Issuu on Google+

Prefettura di Kanagawa

CONTRATTO DI AFFITTO Addì ............., in ..................... si è firmata e concordata la presente scrittura privata, redatta dall’agenzia proprietaria

27 lug 2012 Yoshitaka Fudosan il ……….…., ………………….. da valere e tenere a tutti gli effetti di legge tra le parti sotto identificate: Kanagawa, Yokosuka via Sapporo Yoshitaka Yamato nato/a il ……………… a ……………….. Tra il/la Sig. ……………….. e residente a ………………….. giapponese Zona residenziale Plesso C …………….. n. …… cod. fisc. ……………….. cittadino/a ………….., nella sua qualità di legale proprietario C-10 Yokosuka via …………….…. Zona residenziale Partita Iva …………… xxxx-xxxx d’ora in poi il dell’appartamento ………… in Kanagawa, ………….……..

locatario (o proprietario) Ed il/la Sig. ………………………….. nato/a il ………………. a …………… e residente in ………………….. via …………………. Cod. fisc. ……………….. / p. iva ………………………….. cittadino/a ……… avente la professione di ……………., d’ora in poi l’inquilino/a Con il presente atto si è consensualmente e volontariamente convenuto e stipulato quanto segue in ordine alla costituzione di un affitto di convivenza fra i medesimi avente efficacia nell’attività di coinquilini nell’appartamento sunnominata. A comprova della piena cognizione della materia trattata le parti allegano al presente atto copia degli artt. xxx-xxx c.c., che regolano gli inquilini in affitto e che dichiarano di aver attentamente letto e valutato durante le trattative che hanno portato alla sottoscrizione del presente patto. Oggetto degli inquilini in convivenza A far data dal ………….. l’inquilino presterà la propria opera nello svolgimento dell’attività di convivenza. Tale attività costituirà ad ogni effetto l’apporto in qualità di inquilino ai sensi dell’art. xxxx c.c. Detta convivenza si riferisce all’impresa nel suo complesso e si intende posta in essere a tempo indeterminato. Modalità di svolgimento dell’attività Al riguardo le parti stabiliscono e pattuiscono che tale apporto non potrà mai avere, né assumere, forma o sostanza di lavoro subordinato, non avendo l’inquilino alcun obbligo di orario e presenza, né dovendo soggiacere ad alcuna subordinazione gerarchica, funzionale o tecnica, ma consegue ad una condotta e quindi alla sua attività. Il locatore mantiene pienamente i poteri di gestione dell’appartamento, rimanendo l’unico ed esclusivo titolare della stessa. Da ciò deriva che egli è esclusivo (salvo eccezioni) responsabile verso i terzi circa quanto consegue dalla conduzione della convivenza medesima. Egli risulta, comunque, sfornito di ogni e qualsiasi potere disciplinare, di comando e di controllo nei confronti dell’inquilino eccetto nei casi di violazioni delle norme di convivenza trattate e accettate. Quest’ultimo opererà usufruendo della più ampia autonomia ed autoregolamentazione della propria attività oltre della piena libertà alle attività dell’inquilino. Partecipazione agli utili e alle perdite L’inquilino ha il dovere di pagare il canone mensile al legale proprietario, entro e non oltre il decimo giorno dle mese successivo e ha il diritto di trattare la quota esatta in base alle proprie situazioni finanziare a partire da Yen 10001. L’inquilino ha diritto di percepire una quota parte dell’utile di esercizio conseguito bimestrale dall’appartamento di diversa natura. Detta quota viene stabilita nella percentuale del ………….. % (dicesi ………….. per cento) e la stessa verrà liquidata, con riguardo al mese precedente, entro e non oltre il venticinquesimo giorno del mese successivo e dopo che l’inquilino avrà approvato il rendiconto bimestrale come sotto specificato2. Ai sensi dell’art. xxxx c.c. si conviene che l’inquilino viene esonerato dalla partecipazione alle eventuali perdite di esercizio, fastidio o danni entro un limite massimo di Yen 1500]. L’inquilino riconosce che non potrà avanzare alcuna pretesa in ordine ad una qualsiasi garanzia di guadagno minimo, in quanto il compenso riguardante il suo apporto trova la sua


