Page 1

Anno II - n. 64 - Venerdì 26 marzo 2010

Altro

l’ € 0,50

Ora di punta di

Moisè AstA

Oscuramenti sorprendenti

S

i ha l’impressione che si vogliano chiudere gli occhi sul processo di impoverimento delle famiglie più modeste e meno abbienti della società italiana. Nelle ultime ore, infatti, si è riservata tanta enfasi alla rinnovata squadra di Emma Marcegaglia (la quale ha chiamato al suo fianco, nella guida della Confindustria, il vice presidente della Fiat, Elkan, e il presidente della Federchimica, Squinzi) e minore attenzione alla circostanza (ufficializzata dall’Istat) del calo di vendite finanche dei generi di prima necessità. Verosimilmente la “astuzia” è finalizzata a non infierire su di un governo allo sbando, ora al “redde rationem” di un turno elettorale mai così imprevedibile e incerto. on si avevano dubbi sulla capacità della Marcegaglia di rafforzare la guida dei suoi organizzati ma è improbabile che gli industriali dell’alimentazione vivano sonni tranquilli dinanzi al calo del 3,3%, su base tendenziale (cioè rispetto al gennaio 2009) della vendita di pane, pasta e altri prodotti alimentari. Quali e quante sono le loro colpe (non si dimentichi il mai giustificato aumento del prezzo della pasta)? Quali e quante quelle del governo che non ha trovato misure adeguate a tutela della povera gente? La verità è che tra chi trasforma i prodotti (speculando) e chi deve fissare le norme per disciplinarne distribuzione e fruizione ci dev’essere una iniqua intesa. A scapito dei consumatori, come al solito.

N

quotidiano www.altroquotidiano.it

Dopo il grande successo dell’iniziativa Santoro-Fnsi

Notte per la Rai

Berlusconi chiede sanzioni all’Agcom

Del grande successo di “Raiperunanotte” organizzata ieri sera da Santoro, da “Annozero” e dalla Federazione della Stampa abbiamo riferito ampiamente nel nostro sito. Berlusconi chiede sanzioni all’Agcom contro il conduttore. Pubblichiamo a commento un articolo di Giuseppe Giulietti, leader di “Articolo21.”

V

ieni avanti censore!” Questa è la sfida ch Articolo21 intende lanciare a quanti, a cominciare dal direttore generale, hanno già annunciato l’intenzione di promuovere azioni disciplinari contro quanti hanno ancora intenzione di rassegnarsi alla scomparsa della Rai. La manifestazione di Bologna, peraltro promossa dal sindacato dei giornalisti, come le decine di iniziative promosse in tutta Italia sono un vero e proprio atto d’amore di chi ancora paga un canone per essere insultato, vilipeso, cancellato, censurato. Per la prima volta gli esclusi e gli escludendi manifestano non contro il servizio pubblico, come pure facevano i leghisti e i forzisti prima di occuparla, ma per il servizio pubblico. uò sembrare un paradosso, ma cosi è. Non si tratta dunque di un gesto di disobbedienza civile, ma di una vera e pro-

P

pria campagna nazionale per reclamare l’obbedienza civile alla costituzione, alle leggi, all’articolo 21 della Costituzione. Gli unici veri disobbedienti civili sono quelli che adorano i conflitto di interesse, che hanno sottomesso la Rai agli interessi di Mediaset, che concordano per telefono la espulsione di giornalisti e autori sgraditi, i veri disobbedienti, i veri felloni sono loro. E contro di loro bisognerà promuovere ogni iniziativa utile a facilitare la loro immediata rimozione. e e quando tenteranno di chiudere la bocca a Michele Santoro,a Serena Dandini, a Raitre, a Giovanni Floris, a Corradino Mineo, che non si è piegato al comando di oscurare la grande manifestazione bolognese, se e quando ci proveranno dovremo costruire attorno a loro e a tanti altri una vera e propria grande muraglia della solidarietà, della azione civile,

S

della denuncia quotidiana,i ndividuale e collettiva. Il collegio dei legali di Articolo21, coordinato dall’avvocato Domenico D’Amati è già pronto a presentare le sue denunce e i suoi esposti ovunque sarà possibile: ai tribunali, alla Corte dei Conti, al Tar, al Consiglio di Stato, li inseguiremo ovunque, aula per aula, procura per procura. on gli daremo tregua sino a quando non se ne andranno. Non ci sono mediazioni possibili quando è in gioco la libertà d’espressione e la libera circolazione delle opinioni. In ogni caso questi signori hanno già dimostrato di avere più a cuore il conflitto di interessi che non l’interesse generale; qualsiasi censura è sempre da respingere, ma una censura inflitta da chi ha fatto finta di non vedere e di non sapere alcunché circa le gravissime violazioni deontologiche ed etiche che si sono consumate attorno a loro e tra di loro, ha un sapore ancora più disgustoso, sembra quasi un inno alla vita intonato dalla associazione nazionale dei boia. Giuseppe Giulietti

N


Altro

l’

venerdì 26 marzo 2010

VentiquattrOre

quotidiano

2

tANGENti

ELEzioNi LAzio

GiNoSA mARiNA

PARmA

Prosperini ha tentato il suicidio con un bisturi. Da quanto hanno riferito i suoi legali, ieri mattina attorno alle 7.30, dopo aver ingerito del sonnifero in una dose maggiore rispetto a quella solita, si è provocato dei “tagli non molto profondi ma estesi” ai polsi, agli avambracci e alle gambe. A trovarlo sanguinante nel salotto di casa è stata la moglie che ha chiamato subito uno dei difensori.

Il vicepresidente della Regione Lazio Esterino Montino aveva il pieno diritto di convocare le elezioni regionali, sostituendosi al presidente dimissionario Piero Marrazzo. È quanto ha stabilito il Tar, nelle ordinanze con le quali respinge i ricorsi avanzati da alcune liste per chiedere il rinvio delle elezioni. “Per quanto risulta – scrivono i giudici sussistono i presupposti della sostituzione vicaria del presidente della Regione.”

Ci vorranno i risultati dell’autopsia per scoprire le cause della morte. Un uomo di 35 anni è stato trovato morto la notte scorsa sulla spiaggia di Ginosa Marina, in provincia di Taranto. La moglie di Andrea Rogia, originario di Grassano (Matera), aveva denunciato la scomparsa del marito mercoledì sera. Il medico legale, dai primi esami, non ha riscontrato segni di violenza ma il magistrato ha comunque disposto l’autopsia.

In fase di separazione ha chiesto all'ex moglie il rimborso per il seno rifatto, una mastoplastica additiva che le aveva regalato (per un costo di circa 3.500 euro), perché ora non può più “goderne”. Dopo un'iniziale resistenza, la donna ha acconsentito a restituirgli metà della somma. Si erano sposati cinque anni fa. La moglie si è rivolta al chirurgo plastico per esaudire un desiderio del coniuge, che poi ha chiesto il rimborso.

Prosperini tenta il suicidio con dei sonniferi

montino poteva sostituire marrazzo

Trovato cadavere sulla spiaggia Nessuna violenza

Si fa rimborsare dalla moglie protesi del seno

La Marcegaglia avanza proposte per la crescita economica LA Foto

Confindustria chiede riforme

Il Napoli stende la Juve

“Siamo stati troppo timidi con il governo” Illustrando le linee guida per i prossimi due anni, il numero uno degli industriali ha sottolineato che l'obiettivo principale di Confindustria sarà quello di "essere sempre di più la voce più forte e autorevole nel mobilitarsi e chiedere l'attuazione delle riforme necessarie alla crescita del Paese". Inoltre la Marcegaglia ha respinto al mittente le critiche di coloro che hanno accusato gli industriali, durante la fase di emergenza legata alla crisi economica, "di essere stati troppo timidi con il Governo: in realtà - ha detto - il nostro atteggiamento è stato di grande responsabilità.

Quando si è sul baratro è facile urlare e dare voce alla protesta, ma questo atteggiamento non serve, è solo pericoloso". E proprio parlando delle azioni del Governo per fronteggiare la crisi, la Marcegaglia, pur consapevole del fatto che non si potesse "fare più debito", ha puntato l'indice contro l'assenza di "un'azione riformatrice più profonda che riducesse la spesa pubblica improduttiva, ancora altissima". Il presidente di Confindustria ha indicato le principali azioni che devono essere realizzate in Italia, disegnando un vero e proprio “progetto Paese”.

Altro

l’

quotidiano

Direttore responsabile: Ennio simeone Redazione: Viale Regina Margherita n. 232 int. 19 tel. 06 44250406 Indirizzo e-mail: redazione@altroquotidiano.it Editrice: GECEM (Gestione Cooperativa Editoria Multimediale) - Presidente:stefano Clerici Sede legale: Via Aldo Sandulli 45, Roma Registrazione del Tribunale Roma n..343/08 del 18 settembre 2008 - Registrato al ROC Partita Iva 09937731009

Napoli-Juventus 3-1 nel posticipo della 30/a giornata di serie A. Gol di Chiellini, Hamsik, Quagliarella (nella foto), Lavezzi. Al 7' Chiellini segna di testa da pochi passi. Poi è il Napoli a fare la partita e vincere.

