Page 1

An d re a B e n e tti

Collezione permanente del Museo Michetti 路 Francavilla a mare


"I tre criteri di un'opera d'arte: armonia, intensitĂ , continuitĂ " Arthur Schnitzler


® ANDREAB EN ETTI ARCHIVES FOUNDATION

70 AMBROSDEN AVENUE · SW1 P · LONDON · U NITED KINGDOM VIA FRANCESCO ZANARDI , 56/4 · CAP 401 31 · B OLOGNA · I TALIA


N e l l u g l i o e a g o s t o 2 0 1 0 s i è t e n u t a l a L X I e d i zi o n e d e l P re m i o F. P . M i c h e tti , o rg a n i zza to a n n u a l m e n te d a l l ' o m o n i m a F o n d a zi o n e , f i n d a l l o n t a n o 1 9 4 7 . An d re a B e n e tti è s ta to i n vi ta to a p a rte c i p a re e l ' a n n o s u c c e s s i vo a l l a p a rte c i p a zi o n e è i n i zi a to l ' i te r p e r l ' a c q u i s i zi o n e d i u n a s u a o p e ra n e l l a C o l l e zi o n e P e rm a n e n te d e l M u s e o M i c h e tti . L' o p e ra o ra i n e s p o s i zi o n e p e rm a n e n te s i i n ti to l a "Le 3 te s i " e d è d a ta ta 2 0 0 9 .


BREVE STORIA DEL PREMIO E DEL MUSEO MICHETTI "Onorare la memoria di Francesco Paolo Michetti e concorrere alla rinascita spirituale di Francavilla al Mare". Nasceva cosi il Premio Nazionale dì pittura F. P. Michetti. Era il 1 947 e il "Premio Michetti fu tra i primi a sorgere in un momento in cui una guerra nefasta aveva addensato sul Paese un cumulo di rovine, di disgrazie e di lutti", come scrive Marco Valsecchi nel catalogo del 1 966. La Fondazione viene costituita nel 1 952. Successivamente, nel 1 955, diverrà Ente Morale. Nel ripercorrere la storia della Fondazione Michetti non si può evitare di fare riferimento a quanto hanno scritto, nel corso del tempo, critici, storici, uomini d’arte e di cultura, chiamati a collaborare alla realizzazione delle diverse esposizioni. E sono tanti: Palazzeschi, Angioletti, Apollonio, Bellonzi, D’Amico... Nel ‘55, Carlo Barbieri sottolineava come "una delle caratteristiche" del Premio Michetti fosse "fin dall’inizio, insieme alla vocazione nazionale che trascende la regione pur non trascurandola...la volontà di rispecchiare il più fedelmente possibile valori e tendenze vitali dell’arte di oggi". De Pisis, Tosi, Tommaso Cascella, Guidi, Frisia furono tra i partecipanti alla prima edizione dedicata al "paesaggio italiano" e organizzata dal gallerista Ettore Gian Ferrari, lombardo, il quale inserì "subito la manifestazione in un circuito di rilievo". Negli anni a seguire, il Michetti è sempre stato attento a coniugare spinte moderniste e linguaggi della tradizione pittorica in un processo di equilibrio tra valorizzazione della realtà locale e apertura nazionale e internazionale. Si susseguono, dal 1 947 ad oggi, artisti rappresentativi delle molteplici e complesse correnti del XX secolo: da Prampolini a Reggiani, da Sassu a Cantatore, da Ceroli a Titina Maselli. Indimenticabile l’edizione del 1 969. Aboliti i premi sull’onda delle contestazioni dell’epoca, la rassegna fu articolata in tre sezioni con la partecipazione, fra gli altri, di Burri, Capogrossi, Dorazio, Fontana, Turcato, Vedova; degli abruzzesi Spalletti, Summa, Misticoni, Di Blasio; dei giovani Kounellis, Mattiacci, Mochetti, Paolini, Prini, Zorio. Una storia lunga e intensa quella del Premio Michetti. Artisti italiani e abruzzesi si confrontano con artisti jugoslavi, bulgari, greci, spagnoli, polacchi... Nell’87 è Achille Bonito Oliva che apre ai "Nuovi territori dell’arte" europea e americana: Twombly, Cabrera, Moses, Wool e Mario Schifano, vincitore quell’anno del Premio Speciale della Fondazione. Grandi artisti ma anche grandi critici sottolineano le fasi del Premio. Nel ‘91 è Vittorio Sgarbi a curare l’esposizione; l’anno seguente Renato Barilli, con il quale tornano al Premio Michetti giovanissimi come Marco Airò, Marco Cingolani, Chiara Dynys, Eva Marisaldi, Alessandro Pessoli, Cuoghi e Corsello. Nel 1 995 viene realizzata una rassegna di scultura, novità meno traumatica di quanto possa sembrare, visto che gli scultori hanno avuto al Premio Michetti accoglienza frequente. Sono in mostra opere di Aligi Sassu, Umberto Mastroianni, Pietro Consagra, Arnaldo Pomodoro, Giuliano Vangi. Ma la storia del la Fondazione si compone di altri capitoli. Uno, fondamentale, che il Premio apre al suo interno sin dal 1 948, ed è rappresentato dalle mostre dedicate a Francesco Paolo Michetti. L’ultimo, importante omaggio alla figura del Maestro di Francavilla è la retrospettiva organizzata nel 1 999 a Palazzo Venezia, a Roma: 400 fra oli e tempere, studi, disegni, piccole statue in terracotta, arredi, scenografie, costumi e naturalmente le fotografie in parte trasferite poi per l’edizione Francavillese presso il MuMi, struttura che affianca Palazzo San Domenico, accoglie permanentemente due grandi tele dell’artista: Le Serpi e Gli Storpi, ed ospita da poco tempo anche la sede della Fondazione. A destra: Museo F. P. Michetti - Museo di arte contemporanea di Francavila a mare (CH) >>


