Page 1

Altro

l’

Altro

quotidiano

in edizione stampabile non viene pubblicato la domenica e il lunedì ma il sito in quei giorni viene regolarmente aggiornato

Ora di Punta di

Anno III - n. 25 - Mercoledì 16 febbraio 2011

Ennio SimEonE

La congiura delle donne

T

ra i tanti sondaggi che sono sbocciati come funghi in questi giorni sulle vicende del cavalier Berlusconi ce n’era uno che chiedeva agli intervistati, più o meno, come giudicano il comportamento del nostro presidente del Consiglio con le donne. Quesito, francamente, un po’ bislacco; tuttavia vale la pena di registrare che il 38% esprimeva un parere positivo contro un 62% che lo deplorava. E’ presumibile che questo sia stato il sondaggio che più ha ferito l’orgoglio del Cavaliere, il quale si considera (e forse lo è, viste le illustri parlamentari del Pdl che scendono televisivamente in campo per difenderlo) un tombeur de femme. a bisogna dire che con le donne negli ultimi tempi gli sta andando decisamente male. Come se non bastasse l’ondata di manifestazioni che gli è arrivata addosso il 13 febbraio con lo slogan “Se non ora quando” urlato all’unisono in tutta Italia da almeno un milione di donne, ora deve prendere atto che anche l’odiata magistratura che “congiura” contro di lui è tutta al femminile: è donna il pm che l’accusa, è donna il gip che lo ha rinviato a giudizio, e sono tutte e tre donne le componenti del collegio giudicante del Tribunale di Milano davanti al quale dovrà (meglio: dovrebbe, perché Ghedini troverà il modo di evitarglielo) comparire in veste di imputato. A che santo può votarsi? Meglio evitare: il 6 aprile è al femminile anche il santo del giorno, Santa Virginia.

M

l’ € 0,50

quotidiano

Altro

l’

quotidiano

EdiZionE ridotta fino a completamento del rinnovo del sito

www.altroquotidiano.it

Processo a Berlusconi.L’udienza fissata dal gip per il 6 aprile

Venga a S. Virginia Che strana sorte per il Cavaliere: donna il pm che l’accusa, donna il gip che l’ha rinviato a giudizio, donne i tre giudici del collegio. E quel giorno è al femminile anche l’onomastico... Per il 6 aprile è fissato il processo per Silvio Berlusconi per i reati di concussione e prostituzione minorile nell'ambito del caso Ruby. Il rito immediato è stato disposto dal gip di Milano, Cristina Di Censo. Per il gip la prova è evidente. Parti lese: Karima e il Viminale. Il premier sarà giudicato da un collegio di tre donne. Famiglia Cristiana: 'Una nemesi'. Nessun commento dal presidente del Consiglio, mentre uno dei suoi legali, Pietro Longo, commenta: 'Ce lo

aspettavamo'. 'Ora andremo in udienza'. Sono le uniche parole del procuratore della Repubblica di Milano, Edmondo Bruti Liberati. 'E' in gioco l'autonomia del Parlamento', sostiene il Guardasigilli Alfano. Attacca il segretario del Pd Bersani: 'Noi chiediamo le sue dimissioni'. "Voglio solo stare tranquilla" il commento di Karima El Mahroug, in arte Ruby 'Rubacuori'.

segue a pagina 3

Anche in Libia fermenti libertari dopo Tunisia, Egitto, Algeria e Iran Dopo la Tunisia, l’Egitto, l’Iran, l’Algeria, ora anche in Libia prende corpo la protesta popolare contro uno dei regimi dispotici in Medio Oriente e in Africa. Scontri fra manifestanti infuriati per l'arresto di un attivista dei diritti umani da una parte, polizia e sostenitori del governo dall'altro sono scoppiati la scorsa notte in Libia, nella città di Bengas, secondo i media locali. Ed è significativo i media ufficiali si siano affrettati a informare che si tengono manifestazioni a sostegno del governo del leader Gheddafi. Fonti concordanti affermano che la polizia ha disperso con la forza una manifestazione

sit-in a Bengasi di familiari di detenuti uccisi in una sparatoria nel 1996 nel carcere di Abu Slim, a Tripoli, che si

sono radunati per chiedere il rilascio del loro coordinatore, l'avvocato Fethi Tarbel, arrestato per motivi misteriosi.


VentiquatrOre

Altro

l’

quotidiano

mercoledì 16 febbraio 2011

2

Berlusconi a giudizio

Tre strategie processuali per il Cavaliere Rito abbreviato, patteggiamento o normale dibattitmento Scegliere il giudizio abbreviato o il patteggiamento, oppure farsi sottoporre al ''normale'' dibattimento. Sono le tre strade che si aprono davanti al presidente del Consiglio dopo che il gip di Milano ha disposto per lui il giudizio immediato per concussione e sfruttamento della prostituzione minorile nell'ambito del caso Ruby. Il codice di procedura penale prevede infatti che in caso di giudizio immediato, che è un rito speciale caratterizzato dalla mancanza dell'udienza preliminare e a cui si ricorre quando vi sia l'''evidenza'' della prova , l'imputato abbia 15 giorni di tempo dalla notifica del relativo decreto per chiedere di essere sottoposto al giudizio abbreviato o in alternativa il patteggiamento; diversamente, viene sottoposto al

processo ordinario. L'abbreviato presenta il vantaggio che si celebra in camera di consiglio, cioe' a porte chiuse, e in caso di condanna comporta la riduzione di un terzo della pena; ma ha lo svantaggio che la decisione viene presa allo stato degli atti, sulla base cioè di quanto è stato raccolto dalla Procura e dai difensori con le proprie indagini. E' però possibile chiedere questo rito ponendo condizioni, come per esempio l'assunzione di determinati testimoni. Sembra pero' difficile che Silvio Berlusconi scelga questa strada, e ancora di piu' quella del patteggiamento, che consiste nell'applicazione della pena su richiesta delle parti: perchè il patteggiamento si traduce nella sostanza in un'ammissione da parte dell'imputato dei fatti che gli sono conte-