L’OnOmasticO

Maddalena Nata a Chieri, nel torinese, il 15 novembre 1847, è la sesta di otto figli. il padre muore nel 1855 quando già cinque dei suoi figli erano morti. maddalena, a soli otto anni, inizia a lavorare con il telaio e a dieci sente il desiderio di dedicarsi alla fede.

accadde Oggi L’impero fascista il 26 marzo 1939 Benito mussolini in un discorso afferma: "Desideriamo che il mondo sia informato sui problemi italiani, essi hanno un nome: si chiamano tunisi, Gibuti, Canale di Suez"


Altro

l’

venerdì 26 marzo 2010

VentiquattrOre

quotidiano

StAti UNiti

3

StAti UNiti

Cavillo procedurale non ferma la riforma sanitaria: riapprovata

Furgone portavalore perde un sacco con 100 mila dollari

La legge sulla riforma sanitaria americana, approvata dalla Camera nel testo varato dal Senato, era incappata in un nuovo ospacolo, dopo il sì definitivo del Senato a causa di un'irregolarità procedurale. La legge è stata perciò sottoposta a una nuova votazione. L'annuncio è stato dato da Harry Reid, portavoce democratico del Senato: "I Repubblicani hanno scovato due clausole che sono violazioni della procedura". Il ritorno alla Camera dei Rappresentanti però, contrariamente al previsto, è andato più liscio del temuto. La legge è passata con 13 voti I cavilli procedurali sollevati da repubblicani non hanno di scarto contro i 6 dell’altro giorno. fermato Obama: la riforma è passata con 220 sì e 207 no

Come in un film, un furgone portavalori ha perso un sacco con 100mila dollari. L'autista non se ne è accorto ed ha proseguito sulla sua strada mentre le banconote si sono sparse su una strada di Whitehall, un sobborgo di Columbus in Ohio. La scena, piuttosto surreale, ha scatenato dopo l'iniziale incredulità - l'assalto dei passanti che, come cavallette, si sono subito precipitati a raccogliere più dollari possibile. Una piccola minoranza ha aiutato la polizia ha recuperare i soldi, ma a fine giornata mancavano all'appello ben 89.500 dollari.

UNioNE EURoPEA

Città DEL VAtiCANo

«Su padre Murphy Sarkozy e Merkel non ci fu insabbiamento» hanno aiutato Atene “Sul caso di padre Murphy non vi è stato alcun insabbiamento". Lo scrive l'Osservatore Romano a proposito della vicenda che, secondo il NYT. avrebbe visto l'allora cardinale Ratzinger occultare la vicenda di un prete pedofilo Usa. Secondo il quotidiano della Santa Sede, la ricostruzione fatta della vicenda è "funzionale all'evidente e ignobile intento di arrivare a colpire, a ogni costo, Benedetto XVI e i suoi più stretti collaboratori". La Santa Sede reagisce all'attacco del New York Times: secondo l'Osservatore Romano, sulla vicenda non ci fu "nessun insabbiamento", mentre dalle ricostruzioni giornalistiche emerge un "evidente e ignobile intento di arrivare a colpire, a ogni costo, Benedetto XVI e i suoi più stretti collaboratori". Il portavoce vaticano padre Federico Lombardi aveva detto che nella vicenda non c'era stata nessuna copertura, nessuna proibizione di denuncia degli abusi, mentre la Congregazione per la Dottrina della Fede venne informata dei fatti solo una ventina di anni dopo. Per padre Lombardi, "non esiste nessuna relazione" tra l'applicazione della 'Crimen sollicitationis' e la mancata denuncia degli abusi sui bambini alle autorità civili: "nè la Crimen sollicitationis nè il Codice di Diritto Canonico hanno mai vietato la denuncia degli abusi sui bambini alle forze dell'ordine".

P

er trenta lunghi anni India e Bangladesh si sono contese l'isolotto di New Moore, situato nella baia del Bengala. A risolvere il contenzioso una volta per tutte ci ha pensato il "global warming" che ha provocato l'innalzamento del livello del mare: l'isola è scomparsa, sommersa dalle acque. Chiamata "Talpatti del sud" dai bengalesi, New Moore 'era' un isolotto dell'arcipelago di Sunderbans di appena 3,5 chilometri. Oggi è completa-

Nicolas Sarkozy, presidente francese, e la cancelliera tedesca Angela Merkel, hanno raggiunto un accordo sul meccanismo d'aiuto per la Grecia. E nella notte a Bruxelles il loro d'accordo su un quadro europeo che coinvolga il Fondo Monetario Internazionale e preveda aiuti bilaterali su base volontaria, ha ricevuto il consenso dell’Unione europea. La cancelliera ha inoltre insistito affinché il piano sia da considerare solo come “extrema ratio”, e cioè qualora Atene davvero non il primo ministro Papandreou dovesse essere più in grado di onorare il debito, ne pagherebbe le conseguenze. La partecipazione dei governi Eurozona al meccanismo di aiuti (prestiti) alla Grecia sarà "maggioritaria" rispetto al contributo Fmi.

iL CASo

L’isolotto condiviso è scomparso mente sommerso, ha constatato l'oceanografo Sugata Hazra, professore dell'università Jadavpur di Calcutta. La scomparsa di New Moore è stata confermata da delle immagini satellitari e dai sopralluoghi della marina. "Il riscaldamento climatico è riuscito a risolvere

quello che i due Paesi non erano riusciti a fare nonostante anni di discussioni", ha commentato ironicamente Hazra. Ma New Moore non è la prima isola dell'arcipelago a fare questa fine. A Lohachara, una sua vicina, era già toccato nel 1996 e gli abitanti erano stati costretti a trasfe-

rirsi sulla terraferma. Secondo Hazra, sono dieci gli isolotti delle Surderbans che rischiano di scomparire dalla faccia della terra. Talpatti del sud/New Moore non era abitata ma l'India vi aveva inviato dei soldati nel 1981 per piantarvi il vessillo nazionale. Gli scienziati della scuola di studi oceanografici dell'università hanno constatato un aumento allarmante del livello nel mare negli ultimi dieci anni nella baia del Bengala.


Altro

l’

il FattO

quotidiano

Piero Marrazzo con Natalì, caccia al video Il carabiniere Simeone collabora con la giustizia e dà delle dritte ai pm per trovare il filmato del ricatto all’ex governatore di

ELoisA CovELLi

E’ stato interrogato a lungo il carabiniere Luciano Simeone, una delle quattro “mele marce” che ha deciso di collaborare con la giustizia. Sarebbe stato proprio lui, assieme a Carlo Tagliente, ad irrompere nella casa di Natalì sorprendendo l’allora governatore del Lazio, Piero Marrazzo, in mutande. Da lì, secondo l’accusa, si sarebbe scatenato un sistema mirante da un lato a ricattare Marrazzo per ottenere denaro e dall’altro a piazzare sul mercato il video compromettente.

Ma di questo video, di 12 minuti, non se n’è ancora trovata traccia. Gli inquirenti hanno visto il promo, così come alcuni giornalisti a cui fu offerto il video, ma il girato integrale non è stato ancora trovato. I procuratori continuano a cercarlo, anche perché in quelle immagini ci dovrebbero essere anche i carabinieri e quindi il filmato sarebbe la prova schiacciante della loro colpevolezza. I Ros sono persino andati a cercarlo nello studio dell’avvocato Marco Cinquegrana, legale di

venerdì 26 marzo 2010

4

da sinistra Piero Marrazzo, Gianguerino Cafasso e sotto la trans Natalì

Cafasso. Ma essendo una perquisizione verso terzi, i Ros hanno potuto prendere solo quello che il penalista 42enne ha spontaneamente consegnato: l’hard disk del computer fisso e la copia della memoria del portatile. Secondo le ammissioni di Simeone il video dovrebbe essere su una pennetta usb, consegnata al legale per conservarla. Pennetta di cui finora non si è trovata traccia. Il carabiniere “pentito” ha detto ai pm che, al momento della sua irruzione nella casa di Natalì, la droga era già presente. Mentre Marrazzo e la trans sostengono il contrario.

Il carabiniere ha affermato anche di non aver preso denaro dai due. Intanto le dichiarazioni della trans Jennifer, compagna del pusher Cafasso, trovato morto per dell’eroina camuffata in cocaina, incastrano un altro carabiniere: Nicola Testini. Secondo la trans, sarebbe stato lui a fornire al pusher tossicodipendente la dose letale. Il maresciallo, che è venuto a sapere dell’indagine a suo carico tramite i giornali, si dice estraneo ai fatti. Mentre il suo avvocato aspetta notizie ufficiali per chiedere un nuovo interrogatorio a Jennifer e altre perizie medico legali.