Il Manifesto dell'Arte Neorupestre è stato presentato da Andrea Benetti alla 53. Biennale di Venezia, all'interno del padiglione "Natura e sogni" presso l'Università Ca' Foscari - San Giobbe - Cannaregio - Venezia - Italia

M A N I F E S TO D E L L ' A R TE N E O R U P E S TR E di Andrea Benetti

All'alba dell'umanità, ancor prima di inventare la scrittura, l'uomo sentì la necessità di comunicare, di lasciare una traccia di sé nel mondo; tutto ciò lo fece grazie alla pittura. Quell'uomo si rapportava ogni giorno con il sole, con la terra, con l'acqua, con il cielo... integrandosi armonicamente nella natura; e quand'anche la natura non rappresentasse una minaccia, egli la rispettava, con il rispetto che si deve ad una divinità, consapevole dei propri limiti umani. L'uomo contemporaneo ha rinnegato quei limiti e calpestato quel rispetto, ponendosi prepotentemente al centro del mondo e mettendo al primo posto le proprie esigenze, il proprio egoismo. Così facendo, ha stupidamente distrutto un incantesimo e profanato la sacralità della natura e della vita. Allora, facciamo un passo indietro. Azzeriamo e ripartiamo da quel doveroso rispetto per la natura e per l'essere umano; l'arte, deve ripartire dalla prima forma artistica, ovvero l'arte rupestre. Noi dobbiamo ripartire dagli albori dell'uomo e dall'arte primigenia, per ricostruire un nuovo mondo, in cui il rispetto per la natura e per la dignità umana siano finalmente al centro del volere dell'uomo. Solo così riaffermeremo la sacralità della vita, ormai perduta in cambio di un miope e vacuo stile di vita, che sta portando la terra all'autodistruzione. Ricreiamo le condizioni per “avvolgere” il mondo di amore e di pace. Ripartiamo da quella pittura rupestre, che l'uomo primitivo, molto più saggio di noi, realizzava sulle pareti rocciose, ingraziandosi il volere delle forze sovrannaturali. Per la propria parte, questo è ciò che l'arte può fare. Ritroviamo dentro di noi quell'essenza primordiale, incontaminata, priva dei condizionamenti, che muovono l'uomo odierno; condizionamenti imposti da un sistema consumistico mondiale, che ci sprona sempre di più ad essere produttori inarrestabili e consumatori insaziabili. Ricreiamo un giusto rapporto tra l'uomo e l'ambiente, tra la produzione ed il consumo. Ricerchiamo dentro di noi la purezza


