Page 1

IN FOR(U)M AZIONE

N E WS LORE M DO LOR SIT ET IPSUM LOREM IPSUM AM DO LOR SIT LOREM AM E TLOREM IPSUM DO IPSUM LOR SIT LOREM DO AM LOR E TL IPSUM SIT OREM AM DO E T IPSUM LOR SIT LOREM DO AM LOR E TL IPSUM SIT OREM AM DO E T IPSUM LOR SIT LOREM DO AM LOR E TL IPSUM SIT OREM AM DO E T IPSUM LOR SIT LOREM DO AM LOR E IPSUM TLOREM SIT AM DO E T IPSUM LOR SIT LOREM DO AM LOR E IPSUM SIT LOREM AM DO E IPSUM LOR SIT LOREM DO AM LOR ETL IPSUM SIT OREM AM DO E TT IPSUM LOR SIT LOREM DO AM LOR ETL IPSUM SIT OREM AM DO E T IPSUM LOR SIT LOREM DO AM LOR ETL IPSUM SIT OREM AM DO E T IPSUM LOR SIT LOREM DO AM LOR ETL IPSUM SIT OREM AM DO E T IPSUM LOR SIT LOREM DO AM LOR ETL IPSUM SIT OREM AM DO E T IPSUM LOR SIT LOREM DO AM LOR ETL IPSUM SIT OREM AM DO E T IPSUM LOR SIT LOREM DO AM LOR E TTL IPSUM SIT OREM AM DO E T LOREM IPSUM LOR SIT LOREM DO AM LOR LOREM E TL IPSUM SIT OREM AM IPSUM DO E T L IPSUM IPSUM LOR DO SIT LOR LOREM DO DO AM LOR LOR SIT LOREM E TL IPSUM SIT AM SIT OREM OREM E AM AM TLOREM IPSUM DO ELOREM E T L IPSUM IPSUM LOR DO IPSUM SIT LOR LOREM DO DO IPSUM AM LOR LOR SIT LOREM E DO TL SIT AM SIT L DO OREM OR OREM E AM AM LOR T IPSUM SIT L ETL E OREM T L IPSUM SIT IPSUM LOR AM OREM DO E AM T IPSUM LOR DO E DO T IPSUM LOR LOR SIT LOREM TIPSUM DO SIT AM SIT LOR DO OREM SIT E AM AM LOR TOREM IPSUM SIT ETL E T L IPSUM SIT AM OREM DO E AM T LORE E IPSUM LOR DO E T IPSUM LOR AM SIT LOREM DO SIT AM LOR DO OREM AM LOR TLL SIT DO ETL OREM IPSUM SIT AM OREM E AM T DO IPSUM LOR DO E T IPSUM LOR DO SIT LOREM LOR DO E TE AM LOR IPSUM SIT ET SIT IPSUM SIT AM LOREM E AM M IPSUM T L DO E T IPSUM LOR LOR SIT LOREM DO AM AM LOR E TT IPSUM SIT OREM LOREM DO SIT AM ET DO E IPSUM IPSUM LOR SIT DO LOREM DO LOR AM LOR AM E SIT TL IPSUM LOREM SIT OREM AM AM E DO E TLOREM TT IPSUM LOR SIT DO LOREM DO IPSUM LOR AM LOR E SIT TL LORE SIT DO OREM AM LOR AM M E TIPSUM E TL SIT T DO IPSUM OREM LOR AM E AM DO T AM IPSUM SIT E LOR TIPSUM AM SIT DO E TLOREM LOR AM IPSUM E SIT T AM DO IPSUM E LOR T AM E TLOREM SIT DO AM LOR E TLOREM IPSUM SIT DO IPSUM LOR E TLOREM SIT DO AM LOR E TL SIT OREM IPSUM DO LOR SIT

