Issuu on Google+

Anno II - n. 162 - Venerdì 20 agosto 2010

Altro

l’

ediZione estiVA

€ 0,50

Ora di punta di

stefAno CleriCi

La banda degli onesti

quotidiano

Oggi a Palazzo Grazioli la sfida di Berlusconi a Fini

Bossi & Di Pietro

bbiamo letto di tutto e di Spingono per elezioni anticipate A più in questi giorni ferragostani. Abbiamo letto di chi

vuole andare al voto immediatamente; di chi - invece - vuole un governo di transizione per poi tornare alle urne con una legge elettorale che non sia l'attuale "porcata" (così definita dal ministro leghista Calderoli, suo primo firmatario); di chi, come il presidente Napolitano, respinge con fermezza, in nome della Costituzione, ogni tentativo di "suggerimento", o peggio di intimidazione; e di chi, come i "trombettieri" del Cavaliere (Capezzone, Cicchitto e Gasparri in testa) parla di "sovranità popolare" a proprio uso e consumo, fregandosene di ciò che sta realmente scritto sulla Carta che regola la nostra vita politica e democratica. E facendo spudoratamente finta di non sapere non solo che la nostra non è una repubblica presidenziale, ma che il partito di padron Berlusconi ha vinto sì le elezioni (grazie, appunto, alla "porcata") ma, numeri alla mano, rappresenta sì e no un terzo degli italiani. Un terzo, non la maggioranza. l bipolarismo è fallito, ripete Casini chiedendo un governo di larghe intese per superare finalmente l'infausta pagina del berlusconismo. Il bipolarsmo ci ha personalmente sempre affascinato, ma - non essendo noi né inglesi né americani - per molti aspetti ha ragione il leader dell'Udc. Sogniamo allora che alle prossime elezioni (magari col proporzionale alla tedesca) si presentino due coalizioni con scritto nel proprio simbolo non due nomi, ma due slogan contrapposti: "La banda degli onesti" e "la banda dei furbi". Vedremmo così di che pasta è fatta la maggioranza degli italiani.

I

Oggi nel “vertice” Pdl di Palazzo Grazioli Berlusconi lancia l’ultima sfida a Fini presentando i famosi 4 punti programmatici sui quali il governo porrà la fiducia: se ci sarà il sì dei gruppi che si richiamano al presidente della Camera si andrà avanti, se ci sarà dissenso si prende atto che la maggioranza non c’è più e si chiede al presidente della Repubblica di aprire la procedura per lo scioglimento delle Camere e nuove elezioni. Bisogna perciò vedere in quali termini il Cavaliere proporrrà i quattro punti (giustizia, fisco, sud, federalisno), cioè se in forma tale che Fini debba rifiutare per forza (in particolare sulla giustizia) o se in una forma che ne consenta la condivisione. Così si capirà se punta a una tregua o alla rottura. Intanto per la rottura sembra spingere Bossi, che addirittura ipotizza elezioni anticipate a novembredicembre, in singolare sintonia, sul fronte opposto, con Di Pietro: centrambi convinti di poter uscire più forti da una consultazione elettorale. Ma anche una parte dei fininiani spinge in questa direzione.

Tra telenovele e killeraggi di

Moisè AstA

E’ vero: meglio mettere il tutto nelle mani dell’Ordine dei Giornalisti e della Magistratura per dipanare cotanta brutta matassa che, nei fatti, spande una luce piuttosto sinistra (e, magari, gratuita!) tanto su uno strumento (di parte, di famiglia, comunque) del cosiddetto “quarto potere”, quanto sulla terza carica dello Stato, sicuramente sempre più nel mirino di certi fin troppo noti “personaggi in candeliere”. Di telenovele, dossieraggi e, soprattutto, di smaccati killeraggi mediatici, la Verità (quella con la V maiuscola) non ha affatto bisogno: essi, semmai, hanno imbarbarito – è ormai sotto gli occhi di tutti – la politica d’ogni giorno e lo stesso “storpiato” concetto di democra-

zia che pur, in quanto idea, dovrebbe essere universale ed eterna. E’ del tutto scadente “virgolettare” presunte testimonianze verbali per dare un’improbabile, se non proprio impossibile, “prova provata” che, viceversa, sa tanto di “violenta campagna diffamatoria” come ha sottolineato il portavoce del Presidente della Camera, Fabrizio Alfano, cui “viene il dubbio che vi sia, a monte, la volontà di immettere, nel circuito mediatico, illazioni, sospetti e accuse anche quando si ha la consapevolezza che basterebbe un controllo di routine a dimostrarne l’infondatezza”. E se è così, giova forse incitare un po’ a pretendere che certa stampa informi con onestà e non deformi le news: resta questa, in fondo, la più autentica esigenza degli onesti!


VentiquattrOre

Altro

l’

In Italia e nel Mondo

quotidiano

venerdì 20 agosto 2010

2

aBI

SaSSarI

Guerra in Iraq Obama ritira le truppe americane

Abi: le famiglie italiane, nonostante la crisi confermano una positiva capacità di tenuta sul fronte finanziario. Questa la ‘fotografia’ del secondo numero del “Rapporto sulla situazione finanziaria delle famiglie italiane” realizzato da Abi in collaborazione con il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. Il Report del luglio 2010 “evidenzia come i finanziamenti per la casa continuino a crescere su tassi abbastanza sostenuti in quanto favoriti, da un lato, dall’effetto di calmieramento dei prezzi degli immobili a seguito della crisi e, dall’altro, dal basso tenore dei tassi d’interesse. A marzo 2010 i prestiti per l’acquisto di abitazioni sono cresciuti di circa l’8% (+4,5% a marzo del 2009)”.

E' uscito alle 12 di ieri dalla parrocchia di San Giuseppe a Sassari il feretro avvolto nel tricolore e nella bandiera dei Quattro Mori, di Francesco Cossiga per l'ultimo viaggio verso il cimitero monumentale di Sassari dove sarà inumato nella tomba di famiglia a dieci metri da dove riposa un altro ex presidente della Repubblica, Antonio Segni. Nell'omelia sono stati tratteggiati gli aspetti umani del presidente emerito che mai durante la sua lunga carriera politica dimenticò le sue radici e, hanno detto i due vescovi affiancati dal cappellano della Brigata Sassari, dimenticò la sua fede religiosa che fu sempre la sua ispiratrice.

Con oltre dieci giorni di anticipo rispetto al calendario stilato dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama, la guerra in Iraq, durata circa sette anni e mezzo, è virtualmente finita. Secondo la Nbc, l’ultima brigata da combattimento ha superato durante la notte la frontiera che separa l’Iraq dal Kuwait, oltre sette anni dopo l’inizio della guerra, il 20 marzo 2003, che ha portato al rovesciamento del regime di Saddam Hussein. Fonti dell’amministrazione Obama hanno però precisato che la missione di combattimento cambierà natura solo “dal 31 agosto, quando le brigate rimaste saranno riconvertite in forze di assistenza” alle truppe irachene. Ad oggi, secondo le stesse fonti, i militari Usa stanziati in Iraq sono 56.000 e solo a fine mese scenderanno come previsto a 50.000. Una guerra, quella in Iraq, decisa dall’allora presidente Usa George W. Bush, convinto che Hussein possedesse armi di distruzione di massa (che non sono poi state mai trovate). Una guerra che ha portato a spaccature in Europa, visto che la Gran Bretagna ha combattuto al fianco degli Stati Uniti, mentre paesi come la Francia hanno guidato quello che si può definire un ‘fronte del no’. Sono stati oltre 4mila morti militari americani e decine di migliaia di vittime irachene, e tensioni fortissime nel biennio 2006-’07. Ora resteranno in Iraq solo ispettori col compito di controllare e addestrare i militari iracheni.

Le famiglie italiane chiedono più mutui

ParaGGI

Ladro nel castello di Berlusconi Ammanettato Violato il castello di Paraggi affittato dai Berlusconi: un ladro ha scavalcato il muro di cinta, ma è stato visto e quindi arrestato. L’uomo, un milanese di 39 anni, forse non sapeva che il castelletto è nella disponibilità del premier. Nella villa dorm i v a n o Piersilvio Berlusconi e Silvia Toffanin che non si sarebbero accorti di nulla. Il Presidente del Consiglio non c’era in quanto impegnato a Roma per la morte di Cossiga.

L’ultimo saluto a Francesco Cossiga

D’Addario denuncia aggressione

Paura nel Salento per Patrizia D’addario, la escort barese che ha raccontato di aver passato una notte a Palazzo Grazioli con Silvio Berlusconi. La quarantatreenne, si è presentata nella questura di Lecce chiedendo aiuto e rivelando di essere stata aggredita e trattenuta, per in periodo di tempo che non ha saputo precisare, in una villa leccese dove si era recata per motivi di lavoro.

Altro

l’

quotidiano

Direttore responsabile: ennio simeone Redazione tel. 06 86293192 Indirizzo e-mail: redazione@altroquotidiano.it Editrice: GeCeM (Gestione Cooperativa Editoria Multimediale) - Presidente:stefano Clerici Sede legale: Via Aldo Sandulli 45, Roma Registrazione del Tribunale Roma n..343/08 del 18 settembre 2008 - Registrato al ROC Partita Iva 09937731009

L’OnOmasticO Bernardo Bernardo, dopo roberto, alberico e Stefano, fu padre dell'Ordine Cistercense. L'obbedienza e il bene della Chiesa lo spinsero spesso a lasciare la quiete monastica per dedicarsi alle più gravi questioni politico-religiose del suo tempo. Maestro di guida spirituale ed educatore di generazioni dei santi, lascia nei suoi sermoni un importante documento di teologia monastica.

accadde Oggi 1981: devine Il 20 agosto 1981 dopo 60 giorni di sciopero della fame, Mickey Devine è il decimo e ultimo detenuto repubblicano a morire nel carcere di Long Kesh, in Irlanda del Nord


VentiquattrOre

Altro

l’

quotidiano

venerdì 20 agosto 2009

COLOMBIa

Una serie di eventi, messe, veglie,convegni,in tutto il mondo per il centenario della nascita di Madre Teresa di Calcutta. Era nata a Skopje, in Macedonia, il 26 agosto 1910, e morta a Calcutta il 5 settembre del 1997. Nata da genitori di etnia albanese, la beata verrà ricordata il 26 agosto a Skopje, riferisce la Radio Vaticana con una sessione del Parlamento macedone, cui seguirà la presentazione del Premio nazionale “Madre Teresa”. Si prevede che milioni di fedeli parteciperanno agli eventi e la stessa città di Skopje si sta attrezzando. Che rappresenta, oltre che un evento religioso anche un imponente appuntamento mediatico.

E’ stato condannato a 15 anni di carcere dal tribunale di Cartagena, in Colombia, l’italiano Paolo Pravisani, per atti sessuali con un 14enne, istigamento alla prostituzione minorile e pedopornografia. Pravisani, condannato anche ad una multa di 56 milioni di pesos (circa 28.000 dollari) e all’espulsione dal Paese al termine della pena, deve affrontare ancora un altro processo in corso per la morte nel suo appartamento a Cartagena di un altro bambino di 15 anni, Yesid Torres Tovar. Pravisani, 72 anni, ingegnere aeronautico ed ex pilota acrobatico di Udine, era stato arrestato dalle autorità colombiane nel marzo del 2009

Messe, convegni, veglie per celebrare Madre Teresa

Pedofilo italiano inflitti 15 anni

TaFaLLa

FuerTeVeNTura

Bimbointrappolato Toro finisce sugli spalti, 40 i feriti sottolasabbia Tragedia a Fuerteventura, una delle isole più belle delle Canarie. Un bambino italiano di 10 anni è rimasto intrappolato sotto la sabbia, in una buca scavata per gioco con alcuni amichetti in località La Oliva. Quando è stato liberato dai soccorsi, era già in arresto cardiorespiratorio. Una volta rianimato dai medici, è stato portato in ospedale, dove è in coma giudicato "molto critico". Il piccolo era entrato in una grande buca, di tre metri di profondità per cinque di diametro, scavata nella sabbia della spiaggia. Mentre stava uscendo dalla buca, però, il dramma. Le pareti, come riferisce il sito del Comune spagnolo di La Oliva, gli sono crollate addosso seppellendolo letteralmente. I genitori si sono subito accorti di quanto accaduto e hanno chiamato immediatamente soccorsi. Ma le operazioni per recuperare il bambino non sono state per niente facili.