del bambino, che ancora non conosce il mondo e lo interpreta attraverso la fantasia, osservandolo con curiosità e stupore. Viviamo rappresentando l'oggi come un attimo immortale ed analizzando il passato con uno sguardo critico, ma costruttivo; non viviamo in termini utilitaristici, in cui ogni atto è paragonabile ad una mossa, nel gioco degli scacchi, il cui fine è quello di conquistare tutta la scacchiera. Viviamo ascoltando l'essenza che c'è in ognuno di noi; quell'essenza fanciullesca che ci porta ad amare il contatto con la natura, il cibo sano, le tradizioni, i valori condivisi e fondanti, che hanno elevato per lungo tempo l'esistenza umana; rifuggiamo dalle gettate di cemento incontrollate, dalle plastiche, che ormai avvolgono ogni cosa, dalla velocità forsennata che permea, inconsciamente, ogni nostra azione e ci spinge ad una corsa esasperata, anche laddove essa non è affatto necessaria. Riappropriamoci del corso della storia e non accettiamo passivamente tutti i cambiamenti imposti dall'alto, mediante campagne di persuasione, che ci portano ad essere dei numeri e non più delle persone, con le proprie peculiarità e, soprattutto, con le menti pensanti. L'uomo non può mai essere un numero; nemmeno quando la popolazione mondiale raggiunge un affollamento senza precedenti. Ricordiamoci sempre che l'essere umano è, prima di tutto, un'essenza immateriale, oltre ad essere un corpo, troppo spesso proteso alla ricerca del piacere effimero. Questo concetto ci è ormai sfuggito dalla mente e questa “fuga” ha provocato effetti nefasti. Rinnegare o non coltivare la sfera immateriale dell'uomo e rinnegare l'uomo stesso. Questa concezione non è ispirata alla religione, ma ad una visuale “dualista” dell'individuo, ovvero che distingue i due livelli su cui cresce e si forma un essere umano. Non sbilanciare l'ago della bilancia a favore della materia nelle scelte di vita, è un evidente segno di consapevolezza e di saggezza, che ci eleva da qualsiasi altro essere vivente. Senza una parte di mistero, di immaterialità, l'uomo non ha futuro ed è destinato all'estinzione; e prima dell'estinzione toccherà il fondo dell'esistenza, in cui il valore questa sensibilità. Nell'arte, il senso del mistero, dell'ignoto, deve regnare incontaminato; devono esistere dei dubbi, poiché nella “società delle certezze” non vi è più spazio per la fantasia e, qualora essa sia presente, appare della vita non esisterà più, sacrificato sull'altare di un edonismo becero e privo di solidi contenuti. Nel parallelismo con l'arte, i simboli, i tratti, i colori devono tornare ad