TV

NUMERO DUE - ANNO 2016

MILO

VE

LI

T

Spegne le nove candeline e punta in alto la

GIOVANI GIFFONESI IN GIRO PER IL MONDO

ESTATE 2K16


Caro lettore, "Infor(u)mazione" è tornato fra i tavolini dei vostri bar e vi terrà compagnia anche nei freschi mesi autunnali. Con la caduta delle foglie gialle dagli alberi il Forum termina il suo mandato biennale, ed è pronto ad intraprendere un nuovo percorso con un rinnovato consiglio direttivo e tantissime novità in programma. Un affiatato e costante lavoro di squadra porta il "Forum dei Giovani" a rinnovarsi e modellarsi a suo modo ogni biennio, assumendo nuove forme e una diversa impostazione. Dunque ogni mandato è una storia a sé stante, unica, con le sue caratteristiche, peculiarità e, certamente, difetti! La famiglia del "Forum dei Giovani", con le prossime elezioni indette per il giorno 13 novembre, cambierà ed accoglierà nuovi membri fra i suoi iscritti, allargandosi sempre più. Stiamo formando un fresco e solido gruppo pronto ad impegnarsi per un unico scopo: unire e coinvolgere i ragazzi in progetti che li riguardano in prima persona, senza dimenticare il sociale e attività collaterali. E tu, caro lettore, sei invitato a partecipare da protagonista a questa ventata di cambiamento che spirerà nella nostra Giffoni. La porta della nostra sede è sempre aperta a collaborazioni, idee e proposte. Ti aspettiamo e... buona lettura! Carmen Amoroso

#ILFORUMCE

La Redazione Amoroso Carmen Cavaliero Gennaro Foglia Stefano Melillo Michele Mongillo Martina Orsini Barbara Rinaldi Sabato Romeo Sabato Russo Davide Russomando Luigi

Soldivieri Elena Tedesco Aniello Tedesco Giuseppe Vitale Andrea Voria Mirko

f ForumGiovani Giffoni VP

Ci trovate in Via Paolo Scarpone, 1A Giffoni Valle Piana (SA)


