindaco a Sirmione, visto che dichiara di non sapere come vanno le cose su due progetti importanti per l’Amministrazione. Continua poi l’ex-senatore del Carroccio: “qui sto parlando chiaro con la maggioranza, di cui io per il momento faccio parte, di dove andiamo cosa abbiamo intenzione di fare da maggiorenni perché sono passati ben 2 anni e mezzo e siamo ancora qua a capire se la Bagnera si fa o non si fa, la Bagnera non si fa comunque perché non è mai stato … diciamo si è messa dentro nel programma ma però era tanto per riempire il programma per quello che ho capito.” Wilde torna a ribadire la sua importanza nell’attuale maggioranza:“Siccome io come Lega sono una parte minima e non conto niente, contavo solo quando segue dietro -->


dovevo portare i voti, insomma mi sembra chiaro che incominci anche io, prima ho giocato a lasciare andare avanti le cose come ………. già il Senatore è quello che è, non vale niente, non sa fare questo, non sa fare l’altro, e adesso stiamo arrivando al punto di incominciare a mettere giù le mani e di dire di fare dei chiarimenti importanti perché veramente altrimenti abbiamo perso due anni e mezzo…” Trovo queste dichiarazioni molto pesanti, 1/3 della lista che ha sostenuto Mattinzoli (c’era PDL+Lega+VivereSirmione nel simbolo)afferma di non contare nulla, continuare a battere i pugni sul tavolo a poco serve, se tutto ciò è vero Wilde faccia ciò che è da fare. Se non ritiene di avere rispetto e fiducia dai suoi colleghi di maggioranza, l’unica via sono le dimissioni, diversamente significa che condivide il percorso dell’attuale Maggioranza e ne sarà corresponsabile di fronte ai suoi elettori. Forse è ora di una verifica? dal blog andreavolpi.blogspot.com, 18 Febbraio 2012

Raccolta differenziata dei rifiuti a Sirmione Il 16 febbraio il quotidiano Bresciaoggi ha pubblicato un breve articolo che riassume i risultati del primo anno di raccolta differenziata a Sirmione, risultati che appaiono molto buoni visto che l’azienda Sirmione Servizi dichiara di aver raggiunto il 52,4% di differenziata contro il 39,94% di un anno fa ed un incasso, grazie alla differenziata, di 100.000 euro. Tale risultato appare ancora più buono se si confronta, per esempio, con quello comunicato dall’analoga azienda di Peschiera che dichiara il 58,53% (dal notiziario comunale ‘Peschiera informa’ di Febbraio 2012) , ma che ha attivato la raccolta differenziata su tutto il territorio da più anni mentre a Sirmione la raccolta differenziata è stata estesa a tutto il territorio comunale da meno di un anno. La direttiva europea 2008/98/CE, che regolamenta la disciplina dei rifiuti recepita a fine 2010 dal governo Berlusconi, fissa un obiettivo di raccolta del 50% in

peso entro il 2020 per i rifiuti di origine domestica preparati per il riciclaggio e riutilizzo. A prima vista sembra che l’obiettivo sia stato già raggiunto con ben 9 anni di anticipo. C’è però un dubbio che sorge dall’informazione fornita: l’obiettivo del 50% specificato dalla normativa è riferito alla quota di rifiuti preparati per il riutilizzo e riciclaggio, ovvero rifiuti selezionati per tipologia e perciò di una certa omogeneità. Infatti il contenuto delle ‘campane’, come chiunque può constatare facilmente, spesso presenta rifiuti discordanti rispetto alla destinazione a cui sono dedicate per disattenzione o negligenza di qualcuno. Quindi il valore indicato dalla Sirmione Servizi si riferisce al grezzo (il peso del materiale scaricato dai contenitori) o al selezionato e pronto per il riciclaggio? Per quanto riguarda la frazione organica dei rifiuti, nell’articolo si dichiara un +30% di vegetale ed un +19,1% di umido rispetto al 2010. La direttiva europea 1999/31/CE ha fissato un tetto di 115Kg per abitante all’anno di rifiuti biodegradabili smaltiti in discarica entro il 2011, qual è quindi il quantitativo stimato dalla Sirmione Servizi che finisce in discarica per ogni abitante del comune di Sirmione? Presentare delle percentuali non dice nulla. Sono andato a verificare sul sito dell’azienda, ma di dati sui rifiuti raccolti e gestiti in un anno non ve ne sono, a dire il vero non vi sono dati su nessuna delle attività di servizio dell’azienda, infatti nell’area ‘Comunicazioni’ divisa in ben 6 categorie di servizi compare la seguente ed unica frase in caratteri di formato ridotto ‘Non ci sono news disponibili’ (perché l’inglese ‘news’ invece dell’italiano ‘notizie’?). Informare i cittadini sul lavoro svolto per i vari servizi, in particolare sui rifiuti e raccolta differenziata, sull’acquedotto e sull’illuminazione pubblica mi sembrerebbe doveroso visto che l’azienda è pubblica ovvero è dei Sirmionesi attraverso la partecipazione del Comune di Sirmione ed i cittadini avrebbero diritto di sapere come sono spesi i loro soldi verificando con i dati la produttività economica dei servizi offerti. Tornando al tema dell’articolo sulla

raccolta differenziata, mi piacerebbe sapere se l’azienda ha in pianificazione la politica di gestione dei rifiuti organizzata secondo l’orientamento della normativa europea dei rifiuti che indica come principio base per il modello europeo quello che chi più scarta nell’indefferenziato più paga mentre chi più differenzia più risparmia sulle bollette, principio che spingerebbe i cittadini a disciplinarsi per poter risparmiare. Per arrivare a questo si deve passare alla raccolta porta a porta dell’indifferenziato e dell’umido conteggiando il peso del rifiuto prodotto in un anno per famiglia e si dovrebbe promuovere la diffusione del compostaggio domestico dei rifiuti organici. Purtroppo però, fino ad ora, raccolta porta a porta e compostaggio non sono attuati e sponsorizzati dall’amministrazione comunale attuale. dal blog vitofranzoni.blogspot.com, 18 Febbraio 2012

Fondazione Tovini, un aiuto concreto in tempi di crisi La Fondazione Tovini è attiva nell’aiuto delle persone e famiglie in difficoltà temporanee, fornendo supporto e garanzie per ottenere finanziamenti a tasso agevolato presso una serie di istituti di credito convenzionati. Se sei interessata/o chiama il n. 045.92.76.213 per fissare un appuntamento con un volontario della Fondazione. dal blog andreavolpi.blogspot.com, 26 Gennaio 2012

E’ aperto il tesseramento al circolo di Sirmione! ti aspettiamo tutti i venerdì dalle 14 alle 15 nella sede di via Einaudi 22 (sotto il bar Zobia) il Circolo PD Sirmione: mail: pdsirmione@gmail.com tel: 030 9906112 Coordinamento 2012: Andrea Volpi, Saverio Barbieri, Nicola Sinigaglia, Vito Franzoni, Orlando Pegolotti, Adalgisa Lamari, Bruna Ruzzenenti, Giusy Zardini; rete di coordinamento zonale: www.pdgarda.it

Aut. tribunale di Brescia n.5/1992 del 28/1/1992 anno 19 n.3; redazione: via A.Gramsci 53, 25015 Desenzano del Garda (BS), tel 0309911132; direttore resp.: Dante Di Carlo; supplemento a cura di: Andrea Volpi; stampa in proprio

PD Sirmione - Notiziario Marzo 2012  

PD Sirmione - Notiziario Marzo 2012

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you