Altro

l’

stati, anche se presenta il vantaggio di comportare l'esclusione delle pene accessorie, cioè in questo caso scongiurerebbe l'interdizione dai pubblici uffici. L'ipotesi piu' probabile e' che il premier scelga la via ordinaria. Ma anche in questo caso le sorprese non mancherebbero. La stessa prima udienza potrebbe slittare se i difensori del presidente del Consiglio facessero valere il legittimo impedimento, magari per la convocazione concomitante di un Consiglio dei ministri. Dopo la recente sentenza della Consulta ora l'impedimento del premier a comparire in giudizio va valutato nel concreto dai giudici, ma comunque potrebbe essere riproposto nelle varie udienze del processo. Solo nella fase iniziale, e dunque prima dell'apertura del dibattimento,

i legali di Berlusconi potrebbero invece sollevare le eccezioni sulla competenza del tribunale di Milano a giudicare il premier: sostenendo come hanno già fatto che l'unico soggetto ''titolato'' e' il tribunale dei ministri per quanto riguarda la concussione, e il tribunale di Monza per la prostituzione minorile. Una questione su cui aleggia lo spettro del conflitto di attribuzioni, dopo che la Camera dei deputati ha escluso la competenza della procura di Milano. Solo nella fase iniziale del processo gli avvocati del presidente del Consiglio potrebbero inoltre contestare la correttezza dell'operato del gip nel valutare la sussistenza dell'evidenza della prova sulla base della quale e' stato disposto il giudizio immediato. (Ansa)

La migLiOre deL giOrnO

quotidiano

Direttore responsabile: Ennio Simeone Redazione tel. 06 86293192 Indirizzo e-mail: redazione@altroquotidiano.it Registrazione del Tribunale Roma n..343/08 del 18 settembre 2008 - Registrato al ROC Editrice: GECEm (Gestione Cooperativa Editoria Multimediale) - Presidente:Stefano Clerici Vicepresidente Eloisa Covelli. Consigliere: Fidalma Filippelli

Direttore editoriale: alessandro Cardulli Sede legale: Via Aldo Sandulli 45, Roma Partita Iva 09937731009

Staino su “l’Unità”


Altro

l’

VentiquatrOre

quotidiano

mercoledì 16 febbraio 2011

3

Berlusconi a giudizio

Parti lese Ruby e il ministero dell’Interno SERVIzIO AnSA Intanto secondo alcuni quotidiani si profila una nuova inchiesta su presunte feste del premier a Roma. La procura della capitale però smentisce contatti con i colleghi di Milano. Ed ecco la cvronaca della giornata ora per ora. SI' AL GIUDIZIO IMMEDIATO - Il gip di Milano Cristina Di Censo ha disposto il giudizio immediato per Silvio Berlusconi per i reati di concussione e prostituzione minorile nell'ambito del caso Ruby. Il Gip ha inoltre fissato l'udienza che si terrà davanti alla quarta sezione penale per il prossimo 6 aprile alle ore 9.30. Sussiste la prova evidente per rinviare a giudizio con rito immediato Silvio Berlusconi. E' anche su questa base che il Gip Cristina Di Censo ha disposto il processo con rito immediato per il premier. Saranno i giudici Carmen D'Elia, Orsolina De Cristofaro e Giulia Turri i giudici della quarta sezione del tribunale di Milano che comporranno il collegio che giudicherà Berlusconi. PARTI LESE - Ruby "Rubacuori" ed il ministero dell'Interno sono parti lese nel processo. Karima El Mahroug, in arte Ruby, è persona offesa nel procedimento in relazione al reato di prostituzione minorile contestato a Berlusconi in quanto il premier avrebbe commesso atti sessuali con la giovane in cambio di denaro o altre utilità dal febbraio al maggio dello scorso anno, quando la ragazza non aveva ancora 18 anni. Il ministero dell'Interno, invece, è parte offesa in relazione al reato di concussione ipotizzato nei confronti di Berlusconi in relazione

alla telefonata che il premier fece nella notte tra il 27 ed il 28 maggio scorso in questura a Milano per ottenere il "rilascio" di Ruby che era stata portata negli uffici della polizia in seguito alla denuncia di un furto. Ci sono anche tre funzionari della Questura di Milano come parti lese nel processo. I tre funzionari sono il capo di gabinetto Pietro Ostuni, e i funzionari Giorgia Iafrate e Ivo Morelli, i quali, secondo l' accusa, avrebbero subito pressioni dal premier che nella notte tra il 27 e il 28 maggio scorsi chiamò negli uffici di via Fatebenefratelli per ottenere il 'rilascio' di Ruby. In linea teorica, la presidenza del Consiglio potrebbe costituirsi parte civile in rappresentanza del ministero dell' Interno che a sua volta è parte lesa in relazione sempre al reato di concussione contestato a Berlusconi. BERSANI, ORA SI DIMETTA- "Noi chiediamo le dimissioni perché é una situazione insostenibile". Così il segretario del Pd Pier Luigi Bersani, dopo la richiesta del gip di Milano di giudizio immediato per il premier. "Non ci occupiamo di reati afferma Bersani- perché questo è il lavoro della magistratura né ci occupiamo di peccati perché se ne occupa la chiesa. Noi ci occupiamo dell'Italia e non vogliamo che l'Italia sia allo sbando". "Io chiedo le elezioni anticipate". Quanto alle affermazioni del premier che per sciogliere le camere serva un suo parere, Bersani ironizza: "Berlusconi è un fine costituzionalista ed essendo tale ha detto la sua. Un po' di studio in più sulla Costituzione non gli guasterebbe".