essere i protagonisti della pittura, forieri della semplicità e della bellezza della vita che rappresentano. L'istintività, il sentire primordiale, che risiede in ognuno di noi, deve guidarci nell'interpretare ciò che ci circonda; anche l'uso e l'assimilazione della tecnologia più avanzata deve essere filtrata attraverso finta, creata a tavolino e finalizzata ad un risultato certo. Tracciamo un netto confine tra ciò che è vero e sentito, che viene da quella parte “misteriosa” del nostro io, e ciò che è falso e strumentale. Una lavatrice rotta o una bicicletta arrugginita non sono arte, ma semplicemente una lavatrice rotta ed una bicicletta arrugginita. L'arte è tutt'altra cosa. Nelle grotte della preistoria, ove gli “artisti rupestri” tracciavano i propri segni e spargevano i colori, era già stato inventato tutto; le opere figurative, astratte, simboliste, concettuali... Le future strade dell'arte pittorica erano già delineate nel complesso; nulla mancava all'appello. Ripartiamo, allora, da quelle intuizioni geniali, istintive, che venivano dal cuore ed avevano la forza dell'infante, che traccia segni e colori, spesso inconsapevole dei significati intrinsechi delle proprie creazioni, poiché generate da un livello subcosciente ed affiorate al conscio senza mediazioni. Produrre dei beni per cento volte quelle che sono le nostre reali esigenze ed assistere impassibili ad una grande fetta dell'umanità, che muore ogni giorno per l'assenza di acqua e di cibo, è criminale ed antitetico al nostro sentire. Con quale coscienza possiamo avvallare la civiltà del consumismo, quando ancor oggi vi è una vasta parte del mondo che lotta per la sopravvivenza, quasi sempre perdendo? Un azzeramento è necessario, prima che sia, e forse lo è già, troppo tardi. Se l'essere umano vorrà evitare l'autodistruzione, sarà necessaria una ripartenza, che tenga conto degli errori commessi, per superarli e dare un peso alle cose vere dell'esistenza umana, rifuggendo i falsi miti e le stupidaggini imposte da uno stile di vita vacuo, ma generatore di profitti per coloro che lo controllano. Ad un certo potere fa comodo un individuo che non pensi, che non si erudisca, che segua pedissequamente le mode create in laboratorio. Guardiamo intorno a noi ed


iniziamo a verificare il quoziente di consapevolezza della gente comune, per capire quanto siamo raggirati, “rincretiniti”, resi innocui da una marea di stupidaggini che, all'improvviso, sono divenute tutte un'importante ed unica ragione di vita. Vi sono molti fattori, che caratterizzano il progresso della nostra civiltà, che possono essere considerati delle armi a doppio taglio; e ciò dipende da come le usiamo. Purtroppo, nella società, l'uso improprio e l'abuso di molti beni è ormai la prassi, divenuto un consolidato “modus vivendi”. Tutto ciò accade trasversalmente, accomunando i più abbienti agli indigenti, i giovani agli anziani, tutti uniti nella forsennata corsa, che ci sta portando ad essere, non più individui, ma pedine, le cui scelte, i cui movimenti, sono comandati dall'alto, ma senza fili, poiché tutto ciò non sia percepito come una dittatura, bensì come scelte assunte dall'individuo, grazie al libero arbitrio. Siamo dunque “pilotati” come una macchinina radio comandata ed abbiamo la sensazione di essere liberi, di decidere noi ciò che determina il nostro futuro; ma liberi non lo saremo mai, finché non spezzeremo questa catena di tacita e, molto spesso, inconsapevole obbedienza. Ecco perché l'arte deve simbolicamente ripartire dalle proprie origini; essa ha sempre precorso i tempi ed appare come un faro da seguire; questa volta, però, non correrà verso l'ignoto, verso l'inesplorato, ma avrà la lungimiranza di ritornare sui propri passi, verso le proprie radici, consapevole della necessità di dare un segnale chiaro e forte di ricostruzione delle fondamenta, che sono alla base della nostra esistenza. Sarà un ritorno alle origini simbolico; ma spesso i simboli posseggono una forza pari soltanto alla forza della natura; quella stessa natura con cui dobbiamo ritornare in armonia e ricominciare a rispettare e ad amare. Bologna, 7 dicembre 2006