Incidente a una corrida in Navarra, nel nord della Spagna. un toro ha saltato la barriera di protezione, finendo fra gli spalti, e ha iniziato a prendere il pubblico a cornate. Quaranta gli spettatori feriti. L’episodio è avvenuto in un’arena di Tafalla.

COSe DI QueSTO MONDO

Orsi per custodire le piante di marijuana

P

er proteggere la loro piantagione di cannabis avevano "assunto" dei guardiani apparentemente invincibili, ma che alla prova dei fatti si sono rivelati inefficaci: degli orsi. Due canadesi, produttori di marijuana della Colombia britannica utilizzavano cibo per cani per attirare gli orsi sulla loro proprietà e così allontanare eventuali ladri. Ma il sistema

3

In Italia e nel Mondo MaCeDONIa

non ha funzionato, forse proprio perché i plantigradi erano a pancia piena: così sono rimasti seduti a guardare mentre un gruppo di poliziotti ha fatto incursione nella proprietà e ha arrestato i due produttori. "Erano stati nutriti. Stavano seduti e guardavano - racconta uno dei poliziotti - a un certo punto uno di loro è salito sul tetto dell'auto, poi se ne è anda-

to". La popolazione di orsi è molto numerosa in Canada e non è insolito incontrarne uno nei boschi. Una legge vieta di nutrirli, poiché questo corrisponde a "una condanna a morte", come spiega al quotidiano elvetico Le Matin. Gli orsi si abituano e diventano incapaci di nutrisi autonomamente e poi, pretendendo lo stesso trattamento.

Praticavaaborti clandestini ebuttavaifeti nelwater.Incella Dal 2006 praticava aborti clandestini nel proprio appartamento facendosi pagare da 500 a 1.500 euro per ogni intervento e liberandosi dei feti attraverso lo scarico del water del bagno; poi in caso subentrassero complicazioni, visitava le donne in regola con i documenti nell'ospedale dove lavorava. Questa l'accusa nei confronti di Taylor rowland Williamson, 49enne ginecologo originario della Sierra Leone impiegato all'Ospedale Civile di arizignano (Vicenza), arrestato dai carabinieri di Vicenza in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. I pm Paolo Pecori e Barbara De Munari gli contestano i reati di interruzione volontaria della gravidanza in violazione della Legge 194/78, falso ideologico commesso da pubblico ufficiale e favoreggiamento della prostituzione. Nell'abitazione del medico è stato sequestrato materiale ecografico del reparto di ginecologia dell'ospedale di arzignano riferibile a pazienti in via di identificazione


Altro

l’

quotidiano

tribuna

Il Palio, lo spot e le vacanze in Francia

La rossa porta jella anche se è ministro?

Le rosse - recita un luogo comune - portano male. Non ci credete? È solo superstizione? Allora stiamo ai fatti. Siena, vigilia del Palio dell’Assunta, contrada - manco a dirlo - della civetta. Un turista francese partecipa alla rituale cena che precede la competizione quando, puntuale, la festa si tramuta in dramma. Da un balconcino si stacca un supporto in pietra che cade, giusto giusto, sulla testa del malcapitato turista. Morto. Eppure la ministra Michela Vittoria Brambilla, detta “la rossa”, lo aveva detto chiaro e tondo: il Palio va eliminato. Porta male, uccide. Lei per certo - sussurrano in tanti - neanche porta bene. Sì, la sortita era una boutade estiva, lanciata per guadagnare la ribalta della cronaca. Intanto, il sospetto che la rossa porti iella si concretizza. La prossima volta, cara ministra, guadagni spazio in altro modo. A suo modo, magari. Per esempio esibendo le autoreggenti che la hanno resa (sic!) celebre. Oppure coinvolga uno dei pochi italiani che ancora credono in lei. E ci crede talmente tanto da averle affidato il dicastero - manco a dirlo - del turismo, e le fa da speaker per commentare il Belpaese da cartolina. La nostra Italia mal governata e pure assai sfigata. Tanto disgraziata da indurre proprio lei, la rossa nazionale, a preferire per le sue vacanze la Francia. Giusto dopo aver esortato gli italiani a restarsene in Italia: vuoi per i suggerimenti, vuoi per gli stenti che arrivano dal suo governo. Gianfranco Pignatelli Firenze

Cossiga Amico dei socialisti nei momenti difficili Con Cossiga scompare un grande leader democristiano della Prima Repubblica, uno statista ed anche un amico dei socialisti nei momenti difficili. Cossiga infatti

venerdì 20 agosto 2010

4

Le migLiOri deL giOrnO

fu uno dei pochi leader politici a stare vicino ai socialisti ed a Craxi nel periodo di mani pulite ed anche dopo, quando molti voltarono le spalle all’ex leader socialista o facevano finta di non aver mai avuto rapporti con lui. Cossiga fu uno dei pochi in quel periodo a difenderci ed oggi i socialisti che hanno la memoria lunga non possono che piangere per la scomparsa di un amico. Donato robilotta Roma

regimi Il vero segreto del sorpasso cinese I media hanno annunciato l’imminente sorpasso della Cina nei confronti del Giappone. Gli economisti e i politici hanno attribuito la strepitosa crescita del PIL cinese a due cifre alla “conversione” della classe dirigente comunista al capitalismo. Menzogna colossale: dai tempi della rivoluzione, nonostante Tienanmen, non è cambiato sostanzialmente nulla. Nella nazione più popolata del pianeta, oltre al fatto che la pena di morte ha superato in numero di esecuzioni tutte le nazioni del mondo messe assieme, non si può esercitare alcuna libertà di pensiero, economica, individuale e religiosa. Quali sono dunque le ragioni dell’exploit economico finanziario? Semplice: l’applicazione sistematica del vero comunismo (non quello edulcorato e bonaccione ammannito ad usum delphini dalle segreterie dei partiti rossi). Come da buona tradizione marxista, le manovalanze cinesi vengono spremute e sfruttate fino alla morte per arricchire una minoranza di reggenti marxisti con la “testa” a sinistra, ma con i portafogli a destra. Eppure, un’ ingenua opinione pubblica per spiegarsi i bassi prezzi del made in China si è accontentata dei blandi chiarimenti dati dagli organi di informazione: assenza di sindacati, sfruttamento minorile e salari minimi.

Maramotti su “l’Unità” Purtroppo non è tutto qui. Dietro i costi abbattuti dei prodotti cinesi, ci sono storie di torture, omicidi, espianti e traffici d’organi illegali ed abusi che riguardano milioni di persone. Questa realtà poco conosciuta ha un nome: Laogai, che in cinese significa “riforma, rieducazione attraverso il lavoro”. I Laogai sono dei veri e propri campi di concentramento su cui si basa il sistema carcerario cinese. In Cina infatti, per reati “minori” si può essere rinchiusi per tre anni senza nessun tipo di processo. “Violazioni” come parlare di democrazia, mostrare idee politiche in conflitto con il regime o semplicemente appartenere ad una minoranza etnica o religiosa vengono severamente punite. Una volta rinchiusi, i dissidenti devono confessare le proprie colpe e giurare fedeltà al governo. Le confessioni vengono quasi sempre estorte con metodi disumani come l’uso del bastone a scossa elettrica, frusta o manganello. Una volta “confessato” il proprio crimine, il detenuto "operaio", comincia la vera e propria “riabilitazione” attraverso il lavoro che consiste in una quantità di oggetti da produrre in una giornata lavorativa di 18 ore. Se non vi riesce la razione di cibo diminuisce senza possibilità di appello. Ma le atrocità più cruente vengono commesse contro i condannati a morte. In Cina ci sono sessanta reati per cui si può essere giustiziati. Una volta soppressi si procede all’espianto degli organi, cheprendono prontamente la via dei mercati interna-

zionali. Se queste sono le ragioni del successo made in China, non sarebbe meglio che i governi mondiali invece di porgere supinamente mani e tappeti, intervenissero fattivamente ? Gianni Toffali Verona

Paradossi Infortunarsi sul lavoro all’Inail

Sono un dipendente dell'Inail della sede di Velletri, mi sono infortunato sul lavoro il 13 agosto alle 7.30 avendo parcheggiato l'auto nel garage sotterraneo dell'istituto stesso: dopo pochi metri sono caduto dentro un tombino dell'acqua lasciato aperto il giorno prima dagli operai che facevano manutenzione, senza segnalazione di pericolo come prevede la normativa. All’ospedale di mi è stata riscontrata frattura al piede dx con prognosi di 30 gg. Poteva andarmi anche peggio. Nella stessa settimana anche l'infermiere dell'Inail si era infortunato sul lavoro mentre saliva le scale per timbrare provocandosi una distorsione alla gamba. Ritengo gravissima la negligenza di chi (un’impresa di Cisterna) addirittura dentro l'Inail si dimentica delle più elemenatri norme per la sicurezza sul lavoro mettendo a rischio l'incolumità di chi ci lavora. Pier Paolo Politi Velletri


Altro

l’

quotidiano

Diritti & DOVeri

venerdì 20 agosto 2010

5

preVidenZa part-time

Ogni anno sarà valutato 0,8 Mia moglie ha 53 anni di età ed è una dipendente statale con 29 anni di anzianità. Da gennaio 2001 fa part-time all'80% dell'orario. La futura pensione le sarà calcolata sullo stipendio pieno o su quello part-time? C. D’Angelo, Firenze Il periodo di lavoro svolto a part-time è pienamente utile ai fini del diritto alla pensione, ma non per la sua misura. In questi casi il periodo di attività subisce una contrazione corrispondente all’orario svolto. Ogni anno di parttime di sua moglie, in sintesi, sarà valutato nella misura di 0,80 anziché 1.

sessantenne

Vale la vecchia la normativa Nei prossimi mesi del 2010 maturerò i previsti requisiti per la pensione di anzianità, con 60 anni di età e 36 di contributi regolarmente versati. Sono dipendente di una società titolare di grandi magazzini. Col decreto n° 78/2010, avrò dei danni ai fini pensionistici? G. Malagoli, Modena No, nessun danno. Il nuovo sistema normativo, introdotto dal decreto legge n° 78, riguarda soltanto le pensioni che si perfezionano a partire dal 2011. Pertanto, la decorrenza della sua prestazione resta legata ai vecchi parametri.

assegno anf

Limiti di tempo per percepirlo Un lavoratore dipendente fino a quando può percepire l’assegno al nucleo familiare (ANF) per un figlio? Fino a quando lo stesso non inizia a lavorare oppure esiste un

risponde il dottor Antonino niColo’ Potete inviargli i vostri quesiti direttamente all’indirizzo e-mail: toniconc@libero.it oppure potete telefonargli al numero 388 0554031 ogni giovedì dalle 15 alle 18

donne nel pubblico impiego

Fino al 2015 in pensione si può a 57 anni con 35 di contributi Sono una impiegata ASL di 56 anni. L’elevazione delle età pensionabile delle donne mi ha messo in crisi. Una collega mi ha detto che avrei la possibilità di andare in pensione con 57 anni e con 35 anni di contribuzione. Tale ipotesi mi ha lasciato un po’ dubbiosa. Esiste una norma del genere? L. De Rose, Foggia Sì, esiste. Fino all’anno 2015, le donne lavoratrici possano maturare il diritto a pensione con 57 anni di età e 35 di contributi. Ma è necessario effettuare un’opzione per il calcolo col sistema contributivo, il quale, però, è meno remunerativo del retributivo in misura di circa il 20%. limite massimo di età? S. Leone, Messina L'assegno al nucleo familiare compete per i figli di età inferiore ai 18 anni. Compete, inoltre, per i figli maggiorenni inabili che si trovano, per difetto fisico o mentale, nella assoluta e permanente impossibilità di dedicarsi ad un proficuo lavoro.

40 anni di contributi

Valgono ancora le 4 finestre

2010, andrà in pensione con la vecchia normativa, che prevedeva 4 finestre annue. Se avesse comunicato la data di nascita, avrei potuto segnalarle la data precisa del primo pagamento pensionistico.