SCOPRI AMO GIFFONI IL COEMETERIUM

Per la nostra rubrica, questo mese abbiamo scelto di raccontarvi del Coemeterium. Questo luogo, del quale abbiamo trovato pochissime notizie, era utilizzato come luogo di preghiera e di sepoltura dai monaci e fa parte del complesso di San Francesco: il monumento storico meglio conservato di Giffoni e una delle prime fondazioni francescane in Campania nel XIII secolo. Non ci dilunghiamo troppo con la storia del Convento perché avremo modo di parlarne nei prossimi numeri, ma è necessario soffermarsi sull'acquisto da parte del signor Vincenzo Memoli del convento nel 1924. Come tutto il complesso anche il Coemeterium ha subito danni nel corso del tempo per svariati motivi, ma questo avvenimento segna una svolta particolarmente negativa per quanto riguarda il suo decadimento. Alla morte di Vincenzo Memoli, infatti, alcuni locali del complesso furono dati in fitto e adibiti per diversi usi, ad esempio la Chiesa divenne una stalla, la parte orientale del chiostro fu adibita a fabbrica di terracotta, mentre il Coemeterium fu addirittura usato come pozzo nero, rovinando così gli affreschi del ciclo di San Nicola di Bari, posti sulla parete destra all'entrata della struttura. Questo non è l'unico danno, la maggior parte degli affreschi sono andati perduti a causa dell'incuria, degli agenti atmosferici e, ovviamente, del terremoto. Qualcosa, per fortuna, si è salvato: il ciclo di San Nicola presenta nella parte superiore la Traslazione delle ossa del Santo dall'Oriente a Bari, scena della quale non è rimasto più nulla, mentre nella parte sottostante è raffigurata la leggenda dei Tre Chierici. La parete opposta, invece, presenta il ciclo delle Storie di Cristo. Sono gli unici brani ad aver conservato una grande estensione. Lo stesso maestro ha probabilmente realizzato anche gli affreschi della parete d'ingresso che comprendono le figure di Santa Caterina d'Alessandria e quella che si presume possa essere Santa Chiara. Probabilmente l'artista (o gli artisti) si è ispirato a cicli giotteschi napoletani. Un affresco di iconografia insolita è quello posto sulla parete destra raffigurante la “Madonna delle Grazie” nell'atto di stringersi il seno per elargire latte per i penitenti del purgatorio posti ai suoi piedi. Il latte, in questo caso, è nutrimento spirituale dell'uomo e la Vergine è rappresentata così come Madre dell'Umanità. Essa è collocata in una mandorla circondata da volti di cherubini. I tratti del viso della Madonna potrebbero essersi ispirati ad una qualsiasi donna del popolo, dato che non sono i tipici lineamenti delicati a cui siamo abituati. L'affresco è datato al tardo quattrocento. Inizialmente la cappella era a navata unica, le nicchie laterali sono state realizzate tra il '400-'500, e proprio al 1500 risalgono gli affreschi nella prima nicchia sulla parete sinistra di cui si distingue bene solo la scena della Natività. Nella parete opposta a quest'ultima, vi è un affresco del quale non si riconosce l'iconografia. Entrambe le scene sono inquadrate da finte architetture. Ben visibili sono inoltre alcuni stemmi e decorazioni. Di quello che c'era prima, ciò che si vede adesso è pochissimo. Su molti affreschi sono stati effettuati interventi nel tentativo di proteggerli, invano. Tuttavia si è mostrato interesse per il monumento. Recentemente un professore di storia dell'arte medievale dell'università di Tor Vergata ha fatto visita al Coemeterium. E' rimasto affascinato da ciò che ha visto ma anche deluso e preoccupato per lo stato in cui tutta la struttura, ma soprattutto i pochi affreschi che rimangono, versa. Infatti la sua opinione è che queste immagini potrebbero conservarsi solo per altri pochi anni o addirittura scomparire con la prossima pioggia. E' evidente quindi che aspettare non è più possibile e che la necessità di un intervento è impellente. Ci viene spontaneo chiederci perché l'intero complesso è stato restaurato e viene curato e vissuto, mentre questa cappella, che prima pullulava di splendidi brani pittorici, oggi è totalmente abbandonata, fatiscente, e nessuno ci metterebbe piede se non fosse per l'unico utilizzo che se ne fa: quello di deposito.

*Fonti: documenti dell'archivio della Proloco di Giffoni Valle Piana, “Giffoni: storia, arte e tradizioni”, S.Mancino, E.Sica, Edizioni Pubbligrifo 1998. a cura di Salvatore Mancino ed Elena Sica; Teresa Cinquantaquattro.