L'ARTE NEORUPESTRE LA PITTURA RITORNA NELLE GROTTE

di Gregorio Rossi Nel 1 879 de Sautuola e sua figlia affermarono e comunicarono che nella grotta di Altamira, nei pressi di Santander in Spagna, vi erano pitture eseguite da uomini preistorici. Gli studiosi di preistoria si misero a ridere e risero per almeno vent'anni. Poi l'abate Breuil e Cartailhac si recarono in quei luoghi ed alle risate si sostituì lo stupore: le pitture erano autentiche ed erano certamente opera dell'uomo preistorico ed in bellezza non hanno niente da invidiare ad alcuna pittura moderna. Lo stupore è un atteggiamento, almeno in apparenza, che non ha alcunché di scientifico e forse per questo gli scienziati hanno in orrore questo sentimento. D'altronde la scienza produce la verità, od almeno vi prova sinceramente. La poesia invece produce il meraviglioso, od almeno vi si dedica con altrettanta sincerità. Noi abbiamo creduto che forse nel meraviglioso vi è qualcosa di della verità. Andrea Benetti è un artista e quindi un poeta: così una sera, non per scherzo, ma sicuramente con animo allegro, perché l'arte deve essere anche gioia, nacque l'idea dell'arte “Neorupestre”. Nei mesi successivi alla conversazione di quella sera, che poi si era protratta durante la notte, ci mettemmo a studiare e poi riflettere che duecento o più secoli orsono espressero con la pittura le più alte aspirazioni del loro cuore e della loro spiritualità. Così è nata l'esigenza di stendere il “Manifesto dell'Arte Neorupestre” che non propone il ritorno al passato, né vuole essere una nostalgia roussoniana e neanche un'operazione di riproposta o recupero; è invece una riflessione per guardare l'evoluzione artistica in un'ottica diversa. Se per esempio ci rechiamo a Lescaux ci appare evidente come questo complesso, che annovera una moltitudine di capolavori dipinti, si sia meritato l'appellativo di “Cappella Sistina della preistoria”. Poi quando si pensa quantimillenni addietro quelle opere sono state realizzate, ci si trova di fronte ad un problema di enormi


dimensioni che diviene ancora più macroscopico se spaziamo sulle figure dell'arte rupestre a livello planetario accorgendosi così che dal figurativo all'astratto tutto è stato affrontato. Allora, in altri giorni ed altre notti di conversazione, con Benetti abbiamo provato ad uscire da quel delirio che fa immaginare che i nostri antenati, nudi o vestiti di pelli e foglie, si siano ostinati per millenni e millenni in maniera idiota a picchiare insieme dei sassi in attesa della scintilla. Maghi semi-dementi ossessionati dalla selvaggina, oscuri primitivi impegnati a danzare attorno al totem della caccia. La rappresentazione della loro arte è infinitamente più ricca di astrazione di quella della semplice vocazione al cibo; una consumata arte del disegno, un'elevata qualità del segno grafico. Il Manifesto dell'Arte Neorupestre tende ad acquisire dei fratelli negli abissi del tempo, almeno immaginare chi fossero quei metafisici che possedevano meravigliose tecniche artistiche e che le hanno espresse con una preoccupazione di eternità. Con semplicità mi sento di affermare che il Manifesto dell'Arte Neorupestre rappresenta una novità assoluta, si riferisce ad un archetipo ormai innegabile, dal quale l'artista, se tale, non può più prescindere. Picasso afferma: “Dopo Altamira, tutto è decadenza”. Il Manifesto dell'Arte Neorupestre riconosce le meraviglie ed i capolavori del passato però ci impegna a porsi di fronte a novità del contemporanea e soprattutto ai clamori ed alle provocazioni con occhio disincantato. Tratto dallo speciale catalogo della 53. Biennale d'Arte di Venezia realizzato per la presentazione del Manifesto dell'Arte Neorupestre di Andrea Benetti edito da Umberto Allemandi & C.


Scheda tecnica dell'opera oggetto dell'acquisizione TITOLO

Le 3 tesi TECNICA

Bassorilievo realizzato in fondo gesso su tela colorato con colori ad olio e pigmenti naurali MISURE