Finestre

Per lo “scorrimento” qualche eccezione

Mio padre è dipendente di una società di autotrasporti. Il 30 aprile scorso ha raggiunto 2083 contributi settimanali, pari a 40 anni e 3 settimane. La manovra di fine maggio quando gli consentirà di andare in pensione? N. Lombardi, Fiesole (Fi)

Sto seguendo con attenzione le risposte ai vari quesiti dei lettori sulla riforma della pensioni varata col decreto legge n° 78. L’opinione che mi sono fatta è che la sostituzione delle vecchie finestre con le nuove denominate “mobili o a scorrimento” riguarda un pò tutti i lavoratori, sia pubblici che privati. Ho inteso bene? C. Montanari, Ravenna

Suo padre, poiché ha raggiunto il requisito dei 40 anni di contributi entro il

Confermo la sua considerazione, anche se qualche eccezione esiste ancora.

Avvertiamo i lettori che alcuni quesiti e relativi pareri vengono ripetuti perché riguardano argomenti che hanno già ottenuto risposta

In pratica, il nuovo sistema sostituisce le vecchie finestre con un’altra, nuova ed unica, stabilita in 12 o 18 mesi dal raggiungimento dei requisiti rispettivamente per i lavoratori dipendenti ed autonomi.

L’età delle donne

L’Unione europea va accorciato i tempi Non riesco a comprendere e ad approvare la decisione del governo di innalzare improvvisamente l’età delle donne del pubblico impiego a 65 anni. Sono una dipendente ASL e la quasi totalità delle mie colleghe preferiva i vecchi requisiti, anche a costo di ricevere una pensione meno sostanziosa. B. Creatini, Cecina, Livorno Sono tantissime le reazioni analoghe alla sua. In effetti, pesa alle donne l’introduzione, dal 2012, del nuovo limite minimo di 65 anni di età. L’esecutivo aveva intenzione di introdurre l’elevazione a far tempo dal 2018, ma sarebbe stata l’unione europea a fare pressioni per un’accelarazione, poi recepita nel decreto legge di fine maggio.


Altro

l’

quotidiano

Culture & tenDenze

venerdì 20 agosto 2010

6

Domenica a Spezzano albanese Chiaravalle Centrale

Miss Arbereshe nel film su Norman Douglas I vincitori del concorso “Officina: idee per la cultura”

Domenica prossima si svolgerà nel teatro comunale di Spezzano Albanese (Cosenza) la 15° edizione di Miss Arbereshe (www.missarbereshe.it), promossa ed organizzata dall’Associazione turistica Pro Loco. E’ un appuntamento di grande successo, che orami ben figura nel calendario degli eventi di rilievo dell’estate calabrese, ma quest’anno avrà una connotazione particolare per la presenza del regista Renato Guzzardi (docente di Analisi matematica presso l’Unical) e dei suoi collaboratori (tra i quali Michelangelo Luna, attore nonchè docente di Lingua e letteratura italiana presso la University of Rhode Island – Usa) attualmente impegnati nelle riprese del film “Il ritorno di Norman”, nel quale saranno inserite appunto alcune scene di questa serata di spettacolo. Il film, dedicato al viaggiatore inglese Norman Douglas, è diviso in due parti: una parte storica in cui il protagonista visita la Calabria nel 1910-1911 e una moderna in cui Norman per un’anomalia spazio temporale si risveglia cento anni dopo e rivede con altri occhi i luoghi e le persone da lui descritte nel libro “Old Calabria”, pubblicato a Londra nel 1915. Il film diventa così il pretesto per la realizzazione di un docufiction, cioè per stabilire un interessante confronto tra la Calabria del passato e quella attuale, facendo conoscere e valorizzare la vita, la cultura e le tradizioni della minoranza arbëreshe. Perciò nel film saranno tra l’altro trattati alcuni temi rilevanti del mondo arbëresh: l’arrivo degli albanesi in Italia nel XV secolo e l’arrivo dei profughi albanesi alla caduta del regime comunista, il matrimonio e il rito greco-bizantino, i costumi e i canti tradizionali arbëreshë, la vita e le opere del vate Girolamo De Rada (1814-1903), Il film tra l’altro rientrerà all’interno del programma di studi per studenti americani Study Italian and Discover the Mediterranean Culture E intenzione del Centro Internazionale di Studi Deradiani di distribuirlo gratuitamente a tutti gli enti e le associazioni culturali italiane e straniere che ne faranno richiesta. In particolare, il lungometraggio verrà proiettato presso le università e gli istituti statunitensi interessati, al fine di diffondere la cultura arbëreshe e calabrese nel mondo.

Nello scenario della piazzetta Bellavista di Chiaravalle Centrale (Catanzaro), si è svolta la cerimonia di premiazione della seconda edizione del concorso letterario "L'Officina: Idee per la cultura", indetto dalla omonima associazione. La cerimonia è stata ospitata nell'ambito del Caffè Letterario "Bar del Corso". La manifestazione è stata realizzata con il patrocinio del Comune di Chiaravalle Centrale e grazie alla collaborazione di numerosi partner, quali il rettore del Santuario di Torre di Ruggiero don Maurizio Alose, il gruppo giovani dell'associazione teatrale "Tempo Nuovo", il gruppo folkloristico "Città di Chiaravalle C.le, il preside del Liceo di Chiaravalle Centrale, professor Vincenzo Battaglia, l'Hotel Imperial di Chiaravalle Centrale, l'emittente televisiva Tele Jonio. Nel corso dell'evento è stata ricordata la figura di Francesco Ritrovato, giovanissimo studioso di letteratura e filosofia scomparso il 2 giugno del 1988, a soli 20 anni. Ecco i vincitori delle tre sezioni del concorso letterario: Sezione bambini: · poesia prima classificata: "Il fiume" di Lucrezia Gironda Veraldi. Sezione in lingua dialetta-

le calabrese: poesia prima classificata: · "I scarpi rutti" di Antonio Fiorita; poesia seconda classifica· ta: "A notta e Santu Lorenzu" di Francesco Mustari; poesia terza classificata: · "'Nto mundu chi vivimu Tra ieri e oja" di Antonio Carello. Sezione in lingua italiana: poesia prima classificata: · "Nella vecchia chiesa" di Marisa Provenzano; poesia seconda classifica· ta: "Amore che viene" di Maria Natalia Iiriti; poesia terza classificata: · "Desiderio senza fine" di Saverio Costantino. Della giuria del premio hanno fatto parte il presidente Padre Bernardino Gualtieri, superiodei Convento del re Cappuccini di Chiaravalle Centrale e scrittore, Gregorio Calabretta, direttore del teatro comunale di Soverato e commediografo (foto in alto), Giovanna Corrado, docente di lingue presso la scuola media di Chiaravalle Centrale, Paolo Macrì, ingegnere ed appassionato di letteratura, Giovanni Sestito, membro dell'associazione "L'Officina:Idee per la cultura" e autore. Maria augusta Giorgio Presidente associazione "L'Officina:Idee per la cultura”


Altro

l’

quotidiano

nOi COnsumatOri

Tecniche e machiavellismi

Che cosa significa se il vino è “senza solfiti aggiunti” Cresce giorno per giorno la richiesta e il consumo di alimenti “naturali”, con il minimo uso e contenuto di “chimica”. Tali caratteristiche vengono sempre più ricercate anche nei vini di casa nostra e ormai molti sono i produttori che, facendo propria questa ecofilosofia o prendendo atto che sta nascendo un nuovo mercato, hanno iniziato con impegno a proporre vini che fanno parte, con varie distinzioni (anche sostanziali), di quelli conosciuti come “naturali”, “biologici”, “biodinamici” etc. Uno dei punti critici scaturiti da questa nouvelle vague è certamente legato all’aggiunta di anidride solforosa nel vino. Essa, come è noto, svolge la funzione di antiossidante permettendo ai vini di preservare determinate caratteristiche sensoriali più a lungo, ma è un allergene: la legge fissa dei limiti di tolleranza al suo contenuto nel vino (160 mg/lt per i vini rossi, 210 mg/lt per i vini bianchi) perché addizionata in dosi eccessive può nuocere alla salute. La presenza nel vino di un tenore di tale sostanza superiore a 10 mg/lt (una piccola percentuale di questa sostanza si produce naturalmente durante la vinificazione) deve essere obbligatoriamente indicato in etichetta. Questa sua lieve tossicità ha spinto molti produttori a limitarne moltissimo l’utilizzo fino ad arrivare ai sempre più diffusi vini nei quali proprio non viene aggiunta, riconoscibili perché riportano in etichetta l’indicazione “non contiene solfiti” oppure “senza solfiti aggiunti”. Non abbiamo una posizione manichea sull’opportunità di utilizzo o meno di anidride solforosa nel vino, il nostro ragionamento vuole soffermarsi piuttosto sulla appena citata categoria di vini. Ci siamo posti una domanda, alla luce di quanto detto sopra: “cosa

pensa un consumatore medio quando legge nell’etichetta che in un certo vino non ci sono solfiti aggiunti?”. La risposta è semplice: automaticamente collegherà il non utilizzo di quell’additivo ad una attenzione del produttore verso la salubrità del vino, associandolo ad un concetto di sano, genuino, naturale, artigianale, semplice, non lavorato, rispettoso per la salute se non, addirittura, ecologico!”. E’ una giusta deduzione? Assolutamente no. Quello che pochi sanno è che esistono varie metodiche per ottenere vini senza solforosa: tra queste possiamo individuarne principalmente due che, per comodità, definiremo artigianale e tecnologica. La prima è la metodica utilizzata da chi non ne fa semplicemente una scelta produttiva, ma soprattutto filosofica rispetto al vino e alla vita in genere. Sono quei viticoltori che vogliono produrre in modo naturale e per i quali è assolutamente normale associare ad una conduzione del vigneto senza uso di prodotti chimici di sintesi e con il rispetto assoluto per l’ecosistema, lavori di cantina che escludano, il più possibile, non solo gli additivi ma anche l’utilizzo della tecnologia enologica. E’ innegabile che si prefiggono di portare a maturazione uve pressoché perfette, eseguendo, spesso e volentieri, cernite acino per acino per essere sicuri di escludere quelli non perfettamente integri. Si rendono infatti conto che rinunciare alla solforosa vuol dire cura maniacale del frutto da vinificare, selezione e rigore nelle fasi produttive. Questo significa anche poter seguire efficacemente solo vigneti di superfici limitate e spese di produzione alte che non possono, esclusi rari sorprendenti casi, far uscire sul mercato vini economici. I loro vini hanno un impatto sensoriale marcato e singolare rispetto ai vini correnti che,

a volte, può spiazzare il consumatore meno preparato. La seconda è la metodica tecnologica sulla quale regna una notevole disinformazione. E’ utilizzata indistintamente sia da chi conduce il vigneto con tecniche tradizionali sia da molti di coloro che lo fanno in modo biologico. Prevede l’applicazione scientifica di alcuni protocolli di vinificazione messi a punto dalle varie case produttrici di enotecnologie e biotecnologie. Consiste, senza andare troppo sul tecnico, nell’applicazione sinergica di alcune pratiche enologiche (uso del freddo, vinificazioni in riduzione con l’utilizzo di gas inerti come l’azoto per tenere il più lontano possibile l’aria da uva, mosto e vino, microssigenazioni artificiali) e di altri additivi chimici (acido ascorbico, lisozima, formulazioni a base di glutatione) che riducono l’attività microbica e svolgono azione di antiossidanti. Non sono allergeni e nemmeno illegali ma, senza voler assolutamente esprimere un giudizio negativo sul loro utilizzo, è giusto si sappia che, con queste tecniche si possono produrre vini senza solforosa con molta più facilità, senza la necessità della medesima cernita delle uve, con prezzi certamente più convenienti ma non aventi le caratteristiche (produ-

venerdì 20 agosto 2010

7

zione con tecniche non invasive) per le quali vengono scelti da un consumatore che dovrebbe essere maggiormente informato. D’altra parte siamo in un mondo dove l’industria e parte dell’imprenditoria agricola, si curano solo del fine di perseguire un interesse economico impegnandosi, con ogni mezzo, a far percepire le cose diverse da come sono attraverso il condizionamento di politica e opinione pubblica. E’ notizia recente che l’Antitrust inglese ha bocciato la pubblicità della famosa casa francese Luis Vuitton che raffigura un artigiano al lavoro, ritenuta ingannevole perché lascia intendere che i prodotti della maison siano fatti a mano. Il consumatore è condizionante quando sceglie, per scegliere deve essere consapevole, per essere consapevole deve conoscere. Diversamente non lamentiamoci se, per esempio, continueranno a farci comprare latte e succhi di frutta, reclamizzandoli come particolarmente benefici alla salute perché in essi è stata aggiunta la Vitamina C; chi li produce la aggiunge come conservante e ci fa credere di averlo fatto a vantaggio della nostra salute. Machiavelli è tornato. Non facciamocela dare a bere. elai.culturadelvino@libero.it