Altro

l’

quotidiano

il FattO

venerdì 26 marzo 2010

5

I resti della ragazza trovati a gennaio

Elisa Claps, il prete sapeva La notizia che il cadavere di Elisa Claps era stato trovato già nel gennaio scorso nel sottotetto della canonica della Santissima Trinità - tre mesi prima del ritrovamento ''ufficiale'', il 17 marzo - si è abbattuta ieri sulla città con la stessa forza di un pugile che colpisce il suo avversario per mandarlo al tappeto, con l'unica differenza che è stata la Chiesa potentina, come istituzione, a rischiare di finire nella bufera. Ed è un pericolo ancora attuale, se si considera l'alternarsi delle posizioni, le dichiarazioni e le smentite, e persino una conferenza stampa annunciata ieri mattina dall'arcivescovo, monsignor Agostino Superbo, e annullata nel pomeriggio per ''ripiegare'' su un deciso silenzio. Lo stesso silenzio scelto dal viceparroco della Santissima Trinità, un sacerdote brasiliano di 33 anni, don Vagno, rimasto chiuso nel Seminario della città quando si è diffusa la notizia che il cadavere di Elisa (una delle 91.087 persone scomparse in Italia dal 1974) era stato scoperto a gennaio da due donne delle pulizie che lo avevano messo al corrente del fatto. Infatti, l'attenzione si è spostata di colpo su don Vagno dopo che, nei giorni scorsi, con il cadavere di Elisa Claps ancora in quel sottotetto, circondato dagli investigatori impegnati in rilievi e accertamente, voci e dubbi erano stati in gran parte riservati a don Domenico Sabia, per decenni parroco in quella chiesa, morto due anni fa. Monsignor Superbo, a Roma per partecipare alla Conferenza episcopale, della quale è uno dei vicepresidenti, è ripartito per Potenza alla fine della mattinata: ''Don Vagno è scosso, non parlerà'', ha detto il pre-

Il cadavere sarebbe stato trovato due mesi fa, ma il viceparroco, informato della cosa, avrebbe taciuto. Lui però nega

La polizia scientifica entra nella chiesa della ss trinità di Potenza, dove è stato ritrovato il cadavere di Elisa Claps

sule, confermando di aver saputo per la prima volta della presenza del cadavere nel sottotetto solo mercoledì scorso. In pochi minuti è arrivata anche la smentita di una delle due donne delle pulizie: ''Don Vagno ha mentito, non abbiamo trovato noi quel cadavere''. Ma l'altra - secondo indiscrezioni - avrebbe, invece, confermato la circostanza. Secondo gli inquirenti, il sacerdote seppe a gennaio del cadavere ma avvertì il vescovo solo la mattina del 17 marzo, quando gli operai, saliti nel sottotetto per fare alcuni lavori, ''riscoprirono'' i resti umani della ragazza scomparsa il 12 settembre 1993. Allo sconcerto profondo della gente - quasi palpabile in giro per la città, dove tutti

parlano quasi soltanto della vicenda di Elisa - si è aggiunto l'''ulteriore strazio'' della famiglia Claps, che è tornata a parlare di ''silenzio, omertà, tutela di interessi che nulla hanno a che vedere con i valori cristiani. Arrivati a questo punto - dice la famiglia - nulla più ci sorprenderebbe, nemmeno apprendere domani che il corpo sia stato scoperto ancora prima di gennaio''. ''Il nostro obiettivo - ha confermato intanto il questore, Romolo Panico - è individuare chi ha ucciso Elisa''. Anche il parroco della chiesa, don Ambroise Apakta, ha escluso categoricamente di aver mai saputo qualcosa sulla presenza del cadavere e ha precisato che, dal 20 luglio 2008, quando ricevette l'incarico, non era

mai salito in quel sottotetto. RISCONTRI SCIENTIFICI: PERSONE ENTRARONO NEL SOTTOTETTO MESI FA - Ci sarebbero anche dei riscontri scientifici a confermare che qualcuno, a gennaio, entrò nel sottotetto della chiesa della Santissima Trinità di Potenza. Secondo quanto si apprende da fonti qualificate, gli esami effettuati dagli uomini della polizia scientifica avrebbero infatti rilevato la presenza di 'tracce' di passaggi avvenuti precedentemente al 17 marzo. ELISA FU TRASCINATA NEL SOTTOTETTO DELLA CHIESA - Fu trascinata nel sottotetto della chiesa della Santissima Trinità: è questo uno dei dettagli che emergono dai rilievi fatti sulla salma attribuita ad Elisa Claps, che potranno aiutare a ricostruire la dinamica dell'omicidio. Non è possibile però dire con precisione oggi se Elisa sia stata trascinata da viva o da morta. VIOLENZA SESSUALE IPOTESI NON ANCORA ACCERTATA - Non è ancora confermata l'ipotesi della violenza sessuale nelle indagini sul caso di Elisa Claps. E' quanto si apprende da fonti qualificate in ambienti giudiziari. Nei giorni scorsi era trapelato che i pantaloni erano stati trovati sbottonati, e così il reggiseno di Elisa: elementi che fanno pensare al fatto che la ragazza fosse stata spogliata. I pantaloni sono stati trovati, fra l'altro, arrotolati attorno a una gamba: questa circostanza, secondo gli inquirenti, si spiegherebbe invece attraverso l'operazioni di trascinamento subita da Elisa. (Ansa)


Altro

l’

la tribuna

quotidiano

il caso Google

La condanna in Italia e l’assoluzione a Barcellona In Italia Google viene condannata perché ha permesso l'immissione su YouTube (di proprietà del motore di ricerca) di un video, la magistratura ha chiuso un altro sito che rimandava a Pirate Bay, in Francia vige la regola del taglio della connessione a chi scarica contenuti protetti da diritto d'autore, sancito dalla legge Hodopi che il Regno Unito vuole copiare, in Cina la forte censura ha indotto Google ad abbandonare il paese con il più alto numero di internauti. E’ cronaca degli ultimi giorni che pare registrare una controtendenza nell’universo Internet, impallidendo il mito del mondo-villaggio globale. In controtendenza una sentenza spagnola che ha assolto un sito di indirizzamento tramite link alle reti peer to peer (che permettono la condivisione di file tra utenti). Elrincondejesus.com era accusata dalla Siae spagnola di favorire la violazione del diritto d'autore: assolta con un'argomentazione molto interessante, perché mette al centro il ruolo che i motori di ricerca, come lo sono o lo erano Elrincondejesus o Pirate Bay. La situazione. Il caso spagnolo ha destato interesse e l’onda della notizia ha trovato una spinta ancora più forte in contrapposizione alla già citata legge francese Hadopi (che il governo inglese vuole “copiare”). Si tratta di un’autorità amministrativa di controllo sul rispetto del copyright. Essa procede alla disconnessione dalla rete dei netizen che non ottemperino al primo richiamo di osservanza della legge. Il caso Google-Video down in Italia ha levato il grido statuni-

tense di allarme per la garanzia della libertà della rete nel nostro Paese. La vicenda attiene al caso delle molestie perpetrate ai danni di un ragazzo down da parte di compagni di scuola che le hanno filmate e postate in rete. Google, fornitore della piattaforma attraverso cui le immagini incriminate sono state veicolate nel web, è stato ritenuto responsabile di questi contenuti postati da terzi all’insaputa del provider. Una pronunzia di questo tenore si pone in assoluto contrasto con il principio cardine della neutralità dell’Internet (principio basato sull’assenza di responsabilità degli intermediari di servizi di connettività o di memorizzazione dati, salvo le ipotesi in cui siano stati preavvertiti del potenziale pregiudizio). La Cina in questi giorni è stata abbandonata dal motore di ricerca Google a causa degli strettissimi obblighi di filtraggio imposti dal Governo alla net company per assicurare la censura di contenuti non graditi al regime. Siamo già nella postglobalizzazione? Dov’è finito il mito dell’aterritorialità di Internet e del mondo-villaggio globale? Deborah Bianchi Ufficio legale dell’Aduc 1. continua domani

Carceri

Le macroregioni e l’esperienza di Montelupo Il 24 marzo, ho visitato l’Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Montelupo Fiorentino, accompagnata dal candidato alla Presidenza della Regione Toscana per la lista Bonino-Pannella Alfonso De Virgiliis e da Maurizio Buzzegoli, candidato provinciale per la medesima lista. 159 internati contro 120 di capienza, 86 agenti di polizia penitenziariacontro 135 pre visti per l’organico; lavori di ristrutturazione per la costru-

La

venerdì 26 marzo 2010

6

migLiOre deL giOrnO

Giannelli sul “Corriere della sera” zione di 56 nuovi posti (3 milioni di euro per 16 mesi di lavoro), nuova sala colloqui e ristrutturazioni di vecchie celle nella sezione dell'Ambrogiana, la più fatiscente di tutte. Un cantiere anche per le scelte politiche: infatti, mentre un accordo tra la Regione Toscana e il Ministero della Giustizia dello scorso febbraio prevede che gli internati toscani dovrebbero essere destinati alla struttura di Sollicciano, a livello nazionale si prevede una suddivisione in macroregioni per cui la Toscana dovrebbe farsi carico anche della Liguria e dell’Umbria, immaginiamo sempre con la struttura di Montelupo Fiorentino. Una situazione schizofrenica che se ha come obiettivo quello di dismettere gli Opg sta percorrendo una strada tortuosa. Il diritto alla salute continua a essere in contrasto con l’organizzazione e la struttura carceraria. La Regione Toscana, come lo fu con Trieste per la legge Basaglia e l’assistenza alle persone con disagio psichico, potrebbe essere ancora una volta all’avanguardia se investisse sugli internati di

Montelupo, toscani e non. Percorsi riabilitativi, comunità di recupero, tra le altre iniziative riuscirebbero per esempio a far uscire molti degli internati. Donatella Poretti senatrice radicale

Piemonte

Bresso o Cota: non sono “tutti uguali” Vi segnalo l'evento/maratona organizzato da diversi esponenti della società civile piemontese per Mercedes Bresso ed in contrapposizione alla scelta di astenersi in virtù del fatto che "sono tutti uguali". No, Mercedes Bresso e Roberto Cota non sono la stessa cosa, non promuovono gli stessi valori; entrambi hanno più volte dimostrato di avere visioni estremamente divergenti della realtà che ci circonda, non solo regionale. Spero possiate segnalarlo nelle edizioni online ed in quella cartacea. Grazie! Arco Jannuzzi Torino

Per commenti e lettere da pubblicare su queste pagine scrivete a: tribuna@altroquotidiano.it