ALFANO, IN GIOCO AUTONOMIA PARLAMENTO - Il fatto che il gip di Milano abbia disposto il processo immediato nei confronti del premier Silvio Berlusconi significa che non ha tenuto conto di quanto votato le settimane scorse dalla Camera, dunque - afferma il ministro della Giustizia Angelino Alfano questo è "un tema che attiene l' autonomia, la sovranità e l' indipendenza del Parlamento". "E' ampiamente acclarata l'autonomia e l'indipendenza della magistratura. Non è certo il governo risponde Alfano a margine dei lavori della commissione d'inchiesta sul servizio sanitario al Senato - a intervenire per tutelare l'autonomia e l'indipendenza del Parlamento". A chi gli chiede se a questo punto sarà il Parlamento oppure la presidenza del Consiglio sollevare conflitto dinanzi alla Corte Costituzione contro la decisione del gip di Milano, Alfano risponde: "Sono il ministro della Giustizia e non devo né posso interferire su questi temi che sono prerogativa propria di ciascun organismo costituzionale". FAMIGLIA CRISTIANA: UNA NEMESI - "Allora, la sentenza in mano a tre signore. Viene subito in mente la nemesi. Tu, Berlusconi, delle donne ti sei servito, e in malo modo; le stesse donne faranno giustizia". E' questo il commento alla notizia del rito immediato per Berlusconi, che Famiglia Cristiana affida a un editoriale on line. "Con l'aria che tira - si legge nel testo - la notizia non è il rinvio a giudizio immediato. E' la composizione del collegio giudicante: tre donne".

LONGO, ME LO ASPETTAVO- "Senz'altro, è quello che chiede la Procura di Milano". Così uno dei legali del premier, il senatore del Pdl Pietro Longo, ai giornalisti che gli chiedono se si aspettava questa decisione del gip nei confronti di Silvio Berlusconi. All'osservazione dei cronisti che il collegio giudicante è composto da sole donne, Longo risponde: "Già ci sono nel processo Mills; benissimo, le donne sono gradite e qualche volta anche gradevoli". NUOVA INCHIESTA SU FESTE ROMANE? - Una nuova inchiesta si profilerebbe alla Procura di Roma sulle feste nelle residenze di Berlusconi nella capitale secondo diversi quotidiani. Le feste sarebbero in particolare quelle avvenute nel Castello di Tor Crescenza. Ancora non sarebbe stato aperto formalmente alcun fascicolo ma, sempre secondo notizie di stampa, sarebbe imminente l'arrivo a Roma di documenti contenuti nel fascicolo dell'inchiesta aperta a Milano sul caso Ruby. PROCURA DI ROMA- "Non abbiamo ricevuto alcun atto dalla Procura di Milano. Non ho parlato con il collega Edmondo Bruti Liberati". E' quanto ribadisce il procuratore capo di Roma, Giovanni Ferrara, smentendo "nel modo più chiaro" qualsiasi contatto con i colleghi di Milano in merito ad atti su presunte feste avvenute a Roma, e in particolare nel castello di Tor Crescenza, e a cui avrebbe preso parte il presidente del consiglio Silvio Berlusconi. Da ambienti giudiziari di piazzale Clodio, si ribadisce che sul tema non verrà diffusa alcuna nota.


Diritti & DOVeri

Altro

l’

quotidiano

mercoledì 16 febbraio 2011

4

PreVidenZa Commercio

Chi è considerabile “coadiutore familiare” Vorrei esser chiarito un argomento sul quale non coincidono le mie idee con quelle di mio fratello, titolare di un’azienda commerciale. Si tratta di questo: quali persone possono essere considerate “coadiutori familiari” se vengono inserite nell’attività descritta? P. Rossi, Savona La normativa che riguarda l’assicurazione obbligatoria dei commercianti è esplicita. Sono da considerare, rispetto al titolare, coadiutori familiari i seguenti soggetti: 1) il coniuge; 2) i figli legittimi, legittimati, adottivi ed affiliati; 3) i figli naturali legalmente e giudizialmente riconosciuti; 4) i figli nati da precedente matrimonio dell'altro coniuge; 5) i minori regolarmente affidati; 6) i nipoti in linea diretta e in linea collaterale (figli di fratelli e sorelle); 7) i fratelli e le sorelle; 8) gli ascendenti (genitori, nonni) e gli equiparati ai genitori (adottanti, affilianti, genitori naturali di figli legalmente riconosciuti ecc.); 9) gli affini entro il terzo grado.