Ecco che cosa può esserci in un wurstel Facili all'uso, pronti per le emergenze, i wurstel trovano sempre più consenso tra i consumatori. Con l'estate una bella insalata di riso, farcita di wurstel è quanto di piu' facile trovare sulla tavola degli italiani. Ma a guardare cosa c'è dentro qualche perplessità sorge spontanea. I wurstel si ottengono macinando tagli non pregiati di carne suina, bovina, equina, di pollo e tacchino, con aggiunta di acqua, che serve ad aumentare la massa, e quindi il peso, e il sale. Le carni possono essere miste o singole. Ma è... l'aggiunta che preoccupa un po'. Al prodotto infatti si puo' aggiungere: * latte in polvere, che serve ad assorbire meglio l’acqua; * gli aromi per dare sapore; * il glutammato monosodico per esaltare il sapore;

* l'ascorbato di sodio per mantenere il colore; * i polifosfati per amalgamare l’acqua con la carne; * il nitrito di sodio e nitrato di potassio per conservare; * l’aroma di affumicatura per dare il sapore di... affumicato. Nel frattempo le allergie e le intolleranze alimentari aumentano anche a causa degli additivi, che sono una marea, tra coloranti, conservanti, antimicrobici, antiossidanti, esaltatori di sapore, aromi, stabilizzanti, gelificanti, lievitanti, emulsionanti e acidificanti. Noi consigliamo di mangiare prodotti freschi, conservati con trattamento termico, calore o freddo, con prodotti naturali (sale, olio, ecc.) o con sistemi di essiccamento. Primo Mastrantoni segretario dell’Aduc


Altro

l’

quotidiano

GuiDaCinemaestate

i

MiniCritiCHe dei filM CHe potrete Vedere nelle sAle e nelle Arene congrega dei Parabolani ad uccidere la scienziata, non è molto piaciuto, ma secondo il regista quello che si vede nel film è solo il 30 per cento del male che ha fatto l'alto prelato.

Affetti & dispetti (la nana) regia: sebastiàn silva con Catalina saavedra, Claudia Celedòn. La storia di una donna di bassa statura? Niente di tutto questo. La nana è una sorta di "tata" italiana, la colf che vive con la famiglia, occupandosi sia della casa che dei bambini. Qui magistralmente interpretata da una bravissima e sconosciutissima attrice cilena (Catalina Saavedra, non a caso premiata al Sundance ed a Torino), che praticamente da sola sostiene tutto il film, riuscendo a mettere tutti in ombra. La pellicola ha un impianto molto teatrale, si svolge all'interno delle varie stanze della villetta di una famiglia benestante. I dialoghi sono pochi ed il tutto trapela e si intuisce dalle espressioni di questa cameriera, introversa, scorbutica e dallo sguardo triste. Un volto spesso in primo piano che riesce a spiegare meglio di mille parole stati d'animo ed emozioni. Vale la pena darci un'occhiata solo per vederla all'opera.

Amante (l') inglese regia: Catherine Corsini con Kristin scott thomas, sergi lopez Epopea tutta al femminile dove protagonista è una donna che lotta per affermare la propria autodeterminazione. Suzanne vive in una bella villa nel sud della Francia con un marito e due figli adolescenti. Una esistenza borghese e piena di noia spezzata dall'incontro con Ivan, rude operaio spagnolo con qualche errore alle spalle, che un giorno arriva per ristrutturare lo studio dell'abitazione. Un'avventura che si trasforma presto in passione travolgente e vero amore. Il marito, noto medico della zona molto attento alle apparenze ed in procinto di lanciarsi nella carriera politica, più che altro ferito dall'essere stato scaricato per un semplice operaio, cer-

Alice in Wonderland

Mia Wasikowska in “Alice in Wonderland” cherà in tutti i modi di contrastare la liaison, ricorrendo anche a biechi ricatti. Finale catartico.

A serious man regia: Joel & ethan Coen con Michael stuhlbarg Il film è ambientato nel 1967 in una comunità ebraica di una non bene identificata cittadina del Mid West. Larry Gopnik è un docente universitario e cerca di vivere secondo le regole della collettività. Tenta di fare del suo meglio nonostante abbia il figlio che fuma erba, la figlia che vuole rifarsi il naso, la moglie lo lascia per un altro uomo e tanta sfiga lo perseguita. Il tutto condito da un tagliente umorismo yiddish. Gli stessi Coen, intervenuti al festival del cinema di Roma, hanno ammesso di aver attinto a piene mani, nello scrivere la sceneggiatura, dai ricordi della loro infanzia. Grande prova dell'attore protagonista, Michael Stuhlbarg, in Italia del tutto sconosciuto del quale però si intuisce l'enorme capacità interpretativa per cui è noto nell'universo teatrale Usa.

A single man regia: tom ford con Colin firth e Julianne Moore Patinato e forse stilisticamente troppo perfetto (poteva essere diversamente?), ma con un grande Colin Firth nei

panni di un professore universitario che non riesce a dare un senso alla vita dopo la morte del suo compagno per un incidente stradale. Discreto esordio alla regia per il celebre stilista texano che è riuscito a fare un film con parecchie imperfezioni, eppure coinvolgente ed emozionante. Libero adattamento del romanzo di Christopher Isherwood "Un uomo solo", è un racconto sull'amore interrotto, sull'isolamento della condizione umana e l'importanza dei momenti apparentemente insignificanti della vita.

Agora regia: Alejandro Amenàbar con rachel Weisz, Max Minghella Non è un film contro il cristianesimo ma contro tutti i fond a m e n t a l i s m i . Sostanzialmente è questa la chiave di lettura. Un concetto però non condiviso dalle alte gerarchie della Chiesa che, secondo la casa di distribuzione, dopo una proiezione riservata ha avuto reazioni stizzite di dissenso sul taglio dato alla pellicola. La vera storia della filosofa greca Ipazia uccisa e fatta a pezzi dagli integralisti cristiani nel 391 dopo Cristo ad Alessandria d'Egitto, ha faticato non poco ad uscire in Italia, suscitando, come era prevedibile, parecchie polemiche. Il ruolo del vescovo Cirillo, che avrebbe istigato la

regia: tim Burton con Mia depp, Johnny Anne Wasikowska, Hathaway. Spettacolare ed emozionante Burton. Ancora una volta non delude, regalandoci una inedita Alice, indipendente, moderna ed ormai ventenne. Non più la bambina del Paese delle Meraviglie, ma una donna che intraprende un nel viaggio nuovo Sottomondo per conoscere il suo futuro, che non sarà quello di sposare il viscido e stupido Lord Hamish. Il suo destino è diventare una donna d'affari. Johnny Depp sempre all'altezza dei personaggi che interpreta, anche in questo caso bizzarro e divertente al punto giusto nei panni del Cappellaio Matto. Strepitosa Helena Bonham Carter (dolce metà del regista), la tirannica "capocciona" monarca Iracondia, dal carattere irascibile ed una certa propensione a tagliare la testa dei suoi nemici, che poi lascia soavemente galleggiare nel fossato che circonda il castello.

Avatar regia: James Cameron con Worthington, sam sigourney Weaver Cosa dire di più di quanto non si sia già sproloquiato su questo film. Gli effetti sono davvero speciali (l'animazione è splendida, in particolare le figure dei Na'vi e l'ambientazione di Pandora), la storia però, per quanto politicamente corretta, è un po' banalotta. I buoni, i cattivi, l'amore, il lieto fine, con tanto di pistolotto moralistico. Il cattivo è così cattivo da sembrare una caricatura. Già dalle prime scene si capisce al volo dove andrà a parare e soprattutto come


Altro

l’

quotidiano

GuiDaCinemaestate

ii

MiniCritiCHe dei filM CHe potrete Vedere nelle sAle e nelle Arene uomini daranno inizio ad una relazione segreta, ma la loro passione proibita dovrà scontare la punizione del gruppo di estrema destra. Tuttavia l'amore e l'attrazione sessuale è così forte che, pur dovendo infrangere ogni regola, Lars e Jimmy non riusciranno a mettere fine alla relazione. Attori all'altezza di uno script non facile ed alquanto complesso da interpretare. Da non perdere. Marc'Aurelio d'Oro al Festival di Roma.

finirà. E poi sembra un lungo déjà-vu. A tratti viene in mente "Balla coi lupi", "The Fountain" di Aronofskye (ma l'albero della vita non è simile?), "Soldato blu", "Il signore degli anelli", "Apocalypse Now" e chi più ha più ne metta. Un consiglio: provate a vederlo anche nella versione normale, senza gli occhialini, nei cinema che non hanno il 3D. I colori sono molto più vivaci.

Baciami ancora regia: Gabriele Muccino con stefano Accorsi, Vittoria puccini, pierfrancesco favino, Claudio santamaria, Giorgio pasotti, Marco Cocci, sabrina impacciatore. Muccino in grande forma. La trasferta americana gli ha fatto bene, lo ha galvanizzato ed arricchito e con la macchina da presa fa faville. Corre letteralmente dietro agli attori, non li molla un istante nel tentativo di estrapolare emozioni e sentimenti. Dopo i trentenni racconta gioie e dolori della generazione dei quaranta. Il ritorno alle radici ma anche la voglia di rimettersi in gioco, l'amore per l'altra persona e quello per i figli. Un gruppo di amici impegnati in una estenuante ricerca della felicità. Forse una costruzione un po' troppo adrenalitica ed affannata (in 2 ore e19 di durata), ma decisamente efficace nel delineare i personaggi. La new entry Vittoria Puccini non fa rimpiangere Giovanna Mezzogiorno.

Bangkok dangerous regia: oxide e danny pang con nicolas Cage e Charlie Young Remake dell'omonima pellicola del '99 dei fratelli di Hong Kong, già noti per "The eye", che rifanno se stessi. Come spesso avviene, la star indigena viene rimpiazzata da quella a stelle e strisce. In questo caso Nicolas Cage,

Cado dalle nubi

Giovanna Mezzogiorno, rocco papaleo, paolo Briguglia, Alessando Gassman e Max Gazzè in una scena di “Basilicata coast to coast” che oltre al ruolo di interprete principale (spietato killer che si innamora di una ragazza sordomuta) si è anche ritagliato quello da produttore. Action movie a tinte noir (con velleità da thriller psicologico) che però non convince per niente. Regia svogliata ma anche una performance non certo eccellente del protagonista che si ostina a porsi con la stessa smorfia stampata sul volto, nel tentativo di esternare disagio ed inquietudine.

dietro alla macchina da presa per l'attore Rocco Papaleo, fino ad ora quasi esclusivamente relegato nei panni del caratterista, che con questa strampalata pellicola tenta di raccontare risorse e potenzialità della sua terra. Cinque amici, una piccola band di provincia per non rinunciare ai propri sogni. Cast credibile ed a proprio agio nelle singole interpretazioni, anche per un cantante come Gazzè alla sua prima prova cinematografica.

Brotherhood Basilicata coast to (fratellanza) coast regia: nicolo donato regia: rocco papaleo con Alessandro Gassman, paolo Briguglia, Max Gazzè, rocco papaleo, Giovanna Mezzogiorno Easy Rider in salsa lucana. Dal Tirreno allo Ionio a piedi per dieci giorni, attraversando una delle regioni più belle e suggestive del nostro Sud d'Italia. Divertente e surreale road movie musicale che vede protagonisti cinque personaggi in cerca delle proprie identità. Interessante esordio

con thure lindhardt, david dencik Una delle pellicole più interessanti in circolazione quest'estate. La storia di un amore pericoloso ma soprattutto la ricerca della propria identità. Deluso da un mancato avanzamento di carriera, Lars decide di lasciare l'esercito. Più per noia che per convinzione decide di aderire ad un movimento neo-nazista dove conosce Jimmy. I due

regia: Gennaro nunziante con dino Abbrescia, fabio troiano e Giulia Michelini Ignorante, cafone, scorretto, razzista, non azzecca un congiuntivo, però sfonda nel mondo della tv. Il trionfo della mediocrità. La fotografia esatta dell'Italia di oggi, quella che ci propina tutti i giorni il piccolo schermo. E lui, Checco Zalone, il comico di Zelig, ci sguazza. La sua parodia è esilarante. Un esordio felice per il comico tv, rispetto a tanti colleghi che hanno tentato la stessa strada con risultati davvero deludenti. Riesce a fare un film corale dove anche i personaggi di contorno danno il loro significativo contributo, evitando che la storia sia solo una lunga sfilza di gag. Prende in giro tutti, con ingenuità usa un linguaggio scorretto ed assurdo. Fa la pipì nella sacra ampolla di acqua del Po e scambia Alberto da Giussano per un Power Ranger.