City & Siti

Altro

l’

quotidiano

venerdì 26 marzo 2010

Fontanella “Riducimballi” della Regione Lazio

Caro-tariffe

Liscia, gasata o refrigerata? Monterotondo raddoppia

Minacce a Rienzi da un gruppo di tassisti

E’ possibile bere acqua gasata direttamente dall'acquedotto anche nel Lazio, grazie anche alla seconda moderna fontana pubblica da cui chiunque potrà rifornirsi di acqua potabile, liscia o gasata e refrigerata portando da casa le proprie bottiglie per un 'utilizzo consapevole di un bene pubblico. Lo ha dichiarato l'ase all'Ambiente sessore Cooperazione tra i Popoli, Filiberto Zaratti, durante la cerimonia d'inaugurazione della seconda fontanella che si è svolta a Monterotondo. L'iniziativa, a cui il Comune di Monterotondo ha aderito, si inserisce nell'ambito del progetto nazionale "Riducimballi" dell'ente di ricerca Ecologos, promosso nel Lazio dall'assessorato all'Ambiente, per limitare l'impatto dei rifiuti sull'ambiente e il conseguente spreco di risorse, energia e materie prime. I risultati sono ottimi: la di fontanella prima

Monterotondo ha distribuito 550 mila litri d’acqua, risparmiando 360 mila bottiglie di plastica, 453 mila kWh d’energia e 28 mila kg di CO2 Ora sarà potenziata la distribuzione di detersivi alla spina e di latte sfuso, per creare un percorso coordinato e che integri diverse tipologie di prodotti e abitudini di consumo. "L'acqua erogata è acqua dell'acquedotto, filtrata, refrigerata e gasata per offrire un prodotto sempre controllato e di sicuro gradimento per i cittadini,

Bergamo

CaraPound “occupa” alloggi Nella provincia di Bergamo i militanti di CasaPound Italia, per attirare l’atenzione sul problema casa, hanno occupato simbolicamente edifici a Brembate, Zingonia e Ciserano per lasciare ben visibili gli striscioni con lo slogan: "Combatti l'usura, mutuo sociale subito!". “Un’azione dimostrativa – spiega Marco Arioli, responsabile per la Lombardia di Casa Pound Italia - eseguita in tutte le città lombarde per chiedere alla classe politica del territorio di trovare immediatamente soluzione ai problemi della casa che in questo momento interessano, purtroppo, un’ampia fascia sociale”. Casa Pound Italia ha voluto approfittare dell’ultima settimana di campagna elettorale in Lombardia per richiamare i candidati, a qualsiasi livello istituzionale, e chiedere loro di guardare ai problemi reali della società.

soprattutto in vista dell'estate - dice Zaratti - In media un italiano beve 172 litri di acqua minerale in un anno e spende dai 320 ai 720 euro per acquistarla, la soluzione della fontana pubblica, oltre a valorizzare una risorsa comune, permette anche di contribuire alla salvaguardia dell'ambiente con un risparmio quantificabile in termini di risorse naturali come le materie prime, l'energia e l'acqua non utilizzate per la produzione degli imballaggi". L'iniziativa si inserisce nel solco tracciato dall'esperienza dei detersivi alla spina che in un anno con 40 punti vendita in tutte le province del Lazio hanno consentito la vendita di circa 300 mila litri di prodotto sfuso.

7

Con un duro commento, Vittorio Marinelli, responsabile per il Lazio di “Italia dei Diritti” segnala la notizia che il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, ha ricevuto minacce per la sua battaglia contro il carotaxi nella capitale. L'esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro si associa alla posizione di Rienzi sugli elevati costi delle corse: "Già vari amministratori delle compagnie aeree low cost evidenziano che è più economico andare a Parigi o a Casablanca che recarsi da Fiumicino a Torpignattara. Marinelli ritiene assurdo che - volendo evitare di restare imbottigliati nel traffico - non si usi il trenino, tuttavia insiste sul fatto che rimane il problema di un gruppo di prepotenti che impediscono al meccanismo della concorrenza di funzionare e screditano tutta la categoria dei tassisti.

Roma

La prima palestra all’aperto inaugurata nel parco del Pineto All’interno del Parco del Pineto a Roma l’assessorato alle Politiche Ambientale e del Verde Urbano del Comune ha realizzato un’area fitness di nuova concezione in cui sono stati sviluppati una serie di attrezzi concepiti come tappe di un percorso sportivo. Si tratta della prima "palestra all’aperto" della città. L’area fitness, situata nelle vicinanze del casale Giannotti, è composta da 11 attrezzi in acciaio zincato a caldo installati su plinti in cemento. Gli strumenti, a staticità controllata, potranno essere usati da tutti anche se per i ragazzi, al di sotto dei 14 anni, se ne consiglia un utilizzo guidato. I singoli elementi della struttura consentiranno di svolgere un’attività fisica mirata allo sviluppo dei muscoli lombari, delle

gambe, delle spalle, del dorso e del petto aumentando la resistenza cardio-vascolare. I lavori per la realizzazione dell’area fitness, iniziati l’8 febbraio, sono terminati il 19 marzo. "Fare esercizio fisico a contatto con la natura è l’obiettivo che intendiamo raggiungere con questa "palestra all’aperto" che rappresenta un’assoluta novità per la capitale – spiega l’assessore all’Ambiente Fabio De Lillo – Nel giro di pochi giorni la nuova struttura è già diventata un punto di incontro e di socializzazione per gli abitanti del quartiere. Una struttura con le medesime caratteristiche, composta da 11 attrezzi in acciaio, è in via di realizzazione nell’area verde di via Tieri (zona Olgiata) dove i lavori termineranno per la metà di aprile.


Altro

l’

quotidiano

pensione Sistema retributivo non si può optare mio marito ha sempre svolto, dal 16-5-76, attività di lavoratore dipendente. Con un breve intervallo per espletare il servizio militare da febbraio 1977 a marzo 1978, periodo che è già stato accreditato dall’iNPS. Sarebbe importante sapere a quale sistema pensionistico appartiene e, tenuto conto che oggi può contare su una retribuzione lorda pari a 41.000 € annui, di quanto sarebbe penalizzata la sua futura pensione se optasse per il metodo contributivo e andasse in pensione a 57 anni. C. Salvadori, Empoli Suo marito ha maturato più di 18 anni di anzianità al 31.12.1995 e, pertanto, su previsione legislativa, la sua pensione non può che essere liquidata col sistema retributivo. Ed è per questo motivo che non potrà optare per il metodo contributivo. Peraltro, anche per quest’ultimo metodo sono stati previsti, dal 2008, innalzamenti di età (60 anni le donne, 65 gli uomini) oltre al calcolo molto meno favorevole rispetto al retributivo.

inps Reversibilità dai nonni ai nipoti E’ vero che, in determinati casi, i nipoti possono beneficiare, quali familiari superstiti, della pensione già intestata ad uno dei nonni? P. Gasparini, Roma Sì, è vero. Fino ad alcuni anni addietro i nipoti erano esclusi. Ma la Corte Costituzionale, con una sentenza del 1999, la n° 180, ha dichiarato illegitti-

PreVidenza Risponde il dott. ANtoNiNo NiCoLo’ Potete inviargli i vostri quesiti direttamente all’indirizzo email: toniconc@libero.it oppure potete telefonargli al numero 388 0554031 ogni giovedì dalle 15 alle 18 assegno

Per l’invalidità occorre almeno il 67 % La ASL locale ha riconosciuto a mio fratello un’invalidità civile parziale, pari al 38%. Lui è un lavoratore dipendente di 52 anni. Con tale riduzione potrebbe ottenere dall’iNPS una pensione, prima di raggiungere l’età della vecchiaia? in caso positivo, quale procedura occorre seguire? N. Gennari, Pesaro Mi spiace, ma la risposta è negativa. L'invalidità richiesta dall’INPS prevede una riduzione della capacità lavorativa di almeno due terzi del totale, ossia non inferiore al 67%. Solo in tal caso può essere concesso l’assegno di invalidità, che ha una validità triennale, rinnovabile. L’accertamento viene però effettuato dall’INPS stesso, tramite i propri sanitari, che non sono vincolati dalle decisioni dell’ASL. Al terzo riconoscimento consecutivo, l’assegno diviene definitivo e si trasforma in pensione di vecchiaia al raggiungimento dell’età pensionabile e di un’anzianità contributiva di almeno 20 anni (il periodo di godimento dell’assegno viene comunque conteggiato, a tale effetto).

ma la norma del 1957 (il D.P.R. n° 817) che prevedeva l’esclusione. Da allora, i nipoti minori, purché a carico del nonno o della nonna deceduti, sono equiparati ai figli legittimi e legittimati, e quindi inclusi tra i destinatari diretti della pensione ai superstiti. Nel caso di un nipote di età inferiore ai 18 anni, occorre che questo sia stato mantenuto dall'assicurato o dal pensionato deceduto e che si trovi in una situazione di bisogno e non sia autosufficiente economicamente. Qualora il giovane non sia orfano, la presenza di uno o di entrambi i genitori non è di ostacolo al riconoscimento della pensione solo quando viene dimostrato che nessuno dei genitori è in condizione di provvedere al mantenimento del figlio, sia perché essi non svolgono alcuna attività lavo-

rativa sia perché non hanno fonti di reddito.