Commercialisti

Niente versamenti volontari

Ho 51 anni e sono iscritto alla Cassa di previdenza dei Dottori Commercialisti dal 1988. Ho inoltre 30 mesi di iscrizione all’Inps per attività lavorativa dipendente presso un’azienda (anni 1985-87). Se interrompo l’attività, posso versare contributi volontari alla mia Cassa? Oppure, se riscattassi la laurea presso l’INPS, ne avrei dei benefici? C. Piras, Cagliari La

Cassa

dei

Dottori

risponde il dottor antonino niCoLo’

Potete inviargli i vostri quesiti direttamente all’indirizzo e-mail: toniconc@libero.it oppure potete telefonargli al numero 388 0554031 ogni giovedì dalle 15 alle 18

Lavoratore autonomo

La “finestra” un anno prima con la nuova normativa

Orizzontale e verticale Nelle sue risposte ai quesiti dei lettori, fa sovente riferimento al parttime orizzontale e verticale, puntualizzando la valenza ai fini dell’accredito contributivo e la misura della quota di pensione che vi è collegata. Poiché non ho ben chiaro il concetto delle due forme di part-time, gradirei che tornasse sull’argomento. Grazie. A. Fiore, Pomezia (Roma) Si parla di part-time orizzontale quando l’attività lavorativa è svolta in tutti i giorni della settimana per un numero di ore ridotto rispetto a quello normalmente previsto per il tempo pieno. Per part-

Entro quest’anno noi lavoratori di un’azienda meccanica, saremo proposti per l’indennità di mobilità in deroga. Vorremmo sapere quando si può fare ricorso ad essa e l’ammontare della prestazione. A. Lorusso, Altamura (Ba)

time verticale, invece, s’intende il lavoro svolto a tempo pieno solo in alcuni giorni della settimana.

Congedo parentale

tempi per la pensione

Lei maturerà i requisiti per la pensione di anzianità a luglio del 2011. Con la normativa antecedente il decreto legge del 31 maggio, convertito nella legge 122 del 30 luglio 2010, la sua finestra di uscita si sarebbe aperta il 1° gennaio 2013. Invece, dovrà attendere il 1° febbraio 2012. E’ stato abbastanza fortunato, dal momento che le toccherà attendere soltanto un mese in più.

Part-time

Diritto all’indennità e come si calcola

L’indennità di mobilità in deroga viene erogata esclusivamente a seguito di licenziamento. Essa è pari all'80% della retribuzione teorica lorda spettante. L'importo non può, però, superare un limite massimo mensile stabilito di anno in anno. La somma complessiva da erogare, da parte del’INPS, deve essere, inoltre, decurtata di un importo pari all'aliquota contributiva prevista a carico degli apprendisti (5.84%). Sulla prestazione compete anche l'assegno al nucleo familiare.

Sono un lavoratore autonomo, nato il 18-7-1951. Ho maturato, ad aprile 2010, 33 anni di contribuzione nell’apposita Gestione previdenziale, oltre a 5 anni di lavoro dipendente in Germania. Le chiedo cortesemente quando potrò andare in pensione. C. Marciano, Foggia

Commercialisti non prevede l’istituto dei versamenti volontari, per cui la sua è un’ipotesi da scartare. Valida è invece l’idea di riscattare la laurea presso l’Inps, perché si assicurerebbe la possibilità di una pensione con la totalizzazione dei contributi versati presso i due Enti. Inoltre, se necessario, potrà versare contributi volontari all’INPS, previa autorizzazione.

mobilità in deroga

Anche per chi svolge attività commerciale Mia moglie è titolare, da 6 anni, di un’attività commerciale che gestisce assieme ad una sorella. Il 15 novembre 2010 ha avuto la prima bambina e, pertanto, ha chiesto all’Inps il pagamento dell’indennità di maternità. Vorrebbe, finita tale prestazione a febbraio 2011, poter fruire dello stesso congedo parentale di cui godono le lavoratrici dipendenti. E’ possibile? Quale sarebbe l’importo della nuova indennità? Grazie. B. Montorsi, Modena Sì, è possibile. Per il congedo parentale, il pagamento dell’indennità, da parte dell’Inps, è pari al 30% della retribuzione convenzionale ed è subordinato alla dichiarazione, che l’interessata deve rendere, della sua effettiva interruzione dell’attività, circostanza che invece non è richiesta per i 5 mesi collegati al congedo di maternità.

Quarant’anni più diciotto mesi

Sono nato nel marzo 1956 e ho versato 10 anni di contributi come coadiutore nell’impresa commerciale di mio padre. Alla sua morte ho accettato un lavoro alle dipendenze di un’altra azienda e come tale sono stati versati in mio favore altri 24 anni di contributi (alla data del 31 maggio 2010). Quando potrò smettere di lavorare ed ottenere la pensione? F. Cino, Roma La prima possibilità di uscita dal lavoro le si presenterà quando avrà raggiunto i 40 anni di contributi, per i quali non è prevista anche un’età minima. Ma il pagamento della pensione avverrà con 18 mesi di ritardo, per effetto delle disposizioni emanate lo scorso luglio, con la legge 122 e della presenza, nella sua contribuzione, dei 10 anni di lavoro autonomo.