Martina Mongillo - Elena Soldivieri


PROSSIMAMENTE IN SALA

L'estate non è per eccellenza la stagione adatta alle sale cinematografiche, rese poco confortevoli sia dalla calura che dalla poca varietà e qualità dei titoli in programmazione. E' con l'avvento dell'autunno che le grandi major del settore propongono i loro migliori titoli con l'obiettivo di sbancare i botteghini. Dedichiamo l'articolo di questo numero alle nuove uscite: prossimamente al cinema! A fine ottobre la Walt Disney ci riporta nel Marvel Cinematic Universe, a pochissimi mesi dalla civil war, per raccontare in Doctor Strange la storia del neurochirurgo Stephen Strange (Benedict Cumberbatch). La “Casa delle Idee” avrà l'arduo compito di ripetere il successo di Guardiani della Galassia nel proporre personaggi poco noti al grande pubblico. La Warner Bros, invece, affida la sceneggiatura a J.K.Rowling, la regia a David Yates e il ruolo principale al premio Oscar Eddie Redmayne. Animali fantastici e dove trovarli in uscita il 17 novembre ci presenterà finalmente il magizoologo Newt Scamander alle prese con la sua valigia piena di magiche creature. Il caro Tim Burton torna alla regia con Miss Peregrine – La casa dei ragazzi speciali. Distribuito dalla 20th Century Fox da dicembre e tratto dall'omonimo romanzo con Eva Green ed Asa Butterfield. L'altro kolossal che impatterà nelle sale lo stesso mese è Star Wars – Rogue One. Dopo il ritorno della saga spaziale di George Lucas nel Natale scorso, questo dicembre arriverà in sala il primo di una serie di spin-off che accompagneranno la nuovissima trilogia, basato sugli eventi che portarono al furto dei piani della prima Morte Nera. Il cinema italiano trova la sua risposta con una delle migliori espressioni degli ultimi anni. Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, torna dietro la macchina da presa a raccontare nuovamente di Arturo e Flora con In guerra per amore. Il giovane innamorato stavolta sarà costretto ad arruolarsi nell'esercito statunitense durante lo sbarco del luglio '43 per ritrovare la sua amata promessa ad un boss della trinacria. Sul finire della stagione si fanno largo in sala anche pellicole che puntano a fare incetta di premi. Segnaliamo il controverso Snowden, di Oliver Stone con Joseph Gordon-Levitt, biopic dedidcato all'ex agente CIA. In uscita lo stesso giorno, il primo dicembre, Free state of Jones con Matthew McConaughey racconterà di come, durante la guerra civile americana, la contea di Jones si separò dalla Confederazione. A dicembre anche l'ennesima sventura di Tom Hanks in Sully diretto da Clint Eastwood incentrato sulla figura del capitano Sullemberg. La stagione dei premi è ancora lontana ed avremo modo di parlarne, nel frattempo consigliamo ai cultori il ritorno di Ron Howard in coppia con Tom Hanks. Inferno, terza trasposizione di un romanzo di Dan Brown, che vedrà il simbolista Robert Langdon dover sventare un'epidemia mondiale, accompagnato dalla stella nascente Felicity Jones, è già in sala!

Pacatino

Nuovo trend in Europa nei mesi estivi: la parola più cercata su Youporn è stata Burkini. Perché la gente si indigna per 500.000 euro in pubblicità e non per chi paga in visibilità?

LA TESTATA DI

ZIDANE

a c u r a d i E t t o r e S c h m i t z

Il governo ha stanziato 35 euro per ogni immigrato che ha partecipato attivamente al fertility day rinunciando per quel giorno alla stanza d'albergo a 5 stelle. Vi ho dato abbastanza materiale... sbizzarritevi webeti! Avvistati 4000 euro scappare dal Comune di Giffoni Valle Piana al grido: “Libertà, libertà, libertà!”. E poi dicono che Facebook è pieno di chiacchiere inutili. Non sono d'accordo, grazie ad esso, ho scoperto che la porchetta non è un piatto tipico dei Picentini. Pensa tu... Un altro marchio finisce tra gli interessi dell'Isis. Dopo la Toyota, tra i jihadisti impazza l'uso dei cellulari Samsung, in particolare il Note 7. Retroscena Venezia 2016: Giulia Salemi era in missione per conto della Lorenzin. Ben vengano le foto della Leotta diffuse sul web: bisogna capire se anche altri dipendenti Sky hanno tatuaggi fascisti. Entro il 2017 sulle divise delle forze dell'ordine verranno messe le foto di Cucchi, Aldrovandi, Giuliani... sull'esempio delle sigarette. Quest'anno ottobre finisce il 4 dicembre.


INTERVISTA TRIPLA AI VECCHI PRESIDENTI DEL FORUM

Eccoci giunti alla fine del nostro piccolo viaggio. L'attuale mandato della lista “La parola ai giovani” si avvia alla conclusione. Due splendidi anni in cui, guidati dal presidente Daniela De Mattia, questo gruppo è diventato sempre più un punto di riferimento per il territorio. Con le elezioni del prossimo novembre scopriremo chi sarà il futuro presidente del Forum. Noi di "Infor(u)mazione" abbiamo intervistato per voi i tre presidenti che hanno preceduto la nostra Daniela. Ecco cosa hanno risposto alle seguenti domande: 1) Cosa significa per te la parola Forum? -2) Qual è il ricordo più bello legato al Forum dei Giovani? - 3) E uno dei ricordi più spiacevoli? 4) Cosa significa, secondo te, essere giovani oggi? - 5) Hai un consiglio per noi giovani impegnati nelle attività del Forum?