secondo lavoro Non occore versare contributi all’inps mio figlio, 35 anni, è alle dipendenze di un’importante società informatica dal 1995. Dal 2005, seguendo una sua spiccata inclinazione, ha accettato un secondo lavoro come promotore finanziario, che gli sta dando soddisfazioni. A tal fine ha aperto una regolare partita iVA. ora è un po’ preoccupato, in quanto più persone, che sembrano informate, gli hanno fatto presente che

venerdì 26 marzo 2010

8

dovrebbe pagare i contributi iNPS anche su questa seconda attività; contributi che poi, probabilmente, non gli darebbero alcun rendimento. E’ così? A. M., Matera A suo figlio sono state fornite indicazioni errate. Infatti, l’obbligo dell'iscrizione all'Inps per i promotori finanziari nasce soltanto nel caso in cui tale attività sia abituale e prevalente.

pensione Bastano 20 anni di contributi mia moglie, 51 anni, è stata licenziata dalla sua azienda il 31 dicembre 2009. Ha raggiunto, a quella data, poco più di 29 anni di contributi. Ha senso versare contributi volontari fino a raggiungere i 40 anni? Ed, in tal caso, potrei dedurli dal mio reddito? V. Pastore, Napoli A mio avviso, non ha senso. Infatti, col sistema retributivo e col misto, bastano 20 anni per la pensione di vecchiaia, a 60 anni. Se sua moglie versasse contributi volontari per raggiungere i 40 anni, dovrebbe attendere la pensione fino a 62 anni di età. Tenga, inoltre, conto che la prosecuzione volontaria è abbastanza onerosa dal punto di vista economico e recuperare quanto speso richiederà tanti anni (oltre al mancato introito per 2 anni della prestazione pensionistica stessa). Comunque, lei può dedurre i versamenti dal suo reddito imponibile, se la signora è fiscalmente a suo carico, vale a dire ha un reddito annuo inferiore a 2.840,51 euro.


Altro

l’

diritti & dOVeri

quotidiano

L’aLtrO

L’eventO

9

sOciaLe

A CurA di Una cara amica animalista ha segnalato alla nostra redazione un’iniziativa alquanto interessante dal titolo “Adotta un cane anziano”. A proporla è Stefano Cattinelli, un veterinario triestino che ci ammonisce dal suo sito (www.stefanocattinelli.it) a far bene attenzione alla qualità del rapporto affettivo con i nostri animali. Secondo Cattinelli, fautore di una filosofia innovativa della relazione uomo-animale, esiste un modo tutto speciale di voler bene ad un cane, che non passa attraverso alcuna proiezione emozionale né simbolismi socio-culturali. Ergo: si sceglie un cane anziano per sostenerlo negli ultimi anni della sua esistenza e dunque per donargli un amore incondizionato, piuttosto che per colmare i propri vuoti esistenziali o le proprie lacune. Né tantomeno per sentirsi parte di un gruppo elitario che considera il cane alla stregua di un accessorio chic indispensabile per definire uno stile di vita condizionato dalle apparenze. Vivere con un cane non si traduce nell’essere proprietari di un cane, come molti credono, e non è affatto corretto alimentare l’istinto predatorio o la ferocia dell’animale. Per adottare un cane anziano

venerdì 26 marzo 2010

FidALMA FiLiPPELLi

Un’iniziativa interessante a trieste

«Adotta un cane anziano e crescerai sul piano spirituale»

bisogna aver sviluppato la capacità di amare in modo incondizionato, e quindi una personalità di tipo genitoriale che Cattinelli individua nella figura dell’acc o m p a g n a t o r e . L’accompagnatore è colui il quale comprende la sofferenza del cane abbandonato e decide di appagarne il bisogno di cura, partendo dal presupposto che lui non ha alcun bisogno del cane. Stefano Cattinelli ha fondato una vera e propria Scuola di dinamica emozionale uomo-animale che organizza degli stage di preparazione, sostegno e attivazione di gruppi di persone interessate ad intraprendere un cammino così spirituale. Eh già, perchè se il senso del possesso è tipico della sfera materiale, l’amore incondizionato eleva l’essere umano su un piano più spirituale. La Scuola di dinamica emozionale uomo-animale insegna a prendere confidenza con il proprio mondo emozionale ed a raggiungere un’ autosufficienza terapeutica sia sul piano affettivo che su quello fisico. Una relazione appropriata con un animale può essere per l’uomo un’occasione alternativo per maturare ed evolversi. f. f.

Approvazione in Senato di limitazioni all’assistenza ai disabili

L.104, arrivano regole più restrittive Il “collegato lavoro” alla Finanziaria 2009 porta con sé regole decisamente restrittive per i permessi legati all’assistenza dei familiari disabili introdotti dalla L.104/1992. Si prevedono malumori e forti proteste. Il “collegato lavoro” alla Finanziaria 2009, approvato al Senato, stabilisce nuove regole sui permessi per assistere i disabili. I parenti di terzo grado, che per la L.104/1992 potevano assistere i familiari disabili, ora entrano in gioco se e solo se i

genitori o il coniuge del malato hanno più di 65 anni o sono deceduti. Mentre in passato si poteva verificare, per un vuoto normativo, l’eventualità che più familiari usufruissero dei permessi per assistere un unico malato, adesso ciò non è possibile, a

meno che non si tratti di due genitori, che, però, possono chiedere i permessi alternativamente. Inoltre, laddove la 104 consentiva al genitore di scegliere la sede di lavoro più vicina al proprio domicilio, da oggi in poi qualunque soggetto che goda dei benefici della

norma può essere trasferito presso la sede di lavoro più vicina al domicilio del malato. E per concludere, i benefici relativi alla legge 104 possono essere revocati in caso di mancanza dei requisiti accertata dai datori di lavoro o dall’INPS. Se su quest’ultimo punto siamo pienamente d’accordo, così come ci piace la cancellazione del limite della convivenza per i genitori che assistono un figlio maggiorenne, su tutto il resto siamo perplessi e pensiamo ad un passo indietro della legislazione sociale.


Altro

l’

quotidiano

Musica e video da domani e fino a domenica al Teatro Traiano E’ un nuovo spazio nasce dalla necessità di sondare le correnti della produzione artistica al femminile, offrendo un momento di incontro e confronto a registe e videomakers che, con forme espressive innovative, stili e pulsioni differenti, hanno scelto il linguaggio cinematografico per proporre una lettura originale della società contemporanea. WOMEN IN SOUL, festival dedicato al talento femminile alla sua seconda edizione, ospita un nuovo spazio dedicato al cinema con la sezione FEMALE VISI♀NS la cui direzione artistica è affidata alla regista Elena Fiorenzani in collaborazione con l’associazione Kamafa. Quest’anno ospiteremo registe che si occupano di cinema d’animazione: Alice Tambellini, Susanna Nicchiarelli, Chiara Falcinelli, Manuela Andolfi, Elisa Bertolotti e Cristina Altwegg. Da domani al 28 marzo (ore 21) presso Teatro Traiano di Fiumicino Il Festival Women in Soul apre la seconda edizione con una serie di concerti dedicati alla musica Soul, Funk, Blues,

L'obiettivo e' parlare di 'come' viene scritto, stampato, pubblicato, venduto e letto un libro a'Libri come', grande festa del libro a Roma. In programma da oggi fino al 28 marzo all'Auditorium. Appuntamento nuovissimo dove a rispondere saranno gli ospiti: da Abraham Yehoshua, Aharon Appenfeld, Cathleen Shine, Muriel Barbery, Andrea Camilleri a Gianfranco Carofiglio, Lizzie Doron, Dario Fo, Wu Ming. 350 autori per

Culture & tendenze

Il festival di Fiumicino

Dedicato al talento femminile J a z z , Gospel e Pop, di cui saranno protagoniste sei artiste internazionali: Awa Ly, C h e r y l Nickerson, Emanuela Ottaviani, Paola Canestrelli, Wendy D.Louis e Feel The Spirit. Al centro delle serate verranno proiettati alcuni cortometraggi realizzati da registe di fama nazionale ed internazionale. I tre appuntamenti saranno presentati dalla cantante Babyra (Lead

voice dei “Babyra Soul”). “Questo Festival spiegano gli organizzatori - é dedicato a tutte le Donne che non aspirano ad essere eroine, che non si fermano troppo allo specchio, che lavorano per un futuro di condivisione e consapevolezza. Donne abili a spiegare le ali del cambiamento con flessibilità, coraggio e squisita grazia». r. c.

Al via “Libri come” con 350 autori

150 appuntamenti e 60 case editrici coinvolte, oltre ai librai indipendenti.

Nella foto L’Auditorium Parco della Musica di roma dove si svolgerà la manifestazione

venerdì 26 marzo 2010

10

Curiosità

Case separate per le coppie Interessi e ferie insieme ma case diverse. E' la nuova tendenza per le coppie: i 'Lat' (acronimo di Living Apart Together). Lo stile di vita e' quello del C o m m i s s a r i o Montalbano e della fidanzata Livia: i Lat sono un fenomeno di tendenza anche in Italia. Over 55 che vivono soli ed in case diverse, non condividono spazi comuni, il piu' delle volte sono reduci da altre unioni e matrimoni. Sarebbero 1.200.000, ossia 600 mila coppie, secondo l'Istat.

Le famiglie italiane sono le più ospitali Le famiglie italiane si confermano le piu' ospitali in Europa, quando si tratta di accogliere studenti stranieri in soggiorno di studio. E' quanto emerge da una ricerca dell'associazione no profit 'Intercultura', che opera nel campo degli scambi internazionali di studenti delle scuole superiori di eta' compresa tra 15 ed i 17 anni. L'ospitalita' italiana piace parecchio ai ragazzi che provengono dall'estero, e che invece si dicono ben poco attratti dal nostro sistema universitario.