Che fine ha fatto osama Bin laden? documentario di Morgan spurlock Dopo "Super Size Me", il regista, autore, produttore ed attore del cinema indipendente americano mette mano ad un'altra provocatoria impresa: scovare Bin Laden e soprattutto capire se c'è qualcuno che ha mai provato veramente a cercarlo. Sopra a tutti, Cia ed FBI. Inizia a New York


GuiDaCinemaestate

Altro

l’

quotidiano

iii

MiniCritiCHe dei filM CHe potrete Vedere nelle sAle e nelle Arene e fa il giro del mondo. Attraversa Egitto, Marocco, Israele, Palestina, Arabia Saudita, Afghanistan fino alle regioni tribali del Pakistan. Lungo il percorso interroga esperti ed imam, accademici e terroristi. In Europa visita i ghetti delle grandi città dove gli immigrati aspirano alla guerra santa. Irriverente, divertente e parecchio documentato il film paradossalmente sviluppa una profonda comprensione dei conflitti che turbano il mondo, con parecchi spunti di riflessione.

pierfrancesco favino e Alba rohrwacher in “Cosa voglio di più”

Che fine hanno fatto i Morgan? regia: Marc lawrence con Hugh Grant, sarah Jessica parker Veramente il sottotitolo potrebbe essere: che fine ha fatto Hugh Grant? Il ragazzo, ormai cinquantenne per la verità, non sembra più quello di "Quattro matrimoni e un funerale" oppure "Notting Hill". Film noioso e non riuscito nonostante lo sforzo produttivo di mettere insieme due star del cinema inglese ed americano. L'idea di catapultare in piena campagna una coppia di cittadini doc che non riesce a staccarsi dal BlackBerry, per andare a vivere nel Wyoming (accanto a cavalli, orsi e rudi cow-boy con tanto di pistola nella fondina), poteva anche funzionare. In questo caso però non fa neanche tanto ridere. Sceneggiatura debole e recitazione altrettanto sciatta.

City island regia: raymond de felitta con Andy Garcia, Alan Arkin, Julianna Margulies Da tempo non vedevamo una sceneggiatura così curata e ben scritta. Risultato, una spassosissima commedia con una storia che gira intorno al classico gioco delle verità nascoste, ambientata in uno dei quartieri meno noti di New York. Protagonista, un inedito ed istrionico Andy

Garcia, nei panni della guardia carceraria con il pallino della recitazione (la scena del suo primo provino vale tutto il film), con parecchi scheletri nell'armadio, come del resto hanno tutti gli altri componenti della famiglia. Ottimo cast di attori, diretto con impegno da un regista che arriva dal cinema indipendente i cui film fanno spesso il giro dei festival più prestigiosi e che ha anche recentemente affermato di ispirarsi al nostro Pietro Germi. Cosa volere di più?

Chloe regia: Atom egoyan con Julianne Moore, liam neeson Apparentemente un thriller, ma molto più intenso nella sua struttura e complessità. E' anche una storia d'amore, di suspance ed ipotetici tradimenti. Viaggio, con qualche perversione, in un tranquillo ma fragile ménage coniugale. Catherine, stimata ginecologa della middle class, sta organizzando una festa a sorpresa per il compleanno del marito David, professore di musica. La stessa sera l'uomo perde però il volo da New York per tornare a casa e la moglie comincia a nutrire qualche sospetto, soprattutto dopo aver scoperto nel suo cellulare un ambiguo sms di una delle sue allieve. Una sera a cena fuori con amici, Catherine incontra per caso

Chloe, giovane e bellissima escort di lusso. Per liberarsi dell'ossessione decide di ingaggiarla per testare la fedeltà del marito. Resterà invischiata invece in un gioco pericoloso che la condurrà ad un rapporto lesbo.

Christmas (A) Carol regia: robert Zemeckis con i volti di Jim Carrey, Gary oldman e Colin firth Onestamente un po' troppo lugubre e poco adatto a bimbi molto piccoli per essere definito un film di Natale destinato alle famiglie. Inizia con un morto disteso dentro una bara con due monete sugli occhi, per poi proseguire con una serie di fantasmi che fanno visita al vecchio avaro Scrooge nella sua casa oscura e sinistra. Tuttavia l'adattamento cinematografico della celebre fiaba di Charles Dickens è un piccolo capolavoro, soprattutto di tecnica. Realizzato con il sistema motion capture (quello utilizzato per The Polar Express), ossia cattura delle espressioni degli attori (celebri!) riportate digitalmente sul grande schermo sotto forma di animazione, riesce a dare una profondità ed una nitidezza alle immagini da sembrare un film su pellicola.

City island regia: raymond de felitta

con Andy Garcia, Alan Arkin, Julianna Margulies Era da tempo che non vedevamo una sceneggiatura così curata e ben scritta. Risultato, una spassosissima commedia con una storia che gira intorno al classico gioco delle verità nascoste, ambientata in uno dei quartieri meno noti di New York. Protagonista, un inedito ed istrionico Andy Garcia, nei panni della guardia carceraria con il pallino della recitazione (la scena del suo primo provino vale tutto il film), con parecchi scheletri nell'armadio, come del resto hanno tutti gli altri componenti della famiglia. Ottimo cast di attori, diretto con impegno da un regista che arriva dal cinema indipendente i cui film fanno spesso il giro dei festival più prestigiosi e che ha anche recentemente affermato di ispirarsi al nostro Pietro Germi. Cosa volere di più?

Colpo di fulmine - il mago della truffa regia: John requa e Glenn ficarra con Jim Carrey, ewan McGregor Certo, la storia nella fase di scrittura della sceneggiatura è stata parecchio romanzata ma sembra che tutti gli eventi descritti siano realmente accaduti. Basta questo per rendere il film apprezzabile di una certa attenzione, perché se fosse vero solo un terzo di


Altro

l’

quotidiano

GuiDaCinemaestate

iV

MiniCritiCHe dei filM CHe potrete Vedere nelle sAle e nelle Arene glioso e cronologico. Non manca neanche la satira, con l'imitazione del premier. Una ricostruzione certosina di quello che è accaduto in Abruzzo ma anche al G8, a Napoli con la questione dei rifiuti e quant'altro. Da vedere.

quello narrato è davvero incredibile come un uomo possa arrivare a fare tanto nel corso di una vita. A parte questo, l'interpretazione di Carrey è un po' troppo fumettistica e gli eventi si susseguono con un certa confusione. Un morigerato agente di polizia, sposato con prole, che suona l'organo in chiesa, dopo un incidente stradale decide di cambiare vita. Si dichiara gay, inizia a vivere una esistenza stravagante fatta di truffe ed imbrogli che lo porta dritto in prigione dove incontra Phillip Morris, l'amore della sua vita. Per lui tenterà, con successo, un colpo impossibile dietro l'altro.

Cosa voglio di più regia: silvio soldini con pierfrancesco favino, Alba rohrwacher, Giuseppe Battiston Il ricordo di "Pane e tulipani" è ormai lontano, tanto da non sembrare un film di Soldini. Manca la poesia e quel tocco surreale che caratterizza il suo cinema, anche nell'affrontare temi vicini all'attualità. "Per la prima volta è stato un episodio di vita reale a far scattare in me l'idea di questo film" ha affermato. L'intento, quello di raccontare una storia d'amore in tempi di crisi, recessione e precariato, ma è come se mancasse di personalità. Ecco, forse ha un po' spiazzato il suo pubblico cercando di fare altro da quello realizzato fino ad ora, per questo il film non convince fino in fondo. Per il resto la bravura del regista milanese dietro alla macchina da presa è indiscutibile come quella nel dirigere gli attori, soprattutto nelle famose scene di sesso che sono sicuramente le più difficili.

Crazy Heart regia: scott Cooper con Jeff Bridges, Maggie Gyllenhaal, Colin farrell, robert duvall Non sarà il Drugo del Grande

due vite per caso

sabina Guzzanti che assume le sembranze di silvio Berlusconi in “draquila”, di cui è lei stessa regista Lebowski, ma anche qui il grande Jeff Bridges riesce ancora a dare il meglio di sé per un film, low-budget, che gira interamente intorno alla sua figura. Intreccio narrativo forse scontato e prevedibile che però l'attore, con ammiccamenti e grande capacità interpretativa, riesce a rendere interessante ed accattivante. Invecchiato, appesantito, alcolizzato ed in fase discendente, Bad Blake è una vecchia gloria del country che ora deve accontentarsi di qualche isolato locale della sconfinata provincia americana ed alloggiare in alberghi di quarta categoria. Il casuale incontro con una giovane giornalista di una rivista locale che vuole intervistarlo, gli cambierà in qualche modo la vita.

dragon trainer regia: dean deblois e Chris sanders Delizioso cartone animato in 3D, da vedere anche nella versione normale, non si perde nulla. Il tocco magico è quello della Dream Works Animation, creatori di Shrek e Madagascar. Portatore di due messaggi facili ma corposi, che di questi tempi non guastano. Non bisogna aver

paura ad uscire fuori dal coro, affermando le proprie opinioni, e soprattutto non bisogna aver timore di ciò che esternamente può apparire diverso da noi. Il piccolo e gracile vichingo Hic vive in un comunità dove da sempre si combattono i draghi che rubano le pecore. Ma lui è un progressista ed è convinto che il dialogo con il nemico sia invece la strada giusta. Il suo senso dell'umorismo non si concilia però con gli ideali della tribù, dei coetanei e del forzuto padre, Stoick l'Immenso. Tratto dai libri della britannica Cressida Cowell.

draquila - l'italia che trema regia: sabina Guzzanti Il ministro dei Beni Culturali ha disertato il Festival di Cannes per protesta, il documentario secondo lui è fazioso e non veritiero. Ad alcuni aquilani è piaciuto ad altri per niente. Sabina Guzzanti riaccende le polemiche e questa volta si occupa del terremoto dell'Aquila e non solo. Snocciola con insolita pacatezza la sue teorie, utilizzando questa volta tecniche da reportage giornalistico, punti-

regia: Alessandro Aronadio con lorenzo Balducci, isabella ragonese. Sgombriamo subito il campo. Sarà pure il raccomandatissimo figlio del famoso imprenditore coinvolto nello scandalo degli appalti al G8, ma Lorenzo Balducci è perfetto nel ruolo di Matteo Carli. Riesce con sorprendente capacità recitativa ad interpretare due ruoli affini ma non uguali. Una sorta di Sliding Doors all'italiana, per raccontare il doppio destino di un ventenne che una notte piovosa incontra per caso un'auto con dei poliziotti a bordo. L'incontro o lo scontro con quegli uomini determinerà il resto della sua vita. Rabbia, paura ed angoscia di una generazione che forse non ha futuro. Interessante esordio alla regia del giovane regista romano già apprezzato al Festival di Berlino.

e' complicato regia: nancy Meyers con Meryl streep, Alec Baldwin, steve Martin E' sempre un piacere ritrovare la grande Meryl, anche se in questo caso è protagonista di una commedia non proprio originalissima e forse troppo hollywoodiana per un talento del suo livello. Tuttavia, tanto di cappello ad una attrice che a sessant'anni è ancora capace di trovare un ruolo di primo piano in un ambiente dove dopo i quaranta già si annaspa. Grazie alle sue innate capacità è in grado di far apparire decente un film che molto probabilmente con altri interpreti avrebbe creato qualche imbarazzo. La storia del triangolo over 50 tra una


Altro

l’

quotidiano

GuiDaCinemaestate

V

MiniCritiCHe dei filM CHe potrete Vedere nelle sAle e nelle Arene donna, il suo ex marito ed un ipotetico pretendente stenta a decollare. E poi, va bene dare un'immagine di donna realizzata ma perché la scelta di stamparle sul viso, dall'inizio alla fine, quell'insistente sorriso a volte davvero fuori luogo?

interrogativi, soprattutto rispetto al ruolo giocato da un potente generale di Saddam Hussein.