Altro

l’

ribalte

quotidiano

mercoledì 16 febbraio 2011

5

Festival di Sanremo Al via con staffetta tra la Clerici e Morandi morandi e la Canalis ballano il twist in basso: Giusy Ferreri e La Clerici con la figlia

La Tatangelo e Anna Oxa prime vittime della giuria SERVIzIO AnSA Anna Oxa con 'La mia anima d'uomo” e Anna Tatangelo con 'Bastardo', sono le prime due canzoni eliminate dalla giuria demoscopica. Parteciperanno al ripescaggio di giovedì sera. Come da copione Antonella Clerici ha aperto la prima serata del festival di Sanremo. Sul palco, insieme con la figlia Maelle, in abito lungo verde, ha raccontato alla piccola smarrita, la sua storia con il teatro Ariston, con un tono alla Topo Gigio, ricordando il rapporto con Paolo Bonolis. Poi le ha dedicato qualche verso di A te di Jovanotti e ha lanciato Gianni Morandi, che è entrato dalla platea, con giacca dello smoking glitter, baciando la moglie in prima fila. Saluto con la Clerici con un accenno di danza e poi il via al festival vero e propio con la coreografia di Daniel Ezralow e la nazionale italiana di ginnastica ritmica. Belen e Calalis “in ritardo”. Entrano in scena scendendo le scale per mano solo dopo un'ora, piccolo dialogo poi arrivano Luca e Paolo e poi Canalis presenta Max Pezzali. Tutti le aspettavano ma Belen ed Elisabetta sono entrate in scena dopo un'attesa che e' sembrata lunghissima: hanno fatto le scale con qualche incertezza, tenendosi per mano, Belen in abito lungo carta da zucchero, Elisabetta Canalis in lungo rosso. Breve dialogo di circostanza con

Morandi, poi hanno presentato Max Pezzali. Giusy Ferreri ha aperto la gara con 'Il mare immenso', un pezzo difficile che ha messo in evidenza tutti i limiti di controllo di emissione e di intonazione della ex

beniamina di X Factor. Bravi Luca e Paolo. Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu hanno debuttato sul palco dell' Ariston pagando lo scotto dell'emozione e affrontando il primo piccolo intoppo della diretta con la pubblicità che non partiva. Poi da bravi presentatori hanno lanciato Luca Barbarossa e Raquel Del Rosario: la loro 'Fino in fondo' con quell'insistito 'su su nel cielo giu' giù nel maré entra di diritto nella storia dei ritornelli assurdi del festival. Morandi eterno ragazzo. Morandi 'PierGianni' come Berlusconi. Luca e Paolo in una gag hanno creato una similitudine tra il conduttore del festival e il presidente del Consiglio giocando sulla voglia di essere un eterno ragazzo, sui capelli neri a dispetto dell'eta', sull'altezza, sul ruolo di presidente di una squadra di calcio, sulla passione per il canto e sul fatto che nella squadra 'decide sempre tutto lui'. Vecchioni emoziona. Roberto Vecchioni è una delle presenze nobili del cast: la sua 'Chiamami ancora amore' è non solo una delle più bella canzoni in gara ma ha anche il testo più bello tra i brani selezionati che Vecchioni canta con la sua inconfondibile intensità. Tatangelo in smoking 'Bastardo' è uno dei pezzi più improbabili di questo Sanremo: Anna Tatangelo lo ha cantato

con smoking che dovrebbe essere un omaggio ad Anna Oxa. 'Io confesso' è il passo d'addio dei La Crus ma anche uno dei momenti musicalmente più belli e originali del festival, un omaggio a Morricone e alla tradizione italiana anni '60. Anna Oxa scalmanata. Come previsto Anna Oxa non ha contenuto il suo furor espressivo trasformando 'La mia anima d'uomo” in un piccolo psicodramma musicale. Prima di lei erano saliti in scena Max Pezzali, con l'innocua 'Il mio secondo tempo', Davide Van De Sfroos ha fatto debuttare il dialetto laghe'e al festival con la gradevole 'Yanez', mentre Tricarico con 'Tre colori', la canzone scritta da Fausto Mesolella (sul palco al pianoforte)per lo Zecchino d'oro, si e' guadagnato una scenografia bianca rossa e verde. Battiato, un alieno. - Franco Battiato e' sicuramente una delle presenze piu' sorprendenti del festival: e' arrivato come special guest di Luca Madonia nel brano 'L'alieno'. Si e' ritagliato una presenza defilata, con un'entrata in scena sull'ultima strofa, cantata seduto al piano. I Moda' con Emma hanno pagato il loro tributo all'emozione, anche se hanno esibito tutta la loro grinta giovanile in 'Arrivera''. Malinconica la performance di Patty Pravo, sempre fuori tonalita' con 'Il vento e le rose'.


SU

to n E m LE P P

Altro

l’

quotidiano

CINEguida

another year regia: mike Leig con Jim Broadbent, Lesley manville, ruth Sheen, Peter Wight, oliver maltman Primavera, estate, autunno e inverno. La famiglia e l'amicizia. Amore e comfort. Gioia e dolore. Speranza e disperazione. Fraternità. La solitudine. Una nascita. Una morte. Il tempo passa... Quattro stagioni, un anno di vita di diversi personaggi che ruotano intorno a Gerri e Tom, una coppia felice cui la vita ha regalato tutto: loro figlio Joe, gli amici Mary e Ken, il fratello di Tom, Ronnie, e altri ancora. Ma se la vita dei due coniugi appare perfetta, lo stesso non si può dire per gli altri.

Una scena dal film “Biutiful” di cui è protagonista Javier Bardem (a destra)

Biutiful regia: alejandro González iñárritu con Javier Bardem, Blanca P o r t i l l o , r u b é n ochandiano, Félix Cubero, martina Garcia, manolo Solo Questa è la storia di un uomo in caduta libera. Sulla strada verso la redenzione, l'oscurità illumina la sua via. In comunicazione con la vita nell'aldilà, Uxbal è un eroe tragico e padre di due figli che sente il pericolo della morte, lotta contro una realtà corrotta e un destino che lavora contro di lui per perdonare, per amare e per sempre.