Altro

l’

ribalte

quotidiano

venerdì 26 marzo 2010

11

Il compleanno della cantante

Festa globale per i 70 anni di Mina Riedizione in vinile degli album pubblicati dal 1994 al 2009 e a maggio esce un suo nuovo cd con inediti di MANoLA M. GiANGiuLio Settant’anni: li ho compiuti ieri Mina. Il suo compleanno resta un vero e proprio evento e la diva della canzone italiana sta ricevendo auguri da tutto il mondo, compresi i colleghi d'Oltreoceano Liza Minnelli, Quincy Jones e Barbra Streisand. Per festeggiare la signora Mazzini è in corso una mobilitazione generale. Dalla tv alla musica, dai siti alle radio, è tutto un omaggio alla Tigre di Cremona. Intanto, pare che Jennifer Lopez voglia inserire nel suo prossimo cd, Love, una cover del brano 'Carne viva', scritta da Cristiano Malgioglio per l'album 'Mina Facile', uscito in ottobre. Si va dallo speciale in tv di Paolo Limiti (lunedì 29 marzo alle 21.10 su Raidue), al volume Mina70 dedicatole dai fan, alla riedizione in vinile degli album pubblicati dal 1994 al 2009, men-

tre il 14 maggio esce un suo nuovo album con brani inediti. Per festeggiarla le Teche Rai hanno creato un inedito album fotografico sull' homepage (www.teche.rai.it), con le immagini realizzate dai fotografi Rai dell'epoca dietro le quinte e negli studi e nei camerini di

La cantante Mina Teatro 10, Milleluci, Studio Uno, Sabato sera, Hai visto mai?, Doppia coppia e Senza rete. Sarà dedicata ai 70 anni di Mina anche la puntata di domani di Radio anch'Io (Radiouno alle 9:00). In collegamento e in studio Ennio Morricone, Tullio De Piscopo, dal Brasile

John Malkovich inaugura il Ravello Festival Sara' John Malkovich a inaugurare, il 1 luglio, l'edizione 2010 del Ravello Festival dedicata quest'anno al tema della follia. Lo fara' interpretando il ruolo di Jack Unterweger, un serial killer psicopatico e con tendenze istrioniche, in The Infernal Comedy, comme-

dia in musica di Sturminger per orchestra barocca e due soprano, proposto con successo a Los Angeles e Vienna e al debutto in Italia. 'The I n f e r n a l Comedy' sara' poi a Spoleto, ospite del Festival dei due Mondi.

uno dei più famosi interpreti della bossa nova di oggi, Celso Fonseca e due dei musicisti che con Mina hanno realizzato i dischi jazz più recenti: Danilo Rea e Massimo Moriconi. Oggi va poi in onda uno speciale su Rai Storia, 'La Tigre di Cremona', alle 09.20 e 18.20, dedicato alle più rare apparizioni della cantante cremonese in Rai, dove è stata presenza costante dal 1959 al 1978. Tra le chicche, il video di L'importante è finire, che subì non pochi problemi di censura, girato per la trasmissione 'Adesso Musica (1975). Interamente dedicata a Mina la puntata di oggi di 28Minuti, il programma di Barbara Palombelli (alle 13.00 su Radio2), che ospitera' Paolo Limiti, forse il più grande esperto dell'artista. Pur essendo una grandissima artista italiana, il figlio Massimiliano della madre dice: «Non ama prendersi sul serio».


Altro

l’

venerdì 27 marzo 2010

PiCCOlO SChermO

quotidiano

12

L’aLtrO canaLe

Ris i custodi della città capitolina

D

alle 21.10 il Ris di Roma è entrato in azione. Il capitano Lucia Brancato, interpretato da Euridice Axen, e la sua squadra hanno dovuto indagare prima sulla morte di una ragazza quindicenne nell’episodio Lettera d’addio e su dei reperti archeologici nel secondo episodio intitolato Il mistero della tomba dorata. L’adrenalina per la squadra del Ris è una costante. I carabinieri dal

camice bianco nella seconda puntata hanno dato prova di efficienza e rapidità. Una lettera d’addio, un garage dove è stata trovata la giovane ragazza sono tutte tracce che avrebbero portato al suicidio ma i carabinieri del Ris hanno scoperto la verità. Non si sono fatti ingannare dagli indizzi. Hanno saputo ben falsificare le ipotesi per concludere in manieramaestrale il caso e arrivare alla mano omicida delle amiche dell’adolescente. A scuotere le anime è sempre un serial killer che ha seminato la morte nel Policlinico romano. La squadra del capitano Brancato ha focalizzato la propria concentrazione sullo studio

del modus operandi dell’assassino seriale. Per un soffio l’operazione guidata attraverso le telecamere non ha portato all’arresto. Flavia ed Emiliano hanno trovato delle tracce di sangue sui reperti esposti nel museo. Appartengono ad un omicidio recente, quello della tomba romana.

Zapping deL giOrnO Attualità

Varietà

Sport

La crisi arriva? occhio alla spesa

Al timone con Ciak...si canta

L’italia punta su Faiella e Scali

Raiuno - ore 11,00. Quale e come scegliere tra la vasta gamma di prodotti per il corpo? Alessandro Di Pietro ci guiderà nello scoprire le differenze di questi prod o t t i . Verranno illustrate le modalità per la loro conservazione e sugerite le modalità d’uso.

Raiuno - ore 21,10. Una sera in compagnia di Pupo e Filiberto di Savoia al comando della nave di uno show canterino d’altri tempi. Tanta musica e videoclip storici trovati nell’archivio rai, caratterizzerano come le altre anche la terza puntata della trasmissione. Il cinebox sarà presentato da Johnny Charltoh, l’ex chitarrista dei Rokes, e da Mal. Miriam Leone presiederà la giuria che esprimerà il vincitore tra i successi scelti per la serata.

Raidue - ore 23,15. Per i campionati mondiali di pattinaggio di figura questa sera scenderanno in pista Federica Faiella e Massimo Scali per migliorare la loro performance precedente che li aveva visti solo quinti.

Fiction

Attualità

Film

Coliandro contri i Casalesi

mi manda Raitre e le badanti

A cavallo della tigre

Raidue - ore 21,05. Sarà dura per l’ispettore Coliandro contrastare i Casalesi per proteggere la vita di Jelena, una ragazza che per per essere testimone di un processo contro i la banda campana potrà essere vittima di sequestro, dovrà vivere sotto protezione. Individuare una talpa dei casalesi in procura.

Raitre - ore 21,10. Andrea Vianello ci illustrerà nella prima serata di Raitre il problema fondamentale d e l l a badante e ciò che la sua presenza può scat e n a r e all’interno della famiglia.

Raisat cinema - ore 21,00. E’ un colpo di fulmine tra Antonella e Guido che lascia la moglie. Ha bisogno di soldi e cade nella rete degli strozzini. Per pagare tenta una rapina e finisce in cercere. Nei giorni precedenti la sua scarcerazione rimane vittima nella fuga dei propri compagni. Dopo varie peripezie torna da Antonella ma lei è cambiata.

rubrica a cura di LuCA FortuNAto

auditeL L’isola al timone della Rai L’isola dei famosi, il reality show di Raidue condotto da Simona Ventura, ha insidiato la prima rete Rai che trasmetteva un episodio del Commissario montalbano anche se risulta il più visto in valori assoluti. Sono stati 4 milioni 537 mila gli spettatori che hanno seguito il reality regalandogli uno share del 20,32%. il c o m m i s s a r i o montalbano ha intrattenuto 4 milioni 667 mila spettatori e raggiungendo uno share del 17,46%. male per le reti mediaset. La fiction su canale 5, i fratelli Benvenuti è scesa sotto la soglia del 10% di share con 2 milioni 494 mila telespettatori. Le iene su italia 1 hanno ottenuto uno share del 12,18% e quasi 3 milioni di spettatori.


Altro

l’

quotidiano

Grande SChermO

venerdìì 26 marzo 2010

13

Perbenismo di facciata

La generazione dei quarantenni

Mine vaganti

Baciami ancora Regia: Gabriele Muccino con Stefano Accorsi, Vittoria Puccini, Pierfrancesco Favino, Claudio Santamaria, Giorgio Pasotti, Marco Cocci, Sabrina Impacciatore

Regia: Ferzan Ozpetek con Riccardo Scamarcio, Nicole Grimaudo, Alessandro Preziosi, Ennio Fantastichini, Lunetta Savino, Ilaria Occhini

Gruppo di famiglia in un interno. Il paragone con il grande film di Luchino Visconti finisce qui. Tuttavia, nulla da togliere al regista turco che ha realizzato un film godibile, intimo, per la prima volta curioso di esplorare il cuore della famiglia tradizionale e tradizionalista, animata dal perbenismo di facciata. Un nucleo numeroso, come tanti nel Sud d'Italia, proprietario di un pastificio, con una nonna dolce e ribelle, una madre affettuosa e tollerante, la zia stravagante (una piacevole sorpresa l'interpretazione di Elena Sofia Ricci), il padre molto attento alle apparenze e due figli gay che hanno da sempre nascosto la loro vera identità. Scamarcio particolarmente bravo a non strafare in un ruolo non certo facile. Sullo sfondo la splendida Lecce con i vicoli, piazze ed il candore della sua architettura.

monster movie di tutto rispetto the Wolfman Regia: Joe Johnston con Benicio Del Toro, Emily Blunt, Anthony Hopkins

Monster movie di tutto rispetto. Diretto con mano ferma ed interpretato con la stessa convinzione da un intenso Benicio Del Toro (bravo anche con il pesante trucco da lupo) accanto al sempre straordinario Hopkins, nel ruolo del padre. Remake del classico horror "L'uomo lupo" di George Waggner del 1941, costruzione di un sanguinoso puzzle con un'antica maledizione che trasforma le persone in lupi mannari durante le notti di luna piena, che sta lentamente uccidendo gli abitanti di Blackmoor. Poco splatter ma di certo non annoia, diligentemente condensato in poco più di un'ora e mezzo.