GERARDO CAPEZZUTO

Nome: Capezzuto Gerardo Età: 36 anni Professione: Conduttore di impianto di depurazione di reflui industriali Personalmente il Forum l'ho sempre consideratore come un'incubatrice nel quale inserire le varie sfaccettature del mondo giovanile. Il ricordo più bello è l'entusiasmo scaturito dalla novità: il Forum si era appena costituito. Uno dei ricordi più significativi è legato alla manifestazione denominata "Oltre le mafie", un'iniziativa indirizzata al mondo studentesco, con la partecipazione dell'allora presidente della commissione antimafia Francesco Forgione ed altri illustri rappresentanti istituzionali. I ricordi peggiori sono stati quei momenti in cui i cosiddetti 'grandi' manifestavano le loro titubanze di fronte alle nostre idee e progetti: avevano tutti la convinzione che i giovani dovessero rimanere “al loro posto”, ma abbiamo sempre dimostrato stoffa da vendere con ottimi risultati. Viviamo oggi in una congiunzione di fattori sociali sfavorevoli che potrebbero indurre un giovane ad abbandonarsi al suo destino...si parla sempre di fare qualcosa per i giovani ma di concreto si fa poco o nulla. Ciò che deve caratterizzare un giovane oggi è la freschezza mentale, lo sviluppo delle proprie capacità, ma soprattutto non smettere mai di seguire gli obiettivi ed i sogni preposti. Mi riallaccio un po' a quanto detto in precedenza: il Forum deve essere un volano attraverso il quale un giovane può essere aiutato a realizzare un proprio progetto che da solo forse difficilmente porterebbe a termine. Il ruolo del Forum può essere fondamentale in una società, è importante mantenere quella autonomia mentale che caratterizza lo spirito giovanile e dello stesso Forum. Buon lavoro e viva il Forum!

GUIDO BILOTTI

LINA RINALDI

Nome: Bilotti Guido Età: 32 anni Professione: Disoccupato

Nome: Rinaldi Pasqualina Isabella, detta Lina Età: 35 anni Professione: Insegnante

La parola Forum significa aggregazione, condivisione e partecipazione.

La parola Forum per me ha sempre significato condivisione, aggregazione e confronto su temi sociali, culturali e di interesse.

I ricordi migliori sono legati all'organizzazione ed alla realizzazione di progetti come "Giochi sotto l'albero" a cui parteciparono oltre 120 ragazzi che animarono la piazza per tre giorni consecutivi; come "Giffoni porte aperte" che ci permise di interagire con le scuole e di rendere accessibili alla popolazione tutti i monumenti del paese. Il ricordo peggiore riguarda la bocciatura del progetto per la realizzazione di un osservatorio sulla condizione giovanile, realizzato in collaborazione con il professore di sociologia dell'Università di Salerno Vittorio Dini, e non accettato dalla Regione per inadempienze del Comune. Essere giovani oggi vuol dire preoccuparsi maggiormente a causa dell'incertezza del futuro. Significa, però, anche possedere una gamma infinita di strumenti per scuotersi e costruirsi un'opportunità. Il consiglio che posso dare è quello di non smettere mai di ascoltare, di domandarsi se si fa abbastanza. E interrogarsi su come si può migliorare. La forza propulsiva e l'entusiasmo di una giovane mente possono portare a traguardi inimmaginabili.