Burlesque regia: Steve antin con Kristen Bell, Christina aguilera, Cher, Stanley tucci, Eric dane Tess, ex ballerina e proprietaria di un teatro Burlesque, è costretta a combattere ogni giorno per tenere aperta la vecchia sala, affrontando problemi finanziari e artistici di

ogni genere. Con i membri della troupe sempre più occupati dai loro problemi personali e la minaccia di un ricco uomo d'affari che vorrebbe mettere le mani sull'immobile, la buona sorte sembra avere abbandonato di colpo Tess. nel frattempo, Ali, giovane ragazza di provincia in fuga del suo passato e assunta da Tess come cameriera s'innamora dell'arte del Burlesque e riesce ben presto a coronare il suo sogno di salire sul palco come ballerina.

Che bella giornata regia: Gennaro nunziante con Checco Zalone, nabiha akkari, ivano marescotti, rocco Papaleo, tullio Solenghi, annarita del Piano, Giustina Buonomo, Caparezza, michele alhaique, mehdi mahdloo, Luigi Luciano, anna

Bellato, Cinzia mascoli, Bruno Cesare armando, anis Gharbi Milano. Checco (Checco zalone), security di una misera discoteca della Brianza, a causa del pericolo di attentati che richiede misure straordinarie per i luoghi a rischio, si ritrova a lavorare come addetto alla sicurezza del Duomo di Milano. In poco tempo e grazie alle sue spiccate capacità intellettuali che provocano infiniti malintesi, Checco diventa la vera minaccia al patrimonio artistico italiano e presto ci si rende conto di non aver fatto un grande affare ad assumerlo. Ma Checco incontra Farah, una studentessa d'architettura che si finge francese e se ne innamora. Farah in realtà è araba ed è a Milano per portare a termine la sua personalissima vendetta.

Femmine contro maschi regia: Fausto Brizzi con Salvatore Ficarra, Valentino Picone, Francesca inaudi, Claudio Bisio, Serena autieri, Luciana Littizzetto, nancy Brilli, Emilio Solfrizzi, Luca Biagini, roberto angeletti, Wilma de angelis, armando de razza, Edoardo Cesari, rosabell Laurenti Sellers, matteo Urzia, Hassani Shapi, marta Zoffoli, Giuseppe Cederna, Paola Cortellesi, Fabio de Luigi In Femmine contro Maschi si intrecciano tre storie dedicate ai buffi difetti delle donne, intorno al tema generale della disperata ricerca dell'uomo

continua nelle pagine successive


CineGuiDa

Altro

l’

quotidiano

ii

miniCritiCHE dEi FiLm in ProGrammaZionE nELLE SaLE ideale. Qui si ritrovano tutti i personaggi di Maschi contro femmine, insieme ad alcuni, importanti, nuovi acquisti. nella prima, l'androloga Anna (Luciana Littizzetto) e il benzinaio Piero (Emilio Solfrizzi) sono alle prese con il noioso tran-tran di un matrimonio ventennale. Lei colta e affettuosa, lui ignorante e traditore. Quando un provvidenziale incidente fa perdere a Piero la memoria, Anna lo riformatta, cercando di trasformarlo nell'uomo perfetto. nella seconda storia, il bidello Rocco e l'impiegato Michele (Ficarra e Picone) suonano in una cover band dei Beatles. Rocco è osteggiato dalla compagna (Francesca Inaudi), maestra nella stessa scuola, mentre Michele, grazie ad una sapiente bugia, riesce a tenere all'oscuro sua moglie (Serena Autieri), una donna manager che crede che abbia smesso con la musica. nella terza storia, il chirurgo plastico Marcello Claudio Bisio) e l'impiegata Paola (nancy Brilli) sono una coppia divorziata da anni. I due fingono di essere una famiglia felice solo quando vanno a trovare la mamma di lui (Wilma De Angelis) ottantenne e malata di cuore. Quando un cardiologo diagnostica pochi giorni di vita alla nonna, quest'ultima chiede di poterli passare con la sua famiglia a casa loro.

Gianni e le donne regia: Gianni di Gregorio con Gianni di Gregorio, Valeria Bendoni, alfonso Santagata, Elisabetta Piccolomini, Valeria Cavalli, aylin Prandi, Kristina Cepraga, michelangelo Ciminale, teresa di Gregorio, Lilia Silvi, Gabriella Sborgi, Silvia Squizzato, Laura Squizzato Gianni, sessant'anni ben portati, è un uomo normale, diciamo così. Ha una natura mite e un'immensa capacità di sopportazione. E' al servizio di sua moglie che lavora e ha mille impegni, della figlia

che adora, del fidanzato della figlia, giovane nullafacente che si è piazzato in casa e che ormai lui ama come un figlio, del cane, del gatto. Dulcis in fundo, c'è sua madre, novantenne nobildonna decaduta, che si ostina a vivere nella vecchia villa alle porte di Roma facendo allegra finanza, con badanti che vanno e vengono. La sua vitarella scorre monotona fra commissioni, passeggiate con il cane e faccende domestiche, del resto è in baby pensione e di tempo ne ha fin troppo. Un giorno, l'amico Alfonso gli fa aprire gli occhi...