Happy family

fuori controllo regia: Martin Campbell con Mel Gibson, ray Winstone Con qualche ruga in più e qualche capello in meno ma con la stessa spavalderia ritorna dopo sette anni Mel Gibson e lo fa con un thriller ad alta tensione, che fonde politica, ecologia ed affari (loschi). Ancora una volta impegnato nella consueta lotta solitaria contro tutti e tutto, senza esclusione di colpi. Le immagini iniziali sono di sicuro impatto. L'inaspettata uccisione a sangue freddo della giovane Emma, sulla porta della casa del padre poliziotto, solletica subito la curiosità dello spettatore. Un avvio repentino per una storia avvincente, ben girata, senza troppe sbavature. Non male per chi ama il genere.

Genitori&figli. agitare bene prima dell'uso regia: Giovanni Veronesi con silvio orlando, luciana littizzetto. Michele placido, Margherita Buy, Max tortora, elena sofia ricci, piera degli esposti Il confronto-scontro tra il mondo degli adulti e quello dei giovani di oggi attraverso lo sguardo della quattordicenne Nina. E' credibile il quadro che il regista toscano traccia delle nuove generazioni, riesce a fotografarne bene il malessere e l'incapacità di capirsi fino in fondo. Certo, in un contesto da commedia e con i toni leggeri del genere, a volte con profili appena tratteggiati ma decisamente convincenti. Decisamente miglio-

tahar rahim, protagonista del “profeta” re invece il fronte dei cosiddetti "grandi", dove si capisce che Veronesi ha maggiore conoscenza della materia. Avvalendosi di un cast di attori di alto profilo, abbandona per il momento il film ad episodi per raccontare una storia più strutturata e ricca di sfumature rispetto ai precedenti lavori.

Green Zone regia: paul Greengrass con Matt demon, Greg Kinnear Agli americani non è piaciuto molto. Anzi, visti gli esigui incassi potremo dire quasi niente. Perché i cattivi, ebbene si, questa volta sono loro. A dirla tutta, è difficile trovare nella cinematografia a stelle e strisce un altro film così esplicito, così diretto, nell'incolpare il governo Usa di aver provocato una guerra senza senso. La Green Zone del titolo è il blindatissimo quartiere situato nel centro di Baghdad dove risiedono le truppe, è da qui che parte l'avvincente thriller a sfondo politico. Da qui il maresciallo Roy Miller e la sua squadra di ispettori ricevono l'incarico di scovare nel deserto dell'Iraq i depositi con le famose armi di distruzione di massa. Non trovando nulla di tutto ciò, l'ufficiale inizierà ad avere qualche sospetto ed a porsi degli

regia: Gabriele salvatores con fabio de luigi, diego Abatantuono, fabrizio Bentivoglio, Margherita Buy, Carla signoris, Valeria Bilello Non è l'ennesimo film sulla famiglia. Salvatores semplicemente racconta degli uomini e delle donne, e lo fa con un film originale, poetico, spassoso, colorato, elaborato su diversi piani narrativi e continui passaggi tra finzione e realtà. Otto personaggi in cerca d'autore. Sono questi i protagonisti, la famiglia felice a cui il titolo ironicamente allude. Escluso Ezio, 38 anni, una vita trascorsa senza aver mai concluso nulla di buono che un giorno decide di scrivere una sceneggiatura per il cinema. Due coppie, i loro figli, i nonni, il cane, esseri del tutto inventati che ad un certo punto però vivono di luce propria, escono dallo schermo del computer di Ezio (un Fabio De Luigi in grande forma) per rivendicare la loro esistenza. Il cinema nel cinema.

i Gatti persiani regia: Bahman Ghodabi con negar shaghaghi, Hamed Behdad Durante la lavorazione il regista è stato arrestato per ben due volte. In Iran la musica è considerata, dall'attuale regime, impura in quanto fonte di allegria e quindi vietata. I ragazzi sono costretti a suonare e cantare clandestinamente, nel chiuso di cantine e sotterranei. Un mondo nascosto, del quale la maggior parte della popolazione ignora l'esistenza. Completamente girato a Teheran, al di là dell'aspetto musicale, è un interessante viaggio nelle dinamiche che oggi governano l'ex Persia,

che aiuta a capire meglio cosa stia realmente avvenendo in quel Paese. Premio Speciale della giuria al Festival di Cannes, la sceneggiatura è stata scritta da Ghobadi e dalla fidanzata Roxana Saberi, la giornalista americana di origine iraniana processata per spionaggio

il figlio più piccolo regia: pupi Avati con Christian de sica, laura Morante, luca Zingaretti, nicola nocella Con la scusa di completare la trilogia sulla paternità (dopo "La cena per farli conoscere" e "Il papà di Giovanna"), Avati racconta l'Italia di oggi e lo fa con particolare cattiveria ed ironia, aiutato anche da un più che brillante cast di attori. Apparentemente parla di beghe familiari, in realtà dà vita ad un preciso affresco del Bel Paese: cinico, corrotto e corruttore, egoista, disposto a tutto in nome del dio denaro. Un insospettabile De Sica (dopo tanti cine-panettoni) riesce finalmente a dare corpo ad un personaggio complesso e spietato, il "furbetto del quartierino" di turno che pur di salvarsi dalla galera per i suoi guai finanziari, non si fa scrupolo di riversare le sue colpe sull'ingenuo figlio.

il mio amico eric regia: Ken loach con eric Cantona, steve evets Un omaggio al calciatore del Manchester United Eric Cantona, personaggio discusso e borderline, per raccontare ancora una volta una storia di periferia. Loach lascia per il momento i toni seriosi dei suoi precedenti film ed affronta con leggerezza ed un tocco di fantasia i temi che gli sono da sempre cari. Il titolo originale, Looking for Eric, probabilmente si adatta meglio ad una storia dove il protagonista Eric Bishop, dipendente postale con una situazione famigliare


Altro

l’

quotidiano

GuiDaCinemaestate

Vi

MiniCritiCHe dei filM CHe potrete Vedere nelle sAle e nelle Arene e sentimentale disastrata, è alla continua ricerca di se stesso. Nel tentativo di rimettere insieme i pezzi della sua vita immagina di dialogare con il grande campione francese, che nel film recita se stesso. Da non perdere nel finale la vera conferenza stampa di Cantona, rimasta nella storia del calcio.

il Mi$$ionario regia: roger delattre con Jean- Marie Bigard Divertente commedia degli equivoci, senza troppe pretese ma ben costruita, prodotta da Luc Besson. L'attore protagonista, che ha anche scritto la sceneggiatura, nel raccontare il suo primo incontro con Besson sul set di un precedente film, ha rivelato che in quell'occasione, prima di squadrarlo da cima a fondo, gli ha detto che lo avrebbe visto bene nei panni di un prete. Parole profetiche. Bigard veste i panni di Mario Diccara, ex galeotto appena uscito dalla prigione che ha qualche conto in sospeso con la malavita. Chiede aiuto al fratello prelato che gli suggerisce di raggiungere Padre Etienne in un paesino dell'Ardèche, travestito da sacerdote. Al suo arrivo scopre che il parroco è morto e gli abitanti lo scambiano per il sostituto.

il profeta regia: Jacques Audiard con tahar rahim e niels Arestrup Difficile non identificarsi con la faccia d'angelo del protagonista, perché anche se la storia è politicamente poco corretta (un percorso di formazione alla rovescia, un antieroe) non si può non stare dalla sua parte. Accertato ormai il fatto che il carcere non riabilita proprio nessuno, il film è abilmente orchestrato da un regista che conferma qualità straordinarie nel dirigere gli attori. La faccia del giovane Malik (felice esordio),

Morgan freeman perfettamente nei panni di nelson Mandela nel film “invictus” analfabeta e ladruncolo che entra in carcere per uscirne dopo sei anni più acculturato, spietato ed a capo di una pericolosa banda, e quella del boss corso César Luciani (si intuisce ad occhio nudo la consolidata esperienza anche teatrale), reggono praticamente tutto il film.

il segreto dei suoi occhi regia: Juan Josè Campanella con ricardo darìn, soledad Villamil Un noir, una commedia, una storia d'amore. Sullo sfondo l'Argentina peronista degli anni '70. Magica commistione di generi per raccontare uno dei periodi più cupi del Paese. Da questo punto di vista decisamente più efficace di tante pellicole che puntano al politico. Aspetto, questo, abilmente ed apparentemente relegato ai margini e che invece si rivela la vera anima. Il film ti entra dentro, lentamente, e per parecchio non ti molla. Con piglio sicuro il regista di origine italiana nato a Buenos Aires, dirige uno dei migliori lavori della stagione che non a caso ha conquistato l'Oscar destinato al film straniero riuscendo a battere opere di pregio come "Il profeta" e "Il nastro bianco". Cast più che

apprezzabile, sceneggiatura essenziale, quasi scarna ma con la capacità di arrivare dritta alla meta. Da non perdere.

il tempo che ci rimane regia: elia suleiman con saleh Bakri, shafika Bajjali Suleiman è nato a Nazareth in Palestina ed il film è semiautobiografico, in quattro episodi, sulla sua famiglia. E' ispirato ai diari del padre, a partire dal 1948 quando decise di partire per unirsi alla Resistenza dopo l'occupazione di Israele. Scene di vita quotidiana di quei palestinesi che decisero di restare e che furono chiamati "arabi israeliani", costretti a vivere da stranieri nella loro patria. Contrariamente a quanto si possa pensare non ha nulla della pesantezza che magari ci si potrebbe aspettare da una pellicola di questo genere, il regista (che interpreta tra l'altro anche se stesso) ci ha costruito sopra una storia surreale, piena di ironia, con musiche coinvolgenti. Senza trascurare però l'aspetto politico di una questione ancora attualissima ed irrisolta.

invictus regia: Clint eastwood con Morgan freeman e Matt

damon Il capitano Francois Pienaar entra nella minuscola cella dove per 27 anni è stato recluso Nelson Mandela. Allarga le braccia, come per prenderne le misure e dalla finestra lo immagina nel cortile, in catene, intento a spaccare pietre sotto il sole cocente. Perché un uomo che ha dovuto subire tanto dolore parla di perdono? Forse l'eccesso di retorica, inusuale per un film di Eastwood, può in un primo momento generare qualche attimo di smarrimento. Poi con lo scorrere delle immagini prevale l'emozione, quella di veder rappresentato un momento cruciale della storia del Sudafrica ma forse anche del mondo. Le interpretazioni di Freeman nei panni di Nelson Mandela e Damon in quelli del biondissimo capitano della squadra di rugby sono appassionanti.

l'isola delle coppie regia: peter Billingsley con Vince Vaughn, Jason Bateman, Kristen Bell Coppia in crisi convince gli amici ad accompagnarla in una vacanza terapeutica per sposi con problemi coniugali, in uno splendido resort di Bora Bora. Il costo del biglietto è esoso ma se accettano di andare con loro verrà dimezzato. Partono, convinti di andare incontro ad una vacanza a cinque stelle invece scopriranno presto che la frequentazione della stravagante terapia non è a discrezione di chi ne ha bisogno e non è un optional. Jean Reno con il codino nelle vesti di santone che dovrebbe aiutare gli sposi. Una commedia (furbetta) che deve essere presa per quello che è: un paio d'ore di divertimento ammirando e sognando località tropicali irraggiungibili per molti. Non rimarrà nella storia del cinema

l'uomo che verrà regia: Giorgio diritti con Alba rohrwacher e Maya


Altro

l’

quotidiano

GuiDaCinemaestate

Vii

MiniCritiCHe dei filM CHe potrete Vedere nelle sAle e nelle Arene sansa Girato con assoluto rigore, non scade mai nella retorica. Diretto in maniera magistrale, con attori di grande spessore che recitano i rari dialoghi in dialetto bolognese (sottotitolati in italiano). Meritatamente premiato all'ultimo festival del cinema di Roma, ripercorre gli ultimi nove mesi dalla strage di Marzabotto dove furono massacrate dai nazisti 770 persone, per la maggior parte donne, bambini ed anziani. Il racconto cadenzato dei nove mesi d'attesa per la nascita di un bambino in un'umile famiglia di contadini, attraverso lo sguardo della sorellina muta di otto anni. Film di forte impatto emotivo, forse di non facile fruizione, ma decisamente da non perdere.