Michele Melillo

I ricordi legati all'esperienza Forum sono tantissimi e tutti molto belli e significativi. Ricordo l'incontro con Antonio Ingroia, primo socio onorario del Forum; il bellissimo incontro con Salvo Vitale dal quale è nata l'intitolazione della sala lettura dell'Informagiovani a Peppino Impastato. Ricordo con piacere le tante serate passate ad organizzare le nostre manifestazioni e l'impegno e la determinazione di tutti. La bellissima idea dell'Handmade Village, primo mercatino giffonese, fucina di artisti e di arti. L' entusiasmo e la voglia di fare ci ha sempre contraddistinti e tutti conserviamo il ricordo di un'esperienza bella, formativa e di crescita. Non ho un ricordo spiacevole legato al Forum: abbiamo avuto momenti di grande attività e molte difficoltà da affrontare ma eravamo un bel gruppo, coeso e organizzato. “Il futuro è di chi l'ha cominciato”, questa è la frase che ha contraddistinto la mia amministrazione e che racchiude il significato dell'essere giovani, oggi come ieri. Il consiglio è quello di andare avanti con determinazione e con passione. Il Forum dei giovani deve proporsi come organo che invita alla riflessione su temi importanti, che coinvolge e mira al confronto propositivo oltre ad essere un luogo di aggregazione. Abbiamo avuto l'onore di ricevere nell'agosto 2010 il Premio Gabbiano su volontariato e associazionismo che recitava così: “Impegnati nella missione di dar voce ai giovani in un laboratorio di discussione, di critica, ma soprattutto di crescita collettiva”. Questo è il mio consiglio ed il mio augurio: lavorare affinché questo laboratorio sia sempre vivo e presente sul territorio.


#ILFORUMCE Sta per concludersi un biennio molto proficuo per il Forum dei Giovani di Giffoni Valle Piana. L'attuale mandato, capeggiato dal presidente Daniela De Mattia, è ormai agli sgoccioli e, prima dell'inizio di una nuova avventura, è tempo di bilanci. La nostra associazione ha sempre cercato di tener viva e attiva quella parte di Giffoni troppo spesso dimenticata: i giovani. Il più delle volte si parla di ragazzi, ma poco si parla ai ragazzi e ancor meno ci si ferma ad ascoltarli. Il nostro intento è stato soprattutto questo: dare la parola ai giovani e quindi costruire qualcosa di produttivo, duraturo e, permettetemi l'aggettivo quasi infantile, bello. È bello che quindici ragazzi, con impegno, con il sacrificio del proprio tempo libero, con energia, senza finanziamenti esterni, si muovano con dedizione in un'unica direzione e con un semplice intento: rendere Giffoni un paese a misura di giovani. Due anni fa siamo partiti da zero per questo viaggio e, da completi neofiti, ci siamo ritrovati ad affrontare per la prima volta la burocrazia, a compilare moduli e archiviare documenti. Anche i nostri "ruoli" al principio sembravano solo dei titoli altisonanti: che cosa fa un "tesoriere"? Che vuol dire "presidente"? Qual è il ruolo del "consigliere"? Come deve agire un "segretario"? Con il tempo abbiamo definito le nostre mansioni e il nostro operato è divenuto concreto.

Abbiamo organizzato manifestazioni, collaborato con associazioni, creato nuovi progetti destinati a crescere e diventare sempre più importanti. Era solo l'ottobre del 2014 quando cominciammo a fare i nostri primi passi. Il nostro battesimo (letteralmente!) avvenne con un secchio di acqua gelata rovesciata in testa: l'ice bucket challenge, fatto in piena piazza Umberto I, ci permise di raccogliere oltre 700 euro a favore della ricerca sulla SLA. E questo mandato si chiuderà così com'è cominciato: all'insegna della solidarietà. Il ricavato della manifestazione "TV di giocare?"e dello spettacolo "Il fulmine nella terra. Irpinia 1980", diretto da Mirko Di Martino e interpretato da Orazio Cerino, è stato addizionato alla raccolta fondi attraverso i nostri salvadanai presenti nelle diverse attività commerciali del nostro paese. I 900 euro donati dai giffonesi sono stati devoluti in beneficenza ai comuni del centro Italia colpiti dal sisma dello scorso 24 agosto.