Hereafter regia:Clint Eastwood con matt damon, Cécile de France, Bryce dallas Howard, Jay mohr Hereafter, il nuovo film di Clint Eastwood è un thriller soprannaturale che vede protagoniste tre persone: George (Matt Damon) è un operaio americano che ha un rapporto speciale con l'aldilà, Marie (Cécile de France) una giornalista francese che ha avuto una esperienza tra la vita e la morte che ha sconvolto le sue certezze e Marcus (George McLaren e Frankie McLaren) uno studente londinese che ha perso la persona che gli era più vicina e cerca disperatamente delle risposte. Le loro storie finiranno con l'intrecciarsi, le loro vite verranno cambiate per sempre da quello che credono esista, o debba esistere, nell’altro mondo.

il discorso del re regia: tom Hooper con Colin Firth, Guy Pearce, Helena Bonham Carter, timothy Spall, Geoffrey rush Dopo la morte di suo padre Re Giorgio V (Michael Gambon) e l'abdicazione di suo fratello Edoardo VIII (Guy Pearce), Bertie (Colin Firth), che soffre da tutta la vita di una forma debilitante di bal-

buzie, viene incoronato Re Giorgio VI d'Inghilterra. Con il suo paese sull'orlo della II Guerra Mondiale e disperatamente bisognoso di un leader, sua moglie, Elisabetta (Helena Bonham Carter), la futura Regina Madre, organizza al marito un incontro con l'eccentrico logopedista Logue (Geoffrey Lionel Rush). Dopo un inizio burrascoso, i due si mettono alla ricerca di un tipo di trattamento non ortodosso, finendo col creare un legame indissolubile.

ll responsabile delle risorse umane regia: Eran riklis con mark ivanir, Gila almagor, Julian negulesco, irina Petrescu, Guri alfi Un attentato nel cuore di Gerusalemme. Tra le vittime, una donna senza documenti. Il cadavere resta all'obitorio per una settimana. Chi era Yulia? Cos'era venuta a cercare a Gerusalemme? L'azienda per la quale lavorava, che non si è accorta della sua assenza, viene accusata di «crudele mancanza di umanità» dalla stampa locale.Tocca al responsabile delle risorse umane rimediare al danno d'immagine. Ma la sua missione si trasforma in qualcosa di molto più importante: saper ritrovare dentro di sé le risorse umane più profonde per vincere la durezza del proprio cuore e ricominciare a vivere.

immaturi regia: Paolo Genovese con ambra angiolini, raoul Bova, ricky memphis, Luca Bizzarri, Barbora Bobulova, Paolo Kessisoglu, anita Caprioli, Giulia michelini, Luisa ranieri, alessandro tiberi, maurizio mattioli, Giovanna ralli Giorgio (Raoul Bova), Lorenzo (Ricky Memphis), Piero (Luca Bizzarri), Luisa (Barbora Bobulova), Virgilio (Paolo Kessisoglu),

Francesca (Ambra Angiolini): cosa hanno in comune questi trentottenni? Semplice, 20 anni fa erano compagni di scuola. Ma soprattutto erano amici, erano un gruppo. Poi è successo qualcosa e il gruppo si è frantumato. Ma tra poco torneranno ad esserlo, almeno per qualche giorno: il Ministero della Pubblica Istruzione ha annullato il loro esame di maturità e lo dovranno rifare. Pena l'annullamento di tutti i titoli successivamente conseguiti. E così li vedremo di nuovo insieme, come ai vecchi tempi, con qualche ruga di più e qualche capello di meno.

in carne e ossa regia: Christian angeli con alba rohrwacher, Luigi diberti, maddalena Crippa, In una villa decadente e solitaria, Edoardo e Alica, alle soglie del venticinquesimo anno di matrimonio, attendono l'arrivo di Francois, giovane e noto psichiatra, chiamato per fare una diagnosi su Viola, la loro figlia venticinquenne, che vive rasentando l'anoressia. La presenza dello psichiatra scatena a poco a poco una guerra familiare per la conquista della "preda": lo stesso Francois. E Viola, la più debole, potrà capovolgere a suo favore la sua condizione di sudditanza...

incontrerai l’uomo dei tuoi sogni regia: Woody allen con anthony Hopkins, Josh Brolin, naomi Watts, antonio Banderas, anna Friel, Freida Pinto, Ewen Bremner Le vicende di due coppie sposate - nella fattispecie quella formata da Alfie

continua nella pagina successiva


GuiDaCinema

Altro

l’

quotidiano

iii

miniCritiCHE dEi FiLm in ProGrammaZionE nELLE SaLE (Anthony Hopkins) e Helena (Gemma Jones), e quella della figlia Sally (naomi Watts) e di suo marito Roy (Josh Brolin), mentre passioni, ambizioni e ansie causano un crescendo di guai e follie. Dopo essere stata lasciata da Alfie - che se ne è andato per inseguire la perduta giovinezza e una ragazza di nome Charmaine (Lucy Punch) Helena mette da parte la razionalità e si affida ciecamente ai bislacchi consigli di una cartomante ciarlatana. Dal canto suo Sally, intrappolata in un matrimonio infelice, si prende una cotta per l'affascinate proprietario della galleria d'arte - nonché suo capo - Greg (Antonio Banderas), mentre suo marito Roy, uno scrittore che attende con ansia una risposta dalla sua casa editrice, resta folgorato da Dia (Freida Pinto).

into Paradiso regi: Paola randi con Gianfelice imparato, Peppe Servillo, Saman anthony, Eloma ran Janz, Gianni Ferreri, Shatzi mosca Alfonso è uno scienziato napoletano, timido e impacciato, che ha appena perso il lavoro. Gayan è un affascinante ex campione di cricket srilankese che non ha più un soldo, è appena arrivato a napoli ed è convinto di trovare il Paradiso. Alfonso ha passato tutta la vita a studiare la migrazione delle cellule e a guardare telenovelas con la madre. Gayan ha viaggiato, ha conosciuto fama, gloria e denaro. Cosa c’entrano questi due uomini l’uno con l’altro? Com’è possibile che due persone tanto diverse vengano a contatto e le rispettive vite si leghino in modo indissolubile l’una all’altra? In una napoli multietnica, s’intrecciano i destini di Alfonso e Gayan, che si ritrovano a condividere giocoforza una catapecchia eretta abusivamente su un tetto di un palazzo nel cuore del quartiere srilankese

della città.