l'uomo nell'ombra regia: roman polanski con ewan McGregor, pierce Brosnan. Che Polanski sia un maestro nella regia è fuor di dubbio ed anche in questa occasione dà prova di grande abilità del dirigere gli attori. Ha sdoganato definitivamente uno come Brosnan che nella vita ha trovato non poche difficoltà a costruire una dignitosa carriera non legata quasi esclusivamente al fascino ed al glamour. Unico punto debole forse una sceneggiatura a volte prevedibile ed improbabile (come quando il protagonista scova alcune delicate e segrete informazioni semplicemente consultando Internet. Va bene che nella rete si trova di tutto, ma questa volta appare un po' esagerato) per un film che ha la sua forza in una storia costruita su temi importanti, piena di inganni e tradimenti, dove ognuno è molto diverso da ciò che appare.

l'uomo nero regia: sergio rubini con Valeria Golino, sergio rubini, riccardo scamarcio, Guido

stra sull'Italia con le sue storie di immigrazione, sfruttamento, valori famigliari. Cast ben assortito. Unica stonatura, forse, un finale troppo happy, da commedia.

la prima cosa bella

raoul Bova e elio Germano (premiato come miglior attore a Cannes con Javier Bardem) in una scena del film “la nostra vita” Gianquinto. Uno dei migliori film di Rubini. Intenso, commovente, ironico e fortemente autobiografico. Dopo "La stazione" del 1990, il regista/ attore torna a parlare della sua infanzia e della Puglia ripartendo da quella stazione ferroviaria che sembra sia rimasta fortemente ancorata ai ricordi. Ma questa volta lo fa con un tocco di maggiore maturità, riuscendo a fare un film più compiuto. Sceneggiatura ben calibrata, cast di attori decisamente convincenti. Iniziando dal piccolo e straordinario protagonista fino ad arrivare ad una brava Valeria Golino che riesce ad interpretare il ruolo di una donna moderna ed emancipata degli anni '60, che non rinuncerebbe mai al suo lavoro di insegnante, capace però di conservare intatti gli atavici dettami della tradizione.

la bocca del lupo regia: pietro Marcello con i reali protagonisti della storia. Piccolo film di nicchia, per raffinati cultori del cinema d‘autore. Ricco di poesia e sentimento. Due anime perse raccontano le loro vite. Sullo sfondo la Genova storica, descritta e fotografata alla De Andrè. Quella di ieri, delle "tripperie" ormai scomparse, e quella di oggi percorsa dai

disperati e dagli ultimi. Enzo è appena uscito dalla galera e attraversa la città, alla ricerca dei luoghi di un tempo ormai dismessi. Nella piccola casa nel ghetto, tra i vicoli del vecchio quartiere, l'aspetta da anni l’amatissima Mary, prostituta transessuale. Nato da un'idea della fondazione San Marcellino, gesuiti di Genova, che da anni assiste in diversi modi la comunità dei senza tetto, degli emarginati.

la nostra vita regia: daniele luchetti con elio Germano, raoul Bova, isabella ragonese, luca Zingaretti, stefania Montorsi, Giorgio Colangeli. Un grande Elio Germano, che ha ampiamente meritato il premio come miglior attore a Cannes, per un film sui trentenni di oggi. Quelli che non hanno santi in paradiso, forse i nuovi proletari come li definisce lo stesso Luchetti. In realtà dei giovani intelligenti e svegli che cercano di farsi strada in un mondo dove la priorità sono i soldi e la loro capacità di comprarci più cose possibili. Figli di un consumismo sfrenato, ma anche capaci di mettere al mondo tre figli nella totale incertezza economica e con il desiderio di fare il grande salto in avanti. Il film però non è solo questo. Anche una grande fine-

regia: paolo Virzì con Valerio Mastandrea, stefania sandrelli, Claudia pandolfi, Micaela ramazzotti. Svolta intimista per il regista toscano che si allontana decisamente dalle tematiche sociali che hanno caratterizzato le sue precedenti pellicole, per concentrarsi sui sentimenti e sulla psicologia dei personaggi in una sorta di romanzo famigliare. Un percorso tutto nuovo per il quale sceglie l'attrice simbolo della commedia all'italiana, la splendida Stefania Sandrelli che insieme ad un Mastandrea in grande forma (una delle migliori interpretazioni dell'attore romano nel ruolo di Bruno e del suo mal di vivere) da vita ad un duetto recitativo di ottimo livello, riuscendo a coinvolgere l'intero cast. Costruito su due piani temporali, il film percorre circa quarant'anni di vita livornese, la storia di una mamma bellissima e svampita e dei suoi due figlioli dagli anni 70/80 fino ai nostri giorni.

la vita è una cosa meravigliosa regia: Carlo Vanzina con Gigi proietti, Vincenzo salemme, enrico Brignano, nancy Brilli, luisa ranieri Saranno pure i furbetti del quartierino, ladroni e corrotti, però in fondo in fondo sono dei buoni. Insomma, prevale la tesi dei "birbantelli". E' questa l'Italia descritta dai Vanzina. Gli italiani? Un popolo di cialtroni, dicono, sempre pronti a trovare la scorciatoia, la raccomandazione, l'appoggio del potente di turno, ma subito dopo arriva puntuale l'assoluzione. Così il direttore di un potente


Altro

l’

quotidiano

GuiDaCinemaestate

Viii

MiniCritiCHe dei filM CHe potrete Vedere nelle sAle e nelle Arene gruppo bancario, intrallazzone ed imbroglione, si ritira in campagna a coltivare gli ortaggi in compagnia di belle ragazze (!), il chirurgo che cercava e dispensava favori a destra e manca si redime andando a curare i poveri. Il poliziotto intercettatore, che usa il suo potere per conquistare una bella ragazza, ritrova l'amore. E via discorrendo. Unico punto forza del film un eccellente cast di attori, che riesce a tenere in piedi una storia mediocre ed improbabile. Con tutto il "materiale" che la cronaca regala ogni giorno si poteva fare veramente di più.

le quattro volte regia: Michelangelo frammartino Il regista milanese di origine calabrese, dopo il bellissimo e pluripremiato "Il dono" ci regala un nuovo lavoro dove creatività e poesia si fondono per raccontare il fascino arcaico di una terra dove il tempo sembra si sia fermato. Interamente girato senza dialoghi, senza attori, solo con rumori di sottofondo, utilizzando la tecnica del documentario (come peraltro aveva già fatto con il primo lungometraggio), la cinepresa si limita a riprendere scene di vita quotidiana di un piccolo villaggio rurale, in realtà riesce a leggere oltre le immagini. Illustra il ciclo della vita e della natura, attraverso uno sguardo originale ed innovativo che può ricordare quello di Franco Piavoli e Vittorio De Seta. Accolto a Cannes da giudizi più che lusinghieri dalla critica internazionale.

Matrimoni ed altri disastri regia: nina di Majo con Margherita Buy, fabio Volo, luciana littizzetto, francesca inaudi. L'intento della regista era una commedia semplice e sofistica, in realtà è complicata (tanto da apparire improbabi-

Una scena corla di “Mine vaganti” di ozpetek. in primo piano elena sofia ricci (a sinistra) e riccardo scamarcio

le) ed abbastanza ordinaria, quasi scontata. Sceneggiatura debole e poco equilibrata, dialoghi fuori dal mondo. La Buy, sulla cui faccia la cinepresa non molla mai un attimo facendo sparire dallo schermo tutto il resto, fa sempre la solita parte della single ansiosa e nevrotica. Poi, per chissà quale magico artifizio, ad un certo punto tutti si innamorano di lei. L'adolescente inquieto, l'intellettuale di sinistra inevitabilmente sfigato, il tecnico che aggiusta i computer e pure il cognato mezzo leghista ed ignorante come una capra al quale dà anche un bacetto tutto casto. Cast stellare sottoutilizzato.

Mine Vaganti regia: ferzan ozpetek con riccardo scamarcio, nicole Grimaudo, Alessandro preziosi, ennio fantastichini, lunetta savino, ilaria occhini Gruppo di famiglia in un interno. Il paragone con il grande film di Luchino Visconti finisce qui. Tuttavia, nulla da togliere al regista turco che ha realizzato un film godibile, intimo, per la prima volta curioso di esplorare il cuore della famiglia tradizionale e tradizionalista, animata dal perbenismo di facciata. Un nucleo numeroso, come tanti nel Sud d'Italia, proprietario di un pastificio, con una nonna

dolce e ribelle, una madre affettuosa e tollerante, la zia stravagante (una piacevole sorpresa l'interpretazione di Elena Sofia Ricci), il padre molto attento alle apparenze e due figli gay che hanno da sempre nascosto la loro vera identità. Scamarcio particolarmente bravo a non strafare in un ruolo non certo facile. Sullo sfondo la splendida Lecce con i vicoli, piazze ed il candore della sua architettura.

nine regia: rob Marshall con daniel day-lewis, sophia loren, nicole Kidman, penelope Cruz, Marion Cotillard Già il musical di Broadway sembra non sia piaciuto per nulla a Fellini. Immaginate cosa potrebbe dire oggi di questo film, se fosse ancora vivo. Una sfilza di banalità e luoghi comuni sull'Italia e sugli italiani, da non credere. La pizza, i mandolini e siamo al completo. Ovviamente nulla a che vedere con un capolavoro come “8 e mezzo“. A parte questo, le canzoni sono accattivanti, i balletti rocamboleschi, i costumi sfavillanti. Ingredienti essenziali per catturare il grande pubblico. Per non parlare della lunga sfilza di star e bellezze internazionali. Penelope Cruz insolitamente conturbante e sexy. Guido

Contini è affascinante, glamour e donnaiolo ma non possiede l'ironia di Mastroianni.

notte folle Manhattan

a

regia: Mira nair con steve Carell, tina fey Battute e situazioni scopiazzate da altre celebri pellicole, tuttavia divertente ed anche poco corretta (è pieno di parolacce) per una commedia americana destinata alle famiglie. La coppia Carell & Fey funziona, ben diretta dal regista di "Una notte al museo", per cui alla fine il film risulta piacevole ed alcune gag sono davvero esilaranti. Ipotetico plot alla intrigo internazionale, con il più classico scambio di persona. Una tranquilla ed annoiata coppia con tanto di prole chiassosa, che vive nella provincia del New Jersey, decide di uscire dalla routine concedendosi una serata speciale e cenare in uno dei ristoranti più trandy della città. Non avendo la prenotazione, però, hanno la malaugurata idea di prendere il posto di una coppia che non si è presentata.

percy Jackson e gli dei dell'olimpo - il ladro di fulmini regia: Chris Columbus con logan lerman, pierce Brosnan


Altro

l’

quotidiano

GuiDaCinemaestate

iX

MiniCritiCHe dei filM CHe potrete Vedere nelle sAle e nelle Arene Il paragone con le avventure di Harry Potter è inevitabile. Il regista ne ha diretti ben due. Come il celebre maghetto anche Percy Jackson ha poteri sovrannaturali, per metà divino e per metà umano, con l'innata capacità di tenere a bada il male. Anche lui ha genitori "magici", è figlio del dio greco Poseidone, e molte delle situazioni in cui si trova porta inevitabilmente al personaggio della Rowling. L'apparizione dell'Idra a tre teste non può non ricordare Fuffy il cane a tre teste di Hagrid. Solo una squallida copia dunque? Niente affatto. Il film ha una sua valenza, si lascia vedere con piacere, in qualche modo è anche educativo (all'inizio insegnanti e compagni di scuola lo credono mentalmente limitato) e poi potrà riempire il vuoto che Potter lascerà. Moderno classico della letteratura fantasy dello scrittore Rick Riordan, "Il ladro di fulmini" è il primo di una serie di cinque libri, l'ultimo uscito a maggio dello scorso anno.

piccolo (il) nicolas ed i suoi genitori regia: laurent tirard con françois-Xavier demaison, daniel prévost Adattamento sul grande schermo di uno dei più importanti classici per l'infanzia francesi, probabile primo esempio di letteratura moderna per piccoli, nato dalla fantasia di René Goscinny (l'ideatore di Asterix) e JeanJacques Sempè. Il protagonista è un bambino di otto anni, Nicolas, una sorta di Gian Burrasca d'Oltralpe. Ambientato negli anni '50, le avventure del pestifero ragazzino con la sua strampalata combriccola di amici, divertono molto e riescono a creare un processo di identificazione sia nei bimbi che nei grandi, con un abile doppio piano di lettura. Riuscita trasposizione sul grande schermo, senza

russel Crowe (a destra) nel ruolo che il regista ridley scott gli ha assegnato per la nuova versione di “robin Hood” trascurare le magiche atmosfere dei racconti.