cm 50 x 60 ANNO DI CREAZIONE

2009

NUMERO DI ARCHIVIAZIONE

Archivio n째 1 1 6-W/TM-OHA/T-09

AndreaBenettiArchivesFoundation


BREVI CENNI BIOGRAFICI SU ANDREA BENETTI Andrea Benetti, nato a Bologna nel 1 964, da molti anni esprime col favore della critica e del pubblico qualificato le proprie idee e la propria pittura, nel mondo dell'arte contemporanea. Oltre ad avere esposto in luoghi di grande pregio, hanno superato ormai la dozzina i musei, le istituzioni e le importanti collezioni nazionali ed internazionali, che ospitano le sue opere in permanenza. Nel 2006, Andrea Benetti ha ideato e stilato il Manifesto dell'Arte Neorupestre, successivamente presentato alla 53. Biennale di Venezia, nel padiglione "Natura e sogni", presso l'università Ca' Foscari. In occasione dell'evento, sotto l'egida della Biennale, è stato pubblicato un catalogo, edito da Umberto Allemandi. Nel luglio 201 0, il pittore bolognese è stato invitato ad esporre alla LXI edizione del Premio Michetti, la blasonata rassegna internazionale di arte contemporanea, che è allestita ogni anno, dal 1 947, all'interno del Museo Michetti. Nel novembre 201 0, la pittura Neorupestre di Andrea Benetti è approdata a Palazzo Taverna (Roma), nella sede degli Archivi Legali Amedeo Modigliani, accanto alle opere di De Chirico, Modigliani, Andy Warhol, Keith Haring, Mario Schifano, Max Jacobs... in occasione della mostra intitolata “Portraits d'artistes”, curata dal professor Christian Parisot (Presidente degli Archivi Amedeo Modigliani) e dal professor Pierfrancesco Pensosi. Il progetto è stato presentato alle televisioni ed alla stampa dal professor Vittorio Sgarbi. Nello stesso periodo, a metà novembre 201 0, nel Palazzo di Vetro, sede delle Nazioni Unite (O.N.U.) per il progetto “Academic impact”, al quale erano presenti 1 30 università di tutto il mondo, per conto della delegazione italiana veniva donata ed acquisita nella Collezione delle Nazioni Unite, un'opera di Andrea Benetti. Nel maggio 201 1 , Andrea Benetti è stato invitato dal professor Massimo Guastella, docente dell'Università del Salento, a tenere un seminario sull'arte Neorupestre ai suoi allievi del corso di laurea di Storia dell'Arte Contemporanea. Inoltre, la mostra di Benetti che si è tenuta all'interno delle Grotte di Castellana è stata inserita nel programma di ricerca universitaria, con la musica composta ed eseguita live per il progetto da Frank Nemola. Nel marzo 201 2, per volere del Presidente della Repubblica e con il beneplacito del professor Louis Godart, Consigliere per la conservazione dei Beni Artistici del Quirinale, è stata acquisito un dipinto di Andrea Benetti nella Collezione d'Arte del Quirinale. Nel 201 2, mentre il presente catalogo è in stampa, sono in corso le acquisizioni di alcune opere di Benetti nella Collezione della Farnesina (Ministero degli Affari Esteri) e nella prestigiosa Collezione della Chiesa Cattolica della "Raccolta Lercaro". Inoltre a giugno saranno inaugurati gli affreschi Neorupestri di Andrea Benetti commisionati dal Consorzio delle grotte di Frasassi, da realizzare nel tunnel d'entrata delle grotte omonime.


L'avv. Antonio D'Argento, Segretario della Fondazione Michetti, insieme a Benetti, dentro al Museo Michetti, davanti all'opera (sulla sinistra) acquisita nella Collezione Permanente.


Andrea Benetti, dentro al cortile del Museo Michetti, durante la mostra allestita per la LXI edizione del Premio Michetti, in cui Benetti è stato invitato ad esporre le proprie opere.


® ANDREAB EN ETTI ARCHIVES FOUNDATION

70 AMBROSDEN AVENUE · SW1 P · LONDON · U NITED KINGDOM VIA FRANCESCO ZANARDI , 56/4 · CAP 401 31 · B OLOGNA · I TALIA


Dopo Altamira, tutto è decadenza Pablo Picasso


® ANDREAB EN ETTI ARCHIVES FOUNDATION

70 AMBROSDEN AVENUE · SW1 P · LONDON · U NITED KINGDOM VIA FRANCESCO ZANARDI , 56/4 · CAP 401 31 · B OLOGNA · I TALIA © Copyright · 201 1 · United Kingdom Tutti i diritti riservati · All rights reserved · Alle Rechte vorbehalten Tous droits réservés · Se reservan todos los derechos

Museo Michetti - Acquisita un'opera di Andrea Benetti  

Nel maggio 2011 si è concluso l'iter di acquisizione di un'opera di Andrea Benetti, nella Collezione Permanente del Museo F. P. Michetti, si...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you