Issuu on Google+

25 anni insieme

Programma celebrazione

Consiglio regionale

Dal territorio

Settembre 2015 - Numero speciale

FARE CENTRO INFORMAZIONI, CULTURA, ARTE, ATTIVITA’ RICREATIVE, TURISMO

Notiziario di ANCeSCAO Lazio


SETTEMBRE 2015

SOMMARIO

FARE CENTRO 3. 25 anni insieme 4. Celebrazione del 25mo anno della fondazione 6. Consiglio regionale ANCeSCAO 7. Dal territorio

www.ancescaolazio.it info@ancescaolazio.it DIRETTORE Pasqualino Carconi VICEDIRETTORE Elio D’Orazio REDAZIONI PROVICIALI Viterbo: Arnaldo Picchetto, Gabriella Rasetti Rieti: Giuliano Liberati Frosinone:Ferdinando Matarese Latina: Aldo Pastore, Benina Mira EDITING E GRAFICA Luca D’Orazio SEDE REDAZIONE Via di Casal Bruciato, 15 00159 Roma Tel e Fax 0643599220

2 | FARE CENTRO

SETTEMBRE 2015 - NUMERO SPECIALE


EDITORIALE

25 ANNI INSIEME di Pasqualino Carconi - Presidente ANCeSCAO Lazio e di Elio D’Orazio - Presidente ANCeSCAO Roma Vogliamo celebrare un anniversario particolare, orgogliosi di esserci ed impegnati per il futuro. Si tratta di un evento nel quale la nostra mente va al cammino percorso per riflettere sui successi, sugli insuccessi, sulle difficoltà e soprattutto sul cammino futuro, mettendo a frutto il patrimonio accumulato: ma la nostra mente va a tutti coloro che per primi hanno raccolto la sfida di dare vita ad una associazione nazionale nella quale fare confluire le centinaia e migliaia di esperienze per dotarle di maggiore vigore, idealità, progetti. Alla fase pionieristica è seguita quella della costruzione di un impianto culturale ed organizzativo adeguato alle sfide poste dallo sviluppo imponente della popolazione anziane e dei pensionati, ai nuovi compiti assunti dagli enti locali, comunali e regionali, nonché dallo Stato, allorquando ha preso forma una più generale presenza delle organizzazioni del terzo settore ed un più adeguato quadro normativo nazionale e regionale attraverso il quale veniva riconosciuto, sostenuto ed agevolato un rinnovato impegno e coinvolgimento della società civile nel volontariato, nell’associazionismo di promozione sociale, nella cooperazione sociale, nell’impresa sociale.

ancora diversificata a livello locale, comunale e regionale per la sua particolare origine e per il legame ancora subordinato, in ancora molte realtà, alle amministrazioni comunali, cosa che ha rallentato notevolmente il processo di autonomia, rendendone difficile la identificazione all’interno del quadro normativo nazionale e regionale. Molto lavoro c’è ancora da fare per cambiare cultura degli amministratori, ma anche dei dirigenti dei centri anziani che per troppo tempo sono vissuti sotto l’ombrello protettivo dell’assessore o del sindaco.

Lo sforzo riformatore di Ancescao sta dando i suoi risultati, ma il cammino è ancora lungo e tortuoso, specialmente in alcune regioni del centro e del sud del paese. Ma lo sforzo ancora maggiore da fare è quello di riposizionare i centri anziani, Il cammino da fare è ancora e quindi la stessa associazione, tanto e difficoltoso: la figura all’interno di un contesto di particolare dei centri anziani è grandi mutamenti culturali,

sociali ed economici nel quale la presenza dell’anziano è diversa da venticinque anni fa: il contesto di vita nel quartiere e nella comunità si aspetta modalità e contenuti diversi nella gestione e le amministrazioni si trovano in difficoltà finanziarie e tagliano fondi. A 25 anni dalla sua fondazione l’associazione deve saper raccogliere queste moderne sfide e farsi promotrice di un profondo rinnovamento della cultura dell’essere centro anziani, di un altrettanto rinnovamento dei gruppi dirigenti, aprendo alle nuove generazioni di anziani e pensionati, ma anche ad un più ampio e diversificato bacino di esperienze, competenze, disponibilità. E’ un nostro impegno, ma dobbiamo rivendicarlo anche da parte di tutti: cittadini, amministratori, sindacati, forze politiche. E questo significa che il cammino sarà ancora lungo ed impegnativo: ai posteri , fra altri 25 anni, l’ardua sentenza.

SETTEMBRE 2015 - NUMERO SPECIALE

FARE CENTRO | 3


CELEBRAZIONE DEL 25° ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE ROMA, LU N EDI’ 21 SETTEMBR E 2015 C A MP IDOGL IO, S A L A DE L L A P ROTOMOT E CA O RE 9. 30- 13. 00 25 ANNI CON I CENTRI SOCIALI, PER LA PROMOZIONE SOCIALE E LA SOLIDARIETÀ

ANCeSCAO SI APRE AL FUTURO

Rinnovare l’Associazione secondo principi di democrazia, competenza e impegno sociale in una Europa di Comunità PROGRAMMA Registrazione partecipanti Saluti istituzionali Consegna Encomio al Socio Fondatore ANCeSCAO, Giorgio Giorgi Tavola rotonda sul tema: ANCeSCAO di fronte alle sfide: il lavoro congiunto di Istituzioni e Terzo Settore Esarmo Righini, Presidente ANCeSCAO Nazionale Anziani e politiche sociali, la realtà italiana: Giuseppe De Rita, Presidente CENSIS L’Europa delle Associazioni: Marjan Sedmak, Presidente Age Platform Europe Il nuovo concetto di Welfare: Gino Mazzoli, esperto di Welfare e pratiche partecipative Modera: Riccardo Bonacina, Fondatore di Vita.it e giornalista Huffington Post Ore 13.30: festa e consegna attestati presso il ristorante “La Cacciarella” Via di Casal Bruciato, 11 Roma 4 | FARE CENTRO

SETTEMBRE 2015 - NUMERO SPECIALE


ANCeSCAO - La storia

L’inizio dell’esperienza di coordinamento tra i Centri Anziani Nella foto, l’articolo uscito sul giornale L’Unità in aprile 1987 nel quale si preannuncia la prima riunione dei centri anziani a Bologna per il giorno 8 aprile 1987 per avviare l’esperienza di coordinamento.