predators regia: nimrod Antal con Adrien Brody, laurence fishburne, Alice Braga Remake dell'action movie interpretato nell'87 da Schwarzenegger, con un inedito Adrien Brody nei panni dell'ex marine tutto muscoli, tattica militare e mitraglietta in spalla. Mercenario alla guida di un gruppetto di veri cattivi. Letteralmente piovuti dal cielo, ben presto scopriranno di essere stati catapultati in un pianeta alieno per essere trasformati in prede. Uomini (e donna) allenati ad uccidere che invece saranno spietatamente cacciati ed eliminati da una nuova razza di predators alieni, guerrieri astutissimi in grado di rendersi invisibili. Film ben orchestrato, di sicuro effetto, altamente confezionato. Apprezzabile.

prince of persia - le sabbie del tempo

regia: Mike newell con Jake Gyllenhaal, Ben Kingsley, Alfred Molina Dopo "I pirati dei Caraibi" ecco un altro film tratto da un videogioco degli anni '80. A dirigerlo questa volta il regista inglese di "Quattro matrimoni e un funerale" e di "Harry Potter e il calice di fuoco". Se piace il genere, l'action fantasy è piacevole e scorre abbastanza facilmente nonostante le oltre due ore di durata. Le scenografie esotiche dell'antica Persia, in gran parte riprodotte al computer, non deludono le aspettative. C'è tutto. Il principe bello e muscoloso che corre lungo i muri, la principessa misteriosa e furba, il pugnale, le arti magiche, la lotta contro le forze oscure, ed uno stuolo di allenatissimi stuntman. Insomma, un bel fumettone. Sempre ottime le Interpretazioni di Molina e Kingsley.

remember me regia: Allen Coulter con robert pattinson, emilie de

ravin Una sorpresa. Che il vampiretto più celebre del momento si sia cimentato, nonostante il travolgente successo di Twilight, in una pellicola del genere depone a favore di questo bel ragazzone rimasto improvvisamente sepolto dalla notorietà e da una stuolo di adoranti fan. Il film, contrariamente a quanto si possa credere, non è solo una storia d'amore destinata al filone giovanilistico, l'intreccio è molto più raffinato e complesso, pieno di humour, acume, con dialoghi ben scritti ed interpretati. Finale sorprendente che vuole essere un omaggio alla città di New York. Senza voler svelare nulla, perché l'epilogo è davvero inaspettato, la storia parte da due ventenni provenienti da mondi del tutto opposti, che si incontrano in maniera non proprio casuale, e che si innamorano. Ma non ci sarà l'happy end.

the road regia: John Hilcoat con Viggo Mortensen, robert duvall, Charlize theron E' vero, è deprimente, triste, disperato, senza futuro, eppure è uno dei film più interessanti che il genere catastrofista abbia partorito negli ultimi anni. Completamente privo di retorica, un regista semi-sconosciuto porta sul grande schermo il romanzo "La strada" del grande scrittore statunitense Cormac McCarthy. Lo fa rivelando notevoli capacità nel dirigere i pochi (ma buoni) attori del cast. Un film complesso, difficile, dove la macchina da presa è quasi esclusivamente puntata sui volti di un padre e di un figlio che cercano di sopravvivere in un'America desolata e distrutta da un misterioso cataclisma, dove gli esseri umani sono spinti a dare il meglio e (soprattutto) il peggio di sé.

robin Hood regia: ridley scott con russel Crowe, Cate


Altro

l’

quotidiano

GuiDaCinemaestate

X

MiniCritiCHe dei filM CHe potrete Vedere nelle sAle e nelle Arene Blanchett, William Hurt, Max Von sydow. Certo, se si pensa che è stato il regista di Blade Runner e Thelma & Louise qualche attimo di sconforto assale. Non è che fosse così indispensabile l'ennesima pellicola su una figura trita e ritrita come l’arciere di Sherwood. Tuttavia non si può dire che sia, nel suo complesso, un brutto film. Conosciamo tutti le capacità del grande regista americano. Il prodotto infatti è ben confezionato, e non a caso sia Scott che Crowe lo hanno anche prodotto. A parte qualche sprazzo di vera noia, soprattutto durante le interminabili e sanguinolente scene di scontri armati tra buoni e cattivi, la vera novità è la figura di Lady Marion, qui in una insolita ed improbabile veste di rivoluzionaria in un’epoca dove le donne stavano zitte, obbedivano e procreavano. Vedova di guerra senza figli, non solo respinge i pretendenti, ma combatte anche con armatura e spada, coltiva i campi ed esprime la sua opinione. Già annunciato Robin Hood 2.

Una scena di “shutter island”. Al centro: leonardo di Caprio

sto caso però quello che manca è la mano ferma di una regia esperta capace di dirigere un buon cast di attori e plasmare, rendendola scorrevole e convincente, una trama a tratti complessa. Un intreccio narrativo con un preciso scopo, da scoprire solo nel finale.

scontro di civiltà per shutter island un ascensore a regia: Martin scorsese con leonardo di Caprio, Mark piazza Vittorio regia: isotta toso con daniele liotti, Kasia smutniak, francesco pannofino Peccato, un'occasione mancata. Perché l'omonimo romanzo di Amara Lakhous (se vi capita leggetelo), dal quale è stato tratto il film, è piacevole, a tratti divertente nel raccontare le vicissitudini di un gruppo di inquilini di varie nazionalità, ricco di spunti interessanti per riflettere sulla nostra società. Lo scontro di civiltà del titolo, si consuma nel chiuso di un palazzo e di un condominio a Piazza Vittorio, nel cuore del quartiere più multietnico di Roma. Come spesso avviene la trasposizione tradisce in parte l'opera letteraria, in que-

Buffalo, Ben Kingsley, Max von sydow. Un affresco sul dolore e sulla follia. Film particolarmente claustrofobico e cupo, con una magnifica fotografia, come tutte le opere di Scorsese curato e costruito nei minimi particolari. Maestro nel dirigere i suoi attori. Dramma psicologico avvincente, che lascia con il fiato sospeso sino alla fine, mai scontato, con una ambientazione quasi maniacale. Un'isola-fortezza, battuta dal vento e da una pioggia incessante, sede di un noto manicomio criminale. Siamo nel 1954, all'apice della Guerra Fredda, quando il capo della polizia locale Daniels (Di Caprio) ed il suo collega ven-

gono convocati a Shutter Island per indagare sulla misteriosa scomparsa di una pluriomicida, ma nulla è come appare.

simon Konianski

un giovane laureato in filosofia, disoccupato, abbandonato dalla moglie, costretto a tornare a vivere con il padre, un ex deportato che gli darà del filo da torcere anche da morto.

regia: Micha Wald con Jonathan Zaccai, popeck Un popolo che sa ridere della propria tragedia. Sul filone di una serie di riuscitissime commedie dallo humour yiddish (da "Train de vie" in poi), arriva questo giovane e sconosciuto regista belga di origini ebraiche che al suo secondo lungometraggio mette in luce un talento del quale probabilmente sentiremo parlare ancora. Dosato e con il giusto cast di attori, costruisce un film divertente e drammatico, irriverente e scoppiettante, graffiante e doloroso. Colonna sonora dai ritmi leggeri ed accattivanti in netto contrasto dal contesto narrativo. Più che l'accostamento con Woody Allen, Radu Mihaileanu o al nostro Benigni, lo stile somiglia molto a quello dei grandi fratelli Coen che sullo stesso argomento hanno realizzato "A serious man". Fortemente autobiografico, è il racconto di

regia: Alessandro d'Alatri con dario Castiglio, Martina Codecasa D'Alatri torna a sorprenderci. Dopo il cine-panettone alternativo "Commediasexy", il regista romano questa volta firma un film completamente in digitale, a basso budget, interpretato da attori semisconosciuti. Una commedia sentimentale appartenente al filone giovanilistico, dai risvolti sociali, ambientata nella splendida isola di Ventotene che, ad onor del vero, contribuisce parecchio alla riuscita della storia tratta dal romanzo di Anna Pavignano (In bilico sul mare). Il giovane e bel Salvatore (Dario Castiglio, figlio di Peppino di Capri) d'estate porta i turisti in giro con il suo gozzo mentre d'inverno fa il muratore in nero nei cantieri sulla terraferma. L'amore arriva con Martina, la ragazza di buona famiglia che

sul mare


GuiDaCinemaestate

Altro

l’

quotidiano

Xi

MiniCritiCHe dei filM CHe potrete Vedere nelle sAle e nelle Arene usa la sua barca per le immersioni da sub.

the Wolfman regia: Joe Johnston con Benicio del toro, emily Blunt, Anthony Hopkins Monster movie di tutto rispetto. Diretto con mano ferma ed interpretato con la stessa convinzione da un intenso Benicio Del Toro (bravo anche con il pesante trucco da lupo) accanto al sempre straordinario Hopkins, nel ruolo del padre. Remake del classico horror "L'uomo lupo" di George Waggner del 1941, costruzione di un sanguinoso puzzle con un'antica maledizione che trasforma le persone in lupi mannari durante le notti di luna piena, che sta lentamente uccidendo gli abitanti di Blackmoor. Poco splatter ma di certo non annoia, diligentemente condensato in poco più di un'ora e mezza con una tensione narrativa che non cala mai. Interessante ricostruzione d'epoca in stile vittoriano.

tra le nuvole regia: Jason reitman con George Clooney e Vera farmiga Un film attraversato da un umorismo fresco e leggero per affrontare un tema di scottante attualità, dai risvolti inevitabilmente drammatici. La storia di un "tagliatore di teste", un manager molto ricercato in tempi di crisi, che le aziende assumono per brevi periodi con il compito di licenziare il personale in eccesso. Un grande Clooney nei panni del professionista senza scrupoli che dopo tanti anni spesi felicemente tra una città e l'altra dell'America, improvvisamente sente di dover cambiar vita. La sfilza dei dipendenti che passa sotto la mannaia di Clooney sono veri disoccupati provenienti da Detroit e St. Louis, le città più colpite dalla recessione. Il regista è il figlio di Ivan Reitman, quello che ha diretto "Ghostbusters".

George Clooney e Vera farmiga in una scena di “tra le nuvole” di Jason reitman

triage regia. danis tanovic con Colin farrell, paz Vega, Christopher lee Premio Oscar nel '93 con No Man's Land, Tanovic ritorna ad affrontare gli orrori della guerra, da un altro punto di vista. Quello dei sopravvissuti. Di coloro che ce l'hanno fatta, ma che hanno lasciato in quei terribili luoghi gran parte della loro vita. Tratto dall'omonimo romanzo dell'ex reporter Scott Anderson che ha seguito i conflitti in Uganda, Beirut, Cecenia e Bosnia il film è la storia di due fotoreporter inviati nel Kurdistan iracheno nel 1988 poco prima dei massacri di gas ordinati da Saddam Hussein. Le scene sono forti, particolarmente violente e sanguinolenti. In un ospedale da campo improvvisato, senza acqua ed attrezzature adeguate, il medico è costretto a sparare in testa ai pazienti più gravi, quelli senza speranze.

the twilight Saga: eclipse regia: davide slade con Kristen stewart, robert pattinson, taylor lautner

il cast al completo di “the twilight”, terza pellicola della saga ”eclipse”, ma anche la peggiore

E' troppo facile parlare male del film, talmente è insulso. Il peggiore dei tre. Nella prima parte non succede praticamente nulla. Ci sono dei neovampiri che cercano vittime da succhiare in giro per la città (sai che novità!), sarebbero dei cattivoni che tentano di organizzare un piccolo esercito per far fuori Bella. I dialoghi tra i tre protagonisti hanno temi fissi e ripetitivi. Parole come amore, cuore, sentimento vengono usate fino allo sfinimento. Lei dice al vampiro Edward: "io ti amo, sono pronta a morire per te", mentre al licantropo pettoruto Jacob ribadisce "sono solo tua amica", però si capisce

che forse c'è dell'altro dopo due bacetti non proprio casti. I due rivali, con piglio molto maschio, fanno a gara nel rassicurarla. "Ti proteggo io" afferma uno, "no, a lei ci penso io" ribatte l'altro. Salvo poi allearsi per salvarle la pelle (si fa per dire). Va bene, trattasi di pellicola per adolescenti. Ma che fatica arrivare sino alla fine.

Recensioni di LUCIANA VECCHIOLI


aq20agosto2010