Jackass 3d regia: Jeff tremaine con Johnny Knoxville, Bam margera, Steve-o, Chris Pontius, ryan dunn, Jason acuna, Preston Lacy, dave England, Ehren mcGhehey, John taylor, Edward Barba La banda di spericolati stuntmen, composta da Johnny Knoxville, Bam Margera e Steve-O, ritorna sugli schermi con nuovi e ridicoli stunt e incredibili scherzi.

La bellezza del somaro regia: Sergio Castellitto con Sergio Castellitto, Barbora Bobulova, Laura morante, Lola Ponce, Gianfelice imparato, marco Giallini, Emanuela Grimalda, Enzo Jannacci, Lidia Vitale, Erika Blanc, nina torresi Durante uno spensierato weekend con gli amici nella casa di campagna in Toscana, Marcello (Sergio Castellitto), e Marina (Laura Morante), sollevati dal fatto che la storia di Rosa con un suo coetaneo, sia finita, si preparano a conoscere il nuovo amore della figlia, ma non sanno ancora cosa (e chi) li aspetta...Il film è tratto da un racconto di Margaret Mazzantini (moglie di Castellitto).

La donna della mia vita regia: Luca Lucini con Luca argentero, alessandro Gassman, Valentina Lodovini, Stefania Sandrelli, Giorgio Colangeli, Sonia Bergamasco, Lella Costa, Gaia Bermani amaral, Franco Branciaroli Il film racconta la storia di due fratelli molto diversi tra loro, Leonardo (Argentero) e Giorgio (Gassman). Tanto il primo è affidabile e sensibile, quanto il secondo è incostan-

te e donnaiolo. E tuttavia i due sono sempre stati uniti. Almeno fino al giorno in cui Giorgio scopre che la nuova fidanzata del fratello non è altri che Sara (Lodovini), con la quale ha avuto una delle sue turbolenti relazioni extraconiugali. Spetterà, quindi, alla madre Alba (Sandrelli) ripristinare l’ordine familiare e lo farà non senza sorprese e colpi di scena che provocheranno un grande scompiglio.

maschi contro femmine regia: Fausto Brizzi con Paola Cortellesi, Fabio de Luigi, Sarah Felberbaum, Chiara Francini, Lucia ocone, Francesco Pannofino, alessandro Preziosi, Paolo ruffini, Carla Signoris, nicolas Vaporidis, Giorgia Wurth, Claudio Bisio, nancy Brilli, Giuseppe Cederna, Luciana Littizzetto, Emilio Solfrizzi E’ una commedia che ruota intorno al tema del conflitto tra uomini e donne. Walter (Fabio De Luigi) e Monica (Lucia Ocone) sono una giovane coppia alle prese con il primo figlio. Come molti nella loro situazione, hanno completamente sospeso le loro interazioni sessuali. Chiara (Paola Cortellesi) e Diego (Alessandro Preziosi) sono due vicini di casa. Sono come il giorno e la notte. Marta (Chiara Francini) e Andrea (nicolas Vaporidis) sono due migliori amici che condividono uno sgangherato appartamento. Marta è lesbica, Andrea è etero, entrambi sono appena stati lasciati sotto lo sguardo divertito del terzo inquilino. nelle rocambolesche avventure quotidiane dei nostri protagonisti incontriamo gli amici di sempre Marcello (Claudio Bisio) un chirurgo plastico, Piero (Emilio Solfrizzi) un benzinaio divertente e un po' volgare e Anna (Luciana Littizzetto).

Qualunquemente regia: Giulio manfredonia con antonio albanese, Sergio rubini, Lorenza indovina, nicola rignanese, davide Giordano, Luigi maria Burruano, alfonso Postiglione, Veronica da Silva Perché Cetto La Qualunque torna in Italia dopo una lunga latitanza all'estero? E' stata una sua scelta? O qualcuno trama nell'ombra? Con lui rientrano anche una bella ragazza di colore ed un bambina di cui non riesce a ricordare il nome: la sua nuova famiglia. Al ritorno in patria Cetto ritrova il fidato braccio destro Pino e la famiglia di origine: la moglie Carmen e il figlio Melo. Ovviamente far convivere il tutto non sarà facile. I suoi vecchi amici lo informano che le sue proprietà sono minacciate da una inarrestabile ondata di legalità che sta invadendo la loro cittadina.

the social network regia: david Fincher con Jesse Eisenberg, andrew Garfield, Brenda Song, Justin timberlake, armie Hammer, max minghella, In una sera d'autunno del 2003, lo studente di Harvard Mark zuckerberg, un genio dell'informatica, siede al suo computer e inizia con passione a lavorare ad una nuova idea. Passando con furore tra blog e linguaggi di programmazione, quello che prende vita nella sua stanza diventerà ben presto una rete sociale globale che rivoluzionerà la comunicazione. In soli sei anni e con 500 milioni di amici, Mark zuckerberg è il più giovane miliardario della storia...ma per lui il successo porterà anche complicazioni sia personali, sia legali.


16febbraio2011  

16febbraio2011

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you