Alessandro Preziosi e riccardo scamarcio in “Mine vaganti”

il ladro di fulmini

Buoni, cattivi e effetti speciali

Percy Jackson e gli dei dell’olimpo

Avatar

Regia: Chris Columbus con Logan Lerman, Pierce Brosnan

Il paragone con le avventure di Harry Potter è inevitabile. Il regista ne ha diretti ben due. Come il celebre maghetto anche Percy Jackson ha poteri sovrannaturali, per metà divino e per metà umano, con l'innata capacità di tenere a bada il male. Anche lui ha genitori "magici", è figlio del dio greco Poseidone, e molte delle situazioni in cui si trova porta inevitabilmente al personaggio della Rowling. L'apparizione dell'Idra a tre teste non può non ricordare Fuffy il cane a tre teste di Hagrid. Solo una squallida copia dunque? Niente affatto. Il film ha una sua valenza, si lascia vedere con piacere, in qualche modo è anche educativo (all'inizio insegnanti e compagni di scuola lo credono mentalmente limitato) e poi potrà riempire il vuoto che Potter lascerà. Moderno classico della letteratura fantasy dello scrittore Rick Riordan, "Il ladro di fulmini" è il primo di una serie di cinque libri, l'ultimo uscito a maggio dello scorso anno. (foto)

Regia: James Cameron con Sam Worthington, Sigourney Weaver

Cosa dire di più di quanto non si sia già sproloquiato su ques t o film. G l i effetti sono davvero speciali (l'animazione è splendida, in particolare le figure dei Na'vi e l'ambientazione di Pandora), la storia però, per quanto politicamente corretta, è un po' banalotta. I buoni, i cattivi, l'amore, il lieto fine, con pistolotto moralistico. Il cattivo è così cattivo da sembrare una caricatura. Già dalle prime scene si capisce al volo dove andrà a parare. Sembra un lungo déjà-vu. A tratti viene in mente "Balla coi lupi", "The Fountain" di Aronofskye (ma l'albero della vita non è simile?), "Soldato blu", "Il signore degli anelli", "Apocalypse Now". Un consiglio: provate a vederlo senza gli occhialini, nei cinema senza 3D. I colori sono molto più vivaci.

Muccino in grande forma. La trasferta americana gli ha fatto bene, lo ha galvanizzato ed arricchito e con la macchina da presa fa faville. Corre letteralmente dietro agli attori, non li molla un istante nel tentativo di estrapolare emozioni e sentimenti. Dopo i trentenni racconta gioie e dolori della generazione dei quaranta. Il ritorno alle radici ma anche la voglia di rimettersi in gioco, l'amore per l'altra persona e quello per i figli. Un gruppo di amici impegnati in una estenuante ricerca della felicità. Forse una costruzione un po' troppo adrenalitica ed affannata (in 2 ore e 19 di durata), ma decisamente efficace nel delineare i personaggi. La new entry Vittoria Puccini non fa rimpiangere Giovanna Mezzogiorno.

Scorsese con il fiato sospeso shutter island Regia: Martin Scorsese con Leonardo Di Caprio, Mark Ruffalo, Ben Kingsley, Max von Sydow

Un affresco sul dolore e sulla follia. Film particolarmente claustrofobico e cupo, con una magnifica fotografia, come tutte le opere di Scorsese curato e costruito nei minimi particolari. Maestro nel dirigere i suoi attori. Dramma psicologico avvincente, che lascia con il fiato sospeso sino alla fine, mai scontato, con una ambientazione quasi maniacale. Un'isolafortezza, battuta dal vento e da una pioggia incessante, sede di un noto manicomio criminale. Siamo nel 1954, all'apice della Guerra Fredda, quando il capo della polizia locale Daniels (Di Caprio) ed il suo collega vengono convocati a Shutter Island per indagare sulla misteriosa scomparsa di una pluriomicida, ma nulla è come appare.


Altro

l’

quotidiano

Grande SChermO

venerdì 26 marzo 2010

14

Generazioni in conflitto

Cinico affresco del Bel Paese

Genitori e figli

il figlio più piccolo

agitare bene prima dell’uso Regia: Giovanni Veronesi con Silvio Orlando, Luciana Littizzetto. Michele Placido, Margherita Buy, Max Tortora, Elena Sofia Ricci, Piera Esposti Il confronto-scontro tra il mondo degli adulti e quello dei giovani di oggi attraverso lo sguardo della quattordicenne Nina. E' credibile il quadro che il regista toscano traccia delle nuove generazioni, riesce a fotografarne bene il malessere e l'incapacità di capirsi fino in fondo. Certo, in un contesto da commedia e con i toni leggeri del genere, a volte con profili appena tratteggiati ma decisamente convincenti. Decisamente migliore invece il fronte dei cosiddetti "grandi", dove si capisce che Veronesi ha maggiore conoscenza della materia. Avvalendosi di un cast di attori di alto profilo, abbandona per il momento il film ad episodi per raccontare una storia più strutturata e ricca di sfumature rispetto ai precedenti lavori.

Regia: Pupi Avati con Christian De Sica, Laura Morante, Luca Zingaretti, Nicola Nocella

Mia Waikowska” è Alice che si avvia verso il paese degli affari

Da bambina a donna d’affari Alice in Wonderland Regia: Tim Burton con Johnny Depp, Mia Wasikowska, Anne Hathaway.

Spettacolare ed emozionante Burton. Ancora una volta non delude, regalandoci una inedita Alice, indipendente, moderna ed ormai ventenne. Non più la bambina del Paese delle Meraviglie, ma una donna che intraprende un nuovo viaggio nel Sottomondo per conoscere il

suo futuro, che non sarà quello di sposare il viscido e stupido Lord Hamish. Il suo destino è diventare una donna d'affari. Johnny Depp sempre all'altezza dei personaggi che interpreta, anche in questo caso bizzarro e divertente al punto giusto nei panni del Cappellaio Matto. Strepitosa Helena Bonham Carter (dolce metà del regista), la tirannica monarca "capocciona" Iracondia, dal carattere irascibile ed una certa propensione a tagliare la testa dei suoi nemici, che poi lascia soavemente galleggiare nel fossato che circonda il castello.

Una giornalista il “riscatto” ricorda... del maestro

Passione e lotta per la libertà

An Education

il concerto

L’amante inglese

Regia: Lone Scherfig con Carey Mulligan, Peter Sarsgaard, Alfred Molina

Regia: Radu Mihaileanu con Aleksei Guskov, Miou-Miou

Londra inizi anni '60. Qualche tempo prima della rivoluzione culturale e sessuale che cambiò l'approccio al mondo del genere femminile. Jenny ha sedici anni, è carina, intelligente, studiosa e presto andrà all'università di Oxford. Un giorno però un bel ragazzo elegante e ricco, con il doppio degli anni ed appartenente ad un ceto sociale molto diverso dal suo, le dà un passaggio in macchina. Se ne innamora e da allora la sua vita cambierà. Deliziosa commedia, tratta dalle memorie della giornalista inglese Lynn Barber, candidata a tre Oscar, con un gruppetto di attori straordinari: dalla protagonista, la giovanissima Carey Mulligan, fino alla breve apparizione (quasi irriconoscibile) di Emma Thompson.

"Il concerto" è quello per orchestra e violino di Cajkovskij. Bello e commovente il nuovo film del regista di "Train de vie". La storia di Andrei Filipov, celebre direttore russo d'orchestra licenziato in tronco ai tempi di Breznev per non aver cacciato i suoi musicisti ebrei. Trent'anni dopo, caduto in disgrazia, l'uomo lavora ancora al Bolshoi ma come custode. Grazie ad uno stratagemma riunisce la sua vecchia orchestra per tornare a suonare nel Teatro di Chatelet a Parigi. Parte alla ricerca spasmodica degli artisti che nello sfacelo dell'Unione Sovietica tutto fanno meno che suonare. Riuscirà a mettere insieme un consistente gruppo di varie etnie, dalla ebraica alla rom, nel tentativo di riscattare una "dignità umana calpestata".

Regia: Catherine Corsini con Kristin Scott Thomas, Sergi Lopez

Epopea tutta al femminile dove protagonista è una donna che lotta per affermare la propria autodeterminazione. Suzanne vive in una bella villa nel sud della Francia con un marito e due figli adolescenti. Una esistenza borghese e piena di noia spezzata dall'incontro con Ivan, rude operaio spagnolo con qualche errore alle spalle, che un giorno arriva per ristrutturare lo studio dell'abitazione. Un'avventura che si trasforma presto in passione travolgente e vero amore. Il marito, noto medico della zona molto attento alle apparenze ed in procinto di lanciarsi nella carriera politica, più che altro ferito dall'essere stato scaricato per

Con la scusa di completare la trilogia sulla paternità (dopo "La cena per farli conoscere" e "Il papà di Giovanna"), Avati racconta l'Italia di oggi e lo fa con particolare cattiveria ed ironia, aiutato anche da un più che brillante cast di attori. Apparentemente parla di beghe familiari, in realtà dà vita ad un preciso affresco del Bel Paese: cinico, corrotto e corruttore, egoista, disposto a tutto in nome del dio denaro. Un insospettabile De Sica (dopo tanti cine-panettoni) riesce finalmente a dare corpo ad un personaggio complesso e spietato, il "furbetto del quartierino" di turno che pur di salvarsi dalla galera per i suoi guai finanziari, non si fa scrupolo di riversare le sue colpe sull'ingenuo figlio.