regolamentazione unicamente in quanto convenuto con il presente contratto. L’inquilino non potrà, inoltre, vantare alcun diritto sugli incrementi patrimoniali indipendenti dall’esercizio della convivenza. Durante il trimestre potranno esser corrisposti acconti, su richiesta dell’associato, in numero massimo di quattro e sempre che non eccedano ciascuno la misura di 1/3 della quota di canone dell’affitto. Per il primo anno si stabilisce che, qualora l’interessato ne richieda l’erogazione, i quattro acconti, saranno pari a Yen …. ognuno, al lordo delle ritenute fiscali. Rimane, comunque, inteso che detti acconti dovranno venir restituiti, in tutto o in parte, entro 30 giorni dalla data sopra individuata per la liquidazione della convivenza spettante all’inquilino, in relazione al risultato finale d’esercizio, nel caso in cui essi superassero quanto di competenza dell’inquilino medesimo, a seguito della predetta determinazione contabile. Diritto alle informazioni sulla gestione e al rendiconto annuale L’inquilino avrà diritto ad essere informato, durante l’anno solare, dietro sua esplicita richiesta, sull’andamento della gestione condominiale. In relazione a tale diritto, l’inquilino potrà controllare in ogni momento, previo avviso, l’andamento della convivenza per quanto di competenza della presente scrittura, mediante accesso dati, ispezione della contabilità e dei documenti relativi alla gestione e quant’altro egli ritenga necessario. Il predetto controllo non potrà comunque essere svolto in modo tale da intralciare il normale esercizio della gestione dell’convivenza; non potrà anche essere delegato a professionista di fiducia dell’inquilino. Si intende che la contabilità condominiale dovrà esser tenuta in segreto tra locatario e inquilino/i. Al termine di ogni anno solare verrà redatto dal locatario apposito rendiconto, come previsto dall’art. xxxx c.c., in base al quale, tenuto conto di quanto sopra pattuito, si procederà alla liquidazione della quota-parte dell’utile di pertinenza dell’inquilino stesso [o all’addebito della perdita di esercizio nei limiti convenuti]. Prima di procedere in tal senso, peraltro, l’inquilino avrà a disposizione sette giorni di calendario per presentare eventuali eccezioni o opposizioni, che dovranno assumere forma scritta, circa il contenuto e/o la forma del predetto rendiconto. Trascorso inutilmente tale termine esso si darà per approvato e si potrà dar luogo alla prevista liquidazione e convivenza. In caso di contrasto sul punto le parti si accordano già fin d’ora nel senso di applicare le norme civilistiche di redazione del bilancio ed i principi contabili correnti. Divieti L’inquilino non potrà attribuire partecipazioni ad altre persone senza avviso esplicito e/o scritto al locatario e il suo consenso. Resta, parimenti, inteso che il proprietario non potrà modificare le norme della convivenza per tutta la durata del contratto se non con l’esplicito consenso dell’inquilino o dell’unanimità dei coinquilini. Inoltre vige la privacy inviolabile della camera da letto del proprietario le cui libertà suddette non sono vigenti, la trasgressione è punibile secondo l’occasione. Scioglimento del contratto L’inosservanza da parte di uno dei contraenti anche di una sola delle clausole del presente contratto comporterà automaticamente la risoluzione del contratto stesso, salvo il diritto dell’altra parte al relativo risarcimento. Al di fuori di quanto sopra e dell’ipotesi di impossibilità sopravvenuta della prestazione, o, infine, della comune volontà delle parti di recedere dalle rispettive obbligazioni, sarà dovuto, in caso di scioglimento del contratto, un preavviso di settimane tre. Norma transitoria Poiché il presente contratto ha decorrenza dal ………… s’intende che, per il bimestre …… - …….., la percentuale di utile di cui s’è detto verrà applicata ai relativi sessantesimi dell’utile complessivo del bimestre stesso. Parimenti i previsti acconti sui futuri utili non potranno essere erogati in numero superiore a ….. Norme fiscali e di rinvio Ai fini fiscali le parti dichiarano che il presente contratto di affitto non prevede apporto di capitali, ma esclusivamente di lavoro di natura autonoma. Per ciò che non è espressamente regolamentato dal presente atto si fa rinvio a quanto previsto dalle normative vigenti in materia di affitto. La sintesi Si promette nella sintesi: la libertà di agire, sul modo di vivere, d’invito all’interno dell’appartamento e del suo ampliamento sotto richiesta nei vincoli d’informazione del proprietario che può permetterli o meno sull’occasione e nei limiti dell’immobile. Si promette una flessibilità sul canone mensile d’affitto e un guadagno sulle proprie attività retributive e/o assegnate e concluse positivamente.


Letto, approvato e sottoscritto

NOTE 1 - Tale quota è soggetta ad aumenti o relative riduzioni all’attività dell’inquilino 2 - Tali percezioni saranno calcolati sulla base dei lavori e compiti assegnati in concordanza tra proprietario e inquilino/i. La quota può essere pari e non oltre il doppio della quota del canone d’affitto concordato.

Per attestazione di piena conoscenza ed approvazione.

Il proprietario

Yoshitaka Yamato ______________________

L’inquilino _____________________


Contratto Appartamento