Il Forum si è attivato nel sociale anche in altre occasioni: ha collaborato per la raccolta alimentare "Benvenuta primavera", ha sostenuto l'Unicef e il Telefono Azzurro combattendo per i diritti dei più piccoli, ha rallegrato gli ospiti della casa di accoglienza per anziani "Valle d'argento" con musica e spettacoli teatrali.

Non sono mancate le collaborazioni con le altre associazioni. Tra le tante la Proloco con la quale si è organizzato un ciclo di dibattiti su tematiche scottanti partendo da spunti cinematografici. Senza nascondere una punta di orgoglio, unendo le nostre forze con l'Associazione Carnevale Giffonese, siamo riusciti nell'intento di salvare uno degli eventi più sentiti dalla popolazione: il Carnevale, aggiungendo alla storica sfilata dei carri allegorici una mostra fotografica a tema e lo straordinario spettacolo di artisti di strada.

Abbiamo portato avanti il progetto "Oltre le mafie", in continuità con i precedenti mandati, ospitando Rosalba Beneventano, sorella di Domenico Beneventano, vittima della Camorra, e inaugurando un'area bonificata a lui dedicata con la supervisione dell'organizzazione "Libera". Il nostro fiore all'occhiello è stato senza dubbio la "Carta Giovani", un servizio creato a favore dei ragazzi che permette loro di usufruire di sconti e agevolazioni negli esercizi commerciali aderenti nel nostro comune. Non sono mancati inoltre tornei sportivi, eventi ludici, party a tema, spettacoli teatrali e musicali... Il lavoro costante del Forum ha prodotto tanti risultati positivi nel corso di questo biennio e ha reso coeso e collaborativo un gruppo di ragazzi che, confrontandosi fra loro, ha creato forse la cosa migliore fra tutte: una sincera amicizia. Il Forum c'è ed è anche questo. Carmen Amoroso


Spazio alla passione. Spegne le nove candeline e punta in alto la Giffoni Futura Volley, società dilettantistica che da anni sta portando in alto il nome di Giffoni Valle Piana in giro per la Campania. La compagine pallavolistica infatti riparte dalla salvezza raggiunta dalla selezione maschile nel campionato di serie D e dall'ottimo quinto posto portato a casa dalle donne nella Prima Divisione. Il tempo però di cullarsi sui risultati raggiunti è già terminato, con le due squadre già a lavoro e con l'ambizione di scrivere una nuova storica pagina del club neroverde. A parlare dell'avvincente avventura che attende la Giffoni Futura ci ha pensato Alfonso Gerardo Anselmi, tecnico della selezione femminile ma con un occhio vigile anche sul futuro che attende i suoi ex compagni di squadra. Alfonso, come è iniziato questo progetto? “Tutto è nato per gioco, quasi per caso devo esser sincero. Nove anni fa con alcuni amici abbiamo deciso di dare libero sfogo alla passione che avevamo per la pallavolo creando una società capace di raccogliere nel tempo tanti frutti con sacrificio e dedizione. Sono orgoglioso di poter constatare come la Giffoni Futura Volley sia una realtà consolidata nel panorama pallavolistico salernitano. Inoltre quest'anno saremo l'unica squadra dell'intera provincia a prender parte al campionato di serie D”. Un campionato saggiato dalla squadra maschile già lo scorso anno. Quali sono gli obiettivi per la prossima stagione? “Preferisco non prefissare traguardi. Rispetto allo scorso anno abbiamo deciso di rinverdire la rosa, cambiando tanto e puntando su giovani di qualità uniti alla permanenza di alcuni elementi d'esperienza. Siamo consapevoli di aver allestito un organico competitivo per la categoria ma questo non significa illudersi. Proveremo a dare il meglio di partita in partita e di conseguenza capiremo a cosa possiamo realmente aspirare”. E da tecnico della selezione femminile invece? “Purtroppo viviamo ancora nell'incertezza. Non sappiamo ancora chi affronteremo in campionato e questo non ci permette di poter fare una stima dei nostri possibili avversari. L'obiettivo è provare a ripetere l'ottimo campionato disputato lo scorso anno, senza montarci la testa”. Infine, che consiglio daresti ad un giffonese che vuole intraprendere un'avventura del genere? “Consiglio ad ognuno di tentare, di mettere al primo posto sempre la propria passione. Nove anni fa eravamo soltanto un gruppo di ragazzi che aveva l'ambizione di mettere su una squadra e divertirsi di settimana in settimana. Trasmettere il proprio amore per gli sport è una delle cose più belle, anche se molti, proprio come la pallavolo, vengono considerati ancora minori o di serie B. L'importante è crederci sempre!