Giorgio Giorgi

Protagonisti sono Angelo Sgarbi (centri dell’ Emilia Romagna) e Giorgio Giorgi (centri di Roma). I temi citati sono ancora oggi di grande attualità. L’associazione nazionale sarà costituita nel marzo 1990.

SETTEMBRE 2015 - NUMERO SPECIALE

FARE CENTRO | 5


tonomia gestionale e di capacità di interagire con l’insieme del sistema normativo del terso settore. Fulcro dell’azione dovrà essere anche una accelerazione ed intensificazione delle attività formative e di un diverso e più appropriato uso delle risorse nazionali per sviluppare iniziative volte a dare forza all’associazione, capacità di azione verso le istituzioni ad ogni livello, autorevolezza nell’ambito delle rappresentanze del terzo settore, capacità di influenzare le scelte delle reti europee e delle stesse istituzioni europee. Le celebrazioni del 25mo anniversario saranno l’occasione per un forte rilancio. Alla riunione regionale seguiranno altrettante riunioni nelle province e comprensori della Regione Lazio allo scopo di approfondimenti e coLa riunione del Consiglio regionale di involgimenti di tutti i livelli della associazione ANCeSCAO Lazio, con la presenza del Presi- agli impegni futuri. dente nazionale Esarmo Righini e di Michelino Lucidi membro dell’esecutivo nazionale, ha discusso i temi di maggiore attualità riguardanti la riforma del terzo settore, la riorganizzazione della associazione per adeguarla alle nuove prospettive, la partecipazione alle celebrazioni del 25mo anniversario della fondazione.

CONSIGLIO REGIONALE ANCESCAO LAZIO

Il Presidente nazionale ha volutamente sottolineato l’urgenza dell’ammodernamento organizzativo sollecitando i Centri aderenti ad assumere la forma giuridica di APS associazione di promozione sociale al fine di dotarli di vera au-

6

|

FARE CENTRO

SETTEMBRE 2015 - NUMERO SPECIALE


NOTIZIE

DAL TERRITORIO

Musica e teatro si incontrano sulla rocca di Vico nel Lazio (Frosinone) Domenica 19 Aprile è stata una giornata di musica e teatro a Vico nel Lazio (Fr), ridente borgo medievale e rocca fortificata dei monti Ernici, una terrazza per ammirare la provincia di Frosinone. Il centro anziani “S. Giorgio” di Vico nel Lazio ha infatti organizzato una manifestazione in cui il gruppo teatrale del centro anziani “Madonna della neve” di Guarcino (Fr) ha presentato la parte principale dello spettacolo: la recita di una commedia musicale che in questi anni è stata molto apprezzata nei comuni del circondario. L’autrice, Prof.ssa Rita Ciavardini di Guarcino ha diretto il gruppo teatrale del centro anziani “Madonna della Neve”, impegnato nella commedia SETTEMBRE 2015 - NUMERO SPECIALE

FARE CENTRO | 7


musicale “Zà Filomena e zì Peppino”, rappresentazione ironica della vita quotidiana nei piccoli paesi della Ciociaria, raccontata nel linguaggio della saggezza popolare dei nostri nonni. L’interpretazione simpatica e coinvolgente degli attori di Guarcino ha entusiasmato il numeroso pubblico presente. Di particolare rilievo, la gradita presenza del presidente del coordinamento provinciale Ancescao di Frosinone, Dott. Ferdinando Matarrese, è stata l’occasione per un breve intervento in cui il presidente ha spiegato gli obiettivi e le attività dell’Ancescao nel territorio ciociaro. Ha dato lustro all’evento la presenza del Sindaco di Vico nel Lazio, cav. Claudio Guerriero.

del presidente Cedrone. La seconda parte è stata dedicata soprattutto alla musica leggera. Molto apprezzata la cantante Konsuelo, che assieme alle colleghe Norma e Gina si è esibita in canzoni molto applaudite. In particolare la signora Gina ha mostrato di avere ancora, alla veneranda età di 87 anni, una splendida voce. Il presidente del centro anziani di Vico e animatore dell’evento,

La partecipazione straordinaria di un gruppo di artisti del centro anziani “Elio Gabriele” di Castelliri (Fr), ha inoltre offerto un graditissimo contorno all’evento, con le simpatiche parodie canore di Domenico e la lettura di poesie molto apprezzate da parte

8 | FARE CENTRO

SETTEMBRE 2015 - NUMERO SPECIALE

Gaspare Gemma, al termine della manifestazione ha ringraziato i presidenti dei centri anziani Mario Martufi, Giulio Cedrone e Roberto Orfei, tutti gli artisti che hanno animato questa bella giornata ciociara, e ha sottolineato l’importanza di questi incontri tra i vari centri che favoriscono le conoscenze e la socializzazione. In conclusione, tutti i presenti hanno potuto usufruire di un rinfresco a buffet offerto dagli sponsor della manifestazione.


Fare centro numero speciale settembre 2015