Kristin scott thoma, protagonista di “L’amante inglese” un semplice operaio, cercherà in tutti i modi di contrastare la liaison, ricorrendo anche a biechi ricatti. Finale catartico


Altro

l’

quotidiano

Grande SChermO

venerdì 26 marzo 2010

15

Un romanzo familiare

Pezzo di storia senza retorica

La prima cosa bella

invictus

Regia: Paolo Virzì con Valerio Mastandrea, Stefania Sandrelli, Claudia Pandolfi, Micaela Ramazzotti.

Svolta intimista per il regista toscano che si allontana decisamente dalle tematiche sociali che hanno caratterizzato le sue precedenti pellicole, per concentrarsi sui sentimenti e sulla psicologia dei personaggi in una sorta di romanzo famigliare. Un percorso tutto nuovo per il quale sceglie l'attrice simbolo della commedia all'italiana, la splendida Stefania Sandrelli che insieme ad un Mastandrea in grande forma (una delle migliori interpretazioni dell'attore romano nel ruolo di Bruno e del suo mal di vivere) da vita ad un duetto recitativo di ottimo livello, riuscendo a coinvolgere l'intero cast. Costruito su due piani temporali, il film percorre circa quarant'anni di vita livornese, la storia di una mamma bellissima e svampita e dei suoi due figlioli dagli anni 70/80 fino ai nostri giorni

Regia: Clint Eastwood con Morgan Freeman e Matt Damon

Julianne Moore e susanne seyfried in “Chloe”

Un Jeff Bridges da oscar Crazy heart Regia: Scott Cooper con Jeff Bridges, Maggie Gyllenhaal, Colin Farrell, Robert Duvall

Non sarà il Drugo del Grande Lebowski, ma anche qui il grande Jeff Bridges riesce ancora a dare il meglio di sé per un film, lowbudget, che gira interamente intorno alla sua figura. Intreccio narrativo forse scontato e preve-

dibile che però l'attore (premiato con l’Oscar) , con ammiccamenti e grande capacità interpretativa, riesce a rendere interessante ed accattivante. Invecchiato, appesantito, alcolizzato ed in fase discendente, Bad Blake è una vecchia gloria del country che ora deve accontentarsi di qualche isolato locale della sconfinata provincia americana ed alloggiare in alberghi di quarta categoria. Il casuale incontro con una giovane giornalista di una rivista locale che vuole intervistarlo, gli cambierà in qualche modo la vita.

Il capitano Francois Pienaar entra nella minuscola cella dove per 27 anni è stato recluso Nelson Mandela. Allarga le braccia, come per prenderne le misure e dalla finestra lo immagina nel cortile, in catene, intento a spaccare pietre sotto il sole cocente. Perché un uomo che ha dovuto subire tanto dolore parla di perdono? Forse l'eccesso di retorica, inusuale per un film di Eastwood, può in un primo momento generare qualche attimo di smarrimento. Poi con lo scorrere delle immagini prevale l'emozione, quella di veder rappresentato un momento cruciale della storia del Sudafrica ma forse anche del mondo. Le interpretazioni di Freeman nei panni di Nelson Mandela e Damon in quelli del biondissimo capitano della squadra di rugby sono appassionanti.

marito, moglie ed escort

L’amore interrotto

Chloe

A single man Regia: Tom Ford con Colin Firth e Julianne Moore

Patinato e forse stilisticamente troppo perfetto (poteva essere diversamente?), ma con un grande Colin Firth nei panni di un professore universitario che non riesce a dare un senso alla vita dopo la morte del suo compagno per un incidente stradale. Discreto esordio alla regia per il celebre stilista texano che è riuscito a fare un film con parecchie imperfezioni, eppure coinvolgente ed emozionante. Libero adattamento del romanzo di Christopher Isherwood "Un uomo solo", è un racconto sull'amore interrotto, sull'isolamento della condizione umana e l'importanza dei momenti apparentemente insignificanti della vita.

Colin Firth e Julianne Moore protagonisti di “A single man” di tom Ford parla di noi, delle nostre famiglie, di come siamo diventati. Senza utilizzare toni troppo altisonanti, con il solito garbo e gentilezza ed una buona dose di umorismo. io, loro e Lara Ottimo cast di attori, sapienteRegia: Carlo Verdone con mente diretto. In mezzo a tanta Carlo Verdone, Laura Chiatti, professionalità anche la Chiatti fa Anna Bonaiuto, Marco Giallini, la sua bella figura. Da guardare Sergio Fiorentini, Angela con attenzione una delle scene più Finocchiaro divertenti del film, dove si frontegE' il miglior film del regista roma- giano, da un punto di vista recitano. Equilibrato e maturo. Quello tivo, una grande Angela più riuscito e, contrariamente a Finocchiaro nei panni dell'assiquanto si possa credere, il meno stente sociale tutta intenta a religioso, anche se il protagonista sedurre il sacerdote Verdone, alias è un prete missionario. In realtà padre Carlo Mascolo

il miglior Verdone

Regia: Atom Egoyan con Julianne Moore, Liam Neeson Apparentemente un thriller, ma molto più intenso nella sua struttura e complessità. E' anche una storia d'amore, di suspence ed ipotetici tradimenti. Viaggio, con qualche perversione, in un tranquillo ma coniugale. ménage fragile Catherine, stimata ginecologa della middle class, sta organizzando una festa a sorpresa per il compleanno del marito David, professore di musica. La stessa sera l'uomo perde però il volo da New York per tornare a casa e la moglie comincia a nutrire qualche sospetto, soprattutto dopo aver scoperto nel suo cellulare un ambiguo sms di una delle sue allieve. Una sera a cena fuori con amici, Catherine incontra per caso Chloe, giovane e bellissima escort di lusso. Per liberarsi dell'ossessione decide di ingaggiarla per testare la fedeltà del marito...


Altro

l’

PerSOne

quotidiano

Colpo di scena

venerdì 26 marzo 2010

16

Eli torna sullo yacht con Natan e Flavio

Dall’Isola Federico lascia Pamela

La neo mamma

Per il papà è già un "fenomeno", per la zia materna è "spettacolare", ma mamma si limita a chiamarlo "patatino". Eppure Nathan Falcon Briatore, pochi giorni di vita, tanti assistenti tutti per lui, è già un divo, come mostrano le foto di Novella 2000. A Nizza sul mega yacht di papà Flavio c'è una corte di persone pronte a cullarlo. La

mamma Elisabetta sembra già tornata in forma e regala sorrisi mentre tiene tra le braccia... il cagnolino, Diva. Per vedere l’erede di Briatore sono arrivati anche i parenti di Eli, giunti dalla Calabria in visita al nuovo arrivato. Ma dopo qualche giorno attorno a Nathan, hanno preferito lasciare la famigliola tranquilla.

il click

il video

Il baby fidanzato di Elenoire

"Telephone" di Lady Gaga è un cult da parodia

La ex coppia Colpo di scena all'Isola dei Famosi. Federico Mastrostefano ha lasciato la fidanzata Pamela in diretta dicendole "Non ti amo più". Dunque il furioso litigio tra l'ex tronista di "Uomini e donne" Mastrostefano e la compagna Pamela Compagnucci ha tenuto banco all'Isola dei Famosi. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato il filmato, mostrato durante la trasmissione, in cui Aura massaggiava sensuale Federico. Ecco che Pamela ha ricordato al fidanzato di non aver mai creduto all'amicizia tra uomo e donna e che se accettava così le avance di Aura evidentemente c'è anche dell'altro. Poi il battibecco tra Pamela e Aura e infine il colpo di scena: "Il problema è che non ti amo più", dice Federico.

Pagina a cura di Maria F. rotondaro

La passione per i baby fidanzati contagia anche Elenoire Casalegno: la showgirl è uscita allo scoperto con il suo Luca Baronchelli, giovanissimo imprenditore appena 23enne. A separarli sono circa 10 anni d'età: eppure la scintilla dell'amore sembra essere scoppiata sul serio. GossipNews li ha immortalati insieme al 'the Club' di Milano, felici e sorridenti. il video

Emanuele Filiberto farà un reality 'Nel mio futuro c'e' ancora tv. Tra i progetti c'e' un format che sto scrivendo io, un reality inaspettato'. Lo rivela Emanuele Filiberto. Il programma 'andra' in onda a settembre o a gennaio. Saro' io a condurre, ma faro' molto di piu', mi mettero' in gioco insieme ad altre persone: sara' divertente'. In un'intervista a Donna Moderna il principe esclude di tornare a ballare o cantare: 'No, no - dice. Ben peggio! Vi stupiro''.

Era dai tempi di "Single Ladies" di Beyoncé che non si verificava a un fenomeno del genere. La signora della musica black non ha sbagliato il colpo neanche stavolta. "Telephone" il video con Lady GaGa spopola in Rete anche come parodia. Su YouTube sta avendo successo una versione in cui si sbeffeggia la cantante di "Bad Romance". Un poliziotto, travestito da donna, osserva con una lente d'ingrandimento le sue parti intime: è ermafrodito o no?

aq26marzo2010  

aq26marzo2010

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you