Barbara Orsini - Sabatino Romeo

RIPARTONO I CORSI DI PALLAVOLO E MINIVOLLEY

TUTTI I MARTEDI E I GIOVEDI DALLE ORE 18 PALESTRA I.C. F.LLI LINGUITI - gIFFONI vALLE pIANA INFO: 327 9762563 - 331 4687674 - INFO@GIFFONIFUTURA.IT


RACCONTAMI...

IL TUO SOGNO NEL CASSETTO? Silvia, 27 anni: “Sentirmi realizzata ed orgogliosa di me stessa” Miriam, 31 anni: “Vivere una bellissima storia d'amore” Luca, 34 anni: “Vincere il jackpot al Superenalotto” Nicola, 30 anni: “Diventare un bravissimo fumettista e disegnare tante storie per bambini” Michele, 8 anni: “Essere un calciatore fortissimo” Alessandra, 18 anni: “Diventare una psicologa per comprendere e aiutare la gente nei loro problemi” Luigi, 23 anni: “Essere un buon padre” Erika, 12 anni: “Diventare una cantante e cantare in uno stadio pieno di miei fans” Rossella, 15 anni: “Girare il mondo per conoscere altre culture” Gianluca, 49 anni: “Riuscire a pubblicare un libro che mi renda famoso” Valentina, 20 anni: “Ritornare con il mio ex prima che si innamori di un'altra” Franca, 50 anni: “Comprare la casa dei miei sogni e vivere con la mia pensione” Alice, 5 anni: “Lavorare nell'agriturismo di mamma e papà” Antonio, 37 anni: “Riuscire a diventare un insegnante di matematica nel liceo che ho frequentato da ragazzo” Interviste a cura di:

Gennaro Cavaliero - Stefano Foglia


SI RINGRAZIA 2 PROTAGONISTA DONNA

UOMO

TERMOIDRAULICA VIGNOLA sas di Agostino Vignola e C.

Via Adua, 10 Giffoni Valle Piana (SA)

389 0520123

Via Calabranello, 21 - Giffoni Valle Piana (SA) Tel/Fax 089 865456 - 347 9130689 e-mail: termovigno@infinito.it - P.IVA 05313980657

Cartolibreria

KELLY

Dè Rossi ANTICA PIZZERIA

PRIMO PIANO chef

Vincenzo Forte

Chioschetto

da CICCONE Quartiere Berlinguer Giffoni Valle Piana

SPORTLIFE di IACUZIO DOMENICO

qualità e tradizione

089 868495 Via Scarpone, 2 84095 Giffoni Valle Piana (Sa)

INFO: 392 5136996 SANDRO COSTABILE

P.IVA 0487765 065 7

VIA S. ANSELMO - GIFFONI VALLE PIANA

1913

seguici su

CUCINA & SALUMERIA

Chef Vincenzo Forte - 333 6601139 Via Adua, 22 - Giffoni Valle Piana (Sa)

IN COLLABORAZIONE CON: ILLUSTRAZIONI A CURA DI:

f Elena's doodles

Giffoni Valle Piana 089 86 54 20 - td.sas@live.it

IN FOR(u)MAZIONE n°.2 - OTTOBRE 16 - FORUM DEI GIOVANI - GIFFONI VALLE PIANA  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you